Connettiti con Renovato 21

Persecuzioni

Kurdistan, uccisa dai parenti per la conversione al cristianesimo

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

Nella Giornata internazionale della donna la notizia della morte violenta per mano del fratello e dello zio. La giovane aveva decine di migliaia di follower sui social, dove promuoveva battaglie a favore dei diritti e delle libertà. Appena 12enne era stata costretta dalla famiglia musulmana a sposare un uomo da cui si era separata quattro anni più tardi.

 

 

Nella giornata internazionale della donna, dal Kurdistan iracheno arriva la notizia dell’omicidio di una giovane di circa 20 anni per mano di un familiare.

 

La sua unica colpa, se così si può definire, è quella di aver scelto – lei, proveniente da una famiglia musulmana – di convertirsi al cristianesimo e farsi chiamare con nuovo nome: Maria.

 

A conferma che il cammino di tolleranza e convivenza nel Paese, seppur bene avviato grazie anche alla visita lo scorso anno di papa Francesco e all’opera del patriarca di Baghdad il card. Louis Raphael Sako, sono ancora oggi un traguardo da raggiungere.

 

E neppure il Nord, la regione curda relativamente più tranquilla e capace in passato di ospitare decine di migliaia di cristiani e yazidi (oltre ai musulmani) in fuga dallo Stato islamico, è aliena da sacche di violenze di matrice confessionale.

 

La vittima – massacrata a colpi di coltello – si chiamava Eman Sami Maghdid, sebbene da tempo usasse il nome cristiano di «Maria» anche sui social, dove era molto popolare e seguita.

 

L’omicidio risale al 6 marzo, ma solo ieri nella festa della donna sono emersi maggiori dettagli che fanno pensare a una «punizione» in famiglia per aver abbandonato l’islam, essersi emancipata dal nucleo di origine e aver abbracciato la religione cristiana, rendendosi «colpevole» di apostasia.

 

Il delitto è avvenuto nei pressi dell’aeroporto internazionale di Erbil, non distante da Ankawa, distretto a prevalenza cristiana di Erbil. Ad ucciderla sarebbe stato lo zio, con la complicità del fratello.

 

n un primo momento era emersa la notizia dell’arresto di entrambi i presunti assassini, poi le Forze dell’ordine hanno parlato di un solo fermo (lo zio).

 

La ragazza era famosa per la sua lotta per i diritti delle donne, attivismo che – assieme alla conversione al cristianesimo – avrebbe sancito la «condanna» dei familiari i quali parlano invece di «controversie» e «dissidi» interni.

 

Una fonte istituzionale di AsiaNews, che chiede l’anonimato per motivi di sicurezza, spiega che «dopo la conversione aveva scelto di farsi chiamare Maria».

 

I familiari «dicono che il cristianesimo non è la ragione» alla base dell’omicidio, legato invece «al fatto di voler vivere da sola, aver lasciato dopo quattro anni un marito che era stata costretta a sposare all’età di 12 anni, voler essere libera».

 

Poi «non voleva mettere il velo, non voleva più seguire le tradizioni islamiche» e questo avrebbe armato la mano dei parenti, fino ad ucciderla.

 

«Anche il padre – prosegue la fonte – dicono sia un venditore di frutta e verdura, quando in realtà ha un ruolo di imam ed è una personalità religiosa ben conosciuta all’interno della comunità islamica».

 

«Hanno trovato il corpo – prosegue – legato da un nastro, gettato ai bordi della strada, con numerosi colpi di coltello».

 

Maria era una persona aperta, viveva con una amica ed era parte di una commissione che lottava per i diritti delle donne arabe e irachene.

 

Ironia della sorte, la sua morte è arrivata proprio nei giorni in cui si celebra la giornata internazionale della donna a testimonianza di un cammino ancora lungo e faticoso in tema di diritti, rispetto della libertà di scelta anche e soprattutto in un contesto come quello islamico radicale.

 

A questo si affianca la punizione per la conversione: «Molti musulmani in questi anni – conferma la fonte di AsiaNews – sono diventati cristiani, ma la questione viene fatta passare sotto silenzio per non alimentare scontri e tensioni. Di tutta questa vicenda – conclude – restano la condanna di personalità cristiane, musulmane e governative curde per l’omicidio».

 

E i molti video su Tik Tok dove aveva quasi 50mila follower e diffondeva messaggi di coraggio, lotta, emancipazione non esitando a mostrarsi mentre fumava, indossava vestiti «all’occidentale» e accusava: «Essere diversi, in Kurdistan, può causare la morte».

 

Aveva ragione.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine da Twitter

Continua a leggere

Persecuzioni

Il papa si rifiuta di difendere cardinale Zen prima del processo e chiede il «dialogo» con la Cina comunista

Pubblicato

il

Da

Papa Bergoglio ha descritto la Cina comunista come «non antidemocratica» e ha rifiutato di sostenere il cardinale di Hong Kong Joseph Zen mentre si prepara ad andare sotto processo nel Paese il 19 settembre. 

 

Parlando ai giornalisti a bordo dell’aereo papale dal Kazakistan in arrivo giovedì, Papa Francesco ha sollevato domande sulla Cina e sul rapporto del Vaticano con lo Stato comunista. 

 

«Per capire la Cina ci vuole un secolo e noi non viviamo per un secolo», ha assicurato il romano pontefice, descrivendo la mentalità cinese come «una mentalità ricca, e quando si ammala un po’ perde la sua ricchezza; è capace di fare degli sbagli. Per capire abbiamo scelto la via del dialogo, aperti al dialogo».

Riferendosi al controverso accordo del Vaticano con la Cina, Francesco ha detto che «sta andando bene, lentamente, perché il ritmo cinese è lento, hanno un’eternità per andare avanti: sono un popolo di una pazienza infinita».

 

Senza citare nessun dettaglio dell’accordo sinovaticano in gestazione, il Bergoglio ha aggiunto che «Non è facile capire la mentalità cinese, ma va rispettata, io rispetto sempre».

 

Francesco ha elogiato il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, per il suo ruolo nel presiedere la «commissione di dialogo» con le autorità cinesi – un processo che «sta andando bene», ha affermato, lodandoil ruolo di Parolin, che «in questo momento è l’uomo che più conosce della Cina e il dialogo cinese».

 

«È una cosa lenta, ma sempre si fanno passi avanti» ha dichiarato il papa nella sua usuale conferenza stampa ad alta quota.

Alla domanda se considerasse il processo contro il cardinale Zen una «violazione della libertà religiosa», Francesco sembrava suggerire che il processo non fosse inaspettato.

 

«Qualificare la Cina come antidemocratica io non me la sento, perché è un Paese così complesso… si è vero che ci sono cose che a noi sembrano non essere democratiche, quello è vero. Il cardinale Zen andrà a giudizio in questi giorni, credo. E lui dice quello che sente, e si vede che ci sono delle limitazioni lì» ha detto un po’ confusamente il pontefice.

 

Il Francesco ha quindi perseverato nella confusione chiudendo il discorso con una frase non comprensibilissima.

 

«Più che qualificare, perché è difficile, e io non me la sento di qualificare, sono impressioni, cerco di appoggiare la via del dialogo».

 

Come noto, il cardinale di Hong Kong Joseph Zen Ze-kiun è stato arrestato per «collusione con forze straniere» quattro mesi fa e successivamente incriminato. Come riportato da Renovatio 21, in una situazione mai veduta prima, persino il laicissimo Parlamento Europeo ha superato il Vaticano in fatto di difesa del cardinale Zen, chiedendo al Sacro Palazzo di difendere il prelato dalla repressione cinese.

 

Nel flusso di parole con accento argentino, ad ogni modo, mai si è udita una parola di difesa del cardinale Zen, principe della chiesa che pare non interessare troppo al suo re.

 

L’accordo sino-vaticano è qualcosa di mostruoso ed imbarazzante, visto che le persecuzioni contro la chiesa cattolica non sembrano diminuite da quando è stato posto in essere. Si hanno casi di sacerdoti della chiesa sotterranea (cioè, pienamente cattolica) fatti sparire; ci sono notizie di preti torturati affinché aderiscano alla «Chiesa patriottica» ora in accordo con Roma; i seminari vegono smembrati; gli orfanotrofi cattolici vengono chiusi; le chiese vengono demolite; le suore vengono perseguitate; vi sono vescovi che spariscono, vescovi gettati in prigione, mentre in chiesa si celebra l’anniversario della nascita del Partito Comunista Cinese.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’anno scorso si era arrivati alla situazione dolorosamente grottesca di un sacerdote torturato dalle autorità cinesi mentre un nuovo vescovo veniva consacrato. I cittadini cinesi, di fatto, sono invitati a denunciare «attività cristiane illegali» anche per mezzo di compensi.

 

sospetta che in certa parte la gerarchia cattolica potrebbe essere ricattata tramite Grindr, l’app per incontri gay dove si dice abbondino le presenze di consacrati anche in Italia. L’americana Grindr, con tutti i suoi dati, fu acquistata da una società cinese. Donald Trump ne chiese la restituzione, perché erano stati trasferiti troppi dati sensibili che potevano essere usati per ricattare quantità di impiegati del governo, agenti di polizia, militari, etc. Bizzarramente Pechino concesse agli americani di riprendersi Grindr, ma è facile supporre che forse i dati degli utenti siano ancora lì da qualche parte.

 

È da notare che nell’arco di decine di anni, l’uomo di collegamento fra la Cina e il Papato fu Theodore McCarrick, il cardinale accusato di sodomia con innumeri novizi e pure con ragazzini. McCarrick, travolto dallo scandalo, fu privato del titolo di cardinale dallo stesso Francesco, che tuttavia, secondo le accuse dell’ex Nunzio Apostolico in USA monsignor Carlo Maria Viganò, a inizio pontificato invece lo difendeva-

 

Grazie a Wikileaks (un cablo del 2006) sappiamo che in almeno due viaggi, McCarrick dormì in un seminario di Pechino della Chiesa Patriottica, cioè la copia della Chiesa cattolica, che non rispondeva a Roma ma al potere pechinese – la falsa chiesa che l’accordo sinovaticano ha premiato con il riconoscimento.

 

L’oceano di sozzura sul quale galleggia l’infame accordo cino-bergogliano, per il quale i fratelli cattolici continuano a subire persecuzione e  martirio, pare non avere limite.

 

E ai fiumi di sangue dei cristiani che sgorgano dalla Cina il Bergoglio risponde con fiumi di parole confuse. O meglio, non risponde affatto.

 

Sanguis Martyrum, semen christianorum. Il sangue dei martiri è il seme dei cristiani.

 

Considerate quindi che il papato Bergoglio lavora per la contraccezione, oltre che della vita umana tout court, anche del semen christianorum che ha creato la Cristianità e quindi la Civiltà così come la conosciamo.

 

Il papa filocinocomunista è, tecnicamente, un distruttore della Civiltà su tutto il pianeta.

 

 

 

Immagine di Jindřich Nosek (NoJin) via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine modificata

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

La giunta golpista birmana circonda una chiesa di mine e bombarda una scuola

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Le truppe dell’esercito hanno profanato un edificio religioso cattolico e attaccato una scuola elementare di un complesso monastico buddhista, uccidendo 11 bambini. I media di Stato dicono che le morti civili sono causate dai miliziani della resistenza, che usano le persone come scudi umani. In realtà i militari hanno cremato i corpi nel tentativo di nascondere l’ennesimo crimine.

 

 

Le truppe della giunta golpista birmana hanno profanato una chiesa cattolica usandola come cucina per i propri soldati e circondandola di mine dopo averla abbandonata. Lo hanno riferito fonti locali a UcaNews: la chiesa occupata è la Chiesa della Madre di Dio che si trova nella città di Mobye, diocesi di Pekhon, nello Stato meridionale Shan.

 

Due giorni fa, invece, gli attacchi aerei della giunta hanno bombardato una scuola monastica elementare uccidendo 11 bambini: in un secondo momento i soldati hanno cremato i corpi nel tentativo di nascondere le tracce dell’ennesimo crimine.

 

Dal colpo di Stato del febbraio 2021 – con cui i militari hanno spodestato il governo civile guidato da Aung San Suu Kyi – l’esercito birmano si è macchiato di violenze atroci contro i civili, prendendo più volte di mira le istituzioni religiose – non solo cristiane – in cui la popolazione cerca rifugio dagli scontri.

 

A Mobye i combattimenti tra le truppe dell’esercito e le forze anti-golpe erano iniziati due settimane fa: i soldati hanno abbandonato la chiesa dopo una settimana ma prima di andarsene hanno tappezzato di mine i terreni circostanti. I miliziani della resistenza hanno avvertito i parrocchiani di non avvicinarsi alla chiesa.

 

Un video girato dalle forze anti-golpe e circolato sui social mostra le uniformi e le vettovaglie da cucina lasciate dalle truppe. «Il danno alla chiesa, che è un luogo santo di Dio, è il risultato dell’attacco del diavolo», ha scritto su Facebook un sacerdote birmano in esilio.

 

Più di 5 mila civili sono fuggiti da Mobye dopo che almeno 100 abitazioni sono state distrutte dagli attacchi aerei. Nei giorni scorsi è stato colpito anche il monastero della città: due bambine di 7 e 12 anni che vi si erano nascoste insieme ad altre persone sono state uccise.

 

La diocesi di Pekhon è una delle aree più interessate dalle aggressioni della giunta birmana insieme alla vicina città di Loikaw, nello Stato Kayah: sei parrocchie che hanno subito ripetuti attacchi sono ora completamente disabitate, mentre almeno 150mila i fedeli cristiani hanno abbandonato il Kayah e lo Shan per rifugiarsi negli Stati limitrofi.

 

Il 17 settembre due elicotteri Mi-35 hanno bombardato una scuola monastica nel villaggio Let Yet Kone, nella regione del Sagaing: 7 bambini sono morti sul colpo (altri 4 nelle ore successive) mentre altre 17 persone, tra insegnanti e studenti, sono rimaste ferite.

 

Secondo quanto riferito dagli abitanti del posto, i soldati, costringendo la popolazione locale a collaborare, hanno poi cremato i corpi nel villaggio di Ye-U, dove è presente un avamposto militare.

 

«C’erano pozze di sangue all’interno della scuola. Pezzi di carne erano sparsi dappertutto, sui ventilatori, sui muri e sul soffitto», ha detto un abitante del villaggio andato a verificare lo stato della scuola dopo l’attacco. «I genitori di due bambini sono venuti a cercare i loro figli, ma tutto ciò che era rimasto erano dei vestiti, così non hanno potuto nemmeno celebrare i funerali».

 

I media di Stato birmani hanno affermato che la scuola e il villaggio fossero un nascondiglio per le forze di resistenza (l’esercito per l’Indipendenza del Kachin e le Forze di difesa popolari), aggiungendo che i civili sono morti perché le milizie ribelli li hanno usati come scudi umani.

 

I residenti locali dicono che si sia trattato di un attacco unilaterale da parte del regime.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Airwolfhound via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Punjab: attacco a una chiesa cattolica, minacce dai sikh

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Irruzione in una parrocchia a 50 chilometri da Amritsar, vandalismi e violenze. La setta dei nihang ha preso di mira i cristiani per le conversioni e dice di voler «passare all’azione». Il parroco padre Poochalil: «Pregate la Madonna perché porti pace e tranqullità in questa zona».

 

 

Un gruppo di uomini non identificati ha fatto irruzione oggi nella Chiesa cattolica del Bambin Gesù a Patti, un’antica città dello Stato indiano del Punjab, vandalizzando una statua mariana che si trova nel complesso e dando fuoco all’auto del parroco.

 

Secondo un messaggio del sacerdote locale padre Thomas Poochalil, l’irruzione è avvenuta intorno alle 12.45 del mattino. Alcuni malviventi hanno bloccato le guardie di sicurezza, mentre altri attaccavano la chiesa gridando «Siamo khalistani (il movimento indipendentista dei sikh ndr)».

 

La parrocchia fa parte della diocesi di Jalandhar e la città – inserita nel distretto di Tarn Taran – si trova a circa 50 km a sud di Amritsar, la città santa dei sikh.

 

Le minacce contro i cattolici durano già da alcuni giorni nel vicino villaggio di Jandiala.

 

I nihang – un’antica setta dei sikh dai cui ranghi uscivano i combattenti – accusano i cristiani di operare conversioni nei loro territori e sostengono di non essere ascoltati dal governo del Punjab.

 

Il recente arresto di alcuni nihang per aver interrotto con la forza una celebrazione cristiana in un villaggio ha ulteriormente infiammato gli animi

 

Per il 5 settembre è convocata una congregazione sikh ad Anandpur Sahib che approverà una risoluzione contro le conversioni. «Se i governi non riusciranno a frenarle, verrà elaborato un piano d’azione», ha minacciato Giani Harpreet Singh, uno dei loro leader.

 

Padre Poochalil – il parroco della chiesa devastata – ha invitato a pregare Nostra Signora Regina della Pace affinché doni pace e tranquillità in questa zona e porti i colpevoli davanti alla legge.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari