Connettiti con Renovato 21

Persecuzioni

Canada, la bufala anticattolica dei bambini indigeni morti

Pubblicato

il

I popoli indigeni canadesi hanno fatto molto parlare di loro negli ultimi due anni, dalle accuse contro le scuole residenziali cattoliche, alla distruzione di chiese e alle accuse pubbliche del primo ministro Justin Trudeau, fino all’accoglienza dei delegati di Papa Francesco il 28 marzo, 31 e 1 aprile, per porre le sue scuse.

 

 

La Chiesa è colpevole della morte di bambini indigeni?

La notizia arriva a fine maggio 2021. Secondo Radio-Canada: «I resti di 215 bambini sono stati trovati sepolti nel sito di un’ex scuola residenziale indiana a Kamloops, nella Columbia Britannica, una scoperta definita “straziante”, ma non sorprende, tuttavia. » (1)

 

La natura dei resti era stata confermata il fine settimana precedente con l’aiuto di uno specialista di radar penetranti, secondo Rosanne Casimir, il capo della Tk’emlups te Secwépemc First Nation. Vedremo la gravità di questa notizia nel secondo articolo.

 

Radio-Canada spiega inoltre: «Il capo nazionale dell’Assemblea delle Prime Nazioni Rose-Anne Archibald ha poi detto al gruppo che i “piccoli” i cui luoghi di sepoltura sono stati scoperti hanno diritto alla giustizia. Devono anche essere nominati e devono essere solennemente o fisicamente restituiti alla loro terra natale», ha detto. «Qualcuno deve essere accusato della morte dei nostri figli», ha aggiunto. (2)

 

Infine, Radio-Canada: «La Chiesa ha indiscutibilmente sbagliato nell’attuare una politica colonialista del governo che ha causato scompiglio tra bambini, famiglie e comunità», ha scritto il vescovo Michael Miller a nome della sua arcidiocesi di Vancouver, responsabile della regione di Kamloops prima della fondazione della diocesi omonima». (3)

 

Chi semina vento raccoglie tempesta! Al 24 settembre 2021, 68 chiese per lo più cattoliche sono state vandalizzate, bruciate o profanate in tutto il Canada, in particolare la gemma del patrimonio che è la chiesa di Saint-Jean-Baptiste a Morinville, vicino a Edmonton, Alberta. (4)

 

La stessa fonte indica che Trudeau prevede di tenere le bandiere canadesi a mezz’asta sugli edifici federali, in onore degli studenti delle scuole residenziali che non sono mai tornati a casa e fino a quando le comunità indigene ei loro leader non decideranno che è opportuno issarle di nuovo.

 

 

Questa è la verità ufficiale. Ma che dire dei fatti?

Rispondiamo senza mezzi termini che la versione ufficiale è controversa. Ecco le prove. Un primo documento non potrebbe essere più esatto, racconta una storia completamente diversa: la doppia relazione del dottor Peter Bryce.

 

«L’anno 2022 segnerà il centenario della pubblicazione di The Story of a National Crime: An Appeal of Justice to the Indians of Canada. Questo rapporto scioccante si basava su un’indagine inedita che questo medico aveva condotto diversi anni prima in 35 scuole residenziali su richiesta del Dipartimento per gli affari indiani. A quel tempo, il dottor Bryce era l’ufficiale medico capo di quel dipartimento. In precedenza aveva servito come funzionario pubblico presso il Ministero della Salute dell’Ontario e si era affermato come pioniere nei campi della salute pubblica e della politica sanitaria in Canada».

 

«Il dottor Bryce presentò il suo rapporto originale nel 1907: Report on the Indian Schools of Manitoba and the Northwest Territories . In esso ha descritto in dettaglio le precarie condizioni sanitarie nelle scuole residenziali delle province di Prairie».

 

«Già in quel momento aveva raccomandato la creazione di ospedali sopra o vicino alle riserve, per contrastare l’allarmante tasso di mortalità per tubercolosi. Questo tasso era quindi quasi 20 volte superiore a quello registrato tra i non aborigeni. Il dottor Bryce ha anche fatto pressioni per migliorare le condizioni sanitarie nelle scuole residenziali».

 

 

«Il rapporto che pubblicò nel 1907 rivelò un tasso di mortalità sbalorditivo in queste scuole. Così, il medico aveva notato che il 69% degli alunni del collegio della colonia di File Hills, nel Saskatchewan, era morto durante o poco dopo la scuola, quasi tutti di tubercolosi».

 

«Aveva concluso che queste morti erano attribuibili a cattive condizioni sanitarie e all’assenza di igiene. Il suo primo rapporto ha dimostrato chiaramente la responsabilità diretta del governo federale di fronte a condizioni di vita spaventose».

 

«Il Dipartimento per gli affari indiani non ha pubblicato il rapporto del dottor Bryce del 1907, ma i suoi contenuti sono trapelati ai giornalisti e le richieste di riforma sono risultate in tutto il paese. Nonostante la protesta pubblica, le scuole non sono state chiuse e le raccomandazioni del dottor Bryce sono state ampiamente ignorate».

 

«Il ministro degli Affari indiani Duncan Campbell Scott ha reagito prontamente al rapporto del 1907 e ha persino sospeso i finanziamenti per la ricerca del dottor Bryce, sostenendo che il costo della raccolta di statistiche sulla morte infantile per tubercolosi superava di gran lunga i benefici delle informazioni trasmesse».

 

«Inoltre, ha interferito con le presentazioni del dottor Bryce alle conferenze universitarie e il dottor Bryce, invece di ricevere una promozione prevista, è stato rimosso dal gruppo ministeriale».

 

«Indignato dall’inazione del governo sulla questione della salute degli aborigeni e dalla sua cacciata dal ministero, il dottor Bryce pubblicò un altro rapporto nel 1922, intitolato The Story of a National Crime».

 

«Questo è stato il primo rapporto distribuito al grande pubblico sui tassi di malattia e mortalità nelle scuole residenziali, sebbene il suo autore non sia stato l’unico medico a protestare contro le condizioni delle scuole residenziali».

 

«Il dottor Bryce aveva affermato che il ministro Scott e tutti gli affari indiani avevano trascurato i bisogni sanitari degli aborigeni e denunciato la “trascuratezza criminale delle promesse dei trattati”, che non erano state mantenute». (5)

 

Non è tutto. Nel 2015, il dottor Scott Hamilton, del Dipartimento di Antropologia della Lakehead University di Thunder Bay, Ontario, ha pubblicato il suo rapporto (6) intitolato Dove sono sepolti i bambini? È sulla stessa linea dei rapporti del dottor Peter Bryce.

 

Un terzo documento, datato 6 luglio 2021, un articolo di Jacques Rouillard, professore emerito in pensione del dipartimento di storia dell’Università di Montreal, mette ancora una volta le cose in chiaro.

 

«Come si legge nel Rapporto, «le scuole sono viste come motori di cambiamento culturale e spirituale: i “selvaggi” diventeranno “uomini bianchi cristiani”. Per fare questo, il governo ha deciso un metodo radicale e disumano: strappare i giovani in età scolare dalle loro famiglie contro la loro volontà».

 

«La colpa di questa tragedia è interamente dei successivi governi canadesi che hanno finanziato le scuole residenziali, non delle comunità religiose che hanno raggiunto gli obiettivi scolastici fissati dal Dipartimento per gli affari indiani».

 

«Ricordate che diversi orfanotrofi si trovano in zone molto remote. Poiché i corpi non si conservano a lungo, la metà dei bambini morti a scuola è stata sepolta nel cimitero attiguo o in quello della parrocchia, e le loro tombe erano spesso appena segnate, ci dice la Commissione (Vérité et Réconciliation)».

 

«Ne ha individuati molti che sono stati abbandonati dopo la chiusura delle scuole. Secondo gli storici Jim Miller e Brian Gettler, che hanno concentrato le loro ricerche sulle Prime Nazioni, “sono state collocate croci di legno dove venivano seppelliti i bambini nei cimiteri secondo i riti cattolici. Ovviamente si sono disintegrati rapidamente». (7)

 

 

Conclusione

Questo è ovvio: siamo alle prese con la disinformazione sistematica dei fatti.

 

«Non ci sono prove di alcuna intenzione di nascondere queste tombe. Inoltre, non ci sono prove che i bambini sepolti in questi cimiteri a lungo dimenticati siano morti per maltrattamenti o abbandono. Ma questo è ciò che si è portati a credere dai resoconti dei media. La storia delle scuole residenziali è straziante in molti modi».

 

«Tuttavia, non è ragionevole, sulla base dei fatti, accusare la Chiesa cattolica e le altre organizzazioni religiose che gestivano le scuole residenziali di negligenza nei confronti dei bambini o di comportamento insensibile nei loro confronti, che ha portato alla loro morte. Se c’è qualche colpa, è del Dipartimento federale per gli affari indiani che non ha fornito finanziamenti adeguati alle scuole residenziali, ai bambini e ai cimiteri».

 

«Secondo i media, questa tragedia canadese è il risultato del fallimento della Chiesa cattolica e di altre organizzazioni religiose, che costituisce un vero e proprio fanatismo anticattolico. Questo è un altro tentativo di screditare la fede religiosa e scacciare la religione dalla pubblica piazza. Le scuole residenziali sono lo strumento utilizzato per questo scopo». (8)

 

 

NOTE

(1) https://ici.radio-canada.ca/nouvelle/1796744/pensionnats-autochtones-decouverte-dechirante-des-restes-de-215-enfants

(2) https://www.ledevoir.com/societe/641109/justin-trudeau-rend-visite-a-la-premiere-nation-tk-emlups-te-secwepemc

(3) https://ici.radio-canada.ca/nouvelle/1798884/reste-enfants-ottawa-kamloops-excuses-communaute-trudeau

(4) https://www.xn--pourunecolelibre-hqb.com/2021/06/eglises-catholiques-incendiees-aucune.html

(5 ) https://definingmomentscanada.ca/en/the-bryce-report100/

(6 ) https://nctr.ca/wp-content/uploads/2021/05/AAA-Hamilton-cemetery-FInal.pdf

(7) https://www.ledevoir.com/opinion/idees/615969/le-genocide-des-autochtones

(8) https ://realwomenofcanada.ca/jumping-to-conclusions-without-the-facts-in…

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

Immagine da FSSPX.news

Continua a leggere

Persecuzioni

Autorità indiane incriminano un altro orfanotrofio cristiano

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Nel mirino del nazionalista indù che guida la Commissione nazionale per la protezione dei minori questa volta le strutture educative promosse dal noto predicatore evangelico Ajay Lall. Accusate di conversioni forzate e persino «traffico di esseri umani». Il precedente della campagna contro il vescovo di Jabalpur, mons. Gerald Almeida, in uno Stato indiano che tra poche settimane andrà al voto per le elezioni locali.

 

 

Un’altra istituzione cristiana del Madhya Pradesh è stata presa di mira dalla Commissione nazionale per la protezione dei diritti dell’infanzia (NCPCR) e dal suo presidente Priyank Kanoongo, un nazionalista indù originario proprio di questo Stato indiano che da mesi ha concentrato i suoi poteri di indagine sulle realtà educative legate ai missionari.

 

Fonti di AsiaNews riferiscono che, con il pretesto delle conversioni, continuano ad essere registrate false denunce contro le istituzioni educative delle minoranze. L’ultimo caso è avvenuto il 23 settembre nella città di Damoh dove la polizia ha registrato una denuncia contro un noto predicatore evangelico, Ajay Lall, dopo che la Commissione nazionale per la protezione dei diritti dell’infanzia (NCPCR) avrebbe riscontrato irregolarità negli orfanotrofi da lui gestiti nel distretto.

 

Il tribunale del giudice distrettuale aggiunto di Damoh ha incriminato 9 persone sulla base di diversi articoli del Codice penale indiano. Recentemente, il governo del Madhya Pradesh aveva cancellato anche la registrazione di un orfanotrofio gestito dall’Adharshila Sansthan, la fondazione creata da Ajay Lall per la promozione delle donne tribali.

 

Sbandierando la nuova operazione Priyank Kanoongo su X (il nuovo nome del social network Twitter) ha accusato Ajay Lal e i suoi collaboratori di reati quali «il traffico di esseri umani, casi di conversioni religiose di bambini, bambini tribali trasformati in pastori, bambini orfani adottati solo in famiglie cristiane».

 

A giugno l’Alta Corte del Madhya Pradesh aveva concesso la libertà provvisoria al vescovo di Jabalpur, mons. Gerald Almeida e a suor Liji, incriminati in base alla legge anti-conversione dopo un’incursione in un orfanotrofio gestito dalla diocesi.

 

«Decine di istituzioni sono state prese di mira dal presidente del NCPCR Kanoongo negli ultimi due anni con l’accusa di conversione e con l’incriminazione del personale e della direzione in base alle leggi sulla conversione e sulla giustizia minorile. Ha le mani in pasta con il governo statale e vuole polarizzare la società in vista delle elezioni locali che dovrebbero tenersi entro la fine dell’anno» aveva dichiarato in quell’occasione padre Joseph Thankachan a nome della diocesi.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Immagine da Twitter

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Tamil Nadu, famiglia di cristiani attaccata da nazionalisti indù

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   Tutti e cinque i membri sono stati feriti mentre stavano pregando in casa e sono poi stati portati all’ospedale dalla polizia. Al momento non si hanno notizie sugli assalitori, che erano una trentina. In base alle prime indagini il capo famiglia era stato accusato di cantare e pregare a volume troppo alto e di essere coinvolto nella propaganda religiosa.     La polizia di Chennimalai, città dello Stato meridionale del Tamil Nadu, ha avviato un’indagine dopo che decine di persone, presumibilmente di estremisti di destra, ha attaccato una famiglia cristiana mentre i membri erano in casa a pregare.   Secondo il rapporto degli agenti, Samuel, 34 anni, che insieme alla moglie Jennifer e al figlio di tre anni vive nel villaggio di Kathakkudi Kadu vicino alla città di Erode, ieri aveva accolto i genitori Arjunan e Rathinam e la sorella minore Beulah per una preghiera comunitaria, quando un gruppo di persone ha fatto irruzione e li ha aggrediti. Mentre le vittime cercavano di registrare l’incidente, gli assalitori hanno preso e poi rotto i telefoni cellulari, ha aggiunto la polizia.   «Più di 30 persone si sono ritrovate nella casa della famiglia e tutti i membri sono stati feriti. Si ritiene inoltre che gli abitanti del villaggio, tra cui i vicini, si fossero lamentati con Samuel per il volume alto a cui venivano suonate le canzoni e le preghiere», hanno specificato ancora gli agenti.   M. K. Sarvanan, ispettore di polizia della stazione di Chennimalai, ha detto ai media che la polizia ha raggiunto immediatamente il posto per ottenere informazioni, ma a quel punto la banda di assalitori si era già dispersa.   La polizia ha quindi portato Samuel e il resto della famiglia all’ospedale governativo di Perundurai per ricevere le cure necessarie. L’ispettore Sarvanan ha precisato che con l’avvio dell’indagine i colpevoli verranno individuati e portati davanti alla legge.   «La ragione dell’attacco è che alcune persone nel villaggio credono che la famiglia di Samuel sia coinvolta nella propaganda religiosa», hanno spiegato fonti aggiuntive locali.   La famiglia di cristiani ha sempre negato di averci avuto a che fare.   Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne. Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni. Immagine di Kondephy via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)  
Continua a leggere

Persecuzioni

Sacerdote trovato impiccato in India

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Padre Anil Francis, 40 anni, è stato trovato impiccato a un albero. In una nota la diocesi di Sagar – pur senza sbilanciarsi sul movente e offrendo piena disponibilità alla collaborazione nelle indagini – racconta che era stato denunciato per un suo post sui social network contro le violenze nel Manipur. Era il direttore di una scuola cattolica in uno Stato indiano al centro da mesi di intimidazioni contro i cristiani da parte dei fondamentalisti indù.

 

 

La Chiesa cattolica indiana è scossa oggi dal gesto estremo di padre Anil Francis, un sacerdote della diocesi di Sagar in Madhya Pradesh, che si è tolto la vita con un suicidio. Il prete – che aveva 40 anni ed era il responsabile della St Alphonsa Academy, una scuola primaria del villaggio di Garhakota – è stato trovato impiccato ieri a un albero alla periferia di Sagar dove si era recato la sera prima per l’incontro mensile del clero. Alla mattina era però scomparso finché nel pomeriggio è avvenuta la tragica scoperta.

 

Con una dota diffusa dal suo portavoce, padre Sabu Puthenpurackal, la diocesi di Sagar ha confermato stamattina la notizia. «La polizia – si legge nel comunicato – sta indagando sul caso e la diocesi sta collaborando pienamente» Ma padre Puthenpurackal aggiunge anche che «padre Anil Francis era sottoposto a tensioni e pressioni a causa di una denuncia depositato contro di lui per un post che aveva condiviso sui social media sulle violenze nel Manipur».

 

Il post in questione era semplicemente una protesta contro la mancanza di provvedimenti da parte del governo indiano per fermare gli scontri che da mesi continuano nella regione nord-orientale e vedono spesso vittima la locale minoranza cristiana. L’immagine accostava le due donne violentate e umiliate del Manipur finite al centro di un video divenuto virale alla Madre India.

 

In un contesto come quello del Madhya Pradesh – dove la pressione dei fondamentalisti indù contro i cristiani è stata particolarmente dura negli ultimi tempi – qualcuno aveva sentito il bisogno di sporgere denuncia contro di lui. Inoltre ci sono voci anche di minacce che avrebbe ricevuto in quanto responsabile della scuola. E anche in questo caso non si può non ricordare che proprio in Madhya Pradesh le scuole cattoliche sono oggetto di una dura campagna intimidatoria, che ha visto persino una minaccia di arresto per un suo vescovo, mons. Gerald Almeida, della diocesi di Jabalpur.

 

Va davvero ricercata in questo clima pesante la ragione del suicidio di padre Anil Francis? Nella nota la diocesi mantiene un atteggiamento prudente, rimandando alle indagini della polizia e ribadendo la propria collaborazione. Spiega inoltre che in un biglietto il sacerdote ha espresso il desiderio che il suo corpo venga cremato.

 

«Siamo estremamente addolorati e tristi per la morte di padre Anil Francis che era noto per il suo impegno nelle opere che gli erano state affidate e per la sua dedizione ai valori da lui predicati – conclude la nota di padre Puthenpurackal. Condividiamo il dolore della famiglia di padre Anil Francis e porgiamo loro le nostre più sentite condoglianze in questa occasione. Preghiamo l’Onnipotente di dare loro la forza di superare questo straziante momento che stanno vivendo».

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari