Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Avigan potrebbe causare difetti alla nascita. “Come la talidomide”?

Pubblicato

il

 

 

Il premier giapponese Abe sta spingendo Avigan nelle conferenze stampa e negli incontri con i leader mondiali, inclusa una telefonata con il presidente americano Donald Trump e gli altri capi del G7. Abe stanziato quasi 130 milioni di dollari per triplicare una scorta esistente di medicinali. E, nello stile della «diplomazia sanitaria» che vediamo da anno nella geopolitica dei vaccini, si è offerto di offrirlo gratuitamente a dozzine di altri paesi.

 

Il primo ministro nipponico, tuttavia, sorvola su di un fatto cruciale, scrive il New York Times. «Non ci sono prove concrete che Avigan sia effettivamente efficace contro Covid-19. Mentre il farmaco ha dimostrato il potenziale per il trattamento di alcune malattie mortali come l’Ebola negli studi sugli animali, ci sono risultati limitati che funziona per qualsiasi malattia nell’uomo».

 

Avigan ha una storia regolatoria peculiare e un potenziale effetto collaterale davvero tragico: i difetti alla nascita

Ciò che è noto invece è che Avigan, il cui nome generico è favipiravir, ha una storia regolatoria peculiare e un potenziale effetto collaterale davvero tragico: i difetti alla nascita. Lo stesso Abe ha notato in una conferenza stampa ad inizio mese, dicendo che l’effetto collaterale era «lo stesso della talidomide», che ha causato deformità in migliaia di bambini negli anni ’50 e ’60.

 

Per chi non conoscesse il dramma della talidomide, follia farmaceutica che generò migliaia di bimbi deformi qualche decennio fa, c’è un articolo di Renovatio 21.

Lo stesso Abe ha notato in una conferenza stampa ad inizio mese, dicendo che l’effetto collaterale era «lo stesso della talidomide», che ha causato deformità in migliaia di bambini negli anni ’50 e ’60

 

La storia della talidomide è anche oggi molto interessante perché ci offre un primo esempio di «martirio da Big Pharma» – le farmaceutiche, che avevano messo in vendita il farmaco «consigliandolo vivamente» ai dottori come prescrizione alle donne in gravidanza, attaccarono con ogni mezzo il medico che tentò di suonare l’allarme, l’australiano William McBride. Un simbolo di come la verità medica, quella che salva vite, nel mondo moderno si paghi a carissimo prezzo.

 

Tornando al premier Abe, egli ha tirato dritto su questo piccolo problema – la teratogenicità – da lui stesso ammesso, e ha chiesto che Avigan sia approvato dalle autorità farmaceutiche di Tokyo  la fine del mese. Il quotidiano di Nuova York nota le  «preoccupazioni che i leader nazionali potrebbero deformare i processi di approvazione dei farmaci facendo interventi insoliti a sostegno di farmaci non dimostrati».

Il premier Abe, egli ha tirato dritto su questo piccolo problema – la teratogenicità – da lui stesso ammesso, e ha chiesto che Avigan sia approvato dalle autorità farmaceutiche di Tokyo  la fine del mese

 

Lo sprint del primo ministro ha contribuito a far entrare Avigan in oltre 1.000 strutture mediche in Giappone e il ministero degli Esteri del paese afferma che quasi 80 paesi hanno richiesto la droga. Tra gli altri, il farmaco è stato richiesto dalla Regione Veneta presieduta da Luca Zaia. Finora, 1.100 strutture mediche giapponesi hanno dato Avigan a quasi 2.200 pazienti COVID-19, con oltre un migliaio di liste d’attesa per il farmaco.

 

Sorprendentemente, il farmaco giapponese ha trovato sostegno istituzionale nella Cina Popolare, che verso i Giapponesi non sempre dimostra simpatia. Il governo cinese ha attestato la sua sicurezza ed efficacia contro COVID-19. Il farmaco ha cominciato ad avere supporto a marzo, quando due team di ricerca cinesi hanno pubblicato articoli online che suggerivano che aveva accelerato il recupero di pazienti con casi lievi o moderati di COVID-19.

Sorprendentemente, il farmaco giapponese ha trovato sostegno istituzionale nella Cina Popolare. Il governo cinese ha attestato la sua sicurezza ed efficacia contro COVID-19

 

Funzionari cinesi, che sono stati colpiti dalle critiche per aver inizialmente coperto l’epidemia, hanno iniziato a promuovere i risultati come esempio della risposta riuscita del paese al virus. Gli studi sono stati poi aspramente criticati da scienziati che sostengono la mancanza di controlli scientifici di base. Entrambi i documenti cinesi sulla validità dell’Avigan non erano stati sottoposti a peer review.

 

Tuttavia, la Cina ha rapidamente approvato Avigan per l’uso contro COVID-19. Era la prima volta che un paese al di fuori del Giappone ne approvava l’uso contro qualsiasi malattia.

 

Il Giappone stesso aveva dato il via libera condizionale al farmaco solo nel 2014, secondo ciò che alcuni descrivono come «circostanze molto insolite».

Il Giappone stesso aveva dato il via libera condizionale al farmaco solo nel 2014, secondo ciò che alcuni descrivono come «circostanze molto insolite»

 

Nella loro valutazione, i regolatori scrissero che Avigan «non ha mostrato efficacia» contro l’influenza stagionale e diedero l’approvazione per l’uso contro di essa. Invece, ne permetterebbero l’uso contro ceppi di influenza nuovi o riemergenti, ma solo in situazioni di «crisi» in cui gli antivirali esistenti si sono rivelati inefficaci.

 

La prova di difetti alla nascita nelle sperimentazioni su animali ha portato il Giappone a mettere controlli insolitamente severi sull’uso e sulla produzione della pillola.

 

La prova di difetti alla nascita nelle sperimentazioni su animali ha portato il Giappone a mettere controlli insolitamente severi sull’uso e sulla produzione di Avigan

Prima del coronavirus, era stato somministrato all’uomo solo durante studi clinici e in disperati tentativi di trattare l’Ebola. Nessuno di questi sforzi ha fornito prove definitive del fatto che tratta efficacemente qualsiasi malattia nell’uomo, anche i comuni tipi di influenza, ha affermato il dott. Masaya Yamato, capo delle malattie infettive presso il Rinku General Medical Center di Osaka. Il dott. Yamato ritiene che le prove sulla bontà del farmaco siano solo aneddotiche.

 

Non è chiaro perché Abe sia  un sostenitore così vocale di Avigan. «Alcuni media giapponesi hanno notato i suoi stretti legami con il CEO di Fujifilm, Shigetaka Komori. I due uomini hanno spesso giocato a golf e mangiato insieme, ultimo incontro il 17 gennaio» scrive il NYT citando i giornali del Sol Levante. Fujifilm è la zaibatsu (=grande impresa multinazionale giapponese) che tramite una sua controllata produce il farmaco. I portavoce della società smentiscono ogni trattamento di favore

«È incredibile che se ne sia fatto scorta come farmaco antinfluenzale. Ed è ancora più incredibile che in queste circostanze, anche senza alcuna base scientifica, venga detto alle persone di usarlo»

 

Medwatcher Japan, un gruppo no profit che monitora l’industria farmaceutica, ha descritto il processo di approvazione come «estremamente anormale», riporta il NYT.

 

«”È incredibile che se ne sia fatto scorta come farmaco antinfluenzale”, ha dichiarato Masumi Minaguchi, segretario generale del gruppo. “Ed è ancora più incredibile che in queste circostanze, anche senza alcuna base scientifica, venga detto alle persone di usarlo”».

 

In Italia Avigan divenne improvvisamente popolare grazie al video virale di un italiano a Tokyo che decantava i pregi. Tra questi, non vi era il fatto che Avigan potrebbe creare bambini deformi.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Balle sui tamponi? Quanti lavoratori sono senza green pass?

Pubblicato

il

Da

 

Si potrebbe avere l’idea che stiano prendendo in giro. Si potrebbe pensare che, sul serio, non abbiano nulla sotto controllo. 

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino.

 

Ma secondo i report del  Ministero della Salute pubblicati da Il Sole 24 Ore e da La Repubblica, da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000.

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino. Da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000

Quindi – se la matematica non è un’opinione – oggi 15 ottobre, circa  3 milioni di lavoratori non vaccinati sono andati al lavoro senza green pass  o non sono andati: perché non si sono nemmeno tamponati.

 

Questo nella migliore delle ipotesi: assumendo cioè che in Italia da mercoledì 13 abbiano fatto tamponi solo i lavoratori. Altrimenti i numeri scendono ulteriormente.



Sappiamo inoltre dai giornali che il 23% dei lavoratori in più della norma oggi si è messo in malattia. Non è certo una sfortunata coincidenza, si potrebbe pensare.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.

Ricordatevelo quando al TG – inevitabilmente – vi diranno che fila tutto liscio.

 

Vi stanno prendendo in giro.

 

Si contraddicono con gli stessi numeri che pubblicano sulle prime pagine.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.





Continua a leggere

Epidemie

COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Fauci

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il 23 settembre 2021 The Intercept ha pubblicato una richiesta di sovvenzione, presentata nel 2018 da EcoHealth Alliance alla DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency) (1), ove si legge che l’intento della società è creare in laboratorio un virus artificiale partendo dai coronavirus dei pipistrelli. (2)

 

L’ex consigliere economico del presidente Donald Trump, Peter Navarro, ha peraltro rivelato che EcoHealth Alliance è servita al dottor Anthony Fauci per dirottare denaro pubblico sul finanziamento di ricerche da svolgere nel laboratorio P4 di Wuhan perché illegali negli Stati Uniti.

 

Il direttore di EcoHealth Alliance, Peter Daszak, è il principale promotore della petizione, pubblicata da The Lancet (3), a sostegno del personale sanitario di Wuhan, ingiustamente accusato di essere responsabile dell’epidemia di COVID-19. Daszak è stato altresì membro della missione d’indagine dell’OMS a Wuhan.

 

Il 4 settembre 2021 Alex Jones (InfoWars) ha divulgato due estratti del video, diffuso a ottobre 2019 dalla rete pubblica statunitense CSPAN, di una tavola rotonda sulla creazione di un vaccino universale contro l’influenza (4).

 

Gli esperti vi discutono la necessità:

 

  • di modificare la procedura di autorizzazione dei vaccini contro l’influenza;
  • di cambiare modalità di produzione dei vaccini anti-inflluenzali, sostituendoli con sistemi a RNA messaggero


I partecipanti convengono sul fatto che l’industria farmaceutica non potrà fare il gran passo perché l’influenza non è malattia che faccia paura.

 

Durante la riunione il dottor Anthony Fauci dichiara, in sostanza, che per fare avanzare l’industria farmaceutica e l’umanità occorrerebbe uno choc, un’epidemia influenzale molto più mortale.

 

Anthony Fauci è dal 1984 direttore dell’Istituto Nazionale statunitense per le allergie e le malattie infettive (National Institute of Allergy and Infectious Diseases). È stato collaboratore del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, di cui nel 2004 ha appoggiato il progetto d’isolamento di persone sane.

 

È altresì membro di Alba Rossa (5), il gruppo che nel 2020, durante l’epidemia COVID, si è speso per l’applicazione del piano d’isolamento Rumsfeld.

 

È stato chiamato dal presidente Trump a dirigere la cellula di crisi COVID-19. Il presidente Joe Biden l’ha confermato nell’incarico.

 

 

NOTE

1) «Leaked Grant Proposal Details High-Risk Coronavirus Research», Sharon Lerner & Maia Hibbett, The Intercept, 23 settembre 2021.

5) «Il COVID-19 e l’Alba Rossa», di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 28 aprile 2020.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Anthony Fauci», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 8 ottobre 2021.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Ospedali negheranno i trapianti ai non vaccinati in «quasi tutte le situazioni»

Pubblicato

il

Da

 

 

Un sistema sanitario con sede in Colorado afferma che sta negando i trapianti di organi ai pazienti non vaccinati contro il coronavirus in «quasi tutte le situazioni», citando studi che mostrano che questi pazienti hanno molte più probabilità di morire se contraggono il COVID-19.  Lo riporta il Washington Post

Il deputato repubblicano dello stato del Colorado Tim Geitner ha dichiarato che sarebbe stato negato un trapianto di rene a una donna di Colorado Springs perché non vaccinata. Definendo la decisione «disgustosa» e discriminatoria, Geitner ha condiviso una lettera che  il paziente avrebbe ricevuto la scorsa settimana dal centro trapianti.

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus. Se si fosse rifiutata di essere vaccinata, diceva, sarebbe stata rimossa dalla lista d’attesa.

 

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus

La paziente in attesa di trapianto ha dichiarato a 9News che «è stata costretta a prendere una decisione che non mi sento a mio agio a prendere in questo momento per poter vivere». L’obbligo vaccinale, quindi, ha trovato un nuovo strumento di coercizione

 

«La politica illustra i costi crescenti di non essere vaccinati e si addentra in un territorio profondamente controverso: l’uso dello stato di immunizzazione per decidere chi riceve cure mediche limitate» scrive il WaPo. Bello l’aggettivo: controverso. Traduciamolo: non ancora completamente passato per la Finestra di Overton.

 

Renovatio 21 si oppone alla trapianto di organi, specie da persone ritenute «clinicamente morte» ma il cui cuore batte ancora, altrimenti non sarebbe possibile espiantarne gli organi: la «donazione», cioè la predazione, avviene solo a cuor battente, basandosi sulla artificiosa nozione di «morte cerebrale» i cui criteri cambiano da Paese a Paese e da un anno all’altro. Come abbiamo scritto, è il concetto di «morte cerebrale» a rendere possibile l’industria dei trapianti, un grande business per medici, ospedali e farmaceutiche che guadagnano clienti a vita di  farmaci come gli antirigetto.

 

Pare che si tratti in questo caso, di una donazione di rene da vivente, volontaria. È stato riportato infatti che la paziente e il suo donatore di reni stanno cercando altre opzioni fuori dallo Stato, poiché non hanno trovato un ospedale del Colorado che eseguirà la procedura prima di essere immunizzati.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

Non ci stupiamo di questa storia di ordinaria follia biomedica. Essa mette in luce diverse questioni:

 

1) L’instaurazione dell’utilitarismo – cioè il calcolo del piacere individuale – come filosofia che guida lo Stato e la Sanità, e quindi decide la vita e la morte delle persone. La qualità della vita ha perfino una formula, si tende a prediligere nelle cure quindi chi avrà più anni di piacere dinanzi rispetto a chi invece potrà vivere meno.

 

2) Il sistema di allocazione delle risorse mediche – il problema del triage che abbiamo visto in azioni con gli intubati durante la prima ondata pandemica – ora è utilizzabile come ricatto vaccinale.

 

3) il sistema grottesco della predazione degli organi, come riportato da Renovatio 21, non si è fatto scrupolo di espiantare e trapiantare organi di positivi al COVID: per quanto vi possa sembrare allucinante è così. Anzi, si parlava, qualche mese fa, di un boom di disponibilità di organi umani grazie ai morti di COVID. Ora però la faccenda si complica: a quanto è dato di capire potrebbe essere obbligato al vaccino anche il «donatore».

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

Qui subentra il paradosso ulteriore che abbiamo visto con il plasma iperimmune: colui che ha contratto il coronavirus ed è guarito può donare il sangue per la plasmaferesi, mentre chi è vaccinato ha dei limiti: egli, secondo le linee guida pubblicate dall’ECDC, deve attendere 48 ore dal vaccino, mentre se «ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 può essere accettato alla donazione dopo almeno 7 giorni dalla completa risoluzione dei sintomi».

 

Non abbiamo dubbi che l’idea di escludere dalle cure i non vaccinati trova il favore in una larga parte della popolazione – gli stessi che paragonano i resistenti alla siringa come animali parassiti, subumani da gettare in campi da concentramento o da prendere a cannonate. Tutte cose che sono state davvero dette nel discorso pubblico.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

 

 

Continua a leggere

Più popolari