Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

Il vaccino Dengvaxia ha richiesto vent’anni ed è stato un disastro: cosa accadrà affrettando i tempi per il vaccino contro il COVID-19?

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce e ripubblica questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo pezzo di CHD per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Editoriale di Lyn Redwood, Presidente, Children’s Health Defense

Lo sviluppo dei vaccini è un argomento che è sulla bocca di tutti mentre il mondo è alle prese con i sistemi per proteggere la nostra salute e la salute dei nostri cari dal Coronavirus. Il team di Children’s Health Defense ha deciso di scrivere un articolo sulla febbre dengue perché una parte importante del corpus di conoscenze della medicina deriva dall’opportunità di imparare dagli errori del passato.

 

La febbre dengue è una malattia comune in oltre 120 paesi e, come il Coronavirus, è stata per molti anni l’obiettivo di un vaccino. Lo sviluppo e il brevetto del vaccino Dengvaxia di Sanofi hanno richiesto oltre vent’anni e 1,5 miliardi di dollari. Ma lo sviluppo del vaccino si è rivelato difficile. Gli anticorpi del vaccino contro la dengue possono anche aggravare l’infezione, specialmente nei neonati e nei bambini che non sono mai stati esposti al virus. Infatti, il virus può utilizzare gli anticorpi creati dal vaccino per diffondersi in tutto il corpo. Quindi un’infezione di dengue – quando il sangue contiene già anticorpi – può effettivamente agevolare la malattia portando a complicanze mortali.

Gli anticorpi del vaccino contro la dengue possono anche aggravare l’infezione, specialmente nei neonati e nei bambini che non sono mai stati esposti al virus: infatti, il virus può utilizzare gli anticorpi creati dal vaccino per diffondersi in tutto il corpo

 

Nonostante i test clinici su Dengvaxia effettuati da Sanofi su oltre 30.000 bambini in tutto il mondo e i risultati pubblicati sul prestigioso New England Journal of Medicine, ci sono stati seri problemi. Secondo gli epidemiologi che hanno esaminato i dati, gli studi erano costellati di «piccole imprecisioni, dati mancanti e rischi non calcolati”.

 

In quei rapporti clinici erano contenute segnalazioni relative alla sicurezza, in particolare riferite a un aumento della malattie, ma sia la compagnia sia l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) decisero di chiudere gli occhi e minimizzare, definendola una «possibilità teorica”. Dengvaxia è stato successivamente somministrato a migliaia di bambini nelle Filippine. Lo scorso anno è stato riportato che i decessi di circa 600 bambini che avevano ricevuto il vaccino sono oggetto di inchiesta da parte della Procura. Il vaccino è stato ufficialmente vietato nel paese.

 

Quello che è veramente preoccupante è che, dopo i danni e decessi causati da Dengvaxia nelle Filippine, la FDA ha approvato il vaccino negli USA e, come riporta un comunicato stampa del 1 maggio 2019, l’agenzia ha garantito l’applicazione della Revisione Prioritaria in un programma nato per incoraggiare lo sviluppo di nuovi farmaci e terapie per la prevenzione e la cura di alcune malattie tropicali. Tali azioni da parte della FDA sollevano serie domande sulla sicurezza, non solo per il vaccino Dengue, ma per i futuri vaccini in via di sviluppo.

 

Le domande sulla sicurezza dei vaccini sono di fondamentale importanza poiché ricerche passate hanno documentato le stesse preoccupazioni per il peggioramento delle malattie con i vaccini contro il Coronavirus. Il Dr. Peter Hotez, Decano della National School of Tropical Medicine del Baylor College of Medicine ha lavorato su un vaccino per il Coronavirus nel 2016 che ha interrotto poco prima dello sviluppo commerciale.

 

Le domande sulla sicurezza dei vaccini sono di fondamentale importanza poiché ricerche passate hanno documentato le stesse preoccupazioni per il peggioramento delle malattie con i vaccini contro il Coronavirus

Nonostante abbia «provato di tutto»per ottenere finanziamenti per effettuare gli studi clinici per il suo vaccino, Hotez ha detto a un comitato congressuale degli Stati Uniti (il 5 marzo) che i vaccini contro il Coronavirus sono scientificamente difficili e presentano un potenziale problema di sicurezza, lo stesso che si presenta con la reazione immunitaria che ha causato la morte dei bambini che hanno ricevuto il vaccino contro la dengue. Quando Hotez osservò questa risposta immunitaria al Coronavirus nei suoi animali da laboratorio, pensò: «Oh mio Dio, questo sarà un problema».

 

Come possiamo essere sicuri che la fretta di creare un vaccino contro il Coronavirus non produrrà un altro disastro come il vaccino contro la dengue? Purtroppo, almeno fino ad ora, ci sono poche garanzie che non accadrà più. Una delle questioni che devono essere affrontate sono i conflitti di interesse inerenti a un sistema che consente agli stessi enti governativi (HHS, NIH, FDA e CDC) di percepire le royalties dei brevetti dei vaccini in qualità di responsabili della ricerca, dell’approvazione, delle raccomandazioni per l’uso, dei controlli di sicurezza e del risarcimento per le lesioni.

 

Quando si è scoperto che le automobili presentavano difetti fatali e prevenibili, il libro scritto dal difensore dei consumatori Ralph Nader, Unsafe at Any Speed, ha portato ad audizioni al Congresso e, alla fine, alla creazione di un’agenzia indipendente per la sicurezza e la vigilanza. Per garantire che la sicurezza del vaccino diventi una priorità, dobbiamo fare un passo indietro e rivedere ogni fase del processo di sviluppo, revisione, approvazione, controllo della sicurezza e compensazione.

 

È tempo che il presidente Trump rinnovi il suo piano per creare una commissione per la sicurezza dei vaccini che assicuri che il processo abbia una revisione condotta da un team di controllo multidisciplinare e indipendente prima dell’approvazione di un vaccino contro il Coronavirus.

 

 

Il vaccino Dengvaxia ha richiesto vent’anni ed è stato un disastro: Cosa accadrà affrettando i tempi per il vaccino contro il COVID-19?

 

A cura di Children’s Health Defense

 

Per diverse settimane, il dottor Anthony Fauci e Bill Gates hanno parlato senza sosta di un vaccino contro il COVID-19, cercando di concentrare l’attenzione del mondo su un intervento medico che lo stesso Gates ammette essere abbastanza rischioso da richiedere una immunità contro azioni legali. I due stanno lanciando un vaccino contro il COVID-19 – che, ipotizzano, potrebbe essere pronto in appena 18 mesi – e rappresenterà un passaporto per un ritorno alla «normalità».

 

La mossa dei due leader sembra avere l’effetto opposto tra le persone abbastanza informate da capire che le  organizzazioni, i finanziamenti e i piani di FauciGates stanno guidando la corsa per un vaccino e, contemporaneamente, rimanere immuni da ogni responsabilità. Altri americani potrebbero essere troppo distratti dal blocco storico senza precedenti, tuttavia, per riflettere sui problemi di sicurezza sollevati da un potenziale vaccino per il COVID-19.

 

Si consiglia agli americani di rivisitare un racconto cautelativo su virus e vaccini che ha catturato brevemente l’attenzione un anno fa. Nell’aprile 2019, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato il vaccino Dengvaxia di Sanofi Pasteur, unendosi ad altri 19 paesi nel garantire l’approvazione normativa al primo vaccino al mondo contro la dengue.

 

La FDA ha dato il via libera non molto tempo dopo che le Filippine, il primo paese a estendere ampiamente il vaccino, avevano assistito a centinaia di ricoveri ospedalieri e morti in bambini di 9-16 anni, che rappresentano un chiaro segnale di sicurezza.

Il crollo di Dengvaxia è stato così drammatico che ha persino scavalcato le consuete polemiche sui problemi della sicurezza dei vaccini nei media statunitensi

 

Il crollo di Dengvaxia è stato così drammatico che ha persino scavalcato le consuete polemiche sui problemi della sicurezza dei vaccini nei media statunitensi. Come sintetizzato dalla National Public Radio (NPR), il programma di vaccinazione massiva contro la dengue delle Filippine – attuato con «indebita fretta» – non ha solo ucciso bambini ma ha provocato proteste, indagini penali, accuse, revoca della licenza del vaccino nel paese e un crollo di fiducia da parte dei genitori nella sicurezza dei vaccini dall’82% al 21%.

 

 

Vaccini virali e «potenziamento della malattia»

Dato che circa il 40% della popolazione mondiale è a rischio di infezione da dengue trasmessa dalle zanzare, non sorprende che l’industria farmaceutica abbia un vaccino contro la dengue nella sua lista da decenni.

 

Esistono quattro tipi di virus dengue che possono scatenare l’infezione, sebbene con una traiettoria altamente variabile che spazia dall’infezione asintomatica alla «malattia febbrile lieve e non specifica» (che rappresentano insieme circa il 75% dei casi) alla «febbre dengue classica» e, in un sottoinsieme “occasionale”, esiti più gravi come perdite plasmatiche, sanguinamento, shock o morte. Nei bambini, gli esperti ritengono che la maggior parte delle infezioni da dengue siano subcliniche.

 

I ricercatori osservano che i fattori immunitari ambientali e dell’ospite svolgono un ruolo significativo nel modellare sia la suscettibilità che i risultati.

 

Nel 2018, il Comitato consultivo globale dell’OMS sulla sicurezza dei vaccini ha esaminato alcune delle morti associate al Dengvaxia ma ha dichiarato che non era in grado di determinare se il vaccino fosse causalmente correlato al «potenziamento della malattia»

L’infezione naturale con un tipo di virus dengue fornisce una protezione duratura contro lo stesso tipo, ma solo una protezione a breve termine contro le altre tre varietà. Il risultato irritante è che, in alcuni individui, la successiva infezione con un diverso virus dengue può aumentare il rischio di esiti gravi, un fenomeno noto come «potenziamento della malattia».

 

In una recensione del 2018, i ricercatori hanno elencato i rapporti di «malattia potenziata» derivante da influenza, virus respiratorio sinciziale (RSV), Zika, virus West Nile, dengue e Coronavirus – e hanno sottolineato che l’infezione o la vaccinazione potrebbero produrre questa risposta.

 

Nel 2018, il Comitato consultivo globale dell’OMS sulla sicurezza dei vaccini ha esaminato alcune delle morti associate al Dengvaxia ma ha dichiarato che non era in grado di determinare se il vaccino fosse causalmente correlato al «potenziamento della malattia». Questa disastrosa conclusione arriva dopo decenni di prove che dimostrano che alcuni vaccini virali sono in grado di «sovvertire» il sistema immunitario e provocare «malattie potenziate». Dubitiamo che l’OMS o Sanofi non siano a conoscenza di questo fenomeno, che numerose pubblicazioni riconoscono come un «grande ostacolo» allo sviluppo di vaccini sicuri contro la dengue e altri virus. Dopo i problemi nelle Filippine, tuttavia, il direttore medico globale di Sanofi affermò che «col senno di poi… Sanofi non farebbe niente di diverso».

 

Un esperto di dengue che sviluppa vaccini per le forze armate statunitensi ha avvisato in anticipo sui rischi di Dengvaxia, mettendo in guardia, inutilmente, che il vaccino somministrato a bambini tra i 9 e i 16 anni «sieronegativi» o che non erano mai stati prima esposti alla dengue poteva far aumentare in modo significativo il rischio di malattia grave durante la vita se esposti successivamente al virus dengue. (Circa il 21% dei vaccinati era sieronegativo.)

Perché questo consulente per i vaccini a pagamento  di Takeda, Merck, Sanofi Pasteur e SmithKlineBeecham  ha espresso queste preoccupazioni e condannato le istituzioni sanitarie internazionali per aver fornito spiegazioni non etiche, non scientifiche e «contorte»?

 

Perché questo addetto ai lavori –che è stato consulente per i vaccini a pagamento contro la dengue di Takeda, Merck, Sanofi Pasteur e SmithKlineBeecham – ha espresso queste preoccupazioni e condannato le istituzioni sanitarie internazionali per aver fornito spiegazioni non etiche, non scientifiche e «contorte» che «non riescono a identificare gli effetti» della malattia da dengue nei soggetti vaccinati come eventi avversi gravi»?

 

Come ha sottolineato in numerose lettere e articoli, la possibilità che la dengue venisse potenziata dal vaccino era evidente negli studi clinici di Dengvaxia, ma sia Sanofi sia l’OMS hanno scelto di ignorare le prove.

 

Più tardi- un anno e mezzo dopo il lancio della disastrosa campagna di vaccinazione delle Filippine – Sanofi annunciò che «nuove informazioni» stavano spingendo l’azienda a dichiarare che «la vaccinazione non dovrebbe essere raccomandata» per gli individui sieronegativi di qualsiasi età. Riproporre Dengvaxia come vaccino solo per le persone che hanno avuto almeno un attacco di dengue confermato da test di laboratorio è più facile a dirsi che a farsi poiché molte infezioni lievi di dengue non vengono diagnosticate né documentate.

 

 

La distribuzione del vaccino dengue

Lo sviluppo del vaccino per la Dengue è stato caratterizzato da un forte coinvolgimento dell’industria a scopo di lucro. Inoltre, abbiamo osservato «un’ampia partecipazione e comproprietà» da parte delle istituzioni governative statunitensi

Sanofi, con riluttanza, ha corretto le sue raccomandazioni per somministrare il vaccino Dengvaxia solo agli individui che avevano già contratto l’infezione in passato, il che «lascia insoddisfatto un bisogno fondamentale» che altri produttori di vaccini non vedono l’ora di sfruttare a proprio vantaggio.

 

Sebbene la formulazione di Sanofi – il cui sviluppo ha richiesto due decenni e due miliardi di dollari – sia il primo vaccino contro la dengue mai uscito dalla linea di produzione per l’immissione sul mercato, altri due vaccini (TAK-003 e Butantan-DV) sono attualmente alle ultime fasi degli studi clinici in Asia/America Latina e Brasile, rispettivamente.

 

Lo sviluppo del vaccino per la Dengue è stato caratterizzato da un forte coinvolgimento dell’industria a scopo di lucro. Inoltre, abbiamo osservato «un’ampia partecipazione e comproprietà» da parte delle istituzioni governative statunitensi nella ricerca e nello sviluppo di vaccini contro la dengue, anche se la malattia da dengue rappresenta una minaccia minima per il continente americano.

 

Con aree endemiche limitate a Puerto Rico e alcuni territori e protettorati offshore, l’HHS, l’agenzia di riferimento per il National Institutes of Health (NIH), l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID) di Fauci, il CDC e la FDA— possiede 65 brevetti relativi al vaccino contro la dengue, facendo impallidire Sanofi con 19 brevetti, GlaxoSmithKline con 12 e Merck con soli 4 brevetti. Tutte le compagnie private coinvolte nello sviluppo di vaccini contro la dengue condividono i brevetti con le agenzie governative statunitensi; nel frattempo, sono state depositate pochissime domande di brevetto nei paesi in via di sviluppo.

 

Analisi preliminari dei risultati della sperimentazione clinica suggeriscono che TAK-003 potrebbe causare problemi simili a quelli di Dengvaxia, fornendo «una protezione squilibrata tra i quattro tipi di dengue» che potrebbe «aumentare il rischio di malattie gravi dopo l’esposizione a un secondo tipo di virus»

Gli scienziati della CDC hanno progettato e prodotto il vaccino TAK-003 e poi lo hanno concesso in licenza alla giapponese Takeda Pharmaceutical Company, il maggiore colosso farmaceutico asiatico.

 

Tuttavia, analisi preliminari dei risultati della sperimentazione clinica suggeriscono che TAK-003 potrebbe causare problemi simili a quelli di Dengvaxia, fornendo «una protezione squilibrata tra i quattro tipi di dengue» che potrebbe «aumentare il rischio di malattie gravi dopo l’esposizione a un secondo tipo di virus». Takeda intende comunque richiedere l’approvazione nei focolai della dengue.

 

Alcuni esperti stanno scommettendo sul terzo candidato, Butantan-DV, sviluppato nientemeno che dal NIAID. Il NIAID ha finanziato gli studi clinici Butantan-DV in Brasile dal 2013, concedendo in licenza la sua tecnologia di vaccino al Butantan Institute del Brasile e lanciando gli studi più recenti nel 2016.

 

Non contenti di manovrare i fili, NIH e NIAID hanno fatto del loro meglio per richiamare l’attenzione sul loro ruolo nello sviluppo del vaccino; le pubblicazioni che presentano risultati di studi clinici riportano titoli che si riferiscono al «vaccino tetravalente contro la dengue del National Institute of Allergy and Diseases» e al «vaccino contro la dengue del National Institutes of Health». Negli studi pubblicati fino ad oggi, i ricercatori hanno monitorato le reazioni avverse per 21 giorni.

 

 

Zanzara versus iniezione

L’esperienza di Dengvaxia – che provoca una risposta immunitaria distorta e maggiori rischi – solleva interrogativi «applicabili a tutti i candidati vaccini contro la dengue» e una serie di vaccini contro altri virus.

«Il fiasco nelle Filippine offre una lezione chiave per governi e produttori quando si tratta di approvare e vendere nuovi vaccini: rallentare»

 

Una considerazione raramente discussa riguarda le «notevoli differenze tra un [virus dengue] di tipo selvaggio trasmesso da una puntura di zanzara rispetto ad un vaccino somministrato con una siringa», che ha il potenziale per suscitare diverse risposte immunitarie. Invece di constatare i rischi potenzialmente invincibili di questi vaccini, perché non concentrarsi sulla formazione degli operatori sanitari nella fornitura di cure di supporto note per essere «molto efficaci quando fornite da professionisti esperti»?

 

Anche nei casi di dengue più gravi, caratterizzati da permeabilità vascolare e perdita di liquidi, i professionisti che «accuratamente e rapidamente» sostituiscono i liquidi possono stabilizzare le condizioni dei pazienti – «e in modo piuttosto veloce» – con il risultato che «il fenomeno della permeabilità vascolare scompare nell’immediato». Inoltre, promettenti strade per la ricerca potrebbero includere lo studio dei fattori ambientali e del sistema immunitario associati alla minoranza di casi che comportano esiti di dengue più gravi.

«La malattia potenziata da Dengvaxia ha creato un enorme dilemma etico per la comunità dei vaccini, una persistente crisi nella gestione della salute pubblica e un incubo legale. I vaccini non dovrebbero danneggiare i destinatari, direttamente o indirettamente. L’OMS e i produttori devono fornire al cliente un prodotto sicuro»

 

Con il danno da vaccino che si verifica in associazione con molti diversi vaccini, non è chiaro perché così tanti individui e organizzazioni siano saliti sul carro anti-Dengvaxia lo scorso anno, ma — con un vaccino COVID-19 progettato in fretta e furia — valga la pena prestare attenzione ai loro moniti.

 

Come nota NPR, «il fiasco nelle Filippine offre una lezione chiave per governi e produttori quando si tratta di approvare e vendere nuovi vaccini: rallentare». L’esperto di dengue che ha giustamente avvertito dei pericoli di Dengvaxia ha affermato:

 

«La malattia potenziata da Dengvaxia ha creato un enorme dilemma etico per la comunità dei vaccini, una persistente crisi nella gestione della salute pubblica e un incubo legale. I vaccini non dovrebbero danneggiare i destinatari, direttamente o indirettamente. L’OMS e i produttori devono fornire al cliente un prodotto sicuro».

 

 

Children’s Health Defense

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 23 aprile 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il business model criminale delle farmaceutiche e come il governo USA ne trae vantaggio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Un’analisi di 27 anni di «illegalità in corso e sistematiche» da parte dell’industria farmaceutica rivela che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha imposto multe per miliardi di dollari contro le aziende farmaceutiche, spesso ai sensi del False Claims Act. Le multe supportano i bilanci del governo ma non fanno nulla per riformare il comportamento criminale del settore.

 

 

All’inizio di settembre, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha annunciato che il gigante farmaceutico Bayer avrebbe dovuto sborsare milioni al DOJ per risolvere le accuse di frode ai sensi del False Claims Act (FCA).

 

Il False Claims Act, che consente le cause civili che coinvolgono frode e false affermazioni contro il governo, risale al 19° secolo e alle frodi degli appaltatori della difesa dell’era della guerra civile, ma nei tempi moderni, la frode sanitaria è il «principale motore dell’attività della FCA, sia nel numero di casi depositati che nel totale di dollari recuperati».

 

Nell’anno fiscale 2021, un anno in cui medicina e farmacia sono andate in città con protocolli e vaccini ospedalieri contro il COVID-19 dimostrabilmente assassini, l’Act ha fruttato oltre 5,6 miliardi di dollari , il secondo totale annuale più grande nella storia della FCA.

 

L’89% di tali accordi e giudizi erano correlati a «produttori di farmaci e dispositivi medici, fornitori di cure mediche, ospedali, farmacie, organizzazioni di hospice, laboratori e medici».

 

E, sebbene gli importi totali siano stati inferiori nei tre anni precedenti (anni fiscali 20202019 e 2018) predominavano ancora i casi relativi all’assistenza sanitaria, rappresentando dall’86% all’87% degli accordi e delle sentenze.

 

Nel 2016, e di nuovo nel 2019 , l’organizzazione di difesa dei consumatori Public Citizen si è concentrata sulle «illegalità sistematiche e in corso» da parte dell’industria farmaceutica , analizzando fino a 27 anni (1991-2017) di sanzioni penali e civili pagate ai governi federale o statale , tramite FCA o altri meccanismi.

 

I primi due tipi di violazione sono stati la frode sui prezzi dei farmaci e il marketing illegale o ingannevole. Ma i rapporti descrivevano anche pratiche come tangenti, manipolazione di brevetti, collusione aziendale, occultamento di dati, vendita di prodotti contaminati o adulterati, frode contabile e fiscale, insider trading e distribuzione di farmaci non approvati.

 

Nel 2020, autori accademici hanno pubblicato un’analisi simile sul Journal of the American Medical Association, riportando che 22 delle 26 aziende farmaceutiche Global 500 o Fortune 1000 avevano pagato sanzioni statali o federali per attività illegali tra il 2003 e il 2016, con tutte le aziende tranne una impegnate nelle illegalità «per 4 o più anni».

 

Gli autori hanno ipotizzato che le quattro società non documentate per il pagamento di sanzioni potrebbero essere più etiche o, al contrario, potrebbero nutrire «la possibilità che le attività illegali non vengano rilevate».

 

Tutti questi rapporti supportano la conclusione di Marc Rodwin – un professore della Suffolk University Law School ed esperto di diritto, politica ed etica sanitaria – che ha scritto in un documento legale del 2015 che la cattiva condotta «su larga scala» dell’industria farmaceutica «rischi di scivolare nella banalità delle normali pratiche commerciali».

 

 

La goccia nel mare della Bayer

L’ accordo del DOJ di Bayer da 40 milioni di dollari appena annunciato, che risponde a cause legali avviate da informatori quasi due decenni fa, rappresenta una goccia nel mare rispetto ai guadagni di 48,9 miliardi di dollari della società per il 2021.

 

L’azienda con sede in Germania, il sesto colosso farmaceutico più grande del mondo, è impegnata in una continua «folla di investimenti» biotecnologici che ha consentito risultati finanziari positivi nonostante gli attuali grattacapi legali associati alla sua proprietà della Monsanto.

 

Violation Tracker, un database che copre la cattiva condotta aziendale dal 2000 in poi, mostra 155 risultati per Bayer e le sue sussidiarie negli ultimi due decenni, elencando sanzioni come violazioni della sicurezza di farmaci e apparecchiature mediche, reati FCA e varie altre forme di frode.

 

La «storia di illeciti» dell’azienda si estende molto più indietro, tuttavia, con la commercializzazione dell’eroina come sciroppo per la tosse per bambini più venduto all’inizio del XX secolo; la vendita di armi chimiche letali durante la prima guerra mondiale in violazione dei trattati di guerra chimica; collaborazione, nell’ambito del conglomerato IG Farben, con esperimenti medici nazisti durante la seconda guerra mondiale; commercializzare consapevolmente prodotti sanguigni contaminati negli anni ’70 e ’80; e, per 16 anni, promuovere un dispositivo contraccettivo ora richiamato – al centro di quasi 20.000 cause legali – che perforava regolarmente gli organi interni delle donne.

 

Le lunghe cause legali che hanno portato all’ultimo accordo hanno affermato che Bayer ha pagato tangenti a ospedali e medici per promuovere tre farmaci: un farmaco per il colesterolo richiamato nel 2001 dopo essere stato collegato a «casi significativamente più fatali rispetto ai suoi concorrenti», un potente antibiotico associato a un un’ampia gamma di reazioni avverse gravi o fatali e un farmaco chirurgico al cuore tossico per i reni approvato nel 1993 e richiamato tardivamente nel 2007, dopo aver ucciso circa 22.000 pazienti con bypass.

 

L’informatore ha anche affermato che la commercializzazione di farmaci «per usi off-label non ragionevoli e necessari» e una significativa minimizzazione dei rischi per la sicurezza dei due farmaci richiamati.

 

Sebbene la Bayer abbia ritirato entrambi i farmaci per “motivi di sicurezza”, il suo accordo non ammette illeciti.

 

 

I maggiori trasgressori dall’inizio degli anni ’90

Nel 1986, il Congresso ha modificato il False Claims Act, ampliandone significativamente la portata e «dando nuova vita a quello che ora è diventato il principale strumento di contrasto del governo contro le frodi».

 

Tuttavia, quello stesso anno il presidente Ronald Reagan ha firmato il National Childhood Vaccine Injury Act, un atto legislativo che ha decimato gli incentivi per rendere sicuri i vaccini fornendo ai produttori un’immunità totale dalla responsabilità per danni da vaccino.

 

La revoca di tali vincoli legali ha catapultato i vaccini da un «angolo trascurato del business dei farmaci» in un importante motore di profitti dell’industria farmaceutica.

 

Le analisi degli insediamenti di Public Citizen dal 1991 in poi indicano che questi produttori si sentivano anche incoraggiati a impegnarsi in comportamenti illegali – e recidivi – anche per i farmaci che non godevano della protezione della responsabilità.

 

Secondo Violation Tracker, Johnson & Johnson (J&J), Merck e Pfizer sono le prime tre società in termini di sanzioni totali pagate, con le ultime due che rappresentano anche il maggior numero di violazioni.

 

Tra le sanzioni di Pfizer c’era un accordo del 2009 per $ 2,3 miliardi, il più grande accordo di frode sanitaria nella storia del DOJ.

 

Merck e Pfizer sono due delle «quattro grandi» aziende che forniscono i vaccini nel programma vaccinale americano per l’infanzia, e J&J e Pfizer sono responsabili di due dei quattro vaccini di COVID-19 autorizzati per l’uso negli Stati Uniti.

 

Nel 2021, Pfizer è diventata la più grande azienda farmaceutica del mondo, per fatturato, grazie ai suoi sieri COVID-19, anche senza responsabilità, e al suo farmaco Paxlovid. Insieme, Paxlovid e i vaccini hanno rappresentato quasi la metà dei ricavi operativi.

 

I «ricavi durevoli di COVID-19» stanno alimentando l’aspettativa di Pfizer che rimarrà una «azienda in crescita».

 

 

Cui bono?

Sebbene le tangenti dell’industria farmaceutica a ospedali e medici siano tra i comportamenti sbagliati apertamente riconosciuti per portare a insediamenti o giudizi, pochi esperti discutono, anche indirettamente, del fatto che le sanzioni stesse funzionano come una forma di contraccolpo federale.

 

Il professore di diritto Rodwin ha accennato discretamente a questo nel suo articolo del 2015 quando ha ipotizzato «perché i pubblici ministeri usano raramente le sanzioni più forti nel loro arsenale». Rodwin ha ipotizzato che potrebbe essere perché «preferiscono chiedere sanzioni pecuniarie per sostenere i loro budget».

 

Secondo Violation Tracker, le sanzioni farmaceutiche dal 2000 hanno arricchito le casse federali (e statali) per oltre 87 miliardi di dollari.

 

Curiosamente, i due rapporti di Public Citizen hanno mostrato un improvviso calo nel 2013 e nel 2014 del numero e delle dimensioni degli insediamenti, con sanzioni penali federali «quasi scomparse» entro il 2017.

 

Desideroso di contrastare qualsiasi percezione di un’applicazione in declino, una pubblicazione chiamata FCA Insider ha proclamato all’inizio del 2021 lo «sforzo pluriennale del DOJ… per essere più proattivo nella lotta contro le frodi», suggerendo ottimisticamente che «sofisticati strumenti di data mining» avrebbero aiutato la nazione le migliori forze dell’ordine ottengono maggiori recuperi legati alle frodi.

 

Uno sguardo onesto alla storia mostra, tuttavia, che il più delle volte il DOJ – e le agenzie di regolamentazione come la Food and Drug Administration e i Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti – sono stati partner di parte del settore farmaceutico nel crimine piuttosto che i suoi antagonisti.

 

Esempi dello zelo falso e selettivo per la giustizia includono la presunta frode perpetrata dagli avvocati del DOJ intenti a negare il risarcimento a migliaia di firmatari del National Vaccine Injury Compensation Program e, più recentemente, la sorprendente argomentazione di Pfizer secondo cui una causa per informatori relativa al vaccino COVID-19 contro di esso dovrebbe essere respinto «perché il governo degli Stati Uniti era a conoscenza delle irregolarità ma ha continuato a fare affari con il produttore di vaccini».

 

E dal punto di vista dell’industria farmaceutica, consegnare un taglio di 87 miliardi di dollari ai federali per ingrassare i pattini sembra essere un prezzo accettabile da pagare.

 

Come ha osservato Public Citizen alcuni anni fa, le sanzioni farmaceutiche nel periodo 1991-2017 hanno rappresentato un misero 5% degli utili netti delle 11 maggiori compagnie farmaceutiche globali «in soli 10 di quei 27 anni», pari a poco più di una tirata d’orecchi.

 

Sottolineando il «forte squilibrio» tra sanzioni e profitti, il gruppo dei consumatori ha concluso che senza un’applicazione più sincera e attiva – compresi procedimenti giudiziari e pene detentive per i dirigenti che sovrintendono alle frodi sistemiche – «le attività illegali ma redditizie continueranno a far parte del modello di business delle aziende [farmaceutiche]».

 

 

Il Team di Children’s Health Defense 

 

 

 

© 9 settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Continua a leggere

Big Pharma

«Come un iPhone»: il capo di Moderna prevede che le persone faranno il vaccino COVID ogni anno

Pubblicato

il

Da

Moderna prevede di introdurre nuovi vaccini sperimentali che combineranno i vaccini contro l’influenza, il COVID e il virus respiratorio sinciziale umano (RSV) in unico vaccino annuale, ha detto il CEO dell’azienda durante un’intervista con il canale TV americano CNN International.

 

Stéphane Bancel, amministratore delegato della farmaceutica americana, ha paragonato il vaccino annuale che stanno preparando alla necessità di cambiare iPhone ogni anno.

 

«Pensiamo di poter inserire in un unico prodotto molti mRNA, prendendoci cura di tutti quei virus. E questo una volta all’anno», ha dichiarato il Bancel.

 

 


 

«Dovreste essere in grado di fare un richiamo annuale, dose singola, che contenga, nella fiala, tutti quegli mRNA per tutti quei [virus] che sono, ovviamente, adattati al ceppo di una stagione, come l’influenza, come il ceppo del COVID, e così via».

 

Poi è partita la similitudine con l’iPhone, che – ha spiegato il dirigente francese – migliora leggermente con ogni nuovo modello. Così, anche i produttori di vaccini adatterebbero i loro sieri sperimentali mRNA con «la migliore scienza del momento» (quest’ultima, ci si conceda, è un’espressione di marketing basale che nemmeno l’antica promessa del mobilificio Aiazzone «al Sabato grande festa con gli architetti»…)

 

«E l’idea è un po’ come l’iPhone, mentre, sai, molti di noi acquistano un nuovo iPhone ogni settembre. E ottieni nuove app e ottieni app aggiornate», ha affermato Bancel, il quale con evidenza, a differenza di noi, cambia lo smartphone ogni anno.

 

“E questa è esattamente la stessa idea, ovvero che avrete COVID, influenza e RSV nella tua dose singola. E avrete ciò che è la migliore scienza del momento per proteggervi dal ceppo che circola ora e in autunno, inverno. Quindi possiamo combinare tutte queste cose e fornire alle persone di tutto il mondo il booster annuale. Quindi solo un’iniezione. E non vi preoccupate più dell’inverno. E avrete un bel autunno e un bell’inverno.

 

Alla domanda sui tempi per il rilascio di questo siero sperimentale all-in-one, il Bancel ha affermato che alcuni Paesi potrebbero iniziare a introdurre la tecnologia già dal prossimo anno.

 

«Quindi ci vorranno alcuni anni. Sapete, come ho detto, l’influenza e l’RSV sono nella fase tre [studi clinici]. Quindi posso vedere alcuni Paesi nel 2023 che iniziano ad avere influenza e COVID in un’unica dose, entrambi in dose singola. Per alcuni Paesi sarà il 2024. Quindi penso che ci vorranno alcuni anni».

 

«Penso che entro una finestra di tre-cinque anni in cui ogni anno avrete un prodotto migliore da Moderna che vi proteggerà da tutte le cose che circolano e con una copertura sempre maggiore di diversi virus».

 

A marzo, Bancel si era lamentato con il World Economic Forum che la sua azienda doveva «buttare via» 30 milioni di dosi del loro vaccino COVID-19 perché le persone rifiutavano il vaccino e quindi «nessuno lo vuole».

 

Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visità il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014.

 

Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004.

 

Il suo progetto, iniziato nel 2003, è stato realizzato in collaborazione con la Francia. Parte del personale dei biolab di Wuhano ha ricevuto una formazione presso il laboratorio P4 Jean Mérieux a Lione. Nel febbraio 2017, il primo ministro francese Bernard Cazeneuve, accompagnato dal ministro francese degli Affari sociali e della salute Marisol Touraine, e Yves Lévy, presidente dell’INSERM, hanno preso parte alla cerimonia di accreditamento del laboratorio a Wuhan.

 

Su un documento datato 2014 della Fondazione Mérieux ancora visibile in rete della Fondazione Merieux è possibile leggere che la crisi dell’Ebola, insieme «alla visita presidenziale cinese a Lione ha reso possibile di accelerare il completamento del laboratorio BSL4 in Cina come parte di una cooperazione sino-francese senza precedenti».

 

Nel 2011, dopo aver lavorato in BioMerieux, il Bancel divenne CEO di Moderna, di cui possiede il 9% delle azioni, che oggi valgono almeno un miliardo.

 

La carriera di Bancel è insomma segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino.

 

Le recenti dichiarazioni del Bancello ci confermano che la tecnologia mRNA si prepara ad essere utilizzata per tutti i vaccini, e non solo per quelli.

 

Come da titolo di un fortunato articolo di Renovatio 21, «Ogni vaccino diverrà un vaccino mRNA».

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il quadridosato capo di Pfizer positivo al COVID-19

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer Albert Bourla è risultato positivo al test per il COVID-19. Lo ha annunciato lui stesso in un tweet del 15 agosto.

 

«Vorrei informarvi che sono risultato positivo al test per il COVID-19» scrive l’amministratore delegato del colosso farmaceutico.

 

«Sono grato di aver ricevuto quattro dosi del vaccino Pfizer-BioNTech e mi sento bene mentre avverto sintomi molto lievi. Mi sto isolando e ho iniziato un corso di Paxlovid».

 

Il Bourla sostiene  di avere sintomi lievi e dice di sentirsi bene.

 

 


 

«Siamo arrivati ​​così lontano nei nostri sforzi per combattere questa malattia che sono fiducioso che avrò una pronta guarigione. Sono incredibilmente grato per gli instancabili sforzi dei miei colleghi Pfizer che hanno lavorato per rendere disponibili vaccini e trattamenti per me e per le persone in tutto il mondo”, ha affermato Bourla».

 

Il Bourla quindi si è messo in quarantena e ha iniziato a prendere il Paxlovid, la sempre più controversa pillola COVID-19 sviluppata proprio da Pfizer, presa anche da altri due quadridosati finiti positivi al COVID: il presidente americano Joe Biden e il suo «plenipotenziario pandemico» Anthony Fauci.

 

Sia Biden che Fauci hanno sperimentato quello che chiamano «Paxlovid rebound», un «rimbalzo» (recrudescenza) da Paxlovid: dopo essere risultati negativi, i consumatori di Paxlovid tornano positivi e sintomatici.

 

Malgrado questi casi siano evidenti, nessuno sembra preoccuparsi della cosa: non ci è notizia di un ritiro del costoso farmaco, né di studi sulla questione del Paxlovid Rebound.

 

Vogliamo qui ricordare che il Bourla è tra coloro che in precedenza avevano promosso i vaccini COVID-19 come efficaci al 100% contro le infezioni.

 

In un vecchio tweet dell’1 aprile 2021 – possibilmente non un pesce d’aprile – il veterinario americano di origine greco-ebraica gioiva per i risultati di uno studio che avrebbe dimostrato che il vaccino di Pfizer era efficace al 100% nella prevenzione dei casi di COVID-19 in Sud Africa.

 


 

Come riportato da Renovatio 21, il Bourla ha spesso accusato i critici del vaccino con insulti minacciosi («criminali»), mentre si lasciava scappare il fatto che riceve – per motivi che non comprendiamo bene – briefing da CIA e FBI riguardo alla «diffusione della disinformazione».

 

Habitué del World Economic Forum, anni fa aveva dichiarato sul palco di Davos la prospettiva di piazzare «microchip biologici dentro i farmaci».

 

Bizzarramente, cinque mesi fa il Bourla ha dichiarato che scegliere la strada dell’mRNA per i vaccini COVID fu «controintuitiva».

 

«L’mRNA era una tecnologia, ma avevamo meno esperienza, solo due anni di lavoro su questo, e in realtà, l’mRNA era una tecnologia che non ha mai fornito un singolo prodotto fino a quel giorno, né un vaccino, né nessun altro medicinale», ha ammesso il Bourla durante un’intervista del Washington Post.

 

«Quindi è stato molto controintuitivo e sono rimasto sorpreso quando mi hanno suggerito che questa è la strada da percorrere, e l’ho messo in dubbio», ha continuato il vertice Pfizer. «E ho chiesto loro di giustificare come si può dire una cosa del genere, ma erano molto, molto convinti che questa fosse la strada giusta da percorrere».

 

È emerso negli scorsi mesi che il Bourla ha incontrato privatamente Bergoglio almeno due volte, rafforzando l’idea di un legame solido tra il Vaticano e la Pfizer, fornitore del vaccino in uso nel Sacro Palazzo.

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari