Connettiti con Renovato 21

Arte

Il cantante dei Megadeth Dave Mustaine contro mascherine e tirannia sanitaria

Pubblicato

il

 

Nuovo caso di rocker che, rara avis, si schiera contro la dittatura sanitaria.

 

Il 15 settembre a Camden, New Jersey, i Megadeth, storico gruppo Thrash Metal americano, hanno tenuto un concerto.

 

I Megadeth sono attivi dal 1983 e sono, di fatto, un’emanazione del chitarrista e cantante Dave Mustaine, che faceva parte dei Metallica per poi essere allontanato dopo intensi litigi. Tuttavia, alcune delle canzoni più potenti dei Metallica – come la strumentale Orion – portano anche la firma di Mustaine.

 

Nel concerto in New Jersey di tre giorni fa, Mustaine, 60 anni, prima di eseguire l’ultima canzone (Holy Wars, un pezzo sulle violenze in Medio Oriente, che effettivamente suona bene anche oggi), ha preso il microfono e ha detto un paio di cose sulla situazione attuale.

 

«Voglio solo dirvi quanto è bello. Guardatevi intorno, ragazzi. Guardate alla vostra destra, guardate alla vostra sinistra e guardate quanto è meraviglioso. Siamo tutti qui insieme».

 

In effetti, veniamo da mesi in cui i concerti – come ogni altro libero raggruppamento di esseri umani – sono stati proibiti.

 

«Non stiamo dando di matto, e noi non stiamo urlando alla gente, “indossa la tua fottuta mascherina”»

«Non stiamo dando di matto, e noi non stiamo urlando alla gente, “indossa la tua fottuta mascherina”».

 

«Ascoltate, inizia con questo tipo di sensazione che costruiamo in questo momento. Ci sentiamo insieme, sentiamo la forza nei numeri. Ci sentiamo invincibili. Le persone non saranno in grado di fermarci».

 

«In questo momento, quello che sta succedendo è la tirannia. Questa si chiama tirannia. Pensateci quando tornate a casa. E la tirannia non è solo nel governo. La tirannia in questo momento è nelle scuole e la tirannia è nel settore medico».

 

I sottotitoli sono di Renovatio 21.

 

«In questo momento, quello che sta succedendo è la tirannia. E la tirannia non è solo nel governo. La tirannia in questo momento è nelle scuole e la tirannia è nel settore medico»

La folla ha risposto scandendo in coro «U.S.A.–U.S.A.». È un coro che peraltro si sente spesso durante le apparizioni di Trump. Quando l’ex presidente qualche settimana fa è entrato nello stadio dove si stava tenendo un importante match di MMA, il pubblico lo ha salutato urlando all’unisono questa minimale formula canora nazionalista.

 

Mustaine in passato ha sostenuto attivamente il Partito Democratico, per poi passare a fiancheggiare negli anni 2000 figure del Partito Repubblicano. Passò quindi ad attaccare il presidente Obama come «il presidente più divisivo mai visto» e sostenendo la tesi dei cosiddetti birthers, secondo cui Obama non è davvero nato negli USA – quindi, secondo la legge, non potrebbe essere presidente.

 

Mustaine ha inoltre suggerito durante passati concerti che le stragi in America potrebbero essere state concepite dal sistema per implementare la confisca delle armi dei cittadini.

 

Nel 1988 alcune sue parole (disse semplicemente: «… per la causa») durante un concerto a Belfast crearono una rivolta perché vennero interpretata come un endorsement dell’IRA.

 

Nonostante nel video sembri un po’ stanco – diciamo – bisogna ammettere che la lucidità c’è tutta.

 

«Abbiamo il potere, specialmente noi fan dell’heavy metal, abbiamo il potere di cambiare le cose»

Quella sua e quella del suo pubblico.

 

«Abbiamo il potere, specialmente noi fan dell’heavy metal, abbiamo il potere di cambiare le cose» dice Mustaine prima di riprendere le corde per l’ultimo pezzo.

 

È vero. Mustaine è un raro caso di musicista che si rende conto che i panorami apocalittici che metteva nelle canzoni decenni fa ora sono diventati realtà inoppugnabile. E, gli artisti non possono fare finta di niente – come invece stanno facendo tutti, anche in Italia, dove il conformismo rock – dal cantante in zona INPS al giovane gruppo da concertone dei sindacati 0 ha raggiunto livelli raccapriccianti.

 

 

Continua a leggere

Arte

L’alba dell’innocenza

Pubblicato

il

Da

 

«Presto, la violenza diventerà erotica, la tortura euforica, mentre le masse saluteranno con gioia le esecuzioni pubbliche spinte dall’ira del fascismo. I campi di concentramento verranno ricostruiti. L’ignoranza verrà glorificata. E ci saranno guerre razziali, perché l’odio verrà ricompensato e considerato una cosa autentica e bella. La fede verrà ridotta a stereotipo avvelenato, una schiavitù del pensiero infestata dalla morfina. La perversione verrà nobilitata. L’incesto, la molestia e la pedofilia saranno lodati. Ci saranno premi per gli stupratori. Pochi avranno tutto e la maggior parte non avrà niente, perché gli uomini non sono stati creati uguali. Il narcisismo non sarà più represso, ma venerato come virtù. Soddisfare i propri impulsi diventerà istintivo. Le nostre identità saranno definite dal dolore che causeremo. Il nichilismo puro, genuino, sarà l’unica soluzione di fronte alla morte gloriosa. Col passare del tempo avremo la nostra religione, la nostra dinastia. E con esse risveglieremo la vera furia del mondo. E mentre l’uomo imploderà  in un bagno di sangue e silenzio, emergerà una nuova mutazione. E quel giorno dichiarerà l’alba dell’innocenza».

 

 

(Da Too Old for Die Young, S1E10)

Continua a leggere

Arte

Eric Clapton a Kennedy: «tutto questo deve finire»

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Eric Clapton, uno dei musicisti più influenti del suo tempo, è ora anche uno degli eroi di Robert F. Kennedy, Jr..

 

Al The Defender Show di CHD.TV , Kennedy e Clapton hanno discusso della grave reazione avversa del musicista alla seconda dose del vaccino COVID di AstraZeneca. L’infortunio ha lasciato Clapton permanentemente disabilitato, ha detto.

 

Clapton ha raccontato a Kennedy come si è imbattuto nella «tana del Bianconiglio» delle informazioni sui vaccini e ha descritto cosa è successo quando è diventato pubblico con il suo danno da vaccino. Ha anche condiviso perché essere sobrio lo ha aiutato a far fronte all’intero calvario.

 

Kennedy e Clapton hanno discusso della grave reazione avversa del musicista alla seconda dose del vaccino COVID di AstraZeneca. L’infortunio ha lasciato Clapton permanentemente disabilitato

Quando Kennedy ha chiesto: «Come sei entrato in questa sega circolare?» Clapton ha risposto:

 

«Nell’ultimo anno, ci sono state molte sparizioni, sai – poca polvere in giro con le persone che si sono allontanate abbastanza rapidamente. E questo ha, per me, affinato il tipo di amicizie che ho. Tutto si è ridotto alle persone di cui ovviamente ho davvero bisogno e che amo.

 

«E all’interno della mia famiglia questo è diventato piuttosto cruciale … ​​ho figlie adolescenti e una figlia più grande che ha circa trent’anni, e tutte hanno dovuto darmi un po’ di margine perché non sono riuscito a convincere nessuna di loro. Penso che mia moglie ora la veda al mio stesso modo, ma la maggior parte di loro ha sempre pensato che fossi un pazzo, perché faccio cose estremamente insolite a qualsiasi livello».

 

Nella sua ultima canzone, This Has Gotta Stop, Clapton descrive la sua posizione sui obblighi di vaccinazione in tutto il mondo con queste parole:

 

Tutto questo deve finire,

Quando è troppo è troppo

Non posso più sopportare queste stronzate.

Siamo andati troppo oltre

Se vuoi reclamare la mia anima

Dovrai venire e sfondare questa porta

 

Dopo il contraccolpo dei media, che includeva un articolo su Rolling Stone e numerosi servizi di cronaca televisiva, Clapton, che non guarda la televisione, ha affermato di «non sapere nemmeno chi fossero queste persone» e perché i media mainstream lo «prendessero in giro».

 

Kennedy ha detto che è incoraggiante vedere artisti hip-hop e altri musicisti uscire contro la tirannia medica.

 

«Il rock and roll è stato annacquato molto tempo fa». Una volta si trattava di essere un ribelle. «E ora ha molto più a che fare con il conformismo»

Clapton ha detto: «Il rock and roll è stato annacquato molto tempo fa». Ha detto che una volta si trattava di essere un ribelle. «E ora ha molto più a che fare con il conformismo», ha detto.

 

Clapton ha detto che si sente affine agli americani e ad altri che sostengono la libertà medica. Ha descritto alcune valide collaborazioni musicali sulla protesta contro l’eccessiva portata del governo, tra cui Stand and Deliver, una collaborazione con Van Morrison, che viene anche criticato per aver contrastato la narrativa della pandemia tradizionale.

 

«Ho trovato persone un po’ come me, ma è stato difficile negli ultimi due anni, soprattutto con, sai, la svolta dei media mainstream» ha detto Clapton.

 

Parlando con i media e suscitando scalpore, Clapton ha detto: «Non riuscivo a vedere cosa ci fosse di così pericoloso o rischioso».

 

Kennedy è entrato in empatia con Clapton, 76 anni, che credeva agli avvertimenti secondo cui gli anziani dovrebbero fare il vaccino COVID e i richiami. Kennedy ha affermato che le aziende farmaceutiche si sono infiltrate nella narrativa dei media sulla sicurezza del vaccino COVID.

 

«Hai fatto il vaccino. Sei stato ferito dal primo. Credi alla propaganda. Hai preso il secondo, e sostanzialmente sei stato disabile. Hai parlato della tua ferita e il mondo intero è venuto giù e ti ha fatto impazzire, ti ha emarginato e ti ha diffamato, perché sei stato ferito da quel prodotto. E qui ti vengono dietro perché non ti è permesso parlarne. E questo è il grosso problema. Il modo in cui stanno affrontando le lesioni causate da questi vaccini è fingere che non esistano e punire le persone che vengono ferite e provare a parlarne» ha detto Kennedy.

 

Clapton ha detto che non sapeva in cosa si stava cacciando quando ha reso pubblico il danno da vaccino

Clapton ha detto che non sapeva in cosa si stava cacciando quando ha reso pubblico il danno da vaccino.

 

«E questo è il punto. non lo sapevo. Voglio dire, l’incertezza che circonda questa cosa è stata enorme. Penso che tutti quelli che conosco abbiano avuto, come lo chiamano? CAS [ sindrome da ansia da COVID], tutti quelli che conosco sono turbati al riguardo. E per me, è stato accentuato dal fatto che ho avuto queste reazioni avverse. La parte salvavita era che avevo trovato un gruppo di persone che mi invitavano a parlarne, perché non potevo parlare da nessuna parte. Come hai detto, non c’era nessuno che ascoltava, ed era molto, molto difficile sapere cosa fare o come, sai, pensavo di impazzire» ha detto Clapton.

 

Invece che lasciare che coloro che lo disapprovavano lo danneggiassero, si è sentito rafforzato.

 

«In effetti, mi sono sentito più supportato da questo di quanto non abbia mai fatto prima su qualsiasi cosa – ed ero sempre abbastanza riservato sulle mie convinzioni e preoccupazioni, ma nel momento in cui sono diventato pubblico con questo e ho appena detto la verità – la mia verità, suppongo che si possa dire: ho potuto vedere molto chiaramente ciò che era vero, genuino entusiasmo, sollievo e conforto da parte di persone che si sentivano allo stesso modo» ha detto Clapton.

 

Kennedy ha chiesto a Clapton come trova la pace quando la maggior parte della società dice che è «sbagliato, pazzo e pericoloso».

 

Clapton ha detto di essere sobrio da 34 anni dopo aver trovato il successo in un programma alcolico in 12 fasi. Ha detto che essere sobrio lo aiuta ad affrontare tutto, dall’«ingegneria» della pandemia alla politica della Brexit.

 

«Questo è ciò che faccio. E così nel corso degli anni questo mi ha dato molta più fiducia in ciò che sento in me stesso» ha detto Clapton.

 

«In effetti, mi sono sentito più supportato da questo di quanto non abbia mai fatto prima su qualsiasi cosa»

Clapton ha detto di non essere stato a un incontro in 12 fasi dal vivo per quasi due anni. «Ma lo so, penso che la cosa di Zoom abbia reso difficile per le persone essere coinvolte nel recupero», ha detto.

 

Kennedy ha parlato della sua esperienza di superamento della tossicodipendenza, che ha usato per far fronte alla morte di suo padre.

 

Le persone hanno bisogno di sostegno quando subiscono un trauma, concordano Clapton e Kennedy, proprio come parlare di lesioni da vaccino.

 

«Per me, lo scopo di parlare della mia esperienza con il vaccino era che qualcuno in una stanza da qualche parte che soffriva di effetti collaterali sapesse di non essere l’unico, perché in Inghilterra nessuno lo sa. Se parli con qualcuno del sistema Yellow Card, che è la vigilanza sugli effetti collaterali, la maggior parte delle persone non sa nemmeno che esiste. È criminale, sai, che sia stato nascosto».

 

«Per me, lo scopo di parlare della mia esperienza con il vaccino era che qualcuno in una stanza da qualche parte che soffriva di effetti collaterali sapesse di non essere l’unico, perché in Inghilterra nessuno lo sa. Se parli con qualcuno del sistema Yellow Card, che è la vigilanza sugli effetti collaterali, la maggior parte delle persone non sa nemmeno che esiste. È criminale, sai, che sia stato nascosto»

Clapton ha detto che crede che ora sia la sua vocazione tanto quanto qualsiasi altra cosa è semplicemente sporgere il collo e dire: «Beh, è ​​successo a me. E se è successo a te, allora devi dirlo a qualcuno».

 

Kennedy e Clapton hanno concluso con una nota di speranza con una discussione su come porre fine alla traiettoria del mondo verso il totalitarismo . Kennedy ha propagandato i benefici del metodo socratico:

 

«Non puoi persuadere. Non puoi andare a dire: “Devi ascoltarmi”. Devi fare alcune domande e dire: “Come funziona? Dovremmo vaccinare i bambini? È lecito vaccinare un bambino e metterlo a rischio per salvare una vita adulta?”»

 

 

 

© 10 novembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

Immagine di Alex G via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Arte

La profezia del «Padrone del mondo»: 150 anni dalla nascita di Robert Hugh Benson

Pubblicato

il

Da

 

 

Il 18 novembre di 150 anni fa veniva alla luce Robert Hugh Benson, figlio dell’arcivescovo di Canterbury, massima autorità della chiesa anglicana.

 

Dopo essersi laureato a Cambridge, si avviò anche lui alla carriera ecclesiastica. Tuttavia, le sue perplessità spirituali sull’autorità della chiesa anglicana, alimentate dalla lettura di John Henry Newman e delle opere di papa Leone XIII, lo condussero a un cammino di conversione sofferto, soprattutto per le reazioni del suo ambiente familiare.

 

Monsignor Robert Hugh Benson (1871-1914)

Accolto nella Chiesa cattolica, venne ordinato sacerdote nel 1904 a Roma.

 

Fece poi ritorno in Inghilterra, dove iniziò il suo ministero di sacerdote, una intensa attività di predicazione, da un capo all’altro della Gran Bretagna, alternata al lavoro missionario ed alla direzione spirituale, non rinunciando tuttavia ad esprimere in molteplici attività culturali la sua vivacità intellettuale, diventando non solo un interessante autore di saggi spirituali, ma soprattutto un romanziere appassionante.

 

Benson, che era stato anglicano, decise di trarre dall’oblio tutta la drammatica, commovente storia dei cattolici inglesi dopo Tommaso Moro che era stata accuratamente rimossa – con una cura degna della distopia di Orwell – da parte dell’establishment britannico. Fece accuratamente i conti con la storia del suo Paese, attinse alle fonti dimenticate o censurate e produsse in pochi anni un numero impressionante di romanzi collocati quasi tutti nel terribile periodo elisabettiano. Tra questi, il commovente Con quale autorità?.

 

Benson, in fondo, aveva immaginato e descritto lo scenario attuale del Grande Reset, di un pensiero unico dove non si lascia spazio né parola o significatività a chi non si adegua a questo pensiero, a questo dettame apparentemente buono, umanitario e tollerante, in realtà profondamente intollerante

La casa editrice Fede & Cultura, che nel corso degli anni ha pubblicato pressoché l’intera opera bensoniana, ha recentemente dato alle stampe un romanzo ancora inedito in Italia che rappresenta una delle opere più mature e intense del sacerdote inglese, Solitudine? (400 pagine, 19 euro).

 

Un romanzo la cui protagonista è una giovane cantante lirica inglese, di fede cattolica, innamorata del figlio di un potente banchiere astiosamente anticattolico. Marion, la protagonista, sarà chiamata a scegliere tra il successo mondano, l’amore umano e la fede. Una scelta eroica. Una storia che commuove e fa riflettere su ciò che veramente è il cuore dell’esistenza umana.

 

 

Ma l’opera più importante e più celebre di Robert Benson è senza dubbio il romanzo distopico pubblicato nel 1907, Il padrone del mondo, nel quale il sacerdote scrittore immagina un futuro dominato da un pensiero unico, da una dittatura che si spaccia per umanitaria: uno scenario che anticipò quelli descritti da George Orwell e Aldous Huxley nelle loro opere.

 

Prima di loro, Benson portò la propria attenzione, la propria analisi, la propria denuncia, non esclusivamente sugli esiti possibili della scienza, bensì anche sugli esiti possibili della società. Il padrone del mondo vede l’autore immaginare un mondo a venire, in uno scenario collocato agli inizi del XXI secolo.

 

Benson aveva approfondito la storia del suo Paese, le vicende drammatiche del periodo elisabettiano. Aveva memoria storica. Conosceva bene anche gli aspetti problematici della sua contemporaneità – le tensioni internazionali tra le grandi potenze, il nascere del socialismo – che erano oggetto della sua attenzione anche per i riflessi che avevano nella sua attività pastorale.

 

I pericoli più gravi però li sentiva nel futuro, in ciò che temeva avrebbe potuto accadere di lì a un secolo. E il maggiore timore era la nascita di un unico potere mondiale.

 

Un mondo dove la Chiesa cattolica viene a collassare, lasciando solo un piccolo gregge di fedeli che non intendono venire a compromessi col mondo, un mondo che ha rifiutato conoscenza, bellezza e verità, e soprattutto ha rifiutato Dio, affrontando di conseguenza la persecuzione

Si trattava di un’ipotesi piuttosto singolare: l’Ottocento, infatti, era stato il secolo dei nazionalismi, dei particolarismi l’un contro l’altro armati.

 

Benson va ad immaginare un mondo futuro dove invece c’è un unico potere mondiale, un pensiero unico che si accanisce pesantemente, seppur in maniera molto subdola, contro il cristianesimo.

 

In particolare contro la Chiesa cattolica. Quest’ultima sembra essere rimasta l’unico vero nemico: le ideologie contrapposte sono arrivate a una sorta di sintesi nel nome dell’umanitarismo, si è realizzato questo pensiero unico in cui si sono superati i conflitti fra le opposte ideologie liberale e socialista, e questo modello di grande governo umanitario mondiale impone a tutti un’unica visione delle cose e della vita.

 

Chi non è riducibile a questo progetto è appunto la Chiesa, che finisce perseguitata, ridotta a un piccolissimo gregge, dal momento che molti cominciano a voltare le spalle alla Verità, attratti dalle lusinghe di Giuliano Felsenburgh, il leader mondiale dalla grande attrattiva personale, un leader «carismatico» che comunica sicurezza.

 

L’astuzia di Felsenburgh nei confronti della Chiesa consiste nel non farle più, come in passato, una guerra aperta, ma nell’acquisirla, per così dire, al progetto di un pensiero unico. Egli sembra essere colui che tutta l’umanità aspettava, in grado di convogliare verso la pace e il benessere, e poi, invece, si rivela apertamente come l’Anticristo.

 

Robert Hugh Benson, nello scenario del mondo futuro che sarebbe venuto secondo i suoi timori, e che non avrebbe mai visto perché morì improvvisamente nel 1914, prefigurava questo potere unico mondiale come un governo di chiara ispirazione massonica.

 

Uno scenario drammaticamente attuale

Di conseguenza, il libro gli costò qualche guaio: venne boicottato in Inghilterra e non tradotto all’estero. Chi si sentiva colpito da questa accusa, molto precisa pur se collocata in un mondo immaginario, si era accorto con molta chiarezza di essere stato chiamato in causa.

 

La visione di Benson poteva sembrare pessimistica e assolutamente infondata; in realtà, ciò che distingue le grandi opere d’immaginazione, le vere utopie, dalla banale fantascienza è proprio il fatto che riescono a individuare scenari assolutamente impensabili.

 

Benson, in fondo, aveva immaginato e descritto lo scenario attuale del Grande Reset, di un pensiero unico dove non si lascia spazio né parola o significatività a chi non si adegua a questo pensiero, a questo dettame apparentemente buono, umanitario e tollerante, in realtà profondamente intollerante, un mondo dove la Chiesa cattolica viene a collassare, lasciando solo un piccolo gregge di fedeli che non intendono venire a compromessi col mondo, un mondo che ha rifiutato conoscenza, bellezza e verità, e soprattutto ha rifiutato Dio, affrontando di conseguenza la persecuzione.

 

Uno scenario drammaticamente attuale.

 

 

Paolo Gulisano

 

 

Articolo previamente apparso su Ricognizioni

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In Affiliazione Amazon

Continua a leggere

Più popolari