Connettiti con Renovato 21

Senza categoria

Il Texas rifiuta di graziare George Floyd

Pubblicato

il

Una commissione di clemenza del Texas ha formalmente respinto una petizione per la grazia postuma di George Floyd, la cui morte ha scatenato massicce proteste contro la brutalità della polizia dopo essere stato ucciso da un agente di polizia del Minnesota nel 2020.

 

La commissione aveva inizialmente raccomandato di cancellare la sua lista, ma ha annullato la decisione alla fine dell’anno scorso.

 

Il Texas Board of Pardons and Paroles ha votato all’unanimità contro la richiesta del governatore Greg Abbott di concedere una rara revisione della fedina penale di una persona dopo la sua morte, ha riferito giovedì il Texas Tribune.

 

La lettera inviata all’avvocato di Floyd, Allison Mathis, per informarla della decisione è stata pubblicata per la prima volta da un giornalista del Marshall Project, una testata senza scopo di lucro che si occupa di notizie sulla giustizia penale. Non spiegava la motivazione del consiglio per il rigetto della petizione.

 

Mathis, un difensore pubblico di Houston, ha presentato una petizione al consiglio per graziare Floyd per una condanna per droga del 2004 nell’aprile 2021.

 

Il consiglio aveva raccomandato di graziare Floyd nell’ottobre dello scorso anno, ma ha annullato la decisione due mesi dopo. L’ufficio del governatore ha detto in quel momento che l’organo di clemenza avrebbe riesaminato il caso per «risolvere errori e problemi procedurali» . Il governatore Abbott non poteva prendere in considerazione la grazia senza una raccomandazione adeguata, ha spiegato il suo addetto stampa.

 

George Floyd è morto durante un arresto quando alcuni poliziotti lo stavano immobilizzando dopo che l’uomo, in evidente stato di alterazione (urlava di non riuscire a respirare anche uscendo dalla macchina) aveva tentato di fare acquisti ad una pompa di benzina con danaro falso.

 

La morte dell’uomo fu la miccia che fece scoppiare rivolte razziste in tutto il Paese, con decine di morti e città messe a ferro e fuoco, una sedizione di fatto incoraggiata da membri dell’establishment politico e perfino scientifico: gli scienziati, arrivati al potere col coronavirus, arrivarono a dire che, in periodo di lockdown, il COVID non avrebbe colpito le manifestazione di Black Lives Matter, anzi il COVID è esso stesso un effetto del razzismo

 

All’epoca fu Candace Owens, attivista nera particolarmente critica con il Partito Democratico USA, a inquadrare la situazione:

 

«George Floyd non era una persona straordinaria, è innalzato come un essere umano straordinario. Al momento del suo arresto era fatto di Fentanil era fatto di metanfetamina. in una trascrizione si legge di una persona descritta come drogata fino ad uscire di testa. quando viene messo in manette e contro il muro un sacchetto bianco di ciò che sembra essere cocaina».

 

 

Il Floyd per cui ora si chiede la grazia postuma, di apprende, nel 2005 faceva parte di una banda di cinque persone che fece violentemente irruzione dentro la casa di una donna nera incinta. George Floyd tirò fuori una pistola e la premette sulla pancia gravida della donna.

 

Questo sarebbe l’eroe celebrato in tutto il mondo. A questo è arrivata la psicologia del gregge mondialista: innalzare un criminale del genere a santo martire.

 

Tuttavia, non tutti la pensano con la massa vaccina degli umani rincitrulliti dai media venduti al Male. Ecco quindi che l’anno scorso un fulmine ha distrutto un murale ritraente George Floyd a Toledo, in Ohio.

 

 

 

 

Immagine di Vasanth Rajkumar via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

Continua a leggere

Senza categoria

La crisi spinge un ristorante vegano a servire carne

Pubblicato

il

Da

The Mango Tree, un ristorante vegano a Taunton, nella contea inglese del Somerset, ha annunciato che si reinventerà con un menu a base di carne dopo brevi lavori di ristrutturazione, citando il costo proibitivo di fare affari «come ristorante puramente vegano».

 

Su Google il locale è ancora segnato come «100% cibo intero a base vegetale. I clienti dicono che i nostri cibi sono fantastici ed eccitanti. Rinomato per essere sano, tutto il cibo preparato fresco in casa su ordinazione. Tutti i pani sfornati da un fornaio locale. Primo ristorante vegano con licenza completa a Taunton».

 

Dopo «un entusiasmante periodo di cambiamento», i clienti potranno tornare per «una varietà di piatti per soddisfare un’ampia varietà di esigenze e preferenze dietetiche», ha spiegato il ristorante in un aggiornamento pubblicato su Facebook il 27 agosto 2022, dove il team del Mango Tree rivelava che il ristorante avrebbe chiuso sabato 3 settembre.

 

Il ristorante ha spiegato che era rimasto con solo due opzioni. O un rebranding che introduca elementi non vegani nel menu oppure la «chiusura definitiva».

 

«Continuare come ristorante puramente vegano non è stato sostenibile per un considerevole lasso di tempo poiché non ci sono stati sufficienti clienti che ci hanno supportato».

 

Il ristorante ha cercato di dare una svolta positiva alla notizia, rassicurando i clienti vegani che avrebbero comunque avuto accesso agli stessi «deliziosi piatti a base vegetale che altrimenti sarebbero scomparsi» e ha persino cercato di scongiurare potenziali critiche etiche sottolineando che «l’etica si estende al lavoro e al benessere del nostro meraviglioso team, a cui dobbiamo molto, e un’altra possibilità».

 

La rivolta dei clienti vegani sui social è arrivata rapida ed inflessibile: «Peggio di chiudere, vendere carne!» è il commento più sobrio leggibile in rete.

 

Anche i ristoranti non vegani hanno sofferto per la crisi energetica autoinflitta che sta assediando l’Europa, con il 70% dei pub del Regno Unito che dichiara di aspettarsi di chiudere l’attività entro l’inverno senza l’intervento del governo.

 

Non è chiaro attualmente come la filiera alimentare delle specialità vegetariane e vegane sarà colpita dallo schock energetico e dalla crisi alimentare in arrivo.

 

 

Continua a leggere

Senza categoria

Il discorso di Putin a Vladivostok

Pubblicato

il

Da

Il presidente Vladimir Putin ha pronunciato un lungo discorso all’Eastern Economic Forum di Vladivostok, nell’estremo oriente russo. I contenuti del discorso stanno facendo parlare tutto il mondo. Come sempre, il presidente russo ha parlato con estrema sincerità della situazione mondiale.

 

Putin ha commentato la crisi in atto nell’economia globale, che ha attribuito alla miopia delle élite occidentali. Secondo Putin, stanno cercando di aggrapparsi al potere globale mentre sfugge loro di mano.

 

In particolare, vi sono alcuni punti del discorso del presidente russo che vale la pena di elencare ed enucleare.

Il dominio occidentale sta diminuendo

Il mondo sta affrontando gravi sfide economiche e, a differenza dell’impatto della pandemia COVID-19, le attuali turbolenze sono il risultato di decisioni consapevoli prese dalle Nazioni occidentali, sostiene Putin.

 

Il presidente usa una metafora epidemiologica: l’Occidente, dice, ha preso una «febbre delle sanzioni» mentre cercava di imporre la sua volontà su altri Paesi.

 

Secondo il presidente, sebbene questa non sia una novità, la situazione attuale è segnata da circostanze speciali: gli Stati Uniti stanno perdendo il loro predominio nell’economia e nella politica globali, un «cambiamento tettonico» che le élite occidentali non sono disposte a riconoscere.

 

Le élite sono «scatenate»

«Le nazioni occidentali vogliono preservare il vecchio ordine mondiale, di cui beneficiano solo loro, per far sì che tutti seguano le “regole” che si sono inventate e che regolarmente infrangono o modificano a loro vantaggio», ha detto Putin.

 

La resistenza di altre Nazioni, dice il presidente della Federazione Russa «fa sì che le élite occidentali si “scatenino” e prendano decisioni miopi e sprezzanti che incidono sulla sicurezza mondiale, sulla politica e sull’economia».

 

 

I leader occidentali sono «distaccati» dal loro popolo

Le politiche adottate dai leader degli Stati Uniti e degli alleati sono contrarie agli interessi del pubblico che dovrebbero proteggere – questo mostra che le élite occidentali sono «distaccate dal loro stesso popolo», secondo Putin.

 

I governi dell’UE sono un buon esempio: hanno deciso di disaccoppiare le loro economie dalla Russia, negando alle loro attività energia a prezzi accessibili e accesso al mercato russo, il che le rende incapaci di competere, ha affermato.

Putin prevede che di conseguenza le società americane partiranno alla conquista delle quote di mercato delle imprese con sede nell’UE. «Quando [gli americani] perseguono i propri interessi, non si limitano né evitano nulla».

 

L’Occidente inganna le nazioni povere

La crisi economica globale danneggerà le nazioni più vulnerabili, secondo il presidente: per molte persone, è una situazione di vita o di morte, poiché i Paesi poveri non avranno la possibilità di acquistare prodotti cruciali.

 

Nel frattempo, le Nazioni occidentali fingono di voler aiutare facendo solo ciò che è nel loro stesso interesse, come esemplificato dall’accordo sull’esportazione di grano dell’Ucraina, secondo Putin.

 

La Russia ha accettato di aiutare le navi cariche di grano a lasciare i porti ucraini in base a un accordo mediato dalla Turchia e dalle Nazioni Unite a luglio. Tuttavia, la maggior parte delle navi è andata alle nazioni dell’UE piuttosto che ai paesi in difficoltà, ha affermato il presidente.

 

«Solo due navi su 87 sono state caricate [in Ucraina] nell’ambito del Programma alimentare delle Nazioni Unite, che lavora per fornire assistenza ai Paesi bisognosi… solo il 3% è stato inviato ai paesi in via di sviluppo».

 

Secondo Putin, le nazioni occidentali hanno decenni e persino secoli di esperienza nel saccheggio delle colonie e oggi utilizzano lo stesso approccio. Al fine di prevenire disastri umanitari, la Russia suggerisce di limitare le destinazioni del grano ucraino per cambiare la situazione.

 

 

La Russia sta resistendo alle sanzioni

La Russia sta affrontando relativamente bene i danni causati dall’«aggressione economica, finanziaria e tecnologica» dell’Occidente, ha dichiarato Putin, che nota come il sistema finanziario del Paese si sia stabilizzato, l’inflazione sia in calo e la disoccupazione sia ai minimi storici.

 

Alcune aziende sono state effettivamente danneggiate, in particolare quelle i cui affari dipendevano in qualche modo dall’Europa, ha detto il presidente, che ha subito puntualizzato che il governo russo ha meccanismi in atto per sostenerle.

 

 

Le Nazioni asiatiche vogliono la cooperazione

La maggior parte delle Nazioni della regione Asia-Pacifico (APAC) rifiuta «la logica distruttiva delle sanzioni» e cerca di promuovere i legami commerciali e la crescita economica a beneficio della propria gente, ha affermato il presidente russo.

 

La Russia apprezza i partner che condividono il suo atteggiamento nei confronti della sovranità nazionale. L’abbondanza di Paesi come questo nell’APAC è «il suo grande vantaggio competitivo» e una fonte di sviluppo a lungo termine.

 

 

La Russia non ha iniziato il conflitto in Ucraina

Quando l’ospite ha chiesto commenti su come la crisi in Ucraina ha colpito la Russia, ha ribadito la posizione di Mosca secondo cui il conflitto gli era stato imposto.

 

«Non abbiamo iniziato nulla in termini di azione militare. Stiamo cercando di farla finita. L’azione militare è iniziata nel 2014, a seguito di un colpo di stato armato in Ucraina da parte di coloro che non volevano uno sviluppo normale e cercavano di soggiogare il proprio popolo, compiendo un’azione militare dopo l’altra e sottoponendo i cittadini del Donbass al genocidio per otto anni».

 

La Russia ha deciso di usare la forza militare otto anni dopo. Farlo era un obbligo morale nei confronti del popolo del Donbass, che Mosca non poteva proteggere con mezzi pacifici, ha detto Putin.

 

Alla fine, la Russia uscirà dal conflitto più forte a livello nazionale e internazionale, ha aggiunto.

 

Il discorso di Vladivostok, lungo e densissimo, contiene molti altri punti importanti.

 

Come accaduto al Forum economico di San Pietroburgo, Putin sta utilizzando questi palchi per significare la svolta storica che sta compiendo la Russia e il mondo, che ha terminato definitivamente la sua corsa come pianeta unipolare a guida americana.

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

Continua a leggere

Geopolitica

La profezia sulla guerra ucraina del consigliere di Zelens’kyj

Pubblicato

il

Da

Fa ancora una certa impressione guardare il video della previsione della guerra fatta nel 2019 da Oleksiy Mykolajovych Arestovych.

 

Arestovych, già ufficiale dell’Intelligence Ucraina, ricopre il ruolo di consigliere presidenziale di Zelens’kyj nonché quello di viceministro della difesa per la guerra psicologica, è considerato una personalità popolarissima in Ucraina, seconda forse solo allo stesso presidente-attore. Blogger di estremo successo, all’altezza dello scorso aprile aveva qualcosa come 200 mila follower su Facebook e 1,2 milioni su YouTube.

 

Con il grado di colonnello, tra il 2014 e il 2017 è stato responsabile della preparazione psicologica dell’«operazione anti-terrorista» di Kiev, ossia la guerra in Donbass. È riportato che nei primi anni 2000 avrebbe preso parte a conferenze del Partito Eurasia di Aleksandr Dugin, opponendosi quindi alla Rivoluzione Arancione che portò al potere a Kiev Viktor Yushenko, talmente filo-americano da essere marito di una chicagoana dipendente del Dipartimento di Stato USA.

 

Il personaggio è molto interessante, e rilevante: ha dichiarato che, in caso Zelens’kyj non si ricandidasse, correrà lui per le prossime presidenziali ucraine.

 

Questo video, registrato nel 2019 prima della tornata elettorale che ha portato al potere Zelen’skyj – per il quale qui vedete invitare a votare, nonostante il programma dichiarato dell’attore TV fosse quello di mettere fine al conflitto con la Russia  – è circolato parecchio in questi mesi, rafforzando la fama di preveggente dell’uomo.

 

Vedere questo video oggi dà un effetto ambiguo.

 

 

 

Sì, da una parte non si può che plaudere alla lucidità di chi ha capito che lo scontro con la Russia, causa pressione NATO, era inevitabile, e si sarebbe manifestato al massimo in tre anni. È stato così. Così come per la proclamazione di nuove repubbliche. Tutto vero.

 

Dall’altro le capacità precognitive del tizio si stingono quando si scende nel dettaglio: l’idea che la Russia avrebbe cercato di ridurre l’Ucraina ad un cumulo di macerie fumanti, così da far cadere l’interesse della NATO, è totalmente errata. Si è visto, semmai, il contrario: il tentativo da parte di Mosca di catturare i territori dell’Ucraina tutti integri, popolazioni ed edifici – e forse perfino l’esercito ucraino, per quanto martellato, non è stato annientato da bombardamenti così come ci si immaginerebbe pensando alla guerra moderna.

 

Anche qui, l’Arestovych sbaglia in toto: nessun attacco di bombardieri, sul modello di quelli angloamericani cui oramai, da Dresda a Hiroshima al Vietnam all’Iraq all’Afghanistan siamo talmente abituati che ci eravamo scordati che la guerra può essere altro – appunto, la guerra come la sta facendo Putin.

 

Questa allergia alla distruzione massiva dimostrata dai russi ha chiaramente un’eccezione: i nazisti; epperò ciò era stato dichiarato perfino alla vigilia, con il programma di denazificazione chiamato per nome dal Cremlino in mondovisione.

 

No, i russi non stanno distruggendo, come prevedeva con sicumera il consigliere del presidente, le infrastrutture ucraine: chi segue i video di Gonzalo Lira, da Kharkov, vede come in città, nonostante gli attacchi ci sia acqua, luce, internet – e perché mai, quindi, Mosca non dovrebbe lasciare intatte le strutture che danno servizi alla popolazione ucraina? Ricordate il bombardamento di Belgrado del 1999, con le bombe alla graffite sganciate (detta anche «bomba blackout») dai caccia NATO per togliere la corrente alla capitale serba?

 

Semmai, pensate al contrario di quel che vi suggeriscono: chi ha fatto saltare tanti ponti? Chi ha minato le strade? Chi spara sulla centrale nucleare? Chi gambizza e tortura i prigionieri di guerra?

 

Non è chiaro quindi se Arestovych dica di figurarsi una guerra di distruzione totale perché abituato anche lui ai modi bellici angloidi, o forse perché, vertice delle psy-ops di Kiev, già stesse manipolando il messaggio nel modo in cui lo è ora, dove si tenta di buttare su Mosca ogni nefandezza che poi, alla prova dei fatti, sparisce (l’Isola dei Serpenti, stupri di massa, i missili nelle scuole, il teatro di Mariupol’… quante ne abbiamo sentite?)

 

Tuttavia, vien voglia di stringere la mano a chi, già tre anni prima del conflitto, diceva bellamente che «al 99,9% delle probabilità il prezzo per la nostra entrata nella NATO è una grande guerra con la Russia», un’opzione definita follemente migliore del «takeover russo» sull’ucraina in «10 o 12 anni».

 

I soloni dell’élite ucraina lo sapevano, ci lavoravano con i loro pupari atlantici da anni. Sono stati accontentati, ma a metà: malgrado il loro impegno, il Paese non è ancora devastato così come avevano detto loro.

 

Chiamala imprevedibilità russa. Chiamala civiltà, che Mosca riesce ad esprimere perfino in guerra.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari