Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Mascherine (e falsità) per tutti

Pubblicato

il

 

 

 

Le varie indicazioni legate alla prevenzione che si sono susseguite durante tutta l’emergenza COVID hanno subito continue variazioni, facendo certamente emergere la totale incapacità, da parte dei vari organismi di natura teoricamente scientifica — in primis l’OMS —, di comprendere il problema nei suoi punti chiave. 

 

È indubbio che per i virus sconosciuti occorra tempo, ma è altrettanto indubbio che quando ancora non si conosceva il virus  — e bene bene, a dire il vero, non lo si conosce nemmeno ora — la superficialità, nei vari apparati scientifici, ha fatto da padrona.

 

La superficialità, nei vari apparati scientifici, ha fatto da padrona

Tutti ricorderete il mitico spot del Ministero della Salute datato 7 febbraio e avente come testimonial il grandissimo Michele Mirabella, il quale ci suggeriva semplicemente, seduto ad un tavolo di un ristorante cinese, di lavarci bene le mani perché «non è affatto facile il contagio». 

 

Ipse dixit: dopo un paio di settimane saremmo diventati il Paese con più contagi al mondo, guinness mantenuto fino a non molto tempo fa. 

 

Senza contare le altre misure di prevenzione che ci sono state poi indicate, prima fra tutte per ordine di imposizione la clausura domestica senza poter uscire nemmeno di casa (mentre i casi di contagio continuavano ad aumentare all’interno di ospedali e di RSA senza che nessuno abbia mosso un dito in anticipo per evitarlo), arriviamo ad oggi, dove l’uso della mascherina è diventato  irrinunciabile, una di quelle cose per cui rischi di essere guardato male, malissimo, se non ti sottometti al diktat afatto passare come irrinunziabile per il solito culto al Moloch sanitario del «bene della collettività».

Il mitico spot del Ministero della Salute datato 7 febbraio e avente come testimonial il grandissimo Michele Mirabella, «non è affatto facile il contagio»: dopo un paio di settimane saremmo diventati il Paese con più contagi al mondo

 

Seppur il governo non abbia ancora esteso l’obbligo a tutto il Paese, le Regioni più colpite e che hanno deciso di riaprire prima le hanno rese obbligatorie a tutta la popolazione, finanche all’aperto con benevola e caritatevole eccezione per chi sta praticando jogging — ci sarebbe mancato anche quello, cioè l’asfissiamento obbligatorio per mandato regionale. 

 

Uno dei problemi però, aldilà degli obblighi, è la cultura della mascherina che si è associata all’obbligo di portarla: possiamo tranquillamente vedere persone, giovani, camminare da soli, andare in bicicletta da soli portando la mascherina.

 

Per non parlare di tutti coloro i quali, guidando senza alcun passeggero a bordo la propria automobile, indossano accuratamente la propria asfissiante maschera, chissà per quante ore al giorno e senza mai eventualmente cambiarla. Posta l’assurdità del portare la mascherina quando si è in macchina da soli, o a passeggio da soli e, ancor peggio, in bicicletta, dove il fisico e il respiro stesso è già di per sé sottoposto ad uno sforzo, in linea generale, a nostro avviso, il problema è ampliato a tutto ciò che obbliga l’utilizzo della mascherina all’aperto.

 

Che beneficio potrebbe avere una mascherina per chi cammina all’aria aperta senza entrare a contatto con posti particolarmente affollati o all’interno di spazi chiusi?

Aldilà del fatto che le linee guida e gli RCT (studio controllato randomizzato) ad oggi disponibili non convincano del tutto sulla bontà di tale pratica, è la stessa logica a doverci fare riflettere: che beneficio potrebbe avere una mascherina per chi cammina all’aria aperta senza entrare a contatto con posti particolarmente affollati o all’interno di spazi chiusi?

 

La logica, ma anche un banale ragionamento, suggerirebbero una sola risposta: a nulla. Il virus non si contrae camminando, non si contrae respirando aria allaperto, senza entrare a contatto con folle di persone. 

 

A questo proposito vale la pena prendere in considerazione un interessante studio redatto dal Dott. Alberto Donzelli, Medico, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva del Comitato Scientifico Fondazione Allineare Sanità e Salute, dal titolo «Mascherine “chirurgiche” in comunità/all’aperto: prove di efficacia e sicurezza inadeguate».

 

«Considerare le prove più valide oggi disponibili, rivalutando l’obbligo di mascherine all’aperto (…) ma evitando anche per quanto possibile usi prolungati/continuativi di mascherine all’aperto»

Nell’abstract il contributo del Dott. Donzelli mette subito in chiaro come l’obiettivo sia quello «di considerare le prove più valide oggi disponibili, rivalutando l’obbligo di mascherine all’aperto e le sue estensioni (senza discutere l’importanza di mantenere le distanze fisiche) e di attenersi alle raccomandazioni di usarle in spazi chiusi o se la distanza fisica non si può mantenere in modo continuativo, ma evitando anche per quanto possibile usi prolungati/continuativi di mascherine all’aperto».

 

Più avanti l’articolo si domanda: «a chi per primo spetta l’onere della prova (di efficacia e soprattutto di sicurezza)?», perché «qualcuno potrebbe obiettare che le prove per non obbligare all’uso di mascherine non sono ancora definitive». 

 

«È vero — prosegue — ma quelle per obbligare lo sono ancor meno. E comunque un principio cui non si dovrebbe derogare è che a chi emette una raccomandazione, o addirittura l’obbligo di una misura universale e intrusiva, spetta l’onere di esibire le prove di sicurezza (primum non nocere!), oltre che di efficacia, e di stabilire il beneficio netto complessivo per la comunità, prima di obbligare ad adottarla».

 

Esistono prove di efficacia per quanto concerne un uso prolungato delle mascherine all’aperto e per quei soggetti non addetti a mansioni sanitarie esposte a rischio infezione?

Proprio in queste ultime considerazioni crediamo si racchiuda il nocciolo essenziale della questione, o per meglio dire di ogni questione, in particolare sanitaria o legata alla sfera della salute personale, che implichi un obbligo: esistono prove di efficacia, di beneficio netto complessivo per la comunità e sopratutto di sicurezza per la popolazione, per quanto concerne un uso prolungato delle mascherine all’aperto e per quei soggetti non addetti a mansioni sanitarie esposte a rischio infezione?

 

La risposta rimane la stessa.

 

Ci sono invece evidenze riconosciute rispetto ai danni che le mascherine possono generare, come riporta anche attraverso una serie di punti l’articolo del Dott. Donzelli:

 

«I due potenziali effetti collaterali già riconosciuti sono:

 

  1. dare un falso senso di sicurezza e indurre a ridurre l’aderenza ad altre misure di controllo delle infezioni, tra cui il distanziamento sociale e il lavaggio delle mani. Ci sono prove da eleganti RCT15,16 dell’importanza di questo effetto, noto come “effetto licenza” o “risk compensation”.
  2. Uso inappropriato. Le persone devono: non toccare le maschere indossate, cambiare di frequente quelle monouso o lavarle con regolarità, smaltirle in modo corretto e adottare altre misure di gestione, altrimenti i rischi propri e altrui possono aumentare».

«Dare un falso senso di sicurezza e indurre a ridurre l’aderenza ad altre misure di controllo delle infezioni»

 

«Altri potenziali effetti collaterali da considerare sono:

 

  1. Qualità e volume della conversazione tra chi indossa maschere sono molto compromessi e le persone possono inconsciamente avvicinarsi. Si può essere addestrati a contrastare l’effetto n. 1, ma può essere più difficile affrontare questo effetto.
  2. Indossare una maschera facciale fa entrare l’aria espirata negli occhi. Ciò genera una sensazione spiacevole e un impulso a toccare gli occhi. Se le mani sono contaminate, ci si infetta.
  3. Le maschere facciali rendono la respirazione più difficile. Per persone con BPCO risultano spesso insopportabili perché peggiorano la dispnea.

 

«Le persone devono: non toccare le maschere indossate, cambiare di frequente quelle monouso (…) altrimenti i rischi propri e altrui possono aumentare»

Inoltre una frazione di CO2 espirata è inalata a ogni ciclo respiratorio. I due fenomeni aumentano frequenza e profondità della respirazione, quindi la quantità d’aria inalata ed espirata. Ciò può peggiorare la diffusione di Covid-19 se le persone infette che indossano maschere diffondono più aria contaminata. Ciò può anche peggiorare le condizioni cliniche degli infetti se la respirazione potenziata spinge la carica virale in profondità nei polmoni. 

 

NB: per riflettere su questo importante rischio si rimanda al primo modello teorico immunologico del Covid-19, che ne riporta una descrizione chiara e convincente.

«Ciò può anche peggiorare le condizioni cliniche degli infetti se la respirazione potenziata spinge la carica virale in profondità nei polmoni»

 

Gli effetti descritti al punto precedente sono amplificati se le maschere facciali sono molto contaminate (v. punto 2)

  1. Impedire la trasmissione interpersonale è la chiave per limitare l’epidemia, ma finora si è dato poco peso a quanto accade dopo che una trasmissione è avvenuta, quando l’immunità innata svolge un ruolo cruciale. Lo scopo principale della risposta immunitaria innata è prevenire subito la diffusione e il movimento di agenti patogeni estranei in tutto il corpo».

 

Questi punti sarebbero già sufficienti per convincerci che non abbiamo certezze sull’efficacia dell’obbligo della mascherina, ma di contro abbiamo invece ottime ragioni per credere che esso costituisca un danno per la salute, esponendoci inoltre irragionevolmente al rischio contagio.

 

«La mascherina obbliga a un continuo ricircolo respiratorio dei propri virus, aggiungendo la resistenza all’esalazione, con concreto rischio di spingere in profondità negli alveoli una carica virale elevata, che poteva essere sconfitta dalle difese innate se avesse impattato solo con le vie respiratorie superiori»

Ma l’articolo aggiunge un’osservazione importantissima:

 

«I soggetti infetti inconsapevoli, in cui l’emissione di virus è massima nei due giorni precedenti i sintomi (che potrebbero anche non comparire affatto!), la mascherina obbliga a un continuo ricircolo respiratorio dei propri virus, aggiungendo la resistenza all’esalazione, con concreto rischio di spingere in profondità negli alveoli una carica virale elevata, che poteva essere sconfitta dalle difese innate se avesse impattato solo con le vie respiratorie superiori, ben fornite di IgA e IgG già pronte. Per chi indossasse le mascherine molto a lungo, questo sembra un rischio assolutamente sproporzionato rispetto a quello di un contatto occasionale in strada/fuori casa con altri, che all’aperto in base alle attuali conoscenze non ha possibilità logiche né riconosciute di causare infezione».

 

Grazie al Cielo c’è ancora qualche medico molto preparato e qualche organismo ancora in grado di opporsi a chi presume di poter impartire lezioni e obblighi alla cieca, senza fornire evidenze e certezza di sicurezza rispetto a ciò che si impone in oltraggio alle abitudini e alle attitudini della popolazione. 

 

Forse però non tutto è perduto, e anche la gente inizia a svegliarsi: lo abbiamo visto a Salerno, dove la polizia municipale ha rischiato il pubblico linciaggio per aver fermato una signora senza mascherina, con la rivolta della popolazione, come si può vedere nel video rilanciato anche dall’Agenzia DIRE.

Il COVID-19 è stato un virus certamente letale e contagioso, il virus dell’Ignoranza sopra al quale verranno cavalcate tutte le future campagne di «informazione» e «prevenzione» farà un danno tre volte maggiore

 

Ancora però non è sufficiente. 

 

Pochi giorni fa, affacciandomi alla finestra di casa, ho visto un ragazzino che avrà avuto quindici anni in sella alla sua bicicletta, sotto il sole e in salita, con una bella mascherina “chirurgica” verde posizionata impeccabilmente su naso e bocca. 

 

Mi ha fatto tanta pena. 

 

Così come mi fa pena vedere quei tanti, troppi poveri bambini girare a piedi con i genitori rigorosamente mascherati.

Il virus dell’Ignoranza sopra al quale verranno cavalcate tutte le future campagne di «informazione» e «prevenzione» farà un danno tre volte maggiore e, soprattutto, incentrato su effetti collaterali a lungo termine, ovvero su tutte le generazioni che cresceranno sotto ad una maschera di falsità e di paure che difficilmente riusciranno a togliersi di dosso

 

Se il COVID-19 è stato un virus certamente letale e contagioso, il virus dell’Ignoranza sopra al quale verranno cavalcate tutte le future campagne di «informazione» e «prevenzione» farà un danno tre volte maggiore e, soprattutto, incentrato su effetti collaterali a lungo termine, ovvero su tutte le generazioni che cresceranno sotto ad una maschera di falsità e di paure che difficilmente riusciranno a togliersi di dosso.

 

O, quando lo faranno, se non interveniamo ora, sarà probabilmente troppo tardi.

 

 

Cristiano Lugli 

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

La pandemia ha rovinato la salute mentale dei bambini. Che non hanno dove andare

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Gli esperti medici di tutto il Paese affermano che la salute mentale dei bambini si è deteriorata durante la pandemia, con un gran numero di bambini che hanno occupato i letti nei pronto soccorso a causa della carenza di collocamenti, fornitori e risorse per combattere la crisi.

 

 

Dall’inizio della pandemia, gli ospedali pediatrici in tutto il paese hanno registrato un aumento «astronomico» del numero di bambini che necessitano di assistenza per la salute mentale.

 

A peggiorare le cose, gli ospedali che hanno faticato a soddisfare la domanda di servizi di salute mentale prima della pandemia ora si trovano a che fare con ancora meno risorse, come letti, fornitori, terapisti e consulenze, grazie al COVID.

 

La salute mentale tra i giovani si è deteriorata durante la pandemia quando i lockdown hanno aumentato i conflitti familiari e le scuole chiuse hanno lasciato i bambini isolati dalle attività e dai loro coetanei.

 

Una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin

Secondo il Washington Post, dal giugno dello scorso anno alla tarda primavera 2021, una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin.

 

Normalmente, l’ospedale vede solo cinque bambini al mese.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

 

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi», ha affermato Jenna Glover, direttrice della formazione psicologica presso il Children’s Hospital Colorado. «Non l’ho mai visto in tutta la mia carriera».

 

Altri ospedali hanno registrato aumenti ancora maggiori. A gennaio, il Wolfson Children’s Hospital di Jacksonville, in Florida, ha registrato un aumento del 300% del numero di ricoveri di emergenza sanitaria comportamentale da aprile 2020.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

Da gennaio ad aprile 2021, le visite del dipartimento di emergenza sanitaria comportamentale sono aumentate del 72% rispetto allo stesso periodo di due anni fa, ha affermato l’ospedale.

 

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

«Nell’ultimo anno, c’è stata una valanga di bambini e adolescenti fortemente depressi e ansiosi», ha detto la psichiatra infantile di San Francisco Michelle Guchereau. È «straziante» e «sconvolgente» dover voltare le spalle ad alcuni, ha detto.

 

Da aprile a ottobre 2020, gli ospedali statunitensi hanno registrato un aumento del 31% dei ragazzi dai 12 ai 17 anni in cerca di aiuto per la loro salute mentale e un aumento del 24% per i ragazzi dai 5 agli 11 anni.

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi»

 

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

 

Durante la pandemia, l’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago ha raggiunto quello che la dottoressa Jennifer Hoffmann, medico di medicina d’urgenza, ha definito un «punto di crisi». Ci sono state così tante visite al pronto soccorso legate alla salute mentale che ha attivato una risposta solitamente riservata alla gestione dei disastri.

 

«Consente il coordinamento al più alto livello di leadership per affrontare la crisi della salute mentale tra i bambini», ha affermato Hoffmann.

 

L’ospedale di Hoffmann doveva anche collocare i bambini nel pronto soccorso o ricoverarli in letti medici, dove a volte aspettavano giorni prima che fosse disponibile un letto in degenza psichiatrica.

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

Il Dr. John Walkup, presidente del Pritzker Department of Psychiatry and Behavioral Health presso l’ospedale, ha affermato che la pandemia ha esacerbato i problemi di accesso preesistenti.

 

«Negli Stati Uniti non abbiamo mai avuto un sistema di salute mentale adeguato per i bambini – mai – quindi prendi un sistema inadeguato per cominciare, e poi all’improvviso, metti i bambini che sono a rischio elevato… in una condizione molto difficile. E ora hai una crisi degli accessi», ha detto Walkup.

 

Molti dei bambini dell’ospedale di Walkup curati al pronto soccorso avevano un problema di salute mentale che non è mai stato diagnosticato o che è stato trattato in modo inadeguato prima della pandemia. Ora, quando cercano aiuto, non possono ottenere un appuntamento regolare con un terapeuta. Anche prima della pandemia, gli studi hanno dimostrato che a volte possono volerci mesi per ottenere un primo appuntamento.

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

«Quei ragazzi, quando togli la scuola, il sostegno familiare, il sostegno al reddito, il sostegno alimentare, il sostegno alla casa o perdono un parente, quei bambini diventano davvero sintomatici in grande stile», ha detto Walkup.

 

Zach Zaslow, direttore senior degli affari governativi presso il Children’s Hospital Colorado, ha affermato che il suo ospedale finisce per accogliere i bambini nel pronto soccorso o nell’unità di degenza, non perché sia il meglio per i bambini, ma perché «non c’è letteralmente nessun altro posto dove andare».

 

«A volte vengono trasferiti in strutture residenziali fuori dallo stato per ricevere le cure di cui hanno bisogno, il che divide le famiglie», ha raccontato Zaslow. «E può essere traumatizzante anche per i bambini».

 

 

Il Regno Unito sta vivendo una crisi simile

Il Regno Unito sta vivendo una simile crisi di salute mentale pediatrica, con un terzo dei letti ospedalieri di emergenza in alcune parti dell’Inghilterra ora occupati da bambini vulnerabili che non hanno bisogno di cure mediche urgenti ma non hanno nessun altro posto dove andare, affermano gli specialisti.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

 

La polizia è sempre più coinvolta nell’aiutare a trattenere i bambini, o a riportarli indietro quando scappano, e i pediatri si occupano di bambini vulnerabili che non sono malati fisicamente ma hanno mostrato comportamenti così difficili da non poter essere accuditi in altri luoghi.

 

 

Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno psichiatri

Secondo il Washington Post, il problema e i suoi effetti sono complessi.

 

Un articolo sull’Academic Pediatrics Journal ha esaminato gli ostacoli alla gestione dei problemi psicosociali dal 2004 al 2013, e ha scoperto che anche prima della pandemia i pediatri erano sopraffatti dalla cura dei bambini con problemi di salute mentale.

 

Gli psicologi hanno segnalato un aumento del 30% della domanda di servizi per i bambini sotto i 13 anni e un aumento del 16% per gli adolescenti. In un ospedale del Michigan, i ricoveri di adolescenti con disturbi alimentari sono più che raddoppiati durante la pandemia.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista

A partire dal 9 settembre, secondo i dati federali, più di 124 milioni di americani vivono in «aree con carenza professionale» per la salute mentale e il paese ha bisogno di almeno 6.500 professionisti in più per colmare le lacune.

 

Attualmente, negli Stati Uniti ci sono in media solo 9,75 psichiatri infantili ogni 100.000 bambini di età inferiore ai 19 anni. Lo scarso accesso a psichiatri infantili e adolescenziali è stato a lungo una preoccupazione sollevata da pediatri e famiglie. L’American Academy of Child and Adolescent Psychiatry ha affermato che abbiamo bisogno di più di quattro volte il numero attualmente disponibile.

 

I tempi di attesa per i nuovi appuntamenti possono essere di molti mesi e alle famiglie potrebbe essere richiesto di pagare di tasca propria o di percorrere lunghe distanze poiché gli psichiatri si trovano nelle grandi città. Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno nemmeno uno psichiatra.

 

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

Secondo il Guardian, le strutture che forniscono servizi di salute mentale per i bambini sono state sistematicamente indebolite e sottofinanziate dai successivi governi locali e nazionali, anche se i risultati positivi portano a una riduzione della domanda di servizi per adulti, che potrebbe far risparmiare notevoli spese al servizio sanitario nazionale del Regno Unito.

 

Coloro che hanno il potere di rivedere ed espandere il sistema di salute mentale semplicemente non lo stanno facendo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 9 settembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Il generale Figliuolo è indagato nel caso delle mascherine

Pubblicato

il

Da

 

 

Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza COVID-19 scelto da Mario Draghi, sarebbe indagato all’interno dell’inchiesta della Procura di Roma sul capo di Stato maggiore Enzo Vecciarelli. Lo riporta Il Fatto Quotidiano.

 

Il generale di Squadra Aerea Vecciarelli, secondo la sintesi di Affari Italiani, sarebbe «accusato di corruzione per l’esercizio della funzione».

 

Secondo le accuse iniziali, Vecciarelli nella sua veste di pubblico ufficiale si sarebbe messo a disposizione di una società fornitrice di mascherine e macchinari per la produzione e il confezionamento di mascherine, agevolando lo sdoganamento di 600mila mascherine alle Forze Armate, in cambio Vecciarelli avrebbe ricevuto per se e i suoi familiari utilità consistite “nella donazione di generi alimentari e di 58 capi di abbigliamento”. E nel capo di imputazione si citano: “Abiti sartoriali, cappotti, vestito da sposa, giacche, camice e divise”».

 

«L’iscrizione di Figliuolo è un atto dovuto, a sua tutela» scrive il Fatto.

 

Sull’inchiesta, chiamata Minerva, « si tiene il massimo riserbo: da quel poco che trapela il generale non è mai finito direttamente nelle intercettazioni, ma sarebbero altri a far riferimento a lui nell’ambito di circostanze che riguardano però un periodo precedente alla sua nomina da parte del governo Draghi» scrive Affari Italiani.

 

«Nelle prossime settimane, la Procura di Roma depositerà una richiesta di archiviazione, nel frattempo però il commissario risulta ancora iscritto» anticipa il giornale.

 

Il generale Figliuolo, originario di Potenza come il ministro Speranza e il ministro Lamorgese, è stato nominato il 1º marzo 2021  commissario straordinario per l’emergenza COVID-19 dal neopremier Mario Draghi. Il generale subentrò così al precedente commissario, nominato nel corso del governo Conte bis, Domenico Arcuri.

 

Come riporta l’agenzia Adnkronos, anche Arcuri è stato indagato dalla Procura di Roma per la fornitura di mascherine provenienti dalla Cina. Tuttavia, per l’accusa di corruzione, la procura ha chiesto l’archiviazione.

 

 

 

 

Immagine di Esercito Italiano via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.5 Generic (CC BY 2.5); immagine modificata con ritaglio e ridimensionamento.

 

Continua a leggere

Epidemie

Virus scappato dal laboratorio di Wuhan? Tutto OK. Come con la Mucca Pazza

Pubblicato

il

Da

 

Siamo arrivati alla fase in cui la fuga del virus del laboratorio non è più un tabù, né un’ipotesi ardita, né un’ipotesi in genere. È un accadimento sensato, sul quale quasi sbadigliare.

 

Il Corriere della sera manda in stampa un articolo che certifica che «Non sarebbe la prima né l’ultima volta. Nella storia della medicina si contano migliaia se non milioni di fughe di microrganismi dai laboratori». Insomma, i cinesi non hanno fatto niente di male. I misteri del laboratorio pandemico sono ordinaria amministrazione.

 

Un articolo del Corriere: i cinesi non hanno fatto in fondo niente di male. I misteri del laboratorio pandemico sono ordinaria amministrazione.

È l’idea che uno può farsi leggendo l’intervista ad un ex direttore del dipartimento di neuroscienze dell’Istituto Superiore di Sanità.

 

Lo scienziato ha lavorato a lungo sulla malattia Creutzfeldt-Jakob, della quale un variante, nel 2001 è diventata encefalopatia spongiforme bovina (BSE), è cioè la ben nota «mucca pazza»

 

Dopo mesi e mesi in cui chi parlava di fuga dal laboratorio veniva bollato come idiota da deridere o pericolo complottista da censurare, ora se ne può dire con estrema nonchalance: «Non stupirebbe trovare la prova che il SARS-CoV-2 sia uscito fuori inavvertitamente dal centro di Wuhan dove si studiano i coronavirus» dice l’esperto ex ISS.

 

«Nessuna misura di contenimento, anche la più sofisticata, può azzerare il rischio». Insomma, dai, poche storie: può capitare.

 

«Nei centri di ricerca, anche in quelli ad altissima sicurezza, i cosiddetti P3 e P4, non è impossibile che un agente patogeno contamini l’operatore. Nel caso del SARS-2 non è fantascienza ipotizzare che durante una procedura un tecnico abbia inalato le particelle infette emesse, tanto per fare un esempio, durante la fase di centrifugazione di materiale infetto e che le cappe, nonostante siano dotate di chiusura ermetica, non fossero state azionate».

 

Quindi, attenzione: magari il COVID è pure uscito dal laboratorio, ma badate bene che il Partito Comunista Cinese – tanto amico di certi politici ed élite industriali dell’Italia odierna – è innocente fino a prova contraria.

 

«Può darsi che l’episodio non fosse noto alle autorità»

«Può darsi che l’episodio non fosse noto alle autorità. Un ricercatore che, supponiamo, dopo qualche giorno abbia sviluppato una forma influenzale, potrebbe non aver messo in relazione quei sintomi con un incidente a lui passato inosservato».

 

È piuttosto incredibile: di tutte le storie dell’insabbiamento operato dal governo di Pechino – come quelle, documentate con estrema precisione e pervicacia dalla giornalista australiana Sharri Markson – qui non fanno cenno. Del dottore morto dopo che aveva dato l’allarme, nemmeno. Dei blogger e giornalisti scomparsi, neanche. Tutto lascia pensare che, fuggito il virus, le autorità cinesi sapessero qualcosa non troppo tempo dopo la fuga – e hanno operato, dice qualche malizioso, forse addirittura per lasciare che il mondo intero si infettasse. Per non parlare di chi dice che il rilascio sia stato parte di un’operazione precisa: una teoria estrema che oggì è tabù, domani chissà…

 

Ma in fondo è inutile interrogarsi più di tanto, perché «la verità è difficile da ricostruire e mi riporto alla variante di Creutzfeldt-Jakob», dice il neuroscienziato ISS.

 

Vogliamo davvero mettere i tre casi della Creutzfeldt-Jakob con il contagio globale del COVID? Mezza manciata di incidenti di laboratorio con una catastrofe planetaria di cui non stiamo vedendo (per cause non solo virologiche, certo) la fine?

L’intervistato si riferisce ad un caso di fuga dal laboratorio della malattia.  Un problema che coinvolse « tre ricercatori. Di almeno due dei 3 casi siamo certi. Uno è stato descritto su New England Journal Medicine. Si parla di esposizione occupazionale in un tecnico che aveva maneggiato campioni di topo contaminato con l’agente infettivo che causa l’encefalopatia spongiforme bovina, la BSE, o con quello della variante di Creutzfeldt-Jakob. Poi sappiamo di una 24enne francese morta 19 mesi dopo essersi tagliata. E indossava due paia di guanti».

 

«È la conferma che tante volte nei rendiconti dei laboratori non si trova traccia di incidenti proprio in quanto possono passare inosservati anche al ricercatore».

 

È tutto vero. I virus possono scappare dai laboratori, vero. I virus possono scappare dai laboratori senza che nemmeno il ricercatore se ne renda conto, vero anche questo.

 

Tuttavia non possiamo non notare come la questione sia senza proporzione: vogliamo davvero mettere i tre casi della Creutzfeldt-Jakob con il contagio globale del COVID? Mezza manciata di incidenti di laboratorio con una catastrofe planetaria di cui non stiamo vedendo (per cause non solo virologiche, certo) la fine?

 

Da qualche parte qualcuno ha forse già ordinato che bisogna «normalizzare» l’ipotesi della fuga di laboratorio, preparare il pubblico al fine di non farne esplodere le ire quando la cosa sarà ammessa

Al di là delle parole dello specialista, l’impressione che si può trarre quando si leggono articoli impaginati così è che forse da qualche parte qualcuno abbia già ordinato che bisogna «normalizzare» l’ipotesi della fuga di laboratorio, preparare il pubblico al fine di non farne esplodere le ire quando la cosa sarà ammessa.

 

Qualche testata, mesi fa, ha dato notizia che la Cina starebbe preparando una dichiarazione di colpevolezza. Chiaramente, questo non sarebbe un atto di giustizia e sincerità spirituale, ma un calcolo precisissimo.

 

Renovatio 21 ha teorizzato che questo calcolo sarebbe fatto poggiando anche su un accordo con Washington. L’Afghanistan potrebbe essere una parte della contropartita. Un altra parte del patto potrebbe essere il futuro  di Taiwan.

 

La Cina potrebbe ammettere tutto, specie qualora le responsabilità americane (cioè, dell’ente sanitario guidato da Fauci) divenissero incontrovertibili, distribuendo così più equamente le colpe: noi cinesi lo abbiamo fatto scappare, ma ce lo avete fatto fare voi, eravate d’accordo, e ci avete pure pagati…

 

Si prepara un’ammissione definitiva dell’origine frankensteiniana del COVID?

Il tutto considerando, come riportato plurime volte da Renovatio 21, che Joe Biden è considerato da taluni (specie i dissidenti cinesi) come un pupazzo in mano a Pechino, e la storia degli affari e delle perversioni di Hunter Biden potrebbero far pensare che Pechino sul presidente USA (eletto in elezioni controverse) potrebbe avere enormi leve personali e politiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, la fine 2020 un professore cinese, in una conferenza finita in TV, disse pubblicamente che i rapporti USA-Cina sarebbero tornati ottimi, dopo la parentesi di Trump, grazie al fatto che i cinesi avevano dato al figlio di Biden miliardi per il suo fondo di investimento.

 

Ora: si prepara un’ammissione definitiva dell’origine frankensteiniana del COVID?

 

Quanto, a questo punto, questa rivelazione aiuterebbe la narrazione pandemica?

Domanda numero due: quanto, a questo punto, questa rivelazione aiuterebbe la narrazione pandemica?

 

Sapendo che il virus è una chimera laboratoriale, la paura nei suoi confronti e la fiducia nel vaccino aumenterebbero?

 

Probabilmente sì. Così come aumenterebbe la considerazione rispetto alla tecnologia mRNA: sapendo che il virus è artificiale, nessuno vuole iniettarsi in corpo una sua versione attenuata. Meglio procedere con la trasformazione del proprio corpo in fabbrica vaccinale, facendo produrre le spike alle proprie cellule affinché vengano attaccate dal loro stesso sistema immunitario.

 

Cosa altro dobbiamo aspettarci, in questo teatrino osceno della virologia?

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari