Nuove morti per Ebola in Africa occidentale: «situazione epidemica»

 

 

 

La Guinea ha confermato le sue prime morti per Ebola dal 2016 mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sostiene di essere pronta a combattere il nuovo focolaio dichiarato africano.

 

Almeno tre persone sono morte a causa della malattia mortale con un’altra mezza dozzina di persone risultate positive. Domenica la National Health Security Agency della Guinea ha definito il nuovo focolaio una «situazione epidemica».

Almeno tre persone sono morte a causa della malattia mortale con un’altra mezza dozzina di persone risultate positive

 

I funzionari sanitari stanno ora cercando di risalire alle origini del nuovo focolaio, isolando le persone che hanno avuto contatti con gli infetti. Finora hanno ristretto un possibile centro epidemico a un funerale a cui hanno partecipato molti.

 

Come riporta l’agenzia Reuters, «I sette pazienti si sono ammalati di diarrea, vomito e sanguinamento dopo aver assistito a una sepoltura nella sottoprefettura di Goueke. Quelli ancora vivi sono stati isolati nei centri di cura, ha detto il ministero della salute».

 

L’Ebola può uccidere rapidamente e dolorosamente e si ritiene che si diffonda attraverso i fluidi corporei

L’Ebola può uccidere rapidamente e dolorosamente e si ritiene che si diffonda attraverso i fluidi corporei. C’è un crescente allarme e panico dato che l’ultima epidemia in Africa occidentale è stata così mortale :

 

«L’epidemia di Ebola del 2013-2016 in Africa occidentale è iniziata a Nzerekore, la cui vicinanza a confini trafficati ha ostacolato gli sforzi per contenere il virus. Ha ucciso e almeno 11.300 persone con la stragrande maggioranza dei casi in Guinea, Liberia e Sierra Leone».

 

Casi sporadici sono comparsi in Africa centrale negli ultimi anni, ma attualmente i sistemi sanitari della Guinea e di altri Paesi regionali sono già sotto forte pressione a causa della pandemia di coronavirus. La Guinea ha quasi 15.000 casi di COVID-19 su un paese di circa 12 milioni, inclusi 84 decessi.

«L’epidemia di Ebola del 2013-2016 in Africa occidentale ha ucciso e almeno 11.300 persone

 

L’OMS ha rilasciato una dichiarazione del fine settimana sostenendo di star «intensificando la prontezza e gli sforzi di risposta a questa potenziale recrudescenza» del virus nella regione costiera dell’Africa occidentale, anche con il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus che ha annunciato sabato che ora si stanno conducendo «test di conferma» in la Regione.