Russiagate, la spia dice che il governo britannico avrebbe “coperto il controllo su Trump da parte di Putin”

 

 

Christopher Steele, ex agente segreto al centro del Russiagate, si è presentato al quotidiano britannico  Guardian il 22 giugno, riferendo le testimonianze che ha presentato al Comitato per l’Intelligence e la Sicurezza del Parlamento del Regno Unito nel 2018, secondo il libro del giornalista del Guardian Luke Harding Shadow State: Murder, Mayhem e Remaking of the West della Russia.

 

Christopher Steele è un ex funzionario dell’Intelligence britannico con il servizio segreto di intelligence MI6 dal 1987 fino al suo pensionamento nel 2009. Ha diretto il desk russo presso la sede dell’MI6 a Londra tra il 2006 e il 2009. Nel 2009 ha co-fondato Orbis Business Intelligence,  società di Intelligence privata con sede a Londra. Steele ha scritto un dossier usando fonti anonime che affermavano come la Russia avesse raccolto un dossier di informazioni compromettenti sul presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Successivamente, Trump ha affermato  che le indagini della comunità dell’Intelligence statunitense sulle interferenze russe nelle elezioni del 2016 sono state lanciate proprio a causa del dossier di Steele.

 

Steele sostiene ora di aver fornito il suo dossier al Comitato per l’Intelligence e la Sicurezza del Parlamento del Regno Unito nel 2016, e in seguito si è lamentato amaramente che «non sono state fatte inchieste o azioni intraprese in seguito»

Steele sostiene ora di aver fornito il suo dossier al Comitato nel 2016, e in seguito si è lamentato amaramente che «non sono state fatte inchieste o azioni intraprese in seguito». «Un insabbiamento sembrava essere statolanciato » sulle informazioni che ha fornito al governo del primo ministro Theresa May, ha lamentato, nascondendo così la «verità» che Putin ha una «probabile presa» su Trump.

 

Ancora peggio, dice il Guardian, finora Boris Johnson si è rifiutato di pubblicare il rapporto scritto dal Comitato.

 

Inizialmente, Boris ha dichiarato di non voler rilasciarlo prima delle elezioni di dicembre, ma è stato sei mesi fa e non è stato ancora rilasciato. Alcuni parlamentari dell’opposizione hanno detto al Guardian che è perché Trump ha una «probabile presa» su Johnson.

Finora Boris Johnson si è rifiutato di pubblicare il rapporto scritto dal Comitato

 

«In questo caso, le considerazioni politiche sembravano superare gli interessi della sicurezza nazionale», ha affermato Steele.

 

«In tal caso, a mio avviso, Il governo di Sua Maestà ha commesso un grave errore nel bilanciare questioni di importanza strategica per il nostro paese». L’ex spia britannica aggiunge che «un potenziale accordo commerciale non dovrebbe mai essere permesso di eclissare considerazioni di sicurezza nazionale».

Oltre al Regno Unito e all’Australia, il presidente USA ha parlato apertamente dell’Italia, dove, secondo inchieste giornalistiche, sono accusati di essere coinvolti nell’operazione persone e realtà legate a due partiti oggi al governo

 

Steele ha affermato che il governo del Regno Unito era riluttante ad agire quando avrebbe presentato «implicazioni politiche più ampie e difficili», usando come esempio le accuse di interferenza russa nel referendum sulla Brexit del Regno Unito nel 2016. «Esempi di questo includono rapporti sul probabile controllo del Cremlino sul presidente Trump e sulla sua famiglia / amministrazione e indicazioni di interferenze russe nel finanziamento clandestino del referendum sulla Brexit».

 

Gli sviluppi del Russiagate, destinati ad intensificarsi con l’approssimarsi delle elezioni presidenziali americane di novembre, già cominciano a mandare scosse negli altri Paesi, come promesso da Trump. Oltre al Regno Unito e all’Australia, il presidente USA ha parlato apertamente dell’Italia, dove, secondo inchieste giornalistiche, sono accusati di essere coinvolti nell’operazione persone e realtà legate a due partiti oggi al governo.

Ricordando che l’operazione era nientemeno che la decapitazione dello Stato più ricco e potente del pianeta, in molti si chiedono cosa potrebbe succedere al governo italiano qualora venissero confermate alcune responsabilità partitiche nostrane.

 

Ricordando che l’operazione era nientemeno che la decapitazione dello Stato più ricco e potente del pianeta, in molti si chiedono cosa potrebbe succedere al governo italiano qualora venissero confermate alcune responsabilità partitiche nostrane.

 

Staremo a vedere. Questa storia di spie può cambiare molti equilibri anche nel nostro Paese.