Connettiti con Renovato 21

Protesta

Patuanelli ignorato dal suo governo per i semi cinesi. Ma tra poco incontra i triestini

Pubblicato

il

 

La Cina – e Patuanelli – stoppati dal governo Draghi, di cui lo stesso Patuanelli è ministro.

 

Secondo il quotidiano La Verità, il ministero delle Politiche agricole guidato dal grillino Stefano Patuanelli «aveva dato il suo benestare» all’«acquisizione del capitale sociale della società Verisem BV da parte del colosso Syngentacrop protection AG».

 

L’acquisizione di Verisem, società controllata da una società lussemburghese, riguarderebbe anche cinque società di diritto italiano controllate da Verisem.

 

Syngenta invece è una società di diritto svizzero ma controllata dal colosso cinese ChemChina, il megagruppo che si comprò Pirelli, il cui capo è Ning Gaoning, un imprenditore già membro della Commissione centrale per l’ispezione disciplinare del Partito Comunista Cinese.

 

Il quotidiano milanese scrive che il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza italiano – cioè il coordinamento dei servizi segreti interni ed esteri AISI e AISE – aveva «rilevato il carattere critico dell’operazione».

 

Tuttavia, il ministero di Patuanelli aveva invece «dato il suo benestare, sostenendo fondamentalmente che l’entità delle aziende di diritto italiano coinvolte risultava tutto sommato di modesta dimensione», aggiungendo che Syngenta aveva «assunto degli impegni stringenti e significativi», come la non delocalizzazione, motivo per cui si rinunciava all’esercizio del golden power, ossia al maggior peso delle decisioni dello Stato in aziende in cui magari esso non detiene la maggioranza.

 

Le motivazioni del sì del dicastero patuanelliano all’avanzata cinese nel capitale di Verisem «non hanno tuttavia evidentemente convinto il governo: lo scorso 20 ottobre, su proposta del ministero dello sviluppo economico , il Consiglio dei ministri ha infatti deliberato l’esercizio del potere di veto sull’operazione»

Syngenta, nata dalla fusione delle divisioni agrochimiche di AstraZeneca e Novartis, come ricorda il sito GreenMe.it, è una «multinazionale produttrice di OGM» che nel 2015 «è stata dichiarata legalmente responsabile» nel caso che ha portato alla morte di Valmir de Oliveira, contadino brasiliano conosciuto come Keno». Si tratta di schermaglie del 2007 tra «guardie armate» e campesinos che «avevano protestato contro gli esperimenti illegali sugli OGM condotti da Syngenta».

 

«La vicenda risale al 21 ottobre 2007, quando un gruppo armato formato da circa 40 uomini provenienti dalla società di sicurezza privata NF attaccò il campo in cui Syngenta stava sperimentando coltivazioni transgeniche nella località di Santa Tereza do Oreste. Il campo era stato occupato da circa 150 membri di Via Campesina».

 

Il giudice stabilì che Syngenta doveva risarcire la famiglia di Keno, ucciso nell’attentato, e anche Isabel Nascimento dos Santos, che era rimasta ferita nell’attacco.

 

Insomma, una multinazionale OGM contro i contadini terzomondisti: si tratta, decisamente, di un’utopia grillina, un quadro paradisiaco che sicuramente portano nel cuore tutti coloro che hanno votato M5S. La mossa Patuanelli potrebbe far capire quanto sia forte il legame degli eletti pentastellati con gli ideali umanitari-ambientalisti del loro antico elettorato.

 

Ma torniamo al caso presente: le motivazioni del sì del dicastero patuanelliano all’avanzata cinese nel capitale di Verisem «non hanno tuttavia evidentemente convinto il governo: lo scorso 20 ottobre, su proposta del ministero dello sviluppo economico , il Consiglio dei ministri ha infatti deliberato l’esercizio del potere di veto sull’operazione».

 

In pratica il governo ha stato cestinato il lavoro di Patuanelli che dava ai cinesi semaforo verde ( per la scalata alle sementi europee

In pratica il governo ha stato cestinato il lavoro di Patuanelli che dava ai cinesi semaforo verde un verde, diciamo, OGM) per la scalata alle sementi europee.

 

Il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro ricorda l’importanza politica e geopolitica di questo piccolo episodio di scavallamento ministeriale: c’è un’ala filoatlantica nel governo (Draghi, Giorgetti, Guerini), mentre «nel Movimento 5 stelle continua  (…) a registrarsi un approccio piuttosto morbido nei confronti della Repubblica popolare» cinese. Quest’ultima frase pone una serie candidatura al Premio eufemismo dell’anno 2021.

 

ChemChina, è inoltre ricordato, l’anno scorso era stata inclusa in una blacklist del Dipartimento della Difesa USA che aveva come bersaglio le società legate all’Esercito Popolare di Liberazione. Qualche lettore ricorderà il caso difficilissimo di Huawei, risoltosi da pochi giorni con una liberazione incrociata di ostaggi tra il Canada (che evidentemente agiva per conto degli USA, non si sa quanto volentieri) e Pechino.

 

La storia tuttavia ha un’altro risvolto politico interessante: dobbiamo pensare che a parlare con i vertici della protesta di Trieste – vertici di cosa, non si capisce, perché tra comunicati, dimissioni, creazione di nuovi coordinamenti non si capisce chi sia l’interlocutore – il governo ci ha mandato proprio il ministro che ha scavalcato di recente, il Patuanello.

 

Se poi si realizzava la potenza della combo rifilata, «sabato più Patuanelli», si poteva capire che la proposta equipollente che poteva offrire il governo poteva essere «cena romantica con Mariangela Fantozzi»

Già si era capito che proporre il ministro dell’Agricoltura poteva far pensare che vogliano trattare la protesta no-green pass come vegetali o animali, come bestiame.

 

Poi, l’idea di dare l’appuntamento al sabato, lasciava pensare che alla protesta non si dava tutta questa importanza, in settimana ci sono cose più importanti da fare… (cosa non così vera, visto che TG e social parlano delle strade in entrata a Trieste con i posti di blocco).

 

Se poi si realizzava la potenza della combo rifilata, «sabato più Patuanelli», si poteva capire che la proposta equipollente che poteva offrire il governo poteva essere «cena romantica con Mariangela Fantozzi». A Palazzo Chigi, al ministero degli Interni, forse qualcuno sta veramente ghignando per lo scherzetto sparato sui barbari no vax.

 

Ma non è finita.

 

Mentre scriviamo queste righe, un comunicato avverte che l’incontro con Patuanelli a Trieste avverrà alle 9 di mattina. Ad occhio e croce, non ci saranno quindi le piazze urlanti, un po’ perché sarà materialmente difficile arrivare da fuori Trieste a quell’ora, un po’ perché è presto e il sabato la gente vuole dormire.

 

Un’idea di quanto possa servire questa tanto agognata oretta col ministro, in realtà, ce l’abbiamo già. E ce la ha anche Draghi

Patuanelli, se è già arrivato a Trieste, poi, non crediamo abbia trovato contestazioni di sorta, visto che la manifestazione (autorizzata di oggi) è stata annullata, e Piazza Unità d’Italia, come da desiderio di chi ha invitato a «stare a casa», è rimasta deserta.  E considerate pure che il ministro è triestino…

 

Nel comunicato si dice che alle 11 verrà comunicato in conferenza stampa in piazza quanto sarà discusso col Patuanelli in un incontro «riservato».

 

Vabbè, noi un’idea di quanto possa servire questa tanto agognata oretta col ministro agricolo, in realtà, ce l’abbiamo già. E ce la ha anche Draghi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Protesta

Protesta pandemica, scontri a Bruxelles

Pubblicato

il

Da

Il 5 dicembre nella capitale del Beglio e dell’Unione Europea la situazione è stata tesissima.

 

La polizia in tenuta antisommossa  ha caricato i manifestanti, che sono stati colpiti anche con gli immancabili idranti.

 


Il corteo di migliaia e migliaia di persone aveva in testa pompieri e personale sanitario che si oppongono all’obbligo vaccinale e alle restrizioni pandemiche.

 

 


I pompieri sarebbero stati ripresi anche in un alterco cinetico con la polizia

 

Barricate, fuoco, blindati, cellulari della polizia attaccati nel tentativo di recuperare persone arrestate.

 

 

Un tentativo di fare irruzione nel gabinetto Vandenbroucke, il segretariato del vice-primo ministro

 


Lacrimogeni, scene che sembrano una guerriglia di qualche Paese lontano.

 

 

Anche nella capitale UE – come a Rotterdam, a Lipsia, in Guadalupa, a Milano – la situazione pare sfuggire di mano. A tutti.

 

 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Protesta

Milano, protesta e repressione. Immagini sempre più disperate

Pubblicato

il

Da

 

Sabato di protesta a Milano. In un crescendo inarrestabile, le immagini che arrivano da Piazza Duomo sono sempre più disperate.

 

Gruppi sempre più sparuti di manifestanti, oramai indistinguibili dai turisti e dai milanesi impegnati in struscio e shopping.

 

Agenti di carabinieri e polizia in tenuta antisommossa a profusione. Scudi, caschi, armature, manganelli.

 

Squadre di ragazzotti in borghese, alti e bassi, con e senza mascherina.  Pronti ad agguantare tutti, uomini e donne, giovani e anziani.

 

Persone che vengono «identificate», bloccate, portate via.

 

Ragazze che vengono portate via gridando «aiuto… aiuto… non ho fatto niente».

 

Spintoni, gente che si sdraia a terra. Gente che viene portata via di forza. A tratti, sembrano tante piccole risse, alterchi esplosi d’improvviso per motivi incomprensibili allo spettatori. Tutti finiscono però a senso unico.

 

 

 

Abbiamo perso la voglia di commentare.

 

 

 

Immagini video di Local Team

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Protesta

Isole Salomone, la protesta dà fuoco al Parlamento e a Chinatown. L’Australia manda le truppe

Pubblicato

il

Da

La violenza scuote la capitale delle Isole Salomone (uno Stato insulare del Sud Pacifico) da vari giorni nonostante il lockdown, con i manifestanti che hanno preso di mira il quartiere cinese locale.

 

I leader locali che stanno subendo la protesta hanno speso parole di fuoco per condannare i disordini, che sono però oramai fuori controllo.

 

L’Australia, a cui il premier salomonese ha chiesto aiuto, ha quindi dichiarato che avrebbe inviato truppe per sedare i disordini.

 

L’Australia, a cui il premier salomonese ha chiesto aiuto, ha dichiarato che avrebbe inviato truppe per sedare i disordini 

Il fumo si è alzato sulla capitale Honiara giovedì, un giorno dopo che i manifestanti che chiedevano le dimissioni del primo ministro hanno dato fuoco al Parlamento e a molti altri edifici.

 

 

Le crescenti rivolte, alimentate dalle rimostranze interne sulle priorità di sviluppo e dalla decisione del Paese di trasferire il riconoscimento diplomatico da Taiwan alla Cina, hanno portato il primo ministro Manasseh Sogavare a chiedere aiuto alla vicina Australia. Il suo omologo australiano si è quindi impegnato a inviare circa 120 soldati e agenti di polizia per mantenere la pace.

 

«Il nostro scopo qui è fornire stabilità e sicurezza per consentire i normali processi costituzionali nelle Isole Salomone», ha detto il premier australiano Scott Morrison in una conferenza stampa giovedì. «Non è in alcun modo intenzione del governo australiano intervenire negli affari interni delle Isole Salomone. Questo sta a loro da risolvere».

 

 

 

Morrison ha detto che due dozzine di agenti di polizia australiani erano diretti a Honiara, dove presto sarebbero stati raggiunti da più di 40 soldati e 50 poliziotti aggiuntivi. Il dispiegamento, secondo quando detto, sarebbe «una questione di settimane».

 

In un discorso nazionale alla fine di mercoledì, Sogavare ha definito i disordini un «triste e sfortunato evento volto a far cadere un governo democraticamente eletto» e ha annunciato un lockdown di 36 ore a Honiara.

 

 

«Centinaia di cittadini hanno preso la legge nelle loro mani», ha detto, sostenendo di essere stati «sviati da alcune persone senza scrupoli» di cui non ha fatto il nome ma che ha detto che avrebbero «affrontato il peso totale della legge».

 

Molti dei manifestanti sono giunti a Honiara, sull’isola di Guadalcanal, da Malaita, l’isola più popolosa della nazione arcipelagica del Pacifico meridionale, a circa 1.000 miglia a nord-est dell’Australia.

 

Le tensioni sono ribollite tra le due isole da quando il governo nazionale ha cambiato alleanza diplomatica da Taiwan alla Cina nel 2019

Le tensioni sono ribollite tra le due isole da quando il governo nazionale ha cambiato alleanza diplomatica da Taiwan alla Cina nel 2019, una mossa osteggiata dal premier di Malaita, Daniel Suidani, che ha affermato che sarebbe stata offerta una tangente per sostenere il passaggio. Sogavare ha negato l’accusa.

 

 


Suidani ha promesso che Malaita non si sarebbe mai impegnata con Pechino e ha revocato le licenze delle imprese di proprietà di etnia cinese, attirando un rimprovero dal governo nazionale. Le tensioni sono aumentate a maggio quando Suidani ha cercato cure mediche a Taiwan, un viaggio che il governo ha definito «non autorizzato».

 

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha dichiarato giovedì che la Cina ha prestato grande attenzione agli sviluppi nelle Salomone e ha sostenuto gli sforzi del governo per fermare la violenza. Qualsiasi tentativo di interrompere le relazioni tra la Cina e le Isole Salomone sarebbe inutile, ha affermato. Pechino, che rivendica Taiwan come suo territorio, ha eliminato i restanti partner diplomatici di Taipei dall’elezione di Tsai Ing-wen a presidente nel 2016.

 

 


Martedì, i membri del Parlamento di Malaita hanno rilasciato una dichiarazione esprimendo paura per le proteste pianificate a Honiara e invitando Suidani a «richiamare il nostro popolo, i nostri fratelli e figli dal compiere azioni così potenzialmente pericolose e violente».

 

Suidani ha affermato che le proteste, alle quali non ha partecipato, sono state il risultato del governo che ha ignorato le preoccupazioni della gente su questioni come il cambio diplomatico e i progetti infrastrutturali.

 

«Qualunque cosa il governo voglia che la gente sappia, deve alzarsi e dirglielo» ha dichiarato mercoledì al Guardian. «Non possono scappare dai problemi. Non risolverà nulla».

 

 


Centinaia di manifestanti hanno iniziato a radunarsi davanti al palazzo del Parlamento nazionale mercoledì mattina, gridando a Sogavare di dimettersi, secondo i video pubblicati online dai giornalisti locali.

 

A mezzogiorno, si poteva vedere il fumo provenire da una capanna d’erba vicino al Parlamento, dove a volte si radunano i legislatori.

 

Ben presto, la capanna è stata avvolta dalle fiamme. Poi una stazione di polizia e diversi edifici a Chinatown, tra cui almeno un negozio di proprietà cinese, sono stati dati alle fiamme.

 

 


Come riportato da Renovatio 21, la partita nel Pacifico è oggi caldissima.

 

La tensione tra Cina e USA (alleati di Australia e Taiwan) si gioca tra ridde di incrociatori, test di armi ipersoniche, nonché sommergibili.

 

I sommergibili venduti da USA e UK a Canberra, che ha stracciato malo modo un contratto con i francesi, sono al centro di una nuova intesa chiamata AUKUS volta ovviamente al contenimento della Cina.

 

Il vertice degli eventi sarà la guerra a Taiwan, che secondo Taipei potrebbe avvenire con un’invasione da parte di Pechino prevista per il 2025.

 

L’escalation in corso può portare senza dubbio ad una vera guerra nucleare sul teatro del Pacifico.

 

Quanto all’Australia, il Paese divenuto simbolo dell’incubo-lockdown, sta utilizzando i militari per il contenimento pandemico della sua stessa popolazione da mesi.

 

È stato reso noto in settimane che nello Stato australiano dei Territori del Nord l’esercito ha ora iniziato a trasferire i positivi al COVID in appositi «campi di quarantena» dove concentrare gli infetti.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari