Dodici importanti scienziati e medici alle autorità di regolamentazione dell’UE: affrontare i problemi di sicurezza «urgenti» o interrompere i vaccini COVID

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

In una lettera aperta pubblicata questa settimana, un gruppo di 12 eminenti scienziati e medici si è domandato «se le questioni cruciali riguardanti la sicurezza dei vaccini siano state adeguatamente affrontate prima della loro approvazione» dall’Agenzia europea per i medicinali.

 

 

 

Un gruppo di eminenti scienziati e medici desidera che l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) risponda a domande «urgenti» sulla sicurezza dei tre vaccini COVID-19 autorizzati per l’uso nell’UE, oppure ne revochi l’autorizzazione.

Un gruppo di 12 eminenti scienziati e medici si è domandato «se le questioni cruciali riguardanti la sicurezza dei vaccini siano state adeguatamente affrontate prima della loro approvazione» dall’Agenzia europea per i medicinali

 

In una lettera aperta pubblicata questa settimana, il gruppo si è chiesto «se le questioni cardinali riguardanti la sicurezza dei vaccini siano state adeguatamente affrontate prima della loro approvazione» dall’EMA.

 

L’EMA, che è l’equivalente UE della Food and Drug Administration statunitense, ha approvato tre vaccini per uso di emergenza nell’UE: Pfizer-BioNtechModerna e Oxford-AstraZeneca.

 

Nella lettera, i dodici scienziati e medici hanno notato che è stata segnalata una «vasta gamma di effetti collaterali» a seguito della vaccinazione di individui giovani precedentemente sani con i vaccini genetici contro il COVID-19.

 

Scrivono:

 

I dodici scienziati e medici hanno notato che è stata segnalata una «vasta gamma di effetti collaterali» a seguito della vaccinazione di individui giovani precedentemente sani con i vaccini genetici

«Inoltre, ci sono state numerose notizie da parte dei media di tutto il mondo di case di cura colpite dal COVID-19 dopo pochi giorni dalla vaccinazione dei residenti. Sebbene riconosciamo che questi eventi potrebbero essere stati, ognuno di essi, sfortunate coincidenze, siamo preoccupati del fatto che ci sia stato e continui ad esserci un esame inadeguato delle possibili cause di malattia o morte in queste circostanze, specialmente in assenza degli esami post-mortem».

 

Nella lettera originale, inviata il 28 febbraio via e-mail all’EMA, il gruppo ha chiesto all’Agenzia di fornire risposte a sette questioni relative alla sicurezza entro «sette giorni e di rispondere in modo esaustivo a tutte le nostre preoccupazioni. Se sceglierete di non ottemperare a questa ragionevole richiesta, renderemo pubblica questa lettera».

 

Molte delle preoccupazioni relative alla sicurezza incluse nella lettera, come trombocitopenia, lesioni endoteliali, microtrombi e ictus, sono state riportate da The Defender.

 

«Sebbene riconosciamo che questi eventi potrebbero essere stati, ognuno di essi, sfortunate coincidenze, siamo preoccupati del fatto che ci sia stato e continui ad esserci un esame inadeguato delle possibili cause di malattia o morte in queste circostanze, specialmente in assenza degli esami post-mortem»

Gli autori, guidati dal dottor Sucharit Bhakdi, professore emerito di microbiologia medica e immunologia, ed ex presidente dell’Istituto di Microbiologia Medica e Igiene, Università Johannes Gutenberg di Mainz, non hanno ancora ricevuto una risposta dall’EMA.

 

In una dichiarazione scritta mercoledì, il gruppo ha affermato:

 

«Pertanto, come punto di partenza, riteniamo importante enumerare e valutare tutti i decessi avvenuti entro 28 giorni dalla vaccinazione e confrontare i quadri clinici con chi non è stato vaccinato.

 

«Più in generale, per quanto riguarda lo sviluppo dei vaccini COVID-19, l’Assemblea Parlamentare del Consiglio Europeo ha dichiarato nella sua Risoluzione 2361, il 27 gennaio 2021, che gli Stati membri devono garantire che tutti i vaccini COVID-19 siano supportati da prove corrette e di alta qualità e condotte in modo etico. I funzionari dell’EMA e altri organismi di regolamentazione nei paesi dell’UE sono vincolati da questi criteri. Dovrebbero essere informati che potrebbero violare la risoluzione 2361 somministrando prodotti medici ancora in studi di fase 3».

 

«In base alla risoluzione 2361, gli stati membri devono anche informare i cittadini che la vaccinazione NON è obbligatoria e garantire che nessuno venga politicamente, socialmente o altrimenti sottoposto a pressioni per essere vaccinato. Gli Stati sono inoltre tenuti a garantire che nessuno sia discriminato per non aver ricevuto il vaccino»

«In base alla risoluzione 2361, gli stati membri devono anche informare i cittadini che la vaccinazione NON è obbligatoria e garantire che nessuno venga politicamente, socialmente o altrimenti sottoposto a pressioni per essere vaccinato. Gli Stati sono inoltre tenuti a garantire che nessuno sia discriminato per non aver ricevuto il vaccino».

 

Bhakdi ha anche rilasciato questa dichiarazione video, in cui dice: «Il tempo per i governi di agire, il tempo per tutti di agire, è ora».

 

Questi sono i sette problemi di sicurezza «urgenti» che il gruppo vuole che l’EMA affronti:

 

1) In seguito all’iniezione intramuscolare, ci si deve aspettare che i vaccini genetici raggiungano il flusso sanguigno e si diffondano in tutto il corpo. Chiediamo la prova che questa possibilità è stata esclusa nei modelli animali preclinici con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA.

 

2) Se tali prove non sono disponibili, ci si deve aspettare che i vaccini rimangano intrappolati nella circolazione e vengano assorbiti dalle cellule endoteliali. C’è motivo di presumere che ciò accadrà in particolare nei siti di flusso sanguigno lento, cioè nei piccoli vasi e capillari. Chiediamo la prova che questa possibilità sia stata esclusa nei modelli animali preclinici con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA.

«Il tempo per i governi di agire, il tempo per tutti di agire, è ora»

 

3) Se tale evidenza non è disponibile, ci si deve aspettare che durante l’espressione degli acidi nucleici dei vaccini, i peptidi derivati dalla proteina spike saranno presentati attraverso l’MHC 1 sulla superficie luminale delle cellule. Molti individui sani hanno linfociti CD8 che riconoscono tali peptidi, il che può essere dovuto a una precedente infezione da COVID, ma anche a reazioni incrociate con altri tipi di Coronavirus. Dobbiamo presumere che questi linfociti attaccheranno le rispettive cellule. Chiediamo la prova che questa possibilità sia stata esclusa nei modelli animali preclinici con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA.

 

4) Se tale evidenza non è disponibile, ci si deve aspettare che il danno endoteliale con conseguente innesco della coagulazione del sangue tramite l’attivazione piastrinica si verificherà in innumerevoli siti in tutto il corpo. Chiediamo la prova che questa possibilità sia stata esclusa nei modelli animali preclinici con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA.

 

Chiediamo la prova che questa possibilità sia stata esclusa nei modelli animali preclinici con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA

5) Se tale evidenza non è disponibile, ci si deve aspettare che ciò comporterà un calo della conta piastrinica, la comparsa di D-dimeri nel sangue e una miriade di lesioni ischemiche in tutto il corpo, inclusi cervello, midollo spinale e cuore. Disturbi emorragici potrebbero verificarsi sulla scia di questo nuovo tipo di sindrome DIC (coagulazione intravascolare disseminata), inclusi, tra le altre possibilità, sanguinamenti abbondanti e ictus emorragico. Chiediamo la prova che tutte queste possibilità sono state escluse nei modelli animali preclinici con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA.

 

5) La proteina spike SARS-CoV-2 si lega al recettore ACE2 sulle piastrine, che si traduce nella loro attivazione. La trombocitopenia è stata segnalata nei casi gravi di infezione da SARS-CoV-2. La trombocitopenia è stata segnalata anche in soggetti vaccinati [8]. Chiediamo prove che il potenziale pericolo di attivazione piastrinica che porterebbe anche alla coagulazione intravascolare disseminata (DIC) è stato escluso con tutti e tre i vaccini prima della loro approvazione per l’uso nell’uomo da parte dell’EMA.

 

6) La diffusione in tutto il mondo del SARS-CoV-2 ha creato una pandemia associata a molti decessi. Tuttavia, al momento delle analisi per l’approvazione dei vaccini, i sistemi sanitari della maggior parte dei Paesi non erano più sotto la minaccia imminente di essere sopraffatti perché una percentuale crescente del mondo era già stata infettata e il peggio della pandemia era già diminuito. Di conseguenza, chiediamo prove conclusive dell’esistenza di un’emergenza effettiva al momento in cui l’EMA ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata ai produttori di tutti e tre i vaccini, per giustificare la loro approvazione per l’uso negli esseri umani da parte dell’EMA, presumibilmente a causa di tale emergenza.

Di conseguenza, chiediamo prove conclusive dell’esistenza di un’emergenza effettiva al momento in cui l’EMA ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata ai produttori di tutti e tre i vaccini

 

 

Il Team di Children’s Health Defense

 

 

 

 

© 11 marzo 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.