Pesticidi, ormoni e crollo degli spermatozoi: l’umanità si estinguerà tra pochi anni?

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Non è un segreto che Bill Gates e i sostenitori dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite siano anche devoti promotori dell’eugenetica umana, il «diradamento del gregge umano» come disse una volta il misantropo principe Filippo britannico. Alcuni come Joachim Schnellnhuber, consigliere per il clima del Papa, accolgono apertamente l’idea di una popolazione umana inferiore a un miliardo definindola «sostenibile». Ora sta emergendo una seria ricerca che ritiene che uno dei più efficaci riduttori della popolazione umana viene diffuso dalla cosiddetta «moderna agricoltura scientifica» attraverso l’uso selezionato di prodotti chimici per l’agricoltura tossici, pesticidi ritenuti sicuri che sono tutt’altro che sicuri.

 

 

Il numero di spermatozoi maschili nei paesi industriali occidentali, inclusi l’UE e gli Stati Uniti, sta diminuendo a un ritmo drammatico: negli ultimi quattro decenni è diminuito del 50% o più

Secondo un nuovo libro della dott.ssa Shanna Shaw, Count Down, il numero di spermatozoi maschili nei paesi industriali occidentali, inclusi l’UE e gli Stati Uniti, sta diminuendo a un ritmo drammatico.

 

La Shaw stima che negli ultimi quattro decenni il numero medio di spermatozoi sia diminuito del 50% o più. In altre parole, un giovane maschio che oggi cerca di avere una famiglia ha solo la metà del numero di spermatozoi di suo nonno, metà delle possibilità di concepire.

 

Shaw stima che, a meno che le esposizioni a sostanze chimiche tossiche nell’agricoltura e nell’ambiente non vengano drammaticamente alterate, potremmo non avere la capacità di riprodurci naturalmente molto più a lungo e che entro il 2050 la maggior parte degli esseri umani nei paesi industriali, compresa la Cina, avrà bisogno di assistenza tecnologica per procreare.

Un giovane maschio che oggi cerca di avere una famiglia ha solo la metà del numero di spermatozoi di suo nonno, metà delle possibilità di concepire

 

Il libro di Shaw è un’ulteriore elaborazione di un documento scientifico peer-reviewed del 2017 pubblicato da Shaw e colleghi. Nel documento, Shaw ha analizzato attentamente un totale di 244 stime della concentrazione dello sperma e del numero totale di spermatozoi (TSC) da 185 studi su 42.935 uomini che hanno fornito campioni di sperma nel 1973-2011.

 

Quello che hanno scoperto è stato estremamente allarmante.

 

Ma al di là di alcuni titoli dei media, non è risultato alcun cambiamento di conseguenza, poiché le potenti società agrochimiche come Bayer-Monsanto, Syngenta, DowDuPont (ora Corteva) hanno fatto pressioni sui regolatori per ignorare i risultati.

A meno che le esposizioni a sostanze chimiche tossiche nell’agricoltura e nell’ambiente non vengano drammaticamente alterate, potremmo non avere la capacità di riprodurci naturalmente molto più a lungo e che entro il 2050 la maggior parte degli esseri umani nei paesi industriali, compresa la Cina, avrà bisogno di assistenza tecnologica per procreare

 

Shaw ha scoperto che «Tra gli studi occidentali non selezionati, la concentrazione media di spermatozoi è diminuita, in media, dell’1,4% all’anno con un calo complessivo del 52,4% tra il 1973 e il 2011»

 

Lo stesso gruppo di maschi ha avuto “«n calo medio del TSC medio dell’1,6% all’anno e un calo complessivo del 59,3%». Si tratta di un calo del numero di spermatozoi a partire da un decennio fa di oltre il 59% negli uomini, non selezionati dalla fertilità, dal Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda. E continua a diminuire di anno in anno.

 

A causa della mancanza di un serio supporto per nuovi studi, i dati aggiornati sono limitati. Quindici anni fa, oltre la metà dei potenziali donatori di sperma nella provincia di Hunan, in Cina, soddisfaceva gli standard di qualità. Ora, solo il 18% lo fa, un calo attribuito alle sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino secondo uno studio.

 

Un simile calo del numero di spermatozoi è stato registrato dai ricercatori di Taiwan, così come un risultato simile per Israele.

 

«Tra gli studi occidentali non selezionati, la concentrazione media di spermatozoi è diminuita, in media, dell’1,4% all’anno con un calo complessivo del 52,4% tra il 1973 e il 2011

Shaw conclude, «la salute riproduttiva maschile, non solo la qualità dello sperma, tra l’altro, è in difficoltà, e questo ha conseguenze, non solo per la capacità di avere un figlio, ma ha anche un impatto sulla salute dell’uomo».

 

Cita come esempi, «basso numero di spermatozoi, infertilità, cancro ai testicoli e vari difetti generali. Uno di questi è il criptorchidismo, un altro è una condizione in cui l’apertura dell’uretra non è dove dovrebbe essere… »

 

 

Perturbatori endocrini

Shaw, oggi con la Icahn School of Medicine al Mount Sinai a New York, ritiene che la causa sia da ricercare nell’enorme aumento delle esposizioni chimiche tossiche negli ultimi decenni, in particolare di sostanze chimiche note come «interferenti endocrini» o interferenti ormonali.

 

La causa sia da ricercare nell’enorme aumento delle esposizioni chimiche tossiche negli ultimi decenni, in particolare di sostanze chimiche note come «interferenti endocrini» o interferenti ormonali

Indica «sostanze chimiche che rendono la plastica morbida, che sono ftalati, o sostanze chimiche che rendono la plastica dura come il bisfenolo A, o sostanze chimiche che sono ritardanti di fiamma, sostanze chimiche che sono in teflon e così via, pesticidi …»

 

L’ultimo, i pesticidi, è il gruppo che dovrebbe far suonare forti campanelli d’allarme perché è stato dimostrato che entrano nelle acque sotterranee e nella catena alimentare umana.

 

Oggi i due pesticidi più utilizzati al mondo sono il Roundup di Bayer-Monsanto contenente il probabile cancerogeno, il glifosato e l’azatrina prodotti da Syngenta, che oggi è di proprietà di ChemChina.

 

 

«Sostanze chimiche che rendono la plastica morbida, che sono ftalati, o sostanze chimiche che rendono la plastica dura come il bisfenolo A, o sostanze chimiche che sono ritardanti di fiamma, sostanze chimiche che sono in teflon e così via, pesticidi …»

Effetti dell’atrazina

Nel 2010 un rinomato scienziato dell’Università della California, a Berkeley, Tyrone B. Hayes, professore di biologia integrata, ha condotto un importante studio sugli effetti dell’esposizione all’atrazina per le rane.

 

Il professor Hayes ha scoperto che il pesticida, ampiamente utilizzato nelle colture di mais e nella canna da zucchero degli Stati Uniti, distrugge le vite sessuali delle rane maschi adulti, evirandone tre quarti e trasformandone una su 10 in femmine.

 

«A queste rane maschi manca il testosterone e tutte le cose che il testosterone controlla, compreso lo sperma».

 

L’atrazina, un pesticida, ampiamente utilizzato nelle colture di mais e nella canna da zucchero degli Stati Uniti, distrugge le vite sessuali delle rane maschi adulti, evirandone tre quarti e trasformandone una su 10 in femmine

Inoltre Hayes ha osservato che il 10% delle rane esposte all’atrazina che «si trasformano da maschi in femmine – cosa che non è nota verificarsi in condizioni naturali negli anfibi – può accoppiarsi con successo con rane maschi ma, poiché queste femmine sono geneticamente maschi, tutta la loro prole è maschile».

 

«Credo che la preponderanza delle prove dimostri che l’atrazina è un rischio per la fauna selvatica e gli esseri umani» dichiara Hayes.

 

L’atrazina è un potente distruttore endocrino. L’atrazina è anche il secondo erbicida più utilizzato negli Stati Uniti dietro il prodotto a base di glifosato della Monsanto, Roundup.

 

Nonostante le prove, in una sentenza controversa la US Environmental Protection Agency, nel 2007 ha stabilito che «l’atrazina non influisce negativamente sullo sviluppo sessuale degli anfibi e che non erano necessari ulteriori test». Fine della storia? Difficilmente. Ma nel 2004 l’UE ha vietato l’atrazina dicendo che Syngenta non è riuscita a dimostrare la sua sicurezza nell’acqua potabile.

 

«A queste rane maschi manca il testosterone e tutte le cose che il testosterone controlla, compreso lo sperma»

Un altro prodotto chimico per l’agricoltura che è stato determinato per essere un distruttore endocrino è il Roundup di Monsanto con glifosato.

 

Il Roundup è il pesticida più utilizzato al mondo, in oltre 140 paesi, tra cui Russia e Cina. Il suo utilizzo su colture OGM statunitensi è esploso negli ultimi anni poiché quasi il 90% del mais statunitense è OGM e una percentuale simile e di semi di soia. Tra il 1996, quando il mais e la soia OGM Monsanto sono stati autorizzati negli Stati Uniti, e il 2017, l’esposizione degli americani alla sostanza chimica è cresciuta del 500%. È stato testato nell’acqua potabile, nei cereali nei negozi e nelle urine di donne incinte. Quasi tutta la carne e il pollame sono saturi di glifosato proveniente dai mangimi animali.

 

Un recente studio condotto in Australia da ricercatori della Flinders University ha scoperto che Roundup ha ucciso le cellule che producono progesterone nelle donne, causando un calo dei loro livelli.

 

Tra il 1996, quando il mais e la soia OGM Monsanto sono stati autorizzati negli Stati Uniti, e il 2017, l’esposizione degli americani al glifosato è cresciuta del 500%. È stato testato nell’acqua potabile, nei cereali nei negozi e nelle urine di donne incinte. Quasi tutta la carne e il pollame sono saturi di glifosato proveniente dai mangimi animali

Il glifosato e il Roundup sono stati «collegati a difetti alla nascita, problemi riproduttivi e malattie del fegato, ed è stato dimostrato che hanno il potenziale per danneggiare il DNA del cordone ombelicale umano, delle cellule placentari ed embrionali”».

 

Nel 2015 gli scienziati in Nigeria hanno esaminato gli effetti dell’esposizione combinata sia al glifosato che all’atrazina sui ratti. Hanno scoperto che la combinazione era anche peggiore con effetti sullo sperma, sulla sintesi del testosterone e sugli organi riproduttivi maschili.

 

Nel 2016 il gigante chimico statale cinese, ChemChina, ha acquistato Syngenta per la colossale cifra di 43 miliardi di dollari. All’epoca ChemChina aveva i diritti di distribuzione in Cina e in altri paesi asiatici anche per Monsanto Roundup. Sul sito di ChemChina elenca l’atrazina tra gli erbicidi che vende, definendolo un «erbicida sicuro ed efficiente per i campi di mais…» ChemChina è anche il principale produttore di glifosato per il mercato agricolo cinese.

 

Oggi la Cina sta affrontando, per sua stessa ammissione, una grave crisi agricola e sta anche lottando per trovare modi per garantire la sicurezza alimentare. I rapporti indicano che un ruolo maggiore per le colture OGM con brevetti cinesi sarà una parte centrale di un nuovo piano quinquennale che significherebbe senza dubbio l’uso di glifosato e atrazina.

 

Il glifosato e il Roundup sono stati «collegati a difetti alla nascita, problemi riproduttivi e malattie del fegato, ed è stato dimostrato che hanno il potenziale per danneggiare il DNA del cordone ombelicale umano, delle cellule placentari ed embrionali”»

Allo stesso tempo, lo Stato è sempre più allarmato per il calo del tasso di natalità che non è migliorato nonostante le allentamenti sulla politica del figlio unico.

 

Con gli agricoltori cinesi che utilizzano quantità significative di pesticidi chimici tra cui il glifosato e l’atrazina per migliorare i raccolti, stanno perseguendo una combinazione disastrosa che non solo non risolverà la crescente crisi alimentare, ma potrebbe anche distruggere il potenziale riproduttivo di una parte importante dei suoi 890 milioni di zone rurali. popolazione, così come innumerevoli milioni di cittadini urbani.

 

Questi pericolosi prodotti agrochimici che alterano il sistema endocrino sono consentiti in tutto il mondo a causa dell’ignoranza burocratica dei danni causati da glifosati, atrazina e altri interferenti endocrini sulla riproduzione umana? È solo a causa dell’avidità aziendale di iperprofitti che esistono?

Questi pericolosi prodotti agrochimici che alterano il sistema endocrino sono consentiti in tutto il mondo a causa dell’ignoranza burocratica dei danni causati da glifosati, atrazina e altri interferenti endocrini sulla riproduzione umana? È solo a causa dell’avidità aziendale di iperprofitti che esistono?

 

Una citazione del 1975 di Henry Kissinger, autore del documento eugenetico NSSM-200 durante l’era Nixon-Ford è istruttiva: «Lo spopolamento dovrebbe essere la massima priorità della politica estera verso il Terzo Mondo, perché l’economia statunitense richiederà grandi e crescenti quantità di minerali dall’estero, soprattutto dai paesi meno sviluppati ».

 

E una citazione da Bill Gates: «Il mondo oggi ha 6,8 miliardi di persone… che sono diretti a circa 9 miliardi. Se facciamo davvero un ottimo lavoro sui vaccini, l’assistenza sanitaria, i servizi di salute riproduttiva, potremmo ridurlo forse del 10-15%».

 

O il grande vecchio mastino dell’eugenetica, il principe Filippo: «Devo confessare che sono tentato di chiedere la reincarnazione come virus particolarmente mortale » aveva scritto il Principe Filippo nella sua prefazione a If I Were an Animal (Regno Unito, Robin Clark Ltd., 1986).

 

Stiamo rapidamente estinguendo la specie umana mentre continuiamo a ignorare i pericoli di queste tossine per le forme di vita umane e altre.

Bill Gates: «Il mondo oggi ha 6,8 miliardi di persone… che sono diretti a circa 9 miliardi. Se facciamo davvero un ottimo lavoro sui vaccini, l’assistenza sanitaria, i servizi di salute riproduttiva, potremmo ridurlo forse del 10-15%»

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl