La Danimarca vieta i finanziamenti esteri alle moschee

 

 

 

Il parlamento danese ha  approvato  una nuova legge che vieta ai governi stranieri di finanziare le moschee in Danimarca. La misura mira a impedire ai paesi musulmani, in particolare Qatar, Arabia Saudita e Turchia, di promuovere l’estremismo islamico nelle moschee e nelle strutture di preghiera danesi.

 

La Danimarca si unisce a un elenco crescente di paesi europei – tra cui Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Svizzera – che hanno intrapreso diversi gradi di azione per impedire ai governi stranieri di finanziare la costruzione e la manutenzione delle moschee sui loro territori.

 

La Danimarca si unisce a un elenco crescente di paesi europei – tra cui Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Svizzera – che hanno intrapreso diversi gradi di azione per impedire ai governi stranieri di finanziare la costruzione e la manutenzione delle moschee sui loro territori

Negli ultimi anni Algeria, Kuwait, Libia, Marocco, Arabia Saudita, Turchia, Qatar ed Emirati Arabi Uniti, tra gli altri, hanno distribuito centinaia di milioni di euro per finanziare la diffusione dell’Islam in Europa.

 

Il 9 marzo, il parlamento danese ha  votato  79 contro 7 per l’approvazione della legge 81, «Proposta di legge che proibisce la ricezione di donazioni da alcune persone fisiche e giuridiche». La legge, che non menziona l’Islam o l’islamismo per nome,  afferma:

 

«Lo scopo della legge è impedire a persone fisiche e giuridiche, comprese autorità di stati stranieri e organizzazioni e società gestite dallo Stato, di lavorare contro o minare la democrazia, le libertà fondamentali ei diritti umani facendo donazioni».

 

«Il ministro dell’immigrazione e dell’integrazione può (…) decidere se le persone fisiche e giuridiche, comprese le autorità di stati stranieri e le organizzazioni e le società statali che si oppongono o minano la democrazia, le libertà fondamentali ei diritti umani, devono essere assegnate a un pubblico elenco dei divieti».

 

«Chiunque riceva una o più donazioni che, individualmente o insieme, superano DKK 10.000 (€ 1.350) entro 12 mesi di calendario consecutivi, da una persona fisica o giuridica inclusa nell’elenco pubblico dei divieti (…) è punibile con una multa».

 

«Oggi ci sono forze estremiste all’estero che stanno cercando di rivoltare i nostri cittadini musulmani contro la Danimarca e quindi dividere la nostra società. Diverse volte negli ultimi anni, i media hanno riferito di moschee danesi che ricevono milioni dal Medio Oriente, tra gli altri. Il governo si opporrà a questo»

«Chiunque (…) abbia ricevuto una o più donazioni che singolarmente o insieme superano DKK 10.000 entro 12 mesi di calendario consecutivi (…) deve restituire la donazione al donatore entro 14 giorni dal momento in cui la persona in questione è diventata o avrebbe dovuto diventare consapevole di questo (…)».

 

La legislazione è stata sponsorizzata dal Ministero degli Affari Esteri e dell’Integrazione ed entra in vigore il 15 marzo 2021. Il ministro degli Esteri Mattias Tesfaye ha  dichiarato:

 

«Oggi ci sono forze estremiste all’estero che stanno cercando di rivoltare i nostri cittadini musulmani contro la Danimarca e quindi dividere la nostra società. Diverse volte negli ultimi anni, i media hanno riferito di moschee danesi che ricevono milioni dal Medio Oriente, tra gli altri. Il governo si opporrà a questo».

 

«Questo disegno di legge è un passo importante verso la lotta contro i tentativi degli estremisti islamici di guadagnare terreno in Danimarca. Con questo, possiamo adottare un approccio mirato alle donazioni che minano i valori su cui si basa la società danese».

 

«Il disegno di legge non risolverà tutti i problemi a cui possono sorgere islamisti estremi e forze antidemocratiche. Ma è un buon passo sulla strada e sarà un vantaggio per la società ogni volta che potremo fermare una donazione antidemocratica. in Danimarca».

L’Arabia Saudita ha donato 4,9 milioni di corone danesi (€ 660.000) per finanziare la Moschea di Taiba, una delle più conservatrici, base di numerosi islamisti condannati per reati di terrorismo

Tesfaye è intervenuto dopo che il quotidiano danese  Berlingske aveva riferito  nel gennaio 2020 che l’Arabia Saudita ha donato 4,9 milioni di corone danesi (€ 660.000) per finanziare la Moschea di Taiba, situata nel distretto «multiculturale» di Nørrebro, noto anche come “piccola Arabia”. La donazione è stata effettuata tramite l’Ambasciata dell’Arabia Saudita in Danimarca.

 

La Moschea di Taiba, una delle più conservatrici della Danimarca, è stata la base di numerosi islamisti condannati per reati di terrorismo.

 

La donazione, inclusa nel rapporto annuale della Moschea di Taiba, è stata la prima prova documentata che l’Arabia Saudita stava donando denaro alle moschee danesi. Berlingske ha successivamente riferito che l’Arabia Saudita finanziava altre moschee in Danimarca.

 

La prima moschea costruita appositamente in Danimarca – la Grande Moschea di Copenaghen, ufficialmente conosciuta come Hamad Bin Khalifa Civilization Center – è stata aperta nel giugno 2014 dopo aver ricevuto una donazione di 227 milioni di corone danesi (€ 30 milioni; $ 36 milioni) da Hamad bin Khalifa al Thani , l’ex emiro del Qatar.

La Turchia ha finanziato la costruzione di 27 moschee in Danimarca

 

Nel frattempo, la Turchia ha finanziato la costruzione di 27 moschee in Danimarca, comprese le città di Aarhus, Ringsted e Roskilde e nelle città di Fredericia, Hedehusene e Holbæk.

 

Nel settembre 2020,  Berlingske ha riferito che Abu Bashar, un noto imam di Odense, ha costretto una donna a firmare un documento secondo cui avrebbe perso la custodia dei suoi figli se avesse chiesto il divorzio dal marito. Ha detto che un tale divorzio violerebbe l’onore della famiglia.

 

Il documento, che violava la legge danese, ha causato allarme tra i funzionari danesi. Il primo ministro Mette Frederiksen ha scritto:

 

«La sharia non appartiene alla Danimarca (…) Non è danese, e non deve mai e poi mai diventare danese».

 

«La sharia non appartiene alla Danimarca. Ieri e oggi abbiamo letto di contratti di divorzio basati sulla sharia. A Fionia [la terza isola più grande della Danimarca]. In Danimarca. È sbagliato. È opprimente per le donne. Non è danese, e non deve mai e poi mai diventare danese».