Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Anziani e Bioetica, il modello mantovano

Pubblicato

il

 

 

 

Abbiamo più volte parlato, sulle colonne di Renovatio 21, di quella che è stata una delle più grandi ecatombe mondiali degli ultimi tempi: la strage di anziani nelle RSA a causa del COVID-19.

 

I numeri reali delle morti, purtroppo, non potremo mai saperli. Se è vero che lo tsunami è sempre difficilmente prevedibile e ancora più difficilmente controllabile, è altrettanto indubbio che delle strutture per anziani ci si è occupati con grave ritardo, lasciando così che il sicario entrasse mietendo vittime senza trovare alcun tipo di opposizione. 

 

Delle strutture per anziani ci si è occupati con grave ritardo, lasciando così che il sicario entrasse mietendo vittime senza trovare alcun tipo di opposizione

Da operatore sanitario contagiato che lavora in una casa residenza per anziani posso dire di aver toccato con mano l’inadeguatezza, i ritardi e la superficialità con le quali si è fatto fronte alla gestione dell’emergenza, rivelatasi poi particolarmente devastante per tutto l’apparato socio-assistenziale riguardante le RSA.

 

Grazie al Cielo però ora qualcosa si muove, e sicuramente c’è chi non si accontenta di piangere per quanto successo senza far nulla di concreto. 

 

È il caso dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Mantova, che ha recentemente annunciato, attraverso una conferenza stampa, di aver ottenuto l’autorizzazione da parte del Comitato etico dell’azienda ospedaliera per iniziare un protocollo di sperimentazione di cura con il plasma iperimmune negli anziani ospiti delle case di riposo del territorio mantovano colpiti dal Covid-19.

 

l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Mantovaha ottenuto l’autorizzazione da parte del Comitato etico dell’azienda ospedaliera per iniziare una sperimentazion e con il plasma iperimmune negli anziani

Lo studio è guidato dal direttore del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, Massimo Franchini, e dal direttore della Pneumologia Giuseppe De Donno, tutti e due dell’Ospedale Carlo Poma di Mantova in collaborazione con i colleghi del Policlinico San Matteo di Pavia e in accordo con le indicazioni della Regione Lombardia.

 

Lo studio prende il nome di «Rescue» ed è già partito all’interno della struttura Green Park del Gruppo Mantova Salus, che da anni collabora al fianco dell’Ospedale Poma e che, fra le altre cose, gode della presenza del centro poliambulatoriale dotato di attrezzature radiologiche all’avanguardia.

 

Tuttavia, come ha voluto ribadire il direttore generale di Asst Mantova Raffaello Stradoni, la sperimentazione è aperta a tutte le RSA del territorio.

 

Il protocollo prevede la selezione dei pazienti — per ora lo studio ne coinvolgerà 120 —  in base a determinate caratteristiche. Ovviamente la prima richiesta è la certificata positività al Covid-19 insieme ad un quadro clinico che preveda polmonite e insufficienza respiratoria non gravissima.

 

Dopo due giorni dall’annuncio in conferenza stampa il team di De Donno si è subito messo al lavoro selezionando i primi due ospiti delle residenze Green Park

Dopo due giorni dall’annuncio in conferenza stampa il team di De Donno si è subito messo al lavoro selezionando i primi due ospiti delle residenze Green Park.

 

«È uno studio dall’alto valore etico, il cui obiettivo è quello di azzerare la mortalità in questa fascia della popolazione»  ha spiegato il Dott. De Donno.

 

«Stiamo facendo una cosa unica al mondo — ha proseguito il primario di pneumologia del Poma — in tutto coinvolgeremo 120 pazienti, non per forza tutti mantovani. Stiamo ricevendo altre offerte di collaborazione».

«È uno studio dall’alto valore etico, il cui obiettivo è quello di azzerare la mortalità in questa fascia della popolazione» spiega il dottor De Donno.

 

Indubbiamente siamo davanti all’unico lavoro concreto in grado di prendersi seriamente a cuore la popolazione anziana, cioè quella che ha pagato lo scotto più grande di questa pandemia senza che nessuno se ne preoccupasse più di tanto. 

 

Come ha ribadito più volte De Donno, questa sperimentazione «va a salvaguardare la memoria storica del nostro paese, rappresentata dagli anziani e che molto hanno sofferto a causa della pandemia».

 

Questa sperimentazione «va a salvaguardare la memoria storica del nostro paese, rappresentata dagli anziani e che molto hanno sofferto a causa della pandemia»

Il direttore dell’Asst Mantova, Raffaello Stradoni ha spiegato che «il Comitato etico dell’Asst di Mantova ha dato l’autorizzazione per proseguire con un’ulteriore sperimentazione sull’uso della terapia con il plasma convalescente, trattandosi di terapia sperimentale per usarlo su altri pazienti abbiamo bisogno di inserire quest’attività in una sperimentazione controllata che possa valutarne l’efficacia raccogliendo una serie di dati che possano essere utili al mondo scientifico. La sperimentazione autorizzata si basa sulla possibilità individuare pazienti ospitati nelle RSA che possano avere bisogno e beneficiare della terapia con plasma. Pazienti vanno selezionati, e sarà misurato il loro stato di salute prima e dopo la sperimentazione, confidenti possano trarne beneficio visto i precedenti».

 

Il Dott. Franchini invece, che come abbiamo detto guiderà il protocollo sperimentale insieme al Dott. De Donno, ha definito un «grande orgoglio e un grande piacere presentare questa nuova sperimentazione di cura da applicare nei pazienti anziani colpiti da Covid e ospiti nelle RSA. Il protocollo prevede la riduzione dei tempi di permanenza degli anziani nell’ospedale al tempo strettamente necessario ad applicare la terapia e poi il ritorno in residenza. Tutti i pazienti saranno seguiti attraverso un follow up strettissimo»

 

Dal dire al fare, come si suol dire, c’è sempre di mezzo il mare. In questo caso siamo davanti ad una realtà, quella mantovana che coinvolge l’Ospedale Carlo Poma, dove oltre ad aver detto — cosa, in tale circostanza riguardante gli anziani nemmeno troppo scontata — si è fatto.

Si è fatto qualcosa di veramente grande in favore degli «ultimi», dei dimenticati dall’interesse nazionale e sovranazionale soggiogato da logiche utilitariste

 

E si è fatto qualcosa di veramente grande in favore degli «ultimi», dei dimenticati dall’interesse nazionale e sovranazionale soggiogato da logiche utilitariste. 

 

Questi professionisti hanno colmato persino il vuoto della bioetica e dei bioetici, rimasti muti davanti a sì tanta indifferenza verso i deboli, laddove si è pure più volte parlato di «selezione» circa i pazienti da sottoporre alle cure in caso di collasso del sistema ospedaliero e dei reparti di rianimazione e terapia intensiva.

 

Questi dottori hanno colmato persino il vuoto della bioetica e dei bioetici, rimasti muti davanti a sì tanta indifferenza verso i deboli, laddove si è pure più volte parlato di «selezione» circa i pazienti da sottoporre alle cure in caso di collasso del sistema ospedaliero e dei reparti di rianimazione e terapia intensiva

Il Dott. De Donno, al quale non si può che essere enormemente riconoscenti per tutto ciò che ha fatto e sta facendo, attraverso questo nuovo protocollo ha ridato speranza e nuova linfa alla «memoria storica del nostro paese» e a quella che è l’ormai dimenticata etica medica.

 

Questo protocollo sperimentale, bioeticamente, vale più di tutti i libri e i convegni che bioeticisti o presunti tali hanno fatto negli ultimi anni. 

 

E se anche salverà un solo ospite di una casa di riposo — e siamo convinti che ne salverà molti di più — rimarrà nella storia della medicina come uno dei più importanti risultati ottenuti in questa drammatica esperienza.

 

 

Cristiano Lugli

 

Continua a leggere

Bioetica

I dilemmi bioetici dei medici francesi in missione militare nel Sahel

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

I medici nei Paesi sviluppati si occupano sempre di questioni etiche, ma raramente sono drammatiche o strazianti. Un articolo su BMC Medical Ethics descrive alcune delle questioni etiche che devono affrontare i medici che lavorano con i militari francesi in Mali e Ciad nell’Operazione Barkhane.

 

Ci sono circa 200 medici e infermieri con i militari francesi dispiegati nella regione del Sahel. L’obiettivo della Francia è aiutare a combattere il terrorismo islamico, oltre a contribuire allo sviluppo politico ed economico.

 

I Paesi di quest’area sono tra i più poveri al mondo. Una cifra dice tutto. La cifra globale per i letti ospedalieri è di 26 per 10.000 persone. In Mali è 1 – e gli ospedali sono nelle città, lontano dalla maggior parte della popolazione.

 

Tutte le decisioni difficili relative al trattamento dei civili o dei prigionieri (PUC).

 

Le seguenti citazioni sono tratte da interviste realizzate dagli autori dell’articolo.

 

Chi serve un medico militare?

 

«È discutibile quanto senso abbia portare un’arma e uno stetoscopio nella stessa borsa. Mi vedo come un supporto, non come un combattente. La mia arma è lì solo per autodifesa».

 

Chi dovrebbero curare?

 

«Ho dovuto fare i conti con risorse limitate. Il primo giorno, ho in mente questa immagine di me e i miei 25 coupon di consulenza in mano e diverse centinaia di persone intorno, e ho dovuto scegliere. L’infermiera ciadiana stava dicendo: “devi fare i soldati locali”, e ho avuto 30 bambini che morivano».

 

I civili gravemente malati dovrebbero essere curati?

 

«Una volta ho avuto un paziente con un’escara dell’anca ulcerata con esposizione ossea; abbiamo deciso di non curarlo nonostante fosse giovane, perché questo ci avrebbe portato in un percorso di cura che non saremmo stati in grado di portare a termine, con notevoli tempi di personale e costi di materiale».

 

Chi viene curato per primo: soldati francesi o civili nemici?

 

«Si è posta la domanda su quale scelta avremmo fatto se fossero arrivate due vittime, tra un paziente francese e un nemico. Se le loro condizioni fossero state simili o anche se le condizioni del paziente francese fossero state meno gravi, avremmo operato prima il ferito francese. Anche se per motivi normativi o etici ci venisse detto che non dovremmo farlo, lo avremmo fatto comunque. Compromettere l’esito funzionale di un compagno per curare una vittima nemica, non sarebbe stato apprezzato dagli altri soldati sulla scena e sarebbe stato difficile a livello personale».

 

Chi determina il livello di cura: i generali oi medici?

 

«Le istruzioni che abbiamo ricevuto dalle autorità militari erano di concentrarsi sulla quantità, vedere il maggior numero di pazienti possibile. Avevano visto mio caso, mi hanno detto che non stavo andando abbastanza veloce, che avrei dovuto vedere 70 pazienti in due ore. Non ero d’accordo. Avrebbero dovuto esserci meno persone per non fare scorciatoie. I pazienti sanno bene che se gli dai solo una scatola di pillole, non è abbastanza. …Questo potrebbe essere ingenuo da parte mia, ma ero lì per i pazienti. So che il MAC [assistenza medica, ndr] è una politica per rendere accettabile la presenza delle truppe. Non c’è bisogno di medici in questo».

 

I combattenti nemici dovrebbero ricevere lo stesso livello di cure?

 

«Riguardo al trattamento di un PUC, ho sentito dai miei subordinati: “perché stiamo trattando i terroristi: ce l’hanno chiesto!” Alcuni pensavano che non dovessimo trattarli. C’era anche il razzismo. Non tutti hanno buone intenzioni. Questo mi tornerà presto in mente e farei un punto con la squadra per ricordare a tutti le regole».

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Mission de l’ONU a Mali via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

Continua a leggere

Bioetica

I medici stanno tradendo per profitto il loro giuramento?

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un reumatologo australiano e un chirurgo ortopedico hanno scritto una dura condanna della medicina moderna come «non adatta allo scopo» e un pericolo per la salute umana.

 

In Hippocrasy: How Doctors are Betraying loro Oath, Rachelle Buchbinder e Ian Harris affermano che «l’assistenza medica moderna è progettata per massimizzare il numero di incontri con il sistema, prescrivendo, operando, testando e scansionando costantemente e dando priorità al business rispetto alla scienza. È un sistema pieno di incentivi perversi e conseguenze indesiderate che producono assistenza sanitaria senza necessariamente migliorare la salute dei destinatari di tale assistenza».

 

Una dura condanna della medicina moderna come «non adatta allo scopo» e un pericolo per la salute umana

Il libro è strutturato attorno a una versione moderna del giuramento di Ippocrate, con un capitolo su ciascuno dei dieci impegni.

 

La loro lista di trattamenti che spesso sembrano essere più legati al portafoglio dei medici che al benessere del paziente è lunga: imaging non necessario, oppiacei, chirurgia per mal di schiena non grave; chirurgia artroscopica per artrosi del ginocchio; decompressione subacromiale per il dolore alla spalla; iniezioni di plasma ricco di piastrine per tendinopatie e artrosi; vertebroplastica per fratture vertebrali acute; stent cardiaco per l’angina stabile, screening dell’antigene prostatico specifico per il cancro alla prostata e trattamento eccessivo nelle cure di fine vita».

 

«L’assistenza medica moderna è progettata per massimizzare il numero di incontri con il sistema, prescrivendo, operando, testando e scansionando costantemente e dando priorità al business rispetto alla scienza. È un sistema pieno di incentivi perversi e conseguenze indesiderate che producono assistenza sanitaria senza necessariamente migliorare la salute dei destinatari di tale assistenza

Scrivono sul BMJ che:

 

«I medici devono capire che i loro pregiudizi personali e la mancanza di rigore scientifico stanno contribuendo allo spreco e ai danni della medicina moderna e distolgono le risorse dalla fornitura di cure efficaci. Nessuna singola soluzione funzionerà isolatamente, ma tutti dobbiamo iniziare a porre domande che mettano in discussione lo status quo. Coloro che hanno il potere devono anche affrontare gli incentivi perversi e gli interessi acquisiti inerenti a un sistema che promuove più medicine».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Bioetica

Autopsia-show a pagamento, mercificazione di un cadavere «donato alla Scienza»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La vedova di un 95enne veterano di guerra della Louisiana i morto di COVID-19 è rimasta scioccata nello scoprire che il corpo di suo marito, che aveva donato alla scienza, è finito su un tavolo di dissezione durante un evento di Portland (Oregon) i cui biglietti costavano 500 dollari.

 

David Saunders è morto ad agosto e sua moglie Elsie ha cercato di donare il suo corpo alla Louisiana State University. Era stato rifiutato perché era morto di COVID-19.

 

Lo ha quindi dato a una società di Las Vegas chiamata Med Ed Labs, che lo ha venduto a una società chiamata Death Science che tiene corsi e conferenze pubbliche sulla morte: dissezione, sepoltura, imbalsamazione, decadimento, indagini sulla scena del crimine e altre caratteristiche macabre.

 

Questa azienda ha ospitato una lezione di dissezione dalle 9 alle 17 (con una pausa pranzo) usando il corpo del signor Saunders nella sala da ballo di un hotel Marriott.

 

 

Un evento chiamato The Oddities and Curiosities Expo, che si è tenuto il giorno prima della lezione di dissezione, ha fornito una piattaforma di biglietteria per idare una sbirciata al cadavere.

 

«Per quanto mi riguarda, è orribile, immorale e non ho le parole per descriverlo», ha dichiarato la vedova . «Ho tutte queste scartoffie che dicono che il suo corpo sarebbe stato usato per la scienza, niente riguardo alla commercializzazione della sua morte»

Promette mostre di «tassidermia, esemplari conservati, opere d’arte originali, pezzi ispirati all’horror/Halloween, oggetti d’antiquariato, stranezze artigianali, dispositivi medici ciarlatani, vestiti inquietanti, gioielli strani, teschi/ossa, oggetti da collezione funerari e molto altro … qualcosa di strano per tutti».

 

La lezione di dissezione faceva parte dello spirito dell’Expo, anche se non era un evento ufficiale.

 

«Per quanto mi riguarda, è orribile, immorale e non ho le parole per descriverlo», ha dichiarato la vedova . «Ho tutte queste scartoffie che dicono che il suo corpo sarebbe stato usato per la scienza, niente riguardo alla commercializzazione della sua morte».

 

E un direttore di pompe funebri locale ha detto: «Ero totalmente inorridito. Tutto il nostro staff era inorridito dal fatto che questo fosse quello che era successo a un gentiluomo che lui e la sua famiglia pensavano che il suo corpo fosse destinato al progresso degli studenti di medicina».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari