Connettiti con Renovato 21

Politica

Draghi dice che è libertà di stampa parlare dell’assassinio di Putin. Poi gli telefona per il gas

Pubblicato

il

Scusate, forse non abbiamo capito bene noi. Come sapete, siamo stati impegnati vari giorni a sedare un attacco hacker. Quindi chiediamo ai lettori se ci siamo persi qualcosa mentre mettiamo il fila un paio di cose successe la scorsa settimana.

 

Dunque, La Stampa manda in stampa un articolo intitolato «Se uccidere Putin è l’unica via d’uscita»

 

L’ambasciatore Sergeij Razov reagisce – e mica è la prima volta che i russi hanno qualcosa da ridire sugli articoli dello storico quotidiano della famiglia oligarchica degli Agnelli.

 

Parte la querela: «Questo articolo d’autore considerava la possibilità dell’uccisione del presidente della Russia. Non c’è bisogno di dire che questo è fuori dell’etica, dalla morale e dalle regole del giornalismo. Nel codice penale dell’Italia si prevede possibilità di istigazione a delinquere e apologia di reato. In precisa conformità alla legislazione italiana mi sono recato alla procura della Repubblica per registrare questa querela con la richiesta alle autorità italiane di esaminare questo caso. Confido nella giustizia italiana».

 

L’autore del pezzo, Domenico Quirico, fa sapere all’ambasciatore che dovrebbe cambiare traduttore, perché lui mica voleva dire quello «sottolineavo che l’idea ahimè abbastanza corrente che l’unico modo di risolvere il problema sia che qualche russo ammazzi Putin fosse priva di senso e immorale, e questo c’era scritto bene in evidenza».  Il Quirico è noto perché nel 2013 è stato sequestrato in Siria da brigate pseudo-islamiste, le stesse per la cui pulizia si è impegnato con successo poco dopo Vladimir Putin. Sul come sia stato liberato – cioè, sulla presenza o meno del solito riscatto italiano milionario – ci sono gli usuali punti di domanda, e qualche spiffero americano.

 

Ad ogni modo, il binomio oramai inscindibile giornali e politica se la sono presa assai con l’ambasciatore Razov.

 

Di tutti i commenti, tuttavia, è rilevante per noi sottolineare quello del Presidente del Consiglio Mario Draghi: «Forse non è una sorpresa che l’ambasciatore russo si sia così inquietato: lui è l’ambasciatore di un Paese in cui non c’è libertà di stampa, da noi c’è, è garantita dalla Costituzione» dice Draghi, incurante di due anni di distruzione della Carta sin dall’articolo uno e delle migliaia di persone a cui in Italia in questo momento è impedita la libertà di espressione in piazza così come pure su internet.

 

«Da noi si sta molto meglio» dice Draghi.

 

È ovvio che il sangue un po’ ci ribolle: parla colui della Costituzione, davvero? Parla lui con le cose che ha fatto il governo?

 

Tuttavia, dobbiamo concentrarci non sulla questione generica, ma sul caso specifico: l’articolo di Quirico deve essere andato bene. «Escluso l’intervento militare e amputata la soluzione diplomatica non resta che teorizzare l’omicidio dello Zar per mano di un fedelissimo» dice il sommario, ancora leggibile sul sito del giornalone agnellico. (Sulla questione della componente «russa» interna alla real casa di Villar Perosa, quella di Margherita Agnelli de Pahlen, che negli anni è stata un po’ emarginata, diciamo così, da quella israelo-franco-americana degli Elkann, magari parliamo un’altra volta)

 

L’incipit del pezzo:

 

«Ammettiamolo. In questa orgia di bugie, disinformazione, mezze verità, propaganda che marchia anche il conflitto ucraino almeno con noi stessi abbiamo l’obbligo della sincerità. Esclusa per fortuna l’ipotesi di entrare direttamente in guerra con uomini, aerei, bombe atomiche, amputata la possibilità di affidarsi alla diplomazia avendo definito Putin il nuovo Hitler con cui l’unico rapporto possibile è come per i nazisti, darsi appuntamento nell’aula di un tribunale apparecchiato per una seconda Norimberga, il piano numero uno di Biden, della Nato e anche degli europei è uno solo: che qualcuno a Mosca uccida Putin liberandoci dal fardello».

 

Magari ha ragione Quirico: egli voleva significare il contrario di quel che sembra qui e che è sembrato all’ambasciatore che deve cambiare traduttore.

 

Tuttavia, invece che tenersi lontano dalla polemica, invece che aspettare cosa dirà il giudice (potrebbe archiviare il caso immediatamente, certo) il Draghi entra a gamba tesa, e dice che si tratta di libertà di stampa.

 

Ripetiamo: la Russia, che si esprime con il suo ambasciatore presso la Repubblica Italiana, ha un punto di vista preciso: l’articolo «considerava la possibilità dell’uccisione del presidente della Russia». Ne sono talmente convinti, i russi, che sono andati a sporgere querela.

 

Per Draghi invece, un uomo che dovrebbe avere a che fare con la Russia, l’idea che hanno i russi del pezzo è coperta dalla libertà di stampa. Lo dichiara pubblicamente. Lo urla in faccia ai moscoviti.

 

Diciamo, non il modo più diplomatico di procedere – del resto il capo della sua diplomazia è l’espertissimo Giggino di Maio (ask Lavrov).

 

Ma ecco il colpo di scena.

 

Subito dopo aver detto che un articolo che tratta in qualche modo dell’idea dell’omicidio di Putin, Draghi telefona a Putin per parlare del gas. La telefonata era programmata. Come riportato da Renovatio 21, poco dopo lo Zar ha sentito anche Scholz e altri tizi europei, come da ruolino di marcia. I giornali italiani avevano presentato la telefonata di Draghi come un evento salvifico, che solo il messianico premier con nome di rettile fantastico poteva creare

 

Ora, cercate di venirci incontro. Voi capite perfettamente che la questione del pagamento in rubli, del conto parallelo sulla banca Gazprom, del prestigio dell’ex sovrano dell’Eurotower francofortese, della pace nel mondo, della NATO, della guerra atomica, qualsiasi cosa va in secondo piano.

 

Putin, che cita per nome un graffitaro napoletano che ha dipinto su un muro Dostojevskij, secondo lui non sapeva nulla della querelle attorno all’idea del suo assassinio?

 

Dobbiamo tornare a Di Maio: Draghi non si ricorda quando il suo Giggino in parlamento se ne uscì parlando della Russia a operatsija russa appena iniziata? Arrivò da Mosca, alla velocità della luce, una leppa che lo segna per sempre. Rammentate? Quella nota del Ministero degli Esteri russo per cui la diplomazia non è «viaggi vuoti per assaggiare piatti esotici».

 

Diciamo che i russi, malgrado siano molti occupati, sono in genere piuttosto informati su quello che succede qui da noi – e a questo che serve un ambasciatore, che non solo i giornali e i politici vari, ma che anche Draghi stesso si è sentito di dover pungolare, sperando magari che non lo andasse a dire a Putin.

 

Comprendete la situazione. Draghi, quello bravo, dovrebbe trattare per noi. Dovrebbe vedere come risolvere il problema delle bollette aumentate del 200%, le fabbriche che chiudono, il rischio dell’inverno 2022 al freddo, con migliaia e migliaia di morti possibili. In più, lo spettro della mancanza del grano russo nel mondo: cioè la fame.

 

L’uomo con cui trattare è Vladimir Putin: tu, che devi rabbonirlo, pensi bene di nominare la libertà di stampa all’ambasciatore irato per l’articolo sul putinicidio.

 

Non una grinza.

 

Torniamo a porre la domanda. Draghi cosa ci fa lì? Ma chi è che aveva detto che era uno capace?

 

Lo abbiamo scritto per Di Majo: abbiamo lanciato un disperato appello per rimuoverlo.

 

Se vi ricordate, lo abbiamo fatto anche con il Draghi: un altro disperato appello affinché sia rimosso.

 

Nessuno purtroppo ci ha ascoltato. Ci ritroviamo in questa situazione: si deve andare nella tana dell’orso, per cui si inizia subito insultandolo e minacciandolo (oltre che regalando armi ai suoi avversari: vabbè, piccolo dettaglio).

 

Gli ingenui pensavano: ecco, Draghi, quello bravo, insegnerà tantissimo alla nostra disgraziata classe politica, che per osmosi diverrà draghiana, aristocratica e sottile come lui.

 

E invece ecco qua: Draghi sta diventando come Giggino Di Majo.

 

Sono cose belle.

 

 

 

Bioetica

Aborto in USA, il nulla di Salvini e Meloni

Pubblicato

il

Da

La Corte Suprema USA ha infine davvero democratizzato l’aborto: stabilendo che esso non ha alcuna copertura costituzionale, come invece avevano stabilito i giudici supremi nel 1973 con la sentenza Roe v. Wade, viene rimandata la decisione ai singoli Stati, le cui legislazioni potranno ritenersi libere di fare ciò che vogliono gli elettori: l’aborto non è più un diritto considerato implicito alla Costituzione USA, quindi è una questione di scelta politica, di democrazia.

 

Per quanto Renovatio 21 abbia una prospettiva diversa da coloro che ora lanciano coriandoli e suonano trombette – e lo scriveremo in un prossimo articolo – , il cambiamento è epocale.

 

L’aborto USA, che seguiva le legalizzazioni scandinave e britanniche, diede la stura a tante altre legislazioni, come la Francia (1976) e l’Italia (1978).

 

Evitare anche solo di immaginare – di sognare – che una simile inversione di tendenza possa voler dire anche di un semplice cambiamento nell’opinione pubblica delle varie nazioni è uno sforzo non da poco per i politici della destra italiana ed europea.

 

Tuttavia, siccome sono bravi, ci riescono benissimo.

 

Eccovi Matteo Salvini: «Credo nel valore della vita, dall’inizio alla fine, ma  a proposito di gravidanza l’ultima parola spetta sempre alla donna».

 

Eccezionale: una captatio benevolentiae vetero catto-biotica (e notate che manca la parola «concepimento», come pure la parola «naturale), e poi il vero succo del pensiero (del non-pensiero): l’ultima parola spetta alle donne, chiaramente, non ai bambini uccisi – tra cui vi sono pure, ricordiamo, milioni e milioni di donne.

 

È il vecchio trucco radicale di fine anni Settanta: sposta il focus della cosa sulle donna, cavalca il femminismo (tornato artificialmente a rombare negli ultimi anni), sposta completamente l’attenzione dalla vera vittima di questa aberrazione genocida: il bambino innocente.

 

Ecco: Salvini ci casca in pieno. Avrà i suoi motivi, e sotto magari tentiamo pure di dire quali siano. Intanto, comunque, restiamo in attesa di altre dichiarazioni simili: «Credo nella difesa dalle rapine in casa, ma l’ultima parola spetta sempre al rapinatore». «Credo nell’orrore dell’immigrazione clandestina, ma l’ultima parola spetta sempre a migranti e scafisti».

 

Facciamo un giro oltr’alpe per sentire cosa pensa l’amicona di Matteo, la Marine Le Pen, presidenzialmente eternamente schiantata: la figlia d’arte da sapere di «non volersi immischiare negli affari di altri» Paesi. Del resto, la Le Pen non si è mai gettata a capofitto contro l’aborto.

 

Segue la capo-partito italiota favorita di tutti (dei sondaggi, dei giornalisti, degli americani) Giorgia Meloni: «stamane chiarisce che “vaneggia” chi, pur di attaccarla, pensa che il suo partito lavori all’abolizione della legge» 194, scrive l’ANSA. La capa di FdI non ammette paragoni con gli USA (dove i feti trucidati forse sono differenti, di un’altra specie): «Chi lo fa, probabilmente, è in malafede o ha obiettivi ideologici».

 

Fratelli d’Italia «continuerà semplicemente a chiedere, e a operare, perché venga applicata la prima parte della 194, relativa alla prevenzione, e per dare alle donne che lo volessero una possibilità di scelta diversa da quella, troppo spesso obbligata, dell’aborto».

 

Capito? La legge abortista, che ha causato qualche milione di italiani morti (5, 6, 7 milioni? Facciamo anche 8 con gli embrioni distrutti dalla legge provetta 40 seguita alla 194?) non si tocca. E pazienza se tra quelle milionate c’erano chissà quanti elettori del partito, che peraltro si batte contro l’immigrazione che, mamma che coincidenza, sul suolo patrio ha fatto sbarcare 5,6,7 milioni di individui.

 

Dovete capire che non è che ci scandalizziamo: la storia della «194 buona legge» che «va difesa», perché da «applicare in tutte le sue parti» la abbiamo sentita tante volte in bocca ai cattolici – o meglio, in bocca ai «democristiani», e ai loro discendenti dentro e fuori dal Parlamento.

 

In realtà, la difesa della 194 l’hanno inventata proprio loro: del resto è una loro legge, varata e firmata nel 1978 da un governo democristiano (premier: Andreotti) come compromesso con le pressioni dei partiti della «modernità». Buffo, Moro era stato rapito e trucidato poco prima, la DC scelse la linea no-compromise. Per lo sterminio dei feti, invece, ecco pronto il «male minore».

 

Ora, dovete comprendere che non si tratta solo di una decisione digerita all’epoca da eunuchi arraffatori democristiani. Essi non avevano l’autonomia di pensiero e di palle per una decisione simile. Ad essi la cosa non interessa più di tanto, interessa la poltrona.

 

La decisione di non toccare la 194, con estrema probabilità, è stata presa molto più in alto – è stata presa addentro il Sacro Palazzo.

 

Nel 2008, il cardinale Ruini, allora capo della CEI ebbe a ripeterlo: la 194, quella legge che consente il sacrificio di bimbi innocenti che sono Imago Dei, mica va abolita, va «migliorata». Andò nella trasmissione televisiva di Giuliano Ferrara (all’epoca assurto a ruolo di vate mistico dell’embrione) a dire che «la Chiesa non si muoverà contro la 194».

 

In TV il cardinale modenese andò a fondo, dichiarando di pensare che l’aborto «sopprima un essere umano vivente. Non uso la parola omicidio, ma per essere chiari e non confondere la realtà non si deve nemmeno parlare di interruzione volontaria di gravidanza».

 

Insomma, grigio. Uccidere un bambino nel ventre di sua madre non è omicidio: è soppressione di «un essere umano vivente». Voi davvero credevate che il linguaggio orwelliano lo avessero inventato durante il COVID?

 

(Caro lettore laico, ebbene sì, accetta la realtà che mai nessuno ha osato dirti: l’aborto in questo Paese l’hanno creato e mantenuto i «cattolici», i democristiani e una pretaglia gerarchicamente assortita)

 

Ebbene, ora vi è chiaro da dove arriva il non-pensiero di Salvini e Meloni.

 

Non hanno fatto nemmeno la fatica di farci una pensata, di sentire qualcuno dei loro (scusate, ma non era pieno di cattolici, anche tradizionalisti, fatti deputati e ministri, a fianco di Salvini?) per articolare meglio un pensiero, che quantomeno lasciasse aperta la porta per spiare quello che potrebbe essere, ripetiamo, un cambiamento epocale anche elettorale.

 

Macché. Nulla. Nessun pensiero, perché non c’è nessuna voglia di disturbare il manovratore, né la Chiesa, che in termini di voti non vale più nulla ma non si sa mai.

 

Quindi, la cosa migliore da fare è copincollare i vecchi compitini catto-pannelliani, le donne con «l’ultima parola», e la 194 «da applicare» nella sua interezza. È usato sicuro. Contenuto politico DOC, anzi DOP.

 

Eccovi la reazione della destra italiana (ed europea) davanti ad un possibile cambio di paradigma mondiale, storico – in realtà, cosmico, metastorico – in corso: il nulla.

 

Quindi, chiediamo ai lettori: c’è ancora qualcuno fra voi che è disposto a dar loro il voto?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Immagine della Presidenza della Repubblica Italiana via Wikimedia; fonte Quirinale.it; immagine modificata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Politica

I repubblicani del Texas dichiarano Biden «non legittimamente eletto»

Pubblicato

il

Da

Durante la prima convention di persona del partito dal 2018 i repubblicani del Texas hanno adottato un punto di programma sulla loro piattaforma dichiarando illegittime le elezioni del 2020 del democratico Joe Biden come presidente degli Stati Uniti.

 

«Respingiamo i risultati certificati delle elezioni presidenziali del 2020 e riteniamo che il presidente ad interim Joseph Robinette Biden Jr. non sia stato legittimamente eletto dal popolo degli Stati Uniti», si legge nella risoluzione, approvata a voce. 

 

«Noi crediamo che le elezioni 2020 abbiano violato l’articolo 1 e 2 della Costituzione USA, che vari segretari di Stato abbiano illegalmente circonvenuto in molteplici modi le legislature dei loro Stati nella conduzione delle elezioni, incluso il permesso di ricevere schede elettorali dopo il 3 novembre 2020» dice senza mezzi termini il documento dei repubblicani texani.

 

«Noi crediamo che una frode elettorale sostanziale in aree metropolitane chiave abbia significativamente avuto impatto sui risultati in cinque Stati chiave in favore di Joseph Robinette Biden Jr».

 

«Noi rigettiamo i risultati certificati delle elezioni presidenziali 2020, e consideriamo che l’attuale presidente Joseph Robinette Biden Jr. non è stato legittimamente eletto dal popolo degli Stati Uniti. Sollecitiamo con forza tutti i repubblicani a lavorare per assicurare l’integrità delle elezioni e di andare a votare nel novembre 2022, portando amici e famigliari, facendo volontariato per i repubblicani locali, battendo ogni possibile frode»

 

La maggior parte dei repubblicani ritiene che le elezioni del 2020 siano state rubate, con un recente sondaggio che indica che sette su 10 sono convinti che Biden sia un presidente illegittimo nonostante quasi due anni di messaggi ininterrotti contrari.

 

Secondo Politifact, il tentativo di fare fact-checking delle convinzioni di coloro che credono che le elezioni siano state rubate li ha solo portati a tenersi più stretti a quelle convinzioni. 

 

Biden ha ricevuto ufficialmente 7 milioni di voti in più rispetto a Trump, portando 306 voti del Collegio elettorale contro i 270 di Trump. 

 

I punti di programma della piattaforma del Partito Repubblicano non sono giuridicamente vincolanti e i candidati non sono tenuti a giurare loro fedeltà per correre sotto la bandiera del partito. In generale, riflettono i desideri dei membri più attivisti del partito, quelli che si presentano alle sue convenzioni semestrali per far sentire le loro opinioni. 

 

Oltre a denunciare l’elezione di Biden come falsa, i repubblicani del Texas hanno anche votato per dichiarare l’omosessualità una «scelta di vita anormale» e il disturbo dell’identità di genere una  «condizione di salute mentale genuina ed estremamente rara», mentre dichiarano che gli scolari dovrebbero «imparare l’umanità dei bambini non nati».

 

Ulteriori misure includono la limitazione delle capacità del governo di regolamentare il possesso di armi o di modificare il numero dei giudici della Corte Suprema, l’abolizione dell’imposta federale sul reddito e la chiusura della Federal Reserve.

 

 

 

 

Immagine di Gage Skidmore via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

Continua a leggere

Politica

Biden faceva la doccia con sua figlia?

Pubblicato

il

Da

Il caso è scoppiato mesi fa, ma oggi, grazie a dettagli pubblicati dal britannico Daily Mail si arricchisce di spunti agghiaccianti.

 

Mesi fa era emerso che una testata di giornalismo di investigazione, Project Veritas, aveva subito un raid all’alba da parte dell’FBI, con agenti armati penetrati in casa del giornalista. Il motivo: erano in cerca di un testo che Project Veritas aveva a disposizione, ma che non aveva intenzione di pubblicare: i diari di Ashley Biden, la 41enne figlia di secondo letto del presidente USA Joe Biden.

 

La giovane Biden aveva lasciato il diario in una casa utilizzata dai tossicodipendenti in via di guarigione a Palm Beach dove si trovava temporaneamente in Florida dopo un periodo di riabilitazione. Una signora aveva quindi trovato il diario e, a quanto si apprende, lo aveva offerto ai giornali.

 

Nel diario erano annotati gli sforzi di Ashley per superare, non differentemente dal fratellastro Hunter, la dipendenza dalla droga e dal sesso.

 

Sulla dipendenza dal sesso nel diario vi è un passaggio particolarmente inquietante che sembra tentare di spiegarne la genesi.

 

«Sono sempre stata pazza per i ragazzi…. Ipersessualizzata @ in giovane età… Ricordo di essere stato in qualche modo sessualizzata con […]; Ricordo di aver fatto sesso con gli amici @  in giovane età; docce con mio padre (probabilmente non appropriate)», scrive la figlia del presidente in una voce del gennaio 2019 citata dai media.

 

In pratica, la stessa Ashley ipotizza che fare la doccia con suo padre, l’allora senatore Joe Biden, da giovane possa aver contribuito alla sua dipendenza dal sesso.

 

Il giornalista TV Tucker Carlson ha commentato duramente la questione: «i bambini piccoli non fanno la doccia, fanno il bagno… Se non si tratta di molestie su minori, è sicuramente abbastanza vicino da giustificare una visita della polizia» ha detto il conduttore Fox News, parlando di quello che sembra un abuso e del trauma conseguente.

 

«Se sei padre di figlie, chiediti, c’è qualche spiegazione giustificabile per quel comportamento?» dichiara l’anchorman. «Il suo comportamento come padre è davvero oscuro: anche per gli standard moderni» .

 


 

Carlson, che ha discusso della storia con il giornalista del Daily Mail Josh Boswell, ha quindi attaccato il presidente USA per aver utilizzato l’FBI come polizia segreta personale per trovare e punire la signora che aveva rinvenuto e venduto il diario contenente le rivelazioni. Il diario era stato quindi acquistato da Project Veritas per 40.000 dollari.

 

I Biden avevano asserito che il diario era stato rubato in un furto con scasso, tuttavia la donna implicata, Aimee Harris, non sarebbe accusata di furto.

 

«In quale mondo l’FBI indaga sul presunto furto di un diario? Perché stavano facendo questo?» chiede Carlson, facendo eco alla dichiarazione di O’Keefe dal momento delle incursioni. «La risposta sta in ciò che c’è nel diario. Ora sappiamo cosa c’è nel diario».

 

Ne emerge un’immagine orrenda del clan Biden: corrotto e perverso. E questo, secondo i giornalisti del Daily Mail, vale la pubblicazione del diario: altrimenti, se quelle informazioni restassero segrete, governi stranieri entratine in possesso potrebbero ricattare la famiglia presidenziale.

 

Alla Casa Bianca siamo messi così. Per fortuna che gode di un grande sostegno popolare, e un carisma che gli ha consentito di portare a casa 81 milioni di voti, 10 milioni più di Trump e di Obama all’apice.

 

No?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari