Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Giro in bordello gratis se fai il vaccino. Siamo letteralmente arrivati al «casino mRNA»

Pubblicato

il

 

30 minuti con una «signora a propria scelta» in cambio della vaccinazione anti-COVID.

 

È la trovata di un bordello di Vienna per incoraggiare gli uomini a offrire il deltoide alla siringa mRNA. Lo riporta il quotidiano britannico Daily Mail Online.

 

Il Funpalast offre ai clienti una sessione di mezzora nel «club della sauna» con la «signora di loro scelta». La puntura genica viene fatta in una clinica in loco.

 

Il Funpalast offre ai clienti una sessione di mezzora nel «club della sauna» con la «signora di loro scelta». La puntura genica viene fatta in una clinica in loco.

Le immagini uscite sui media mostrano una popputa tatuata con la parrucca rossa che su tacchi vertiginosi cammina in una stanza sulla cui porta c’è scritto «Impfstrasse», ossia «via del vaccino»

I vaccini saranno gentilmente offerti ogni lunedì dalle 16 alle 22 per tutto il mese di novembre nel tentativo di incoraggiare gli uomini a fare il vaccino. Il valore del buono per il sauna club ha un valore di circa 40 euro. Non è quindi chiaro chi si stia veramente prostituendo in questo caso.

Il valore del buono per il sauna club ha un valore di circa 40 euro. Non è quindi chiaro chi si stia veramente prostituendo in questo caso

 

Secondo quanto riferito al giornale inglese, «ragazzi di appena 14 anni possono utilizzare la clinica, a condizione che siano accompagnati da un adulto». (!)

 

Ma non solo minorenni. Nel Paese in cui comincia il Nord Europa, non si fanno discriminazioni di nessun tipo: «le donne sono pure incoraggiate a visitare il bordello per il vaccino, per rispettare le leggi sull’uguaglianza dell’Austria».  

 

Il proprietario di Funpalast ha aggiunto che il bordello si trova vicino a un monumento del celeberrimo artista viennese Gustav Klimt. Si tratta di una posizione strategica: egli asserisce infatti che i potenziali clienti possono usare la statua «come scusa per il ritardo» quando tornano a casa.

 

Il titolare ha inoltre spiegato una ratio precisa dietro alla sua scelta: «stavo guardando le statistiche e ho visto che per l’immunità di gregge abbiamo bisogno del 70%-75% di persone vaccinate per raggiungere l’immunità di gregge, ma siamo correntemente solo al 63%. Ho notato dalle statistiche che molti uomini con un background di immigrazione, rifiutano potenzialmente la vaccinazione o non sanno nemmeno che puoi farti vaccinare. Così abbiamo scelto di istituire una via della vaccinazione qui».

La genialata è rivelatrice: possiamo finalmente dire che la narrazione ufficiale sui vaccini è andata a puttane. Letteralmente.

 

La genialata è rivelatrice: possiamo finalmente dire che la narrazione ufficiale sui vaccini è andata a puttane. Letteralmente.

 

Si tratta di una messa in abisso del concetto di meretricio: prostituire il proprio corpo per andare con una prostituta crea una cortocircuito da mal di testa.

 

Quando in tutti questi anni abbiamo meditato sulla corruzione dei costumi, non saremmo mai arrivati a pensare una situazione del genere.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Austria è sull’orlo di un nuovo lockdown da far scattare per i soli vaccinati. L’inasprimento del loro sistema di green pass – lì chiamato 3G-2G – è condiviso con vari laender tedeschi come Turingia, Sassonia, Baviera.

Quando in tutti questi anni abbiamo meditato sulla corruzione dei costumi, non saremmo mai arrivati a pensare una situazione del genere

 

È riportato che a Vienna già esistono divisioni nei locali, con aree per vaccinati e aree per non vaccinati.

 

Come usava ricordare Liliana Cavani, regista della celebre pellicola Il portiere di Notte, la città che a fine del secondo conflitto mondiale è risultata avere il maggior numero di criminali di guerra nazisti non era Amburgo, Berlino, Francoforte o qualche altro freddo conglomerato urbano del Nord.

 

Macché: la città con più criminali nazisti è stata Vienna. Dietro i valzer, la sackertorte, la tradizione imperiale, le Belle Arti – e ora anche dietro al casino vaccinale – sappiamo cosa può nascondersi.

 

 

 

Immagine screenshot dal video Daily Mail online.

Continua a leggere

Vaccini

Danno da vaccino COVID distrugge carriera ventennale di un chirurgo

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

In un’intervista a The People’s Testaments di CHD.TV, il dottor Joel Wallskog ha descritto come gli è stata diagnosticata la mielite trasversa dopo aver ricevuto il vaccino Moderna COVID-19 e perché ora dedica il suo tempo ad aiutare gli altri feriti dal vaccino.

 

Nel settembre 2020, ha detto Wallskog, i membri del personale della clinica a cui ha indirizzato i pazienti hanno iniziato a soffrire di COVID-19.

 

Sebbene Wallskog non si sentisse male, ha ottenuto un test anticorpale ed è risultato positivo.

 

Quando un caro amico si è ammalato di COVID-19 e ha dovuto essere intubato, Wallskog ha deciso che avrebbe dovuto vaccinarsi, nonostante le riserve e avesse già acquisito l’immunità naturale.

 

Circa una settimana dopo aver ricevuto il vaccino, i piedi di Wallskog sono diventati insensibili e ha sviluppato «sensazioni elettriche» lungo le gambe quando ha piegato la testa in avanti.

 

Quando ha iniziato ad avere problemi a stare in piedi, ha ordinato una risonanza magnetica di emergenza e si è scoperto che aveva una lesione al midollo spinale.

 

Un neurologo ha diagnosticato a Wallskog una mielite trasversa, un disturbo causato dall’infiammazione del midollo spinale.

 

Nonostante i vari trattamenti e il riposo, Wallskog soffre di dolore e intorpidimento e non riesce a stare in piedi abbastanza a lungo per eseguire un intervento chirurgico.

 

La sua carriera si è conclusa all’inizio del 2021.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Vaccini

L’efficacia del Pfizer svanisce rapidamente poche settimane dopo la seconda e la terza dose: studio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La seconda e la terza dose del vaccino COVID-19 di Pfizer forniscono protezione contro la variante Omicron solo per poche settimane, secondo una ricerca peer-review pubblicata oggi su JAMA Network Open.

 

«Il nostro studio ha riscontrato un rapido declino dei titoli anticorpali sierici neutralizzanti Omicron solo poche settimane dopo la seconda e la terza dose di [Pfizer-BioNTech] BNT162b2», hanno scritto gli autori della lettera di ricerca.

 

Gli autori hanno affermato che i loro risultati «potrebbero supportare il lancio di ulteriori iniezioni di richiamo per le persone vulnerabili poiché la variante determina un aumento di nuovi casi in tutto il Paese», ha riferito Forbes

 

I ricercatori danesi hanno studiato gli adulti che hanno ricevuto due o tre dosi di BNT162b2 tra gennaio 2021 e ottobre 2021, o che erano stati precedentemente infettati prima di febbraio 2021 e poi vaccinati.

 

Hanno scoperto che dopo un aumento iniziale degli anticorpi specifici per Omicron dopo la seconda iniezione di Pfizer, i livelli sono diminuiti rapidamente, dal 76,2% alla settimana 4, al 53,3% alle settimane 8-10 e al 18,9% alle settimane 12-14.

 

Dopo la terza iniezione, gli anticorpi neutralizzanti contro Omicron sono diminuiti di 5,4 volte tra la settimana 3 e la settimana 8.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Reumatologo: il 40% dei 3.000 pazienti vaccinati ha riportato danni da vaccino

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il dottor Robert Jackson, un reumatologo che pratica da 35 anni, ha affermato che il 40% dei pazienti vaccinati nel suo studio ha riportato una lesione da vaccino e il 5% è ancora ferito.

 

Jackson ha più di 5.000 pazienti, circa 3.000 dei quali hanno ricevuto un vaccino contro il COVID-19.

 

Jackson ha detto di aver avuto 12 pazienti morti in seguito all’iniezione, mentre normalmente vede uno o due decessi nella sua base di pazienti all’anno.

 

Circa il 5% dei suoi pazienti ha sviluppato una nuova condizione che li rende suscettibili alla coagulazione del sangue.

 

Le osservazioni di Jackson sono coerenti con uno studio pubblicato sul BMJ che ha valutato la sicurezza dei vaccini contro SARS-CoV-2 nelle persone con malattia reumatica e muscoloscheletrica infiammatoria/autoimmune dal registro riportato dai medici EULAR Coronavirus Vaccine (COVAX).

 

Lo studio ha mostrato che il 37% di 5.121 partecipanti ha avuto eventi avversi e il 4,4% dei pazienti ha avuto una riacutizzazione della malattia dopo la vaccinazione.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Continua a leggere

Più popolari