Connettiti con Renovato 21

Cina

Mosca prova a bilanciare l’influenza cinese nel Laos

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Il Cremlino e Vientiane hanno un’amicizia storica, retaggio dei legami dell’URSS con il governo comunista laotiano. Grazie alla costruzione d’infrastrutture, Pechino è ora l’attore dominante nel Laos. Rinnovata la collaborazione commerciale e militare tra russi e laotiani.

 

 

La recente visita in Laos del ministro russo degli Esteri Sergej Lavrov si è concentrata sul «fattore Cina», l’attore dominante nel piccolo Paese del sud-est asiatico, soprattutto grazie alla costruzione d’infrastrutture strategiche

La recente visita in Laos del ministro russo degli Esteri Sergej Lavrov si è concentrata sul «fattore Cina», l’attore dominante nel piccolo Paese del sud-est asiatico, soprattutto grazie alla costruzione d’infrastrutture strategiche. I cinesi sono impegnati ora nella realizzazione della ferrovia che collegherà la capitale laotiana Vientiane a Kunming, nella provincia cinese dello Yunnan: un progetto da 7 miliardi di dollari, i cui lavori sono progrediti malgrado la pandemia.

 

Il Laos, come altre nazioni in affari con Pechino, si sta trasformando in un «eterno debitore» dei cinesi. Per bilanciare l’influenza del potente vicino, le autorità laotiane cercano sostegno dai russi, che però non hanno la forza dei tempi sovietici, e difficilmente potranno competere con la Cina per il controllo del Paese.

 

Nonostante l’enorme distanza geografica, tra Mosca e Vientiane le relazioni sono sempre rimaste molto prossime e affettuose. L’incontro tra Lavrov e i vertici laotiani (il primo ministro Phankham Viphavanh e il presidente Thongloun Sisoulith) è avvenuto l’8 luglio e si è svolto in russo senza traduttori: retaggio di 60 anni di stretta amicizia tra la repubblica socialista del Laos e i «fratelli russi» dell’Unione Sovietica prima, e della Federazione Russa poi.

 

Il Laos, come altre nazioni in affari con Pechino, si sta trasformando in un «eterno debitore» dei cinesi

All’inizio della sua visita, Lavrov ha fatto le fotografie ufficiali con il suo omologo laotiano Saleumxay Kommasith.  I due rappresentanti si sono tolti subito le mascherine per passare a un caloroso abbraccio, con scambi di complimenti in russo. Prima di iniziare la carriera di funzionario, Kommasith ha studiato per sei anni all’accademia diplomatica di Mosca e Lavrov è stato uno dei suoi professori.

 

In epoca sovietica, Sisoulith ha frequentato invece la facoltà di Lettere a Leningrado (ora San Pietroburgo), per poi dirigere in patria la facoltà di Lingua russa dell’università nazionale del Laos. Durante la sua ascesa nei ranghi del Partito popolar-rivoluzionario, l’unica forza politica del Paese socialista, egli non ha mai mancato occasione per tornare a visitare la sua «seconda patria» russa.

 

Più di ogni altro governo, quello sovietico aveva sostenuto nel 1975 la proclamazione della repubblica nazional-popolare. I russi inviavano nel Laos automobili, carburante, prodotti alimentari e di consumo.

 

Kommasith ha ringraziato la Russia per il sostegno alla lotta contro il COVID-19, ancora piuttosto diffuso in Laos, anche se con percentuali molto meno tragiche di tanti altri Paesi dell’area.

 

L’incontro tra Lavrov e i vertici laotiani è avvenuto l’8 luglio e si è svolto in russo senza traduttori: retaggio di 60 anni di stretta amicizia tra la repubblica socialista del Laos e i «fratelli russi» dell’Unione Sovietica prima, e della Federazione Russa poi

Lo scorso marzo Vientiane ha avviato un’intensa campagna vaccinale con la somministrazione dello Sputnik-V. Nonostante sembri essere insufficiente per i bisogni interni della Russia, alle prese con un forte ondata epidemica, i russi hanno promesso di inviare ai laotiani ancora grandi quantità del vaccino di loro produzione.

 

Le trattative tra Lavrov e i leader di Vientiane hanno promosso anche una ripresa degli scambi commerciali. La collaborazione tra i due Paesi riguarda però soprattutto la sfera militare. Nei mesi scorsi una speciale brigata di sminatori russi ha liberato la zona dell’aerodromo di Tonghaikhin, dove ancora giacevano oltre mille esplosivi lasciati tra il 1964 e il 1973 dai bombardamenti USA.

 

Ora Mosca aiuterà a modernizzare l’aeroporto militare laotiano: i russi porteranno nuovi rifornimenti e tecnologie militari avanzate, e terranno corsi di riqualificazione per le Forze armate locali.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Cina

Ambasciatore cinese a Parigi insiste: i taiwanesi vanno ‘rieducati’

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Dopo la riunificazione, ribadisce Lu Shaye, devono essere cancellati dalla loro mente pensieri secessionisti. Parole che riecheggiano quelle usate da Pechino per la repressione a Hong Kong e nello Xinjiang. L’inviato cinese non è nuovo a dichiarazioni controverse.

 

 

L’ambasciatore cinese in Francia, Lu Shaye, ha ribadito che gli abitanti di Taiwan dovranno essere «rieducati» quando la provincia «ribelle» sarà riunificata con la Cina continentale.

 

L’inviato di Pechino lo ha dichiarato nella seconda intervista in pochi giorni a un canale francese in cui ha criticato la recente visita a Taipei della speaker della Camera Usa dei rappresentanti, Nancy Pelosi.

 

Seguendo la linea ufficiale del proprio governo, Lu ha giustificato la risposta del proprio Paese, che ha lanciato intorno all’isola vaste manovre militari in corso da sei giorni.

 

Parlando alla rete tv LCI, Lu ha detto che la rieducazione dei taiwanesi è necessaria perché le autorità di Taipei hanno «indottrinato e intossicato» la popolazione con un’educazione anti-cinese.

 

Secondo l’alto diplomatico di Pechino, dalle menti degli abitanti dell’isola devono essere cancellati «pensieri e teorie secessionisti».

 

Nonostante sia uno Stato funzionante, la Cina comunista considera Taiwan una propria provincia da riconquistare. Le esercitazioni di questi giorni sono orientate a simulare un blocco militare dell’isola e la sua eventuale invasione, che per molti esperti potrebbe essere tentata nel giro di 5-7 anni.

 

I taiwanesi sono sempre più ostili a un ricongiungimento con Pechino, considerata anche la natura democratica del proprio governo.

 

Il linguaggio di Lu ricorda quello usato dalla leadership cinese per difendere le proprie politiche nello Xinjiang e a Hong Kong.

 

Nella sua provincia autonoma, Pechino è accusata di portare avanti un genocidio degli uiguri e di altre minoranze turcofone di credo islamico; nell’ex colonia britannica di aver represso e silenziato il movimento democratico.

 

Lu non è nuovo a dichiarazioni controverse.

 

Nel febbraio 2021 aveva mandato una lettera con cui intimava al senatore francese Alain Richard di non recarsi l’estate seguente in visita a Taipei. La mossa aveva portato a una dura risposta del ministero degli Esteri di Parigi.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Celette via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Maiali divengono cannibali per mancanza di cibo: video dalla crisi economica cinese

Pubblicato

il

Da

Di recente è diventato virale un video che mostra i maiali che mangiano un maiale morto in una fattoria in Cina.

 

Alcuni allevatori di suini, che lavorano per un importante gruppo finanziario cinese, hanno affermato che il cannibalismo è avvenuto a causa della carenza di mangime. Un esperto ritiene che la carenza di mangime rifletta i maggiori problemi dell’economia cinese, scrive Epoch Times.

 

Dal 24 luglio, il video – che al momento è stato rimosso da YouTube ed è introvabile su Twitter – è uno degli argomenti più cercati sui social media cinesi, mettendo in luce la società quotata e un’importante azienda di suinicoltura, la Jiangxi Zhengbang Tech, che appalta ai contadini l’allevamento dei maiali.

 

Secondo messaggi circolati online, «la fornitura di mangime per suini agli allevatori è stata interrotta». Il valore delle azioni della società sarebbe quindi crollato. Il gruppo ha quini fatto plurimi annunci rispetto alla crisi.

 

Il 25 luglio, Zhengbang Tech ha ammesso che ci sono state interruzioni nella fornitura di mangimi per suini a luglio, citando il calo dei prezzi dei suini a giugno, il COVID-19, i fondi dell’azienda limitati, problemi logistici e problemi di coordinamento con i produttori di mangimi. Nella dichiarazione non si fa menzione di compensi per gli allevatori di suini.

 

Le dichiarazioni dell’azienda non affermavano né smentivano che negli allevamenti si verificasse il cannibalismo suino.

 

Il commentatore indipendente  Tang Jingyuan ha dichiarato a Epoch Times il 27 luglio che ci sono due ragioni principali per la carenza di mangimi per suini da parte di Zhengbang Tech.

 

«Uno è la carenza di fondi e potrebbe esserci anche un’interruzione nella catena del capitale. L’altro è che l’epidemia di COVID-19 ha causato il blocco del sistema logistico, che è il problema del coordinamento della distribuzione logistica e dei mangimifici menzionato nel comunicato ufficiale dell’azienda. Dietro queste due ragioni, la causa principale è in realtà che l’ambiente economico nella Cina continentale si è deteriorato a causa della politica e delle misure zero-COVID del regime, determinando un circolo vizioso di causalità reciproca tra le due ragioni sopra menzionate».

 

«Il deterioramento dell’economia cinese è in gran parte causato da errori politici piuttosto che da un disastro naturale. Zhengbang Tech è solo una delle innumerevoli aziende che lo pagano», ha affermato il Tang alla testata dei dissidenti cinesi.

 

 

Continua a leggere

Cina

Colosso microchip: stop alla produzione con invasione cinese di Taiwan

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

È l’avvertimento del presidente di TSMC, primo produttore mondiale dei vitali semiconduttori. Parole che arrivano mentre sale la tensione per la possibile visita di Nancy Pelosi a Taipei. Il blocco delle attività della compagnia taiwanese renderebbe inservibili le tecnologie più avanzate della Cina.

 

 

Un’invasione cinese di Taiwan bloccherebbe le attività di Taiwan Semiconductor Manufacturing Company Ltd (TSMC), il primo produttore mondiale di microchip, creando un «grande disordine economico» su entrambi i lati dell’omonimo stretto.

 

Lo ha dichiarato Mark Liu, presidente di TSMC, mentre sale la tensione nell’area per la visita (…) a Taipei di Nancy Pelosi, speaker della Camera USAdei rappresentanti. Pechino insiste che risponderà in modo «significativo» a quella che considera una violazione della propria sovranità: per la Cina comunista, Taiwan è una provincia «ribelle» da riconquistare, anche con l’uso delle armi.

 

In un’intervista alla CNN il 31 luglio, Liu sottolinea che un attacco cinese all’isola provocherebbe una catastrofe geopolitica. Egli spiega che TSMC non può essere controllata con la forza. Data l’estrema sofisticazione dei suoi impianti, la compagnia deve essere connessa in tempo reale con partner in tutto il mondo – USA , Europa e Giappone su tutti – per garantirsi materie prime, sostanze chimiche e pezzi di ricambio.

 

TSMC controlla circa il 52% del mercato mondiale dei microchip.

 

Le vendite in Cina rappresentano il 10% delle sue entrate, e questo è un ottimo deterrente per Liu: in caso di conflitto, lo stop alla produzione di chip taiwanesi renderebbe inservibili le tecnologie più avanzate della Cina, comprese quelle militari.

 

È da ricordare che dal 2020 la scarsità di semiconduttori – dovuta all’alta domanda di apparecchi tecnologici generata dalla pandemia – ha creato problemi per la produzione di molti beni, come le automobili.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Briáxis F. Mendes (孟必思) via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

Continua a leggere

Più popolari