Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

L’agenda di Davos dietro alla riforma agraria dell’India

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Nel settembre 2021 l’ONU terrà un vertice sui sistemi alimentari. L’obiettivo sarà rimodellare l’agricoltura mondiale e la produzione alimentare nel contesto degli obiettivi di «agricoltura sostenibile» della malthusiana Agenda 2030 delle Nazioni Unite di Malthus. Le recenti leggi agricole radicali del governo di Narenda Modi in India fanno parte della stessa agenda globale, e non va tutto bene.

 

 

Nell’India di Modi, gli agricoltori hanno protestato in modo massiccio da quando tre nuove leggi agricole sono state approvate in fretta in Parlamento lo scorso settembre. Le riforme di Modi sono state motivate da uno sforzo ben organizzato del World Economic Forum (WEF) e dalla sua New Vision for Agriculture, parte del Great Reset di Klaus Schwab, il lato aziendale dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Le riforme di Modi sono state motivate da uno sforzo ben organizzato del World Economic Forum (WEF) e dalla sua New Vision for Agriculture, parte del Great Reset di Klaus Schwab, il lato aziendale dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite

 

Terapia d’urto Modi

Nel settembre 2020, in una rapida votazione parlamentare, piuttosto che con un voto formale debitamente registrato, e secondo quanto riferito senza previa consultazione con i sindacati o le organizzazioni di agricoltori indiani, il governo del primo ministro Narenda Modi ha approvato tre nuove leggi che deregolamentano radicalmente l’agricoltura indiana. Ciò ha innescato mesi di proteste nazionali di agricoltori e scioperi a livello nazionale. Le proteste, che si stanno diffondendo in tutta l’India, richiedono l’abrogazione delle tre leggi.

 

In effetti, le leggi mettono fine alle restrizioni all’acquisto di terreni da parte delle grandi società e allo stoccaggio di merci per controllare i prezzi degli agricoltori. Consentono inoltre alle grandi imprese multinazionali di aggirare i mercati statali locali o regionali in cui i prodotti degli agricoltori vengono normalmente venduti a prezzi garantiti e consentono alle imprese di concludere accordi diretti con gli agricoltori. Tutto ciò comporterà la rovina di circa decine di milioni di agricoltori marginali o piccoli agricoltori e piccoli intermediari nella fragile catena alimentare indiana.

 

Le nuove leggi Modi sono misure che il FMI e la Banca Mondiale hanno richiesto dall’inizio degli anni ’90 per portare l’agricoltura e l’agricoltura indiane nel modello dell’agrobusiness aziendale introdotto negli Stati Uniti dalla Fondazione Rockefeller decenni fa.

 

Le nuove leggi Modi sono misure che il FMI e la Banca Mondiale hanno richiesto dall’inizio degli anni ’90 per portare l’agricoltura e l’agricoltura indiane nel modello dell’agrobusiness aziendale introdotto negli Stati Uniti dalla Fondazione Rockefeller decenni fa

Fino ad ora nessun governo indiano è stato disposto ad attaccare i contadini, il gruppo di popolazione più numeroso del Paese, molti dei quali si trovano su piccoli appezzamenti o non hanno mezzi di sussistenza.

 

L’argomento di Modi è che modificando l’attuale sistema, gli agricoltori indiani potrebbero «raddoppiare» il reddito entro il 2022, un’affermazione non provata e dubbia. Consente alle aziende di acquistare terreni agricoli per la prima volta a livello nazionale, quindi grandi aziende, aziende di trasformazione alimentare ed esportatori possono investire nel settore agricolo. Contro di loro un piccolo agricoltore non ha alcuna possibilità.

 

Chi c’è dietro la spinta radicale? Qui troviamo il programma agricolo globalizzato radicale del WEF e della Fondazione Gates.

 

 

WEF e multinazionali

Le leggi sono il risultato diretto dell’impegno di diversi anni del World Economic Forum e della sua iniziativa New Vision for Agriculture (NVA).

Chi c’è dietro la spinta radicale? Qui troviamo il programma agricolo globalizzato radicale del WEF e della Fondazione Gates.

 

Per più di 12 anni il WEF e il suo NVA hanno promosso un modello aziendale in Africa, America Latina e Asia. Il «grande obiettivo» era l’India, dove la resistenza all’acquisizione da parte delle aziende dell’agricoltura è stata feroce sin dalla fallita Rivoluzione Verde degli anni ’60 della Fondazione Rockefeller.

 

Per il Great Reset del WEF, meglio noto come Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l ‘«agricoltura sostenibile», il tradizionale sistema agricolo e alimentare indiano deve essere fatto a pezzi. I suoi piccoli agricoltori familiari devono essere costretti a vendere a grandi conglomerati agroalimentari e le protezioni a livello regionale o statale per quegli agricoltori eliminati. Sarà «sostenibile», non per i piccoli agricoltori, ma piuttosto per i giganti gruppi agroalimentari.

 

Per portare avanti quell’agenda, il WEF ha creato un potente gruppo di interessi aziendali e governativi chiamato NVA India Business Council. Il suo sito web nella homepage del WEF afferma: «Il NVA India Business Council funge da gruppo di leadership informale e di alto livello per sostenere la collaborazione e gli investimenti del settore privato per guidare la crescita agricola sostenibile in India». Un’idea di cosa intendono per «sostenibile» si trova nella loro appartenenza.

 

Per il Great Reset del WEF, meglio noto come Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l ‘«agricoltura sostenibile», il tradizionale sistema agricolo e alimentare indiano deve essere fatto a pezzi. I suoi piccoli agricoltori familiari devono essere costretti a vendere a grandi conglomerati agroalimentari e le protezioni a livello regionale o statale per quegli agricoltori eliminati

Il NVA India Business Council del WEF nel 2017 includeva Bayer CropScience, uno dei maggiori fornitori mondiali di pesticidi agricoli e ora, di semi OGM Monsanto; Cargill India Pvt della gigantesca compagnia di cereali statunitense; Dow AgroSciences, produttore di semi OGM e pesticidi, l’azienda agrochimica e OGM DuPont, il gigante del cartello del grano Louis Dreyfus Company; Wal-Mart India; India Mahindra & Mahindra (il più grande produttore mondiale di trattori); Nestle India Ltd; PepsiCo India; Rabobank International; La Banca di Stato indiana; Swiss Re Services, il più grande riassicuratore al mondo; India Private Limited, un produttore di prodotti chimici e il Gruppo Adani di Gautam Adani, il secondo uomo più ricco in India e principale finanziatore del partito BJP di Modi. Notare l’assenza di organizzazioni di agricoltori indiani.

 

Oltre al principale sostenitore di Modi Guatam Adani del WEF NVA India Business Council, MukeshAmbani, siede nel Consiglio di amministrazione del World Economic Forum di Klaus Schwab. Ambani, un altro importante sostenitore di Modi, è presidente e amministratore delegato del più grande conglomerato indiano, Reliance Industries, e la seconda persona più ricca dell’Asia per un valore di circa $ 74 miliardi. Ambani è un forte sostenitore della riforma agricola radicale poiché Reliance sta per raccogliere enormi guadagni.

 

A dicembre gli agricoltori del Punjab hanno bruciato le effigi del primo ministro Modi, insieme al presidente di Reliance Industries Mukesh Ambani e al presidente del gruppo Adani Gautam Adani, accusandoli di essere dietro le nuove leggi di Modi.

 

Per chiunque abbia anche solo una minima idea di questi colossi aziendali, è chiaro che gli interessi e il benessere dei 650 milioni di agricoltori stimati in India non sono la priorità. In particolare, Gita Gopinath, capo economista dell’FMI, ora indiana negli Stati Uniti, ha approvato le leggi e ha affermato che le leggi sull’agricoltura dell’India hanno il «potenziale» per aumentare il reddito degli agricoltori.

 

Il 26 novembre è iniziato uno sciopero generale a livello nazionale che ha coinvolto circa 250 milioni di persone a sostegno degli agricoltori. I sindacati dei trasporti che rappresentano oltre 14 milioni di camionisti si sono espressi a sostegno dei sindacati degli agricoltori. Questa è la più grande sfida per il regime BJP Modi fino ad oggi. Il fatto che il governo si rifiuti di fare marcia indietro suggerisce che sarà un’aspra battaglia.

 

Il 26 novembre è iniziato uno sciopero generale a livello nazionale che ha coinvolto circa 250 milioni di persone a sostegno degli agricoltori. I sindacati dei trasporti che rappresentano oltre 14 milioni di camionisti si sono espressi a sostegno dei sindacati degli agricoltori. Questa è la più grande sfida per il regime BJP Modi fino ad oggi. Il fatto che il governo si rifiuti di fare marcia indietro suggerisce che sarà un’aspra battaglia.

Affinché l’Agenda 2030, o Great Reset, trasformi le industrie alimentari e agricole globali, come preferisce chiamarla Klaus Schwab, per avere successo, è la massima priorità che l’India, con la popolazione più numerosa del mondo, sia portata nella rete globalista del controllo dell’agribusiness aziendale.

 

Chiaramente la tempistica della deregolamentazione di Modi ha in mente il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite 2021.

 

 

AGRA e il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite

L’indicazione dell’agenda in serbo per gli agricoltori indiani è l’imminente vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite di settembre.

 

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres nel 2019 ha annunciato che l’ONU ospiterà il Vertice sui sistemi alimentari nel 2021 con l’obiettivo di massimizzare i benefici di un «approccio ai sistemi alimentari» coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 delle Nazioni Unite. Ha nominato Agnes Kalibata del Ruanda suo inviato speciale per il vertice sui sistemi alimentari del 2021. La dichiarazione fondante del vertice spinge «agricoltura di precisione» come GPS, Big Data, robotica e OGM, come soluzioni.

 

AGRA è stata creata dalle fondazioni Gates e Rockefeller per introdurre semi brevettati OGM e relativi pesticidi chimici nell’agricoltura africana

Kalibata, ex ministro dell’agricoltura nel Ruanda devastato dalla guerra, è anche il presidente di AGRA, l’Alleanza per una rivoluzione verde in Africa. AGRA è stata creata dalle fondazioni Gates e Rockefeller per introdurre semi brevettati OGM e relativi pesticidi chimici nell’agricoltura africana. Una persona chiave che Gates ha messo a capo dell’AGRA, Robert Horsch, ha trascorso 25 anni come dirigente della Monsanto. La Bill & Melinda Gates Foundation è anche un «partner collaboratore» del WEF.

 

Dopo quasi 15 anni e circa 1 miliardo di dollari di fondi da Gates, Rockefeller e altri grandi donatori, AGRA non è riuscita a portare gli agricoltori verso un benessere migliore. Gli agricoltori sono costretti dai loro governi ad acquistare semi da fornitori commerciali, spesso legati alla Monsanto e ad altre società OGM, così come fertilizzanti commerciali. Il risultato è debito e spesso bancarotta. Ai contadini è vietato riutilizzare le sementi commerciali e sono costretti ad abbandonare le sementi tradizionali che potrebbero riutilizzare.

 

L’attenzione di AGRA sull’«orientamento al mercato» indica il mercato globale delle esportazioni controllato da Cargill e da altri grandi colossi del cartello del grano. Negli anni ’90, sotto la pressione di Washington e dell’agrobusiness, la Banca Mondiale ha chiesto ai governi africani e di altri paesi in via di sviluppo di porre fine ai loro sussidi all’agricoltura. Questo, mentre l’agricoltura degli Stati Uniti e dell’UE rimane fortemente sovvenzionata. Le importazioni a basso costo sovvenzionate dall’UE e dall’OCSE fanno fallire gli agricoltori locali. Questo è inteso.

 

Un rapporto del 2020 su AGRA, False Promises, ha concluso, «gli aumenti di resa per le colture di base chiave negli anni precedenti l’AGRA erano bassi quanto durante l’AGRA. Invece di dimezzare la fame, la situazione nei 13 paesi principali è peggiorata da quando è stato lanciato AGRA. Il numero di persone che soffrono la fame è aumentato del 30% durante gli anni dell’AGRA… colpendo 130 milioni di persone nei 13 paesi di interesse dell’AGRA».

L’AGRA di Gates ha reso la produzione alimentare africana più globalizzata e dipendente che mai dalla volontà delle multinazionali globali il cui obiettivo è fornire input economici. Costringe gli agricoltori a indebitarsi

 

L’AGRA di Gates ha reso la produzione alimentare africana più globalizzata e dipendente che mai dalla volontà delle multinazionali globali il cui obiettivo è fornire input economici. Costringe gli agricoltori a indebitarsi e chiede che vengano coltivate specifiche «colture da reddito» come il mais OGM o la soia per l’esportazione.

 

La strategia riservata di sviluppo agricolo 2008-2011 della Fondazione Gates ha delineato la sua strategia:

 

«I piccoli agricoltori con il potenziale per produrre un surplus possono creare un sistema agricolo orientato al mercato… per uscire dalla povertà… La visione del successo coinvolge agricoltori orientati al mercato che gestiscono fattorie redditizie… questo richiederà un certo grado di mobilità terrestre e una percentuale inferiore dell’occupazione totale coinvolta nella produzione agricola diretta».

 

Nel 2008 Rajiv Shah è stato Direttore dello sviluppo agricolo della Fondazione Gates e ha guidato la creazione dell’AGRA da parte della Fondazione insieme alla Fondazione Rockefeller. Oggi Shah è presidente della Rockefeller Foundation, partner di Gates in AGRA, la cui fondazione ha anche finanziato la creazione di semi brevettati OGM negli anni ’70, la creazione di banche dei semi CGIAR con la Banca Mondiale e la rivoluzione verde fallita dell’India degli anni ’60. Rajiv Shah è anche un collaboratore dell’agenda del World Economic Forum. Il mondo è piccolo.

Il fatto che il presidente di AGRA stia guidando il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite del settembre 2021  mette in luce i collegamenti senza soluzione di continuità tra le Nazioni Unite, le fondazioni Gates e Rockefeller, il WEF e la loro rete di megasocietà

 

Il fatto che il presidente di AGRA stia guidando il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite del settembre 2021 (notare l’uso di «sistemi alimentari») mette in luce i collegamenti senza soluzione di continuità tra le Nazioni Unite, le fondazioni Gates e Rockefeller, il WEF e la loro rete di megasocietà.

 

L’India, con 1,4 miliardi di persone, forse la metà in agricoltura, è l’ultimo baluardo in cui l’agrobusiness globale non è stato in grado di dominare la produzione alimentare.

 

L’OCSE è da decenni globalizzata dall’agrobusiness industriale e il deterioramento della qualità alimentare e della nutrizione lo conferma.

 

La Cina si è aperta ed è uno dei principali attori nel mondo degli OGM con Syngenta, nonché il più grande produttore mondiale di glifosato. Gli allevamenti industriali di suini in Cina come Smithfield Farms, dove si ritiene abbia avuto origine la recente peste suina africana, stanno per spazzare via i piccoli allevatori.

 

Il ruolo centrale dell’AGRA Gates-Rockefeller nei sistemi alimentari 2021 Summit, il ruolo principale del WEF nel «sistema alimentare» mondiale ripristinato, e le pressioni degli ultimi mesi sul governo Modi per attuare la stessa agenda aziendale in India come in Africa, non sono tutte casuali. Prepara il mondo a catastrofici fallimenti del raccolto e peggio

Il ruolo centrale dell’AGRA Gates-Rockefeller nei sistemi alimentari 2021 Summit, il ruolo principale del WEF nel «sistema alimentare» mondiale ripristinato, e le pressioni degli ultimi mesi sul governo Modi per attuare la stessa agenda aziendale in India come in Africa, non sono tutte casuali. Prepara il mondo a catastrofici fallimenti del raccolto e peggio.
 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

La California legalizza il «compostaggio umano»: campi concimati coi cadaveri

Pubblicato

il

Da

Lo Stato della California ora consentirà ai suoi cittadini di scegliere, oltre alla sepoltura o alla cremazione, anche il «compostaggio umano», cioè l’uso del cadavere per concimare i campi.

 

Come riportato a suo tempo da Renovatio 21, in California la legge che trasforma gli esseri umani in fertilizzanti era in lavorazione da almeno un anno, e già attiva da ancora più tempo in altri Stati degli USA.

 

L’opzione sarà attiva dal 2027. La legge appena firmata dal governatore Gavin Newsom, chiamata Assembly Bill 351, si riferisce alla procedura come «Natural Organic Reduction» (NOR), cioè «riduzione organica naturale».

 

«Il processo di compostaggio di un cadavere, già legalizzato nello Stato di Washington, Colorado e Oregon, prevede di mettere il corpo in un contenitore riutilizzabile, circondarlo con trucioli di legno e aerarlo per far crescere microbi e batteri» scrive il quotidiano San Francisco Gate. «Dopo circa un mese , i resti si decomporranno e saranno completamente trasformati in terriccio. Aziende come Recompose nello Stato di Washington offrono il servizio in una struttura di riduzione organica naturale».

 

Il processo è considerato ecologico, poiché non richiede la combustione di combustibili fossili e l’emissione di monossido di carbonio. Secondo il National Geographic, le cremazioni nei soli Stati Uniti emettono circa 360.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno.

 

Come riportato da Renovatio 21, vi sarebbe ora anche una nuova alternativa ecologica, la cosiddetta «acquamazione»: i cadaveri vengono sciolti nell’acido e poi scaricati nelle fogne, così da risparmiare anidride carbonica per combattere il Cambiamento Climatico. Il celebre vescovo anglicano sudafricano Desmond Tutu ha deciso di andarsene così; purtroppo è accaduto che, coincidenza, poche ore dopo un edificio pubblico proprio accanto alla Cattedrale di Città del Capo dove si è svolto il funerale acquamatorio sia andato in fiamme, consumando così tantissima anidride carbonica risparmiata con fatica nel dissolvimento via acido del corpo del vescovo.

 

Tornando al compost umano californiano, l’autore del disegno di legge, la democrat Cristina Garcia, ha sottolineato che la legge è motivata dal Cambiamento Climatico. «Con il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello del mare come minacce reali per il nostro ambiente, questo è un metodo alternativo di smaltimento finale che non contribuirà alle emissioni nella nostra atmosfera».

 

Lei stessa freme all’idea di divenire concime: «Non vedo l’ora di continuare la mia eredità di lottare per l’aria pulita usando i miei resti ridotti per piantare un albero».

 

Le leggi sul concime di cadaveri hanno paletti piuttosto grotteschi.

 

In Colorado la legge stabilisce che i cadaveri-concime di più persone non possono essere combinato senza consenso, il fertilizzante cadaverico non può essere venduto e non può essere utilizzato per coltivare cibo per il consumo umano.

 

Il disegno di legge della California vieta la combinazione di resti di più persone, purché non siano familiari (da parenti serpenti a parenti vermetti?), ma a differenza del Colorado, la California non vieta esplicitamente la vendita del compostaggio umano o il suo utilizzo per coltivare cibo per il consumo umano.

 

«Il processo ha incontrato l’opposizione in California da parte della Chiesa cattolica, che afferma che il processo “riduce il corpo umano a un semplice prodotto usa e getta» scrive il SF Gate. Non ci pare che il Sacro Palazzo abbia detto qualcosa in merito di recente. Tuttavia alcune voci cattoliche californiane hanno ricordato che il processo del NOR era stato inizialmente sviluppato per il bestiame – come la riproduzione artificiale, aggiungiamo noi, che conosciamo come la zootecnica sia solo il laboratorio di quello che poi accade all’uomo ridotto dal mondo moderno a bestia da produrre, sfruttare ed abbattere a piacimenti.

 

«Questi metodi di smaltimento sono stati utilizzati per ridurre la possibilità che la malattia fosse trasmessa dalla carcassa morta», ha dichiarato Kathleen Domingo, della California Catholic Conference . «L’uso di questi stessi metodi per la “trasformazione” dei resti umani può creare uno sfortunato allontanamento spirituale, emotivo e psicologico dal defunto».

 

La Domingo dice che il processo, che potrebbe portare alla dispersione di resti umani in luoghi pubblici, «rischia che le persone calpestino resti umani a loro insaputa mentre ripetute dispersioni nella stessa area equivalgono a una fossa comune».

 

Il fenomeno in questi anni era stato riportato più volte da Renovatio 21.

 

È per noi impossibile non vedere come tutto questo sia la Necrocultura realizzata: l’uomo ridotto a concime (cioè escremento), e le sue spoglie reinserite nel ciclo alimentare, in attesa che sia legalizzato il cannibalismo vero e proprio – il tutto sotto l’imperativo emergenziale dell’ambiente, vero padrone delle nostre vite e perfino dei nostri corpi.

 

Siamo davanti al quadro spudorato della distruzione totale della dignità umana, con l’essere umano, che è Imago Dei, Immagine di Dio, ridotto al ruolo che ha la cacca dei bovini. La massa vaccina, del resto, correrà a farsi compostare.

 

Notiamo infine come sia ironico che la legge passi in questo 2022, che è esattamente l’anno della vecchia pellicola del 1973  2022 i sopravvissuti, la quale raccontava di una società distopica che si cibava dei corpi della gente lavorati industrialmente.

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Dirigente di azienda di «carne vegana» morde il naso di un automobilista

Pubblicato

il

Da

Un dirigente di Beyond Meat, azienda che produce l’hamburger «vegano», è stato arrestato dopo un alterco che lo ha visto mordere il naso di un automobilista portandone via le carni. L’uomo ora starebbe affrontando accuse di percosse e pure di minaccia terroristica.

 

Lo scioccante e apparentemente contraddittorio incidente sarebbe avvenuto dopo una partita di Football americano.

 

Un rapporto della polizia sostiene che il 53enne Doug Ramsay, COO (Chief Operating Officerf, cioè direttore operativo) di Beyond Meat residente a Fayetteville, avrebbe aggredito un altro uomo che cercava di uscire con la macchina davanti a lui in una corsia di parcheggio.

 

La lite si sarebbe tramutata in violenza quando, riferisce la testata locale KNWA Fox 24, il Ramsey «ha iniziato a prendergli a pugni il corpo», prima di mordergli il naso e strappare parte della carne. Dal rapporto di polizia si presume il che Ramsay sia uscito dal suo veicolo e abbia «preso a pugni il parabrezza posteriore» dell’altra auto.

 

L’autista dell’altro veicolo ha detto alla polizia di essere uscito dalla sua auto, a quel punto Ramsay «lo ha tirato vicino e ha iniziato a prendergli a pugni il corpo» e ha anche «morso il naso del proprietario [dell’auto], strappando la carne sulla punta del naso».

 

La presunta vittima e un testimone hanno anche riferito di aver sentito Ramsey «minacciare di uccidere» l’uomo.

 

Prima di divenire COO di Beyond Meat, il Ramsey ha lavorato per il colosso delle carni USA Tyson Food, che è stato uno dei primi investitori nell’azienda.

 

Beyond Meat, basata a Los Angeles, è una delle principali aziende al mondo a proporre sostituiti della carne a base vegetale. I prodotti Beyond Meat sono disponibili in circa 118.000 punti vendita al dettaglio e ristorazione in oltre 80 paesi in tutto il mondo.

 

Bill Gates, che più volte ha insistito per introdurre nell’alimentazione globale la carne sintetica, in un’intervista al MIT Technology Review aveva avuto parole di elogio per Beyond Meat.

 

Nella produzione di carne sintetica «Impossible Meats e Beyond Meat hanno una road map, una road map di qualità e una road map dei costi, che li rende totalmente competitivi» dichiara l’uomo Microsoft.

 

Gates è ovviamente tra la compagine di investitori di Beyond Meat.

 

Come riportato da Renovatio 21, la cosiddetta «carne vegetale» può produrre ai consumatori problemi che vanno dallo squilibrio biochimico alla deformazione vera e propria.

 

Un hamburger a base di soia s contiene 18 milioni di volte più estrogeni rispetto ad un normale hamburger di carne bovina, e calcoliamo che «solo sei bicchieri di latte di soia al giorno hanno abbastanza estrogeni per far crescere le tette su un maschio», ha scritto il professor James Stangle, un medico di medicina veterinaria del Sud Dakota.

 

Un altro studio del 2008 ha scoperto che gli uomini che hanno mangiato più soia avevano una minore concentrazione di spermatozoi.

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Allucinante video di Bill Gates sulla pannocchia: la bioingegneria del Grande Reset alimentare diventa cringe

Pubblicato

il

Da

Il magnate globale Bill Gates ha lanciato sul suo canale un allucinante video che parla di pannocchie.

 

Nel filmato il primo finanziatore dell’OMS appare con una maglietta con stampata sopra una pannocchia mentre parla con una voce distorta di bambina.

 

La musica mostra una serie di immagini montate rapidamente, come un videoclip, dove foto apparentemente ritoccate di Gates bambino si alternano a immagini di grano, campi e a scritte didascaliche sull’importanza del granturco.

 

Nel filmato il miliardario continua a cantare con la voci di bimba anche mentre addenta con avidità una gialla pannocchia.

 

Si tratta con certezza di una delle vette di quello che oggi si chiama cringe.

 

 

Il video è pensato sin dal titolo («It has the juice – and it’s at risk») per trasmettere l’idea che le coltivazioni di grano sono a rischio: di qui immagini catastrofiche di campi resi infertili, aiutano a capire le didascalie, dall’«impatto del cambiamento climatico».

 

Il filmato è stato postato nel canale YouTube ufficiale di Bill Gates, lo stesso che, come sa il lettore di Renovatio 21, aveva ospitato i suoi stranissimi e costosissimi spot all’ingegneria genetica CRISPR-CAS9, nei quali peraltro parlava proprio dei suoi investimenti per bioingegnerizzare l’agricoltura.

 

Come noto, Bill Gates nel 2020 è divenuto il primo proprietario terriero degli USA – curiosa coincidenza in un mondo dove il suo amico di Davos Klaus Schwab dice al resto dell’umanità «non avrai nulla e sarai felice».

 

Come l’immane investimento in latifondi si incastri con il resto dei suoi investimenti, dall’elettronica ai vaccini, lo spiegò in un articolo di due anni fa Robert F. Kennedy jr.

 

«Per un uomo ossessionato dal controllo monopolistico, l’occasione di dominare anche la produzione alimentare deve sembrare irresistibile» scrisse Kennedy.

 

«L’approccio tipico di Gates ai problemi globali pone la tecnologia e i suoi partner dell’industria chimica, farmaceutica e petrolifera al centro di ogni soluzione. La “strategia innovativa” di Gates per la produzione alimentare è stata quella di imporre il fallimentare sistema americano di agricoltura basata su OGM, prodotti chimici e combustibili fossili ai poveri agricoltori africani».

 

«Il numero di africani che soffrono di fame estrema è aumentato del 30 per cento nei 18 Paesi presi di mira da Gates. La povertà rurale si è metastatizzata in modo drammatico e il numero di persone che soffrono la fame in queste nazioni è salito a 131 milioni»

 

«Sotto il sistema di piantagioni di Gates, le popolazioni rurali africane sono diventate schiave sulla propria terra di una tirannica servitù di strumenti high-tech, meccanizzazione, orari rigidi, condizionalità gravose, crediti e sussidi che sono le caratteristiche distintive della “Rivoluzione Verde” di Bill Gates» accusa Kennedy jr.

 

«Gates ha imparato a ingrassare sulle crisi globali, che si tratti di pandemie, clima, carestia o estinzione di massa. Il cambiamento climatico ha fornito a Gates una scusa per creare monopoli su sementi, cibo e agricoltura (…)Nel costruire il suo impero agricolo, Gates si è ripetutamente dimostrato disposto a ignorare le voci di scienziati e agricoltori e di calpestare leggi, trattati, tradizioni, diritti civili, scienza e sensibilità».

 

«Gates rafforza la sua logica in materia di brevetti utilizzando la tecnologia CRISPR per modificare selettivamente il patrimonio genetico dei semi, apportando modifiche sufficienti per resistere alle sfide dei brevetti (…) Centralizzando le Banche dei Semi e manipolando le leggi sulla proprietà intellettuale, Gates ha lanciato una campagna di «colonialismo genetico» per depredare i contadini del mondo e gli agricoltori indigeni dei loro sudati semi e della loro conoscenza».

 

Queste considerazioni era condivise anche dall’analista geopolitico William F. Engdahl, il quale ha dettagliato in un articolo di due anni fa come la Fondazione Gates abbia operato una sorta di prova generale in Africa distruggendone di fatto l’economia alimentare.

 

Engdahl spiegò che la Gates Foundation è un azionista significativo di Monsanto, ora parte di Bayer. «La Fondazione Bill e Melinda Gates ha ereditato l’agenda dei Rockefeller dal complesso medico-industriale all’istruzione alla trasformazione dell’agricoltura».

 

L’agenda alimentare Rockefeller, è possibile leggere in un altro articolo pubblicato da Renovatio 21, è risalente…

 

«La globalizzazione della produzione alimentare mondiale e la creazione dell’agrobusiness, prima guidata dalla Fondazione Rockefeller e oggi con la Fondazione Gates che assume un ruolo più visibile, è forse il fattore più minaccioso per la salute e la mortalità mondiale, molto più di quanto qualsiasi coronavirus abbia dimostrato di esserlo» spiegava Engdahl, che dava dettagli su programmi disastrosi avvenuti in Africa i quali riguardavano esattamente il mais.

 

Come riportato da Renovatio 21, con ogni evidenza Gates sta preparando un Grande Reset alimentare.

 

«La Gates Foundation, alimentata da una “empia alleanza” tra il grande capitale, le istituzioni scientifiche e tecnologiche e gli stati, abbia stabilito un impero globale sulla vita» scrive un vecchio articolo di Children’s Health Defense.

 

Si tratta della diligente conseguenza di chi vuole il controllo – cifra principale della cibernetica – sull’umanità: si persegue il controllo dell’uomo per via biochimica tramite i canali di assunzione di sostanze dell’organismo, i medicinali (come i vaccini…) e financo gli alimenti.

 

Pensateci un secondo. Cerchiamo di ripetere il concetto.

 

Dopo aver ottenuto l’accesso al sistema sanitario mondiale – cioè a sostanze immesse nel corpo dell’umanità per via sottocutanea – Gates sta ottenendo il controllo sul sistema alimentare, cioè sulle sostanze immesse per via digerente.

 

C’è un salto di qualità: i farmaci si possono rifiutare, dei vaccini si può fare a meno. Del cibo no.

 

È il dominio biochimico sulla vita che si sta realizzando, giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi.

 

Anche a suon di video talmente cringe da farceli sanguinare.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari