Connettiti con Renovato 21

Intelligence

Ex capo dell’Intelligence danese arrestato

Pubblicato

il

L’uomo che ha guidato entrambe le agenzie di Intelligence danesi in tempi diversi è stato detenuto per oltre un mese con l’accusa di «rivelazione di informazioni altamente riservate dai servizi di intelligence».

 

La notizia, che arriva da un tribunale danese, ha suscitato speculazioni sul fatto che Lars Findsen fosse considerato troppo aperto nei confronti dei media.

 

Quattro sospetti delle due agenzie di intelligence danesi, due per ciascuna, sono stati arrestati. Da allora tre sono stati rilasciati mentre Findsen rimane in custodia cautelare. Il suo nome era stato protetto da un divieto ordinato dal tribunale che è però stato rimosso lunedì.

 

Findsen ha guidato il Politiets Efterretningstjeneste, cioè servizio di sicurezza interna, noto con l’acronimo danese PET, dal 2002 al 2007.

 

Ha poi guidato il servizio di Intelligence straniero, noto come Forsvars Efterretningstjeneste (FE), dal 2015 fino a quando è stato sospeso nell’agosto 2020 dopo che un ente osservatore indipendente aveva pesantemente criticato l’agenzia di spionaggio per aver nascosto deliberatamente informazioni e violato le leggi del Paese.

 

I dettagli sulla detenzione di Findsen sono avvolti dal segreto e, a causa della delicatezza del caso, il suo avvocato difensore non può parlare, scrive il Washington Post. Non è noto se il suo arresto sia legato alla sua precedente sospensione.

 

Un’udienza per la custodia si è tenuta lunedì a porte chiuse a Copenaghen e ha esteso la detenzione di Findsen fino al 4 febbraio.

 

Il suo difensore ha denunciato il fatto che non fosse nota nemmeno l’accusa preliminare, che lo ha consentito di essere trattenuto mentre le indagini sono in corso. In Danimarca, le accuse preliminari sono un passo prima delle accuse formali.

 

O la Danimarca «sta distruggendo i propri servizi di intelligence portando un caso infondato contro il boss della FE, o la Danimarca ha avuto un capo spia che ha minato la sicurezza del regno. Entrambi sono, per usare un eufemismo, spaventosi e profondamente dannosi per la Danimarca».

Lo stesso Findsen ha detto ai giornalisti lunedì in tribunale: «voglio che l’accusa preliminare sia portata avanti e mi dichiaro non colpevole. Questo è completamente folle».

 

I deputati dell’opposizione hanno espresso il timore che la detenzione di un alto funzionario dell’Intelligence possa danneggiare i contatti delle agenzie con partner stranieri.

 

«Dobbiamo essere certi di poter contare sulla completa cooperazione con gli altri Paesi», ha detto all’emittente danese DR Peter Skaarup, portavoce populista del Partito popolare danese per gli affari legali.

 

All’estremo opposto dello spettro politico, Eva Flyvholm, portavoce della difesa e degli affari esteri del partito di sinistra Enhedslisten («Lista dell’Unità»), ha affermato di volere che il governo socialdemocratico fornisca ai legislatori un briefing sul caso.

 

Il quotidiano Jyllands-Posten (il giornale noto per il caso delle vignette anti-islamiche) ha scritto in un editoriale che «la sicurezza e la credibilità della Danimarca sono destinate a diventare il grande perdente» non importa come finirà il caso e che «senza dubbio deve far scattare la domanda: cosa c’è di marcio in Danimarca?»

 

O la Danimarca «sta distruggendo i propri servizi di intelligence portando un caso infondato contro il boss della FE» scrive la testata danese Politiken, «o la Danimarca ha avuto un capo spia che ha minato la sicurezza del regno. Entrambi sono, per usare un eufemismo, spaventosi e profondamente dannosi per la Danimarca».

 

Le accuse arrivano dopo settimane in cui si era arrivati ad accusare i servizi danesi di spiare per conto di Washington.

 

Come riportato da Renovatio 21, il caso – ancora senza nomi, allora – era emerso ancora mese scorso: con l’arresto di due ex o attuali agenti di sorveglianza segreta per i servizi segreti militari danesi FE e due ex o attuali agenti dei servizi segreti di polizia PET. Gli agenti erano stati arrestati in Danimarca per divulgazione di «informazioni profondamente riservate».

 

Secondo le accuse emerse all’epoca, il servizio militare avrebbe spiato illegalmente e sistematicamente i propri cittadini per il profitto economico e gli interessi politici degli Stati Uniti.

Continua a leggere

Intelligence

Contrordine: la CIA dice che la Sindrome dell’Avana non è un attacco russo

Pubblicato

il

Da

 

In una nuova valutazione da parte dell’Intelligence, la CIA ha escluso che i misteriosi sintomi noti come Sindrome dell’Avana siano il risultato di una prolungata campagna globale da parte di una potenza ostile rivolta a centinaia di diplomatici e spie statunitensi. Lo sostiene il canale televisivo americano NBC, che cita sei persone informate sulla materia.

 

Secondo le nuove rivelazioni, tra centinaia di presunti casi, alcuni dei quali sarebbero accaduti nelle strade di Washington, la CIA afferma di considerare solo «circa due dozzine di casi» casi in cui «non possono escludere un coinvolgimento straniero».

 

«Ma in centinaia di altri casi di possibili sintomi, l’agenzia ha trovato spiegazioni alternative plausibili, hanno detto le fonti» riporta NBC.

 

Quando sono emerse per la prima volta le affermazioni secondo cui il personale statunitense nelle ambasciate straniere stava sperimentando sintomi misteriosi come nausea, forti mal di testa, disorientamento, vomito e persino sintomi simili a commozioni cerebrali, è scattata l’ennesimo complotto (dal Russiagate agli hacker russi, al generico «ha stato Putin») di cui incolpare l’Intelligence russa. Prove, come negli altri casi, non ve ne erano, come ora viene confermato dalla CIA.

 

«L’idea che i sintomi diffusi di lesioni cerebrali siano stati causati dalla Russia o da un’altra potenza straniera che ha preso di mira gli americani in tutto il mondo, sia per danneggiarli o per raccogliere informazioni, è stata ritenuta infondata»

«L’idea che i sintomi diffusi di lesioni cerebrali siano stati causati dalla Russia o da un’altra potenza straniera che ha preso di mira gli americani in tutto il mondo, sia per danneggiarli o per raccogliere informazioni, è stata ritenuta infondata, hanno affermato le fonti».

 

NBC arriva ad ammettere il proprio ruolo nella caccia alle streghe:

 

«NBC News ha riferito nel 2018 che i funzionari dell’intelligence statunitense consideravano la Russia uno dei principali sospettati in quelli che alcuni di loro hanno ritenuto essere stati attacchi deliberati a diplomatici e ufficiali della CIA all’estero . Ma nei tre anni trascorsi da allora, le agenzie di spionaggio non hanno scoperto prove sufficienti per individuare la causa o il colpevole degli incidenti sanitari».

 

«È triste quando persino la CIA rifiuta la divertente e folle cospirazione dei media sulla Russia che usa la tecnologia segreta del 24° secolo per distruggere i cervelli americani», ha scherzato il giornalista Glenn Greenwald, colui che per primo riportò il caso Snowden, in risposta a quegli esperti che hanno spinto la narrativa priva di prove.

 

«La realtà è che tutto questo è arrivato dalla CIA e da questi portavoce della NBC: bisognava affermare che Trump stava permettendo alla Russia di farlo. Ora non è più necessario».

 

Come riportato da Renovatio 21, nemmeno una settimana fa erano emersi presunti casi di Sindrome dell’Avana a Parigi e Ginevra.

 

Ora, in un bizzarro testacoda, la CIA – gruppo iniziatico votato alla battaglia continua contro la Russia sovietica e post-sovietica che sia – per una volta leva la colpa dai russi. Una mossa senza precedenti, che forse nasconde una mossa in un quadro più ampio

Alcuni casi erano stati riportati presso l’ambasciata americana a Berlino. Altri ancora sarebbero stati registrati a Vienna.

 

Quattro mesi fa, un altro caso, ancora più preoccupante, avrebbe coinvolto un membro dello staff della vicepresidente Kamala Harris, facendo tardare il viaggio della numero 2 della Casa Bianca in Vietnam.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche gli USA hanno, negli anni, studiato armi in grado di colpire a distanza, e in modo invisibile, le persone: gli americani studiano l’uso di armi laser e microonde da prima della guerra del Vietnam.

 

None è la prima volta che diplomatici americani lamentano l’uso di armi segrete e avveniristiche da parte dei russi. Dal 1953 al 1976 si parlò del «Moscow Signal»: una trasmissione di microonde variabile tra 2,5 e 4 gigahertz, diretta all’Ambasciata degli Stati Uniti a Mosca dal 1953 al 1976. La sua scoperta portò ad un incidente diplomatico.

 

Ora, in un bizzarro testacoda, la CIA – gruppo iniziatico votato alla battaglia continua contro la Russia sovietica e post-sovietica che sia – per una volta leva la colpa dai russi. Una mossa senza precedenti, che forse nasconde una mossa in un quadro più ampio.

 

Continua a leggere

Intelligence

Avvistamenti di droni sopra le centrali nucleari svedesi

Pubblicato

il

Da

 

 

In Svezia sono stati notati droni nei pressi delle sue tre centrali nucleari.

 

A seguito degli avvistamenti di grandi droni che volavano sopra tutte e tre le centrali nucleari svedesi, la polizia svedese ha schierato pattuglie ed elicotteri nella centrale nucleare di Forsmark a nord di Stoccolma per cercare prove sulla presenza di questi droni. Al momento, pare non esservene traccia.

 

La stampa svedese ha riferito che si sarebbe trattato di droni abbastanza grandi da resistere al vento.

 

Qualcuno dà del caso una lettura di stringente politica militare: il confronto con la Russia fra le crescenti tensioni per l’Ucraina.

 

Secondo Epoch Times, gli avvistamenti sono iniziati il ​​giorno dopo che l’esercito svedese ha iniziato a pattugliare la città principale dell’isola di Gotland, nel Mar Baltico, in mezzo alle crescenti tensioni tra NATO e Russia. La Russia ha recentemente schierato forze nel Baltico.

 

«Per quanto riguarda i casi di sorvolo di droni in tre centrali nucleari, si ritiene che siano di natura tale che le indagini preliminari sono state riprese dall’autorità di polizia per poter approfondire gli incidenti», ha comunicato la Säkerhetspolisen (SÄPO – letteralmente «Polizia di Sicurezza»), la branca dei servizi segreti di Stoccolma che si occupa di controspionaggio e antiterrorismo.

 

Nel 2019, il reattore Ringhals 2 nel sud-ovest della Svezia è stato definitivamente chiuso con gli operatori che hanno citato la mancanza di redditività e l’aumento dei costi di manutenzione.

 

Inoltre, ci sono due impianti nucleari dismessi in Svezia, Barseback, che si trova s tra Svezia e Danimarca, e Agesta, a sud della capitale svedese.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Francia ha chiuso recentemente due centrali nucleari a seguito di «danni inaspettati», in un momento dove il costo dell’energia è lievitato fino a far chiudere delle industrie strategiche e a preoccupare ministri della Repubblica Francese. Lo spettro delle interruzioni di corrente riguarda oramai tutta Europa, e non solo.

 

In Italia i possibili blackout sono ora tema discusso dal Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica.

 

 

Immagine d’archivio

Continua a leggere

Economia

Blackout, ne parla il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica

Pubblicato

il

Da

Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica – l’organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti italiani – il 13 gennaio ha trasmesso alle presidenze una Relazione sulla sicurezza energetica nell’attuale fase di transizione ecologica».

 

Il documento fa apertamente riferimento alla possibilità di blackout sul territorio nazionale.

 

«L’Italia potrebbe, comunque, subire indirettamente gli effetti di razionamenti energetici condotti a livello europeo ovvero di fenomeni di blackout in uno dei Paesi dell’Unione che inciderebbero sugli scambi commerciali intra UE e quindi sulla tenuta del sistema produttivo nazionale».

 

Poi sono elencati fenomeni ed episodi preoccupanti in tutto il mondo (per lo più tutti riportati in questi mesi da Renovatio 21).

 

«L’impennata dei prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale espone l’Europa al rischio di blackout energetici. Il timore è che in un sistema di approvvigionamento energetico estremamente interconnesso come quello europeo, lo spegnimento di una singola centrale – ad esempio per mancanza di carburante – possa generare una reazione a catena in vari Stati membri. Il timore di un possibile blackout si starebbe diffondendo in tutta Europa. A partire dall’Austria dove la ministra della Difesa Klaudia Tanner ha paventato il rischio di un possibile “grande blackout”, sino alla Spagna dove i consumatori iberici, nonostante le rassicurazioni delle Istituzioni nazionali, hanno dato il via ad acquisti compulsivi di bombole di butano, fornelli da campeggio, torce e batterie, esaurendo le scorte disponibili. In tale contesto, poi, la nota chiusura di 2 reattori di EDF (il parco elettronucleare francese è costituito da 56 reattori a fissione nucleare di uranio, tutti gestiti dalla società citata) ha provocato un aumento record dei prezzi europei dell’energia elettrica in considerazione del previsto calo delle temperature e, soprattutto, del fatto che i reattori in questione costituiscono il 10% della capacità nucleare francese, che esporta la propria elettricità in tutti i Paesi limitrofi (Italia compresa)».

 

«L’Italia potrebbe, comunque, subire indirettamente gli effetti di razionamenti energetici condotti a livello europeo ovvero di fenomeni di blackout in uno dei Paesi dell’Unione che inciderebbero sugli scambi commerciali intra UE e quindi sulla tenuta del sistema produttivo nazionale».

È tuttavia specificato che «il rischio sembrerebbe più basso per lo specifico mercato italiano, che possiede un livello di scorte più solido rispetto a Germania e Paesi del nord Europa».

 

«Il documento ha anche l’occasione di attaccare Mosca: dell’energia può essere fatto un suo utilizzo come arma di contrattazione e di ricatto e al possibile utilizzo del commercio del gas come arma di potenza (nell’inverno 2021-22 da parte della Russia in particolare)»

 

Viene accennata alla possibilità di cercare quindi gas in casa: «A tal proposito è anche opportuno osservare come già la Croazia abbia autorizzato nuove esplorazioni nel Mare Adriatico, in aree in cui sono presenti giacimenti il cui sfruttamento è condiviso con il nostro Paese. Quanto all’ipotesi di concedere nuove trivellazioni sul territorio nazionale, la decisione resta subordinata a valutazioni di carattere politico».

 

Tali «valutazioni di carattere politico» in un Parlamento dove al momento regnano i M5S nemici delle trivelle (almeno, fino a ieri…) e il PD sono facili da immaginare.

 

È rilevante considerare le prime parole del documento, contenute nella premessa  «La lotta al cambiamento climatico che, declinata in vario modo, è ormai riconosciuta come un’emergenza a tutti gli effetti, pone il mondo di fronte ad una sfida cruciale che, in forte connessione con la transizione energetica, rappresenta uno degli obiettivi del XXI secolo».

 

Di fatto una presa di posizione eco-centrica, come da tendenza transnazionale (dall’ONU in giù) che issa sopra ogni cosa il dogma del Climate Change e la relativa religione e progettualità annessa – tanto per tenere alla mente quella che sarà la prossima emergenza  che si abbatterà sulla popolazione.

 

Poi un rilievo pandemico sempre interessante, che è, come in il classico schema hegeliano tesi-antitesi-sintesi:

 

«Su questo binomio si innesta con ambivalenza la crisi pandemica: da una parte si impone un’auspicata e necessaria ripresa economica globale, dall’altra le misure per la ripresa post-pandemica rappresentano un’occasione imperdibile di percorrere la via delle riforme e di promuovere interventi volti al contenimento del riscaldamento globale. Si tratterà di una trasformazione profonda ma inevitabile che sarà sostenuta da innovazione tecnologica, energie rinnovabili, investimenti verdi, infrastrutture sostenibili e tecnologie pulite con il fine di conciliare crescita economica, tutela dell’ambiente e lotta al riscaldamento globale».

 

In pratica, trovato il problema (il cambiamento climatico, indiscutibile) si dà la soluzione (la transizione energetica «ecologica», indiscutibile), grazie alla leva della pandemia e della «ripresa post-pandemica», cioè del Reset che giocoforza seguirà il COVID.

 

Come riportato da Renovatio 21, il problema dei blackout in arrivo è stato esplicitamente espresso, e veicolato sulla popolazione con campagne di comunicazione, da Paesi come Germania, Austria, Romania, Cina, Indonesia.

 

Notizia che ha riportato praticamente solo questo sito, la Germania ha recenntemente scampato un blackout del gas.

 

In Italia è stato il ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti a parlare pubblicamente di possibili blackout.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Francia ha chiuso due centrali nucleari per «danni inaspettati»; il corso dell’energia ha fatto chiudere l’ultima fabbrica di zinco del Paese.

 

I costi dell’elettricità sono tali che anche in Italia molte aziende stanno fermando la produzione, perché finanziariamente non più sostenibile.

 

 

 

 

 

Immagine di Fratello.Gracco via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine modificata con filtro negativo

Continua a leggere

Più popolari