Vaccini contaminati dall’aborto, l’appello delle dottoresse pro-vita

 

 

 

Cento dottoresse attiviste per la vita hanno lanciato nelle scorse settimane un appello contro i vaccini COVID realizzati per mezzo di aborti, chiedendo alle persone di buona volontà di finirla una volta per tutte con le grottesche giustificazioni morali che stiamo sentendo in questo periodo.

 

Tra le firmatarie vi è la dottoressa Wanda Półtawska, centeneria, amica di Wojtyla, che fu nei campi di concentramento dove divenne vittima di quegli esperimenti medici poi giudicati a Norimberga.

 

Per le dottoresse giustificare questi vaccini può solo risultare da «una valutazione incompleta della scienza della vaccinazione e dell’immunologia».

 

«La generale acquiescenza ai vaccini contaminati dall’aborto, in particolare da parte dei cristiani, ha solo contribuito alla Cultura della Morte»

Le dottoresse inoltre lamentano una «notevole mancanza di proteste» su produzione e test dei vaccini tramite linee cellulari di feti abortiti.  L’utilizzo di bambini abortiti, dicono, è stato generalmente accettato negli ultimi decenni. Di più: l’utilizzo è stato «ampliato» per includere «la raccolta e il traffico dei corpi di bambini non ancora nati assassinati» per la sperimentazione che «normalmente sarebbe considerata non etica».

 

«[La] generale acquiescenza ai vaccini contaminati dall’aborto, in particolare da parte dei cristiani, ha solo contribuito alla Cultura della Morte», scrivono le donne firmatarie, aggiungendodi non poter «stare sedute» mentre l’uso di feti umani abortiti è «gradualmente normalizzato» come una parte «sfortunata» della medicina moderna.

 

«È tempo che clero e laici affrontino con coraggio questo orrore e difendano il diritto alla vita per i più vulnerabili con “massima determinazione”».

 

«È tempo che clero e laici affrontino con coraggio questo orrore e difendano il diritto alla vita per i più vulnerabili con “massima determinazione”».

«L’aborto è il moderno massacro degli innocenti», affermano le firmatarie nelle parole di apertura della dichiarazione, aggiungendo che, in quanto donne, desideravano che il loro «grido femminile fosse ascoltato in tutto il mondo». È venuto dal «profondo dei nostri cuori materni», dicono, «che sono dediti a difendere la causa della vita e a combattere la Cultura della Morte».

 

Le dottoresse esprimono il desiderio di non essere «complici nel moderno massacro dei Santi Innocenti» e quindi «rifiutano di accettare tutti i vaccini realizzati utilizzando cellule derivate da feti umani abortiti».

 

Le donne firmatarie descrivono anche in dettaglio l’intero orrore dell’aborto, compreso esattamente come i feti abortiti vengono utilizzati nella produzione e nella sperimentazione dei vaccini.

 

«Come cristiane siamo chiamate a rivestire la mente di Cristo e unire i nostri cuori al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria», concludono le donne. «Pertanto, non collaboreremo in questo immenso culto infanticida».

«Non collaboreremo in questo immenso culto infanticida»

 

«Non saremo complici. È ora di alzarsi!».

 

Riprendiamo questo testo traducendo dal sito del vaticanista Edward Pentin.

 

 

 

La voce delle donne in difesa dei bambini non ancora nati e in opposizione ai vaccini contaminati dall’aborto

 

 

L’aborto è il moderno massacro degli innocenti. Noi, come donne, desideriamo che il nostro grido femminile venga ascoltato in tutto il mondo. Questa dichiarazione viene dal profondo del nostro cuore materno, dedito alla difesa della causa della vita e alla lotta contro la cultura della morte. Pertanto affermiamo con tutto il cuore: «Non saremo complici del moderno massacro dei Santi Innocenti e quindi rifiutiamo di accettare tutti i vaccini realizzati utilizzando cellule derivate da feti umani abortiti».

«Non saremo complici del moderno massacro dei Santi Innocenti e quindi rifiutiamo di accettare tutti i vaccini realizzati utilizzando cellule derivate da feti umani abortiti»

 

Aborto: la fonte del tessuto fetale

Affrontiamo onestamente la realtà dell’aborto. Circa una gravidanza su cinque nel mondo finisce con l’aborto; si tratta di circa 40-50 milioni di aborti all’anno. Da quando l’attività dell’aborto è iniziata su grande scala, fino a 2,5 miliardi di bambini non ancora nati sono stati uccisi nel grembo delle loro madri. Solo per un momento, riflettiamo su quella cifra e proviamo a scandagliare questo abisso insondabile.

 

La crudeltà eccezionalmente barbara del ventesimo secolo, con le sue due guerre mondiali mortali e le sue ideologie ancora più letali, non si avvicina nemmeno all’immensa grandezza di questo massacro mondiale del più indifeso di tutti gli esseri umani. Come potremmo non tenere ben presente questo fatto mentre riflettiamo attentamente sulla moralità dei vaccini realizzati con cellule derivate da feti umani abortiti?

 

Questo genocidio dei non nati è impensabile nella sua grandezza, ma è ugualmente inconcepibile nella sua atroce brutalità: il modo del loro assassinio è barbaro oltre ogni immaginazione. Mettiamo davanti alla nostra mente alcuni dei metodi di aborto chirurgico preferiti. Immaginiamo un bambino non ancora nato a nove settimane dal concepimento: può fare capriole, accigliarsi e deglutire. Per abortire questo bambino non ancora nato, un tubo cavo con una punta acuminata viene inserito nell’utero di sua madre ed è collegato a un potente aspirapolvere, che lo fa a pezzi piccoli che vengono risucchiati in una bottiglia e scartati.

La crudeltà eccezionalmente barbara del ventesimo secolo, con le sue due guerre mondiali mortali e le sue ideologie ancora più letali, non si avvicina nemmeno all’immensa grandezza di questo massacro mondiale del più indifeso di tutti gli esseri umani. Come potremmo non tenere ben presente questo fatto mentre riflettiamo attentamente sulla moralità dei vaccini realizzati con cellule derivate da feti umani abortiti?

 

Ora immaginiamo una bambina non ancora nata alla fine del terzo mese nel grembo di sua madre: lei può piangere in silenzio, e può sentire dolore. Per abortire questa bambina non ancora nata, un paio di pinze viene inserito nell’utero di sua madre per afferrare e torcere le sue ossa, fino a quando il suo corpo non è completamente smembrato, la sua spina dorsale molto probabilmente si è spezzata e il suo cranio è schiacciato mentre viene strappata dal corpo di sua madre.

 

Infine, immaginiamo un bambino non ancora nato a 20 settimane: può riconoscere la voce di sua madre. Per abortirlo, il medico inserisce un lungo ago nell’addome della madre e inietta una soluzione fortemente salina forte che il bambino ingoia; il veleno corrosivo lo brucia dentro e fuori. Entro un giorno, sua madre darà alla luce il suo bambino morto o morente. Molti di questi bambini sono nati vivi, poi lasciati a morire. Questa è una morte più crudele di quella dei bambini sacrificati nella Geenna, la valle vicino a Gerusalemme dove un tempo gli antichi israeliti sacrificavano i propri figli, bruciandoli vivi nelle mani dell’idolo cananeo Moloch. 

 

Gli incendi dell’infanticidio li hanno consumati più rapidamente delle piccole vittime di oggi. Fa un freddo gelido oggi nelle mani di Moloch: il ragazzino trema fino a rimanere muto e immobile, disteso in una pozza di sangue che si gela rapidamente. Una volta fasciato calorosamente nel grembo materno, ora giace senza vita in una stanza sterile, nudo dalla testa ai piedi, senza nessuno che possa piangere o piangere per lui.

 

 

Il «frutto» della ricerca sui tessuti fetali

Come se il numero e la brutalità di questi aborti non fossero abbastanza, le parti del corpo del bambino abortito vengono ora raccolte a scopo di ricerca medica in una sorta di storia dell’orrore feticida dei giorni nostri. Gli abortisti hanno ammesso di modificare le procedure chirurgiche in modo da garantire che alcune parti del corpo siano lasciate intatte e utilizzabili dai ricercatori. 

Le parti del corpo del bambino abortito vengono ora raccolte a scopo di ricerca medica in una sorta di storia dell’orrore feticida dei giorni nostri. Gli abortisti hanno ammesso di modificare le procedure chirurgiche in modo da garantire che alcune parti del corpo siano lasciate intatte e utilizzabili dai ricercatori

 

Immagina lo stesso bambino, non bruciato dalla soluzione salina, ma consegnato vivo a un orrore pari al sacrificio umano degli aztechi, che strapparono i cuori dei vinti mentre giacevano ansanti sugli altari sacrificali. 

 

Dopo essere stato partorito, forse per taglio cesareo, il bambino prova un dolore lancinante quando l’abortista gli taglia rapidamente il rene – senza anestesia – in modo che il suo organo possa essere spedito durante la notte per mantenerlo fresco per il ricercatore complice. Sapendo questo, come possiamo volontariamente beneficiare del loro sacrificio utilizzando un vaccino che utilizzasse i corpi di questi bambini abortiti in qualsiasi momento del processo di produzione, non importa quanto tempo fa?

 

Tuttavia, alcuni affermeranno che questo male è alle nostre spalle, nei decenni passati, mentre altri sostengono che l’uso di un vaccino contaminato dall’aborto è moralmente lecito perché la cooperazione al male è «remota». Ma queste posizioni riflettono la vera ampiezza e la gravità della situazione? 

 

Il male di usare linee cellulari fetali abortite coinvolge non solo l’omicidio originale, ma la continua commercializzazione del corpo del bambino, così come il rifiuto finale di seppellire i suoi resti profanati. Inoltre, l’uso di tessuto fetale abortito nello sviluppo di interventi medici sicuramente alimenterà sempre più la ricerca di nuovo tessuto fetale abortito.

Il male di usare linee cellulari fetali abortite coinvolge non solo l’omicidio originale, ma la continua commercializzazione del corpo del bambino, così come il rifiuto finale di seppellire i suoi resti profanati. Inoltre, l’uso di tessuto fetale abortito nello sviluppo di interventi medici sicuramente alimenterà sempre più la ricerca di nuovo tessuto fetale abortito

 

Le linee cellulari fetali semplicemente non durano indefinitamente e i produttori di vaccini hanno un forte incentivo a creare nuove linee per abbinare quelle vecchie, scegliendo di sperimentare con bambini abortiti dello stesso sesso e all’incirca della stessa età. Ciò si è verificato più volte negli ultimi decenni, con la più recente linea cellulare fetale abortita sviluppata nel 2015.

 

Inoltre, a causa della notevole mancanza di proteste per le linee cellulari, la ricerca biomedica con i bambini abortiti si è ampliata negli ultimi decenni per includere la raccolta e il traffico dei corpi di bambini non ancora nati uccisi per l’uso in ricerche che normalmente sarebbero considerate non etiche da svolgere su un essere umano. Moloch non è mai soddisfatto.

 

Tutti questi mali sono perpetuati e promossi solo dall’accettazione passiva di un vaccino moralmente contaminato su «base temporanea». Riflettiamo sul fatto che il vaccino MMR, che è stato sviluppato nel 1971 ed è commercializzato da Merck, è stato sollecitato come un dovere morale a causa del suo potenziale per ridurre la sindrome da rosolia congenita (cosa che non riesce a fare). 

 

L’MMR contiene una componente della rosolia moralmente compromessa che ha richiesto quasi 100 aborti separati per svilupparsi, e nonostante le dichiarazioni dei nostri prelati secondo cui i cattolici che usano il vaccino devono opporsi al suo uso in altri modi, è ancora in uso dopo 50 anni. Né le voci dei pastori né i fedeli hanno soffocato la tacita approvazione data dalle loro azioni. 

L’MMR contiene una componente della rosolia moralmente compromessa che ha richiesto quasi 100 aborti separati per svilupparsi, e nonostante le dichiarazioni dei nostri prelati secondo cui i cattolici che usano il vaccino devono opporsi al suo uso in altri modi, è ancora in uso dopo 50 anni. Né le voci dei pastori né i fedeli hanno soffocato la tacita approvazione data dalle loro azioni

 

In effetti, la generale acquiescenza ai vaccini contaminati dall’aborto, in particolare da parte dei cristiani, ha solo contribuito alla Cultura della Morte. Non possiamo restare a guardare poiché l’uso di feti umani abortiti nella ricerca medica viene gradualmente normalizzato come una parte «sfortunata» della medicina moderna.

 

È tempo che il clero ed i laici affrontino con coraggio questo orrore e difendano il diritto alla vita per i più vulnerabili con «la massima determinazione». Bisogna porre fine a questa nefasta propaggine dell’aborto!

 

 

I vaccini COVID-19 e il tessuto fetale

Consideriamo ora il caso in esame dei vaccini COVID-19, molti dei quali utilizzano linee cellulari fetali abortite, direttamente durante il processo di produzione o indirettamente tramite test. C’è chi sostiene che tale uso non sia solo morale ma sia un vero e proprio atto di carità verso il prossimo alla luce della gravità della pandemia. 

 

Suggeriamo umilmente che tali dichiarazioni, comprese alcune ufficiali rilasciate dai vescovi e persino dal Vaticano, si basino su una valutazione incompleta della scienza della vaccinazione e dell’immunologia, e preghiamo tali proponenti di rivalutare le loro dichiarazioni alla luce di i seguenti fatti:

 

  • I candidati al vaccino che si dice utilizzino cellule fetali abortite «solo durante i test» hanno utilizzato le cellule HEK-293 [Human Embryonic Kidney-293] come parte integrante dello sviluppo del loro candidato mRNA e le hanno utilizzate ancora per confermare l’efficacia dell’mRNA, talvolta attraverso più di un tipo di test di conferma.

 

  • I vaccini candidati in questione non sono stati rigorosamente testati per la loro efficacia nel prevenire l’infezione o la trasmissione di SARS-CoV-2, ma invece valutati per la riduzione della gravità sintomatica in coloro che sviluppano “casi confermati” di COVID -19. Anche questa valutazione di un modesto effetto protettivo può essere seriamente gonfiata.

 

  • Il tasso medio di sopravvivenza dall’infezione da SARS-CoV-2 è superiore al 98,3%, e non è probabile che questo sia significativamente influenzato da vaccini con una tale scarsa efficacia.

 

Non collaboreremo a questo immenso culto infanticida. Non possiamo più offrire questo granello d’incenso a Moloch. È giunta per noi l’ora di imitare i primi cristiani nella loro disponibilità a dare la vita per la Verità. Non saremo complici. È ora di alzarsi!

  • Il vaccino ha 5-10 volte più probabilità di produrre reazioni avverse rispetto ai vaccini antinfluenzali e provoca 15-26 volte più mal di testa, affaticamento e vertigini (secondo i dati VAERS). Il vaccino ha anche causato molte reazioni più gravi e numerosi decessi. I dati sulla sicurezza che sono stati raccolti sono insufficienti per determinare i possibili effetti a lungo termine.

 

  • La natura sperimentale del vaccino rende il sollecitare, costringere o costringere le persone all’inoculazione una violazione diretta della Dichiarazione Universale sulla Bioetica e sui Diritti Umani.  Se presi insieme, tutti questi fattori dimostrano che le affermazioni che giustificano l’uso dei candidati al vaccino COVID contaminati dall’aborto non solo ignorano la gravità e l’immediatezza dei crimini commessi contro il nascituro, ma ignorano le prove scientifiche sulla malattia e l’inadeguatezza delle gli attuali candidati al vaccino e i loro rischi noti e sconosciuti.

 

  • In conclusione, come cristiani siamo chiamati a rivestire la mente di Cristo e unire i nostri cuori al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria. Pertanto, non collaboreremo a questo immenso culto infanticida. Non possiamo più offrire questo granello d’incenso a Moloch. È giunta per noi l’ora di imitare i primi cristiani nella loro disponibilità a dare la vita per la Verità. Non saremo complici. È ora di alzarsi!