Connettiti con Renovato 21

Predazione degli organi

Ricerca: «raccogliere sangue e parti del corpo dei giovani» potrebbe aiutare a raggiungere l’«immortalità»

Pubblicato

il

 

 

Una nuova ricerca scientifica dell’Università di Stanford  rivela che «raccogliere il sangue e le parti del corpo dei giovani nella speranza di raggiungere l’immortalità» non è più solo un  «tropo nei romanzi horror», ma una realtà verosimile. Lo riporta il quotidiano britannico Telegraph.

 

La ricerca di Stanford – università culla del transumanismo – mostra che «l’infusione di liquido cerebrospinale di topi giovani in topi vecchi migliora la funzione cerebrale», aprendo la porta ad applicazioni simili per gli esseri umani.

 

Il team californiano ha infuso fluido da topi di 10 settimane nel cervello di topi di 18 mesi per sette giorni e ha scoperto che i topi più anziani erano più bravi a ricordare di associare una piccola scossa elettrica a un rumore e a una luce lampeggiante.

 

Un esame più attento ha mostrato che il fluido aveva «risvegliato» processi che rigenerano i neuroni e la mielina, il materiale grasso che protegge le cellule nervose all’interno dell’ippocampo, il centro della memoria del cervello.

 

Lo studio mostra che lo stesso processo potrebbe essere applicato alla ricerca sull’invecchiamento e che «gli esperimenti stanno persino dimostrando che il sangue giovane stesso può invertire il processo di invecchiamento, forse anche curando il morbo di Alzheimer».

 

Summit News ricorda come sia esistita da tempo una élite transumanista che raccoglie materiale biologico dai giovani nel tentativo di perseguire l’estensione della vita: «L’ex dittatore nordcoreano Kim Jong-il si faceva regolarmente iniettare sangue prelevato da giovani vergini sane nella convinzione che lo avrebbe aiutato a vivere più a lungo».

 

L’articolo del Telegraph osserva che «La raccolta del sangue e delle parti del corpo dei giovani nella speranza di raggiungere l’immortalità è stata a lungo un tropo familiare nei romanzi dell’orrore e nelle teorie del complotto».

 

L’idea dell’esistenza di una casta cannibale o vampiresca è sempre meno qualcosa su cui scherzare. Il mese scorso ha fatto scalpore l’ammissione della bellissima attrice di Hollywood Megan Fox, che ha dichiarato di consumare sangue umano «in occasioni rituali».

 

 

A inizio anno, era emerso come Jeff Bezos, patron di Amazon a lungo uomo più ricco del pianeta, abbia investito diversi milioni per radunare un team di scienziati du spicco con il fine di sviluppare una tecnologia in grado di rallentare l’invecchiamento, o portare all’immortalità vera e propria.

 

La questione dell’efficacia di trasfusione di sangue giovane e ogni anno che passa sempre meno in discussione, con startup americane che vi si sono dedicate con successo, servendo vari miliardari di Big Tech.

 

l processo, chiamato parabiosi, è offerto da diverse startup e ha già diversi clienti nel mondo finanziario e tecnologico della Silicon Valley. La startup Ambrosia, ha venduto «trasfusioni di sangue per giovani» dal 2016 per  8.000 dollari usando il pretesto di condurre una sperimentazione clinica. Ad agosto 2017, avevano aderito 600 persone. Un’altra azienda, Alkahest, è stata fondata sulla base degli studi sui roditori di Stanford. Dal 2017 sta collaborando con l’azienda farmaceutica europea Grifols per creare un farmaco biologico sperimentale a base di plasma sanguigno che si propone di testare su persone con Alzheimer.

 

La serie televisiva Silicon Valley in un episodio, ne ha offerto la parodia, mostrando gli apparecchi per le trasfusioni e l’esistenza dei cosiddetti «blood boy», ragazzi appena ventenni che devono seguire diete ferree per servire da banche di sangue per gli eccentrici miliardari.

 

 

 

Un mondo abituato ai trapianti – ossia alla predazione degli organi – è giocoforza pronto ad accettare, previo passaggio per la finestra di Overton, anche l’uso di organi giovanili a vantaggio dei corpi dei membri delle élite secondo la filosofia utilitarista che orami impregna la società, lo Stato e tutto il mondo moderno.

 

Il film Never Let Me Go (2010), tratto dal romanzo di Kazuo Ishiguro Non lasciarmi, illustrava in modo disperato e struggente come ciò potrebbe essere possibile: tranquillamente permettere che un gruppo di persone giovani sia predato degli organi, e ancora peggio, vedere come costoro lo facciano con rassegnazione e quasi con entusiasmo.

 

Continua a leggere

Predazione degli organi

Prigionieri come donatori di organi: la proposta dei politici democratici del Massachusetts

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Il Massachusetts è uno stato in cui il conservatorismo va a morire, quindi è stato sorprendente leggere un disegno di legge nella sua legislatura per pagare effettivamente i prigionieri per la donazione dei loro organi.

 

Poiché le carceri sono luoghi in cui alle persone è impedito di dare un consenso informato e libero, la donazione di organi da detenuti è probabilmente coercitiva e chiaramente dubbia dal punto di vista etico.

 

Ma questo è ciò che il disegno di legge HD.3822 propone:

 

«Il programma di donazione di midollo osseo e di organi consentirà alle persone detenute idonee di ottenere una riduzione non inferiore a 60 e non superiore a 365 giorni della durata della loro pena commessa nelle strutture del Dipartimento penitenziario … a condizione che l’individuo incarcerato abbia donato midollo osseo o un organo o degli organi».

 

Il disegno di legge è sponsorizzato da cinque democratici alla Camera dei rappresentanti dello Stato. Non sembra esserci alcuna nota esplicativa.

 

Un blogger anti-prigioni è stato feroce nella sua critica al disegno di legge:

 

«Personalmente penso che il suo sostegno dovrebbe squalificare immediatamente chiunque dal detenere qualsiasi potere. Se i detenuti vogliono donare organi, midollo o sangue, dovrebbero assolutamente essere in grado di farlo, ma legarlo a una pena ridotta significa che ora consideriamo l’espianto di organi come una punizione accettabile all’interno del nostro cosiddetto sistema giudiziario, come la prigione tempo (non meno di due mesi e non più di un anno), o le multe che alcune persone sono in grado di pagare al posto del carcere».

 

«Questo è il tipo di robo che ho visto in spettacoli di fantascienza distopici e grintosi come Killjoys o Lexx. È il genere di cose che la gente dice che faccia la Cina, quando vuole sventolare il fatto che la “Terra dei liberi” rinchiude una percentuale molto più ampia della sua popolazione».

 

Uno degli sponsor del disegno di legge Judith Garcia, ha spiegato su Twitter che «quasi 5.000 residenti del Massachusetts sono attualmente in attesa di trapianti di organi» e il disegno di legge «restituirebbe l’autonomia corporea alle persone incarcerate fornendo l’opportunità di donare organi e midollo osseo».

 

Un abolizionista della polizia ha twittato : «Immagina di proporre che le persone incarcerate scambino parti letterali del loro corpo per il tempo libero dalla loro condanna, e pensare di essere il bravo ragazzo».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Il Canada è leader mondiale nell’eutanasia per la donazione di organi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21. Ricordiamo che la posizione di Renovatio 21 sull’industria dei trapianti è che essa debba chiamarsi con il suo vero nome, cioè predazione degli organi. Il trapianto a cuor battente è omicidio per squartamento, è la Necrocultura che uccide l’indifeso negli ospedali ogni giorno. Renovatio 21 aveva riportato degli esperimenti di «resurrezione» sui suini ai fini di predazione d’organo alcuni mesi fa.

 

 

 

Il Canada ha legalizzato l’eutanasia nel 2016, molto dopo Belgio e Paesi Bassi, ma è già il leader mondiale nell’eutanasia per la donazione di organi.

 

Un sondaggio sulla pratica in tutto il mondo dell’American Journal of Transplantation ha rilevato che fino al 2021, la donazione di organi dopo l’eutanasia (ODE) era stata eseguita 286 volte in Canada, Paesi Bassi, Spagna e Belgio. Ciò includeva otto casi di ODE da casa (ODEH). Ci sono stati 136 casi in Canada, 86 nei Paesi Bassi, 57 in Belgio e 7 in Spagna. In totale, sono stati donati 1131 organi a 837 pazienti riceventi.

 

Queste cifre includevano il 2020 e il 2021, quando i trapianti di organi sono diminuiti a causa del COVID. Quindi ci si può aspettare che le cifre per il 2022 e il 2023 aumentino, forse bruscamente.

 

Sebbene l’ODE possa essere legale in questi Paesi, i governi non sembrano essere entusiasti. «Le leggi attuali non vietano l’ODE, ma non ne accennano nemmeno, e gli organi regolatori si limitano a fare affermazioni prudenti, come “L’interruzione volontaria della vita mediante eutanasia non preclude necessariamente la donazione di organi e tessuti”». Oppure, per l’ODEH, «Il comitato considera la procedura in linea di principio come una via percorribile, a condizione che non impedisca un’accurata determinazione della morte».

 

Tuttavia, molte organizzazioni per il diritto alla morte, gruppi di lobby dei pazienti, singoli pazienti e organizzazioni per la distribuzione di organi sono apertamente di supporto.

 

(…)

 

Arthur Schafer, esperto di etica presso l’Università di Manitoba, ha dichiarato a VOA di essere lieto di vedere il Canada in prima linea. «Sono stato piuttosto orgoglioso di apprendere che ai pazienti canadesi che ricevono assistenza medica nella morte è stata data l’opportunità di fare qualcosa di moralmente significativo dalla loro morte, scegliendo di dare la vita attraverso i loro organi ad altri pazienti».

 

Nicole Scheidl, di Physicians for Life con sede a Ottawa, tuttavia, ha dichiarato di essere rimasta scioccata dalle cifre. «Mina davvero il quadro della donazione di organi in questo Paese».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Offerta la morte assistita a paralimpica canadese: «disposti ad aiutarmi a morire, ma non ad aiutarmi a vivere»

Pubblicato

il

Da

Il ministro canadese per gli affari dei veterani, Lawrence MacAulay, ha testimoniato il 24 novembre a una commissione parlamentare che il suo dipartimento aveva scoperto quattro casi di assistenza medica in caso di morte (MAID) offerti ai veterani durante un’indagine interna in seguito alla segnalazione della questione nell’estate del 2021.

 

Invece di aiutare un veterano dell’esercito canadese ed ex paralimpico a installare finalmente un sollevatore per sedie a rotelle nella sua casa, un membro dello staff del Veterans Affairs Canada (VAC) ha offerto alla donna un’opzione diversa: l’assistenza medica in caso di morte (MAID).

 

Il caporale dell’esercito in pensione Christine Gauthier, che ha riportato gravi ferite durante un incidente di addestramento nel 1989, ha cercato di far montare la rampa per cinque anni, ma senza successo. Quando la Gauthier «scioccata e disperata» ha offerto un resoconto dettagliato del suo peggioramento delle condizioni a un assistente sociale del VAC, secondo quanto riferito la persona ha detto: «beh, sai che possiamo aiutarla con la morte assistita ora, se lo desidera».

 

«Ero solo scioccata perché ero tipo, «dice sul serio?» Così facile, mi aiuterete a morire ma non mi aiuterete a vivere?» ha dichiarato alla Camera dei Comuni il 1° dicembre la paraplegica, che ha gareggiato per il Canada come paracanoista alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro del 2016 e agli Invictus Games.

 

La donna ha aggiunto di aver espresso le sue preoccupazioni sull’offerta di morte assistita in una lettera al primo ministro canadese Justin Trudeau e al ministro per gli affari dei veterani Lawrence MacAulay.

 

Veterans Affairs sta esaminando la questione «molto seriamente», ha detto venerdì un portavoce di MacAulay.

 

«I nostri dipendenti non hanno alcun ruolo o mandato per raccomandarlo o aumentarlo. Le considerazioni per MAID sono oggetto di discussioni tra un paziente ei suoi fornitori di cure primarie per determinare l’adeguatezza in ogni singolo contesto», ha sottolineato l’addetto stampa dell’ufficio di MacAulay in una dichiarazione ai media.

 

Il primo ministro canadese Justin Trudeau è intervenuto sul rapporto, in particolare perché sembrava seguire altri incidenti simili. Ha detto che il governo «seguirà le indagini» alla luce dell’episodio «assolutamente inaccettabile» con la Gauthier.

 

Il primo ministro ha affermato che i protocolli saranno rivisti per garantire «ciò che dovrebbe sembrare ovvio a tutti noi: che non è il posto di Veterans Affairs Canada, che dovrebbe essere lì per sostenere quelle persone che si sono fatte avanti per servire il loro Paese, per offrire loro assistenza medica in punto di morte».

 

La scorsa estate, i media canadesi hanno riferito per la prima volta di un caso in cui un veterano è stato presumibilmente spinto da un assistente sociale per gli affari dei veterani a considerare la morte assistita dal punto di vista medico. Ciò aveva spinto Lawrence MacAulay a ordinare un’indagine interna, che ha scoperto quattro di questi casi avvenuti tra il 2019 e il maggio 2022, e tutti presumibilmente portati allo stesso membro del personale.

 

Durante la sua testimonianza di giovedì, il ministro dei veterani ha affermato che i casi legati al suddetto assistente sociale erano stati deferiti alla Royal Canadian Mounted Police (RCMP).

 

«Se qualcuno dei veterani in questione sta guardando o ascoltando in questo momento, mi dispiace. Mi dispiace che tu abbia dovuto sopportare queste terribili interazioni e stiamo facendo tutto il possibile per garantire che ciò non accada mai più», ha dichiarato MacAulay il 24 novembre.

 

Il suicidio assistito è l’atto di aiutare deliberatamente un’altra persona a uccidersi. Come noto, il Parlamento del Canada ha approvato una legislazione federale nel giugno 2016 che consente agli adulti canadesi idonei di richiedere assistenza medica in caso di morte.

 

Nel 2021, la legge è stata ampliata per offrire l’opzione ai pazienti con condizioni e disabilità fisiche croniche, «gravi e irrimediabili» anche se non sono malati terminali e la cui morte naturale «non è ritenuta imminente».

 

Il Canada – uno dei 12 paesi, insieme a un certo numero di Stati USA, in cui la morte assistita è consentita a determinate condizioni qualificanti – ha registrato 31.664 morti assistite a dicembre 2021.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’eutanasia sta attraversando in Canada un processo di normalizzazione impressionante. Il prossimo passo, lungamente annunciato, parrebbe essere la legalizzazione dell’eutanasia per persone con malattie mentali.

 

C’è poi il caso dell’attivista ecologista Howard Breen, 68 anni, che ha chiesto l’eutanasia per l’ansia che gli sta provocando il cambiamento climatico.

 

Due anni fa fu ventilata l’opzione della dolce morte per i pazienti delle case di cura canadesi estenuati dal lockdown. Di recente si è registrato anche episodi di richiesta di eutanasia per povertà – un uomo ha lamentato pressioni affinché lo Stato canadese lo eutanatizzi, visto che non si può permettere di pagare le sue cure.

 

In un altro caso, un cittadino ha chiesto lui di essere ucciso con la MAiD in quanto temeva di diventare senzatetto.

 

I medici del Quebec stanno invece sostenendo l’eutanasia per i neonati – cioè quello che neolingua orwelliana dell’ora presente può anche chiamarsi «aborto post-natale». I bambini più grandicelli, a cui invece, per il momento, è stato concesso di vivere, possono fare uso di libri colorati riguardo l’eutanasia.

 

Una famosa ditta di pronto moda è arrivata a fare un costoso spot, pieno di effetti speciali e di atmosfere poetiche ed oniriche, per giustificare l’eutanasia anche di una ragazza giovane malata.

 

Tre anni fa Renovatio 21 riportava questa significativa statistica: il Canada è leader mondiale della donazione degli organi dopo la legalizzazione dell’eutanasia.

 

Significa che dopo che hanno iniettato loro il veleno per ucciderli, li squartano – quando ancora il cuore gli batte, cioè quando sono ancora vivi – per predarne gli organi.

 

Eccolo qui l’altruismo del mondo moderno. L’altruismo della società guidata dalla Necrocultura è l’offerta al prossimo di morte e squartamento.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari