Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Zuckerberg, Rockefeller, Google e la privatizzazione dell’integrità elettorale

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Attraverso l’inganno e sfruttando le scappatoie nella legge statunitense per le entità senza scopo di lucro, gli interessi delle società private e delle fondazioni hanno e stanno versando ingenti somme di denaro per corrompere il processo elettorale degli Stati Uniti nell’interesse di un’agenda verde distopica e peggio. Consiste in una complessa rete di interessi tra cui il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, Google, i fondi Rockefeller. L’evidenza è che tutto questo è stato segretamente orchestrato dalle agenzie di Intelligence statunitensi per imporre un’agenda economica e sociale distruttiva agli Stati Uniti legata al Grande Reset di Davos e all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

 

 

 

Stanno venendo alla luce prove crescenti che descrivono in dettaglio il dirottamento del nucleo del sistema elettorale americano che non solo fa luce sulle elezioni statunitensi del 2020, ma anche sul finanziamento privato dell’infrastruttura stessa dei cancellieri elettorali locali e delle procedure elettorali, inclusa la casella di posta scrutinio e spese degli uffici elettorali comunali e provinciali.

 

Il margine di abuso è sconcertante poiché il processo non è trasparente.

 

Al centro di questo c’è una «no-profit» poco conosciuta conosciuta come il Centro per la Tecnologia e la Vita Civica dal nome strano o CTCL. Il presunto creatore di CTCL e attuale capo è un ex membro della Fondazione Obama, Tiana Epps-Johnson.

 

 

Centro per la tecnologia e la vita civica

Epps-Johnson ha fondato CTCL nel 2012, quando aveva 20 anni. Nel 2019 era ai massimi livelli quando Mark Zuckerberg di Facebook e sua moglie Priscilla Chan hanno donato a CTCL diverse donazioni per un totale di oltre 419 milioni di dollari per influenzare le elezioni statunitensi del 2020. Il modo in cui ciò è stato fatto è uno studio sulla manipolazione elettorale sofisticata e palesemente illegale.

 

Stalin una volta disse: «Coloro che votano non decidono nulla. Chi conta il voto decide tutto». Oggi potrebbe aggiungere: «Chi controlla le schede elettorali controlla anche il voto».

 

Nel sistema politico statunitense ogni stato è responsabile della conduzione delle leggi elettorali.

 

In vista delle elezioni del 2020, a seguito di irregolarità nelle elezioni del Congresso di medio termine del 2018 in cui i democratici hanno preso la maggioranza in entrambe le camere, i repubblicani hanno iniziato a indicare una mossa da parte di stati democratici radicali come California, New York, Illinois o Michigan per aprire il sbarra a potenziali frodi non richiedendo la foto dell’identità dell’elettore o anche le restrizioni standard sul voto per corrispondenza come il timbro postale o la firma.

 

Attualmente non è richiesta alcuna prova di un documento d’identità con foto per votare in 15 stati, inclusi gli stati più popolosi di California, Illinois, New York, Pennsylvania, Arizona e Minnesota.

 

 

Segui il denaro

Nelle cruciali elezioni statunitensi del novembre 2020, CTLC ha svolto un ruolo senza precedenti, altamente sofisticato e chiaramente altamente corrotto per influenzare l’esito a favore dei candidati democratici, in particolare Joe Biden come presidente.

 

È stato grazie alle donazioni per un totale di 419 milioni di dollari, quasi mezzo miliardo di dollari, dal fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e sua moglie, attraverso la loro fondazione esentasse da 86 miliardi di dollari. Il punto cruciale sarebbe come e dove venivano distribuiti i soldi.

 

Secondo il sito web del CTLC, hanno aperto domande a qualsiasi commissione elettorale locale che richiedeva fondi, presumibilmente su base apartitica.

 

Il denaro è andato direttamente e le legislature statali o il governo non hanno avuto alcun controllo su di esso, contrariamente a quanto scritto nella Costituzione degli Stati Uniti.

 

Le sovvenzioni o i fondi gratuiti erano ufficialmente «PER SOSTENERE L’AMMINISTRAZIONE SICURA DELLE ELEZIONI PUBBLICHE DURANTE LA PANDEMIA COVID-19». Qui è dove diventa interessante.

 

Gli Stati in cui i lockdown COVID e le misure sociali sono Stati più severi erano proprio gli stati chiave a guida democratica che non chiedevano alcun documento di identità degli elettori e imponevano un massiccio voto per corrispondenza «a causa delle restrizioni COVID» come notato sopra, come California, Illinois, Pennsylvania o New York.

 

CTCL ha annunciato sovvenzioni per supportare il voto per corrispondenza senza precedenti, comprese speciali cassette postali in posizioni chiave per semplificare il voto per posta e anche per frode elettorale. I fondi della sovvenzione potrebbero finanziare vaste reti di cassette postali nei quartieri democratici chiave come Filadelfia. Il denaro potrebbe anche essere speso nei distretti elettorali locali per “educare” gli osservatori dei sondaggi o «formare» i funzionari elettorali. Oh, cosapotrebbe andare storto?

 

Per legge, le organizzazioni esenti da tasse sono tenute a presentare dichiarazioni di spesa dettagliate al dipartimento delle imposte dell’IRS.

 

Il modulo fiscale CTLC per l’anno elettorale cruciale del 2020 è stato depositato il 22 gennaio 2022.

 

Per la prima volta dalle elezioni del novembre 2020, fornisce un quadro dettagliato di ciò che le enormi donazioni di Zuckerberg a CTCL hanno acquistato. Apparentemente sembra che siano state effettivamente concesse sovvenzioni alle commissioni elettorali che hanno richiesto indipendentemente dal fatto che si trattasse di un noto distretto democratico o repubblicano.

 

Tuttavia, una ripartizione dettagliata della città o della contea mostra l’inganno. In molti stati sono state distribuite sovvenzioni minime di 5000 dollari. Molti di questi andarono in aree repubblicane conosciute. Non abbastanza per fare molto di qualcosa di significativo. Ma ha permesso al CTLC di rivendicare la non partigianeria.

 

Ma nelle città o contee democratiche più notoriamente corrotte la storia era molto diversa. Ad esempio, nella popolosa contea di Dallas, in Texas, dove il 65% ha votato democratico, la Commissione elettorale della contea ha ottenuto da Tiana Epps-Johnson l’incredibile cifra di 15.130.433 dollari da spendere come meglio credevano. Nessun dettaglio richiesto. La vicina contea di Tarrant, dove si trova Fort Worth, e il 49% è democratico, ha ricevuto 1.678.523 dpòòaro e la contea di Harris, dove si trova Houston, e il 56% è democratico, ha ricevuto generosi 9.663.446. dollari. Laredo Texas, una piccola città al confine con il Messico, ha ottenuto un succoso 2.435.169 dollari.

 

Nella Pennsylvania gestita dai democratici, dove sono state presentate importanti contestazioni legali di significative frodi elettorali democratiche a Filadelfia e Pittsburg, l’organizzazione no profit CTLC di Tiana Epps-Johnson ha donato 2.052.251 dollari alla contea di Allegheny (Pittsburg) e un generoso 10.016.070 dollari a Filadelfia, la «Città dell’amore fraterno».

 

Quei 10 milioni di dollari sono stati concessi anche quando l’ex giudice elettorale di Filadelfia è stato condannato per il suo ruolo nell’accettare tangenti per votare fraudolente e per aver certificato risultati di votazione falsi durante le elezioni primarie del 2014, 2015 e 2016 a Filadelfia. Tenete  presente che né CTLC né Zuckerberg né alcun governo hanno richiesto alcuna responsabilità per la loro generosità.

 

Il consiglio elettorale di New York City, sotto l’allora noto sindaco democratico Bill DeBlasio (nato Warren Wilhelm Jr), ha ricevuto un contributo CTLC di  19.294.627 dollari .

 

Nel Michigan gestito dai Democratici, i funzionari elettorali di Detroit hanno ricevuto 7.436.450 dollari per organizzare il voto come meglio credevano. Tutto sommato, nello Stato del Michigan, dove è stata rivendicata una significativa frode elettorale nel 2020 e persino documentata prima che giudici corrotti presentassero le prove, CTLC ha donato circa 24 milioni di dollari a circa 420 città e commissioni elettorali di contea.

 

Nell’Illinois democratico, Chicago notoriamente corrotta, sede del CTLC, ha ricevuto 2.269.663 dollari con cui giocare.

 

Nello stato fortemente conteso della Georgia, dove sia i repubblicani che i democratici sono stati accusati di frode e rifiuto di perseguirlo legalmente, decine di milioni di dollari sono fluiti dal CTLC verso aree democratiche chiave come la contea di Dekalb (83% democratica) che ha ottenuto 9.625.041 dollari. Fulton County (Atlanta) che ha ottenuto circa 10,7 milioni di dollari.

 

Gwinnett County Georgia di Atlanta ha ottenuto 6,4 milioni dollari di un totale per la Georgia nel 2020 di 40 milioni dollari!

 

Biden ha «vinto» lo Stato in bilico fondamentale di un semplice 0,2% di punto percentuale.

 

Un segretario di Stato repubblicano ha rifiutato di contestare il risultato nonostante ampie prove di frode. Un altro «Swing State» molto contestato nel 2020, l’Arizona, ha anche ottenuto milioni per le contee chiave da CTLC, inclusa la contea di Maricopa, dove sono documentate frodi, che ha ottenuto 1.840.345 dollari.

 

E la California, gestita dai democratici, ha ottenuto circa 18 milioni di dollari in uno stato che non chiedeva la carta elettorale.

 

 

Tiana «apartitica» e CTLC

Qual è esattamente il Center for Tech and Civic Life il cui sito web afferma di «lavorare per promuovere una democrazia più informata e impegnata e aiutare a modernizzare le elezioni statunitensi»? Tiana Epps-Johnson nel suo sito web afferma con modestia che sta facendo «un lavoro rivoluzionario per rendere le elezioni statunitensi più inclusive e sicure».

 

Stranamente, si definisce una «tecnologa civica», qualunque cosa significhi. Lasciate da parte il fatto che le elezioni più sicure oggi sono le classiche votazioni cartacee di persona, verificate da un documento d’identità e le macchine per il voto su computer non hackerabili e accessibili a Internet o le schede elettorali per posta o per assente, che sono vietate nella maggior parte dei paesi sviluppati. Le schede elettorali esterne semplificano le frodi elettorali.

 

Tiana si definisce la fondatrice e direttrice esecutiva di CTCL. La sua biografia su Wikipedia sembra quella di un tipico fantasma, senza dati personali come famiglia, nascita. La sua storia dichiarata inizia con lei come studentessa a Stanford, dove avrebbe conseguito una laurea. Citando ulteriormente dal suo sito web in cui parla di se stessa in terza persona, «Prima di CTCL, è stata direttrice dell’amministrazione elettorale del New Organizing Institute dal 2012 al 2015. In precedenza ha lavorato al progetto sui diritti di voto per il Comitato degli avvocati per i diritti civili. Tiana… è stata selezionata per unirsi alle coorti inaugurali di Obama Foundation Fellows (2018) e Harvard Ash Center Technology and Democracy Fellows (2015). Tiana guadagnato un Master in Politica e Comunicazione presso la London School of Economics e una laurea in Scienze Politiche presso la Stanford University».

 

Questo è tutto, questo è tutto ciò che il mondo sa del suo passato. Eppure le viene affidato il compito di distribuire quasi mezzo miliardo di dollari per influenzare le elezioni americane del 2020? I suoi legami con Obama sono così stretti che nell’aprile 2022 ha presentato l’ex presidente democratico a un pubblico studentesco di Stanford per un discorso sulla «disinformazione», per il quale Obama è chiaramente un esperto di livello mondiale.

 

Le cose diventano più chiare quando guardiamo ai finanziatori di questa prima oscura organizzazione no-profit. Oltre a Facebook (Meta) di Zuckerberg, il sito Web di CTLC elenca Google, The Rockefeller Brothers Fund, il Democracy Fund del fondatore del miliardario di eBay Pierre Omidyar, la Knight Foundation, in particolare. Chiaramente Tiana, la misteriosa giovane «tecnologa civica» viaggia in ambienti molto potenti.

 

 

Censori di Google-YouTube

In un giornalista del maggio 2022 Dinesh D’Souza ha pubblicato un documentario che descrive in dettaglio le riprese video CCTV della frode alle schede elettorali negli Stati chiave nelle elezioni del 2020. Si intitola 2000 Mules, un riferimento a circa 2.000 truffatori di voti pagati documentati su videocamere CCTV di sorveglianza.

 

Vengono mostrati mentre consegnano illegalmente più voti alle urne speciali nelle principali città statali oscillanti come Filadelfia, cassette postali pagate dalla generosità elettorale del CTLC di Zuckerberg.

 

Senza le cassette postali temporanee delle elezioni speciali, presumibilmente per accogliere l’enorme aumento del voto per corrispondenza nel 2020 a causa del COVID, il riempimento delle schede elettorali negli stati chiave non sarebbe stato possibile. I «muli» sarebbero stati pagati 10 dollari per voto farciti e i muli identificati sono stati filmati mentre guidavano verso diverse cassette di sicurezza nel cuore della notte indossando guanti per evitare tracce di impronte digitali.

 

Il video di D’Souza è stato bannato su YouTube, società di proprietà di Google, la stessa Google che ha donato anche a CTLC.

 

Google ha stretti legami con la CIA così come la maggior parte dei giganti chiave della Silicon Valley, presumibilmente anche Zuckerberg. È una ragnatela di ONG democratiche e fondazioni esenti da tasse come quella di Zuckerberg, che di fatto hanno privatizzato le elezioni americane in un modo nascosto che Stalin avrebbe potuto solo sognare.

 

Dal 2020, circa 14 stati hanno approvato leggi che vietano il finanziamento privato delle elezioni. Disegni di legge simili sono passati alla legislatura in altri cinque stati, inclusa la Pennsylvania, ma sono stati bloccati dai governatori democratici.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

Bill Gates è un po’ disgustato dalla Civiltà

Pubblicato

il

Da

Nel 2015, l’ONU ha stilato un elenco di 17 obiettivi di sostenibilità: porre fine alla povertà, combattere la disuguaglianza e fermare il cambiamento climatico entro il 2030.

 

Su quell’annuncio delle Nazioni Unite, Gates e l’ex moglie Melinda hanno deciso di concentrare gli sforzi della loro ricchissima Fondazione, la Bill e Melinda Gates Foundation, facendo investimenti di miliardi basandosi su parametri di sostenibilità.

 

Tuttavia, arrivati a metà nella strada verso il traguardo del 2030, a quanto pare non siamo neanche lontanamente vicini a dove vorrebbero essere.

 

«Siamo in un posto peggiore di quanto mi aspettassi», ha detto Gates al New York Times. «Gli effetti della pandemia e ora gli effetti della guerra in Ucraina sono molto drammatici e ci sono enormi battute d’arresto su tutte queste misure. E queste misure sono estremamente importanti – anche se abbiamo mancato l’obiettivo, stiamo ancora parlando di milioni di persone e di vite».

 

Nella sua conversazione con il giornale nuovayorkese, il filantropo multi miliardario ha toccato una serie di argomenti importanti, ma ciò che lo fa davvero arrabbiare è il ruolo che la distrazione sembra giocare nell’incapacità di raggiungerli.

 

«La cosa più spaventosa non è che siamo indietro. Dobbiamo solo accettarlo. È la continua distrazione della guerra in Ucraina dall’aiutare i Paesi poveri e fare progressi sia sull’adattamento al clima che sulla mitigazione», ha aggiunto l’uomo Microsoft. «Questa è una cosa enorme, che si tratti di costi della difesa, costi dell’elettricità, costi dei rifugiati, costi dei fertilizzanti».

 

«Con la guerra in cima alla pandemia, e ora con i tassi di interesse in aumento, con alti livelli di debito ovunque, anche in Africa i prossimi cinque anni saranno impegnativi solo per mantenere l’attenzione del mondo».

 

L’oligarca di Seattle  inoltre afferma che c’è una probabilità del 50% che la prossima pandemia sia causata dai cambiamenti climatici causati dall’uomo o venga deliberatamente rilasciata da un gruppo bioterrorista.

 

Affermando che la prossima grande pandemia potrebbe verificarsi entro 20 anni, il Gates ha affermato che «potrebbe essere un virus creato dall’uomo, da un bioterrorista che lo ha progettato e fatto circolare intenzionalmente. Questo è uno scenario molto spaventoso perché potrebbero provare a diffonderlo in luoghi diversi contemporaneamente».

 

«Oppure – continua il primo finanziatore dell’OMS –  potrebbe essere qualcosa che fa il salto dal mondo naturale. La popolazione umana sta crescendo e stiamo invadendo sempre più ecosistemi. Ecco perché ho calcolato che c’è una probabilità del 50% che avremo una pandemia di origine naturale nei prossimi 20 anni, come conseguenza del cambiamento climatico», ha aggiunto.

 

In realtà, l’oramai ex programmatore informatico, la primavera scorsa aveva predetto che ci sarebbe stata una variante del virus COVID ancora più letale e virulente di quella apparsa del 2019.

 

L’umanità ha molto lavoro da fare se vuole salvare il pianeta e se stessa, non dai cambiamenti climatici, bensì da personaggi che hanno in agenda piani e progetti per la depopolazione del mondo.

 

Come riportato ripetutamente da Renovatio 21, Bill Gates ora, dopo informatica e farmaceutica e una puntata sulla geoingegneria, sembra volersi concentrare sul tema dell’alimentazione, divenendo il primo proprietario terriero degli USA e spingendo suoi piani agricoli in Africa tramite enti transnazionali, senza più avere pudore di dire che sta preparando alimenti OGM bioingegnerizzati con la tecnica CRISPR.

 

Si tratta, come abbiamo detto, di un vero e proprio «Grande Reset alimentare».

 

Il controllo biochimico e bioelettronico dell’umanità, via farmaco, chip e cibo, è per Bill a portata di mano.

 

E quindi, se il padrone del mondo non è felice, c’è da stare tranquilli?

 

Renovatio 21 dice di no, soprattutto dopo aver visto il suo videoclip a base di vocette di bambine e pannocchie OGM.

 

 

 

 

Immagine del ministro degli Affari Esteri olandese via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0); immagine modificata

 

Continua a leggere

Alimentazione

Allucinante video di Bill Gates sulla pannocchia: la bioingegneria del Grande Reset alimentare diventa cringe

Pubblicato

il

Da

Il magnate globale Bill Gates ha lanciato sul suo canale un allucinante video che parla di pannocchie.

 

Nel filmato il primo finanziatore dell’OMS appare con una maglietta con stampata sopra una pannocchia mentre parla con una voce distorta di bambina.

 

La musica mostra una serie di immagini montate rapidamente, come un videoclip, dove foto apparentemente ritoccate di Gates bambino si alternano a immagini di grano, campi e a scritte didascaliche sull’importanza del granturco.

 

Nel filmato il miliardario continua a cantare con la voci di bimba anche mentre addenta con avidità una gialla pannocchia.

 

Si tratta con certezza di una delle vette di quello che oggi si chiama cringe.

 

 

Il video è pensato sin dal titolo («It has the juice – and it’s at risk») per trasmettere l’idea che le coltivazioni di grano sono a rischio: di qui immagini catastrofiche di campi resi infertili, aiutano a capire le didascalie, dall’«impatto del cambiamento climatico».

 

Il filmato è stato postato nel canale YouTube ufficiale di Bill Gates, lo stesso che, come sa il lettore di Renovatio 21, aveva ospitato i suoi stranissimi e costosissimi spot all’ingegneria genetica CRISPR-CAS9, nei quali peraltro parlava proprio dei suoi investimenti per bioingegnerizzare l’agricoltura.

 

Come noto, Bill Gates nel 2020 è divenuto il primo proprietario terriero degli USA – curiosa coincidenza in un mondo dove il suo amico di Davos Klaus Schwab dice al resto dell’umanità «non avrai nulla e sarai felice».

 

Come l’immane investimento in latifondi si incastri con il resto dei suoi investimenti, dall’elettronica ai vaccini, lo spiegò in un articolo di due anni fa Robert F. Kennedy jr.

 

«Per un uomo ossessionato dal controllo monopolistico, l’occasione di dominare anche la produzione alimentare deve sembrare irresistibile» scrisse Kennedy.

 

«L’approccio tipico di Gates ai problemi globali pone la tecnologia e i suoi partner dell’industria chimica, farmaceutica e petrolifera al centro di ogni soluzione. La “strategia innovativa” di Gates per la produzione alimentare è stata quella di imporre il fallimentare sistema americano di agricoltura basata su OGM, prodotti chimici e combustibili fossili ai poveri agricoltori africani».

 

«Il numero di africani che soffrono di fame estrema è aumentato del 30 per cento nei 18 Paesi presi di mira da Gates. La povertà rurale si è metastatizzata in modo drammatico e il numero di persone che soffrono la fame in queste nazioni è salito a 131 milioni»

 

«Sotto il sistema di piantagioni di Gates, le popolazioni rurali africane sono diventate schiave sulla propria terra di una tirannica servitù di strumenti high-tech, meccanizzazione, orari rigidi, condizionalità gravose, crediti e sussidi che sono le caratteristiche distintive della “Rivoluzione Verde” di Bill Gates» accusa Kennedy jr.

 

«Gates ha imparato a ingrassare sulle crisi globali, che si tratti di pandemie, clima, carestia o estinzione di massa. Il cambiamento climatico ha fornito a Gates una scusa per creare monopoli su sementi, cibo e agricoltura (…)Nel costruire il suo impero agricolo, Gates si è ripetutamente dimostrato disposto a ignorare le voci di scienziati e agricoltori e di calpestare leggi, trattati, tradizioni, diritti civili, scienza e sensibilità».

 

«Gates rafforza la sua logica in materia di brevetti utilizzando la tecnologia CRISPR per modificare selettivamente il patrimonio genetico dei semi, apportando modifiche sufficienti per resistere alle sfide dei brevetti (…) Centralizzando le Banche dei Semi e manipolando le leggi sulla proprietà intellettuale, Gates ha lanciato una campagna di «colonialismo genetico» per depredare i contadini del mondo e gli agricoltori indigeni dei loro sudati semi e della loro conoscenza».

 

Queste considerazioni era condivise anche dall’analista geopolitico William F. Engdahl, il quale ha dettagliato in un articolo di due anni fa come la Fondazione Gates abbia operato una sorta di prova generale in Africa distruggendone di fatto l’economia alimentare.

 

Engdahl spiegò che la Gates Foundation è un azionista significativo di Monsanto, ora parte di Bayer. «La Fondazione Bill e Melinda Gates ha ereditato l’agenda dei Rockefeller dal complesso medico-industriale all’istruzione alla trasformazione dell’agricoltura».

 

L’agenda alimentare Rockefeller, è possibile leggere in un altro articolo pubblicato da Renovatio 21, è risalente…

 

«La globalizzazione della produzione alimentare mondiale e la creazione dell’agrobusiness, prima guidata dalla Fondazione Rockefeller e oggi con la Fondazione Gates che assume un ruolo più visibile, è forse il fattore più minaccioso per la salute e la mortalità mondiale, molto più di quanto qualsiasi coronavirus abbia dimostrato di esserlo» spiegava Engdahl, che dava dettagli su programmi disastrosi avvenuti in Africa i quali riguardavano esattamente il mais.

 

Come riportato da Renovatio 21, con ogni evidenza Gates sta preparando un Grande Reset alimentare.

 

«La Gates Foundation, alimentata da una “empia alleanza” tra il grande capitale, le istituzioni scientifiche e tecnologiche e gli stati, abbia stabilito un impero globale sulla vita» scrive un vecchio articolo di Children’s Health Defense.

 

Si tratta della diligente conseguenza di chi vuole il controllo – cifra principale della cibernetica – sull’umanità: si persegue il controllo dell’uomo per via biochimica tramite i canali di assunzione di sostanze dell’organismo, i medicinali (come i vaccini…) e financo gli alimenti.

 

Pensateci un secondo. Cerchiamo di ripetere il concetto.

 

Dopo aver ottenuto l’accesso al sistema sanitario mondiale – cioè a sostanze immesse nel corpo dell’umanità per via sottocutanea – Gates sta ottenendo il controllo sul sistema alimentare, cioè sulle sostanze immesse per via digerente.

 

C’è un salto di qualità: i farmaci si possono rifiutare, dei vaccini si può fare a meno. Del cibo no.

 

È il dominio biochimico sulla vita che si sta realizzando, giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi.

 

Anche a suon di video talmente cringe da farceli sanguinare.

 

 

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

Il filosofo WEF Harari parla del futuro dell’oligarchia mondiale

Pubblicato

il

Da

Yuval Noah Harari, membro del World Economic Forum (WEF) e principale consulente del suo fondatore Klaus Schwab, ha parlato lo scorso venerdì al Warwick Economics Summit del 2022 fornendo informazioni sulla mentalità dell’élite globale venerdì durante un vertice economico.

 

Harari, intervistato dal giornalista Bill Weir della CNN, ha iniziato il suo discorso lanciando il classico allarme sul cambiamento climatico, che dovrebbe essere combattuto dai politici con finanziamenti simili a quelli che si assegnano agli eserciti in tempo di guerra.

 

Lo Harari sostiene che le Nazioni del pianeta dovrebbero dare il 2% del loro PIL per prevenire un «catastrofico» evento climatico.

 

Durante il vertice, il filosofo omosessuale israeliano ha promosso l’idea che la gente non ha bisogno di viaggiare in isole lontane in vacanza per essere felice e che non ha bisogno di spendere soldi in prodotti di bellezza che danneggiano l’ambiente per sentirsi belli.

 

Il pensatore WEF ha quindi affermato che le Nazioni più potenti e ricche del mondo sono le principali responsabili della presunta crisi climatica, non riuscendo ad affrontare l’inquinamento creato da molti dei paesi più poveri del Pianeta e dai cittadini ricchi.

 

 

Per quanto riguarda l’America, Harari ha affermato che gli Stati Uniti hanno già rinunciato al loro posto di leader globale, aggiungendo che «nessuno si sta davvero facendo avanti per riempire quel vuoto».

 

L’idea che pare emergere è quella di un governo mondiale che non consideri gli Stati-nazione.

 

«Non abbiamo davvero bisogno di un solo Paese per essere il leader. Idealmente, molti Paesi, molte organizzazioni a livello di base dovrebbero contribuire ciascuno con le proprie idee, la propria motivazione verso un progetto comune», ha affermato Harari, dipingendo di fatto la necessità di oligarchia globale che superi le nazioni.

 

Harari ha continuato parlando di un possibile futuro dove l’energia e le risorse tecnologiche per vivere sono appannaggio solo di una élite.

 

«C’è un pericolo molto grande che con il cambiamento climatico, quando le persone parlano di come sarà il nostro futuro, non ci siamo più “noi”. Non esiste il “nostro futuro”. L’umanità potrebbe dividersi in una maggioranza – forse – di persone che soffrirebbero tremendamente e una minoranza che avrà le risorse, la ricchezza [e] la tecnologia per proteggersi e persino fiorire in una sorta di arca di Noè tecnologica», aggiungendo che  «ciò è estremamente pericoloso».

 

Nei suoi interventi, Harari si è scagliato contro «l’ascesa dei populisti e dei partiti ultranazionalisti in diverse parti del mondo» che sarebbe dovuta a politici che spaventano gli elettori con «fantasie che in un paio di decenni saranno sostituiti da immigrati e stranieri».

 

Harari di fatto non crede che stia avvenendo alcuna trasformazione mondiale tramite l’immigrazione massiva.

 

Parlando del timore per il cambiamento indotto dalle migrazioni di massa, ha dichiarato: «anche se questo probabilmente non è vero, e anche se sono passati quaranta o cinquant’anni e anche se si basa su dati demografici complicati, è abbastanza potente da catapultare al potere tutti i tipi di ultranazionalisti e populisti», ha spiegato.

 

Uno spettatore dell’evento ha chiesto ad Harari cosa possono fare i globalisti contro autocrati come Xi Jinping in Cina che potrebbero non essere d’accordo con il movimento verde di sinistra. Rispondendo, il consulente del WEF – organizzazione che varie volte ha ospitato Xi, vedendo in lui un salvatore nell’anno dell’elezione di Trump – ha suggerito abbastanza comicamente che i cittadini hanno ancora la capacità di creare cambiamenti anche in nazioni come la Cina.

 

Continua a leggere

Più popolari