Connettiti con Renovato 21

Economia

L’economia turca ucciderà il nuovo impero ottomano di Erdogan?

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo su concessione di William F. Engdahl.

 

 

La Turchia di Recep Tayyip Erdoğan negli ultimi due anni si è impegnata in una serie notevole di interventi esteri geopolitici attivi dalla Siria alla Libia a Cipro e più recentemente dalla parte dell’Azerbaigian nel territorio del conflitto con l’Armenia sullo status del Nagorno-Karabakh. Alcuni l’hanno chiamata la strategia del «Nuovo Impero Ottomano» di Erdogan. Eppure una lira in caduta libera e un’economia interna al collasso minacciano di porre fine in modo imprevisto alle sue grandi ambizioni geopolitiche. Quanto è grave la crisi economica in Turchia oggi e Erdogan ha un Piano B?

 

 

 

 

Ad oggi nel 2020 la lira turca è scesa del 34% rispetto al dollaro USA e del 70% negli ultimi cinque anni

Lira in caduta libera

Entro la fine di ottobre, mentre il conflitto aperto tra il presidente Erdogan, che richiede tassi di interesse bassi dalla banca centrale per stimolare la crescita, e i mercati finanziari che richiedono tassi più alti per «compensare il rischio», la lira turca è scesa di un netto 3% in un giorno.

 

Ad oggi nel 2020 la lira è scesa del 34% rispetto al dollaro USA e del 70% negli ultimi cinque anni. Mentre alcuni pensano che ciò possa stimolare le esportazioni di merci turche, ciò che sta facendo è esporre l’intero sistema bancario e l’economia turchi a un colossale scoppio del debito.

 

Il problema è che per stimolare l’agenda di crescita di Erdogan, le banche turche si sono rivolte al mercato interbancario a basso tasso di interesse basato sul dollaro per prendere in prestito fondi da prestare ai consumatori turchi per costruire case o aprire hotel e altre piccole imprese. Ogni volta che la lira cade contro il dollaro, ha bisogno di quella lira in più per ripagare i vecchi debiti in dollari, il 34% in più da gennaio al momento in cui scrivo.

Gli investitori stranieri, vedendo i dati, si stanno affrettando a liquidare azioni e obbligazioni turche e ad uscire, facendo scendere ulteriormente la lira e colpendo attività finanziarie che sostengono i prestiti in tutta l’economia

 

Gli investitori stranieri, vedendo i dati, si stanno affrettando a liquidare azioni e obbligazioni turche e ad uscire, facendo scendere ulteriormente la lira e colpendo attività finanziarie che sostengono i prestiti in tutta l’economia. Inoltre l’inflazione ufficialmente vicina al 12% si aggiunge alla crisi.

 

Negli ultimi anni, spinta da Erdogan, l’economia turca si è espansa a un ritmo annuo superiore a quello della Cina o dell’India prima del coronavirus. La maggior parte è stata nel settore delle costruzioni con nuove case, centri commerciali e hotel turistici in piena espansione.

 

Il problema è che ora, con la crisi della Lira che non mostra segni di fine, e gli stati dell’UE che entrano in lockdown per il coronavirus, il turismo turco, la situazione è devastata.

 

Ad agosto, durante la stagione di picco del turismo straniero, gli arrivi per turismo sono diminuiti di un enorme 70% da agosto 2019

Ad agosto, durante la stagione di picco del turismo straniero, gli arrivi per turismo sono diminuiti di un enorme 70% da agosto 2019. E con un crollo dell’economia mondiale dopo la crisi del coronavirus, tutte le esportazioni sono diminuite.

 

 

Crisi del debito estero

I problemi di Erdogan sono aggravati dal fatto che le imprese e le banche turche si sono in gran parte rivolte ai mercati esteri per prendere in prestito a tassi di interesse più bassi, cosa interessante se la lira è stabile o addirittura in aumento.

 

Quando la lira scende del 34% quest’anno o più, è una catastrofe per i mutuatari. Per impedire la caduta della lira, la Banca Centrale ha utilizzato gran parte delle sue riserve estere in valuta forte e ha anche attinto a linee di swap in valuta estera per evitare aumenti dei tassi. Ciò sta portando la situazione a una nuova potenziale crisi per molti versi simile alla crisi asiatica del 1997.

 

Per impedire la caduta della lira, la Banca Centrale ha utilizzato gran parte delle sue riserve estere in valuta forte e ha anche attinto a linee di swap in valuta estera per evitare aumenti dei tassi. Ciò sta portando la situazione a una nuova potenziale crisi per molti versi simile alla crisi asiatica del 1997

La lira in calo significa che le imprese di costruzione non sono in grado di rimborsare i prestiti esteri in dollari o euro. Il prossimo è il fallimento.

 

Nel 2018 le banche e le società private turche e il governo dovevano circa 467 miliardi di dollari in valute estere.

 

Le riserve in valuta estera della banca centrale a partire da settembre, Il 2020 ammonta a 36 miliardi di dollari o meno, dopo aver perso circa 65 miliardi di dollari di riserve in valuta estera in un’inutile difesa della lira.

 

Le riserve auree sono diminuite a 42 miliardi di dollari. Questo non è stabile.

 

A peggiorare le cose, a settembre l’agenzia di rating del credito Moodys ha abbassato il rating del debito pubblico turco a 5 gradi sotto «spazzatura», il più basso mai registrato.

 

A questo punto, Erdogan ha poche opzioni per salvare l’economia e, con essa, la sua rielezione in tre anni

A questo punto, Erdogan ha poche opzioni per salvare l’economia e, con essa, la sua rielezione in tre anni.

 

I tassi di interesse estremamente bassi dal 2012 al 2018 hanno creato un boom economico senza precedenti, ma in realtà una bolla immobiliare finanziata dal debito e dipendente dai crediti esteri. Questo si sta ora sgretolando e avrà importanti conseguenze per la politica estera «attiva» di Erdogan.

 

 

Agenda geopolitica minacciata

Nel 2010 l’allora ministro degli Esteri di Erdogan Ahmet Davutoğlu ha proclamato la famosa «Politica Zero Problemi» con i suoi vicini. Questo è scomparso da tempo insieme al ministro degli esteri. Oggi Erdogan sembra intenzionato a creare scontri con tutti gli ex alleati della Turchia.

Oggi Erdogan sembra intenzionato a creare scontri con tutti gli ex alleati della Turchia

 

Il coraggioso tentativo di Erdogan di collocare le navi turche per l’esplorazione del gas negli ultimi mesi nelle acque territoriali di Cipro e Grecia, membri dell’UE, rivendicando la sovranità sulla regione offshore, ha portato ad uno scontro diretto con la Grecia, membro della NATO, che progetta un gasdotto da Israele e Cipro per Grecia e poi in Italia, oltre che con la Francia. La Turchia ha rifiutato di firmare la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

 

A complicare ulteriormente le cose, alcuni mesi fa Erdogan ha apertamente appoggiato il Governo di Accordo Nazionale guidato dai Fratelli Musulmani a Tripoli, in Libia, contro una forte avanzata militare del generale Haftar. A giugno Erdogan, che sostiene i Fratelli musulmani, ha inviato truppe turche a sostenere Tripoli. Haftar è sostenuto da Russia, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Francia. La zona economica speciale Turchia-Libia dichiarata all’inizio di quest’anno taglia provocatoriamente il percorso pianificato del gasdotto EastMed Israele-Cipro-Grecia.

 

La zona economica speciale Turchia-Libia dichiarata all’inizio di quest’anno taglia provocatoriamente il percorso pianificato del gasdotto EastMed Israele-Cipro-Grecia

In Siria, la Francia sostiene i curdi siriani, acerrimi nemici di Erdogan che mantiene una presenza militare nella regione di confine della Siria per controllare i curdi. Inoltre la Francia sostiene la posizione cipriota-greca sui loro diritti sul gas offshore, contro la Turchia. Il gruppo francese Total Energy è attivo nel progetto Cipro.

 

Più recentemente, sulla scia delle raccapriccianti decapitazioni in Francia da parte dei jihadisti, Erdogan ha chiesto il boicottaggio dei prodotti francesi e ha chiamato Macron malato di mente dopo che Macron ha difeso i diritti di libertà di parola di una rivista di satira francese per aver ristampato una vignetta del Profeta Maometto.

 

La tensione dei legami con la Russia oltre alle avventure libiche, è stato il sostegno aperto di Erdogan, compreso, secondo quanto riferito, di rifornimenti militari e possibili truppe, nello scontro dell’Azerbaigian con l’alleato russo Armenia sul Nagorno-Karabakh. Un nuovo fattore nelle relazioni turco-azere è il gasdotto Trans Anatolian Natural Gas dall’Azerbaijan alla Turchia, dove la Turchia ha importato per la prima volta 5,44 miliardi di metri cubi di gas azeri nella prima metà di quest’anno, un aumento del 23% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Un nuovo fattore nelle relazioni turco-azere è il gasdotto Trans Anatolian Natural Gas dall’Azerbaijan alla Turchia, dove la Turchia ha importato per la prima volta 5,44 miliardi di metri cubi di gas azeri nella prima metà di quest’anno, un aumento del 23% rispetto allo stesso periodo del 2019

 

Eppure Erdogan ha fatto di tutto per coltivare buoni rapporti con Putin, tra le altre cose per acquistare l’avanzato sistema di difesa antimissile russo S-400 russo, guadagnandosi la condanna della NATO e di Washington.

 

A questo punto gli interventi stranieri iperattivi della Turchia di Erdogan hanno incontrato poche gravi sanzioni o opposizioni da parte dell’UE. Una ragione ovvia è la grande esposizione delle banche dell’UE ai prestiti turchi.

 

Secondo un rapporto del 17 settembre del quotidiano tedesco Die Welt, le banche spagnole, francesi, britanniche e tedesche hanno investito più di cento miliardi di dollari in Turchia. La Spagna è la più esposta con $ 62 miliardi, seguita dalla Francia con $ 29 miliardi. Ciò significa che l’UE sta camminando sui gusci d’uovo, non desiderosa di lanciare più soldi in Turchia, ma restìa a precipitare la situazione in uno scontro completo di sanzioni economiche.

 

Gli interventi stranieri iperattivi della Turchia di Erdogan hanno incontrato poche gravi sanzioni o opposizioni da parte dell’UE. Una ragione ovvia è la grande esposizione delle banche dell’UE ai prestiti turchi

Dato che Erdogan per molte ragioni rifiuta di andare con il cappello in mano al FMI, le sue opzioni al momento sono di ridurre drasticamente le sue operazioni geopolitiche estere per concentrarsi sulla stabilizzazione dell’economia interna, o trovare un Piano B. A questo punto, l’unico possibile contendente per un salvataggio finanziario del Piano B sarebbe la Cina.

 

 

La Cina può colmare il divario?

Negli ultimi anni Erdogan ha compiuto passi notevoli per migliorare i rapporti con Xi Jinping e la Cina.

 

Nel 2019, durante una visita a Pechino, Erdogan ha scioccato molti rifiutandosi di condannare il duro trattamento della Cina nei confronti della numerosa popolazione uigura musulmana nella regione dello Xinjiang.

 

Per decenni la Turchia, che chiama la regione uigura «Turkestan orientale», ha accettato i rifugiati musulmani uiguri e ha condannato quello che Erdogan una volta chiamava il «genocidio»cinese nello Xinjiang.

Nel luglio 2019 durante una visita a Pechino, Erdogan ha seppellito ogni menzione degli uiguri e ha elogiato la cooperazione della Turchia con la Cina. I cinici potrebbero suggerire che le speranze di un’enorme generosità finanziaria da parte della Cina abbiano influenzato il cambiamento di Erdogan

 

Nel luglio 2019 durante una visita a Pechino, Erdogan ha seppellito ogni menzione degli uiguri e ha elogiato la cooperazione della Turchia con la Cina. I cinici potrebbero suggerire che le speranze di un’enorme generosità finanziaria da parte della Cina abbiano influenzato il cambiamento di Erdogan.

 

Durante la precedente crisi della lira nel 2018, quando la lira è crollata del 40%, la Banca cinese dell’Industria e del Commercio, di proprietà statale, ha prestato al governo turco 3,6 miliardi di dollari per progetti di energia e trasporti.

 

Nel giugno 2019, sulla scia delle elezioni municipali di Istanbul che hanno indicato un sostegno fatiscente per Erdogan, la Banca Centrale Cinese ha trasferito 1 miliardo di dollari, il più grande afflusso di denaro, in base a un accordo di scambio. L’incontro di Pechino del luglio 2019 con Xi Jinping è avvenuto subito dopo quella battuta d’arresto elettorale in un momento in cui Erdogan era vulnerabile come mai prima d’ora sull’economia. Gli uiguri cinesi potrebbero essere compagni musulmani, ma non votano alle elezioni turche.

 

Durante la precedente crisi della lira nel 2018, quando la lira è crollata del 40%, la Banca cinese dell’Industria e del Commercio, di proprietà statale, ha prestato al governo turco 3,6 miliardi di dollari per progetti di energia e trasporti

Pechino ha risposto. Sotto l’egida della China’s Belt and Road Initiative (BRI), all’inizio di quest’anno la China Export and Credit Insurance Corp. ha impegnato fino a 5 miliardi di dollari per il Fondo sovrano turco, da utilizzare per i progetti BRI.

 

In precedenza la Cina ha investito in una ferrovia da Kars nella Turchia orientale via Tbilisi, in Georgia, a Baku, in Azerbaigian, sul Mar Caspio, dove si collega alle reti di trasporto con la Cina. Nel 2015, un consorzio cinese ha acquistato il 65% del terzo terminal container più grande della Turchia, Kumport, a Istanbul. Gli investitori cinesi lo scorso gennaio hanno salvato un prestigioso progetto Erdogan acquistando il 51% del ponte Yavuz Sultan Selim che collega l’Europa e l’Asia attraverso il Bosforo quando un consorzio italo-turco che controlla il ponte ha rinunciato.accesso alla liquidità cinese.

 

Sebbene il coinvolgimento cinese dia chiaramente a Erdogan qualche aiuto, non è stato in grado di fermare l’ultima caduta libera della lira o di essere sufficiente a sostituire i 100 miliardi di dollari dell’UE e i relativi prestiti per rilanciare l’economia turca. Gli accordi commerciali e di scambio tra yuan e lire cinesi aiutano la Turchia a importare più beni cinesi, ma ha bisogno di dollari per rimborsare l’UE e altri prestiti in dollari.

 

Sebbene il coinvolgimento cinese dia chiaramente a Erdogan qualche aiuto, non è stato in grado di fermare l’ultima caduta libera della lira o di essere sufficiente a sostituire i 100 miliardi di dollari dell’UE e i relativi prestiti per rilanciare l’economia turca

La Cina, nonostante i titoli ottimistici dei media, è stata duramente colpita dai lockdown globali e dal crollo del commercio a causa del coronavirus quest’anno. Le esportazioni dalla Cina non sono affatto riprese ai livelli del 2019 e quest’anno i problemi alimentari interni causati dalle gravi inondazioni e dalla peste delle locuste hanno messo a dura prova la seconda economia mondiale.

 

Con Pechino che rafforza le sue risposte militari nel Mar Cinese orientale e intorno a Taiwan, oltre ad essere costretta a rinegoziare molti accordi sul debito con i paesi BRI in Africa e altrove che non sono stati in grado di pagare, è discutibile che Xi Jinping consideri la sua recente alleanza con l’imprevedibile Erdogan come sua massima priorità durante l’attuale reindirizzamento della Cina della sua economia verso l’interno.

 

Il 2023, l’anno delle prossime elezioni, doveva essere l’anno glorioso per l’AKP di Erdogan, dato che la Turchia ha festeggiato i 100 anni dalla fondazione. Il programma «Visione 2023» del partito prevede che la Turchia diventi una delle dieci migliori economie con industrie automobilistiche, siderurgiche e della difesa di livello mondiale e un PIL di circa $ 2,6 trilioni.

 

I prossimi mesi per Erdogan e l’economia turca sembrano piuttosto turbolenti e tutt’altro che chiari. L’astuto Erdogan sta rapidamente esaurendo le carte vincenti da giocare

Tutto questo ora sembra davvero poco plausibile. I prossimi mesi per Erdogan e l’economia turca sembrano piuttosto turbolenti e tutt’altro che chiari. L’astuto Erdogan sta rapidamente esaurendo le carte vincenti da giocare.

 

 

William Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Svizzera si prepara ai blackout

Pubblicato

il

Da

Il presidente della Commissione federale svizzera per l’elettricità, Werner Luginbühl, ha sollevato la possibilità che la Svizzera abbia interruzioni dell’elettricità quest’inverno.

 

La Svizzera è un Paese dotato di centrali nucleari. La loro elettricità viene parzialmente venduta anche all’Italia denuclearizzata. Tuttavia anche gli elvetici semprano preoccupati dinanzi crescenti carenze energetiche che colpiscono l’Europa sulla scia delle sanzioni dell’UE contro la Russia.

 

Il Luginbühl garantisce tuttavia che «una situazione del genere sarebbe gestibile».

 

Egli si sente quindi, in uno spirito preparatorio di precisione elvetica, di mettere in guardia i cittadini: «sicuramente è consigliabile avere abbastanza candele in casa. E se hai una stufa a legna, dovresti immagazzinare abbastanza legna da ardere».

 

In pratica lo svizzero dice: tutto OK, fate solo provviste come se fosse la fine del mondo.

 

Ecco che ci tocca vedere anche il survivalismo delle autorità cantonali. E sono cose belle.

 

Il Commissario Luginbühllo forse non lo sa, ma il consiglio che ha dato sulla legna da ardere è esattamente il suggerimento fornito dal governo polacco ai suoi cittadini: andare ora nei boschi per raccogliere legna per l’inverno, che senza gas russo sarà al freddo e al gelo.

 

In Germania, come noto, si preparano invece «hub di riscaldamento» per gli «sfollati energetici» incapaci di pagare la bolletta o di privati di termosifoni caldi nelle loro abitazioni.

 

Come riportato da Renovatio 21, annunci di blackout energetici si susseguono in Europa e nel mondo da un anno – con blackout effettivi capitati dappertutto.

 

Come noto, in Italia sono stati colpite Milano e Torino.

 

Lo scorso mese abbiamo riportato dei continui blackout in Texas.  Da mesi si prevedono interruzioni di corrente in tutti gli USA.

 

Blackout in Cina, dove le aziende occidentali si chiedono abbia senso quindi investire. Per paura di nuove interruzioni, la Cina sta ordinando un aumento dell’uso di carbone.

 

Due mesi fa intere zone di Sydney, in Australia, sono andate al buio.

 

Blackout anche in Pakistan, con annessa chiusura delle fabbriche – mentre la società collassa e scivola verso la guerra civile.

 

La Gran Bretagna si prepara a blackout invernali.

 

Blackout, ovviamente, anche in uno dei laboratori del Nuovo Ordine Mondiale, lo Sri Lanka, senza carburante, cibo né elettricità.

 

Blackout in Giappone.

 

Blackout a Taiwano.

 

Blackout in Kazakistan Uzbekistan, Kirghizistan.

 

Blackout in Turchia.

 

Blackout minacciati in Indonesia, dove non vogliono più quindi esportare carbone.

 

Blackout paventati in Austria e Romania, e in Germania con spot apocalittici.

 

E non parliamo dei blackout in Canada, dove però riescono simpaticamente ad incolpare i castori.

Secondo uno studio a breve un miliardo di persone nel mondo sono a rischio blackout.

 

Di rischio blackout, il 13 gennaio di quest’anno, ha riferito alle presidenze del Parlamento italiano il COPASIR, Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, cioè l’organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti.

 

I blackout, come vaccini e green pass, sono un ulteriore strumento di controllo della popolazione, che si piegherà a qualsiasi cosa (e rinunciare in caso a qualsiasi diritto) pur di stare al caldo con la luce elettrica.

 

I blackout, soprattutto, decimeranno l’economia, distruggendo il tessuto produttivo delle aziende: un’ulteriore catastrofe che renderà il cittadino sempre più suddito dello Stato.

 

Lo abbiamo sentito al World Economic Forum di Davos di quest’anno, quando la a manager norvegese Kjerstin Braathen ha parlato della necessità di spiegare alle masse che «dobbiamo accettare che ci sarà dolore nel processo»,  e vi saranno «carenze di energia» e «pressioni inflazionistiche».

 

 

Il Grande Reset passa da qui: dal controllo sull’energia e quindi sulle nostre vite.

 

Ce lo stanno dicendo in faccia, ma non si sa bene quanti di noi stiano ad ascoltare.

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Anche la Banca Centrale Australiana sta per lanciare una valuta digitale

Pubblicato

il

Da

La Reserve Bank australiana lancerà un programma pilota nel corso del prossimo anno in collaborazione con la Bank for International Settlements (Banca dei regolamenti internazionali, o BRI – una sorta di banca centrale delle banche centrali) per testare un sistema di valuta digitale basato su blockchain.

 

La Banca Centrale degli antipodi si aggiunge a un lungo elenco di partecipanti agli sforzi della BRI per introdurre le CBDC (valute digitali delle banche centrali) con l’obiettivo di lanciarle a livello globale entro il 2025-2030.

 

È importante notare che nei prossimi anni dovrebbero verificarsi sostanziali cambiamenti economici per rendere le CBDC un’opzione praticabile per il grande pubblico.

 

Sebbene molte persone utilizzino le transazioni elettroniche per comodità, gran parte della popolazione preferisce ancora i contanti. Negli Stati Uniti, i sondaggi degli ultimi anni mostrano che almeno il 37% degli americani sceglie ancora il contante rispetto ad altri metodi di pagamento come le carte di credito e di debito. In Australia, il numero si attesta intorno al 32% .  

Le CBDC, come tutti i meccanismi valutari basati su blockchain, prevedono intrinsecamente la distruzione della privacy.

 

La stessa architettura della tecnologia blockchain richiede un registro delle transazioni che può essere tracciato dai governi, se lo desiderano. L’esatto del contrario del contante, che è anonimo, cioè «pagabile al portatore».

 

«Con l’avvento delle CBDC diffuse, la nozione stessa di privacy nel commercio scomparirebbe completamente dalla società nel giro di una generazione» scrive Zerohedge.

 

«Non solo, ma se queste valute sono legate a un sistema di credito sociale come quello utilizzato nella Cina comunista (che peraltro ha i suoi pericolosi piani di moneta digitale), allora ci sono buone probabilità che i governi siano in grado di bloccare i conti o addirittura cancellare i tuoi risparmi con la semplice pressione di un pulsante. E senza denaro fisico non ci sarebbe ricorso al commercio. Una persona considerata “problematica” potrebbe essere esclusa dall’economia per un capriccio».

 

È la meccanica di emarginazione che abbiamo visto all’opera con il green pass, la cui struttura informatica, in Europa, è esattamente la stessa sulla quale correrà l’euro digitale, programmato ben prima della pandemia e ora dichiarato inevitabile.

 

Un sistema di controllo della società dove vige una meccanica premiale: ad un determinato comportamento conforme alle regole, corrisponde un premio, o il semplice usufruire di «diritti» che al momento sarebbero in teoria garantiti al cittadino dalla Costituzioni. Ad un determinato comportamento fuori dalle regole, corrisponde invece una punizione – anche se questo va contro le questioni costituzionali.

 

Su tutto, tasse e multe prelevate direttamente alla fonte., un vantaggio netto del «denaro programmabile» – oltre alla possibilità di decidere cosa può comprare l’utente, dove e quando, in che quantità.

    

Il fatto che anche la BRI sia così pesantemente coinvolta nei programmi nazionali di valuta digitale suggerisce che l’obiettivo finale delle CBDC sarà un’eventuale valuta digitale globale: un meccanismo di valuta mondiale in cui verranno infine assorbite tutte le altre valute digitali. Questa collaborazione si estende anche al Fondo Monetario Internazionale (FMI) e alla Banca mondiale. Abbiamo visto come le banche canadesi, citando esplicitamente il World Economic Forum, puntino verso il primo passo dell’ID digitale.

 

Come riportato da Renovatio 21 l’FMI ha già proposto di fornire credito ai cittadini in base alla cronologia del loro browser: possiamo darti danaro a seconda dei siti che visiti.

 

Un 30% di ogni Nazione occidentale preferisce ancora il contante. Ciò ci porta a pensare che serviranno shock programmati affinché  le Banche Centrali siano in emettano CBDC che vengano usati dalla popolazione.

 

Una recessione economica o un crash finanziario improvviso potrebbero servire all’uopo.

 

Ciò significa che le élite bancarie avranno bisogno di una crisi che danneggi il potere d’acquisto di più sistemi valutari per convincere le persone ad accettare un passaggio aggressivo a una società senza contanti prima del 2030.

 

Cosa significherà, il momento nel trapasso nella valuta digitale, lo sappiamo: il controllo definitivo dei governi sulle popolazioni sottomesse, pardon, «piattaformate».

 

Le CBDC darebbero alle banche e ai governi il massimo potere di influenza sulla popolazione, ispirando paura negli individui poiché considerano la minaccia che il loro accesso all’economia potrebbe essere interrotto in qualsiasi momento se dovessero dire o fare qualcosa a dispetto delle autorità.

 

«Banche e politici cercheranno di vendere CBDC come l’apice della convenienza e una transizione necessaria per stabilizzare l’economia. Quello che non menzioneranno è il livello pervasivo di controllo che guadagneranno nel processo» scrive Zerohedge.

 

Renovatio 21 ritiene che questo sia il vero tema fondamentale da discutere adesso: ovviamente nessun partito, nemmeno quelli antisistema che nemmeno riusciranno a raccogliere le firme, ci sta pensando davvero.

 

Il vero tema è la sottomissione bioelettronica che stiamo per subire. Tutto è già pronto. Anzi, abbiamo, senza troppo strepito, qualche esempio di sperimentazione partita in Francia, in Ucraina, e anche in Italia

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

«Un’inverno di spaventosa povertà»: la previsione dell’ex premier britannico Gordon Brown

Pubblicato

il

Da

L’ex primo ministro britannico Gordon Brown ha avvertito sul quotidiano Guardian del 6 agosto che il Regno Unito sta per affrontare un inverno di «spaventosa  povertà», con costi energetici alle stelle.

 

Sebbene sia stato un ex primo ministro del Partito Laburista, Brown ha esortato il primo ministro conservatore uscente Boris Johnson e i principali candidati conservatori del ministro degli Esteri Liz Truss e l’ex Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak a riunirsi per stabilire un bilancio di emergenza per affrontare la situazione

 

Johnson ha rifiutato.

 

Brown prevede che il continuo aumento dei prezzi del carburante metterà 35 milioni di persone in 13 milioni di famiglie, che costituiscono il 49,6% della popolazione del Regno Unito, a rischio di povertà in ottobre.

 

Questa, ha detto, è una «bomba a orologeria finanziaria… Non c’è nulla di morale nel fatto che i leader indifferenti condannino milioni di bambini e pensionati vulnerabili e irreprensibili a un inverno di estrema povertà».

 

Brown dichiara che se il trio di summenzionati Tory non agisce, il Parlamento dovrebbe essere richiamato per costringerli a farlo.

 

L’ex primo ministro britannico ha quindi raccontato al Guardian scene della sua contea di Fife in Scozia, che, secondo lui, gli ricordano scene di cui ha letto negli anni ’30: bambini denutriti, «pensionati che scelgono se alimentare i loro contatori dell’elettricità o se stessi» e infermiere che devono «fare la fila alla Banca del cibo».

 

Anche gli enti di beneficenza hanno difficoltà a soddisfare i bisogni delle persone, ha dichiarato.

 

«La Gran Bretagna sta creando una generazione emarginata di ragazzi e ragazze» la cui infanzia «comincia a somigliare a scene vergognose di un romanzo di Dickens».

 

Il previsto aumento del prezzo del carburante a gennaio lascerà il 54% della popolazione in povertà di carburante, ha avvertito.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Gran Bretagna sta considerando il razionamento dell’energia, mentre i piani per rallentare la chiusura della centrale nucleare di Hinkley Point B hanno trovato l’opposizione dei proprietari dell’impianto, il colosso francese EDF, a breve ricompletamente rinazionalizzato da Macron.

 

Già due mesi fa durante il finale del governo Johnson si era parlato di un inverno di blackout.

 

La stabilità sociale pare già muoversi verso il collasso, con scioperi generali programmati come non si vedeva da un secolo.

Due anni fa lo stesso Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak, ora in lizza per il premierato, aveva dichiarato che l’economia britannica stava vedendo una «crisi più grande degli ultimi 300 anni».

 

Nel frattempo, dopo due anni di lockdown e repressioni pesantissime, il Paese continua il suo supporto forsennato alla guerra contro la Russia, l’estensione della NATO a Kiev e in Scandinavia, l’arresto di cittadini rei di aver condiviso suinternet un meme, l’uccisione di bambini comatosi.

 

Il solito tran tran della mortifera Albione – che ora, forte della plurisecolare filosofia eugenetica di cui sono imbevute le sue élite, farà morire di fame e di freddo il suo stesso popolo.

 

Il tutto mentre le fondazioni ambientaliste (cioè, appunto, antiumane) del principe Carlo prendono milioni di dollari cash dalla famiglia Bin Laden.

 

Continua a leggere

Più popolari