Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Giro in bordello gratis se fai il vaccino. Siamo letteralmente arrivati al «casino mRNA»

Pubblicato

il

 

30 minuti con una «signora a propria scelta» in cambio della vaccinazione anti-COVID.

 

È la trovata di un bordello di Vienna per incoraggiare gli uomini a offrire il deltoide alla siringa mRNA. Lo riporta il quotidiano britannico Daily Mail Online.

 

Il Funpalast offre ai clienti una sessione di mezzora nel «club della sauna» con la «signora di loro scelta». La puntura genica viene fatta in una clinica in loco.

 

Il Funpalast offre ai clienti una sessione di mezzora nel «club della sauna» con la «signora di loro scelta». La puntura genica viene fatta in una clinica in loco.

Le immagini uscite sui media mostrano una popputa tatuata con la parrucca rossa che su tacchi vertiginosi cammina in una stanza sulla cui porta c’è scritto «Impfstrasse», ossia «via del vaccino»

I vaccini saranno gentilmente offerti ogni lunedì dalle 16 alle 22 per tutto il mese di novembre nel tentativo di incoraggiare gli uomini a fare il vaccino. Il valore del buono per il sauna club ha un valore di circa 40 euro. Non è quindi chiaro chi si stia veramente prostituendo in questo caso.

Il valore del buono per il sauna club ha un valore di circa 40 euro. Non è quindi chiaro chi si stia veramente prostituendo in questo caso

 

Secondo quanto riferito al giornale inglese, «ragazzi di appena 14 anni possono utilizzare la clinica, a condizione che siano accompagnati da un adulto». (!)

 

Ma non solo minorenni. Nel Paese in cui comincia il Nord Europa, non si fanno discriminazioni di nessun tipo: «le donne sono pure incoraggiate a visitare il bordello per il vaccino, per rispettare le leggi sull’uguaglianza dell’Austria».  

 

Il proprietario di Funpalast ha aggiunto che il bordello si trova vicino a un monumento del celeberrimo artista viennese Gustav Klimt. Si tratta di una posizione strategica: egli asserisce infatti che i potenziali clienti possono usare la statua «come scusa per il ritardo» quando tornano a casa.

 

Il titolare ha inoltre spiegato una ratio precisa dietro alla sua scelta: «stavo guardando le statistiche e ho visto che per l’immunità di gregge abbiamo bisogno del 70%-75% di persone vaccinate per raggiungere l’immunità di gregge, ma siamo correntemente solo al 63%. Ho notato dalle statistiche che molti uomini con un background di immigrazione, rifiutano potenzialmente la vaccinazione o non sanno nemmeno che puoi farti vaccinare. Così abbiamo scelto di istituire una via della vaccinazione qui».

La genialata è rivelatrice: possiamo finalmente dire che la narrazione ufficiale sui vaccini è andata a puttane. Letteralmente.

 

La genialata è rivelatrice: possiamo finalmente dire che la narrazione ufficiale sui vaccini è andata a puttane. Letteralmente.

 

Si tratta di una messa in abisso del concetto di meretricio: prostituire il proprio corpo per andare con una prostituta crea una cortocircuito da mal di testa.

 

Quando in tutti questi anni abbiamo meditato sulla corruzione dei costumi, non saremmo mai arrivati a pensare una situazione del genere.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Austria è sull’orlo di un nuovo lockdown da far scattare per i soli vaccinati. L’inasprimento del loro sistema di green pass – lì chiamato 3G-2G – è condiviso con vari laender tedeschi come Turingia, Sassonia, Baviera.

Quando in tutti questi anni abbiamo meditato sulla corruzione dei costumi, non saremmo mai arrivati a pensare una situazione del genere

 

È riportato che a Vienna già esistono divisioni nei locali, con aree per vaccinati e aree per non vaccinati.

 

Come usava ricordare Liliana Cavani, regista della celebre pellicola Il portiere di Notte, la città che a fine del secondo conflitto mondiale è risultata avere il maggior numero di criminali di guerra nazisti non era Amburgo, Berlino, Francoforte o qualche altro freddo conglomerato urbano del Nord.

 

Macché: la città con più criminali nazisti è stata Vienna. Dietro i valzer, la sackertorte, la tradizione imperiale, le Belle Arti – e ora anche dietro al casino vaccinale – sappiamo cosa può nascondersi.

 

 

 

Immagine screenshot dal video Daily Mail online.

Continua a leggere

Pensiero

Vaccino COVID e obiezione di coscienza

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo testo dell’avvocato Maria Cecilia Peritore. Le opinioni degli scritti pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21. Dell’avvocato Peritore Renovatio 21 aveva già pubblicato le «Considerazioni sull’utilizzo di linee cellulari provenienti da bambini abortiti allo stadio fetale».

 

 

 

1. PREMESSA

 Che la coscienza possa obiettare qualcosa al cospetto di una legge ingiusta, è storia antica (ben chiara a Sofocle, nella sua Antigone); che, tuttavia, solo in epoca molto recente ha trovato un concreto sviluppo concettuale e, di riflesso, giuridico. 

 

   Si dice infatti: dura lex sed lex, e con ciò non si allude tanto alla «durezza» di conseguenze previste per legge e percepite come giuste, quanto piuttosto ad una norma difficile da digerire, a conseguenze che la coscienza non accetta. Perché, appunto, la norma non è da tutti condivisa nel suo sostrato etico.  

 

La legge è il terreno sul quale si incontrano, o si scontrano, ovvero dialetticamente si rapportano, persona, società civile e Stato: la persona con la sua coscienza individuale e le sue motivazioni etiche, religiose, esistenziali; la società civile, con i convincimenti di liceità/illiceità diffusi in un certo tempo e in un certo luogo; lo Stato, con le sue prerogative/incombenze di ordine pubblico. Dalla tensione tra queste componenti scaturiscono norme alle quali si deve tributare obbedienza e, a certe condizioni, si può consentire disobbedienza.

 

La necessità di porre in equilibrio normatività, convinzioni socialmente condivise e libertà di coscienza delle minoranze si pone in maniera a volte addirittura drammatica nei settori della vita dell’uomo che diritto ed etica si trovano a condividere. Ad esempio la questione della coscienza viene fuori prepotentemente quando è «questione di vita o di morte»: aborto, eutanasia, uso delle armi, ecc.. 

 

L’interrogativo che pongo è se, in relazione ai vaccini anti SARS-CoV-2, sia ammissibile una obiezione di coscienza, e se essa debba essere necessariamente riconosciuta con legge per essere azionata.   

 

 

2.L’art. 32 della Costituzione e i vaccini obbligatori in Italia; la disobbedienza civile

Secondo l’art. 32 della Costituzione «Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana». 

 

Nella mens della Costituente il principio di riserva di legge era il «ferro dietro la porta» dell’ordine democratico: se le leggi le fa il Parlamento e il Parlamento è eletto dal popolo, nessun governo potrà imporre leggi non accettate dal popolo (salvo le ipotesi residuali della decretazione d’urgenza), trasformando la democrazia in tirannide. Ed in ogni caso, ancor più inviolabile della riserva di legge, vi è il principio costituzionale del rispetto della persona umana. 

 

La materia dei vaccini obbligatori in Italia è stata affrontata di recente, prima della cd. pandemia, dalla Legge 119/2017, che ha stabilito l’obbligatorietà di alcuni vaccini per la popolazione tra 0 e 16 anni. Conseguenze previste della mancata vaccinazione: mancata ammissione agli asili nido e alle scuole materne fino a 6 anni. Dopo i 6 anni il minore non vaccinato viene ammesso a scuola, i genitori devono dare comunicazione della scelta e possono essere colpiti da sanzione amministrativa da 100 a 500 euro. Il pagamento della sanzione estingue l’obbligo. 

 

Pur essendo un’obbligatorietà sanzionata in modo lieve, la Corte Costituzionale ha a suo tempo stabilito i tre punti fermi affinché l’obbligo vaccinale possa essere ritenuto conforme ai principi costituzionali: 

 

1) il vaccinato non deve essere danneggiato dal trattamento;

 

2) il vantaggio per la collettività deve essere certo;

 

3) deve essere previsto un equo indennizzo per gli eventi avversi.  

 

Dunque, in riferimento ai vaccini per la popolazione scolastica, soppesando le restrizioni e le sanzioni imposte agli obiettori e i requisiti per la legittimità dell’obbligo, pare sia stata e sia concretamente consentita la disobbedienza civile, intesa come scelta dissidente operata da una minoranza per ragioni anche non di coscienza (ad es., salute individuale, etc.).  

 

È interessante osservare come in quel caso il pagamento della sanzione (ma, in verità, non trovo notizia dell’avvio di alcun procedimento sanzionatorio: sic!) estingua l’obbligo vaccinale. 

 

Appare evidente, e a mio giudizio suscettibile di verifica costituzionale, la disparità di trattamento tra chi è contro i vaccini «scolastici» e chi è contro il vaccino anti-SARS-CoV-2: mentre i primi sono sanzionati soltanto con l’impedimento alla frequenza dei bimbi negli asili nido e, successivamente, con il pagamento di una modesta sanzione pecuniaria che estingue l’obbligo, i secondi sono stati impediti nell’attività lavorativa e, pur pagando la sanzione, non estinguono l’obbligo. 

 

La concreta possibilità di agire secondo il proprio personale convincimento, pur subendo qualche disagio, non viene riconosciuta a chi è contro il vaccino anti SARS–Co-2, nonostante la malattia in questione sia, per gravità e diffusività, certamente meno grave rispetto a malattie come la poliomielite, la difterite, etc.

 

Quindi, già in relazione alla possibilità di praticare la disobbedienza civile (bacino più ampio dell’obiezione di coscienza, caratterizzata da motivazioni etico-religiose), si evidenzia una disparità di trattamento a mio avviso illegittima.  

 

 

3. Obiezione di coscienza: definizione e riconoscimenti di legge in Italia

L’obiezione di coscienza (la parola «obiezione» deriva dal latino obicĕre: contrapposizione, rifiuto) si definisce come il rifiuto di obbedienza ad una legge o ad un comando dell’autorità perché considerato in contrasto con i principi e le convinzioni personali, di carattere etico – religioso, radicati nella propria coscienza individuale.

 

L’obiezione di coscienza in Italia coincide in origine con l’opposizione, e conseguente renitenza, alla leva obbligatoria; dopo molti processi e molte condanne, grazie soprattutto all’opera di 2 sacerdoti cattolici, don Ernesto Balducci e don Lorenzo Milani, e del Sindaco di Firenze Giorgio La Pira, fu riconosciuta con l. 772/72.

 

Il diritto all’obiezione fu poi riconosciuto ai sanitari dalla legge sull’aborto, la 194/78; successivamente, con l. 413/93 fu riconosciuto in relazione alla sperimentazione sugli animali; infine, con l. 40/2004 in relazione alla procreazione medicalmente assistita.  

 

 

4. La libertà di coscienza come valore costituzionale: gli artt. 2, 13, 19 e 21

L’obiezione di coscienza, pur non espressamente prevista dalla Costituzione, è un diritto costituzionalmente tutelato.

 

Ciò si desume dall’art 2 Cost., che attribuisce alla libertà di coscienza il rango di diritto inviolabile; dall’art 19 Cost. in tema di libertà religiosa, intesa come specificazione della libertà di coscienza; dall’art. 13 Cost. in tema di libertà personale, ivi ricomprendendosi anche la libertà morale; dall’art. 21 Cost. in tema di libertà di pensiero e di espressione in quanto manifestazioni della personalità umana.

 

 

5. Il diritto all’obiezione: secundum legem, praeter legem o contra legem?

Ma in che modo il diritto all’obiezione di coscienza può essere reso effettivo, operativo?    

 

La domanda che si pone è se l’obiezione di coscienza debba necessariamente essere riconosciuta caso per caso dalla legge (sono i casi sopra riportati), ovvero se possa essere riconosciuta, quale diritto costituzionalmente garantito, a prescindere dalla esistenza di una norma positiva o addirittura contro di essa. In effetti, oltre alle quattro ipotesi codificate (aborto, servizio militare, ecc.), sono individuabili alcune ipotesi di estensione interpretativa della normativa (ad es., il farmacista per la vendita della pillola abortiva). E sono poi configurabili ipotesi di obiezione del tutto nuove, dipendenti dalle nuove possibilità offerte dalla biomedicina (ad es., utero in affitto). 

 

L’obiezione di coscienza rispetto al vaccino obbligatorio anti SARS–Cov–2 dovuta a motivazioni etico-religiose pro vita potrebbe essere una nuova ipotesi non prevista dalla legge.

 

 

6. La soluzione: il diritto di obiettare

Secondo autorevoli giuristi (Mantovani), ancorare l’effettività dell’obiezione di coscienza alla previsione legislativa di specifiche ipotesi non suscettibili di estensione analogica rappresenta un vulnus alla Costituzione, che appunto prevede, agli articoli sopra riportati, il diritto alla libertà di coscienza come diritto della persona, generale, effettivo ed immediatamente azionabile. 

 

Considerare la necessità di una espressa previsione di legge caso per caso significa configurare l’obiezione di coscienza in termini di eccezione, ossia di beneficio concesso al singolo in via eccezionale rispetto ad una generale previsione di obbedienza alla legge; convincimento errato, poiché l’obiezione non è la concessione speciale fatta dallo Stato ad una minoranza, ma una diversa regolamentazione motivata dalle qualità soggettive della persona dell’obiettore, ossia, da una particolare qualità della sua coscienza. 

 

Aderire alla tesi più restrittiva, peraltro, comporterebbe indubbie iniquità applicative: la storia dell’obiezione di coscienza è costellata di condanne subite da tanti a causa della formale violazione di leggi per le quali solo dopo molti anni fu consentita l’obiezione: pensiamo alla questione della renitenza alla leva, risolta con legge dopo circa un secolo di condanne e battaglie.

 

Tra l’altro, nuove acquisizioni scientifiche in materia di biomedicina sono e saranno all’origine di situazioni nuove, che impongono al singolo scelte rilevanti dal punto di vista etico –religioso: penso all’utero in affitto, all’eutanasia, etc.

 

È quindi da ritenere preferibile la configurazione di un diritto generale all’obiezione di coscienza non tipizzato in ipotesi specifiche normativamente previste quale numerus clausus, ma ancorato a presupposti e requisiti costitutivi, regolato nel suo concreto esercizio, limitato per non entrare in conflitto con altri principi di rango costituzionale.

 

Ciò consentirebbe la tutela della libertà di coscienza in tutte le ipotesi anche non specificamente previste dalla legge, purché ne ricorrano i requisiti generali di ammissibilità, requisiti che consentono di evitare l’eccessiva soggettivizzazione. 

 

 

7. Requisiti 

I requisiti per il riconoscimento di legittimità della condotta di obiezione potrebbero essere:

 

1)l’esistenza di un conflitto tra due interessi costituzionalmente garantiti; 

 

2) l’esistenza di motivazioni etico – religiose e non meramente utilitaristiche espresse con pubblica evidenza e in tempo antecedente ai fatti;

 

3) la salvaguardia del principio di bilanciamento tra interessi contrapposti.  

 

In questo modo verrebbe ad essere salvaguardata l’effettività della libertà di coscienza nei casi in cui essa «vive» il conflitto con maggiore drammaticità, mentre le posizioni non radicate nella coscienza morale come espressione di diritti indisponibili ma dovute ad un mero giudizio di valore /disvalore/ utilità sarebbero ricondotte nell’alveo della disobbedienza civile.

 

 

8. L’utilizzo di cellule provenienti da aborti volontari nei vaccini: una possibile obiezione? 

È ormai notorio che nello sviluppo, nella produzione ovvero nella sperimentazione (test) di molti vaccini, e segnatamente di quelli contro il COVID-19 siano utilizzate linee cellulari ricavate da materiale biologico proveniente da organi o tessuti prelevati da bambini abortiti volontariamente.

 

La questione della liceità morale dell’utilizzo di tali farmaci da parte degli utenti finali e la verifica della loro «compatibilità» con la condanna dell’aborto espressa costantemente dalla Chiesa Cattolica è stata affrontata dalle Istituzioni Pontificie (Pontificia Accademia per la Vita e Congregazione per la Dottrina della Fede) fin dal 2005, e da ultimo con la Nota sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-COVID-19 del 21 dicembre 2020. Tale documento «assolve» pienamente la coscienza del cattolico a tal proposito, sulla scorta di una considerazione del carattere «remoto» della cooperazione compiuta con la condotta di utilizzo del farmaco rispetto al male rappresentato dall’aborto; del resto è nota la posizione assunta dal Vaticano in ordine alla campagna vaccinale.

 

Ma non poche voci di Vescovi si sono levate proponendo una diversa impostazione della questione morale, che per molti cattolici resta irrisolta ovvero risolta in modo difforme dal documento vaticano, ovvero con il radicale rifiuto di farmaci che prevedano l’impiego, in qualsiasi fase, di linee cellulari fetali.        

 

Senza voler approfondire qui questo specifico aspetto, e rinviando per chi vuole al mio articolo del 7 luglio 2021 pubblicato sul sito di Renovatio 21, le ragioni poste a fondamento del rifiuto della inoculazione di tali farmaci da parte di molti cristiani appaiono serie e profondamente radicate nella coscienza morale.

 

Infatti non persuade la considerazione, propria dell’Istituzione vaticana, secondo la quale l’utilizzo di linee cellulari preparate a partire da tessuti prelevati mediante dissezione di bambini abortiti non rappresenta in sé una condotta di partecipazione al male in quanto si tratterebbe di cooperazione remota, materiale e passiva.

 

Non persuade perché, quand’anche non vi fosse collegamento causale tra la condotta  di chi pratica l’aborto e la condotta di chi si giova del prodotto abortivo, sarebbe pur sempre ravvisabile, da parte di quest’ultimo soggetto, un atto di appropriazione e di vantaggio tratto dal frutto dell’illecito che non appare né occasionale né irrilevante. In diritto sono ben note varie forme di partecipazione illecita al reato altrui, che non si atteggia solo come concorso ma che può anche consistere in favoreggiamento o concorso di cause indipendenti.

 

È dunque ben possibile che un cristiano avverta come inaccettabile per sé l’utilizzo di preparati che in qualsiasi modo, anche remoto, presuppongano e si giovino di una pratica moralmente illecita come l’aborto.    

 

Pertanto a mio giudizio è certamente possibile sollevare obiezione di coscienza rispetto all’obbligo vaccinale in questione, a ciò non ostando la posizione assunta dalla Congregazione e ben potendo il singolo credente dichiarare la propria adesione ad un diverso convincimento, peraltro condiviso da molti prelati (vescovi austriaci firmatari di un documento, Mons. Schneider, Mons. Viganò, etc.) e da molte associazioni pro vita.  

 

Ricorrerebbero i requisiti sopra menzionati: il conflitto tra l’interesse alla salute pubblica e il rispetto della ferma condanna dell’aborto quale espressione della coscienza individuale; la serietà della motivazione del dissenso, radicato nella coscienza etico –religiosa di chi assume il carattere indisponibile e non negoziabile del diritto alla vita fin dallo stadio iniziale; (ove ricorra) la pubblica e anteatta evidenza dell’opposizione; il bilanciamento degli interessi, non essendo ragionevole ritenere, soprattutto alla luce delle recenti evidenze in materia di efficacia dei vaccini, che il mantenimento di una piccola frangia di popolazione non vaccinata possa incidere significativamente sulla salute pubblica.

 

 

9. De jure condendo: tante obiezioni o un solo diritto all’obiezione ?

Consideriamo il multiculturalismo e l’esistenza di contrapposte convinzioni etico-religiose; le acquisizioni scientifiche che pongono sempre nuovi interrogativi in materia di bioetica; l’esperienza storica delle ipotesi «codificate» di obiezione di coscienza; concluderemo che, senza la generale previsione di un diritto all’obiezione, ci sarà sempre qualcuno soggetto a sacrificare o la propria coscienza e libertà ovvero il proprio denaro, lavoro, etc.

 

Poi i movimenti di opinione (ammesso che il futuro ancora li possa contemplare) opereranno per introdurre nuove ipotesi di obiezione di coscienza; ma frattanto chi avrà pagato, avrà pagato. Basti ricordare che la battaglia per l’obiezione di coscienza al servizio militare è durata circa un secolo, e non so quante condanne per renitenza alla leva.

 

Al contrario, il riconoscimento di un diritto all’obiezione di coscienza in generale, già previsto dalla Costituzione, prudentemente regolamentato, ancorato a presupposti generali e non relegato in espresse eccezionali previsioni, consentirebbe il rispetto delle opinioni di minoranze dissenzienti e la convivenza civile, e contrasterebbe efficacemente derive autoritarie e radicalizzazioni altrimenti inevitabili.

 

 

Avv. Maria Cecilia Peritore 

 

 

 

Licata, 27 dicembre 2022

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Oligarcato

Vaccini mRNA: Bill Gates, dopo averci guadagnato, contesta la loro efficacia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Bill Gates, a lungo riconosciuto come uno dei principali sostenitori mondiali dei vaccini, ha sollevato alcune sopracciglia in un recente discorso in Australia quando ha ammesso che ci sono «problemi con gli attuali vaccini COVID-19».

 

 

Bill Gates, a lungo riconosciuto come uno dei principali sostenitori mondiali dei vaccini, ha insospettito alcuni durante un recente discorso in Australia quando ha ammesso che ci sono «problemi» con gli attuali vaccini COVID-19.

 

Parlando al Lowy Institute australiano nell’ambito di un discorso intitolato «Prepararsi alle sfide globali: in conversazione con Bill Gates», il fondatore di Microsoft ha fatto la seguente ammissione:

 

«Dobbiamo anche risolvere i tre problemi dei vaccini [COVID-19]. Gli attuali vaccini non bloccano l’infezione. Non sono ampi, quindi quando emergono nuove varianti perdi la protezione e hanno una durata molto breve, in particolare nelle persone che contano, che sono gli anziani».

 

Tali dichiarazioni sono state una sorpresa per alcuni alla luce del supporto di lunga data di Gates e degli investimenti in produttori di vaccini e organizzazioni che promuovono la vaccinazione globale. Tuttavia, sono stati gli ultimi di una serie di sviluppi nelle ultime settimane che hanno messo sempre più in discussione i vaccini COVID-19, in particolare.

 

 

«Questa è una truffa»: gli investimenti di Gates nei vaccini a mRNA rivelano «un conflitto di interessi»

Diversi analisti e commentatori sono stati critici nei confronti di Gates, ma non per disaccordo con le dichiarazioni che ha fatto in Australia. Invece, hanno sostenuto che in precedenza aveva investito pesantemente nei vaccini a mRNA mentre allo stesso tempo incoraggiava una campagna di vaccinazione globale contro il COVID-19 e sosteneva la vaccinazione obbligatoria.

 

Parlando il 25 gennaio nella trasmissione Rising di The Hill TV, i co-conduttori Briahna Joy Gray e Robby Soave hanno affrontato le dichiarazioni di Gates. Soave inizialmente era d’accordo con le critiche di Gates agli attuali vaccini a mRNA, dicendo:

 

«È puntuale davvero sui problemi che stiamo riscontrando: la breve durata della protezione, non un impatto significativo distinguibile sulla trasmissione dei casi… non un vantaggio enorme per molte persone altrimenti sane e giovani».

 

Tuttavia, Soave – che il 19 gennaio ha rivelato i « file di Facebook» che indicano che il CDC ha influenzato in modo significativo la moderazione e la censura dei contenuti sulla piattaforma relativa ai vaccini COVID-19 – ha poi sottolineato i precedenti investimenti di Gates che hanno contribuito allo sviluppo della tecnologia del vaccino mRNA.

 

Soave ha dichiarato: «Bill Gates è stato uno dei principali sostenitori della tecnologia mRNA… era un investitore in BioNTech, che ha sviluppato il vaccino mRNA per Pfizer».

 

«Stavamo solo scavando», ha continuato Soave, «e abbiamo visto che ha venduto molte di quelle azioni a… quanto profitto è stato?»

 

«10 volte», ha risposto Gray. «Nel 2019 ha investito 55 milioni di dollari in BioNTech e ora vale più di 550 milioni di dollari. Ha venduto alcune azioni… alla fine dello scorso anno, credo, con un prezzo delle azioni superiore a 300 dollari, che ha rappresentato un enorme guadagno per lui rispetto a quando ha investito».

 

Soave ha poi scatenato commenti critici rivolti a Gates:

 

«Seguiamo questa traiettoria: [Gates] investe molto in BioNTech, “i vaccini a mRNA sono fantastici, questo è il futuro”, parla della tempistica del vaccino e di come possiamo svilupparlo più velocemente, “potremmo dover tagliare alcune scorciatoie sulla sicurezza “… Tutto sommato… lo vende… fa un’enorme quantità di denaro… ma ora è sì, va bene, potrebbe essere migliore, ma ciò di cui abbiamo veramente bisogno è questo spray per l’alito».

 

Soave si riferiva a una dichiarazione fatta da Gates durante il suo recente discorso in Australia, immediatamente prima delle sue osservazioni sui vaccini a mRNA, dove ha detto:

 

«Pensiamo che possiamo anche avere, molto presto in un’epidemia, una cosa che puoi inalare che significherà che non puoi essere infettato, un bloccante, un bloccante inalato».

 

Gray ha sollevato la questione dei conflitti di interesse tra individui come Gates che ricoprono posizioni significative con i produttori di farmaci e vaccini e la spesa da parte del governo federale di ingenti somme di denaro dei contribuenti per acquistare questi prodotti.

 

«Questa è una truffa. Queste società estraggono denaro, denaro dei contribuenti per così dire, per pagare cure mediche che non sono indicate dai professionisti medici e sono meno utili di quelle che già abbiamo» ha detto la Grey.

 

«Allo stesso tempo, l’amministrazione Biden sta aprendo le sue porte, le porte girevoli, a persone di questi vari settori come Jeff Zients, che è il nuovo capo dello staff di Joe Biden… che ha trascorso tutta la sua carriera in aziende di questo tipo, investendo nei tipi di società che hanno sovraccaricato il governo per pagamenti Medicare e Medicaid e tipi esatti di pagamenti in eccesso. È una truffa enorme e incredibilmente comune».

 

Zients era in precedenza lo «zar COVID» dell’amministrazione Biden e ha pubblicamente spinto per la vaccinazione universale .

 

Soave ha poi affermato che le dichiarazioni di Gates, e la più ampia questione dei conflitti di interesse tra i sostenitori di farmaci e vaccini e il governo federale, danno credito alle affermazioni a lungo fatte da «no-vax e simili».

 

«Il fatto che non ci siano più interrogativi sul suo conflitto di interessi qui da parte del mainstream è profondamente inquietante, e per le persone che sono state scettiche su questo aspetto di Pfizer e sullo sviluppo di farmaci intorno a COVID e che sono state criticate dai media come pazzi , no-vax e simili, francamente penso che questo problema della corruzione farmaceutica e delle persone che spingono vari interventi, avendo un investimento nel profitto, avrebbe dovuto essere un problema su cui la sinistra stava guidando».

 

«Dobbiamo essere più trasparenti sul fatto che le persone che hanno input su quale sarà la politica del governo, cosa sarà richiesto alle persone, l’amministrazione Biden ha cercato di richiedere alle persone di ottenere questo, non dovrebbe essere noto almeno quando ci sono centinaia di milioni di dollari di interessi finanziari in gioco per le persone che lo consigliano? E la loro melodia cambia man mano che segue i soldi!»

 

Anche il giornalista investigativo Jordan Schachtel ha fatto osservazioni aspre dopo le dichiarazioni di Gates in Australia, scrivendo sul suo blog:

 

«Il fondatore di Microsoft Bill Gates, che è stato uno degli architetti dell’isteria COVID e ha avuto un impatto maggiore di qualsiasi altro individuo sulle disastrose politiche globali sulla pandemia, ha finalmente riconosciuto che le iniezioni di mRNA che ha promosso per due anni non sono altro che spazzatura farmaceutica scaduta».

 

«Traduzione: Gates ammette che gli scatti sono impossibili da allineare con le varianti in rapido sviluppo, scadono alla velocità della luce e non interrompono la trasmissione. E non lavorano per l’unica parte a rischio della popolazione».

 

Schachtel ha definito questo «un incredibile capovolgimento rispetto all’uomo che una volta pubblicizzava le iniezioni come cura per il coronavirus», attingendo alla precedente dichiarazione di Gates : «tutti coloro che fanno il vaccino non si limitano a proteggere se stessi, ma ne riducono la trasmissione ad altre persone e consentono società per tornare alla normalità».

 

Nel 2021, Gates ha descritto i vaccini a mRNA come «magici», dicendo che sarebbero stati un «punto di svolta» nei prossimi cinque anni.

 

 

Gates mette in guardia sulla “prossima pandemia”, elogia i blocchi, chiede più simulazioni di pandemia

Come riportato dal Daily Mail del 23 gennaio, il discorso di Gates in Australia è stato degno di nota per alcune dichiarazioni aggiuntive che ha fatto.

 

Gates «ha chiesto una maggiore cooperazione globale utilizzando la pandemia di COVID-19 come esempio di come i Paesi potrebbero migliorare la loro risposta se lavorassero insieme», sostenendo che «i leader politici dovevano mettere da parte le loro differenze e lavorare insieme per prepararsi al prossimo virus».

 

Gates ha anche elogiato le rigide politiche di blocco dell’Australia, dicendo:

 

«Alcune delle cose che risaltano sono che l’Australia e circa altri sette paesi hanno fatto presto diagnosi su scala di popolazione e avevano politiche di quarantena».

 

«Ciò significava che avete mantenuto basso il livello di infezione in quel primo anno in cui non c’erano vaccini».

 

Gates ha anche chiesto più «simulazioni pandemiche» per assistere i leader mondiali nell’affrontare le «future pandemie».

 

«L’unica cosa che è ancora in bilico è se avremo la capacità globale e a livello regionale e nazionale che significherebbe che quando si presenta una minaccia (malattia infettiva) agiamo in modo tale che non diventi globale».

 

«Dobbiamo fare ogni cinque anni un esercizio completo a livello nazionale e regionale di preparazione alla pandemia e hai bisogno di un gruppo globale che segua tutti».

 

Come parte di tale preparazione, Gates ha invitato i Paesi a disporre di «strumenti di riserva», inclusi i vaccini, per la prossima pandemia:

 

«Quindi c’è una classe che contiene il morbillo, una classe di influenza, una classe di coronavirus e una quarta classe, tutte di cui abbiamo bisogno per avere strumenti di riserva, sia antivirali che vaccini in grado di affrontarli. È molto fattibile. Quindi, sul fronte degli strumenti, possiamo essere molto più preparati».

 

Schachtel ha osservato che Gates era uno sponsor dell’Evento 201, una simulazione condotta il 18 ottobre 2019, che «prediceva» una pandemia globale di coronavirus. Uno degli sponsor dell’Event 201 è stata la Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF).

 

Il BMGF è partner di GAVI, The Vaccine Alliance e occupa un posto nel suo consiglio di amministrazione. A sua volta, GAVI collabora strettamente con ID2020 Alliance, un forte sostenitore dei «passaporti vaccinali», come riportato in precedenza da The Defender. Microsoft e BMGF sono membri fondatori di ID2020.

 

Secondo lo stesso rapporto di The Defender, la BMGF nel settembre 2022 ha promesso 1,27 miliardi di dollari a sostegno di «progetti globali di salute e sviluppo».

 

E come riportato in precedenza da The Defender, la BMGF aveva precedentemente impegnato, nel giugno 2020, 750 milioni di dollari per lo sviluppo del vaccino AstraZeneca presso l’Università di Oxford e un finanziamento condizionale di 150 milioni di dollari al Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo per numero di dosi prodotte e vendute.

 

Il Serum Institute ha anche ricevuto una sovvenzione di 4 milioni di dollari dal BMGF nell’ottobre 2020 per sostenere la ricerca e lo sviluppo come parte della risposta COVID-19, mentre nell’agosto 2020 il Serum Institute, in collaborazione con il BMGF e Gavi, ha accettato di produrre a 100 milioni di dosi di vaccini COVID-19 per i paesi a basso e medio reddito.

 

In un post sul suo blog ufficiale nel dicembre 2020, Gates ha scritto che la sua fondazione «si è assunta parte del rischio finanziario» per il vaccino, quindi se il vaccino Oxford-AstraZeneca non fosse stato approvato, il Serum Institute non avrebbe «dovuto prendere una perdita completa».

 

 

Le osservazioni di Gates sono le ultime di una serie di pressioni negative per COVID, vaccini a mRNA

Le osservazioni di Gates in Australia – e l’attenzione che hanno ricevuto dalla stampa – rappresentano l’ultima di una serie di rappresentazioni mediatiche tutt’altro che lusinghiere sul COVID-19 e sui vaccini a mRNA nelle ultime settimane.

 

Il 22 gennaio, il Wall Street Journal ha pubblicato un editoriale molto critico riguardo alla non divulgazione da parte della FDA dei dati relativi all’efficacia dei booster bivalenti COVID-19. Allysia Finley, membro del comitato editoriale del giornale, ha scritto:

 

«Le agenzie federali hanno compiuto il passo senza precedenti ordinando ai produttori di vaccini di produrli e raccomandandoli senza dati a sostegno della loro sicurezza o efficacia».

 

Ha anche accusato i produttori di vaccini di «pubblicità ingannevole».

 

Il 13 gennaio, durante un’apparizione televisiva in diretta sulla BBC, il cardiologo Dr. Aseem Malhotra ha «sganciato una bomba di verità» quando ha suggerito «non sollecitato» che i vaccini a mRNA rappresentano un rischio cardiovascolare .

 

Un video sotto copertura rilasciato da Project Veritas, pubblicato il 25 gennaio, mostrava Jordon Trishton Walker, direttore della ricerca e sviluppo, operazioni strategiche di Pfizer, ammettere che l’azienda farmaceutica sta «esplorando» la mutazione di COVID-19 «noi stessi» attraverso «l’evoluzione diretta», per poi «sviluppare preventivamente nuovi vaccini» contro di loro.

 

Un video successivo mostrava Walker che aggrediva il fondatore di Project Veritas James O’Keefe quando questi lo metteva a confronto con la registrazione delle sue dichiarazioni.

 

Giovedì il senatore repubblicano del Wisconsin Ron Johnson ha chiesto un’indagine del Congresso contro i produttori di vaccini e il processo di approvazione del vaccino COVID-19, in risposta alle rivelazioni di Project Veritas.

 

«Le agenzie sanitarie federali sono state catturate da Big Pharma e gravemente abbandonate nei loro doveri durante la pandemia», ha affermato Johnson.

 

«È tempo che il Congresso indaghi a fondo sui produttori di vaccini e sull’intero processo di approvazione del vaccino COVID», ha aggiunto.

 

E oggi, il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio a inviato una lettera al CEO di Pfizer Albert Bourla in risposta ai video di Project Veritas, affermando:

 

«Scrivo in risposta a rapporti preoccupanti sull’intenzione di Pfizer di mutare il virus SARS-CoV-2 (COVID) attraverso il guadagno di funzione, o “evoluzione diretta”, come dettagliato dal direttore della ricerca e dello sviluppo di Pfizer, Jordan Walker».

 

«Come è stato dimostrato più e più volte, i tentativi di mutare un virus, in particolare uno potente come COVID, sono pericolosi. Se le affermazioni dettagliate nel video sono vere, Pfizer ha anteposto il suo desiderio di profitto alla preoccupazione per la salute nazionale e globale e deve ritenersi responsabile».

 

Anche le dichiarazioni rilasciate dal fumettista Scott Adams famoso per «Dilbert» riguardo ai vaccini COVID-19 hanno attirato l’attenzione. In un video datato 22 gennaio, Adams ha dichiarato: «i no-vax hanno chiaramente vinto, voi siete i vincitori!» a causa della loro sfiducia nei confronti del governo e delle società.

 

Ed Elon Musk, proprietario e CEO di Twitter, rispondendo ai commenti separati fatti da Adams sulla significativa prevalenza di eventi avversi correlati al vaccino COVID-19 , ha twittato: «Ho avuto importanti effetti collaterali dalla mia seconda dose di richiamo. Mi sentivo come se stessi morendo per diversi giorni. Si spera che non ci siano danni permanenti, ma non lo so».

 

Musk ha proseguito con un secondo tweet , affermando: «E mio cugino, che è giovane e in ottima salute, ha avuto un grave caso di miocardite. É dovuto andare in ospedale».

 

Diversi commenti di giornalisti twittati in risposta alle dichiarazioni di Musk si riferivano aneddoticamente a un numero crescente di persone che subivano tali lesioni da vaccino COVID-19.

 

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

 

© 27 gennaio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Esperimenti di Pfizer sulle varianti del virus COVID? Le accuse in un video a telecamera nascosta

Pubblicato

il

Da

Un dipendente Pfizer di alto livello è stato ripreso da una telecamera nascosta da Project Veritas – un progetto giornalistico votato alla trasparenza, che conduce indagini sotto copertura – fare dichiarazioni di grande peso riguardo al suo datore di lavoro così come al sistema sanitario di Washington.

 

Il protagonista del video è tale Jordon Trishton Walker, il quale secondo Project Veritas, che mostra qualche documento interno, sarebbe  Direttore della Ricerca e Sviluppo e delle Operazioni strategiche di Pfizer e pianificatore scientifico mRNA.

 

Lo Walker è filmato mentre afferma  che la grande società farmaceutica sta esplorando un modo per «mutare» il virus COVID tramite un processo che chiama «directed evolution», cioè «evoluzione diretta» al fine di anticipare nuovi ceppi per il loro vaccino COVID-19.

 

«Una delle cose che stiamo esplorando è come, perché non lo mutiamo noi stessi in modo da poter creare, sviluppare preventivamente nuovi vaccini, giusto? Quindi, dobbiamo farlo (…) Tuttavia, c’è il rischio che, come puoi immaginare, nessuno voglia che ci sia un’azienda farmaceutica che muti fottuti virus», dice Walker nel video, aggiungendo che crede che lo si stia facendo lentamente «perché ovviamente non vuoi pubblicizzare che stai scoprendo mutazioni future».

 

 

Nel suo racconto al giornalista di Project Veritas, che lo ascoltava fingendosi un «date» – c’è una persona con cui si esce allo scopo di avere poi magari una relazione – Walker afferma che questa «evoluzione diretta» è diversa dalla ricerca sul Gain of Function, ossia la tecnica di manipolazione genetica dalla quale si sospetta provenga il virus di Wuhan.

 

«Non dirlo a nessuno. Promettimi che non lo dirai a nessuno. Il modo in cui funzionerebbe è che mettiamo il virus nelle scimmie, e successivamente facciamo in modo che continuino a infettarsi a vicenda, e raccogliamo campioni seriali», dice il Walker, prima di definire la teoria delle origini naturali del COVID-19 «una stronzata»:

 

«Devi essere molto controllato per assicurarti che questo virus che muta non crei qualcosa che vada ovunque. Che, sospetto, è il modo in cui il virus è iniziato a Wuhan, ad essere onesti. (…) Non ha senso che questo virus sia saltato fuori dal nulla. È una stronzata».

 

«Non dovresti fare ricerche Gain of Function con i virus (…) Possiamo fare queste mutazioni di strutture selezionate per cercare di vedere se possiamo renderle più potenti. C’è una ricerca in corso su questo. Non so come funzionerà. È meglio che non ci siano più epidemie» continua Walker.

 

 

L’uomo prosegue quindi a definire la questione delle mutazioni del virus come una cash-cow («mucca da mungere»), termine dell’inglese americano che indica un affare che dà guadagni costanti e facili.

 

«Parte di ciò che vogliono fare è, in una certa misura, cercare di capire, sai, come ci sono tutti questi nuovi ceppi e varianti che saltano fuori. Quindi, è come cercare di catturarli prima che compaiano e possiamo sviluppare un vaccino profilattico, tipo, per nuove varianti. Quindi, è così che la pensano, se lo fai in modo controllato in un laboratorio, dove dicono che questo è un nuovo epitopo [in immunologia, la parte di antigene che lega l’anticorpo specifico, ndr], e quindi se in seguito viene fuori nella popolazione, abbiamo già un vaccino che funziona».

 

Il giornalista di Project Veritas gli chiede se questo non sia il miglior modello di business. «Basta controllare la natura prima ancora che la natura stessa accada? Giusto?», domanda il reporter con telecamera nascosta.

 

«Sì. Se funziona» risponde lo Walker. «Alcune volte ci sono mutazioni che compaiono per le quali non siamo preparati. Come con Delta e Omicron. E cose così. Chissà? In ogni caso, sarà una cash-cow. COVID sarà una vacca da mungere per noi per un po’ di tempo in futuro».

 

Ulteriori rivelazioni vengono fatte riguardo al sistema delle «porte girevoli» che uniscono il personale degli enti regolatori e le grandi aziende farmaceutiche.

 

Big Pharma, viene detto nella conversazione ripresa all’insaputa di Walker, «è una porta girevole per tutti i funzionari governativi».

 

«Nell’industria farmaceutica, tutte le persone che revisionano i nostri farmaci, alla fine la maggior parte di loro verrà a lavorare per le aziende farmaceutiche».

 

Alla domanda su cosa pensi di questa «porta girevole», Walker risponde che «a essere onesti, è abbastanza buono per l’industria. È un male per tutti gli altri in America (…) Perché quando le autorità di regolamentazione che esaminano i nostri farmaci sanno che una volta che smetteranno di regolamentare, lavoreranno per l’azienda, non saranno così dure nei confronti dell’azienda che darà loro un lavoro».

 

Come ha notato il giornalista TV Tucker Carlson, unico a parlare di questo sconvolgente video, si tratta di una meccanica che a Washington funziona anche in altri ambiti, come per l’industria militare con generali che poi salgono sul board dei produttori di armi, o nella finanza, con i dipendenti degli enti di controllo che poi vanno a lavorare proprio per le banche che prima, in teoria, controllavano.

 

 

Al termine dell’incontro il fondatore di Project Veritas James O’Keefe si palesa nel ristorante per fare domande dirette a Walker, che ha una reazione isterica e financo violenta: spinge O’Keefe e i cameraman, chiama la polizia (dicendo di essere in presenza di «persone bianche»), filma con il telefonino urlando (riprendendo, per qualche motivo, anche i gestori del locale), va dietro il bancone, distrugge un iPad, pretende che nessuno esca dal locale, infine cerca perfino di fermare una macchina in mezzo alla strada credendo che si tratti della troupe di Project Veritas.

 

 

Soprattutto, una volta vistosi scoperto, dichiara di essere «letteralmente un bugiardo», dice che stava mentendo al «terzo appuntamento», «come un uomo normale».

 

Sui media mainstream, americani e internazionali, c’è un silenzio assoluto. A parlarne, nel suo programma televisivo su Fox News – il più seguito della TV via cavo degli USA – è stato Tucker Carlson, che ha invitato a commentare il pioniere delle tecnologie vaccinali mRNA Robert Malone.

 

Il Daily Mail, testata britannica che mai pare tirarsi indietro negli scandali, secondo Paul Joseph Watson avrebbe cancellato l’articolo.

 

 

In Italia, al momento in cui scriviamo, la notizia delle accuse al colosso farmaceutico è stata data solo dall’Agenzia NOVA.

 

Qualche dubbio viene comunicato da O’Keefe anche riguardo alla copertura sul motore di ricerca Google.

 

 

Il Google italiano, poche ore fa, dava questa schermata se si faceva una richiesta per “Pfizer directed evolution”. Notate l’appello a «controllare la fonte», perché forse, per questa particolare chiave di ricerca, potrebbe non essere «attendibile».

 

 

 

Di fronte all’enormità del tema, tuttavia qualcosa si muove. Il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio ha immediatamente scritto una lettera al CEO di Pfizer Albert Bourla, che di recente ha subito un’altra débacle giornalistica a Davos.

 

«Caro dottor Bourla», dice la lettera del senatore Rubio «scrivo in risposta a resoconti preoccupanti sull’intenzione di Pfizer di mutare il virus SARS-CoV-2 (COVID) attraverso il guadagno di funzione, o “evoluzione diretta”, come dettagliato dal direttore della ricerca e dello sviluppo di Pfizer, Jordan Walker. Come è stato dimostrato più e più volte, i tentativi di mutare un virus, in particolare uno potente come COVID, sono pericolosi. Se le affermazioni dettagliate nel video sono vere, Pfizer ha anteposto il suo desiderio di profitto alla preoccupazione della salute nazionale e globale e deve ritenersi responsabile».

 

La lettera del senatore al capo di Pfizer prosegue con domande molto franche, alle quali esige risposta. «In qualità di leader nella salute pubblica globale e nello sviluppo del vaccino COVID, con i dollari dei contribuenti americani, è fondamentale che Pfizer sia responsabile delle proprie azioni e sia trasparente con il pubblico sulla sostanza e sull’intento della propria ricerca».

 

La rete, nel frattempo è scatenata, in una tempesta di indignazione e meme irresistibili.

 

 

 

L’investitore e podcaster scientifico Eric Weinstein scrive su Twitter: «Hai perso qualcuno insostituibile a causa del COVID? Alla miocardite? Hai il Brain Fog? Hai perso un anno o due della tua vita? Non riesci a partecipare a un funerale? Ti chiedi come siano apparsi i vaccini così in fretta? La tua reputazione è stata distrutta per complottismo? Essere chiamato razzista sinofobo? Guarda».

 

 

Il popolarissimo imprenditore tedesco-finnico Kimdotcom ha promesso di raddoppiare ogni donazione verrà fatta a Project Veritas e parla iperbolicamente di «Gain of Function come Business model».

 

 

Qualcuno ringrazia Grindr, l’applicazione per incontri gay, che, presumono i commentatori, potrebbe essere alla base del contatto tra lo Walker e il giornalista sotto copertura di Project Veritas. A quanto sembra, Grindr non mette nei guai solo preti e funzionari vaticani vari.

 

 

Qualcuno si chiede come sia possibile: com’è possibile che un alto funzionario di una grande farmaceutica parli così in libertà, facendo ammissioni sconvolgenti?

 

In realtà, se ci pensiamo, c’è un precedente: la responsabile per i mercati internazionali di Pfizer Janine Small che ammette che il vaccino Pfizer non era testato per fermare la trasmissione del virus.

 

 

Quanto emerso da Project Veritas è talmente grande da non essere di primo acchito credibile. Si tratta di una storia che smuove un colosso economico e pure la politica internazionale. Sono necessarie ulteriori verifiche, approfondimenti di sorta. Per esempio, questi supposti esperimenti sulle varianti, dove verrebbero fatti? Il dottor Robert Malone, ospite di Tucker Carlson, dice che il trattato sulla guerra biologica è «pieno di buchi», e che ad ogni modo, Israele – Paese che ha risaputamente una forte relazione con Pfizer, dice Malone – non è firmatario.

 

 

Immaginate quali finestrelle possono aprirsi da qui: finestrelle che divengono voragini.

 

Il problema è che non sappiamo se i giornali, i giudici, i politici vorranno davvero seguire questa traccia, e vederci più chiaro.

 

È possibile ignorare il tutto, e lasciare che passi.

 

Lo abbiamo visto tante volte, tante che, purtroppo, ora ci siamo praticamente assuefatti.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari