Mosca prova a bilanciare l’influenza cinese nel Laos

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Il Cremlino e Vientiane hanno un’amicizia storica, retaggio dei legami dell’URSS con il governo comunista laotiano. Grazie alla costruzione d’infrastrutture, Pechino è ora l’attore dominante nel Laos. Rinnovata la collaborazione commerciale e militare tra russi e laotiani.

 

 

La recente visita in Laos del ministro russo degli Esteri Sergej Lavrov si è concentrata sul «fattore Cina», l’attore dominante nel piccolo Paese del sud-est asiatico, soprattutto grazie alla costruzione d’infrastrutture strategiche

La recente visita in Laos del ministro russo degli Esteri Sergej Lavrov si è concentrata sul «fattore Cina», l’attore dominante nel piccolo Paese del sud-est asiatico, soprattutto grazie alla costruzione d’infrastrutture strategiche. I cinesi sono impegnati ora nella realizzazione della ferrovia che collegherà la capitale laotiana Vientiane a Kunming, nella provincia cinese dello Yunnan: un progetto da 7 miliardi di dollari, i cui lavori sono progrediti malgrado la pandemia.

 

Il Laos, come altre nazioni in affari con Pechino, si sta trasformando in un «eterno debitore» dei cinesi. Per bilanciare l’influenza del potente vicino, le autorità laotiane cercano sostegno dai russi, che però non hanno la forza dei tempi sovietici, e difficilmente potranno competere con la Cina per il controllo del Paese.

 

Nonostante l’enorme distanza geografica, tra Mosca e Vientiane le relazioni sono sempre rimaste molto prossime e affettuose. L’incontro tra Lavrov e i vertici laotiani (il primo ministro Phankham Viphavanh e il presidente Thongloun Sisoulith) è avvenuto l’8 luglio e si è svolto in russo senza traduttori: retaggio di 60 anni di stretta amicizia tra la repubblica socialista del Laos e i «fratelli russi» dell’Unione Sovietica prima, e della Federazione Russa poi.

 

Il Laos, come altre nazioni in affari con Pechino, si sta trasformando in un «eterno debitore» dei cinesi

All’inizio della sua visita, Lavrov ha fatto le fotografie ufficiali con il suo omologo laotiano Saleumxay Kommasith.  I due rappresentanti si sono tolti subito le mascherine per passare a un caloroso abbraccio, con scambi di complimenti in russo. Prima di iniziare la carriera di funzionario, Kommasith ha studiato per sei anni all’accademia diplomatica di Mosca e Lavrov è stato uno dei suoi professori.

 

In epoca sovietica, Sisoulith ha frequentato invece la facoltà di Lettere a Leningrado (ora San Pietroburgo), per poi dirigere in patria la facoltà di Lingua russa dell’università nazionale del Laos. Durante la sua ascesa nei ranghi del Partito popolar-rivoluzionario, l’unica forza politica del Paese socialista, egli non ha mai mancato occasione per tornare a visitare la sua «seconda patria» russa.

 

Più di ogni altro governo, quello sovietico aveva sostenuto nel 1975 la proclamazione della repubblica nazional-popolare. I russi inviavano nel Laos automobili, carburante, prodotti alimentari e di consumo.

 

Kommasith ha ringraziato la Russia per il sostegno alla lotta contro il COVID-19, ancora piuttosto diffuso in Laos, anche se con percentuali molto meno tragiche di tanti altri Paesi dell’area.

 

L’incontro tra Lavrov e i vertici laotiani è avvenuto l’8 luglio e si è svolto in russo senza traduttori: retaggio di 60 anni di stretta amicizia tra la repubblica socialista del Laos e i «fratelli russi» dell’Unione Sovietica prima, e della Federazione Russa poi

Lo scorso marzo Vientiane ha avviato un’intensa campagna vaccinale con la somministrazione dello Sputnik-V. Nonostante sembri essere insufficiente per i bisogni interni della Russia, alle prese con un forte ondata epidemica, i russi hanno promesso di inviare ai laotiani ancora grandi quantità del vaccino di loro produzione.

 

Le trattative tra Lavrov e i leader di Vientiane hanno promosso anche una ripresa degli scambi commerciali. La collaborazione tra i due Paesi riguarda però soprattutto la sfera militare. Nei mesi scorsi una speciale brigata di sminatori russi ha liberato la zona dell’aerodromo di Tonghaikhin, dove ancora giacevano oltre mille esplosivi lasciati tra il 1964 e il 1973 dai bombardamenti USA.

 

Ora Mosca aiuterà a modernizzare l’aeroporto militare laotiano: i russi porteranno nuovi rifornimenti e tecnologie militari avanzate, e terranno corsi di riqualificazione per le Forze armate locali.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.