Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi: il presidente del Senato ceco «pagherà cara» la sua visita a Taipei

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Per il ministro degli Esteri cinese, Miloš Vystrčil ha sfidato 1,4 miliardi di cinesi violando il «principio dell’unica Cina». Le minacce di Pechino rischiano di creare ulteriori dissapori con la UE, sempre più allineata con Washington. Capo della diplomazia europea: «La Cina è un nuovo impero».
 
 

Per l’alto diplomatico di Pechino, «sfidare il principio dell’unica Cina equivale a inimicarsi 1,4 miliardi di cinesi»

 

Il presidente del Senato ceco Miloš Vystrčil «pagherà cara» la sua visita a Taiwan, una violazione del «principio dell’unica Cina». È il duro monito lanciato oggi dal ministro degli Esteri cinese Wang Yi, impegnato in un tour europeo per riallacciare i rapporti tra il suo Paese e il Vecchio Continente nel pieno del conflitto geopolitico tra Pechino e Washington.

 

Il politico ceco, alla guida di una delegazione di circa 90 persone, è arrivato ieri nell’isola e si tratterà fino al 4 settembre. Oggi ha presenziato alla firma di una serie di accordi commerciali tra i due Paesi. Nei prossimi giorni incontrerà la presidente Tsai Ing-wen e pronuncerà un discorso al Parlamento locale.

 

I leader cinesi sono contrari all’iniziativa, in quanto rappresenta un indiretto riconoscimento di quella che essi considerano una provincia ribelle. Wang ha accusato Vystrčil di «opportunismo politico». Per l’alto diplomatico di Pechino, «sfidare il principio dell’unica Cina equivale a inimicarsi 1,4 miliardi di cinesi». Egli ha sottolineato che il suo governo «non tollererà» le provocazioni di Vystrčil e delle forze anti-cinesi che lo appoggiano.

Egli ha sottolineato che il suo governo «non tollererà» le provocazioni di Vystrčil e delle forze anti-cinesi che lo appoggiano

 

Le minacce di Wang rischiano di creare ulteriori dissapori con l’Unione europea. La Cina è finita nel mirino degli europei per la sua gestione della pandemia, la stretta repressiva a Hong Kong, le mancate riforme interne e i rischi associati all’uso della tecnologia 5G di Huawei.

 

Wang ha invitato i Paesi europei a non farsi trascinare dagli Usa in una «nuova guerra fredda». Ieri, nel corso della sua visita in Francia, ha chiesto in modo esplicito all’Europa di unirsi alla Cina contro le «forze estremiste» che negli Stati Uniti spingono per il «decoupling»: la separazione commerciale, finanziaria e tecnologica tra le due superpotenze.

 

Malgrado gli sforzi di Pechino, le cancellerie europee e la UE sono sempre più allineate sulle posizioni critiche di Washington

Malgrado gli sforzi di Pechino, le cancellerie europee e la UE sono sempre più allineate sulle posizioni critiche di Washington. In due editoriali pubblicati lo scorso weekend in Francia e Spagna, il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha descritto la Cina come un «nuovo impero». Per gli analisti è un salto di qualità nelle relazioni tra l’Europa e il gigante asiatico, lo scorso anno definito come «un rivale sistemico».

 

Secondo Borrell, la Cina è una potenza «assertiva, espansionista e autoritaria», che viola in mo do sistematico le regole internazionali e quelle sul commercio. Per questo motivo, egli spiega, la UE deve rivedere i legami economici con il gigante asiatico prima che sia troppo tardi.