Il 60% delle persone sono naturalmente resistenti al COVID-19, rivela un nuovo studio

 

 

 

Un nuovo studio ha scoperto che il SARS-CoV-2, il virus legato a Covid19, è forse cinque volte più diffuso di quanto si pensasse in precedenza, e quindi cinque volte meno mortale.

 

La ricerca, condotta da un team di scienziati dell’Ospedale universitario di Zurigo, si intitola «Secrezione di specifici anticorpi sistemici e delle mucose per SARS-CoV-2 durante COVID-19 lieve e grave» .

 

Lo studio ha scoperto che nelle persone affette dal virus SARS-CoV-2 gli anticorpi specifici compaiono solo nei casi più gravi, ossia circa in 1 su 5 casi.

Lo studio ha scoperto che nelle persone affette dal virus SARS-CoV-2 gli anticorpi specifici compaiono solo nei casi più gravi, ossia circa in 1 su 5 casi.

 

Gli autori ne deducono che gli anticorpi sono inspiegabilmente assenti dalla maggior parte dei casi lievi di COVID-19. Ma, data la nota inesattezza dei test diagnostici e le tendenze ben documentate di diagnosi eccessiva da parte dei clinici, un’altra potenziale spiegazione sembrerebbe essere che gli anticorpi assenti fossero dovuti al fatto che i soggetti non erano mai stati effettivamente infettati dalla SARS- COV-2 in primo luogo, e i loro sintomi «lievi» simili al freddo erano dovuti a qualche altro agente patogeno, come  il comune raffreddore.

Un’altra potenziale spiegazione sembrerebbe essere che gli anticorpi assenti fossero dovuti al fatto che i soggetti non erano  mai stati effettivamente infettati dalla SARS- COV-2 in primo luogo

 

Tuttavia, se gli autori hanno effettivamente ragione nelle loro stime, ciò potrebbe significare che il tasso di infezione da SARS-CoV-2dovrebbe essere rivisto nuovamente al ribasso. Se l’80% di quelli infetti in realtà non produce anticorpi, esiste la possibilità che il virus sia presente in molte più persone del solito. Il che a sua volta ridurrebbe potenzialmente il tasso di infezione in modo considerevole.

 

Nelle prime fasi, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha stimato che il tasso di infezione del virus fosse alto fino al 3,4%. I modelli basati su questi numeri hanno, tuttavia, dimostrato di essere estremamente imprecisi, scrive Off-Guardian.

Se l’80% di quelli infetti in realtà non produce anticorpi, esiste la possibilità che il virus sia presente in molte più persone del solito

 

Molti esperti, come il professor John Ioannidis di Stanford, hanno predetto che i numeri del tasso di infezione dell’OMS si sarebbero dimostrati errati al termine degli  studi sulla popolazione diffusa.

 

Alcuni esperti dissidenti  sembrano essere stati confermati dagli studi sierologici, utilizzando esami del sangue alla ricerca di anticorpi Sars-Cov-2 effettuati su popolazioni diverse in tutto il mondo, il che  suggerisce abitualmente che il tasso di infezione è più vicino allo 0,3%  rispetto alla cifra iniziale dell’OMS  di 3,4% .

Un altro studio dello scorso mese  ha scoperto che fino al 60% delle persone potrebbe essere parzialmente resistente alla SARS-CoV-2 senza essere mai esposto ad esso

 

Un altro studio dello scorso mese  ha scoperto che fino al 60% delle persone potrebbe essere parzialmente resistente alla SARS-CoV-2 senza essere mai esposto ad esso.

 

In altre parole, un gran numero di persone può essere immune o resistente a questo virus perché è già stato infettato da altri coronavirus.