Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Lo «shit-stirring» scredita l’utilitarismo, sostiene il bioeticista

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’utilitarismo ha un problema di immagine.

 

Che tu sia d’accordo o meno con loro, gli argomenti utilitaristici sono ampiamente utilizzati e devono essere discussi seriamente.

 

Tuttavia, alcuni dei suoi rappresentanti di spicco sono meglio conosciuti dai media per le discussioni su pratiche di distruzione di tabù come l’infanticidio, le droghe d’amore, la bestialità o l’incesto.

 

Anche il bioeticista neozelandese Nicholas Agar è un utilitarista, ma è stanco di ciò che i suoi colleghi chiamano «shit stirring», [traducibile con «rimescolamento della merda», «smerdamento», lo «sparare cazzate», ndr].

 

In un articolo provocatorio su Psyche, si lamenta del fatto che gli utilitaristi stiano offuscando il loro marchio facendo proposte etiche che non hanno intenzione di seguire nel «mondo reale».

 

È, scrive, «un trionfo di uno stile filosofico che privilegia l’aggravamento rispetto alla sostanza morale. Coloro che li offrono non sono coinvolti in un dibattito filosofico in buona fede. Sono impegnati in ciò che io chiamo “smerdamento morale”».

 

Cita due esempi:

 

Infanticidio. Utilitaristi come Michael Tooley, Peter Singer, Jeff McMahan, John Harris, Alberto Giubilini e Francesca Minerva hanno tutti argomenti avanzati che condonano l’infanticidio, a determinate condizioni.

 

L’obbligo morale di usare le «droghe dell’amore». Julian Savulescu e Brian Earp hanno dichiarato in un documento del 2012 che i genitori litigiosi che non le usano mancherebbero ai loro obblighi nei confronti dei loro figli. Per Agar, questa è «una dichiarazione provocatoria… offerta inizialmente come una richiesta senza pretese solo per essere resa più provocatoria dall’essere elevato a un obbligo morale». Questo clickbait filosofico è, in breve, «shit-stirring».

 

Come consiglio morale, non è né utile né serio: «chi fa queste argomentazioni offre quasi sempre una serie di scuse per non agire sulle loro conclusioni filosofiche».

 

Agar è turbato dalla diffusione dello «shit-stirring» bioetico tra gli utilitaristi perché crede che l’utilitarismo sia un potente mezzo per risolvere i dilemmi morali. Lo «shit-stirting» lo scredita:

 

«È divertente provocare. La provocazione può portare alla riflessione, che in genere è una buona cosa. Ma, in questo momento, abbiamo un grande bisogno della rigorosa attenzione dell’utilitarismo su tutte le conseguenze delle nostre azioni e delle nostre inazioni. Abbiamo bisogno di una forte moralità pubblica che ci dica di agire immediatamente contro il cambiamento climatico, la disuguaglianza di ricchezza e il razzismo. L’attenzione peculiare dell’utilitarismo alle conseguenze del non agire è particolarmente importante».

«C’è un problema quando sembra ragionevole rispondere alla richiesta di un utilitarista di pensare a cosa si potrebbe fare dicendo: “Penso di capire la tua argomentazione utilitaristica per un obbligo morale di affrontare immediatamente il cambiamento climatico, ma l’utilitarismo non è la teoria che dice che va bene uccidere i bambini? Perché dovrei ascoltarlo?”»

 

 

Michael Cook

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

Continua a leggere

Bioetica

Il primo «embrione sintetico» al mondo causa polemiche

Pubblicato

il

Da

 

Come riportato da Renovatio 21, alcuni scienziati israeliani avrebbero creato il primo «embrione sintetico» al mondo coltivato in laboratorio utilizzando solo cellule staminali (e non gameti, cioè cellule sessuali) senza passare per l’utero.

 

Si tratta di un evento decisamente rivoluzionario per la scienza e per la società, che potrebbe aprire una volta per tutte una nuova porta della riprogenetica. Il fatto, quindi, ha inevitabilmente riacceso un intenso dibattito etico.

 

Guidato dal genetista molecolare Joseph Hanna, il team di ricercatori del Wizemann Institute of Science di Israele è riuscito a creare un «embrione» di topo sintetico in un laboratorio senza ovuli fecondati e pure senza utero, così da poter anche intravedere cosa accade nelle prime fasi anche della gravidanza umana.

 

Questo nuovo modello di embrione, come dettagliato nell’articolo del team pubblicato alcuni giorni fa sulla rivista Cell, è stato in grado di imitare tutte le caratteristiche di un primo corpo, «compresi i precursori di cuore, sangue, cervello e altri organi» così come «le cellule di “supporto” come quelle che si trovano nella placenta e in altri tessuti necessari per stabilire e mantenere una gravidanza», come ha scritto la ricercatrice sulle cellule staminali dell’Università di Melbourne, Megan Munsie, una scienziata non coinvolta nella ricerca, in un pezzo per il sito universitario americano The Conversation.

 

«Questa è una fase cruciale: negli esseri umani, molte gravidanze si perdono in questa fase e non sappiamo davvero perché», ha scritto la Munsie. «Avere modelli fornisce un modo per capire meglio cosa può andare storto e possibilmente intuizioni su ciò che potremmo essere in grado di fare al riguardo».

 

Il modello embrionale è però sopravvissuto solo a otto dei venti giorni del ciclo embrionale del topo. Ciò costituisce uno svantaggio critico che, visto l’obiettivo dichiarato di Renewal Bio, la startup fondata dal professor  Hanna per finanziare commercialmente questa ricerca.

 

Il fine della startup sarebbe quello sviluppare cellule staminali umane sintetiche nel tentativo di «risolvere» le crisi della salute umana, un traguardo della scienza che secondo gli esperti non sarà pronto prima di qualche decennio. 

 

In breve, Bio Renewal vuole creare versioni allo stadio embrionale di esseri umani in modo da raccogliere tessuti per i trapianti.

 

I critici che hanno parlato con la testata del politecnico bostoniano MIT Technology Review hanno affermato che non era il momento di parlare della creazione di embrioni umani sintetici, soprattutto considerando il contesto politico più ampio e le controversie che circondano la ricerca.

 

«Non è assolutamente necessario», ha detto alla rivista Nicolas Rivron, scienziato delle cellule staminali dell’Istituto di biotecnologia molecolare di Vienna, «quindi perché farlo?».

 

«Gli embrioni umani sintetici non sono una prospettiva immediata», ha detto al Guardian James Briscoe del Francis Crick Institute di Londra in risposta alla nuova ricerca.

 

«Sappiamo meno sugli embrioni umani rispetto agli embrioni di topo e l’inefficienza degli embrioni sintetici di topo suggerisce che tradurre i risultati in esseri umani richiede un ulteriore sviluppo», ha aggiunto.

 

Sembra che la maggior parte concorda sul fatto che è troppo presto per iniziare a parlare seriamente dell’etica degli embrioni umani sintetici, ma è comunque un passo in quella direzione.

 

Renovatio 21 aveva riportato lo studio del medesimo team israeliano su embrioni di topo cresciuti nell’utero artificiale lo scorso anno.

 

Come ripetuto da Renovatio 21, l’ectogenesi – l’utero artificiale – è una tecnica riprogenetica oramai in dirittura d’arrivo .

 

Secondo teorie gender e femministe, l’utero artificiale aprirà ad una una corposa possibilità di distruzione biologica del patriarcato.

 

Come scrive Elisabetta Frezza nel libro Malascuola, per la teorica Shulamith Firestone, femminista lesbica suicida nel 2012, il sessismo, così come l’intero sistema di oppressione che vi fa capo, si radica nel modo in cui si configura in natura la riproduzione umana: la schiavitù della donna passa per i suoi «specifici legami con la riproduzione biologica e l’allevamento dei bambini».

 

Per liberarsi del sistema dei sessi, scrive la femminista suicida, bisgona operare non solo sul piano simbolico, ma anche su quello biologico approfittando del progresso tecnologico.

 

«Il fine ultimo della rivoluzione femminista deve essere […] non solo l’eliminazione dei privilegi maschili, ma la stessa distinzione in sessi», e la chiave per raggiungere questo risultato è il controllo della riproduzione, capace di liberare le donne dal peso di far nascere i figli» scrive la Firestone.

 

Quindi, il femminismo deve essere tecnofilo, almeno per ciò che concerne l’atto di mettere al mondo altri esseri umani.

 

«Se la riproduzione della specie venisse rimpiazzata dalla riproduzione artificiale, i bambini nascerebbero uguali di entrambi i sessi, o indipendenti da questo fattore» e «la tirannia della famiglia biologica sarebbe finalmente spezzata».

 

Da lì, si proseguo verso l’abisso.

 

«Il tabù dell’incesto – continua la Firestone – attualmente serve solo a preservare la famiglia: se ci sbarazzassimo della famiglia ci sbarazzeremmo anche delle repressioni che vedono la sessualità posta in formazioni specifiche».

 

La depravazione terminale, ricordiamolo, passa attraverso la biotecnologia riproduttiva.

 

Topo dopo topo, esperimento dopo esperimento, stiamo correndo in quella direzione.

 

 

 

 

Immagine di Nguyen Tan Tin via Elifescience.org pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Obiezione di coscienza, l’Associazione Medica Mondiale rifiuta il rinvio obbligatorio ad altri specialisti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’obiezione di coscienza di principioper gli operatori sanitari è minacciata dalle leggi in diverse giurisdizioni in tutto il mondo. Un certo numero di eminenti bioeticisti ha criticato l’idea di rifiutarsi di partecipare all’eutanasia o all’aborto definendola immorale.

 

«La coscienza di un medico ha poco spazio nella fornitura di cure mediche moderne», ha affermato Julian Savulescu di Oxford in un influente articolo.

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che l’obiezione di coscienza all’aborto può essere «indifendibile». Il Parlamento Europeo ha criticato con forza l’obiezione di coscienza.

 

Allo stesso tempo, molti medici e infermieri ritengono che l”obiezione di coscienza sia parte integrante della loro pratica medica.

 

Nel mezzo di questa accesa controversia, l’Associazione Medica Mondiale (WMA) sta sviluppando la sua politica sull’obiezione di coscienza. L’Associazione Medica Mondiale è una confederazione internazionale che rappresenta 115 associazioni mediche nazionali.

 

Gli esperti WMA si sono incontrati a Washington la scorsa settimana per finalizzare le modifiche al Codice internazionale di etica medica (ICoME). La proposta più controversa era il rinvio obbligatorio ad altri specialisti, obbligando i medici che si oppongono all’eutanasia e ad altre procedure controverse a rivolgersi a un medico disponibile.

 

C’era una forte opposizione a questa mossa, come ha dimostrato una lettera aperta organizzata dall’Anscombe Bioethics Center del Regno Unito. È stato firmato da oltre 100 medici ed esperti di etica medica. Al momento le politiche della WMA stabiliscono che «nessun medico dovrebbe essere costretto a partecipare all’eutanasia o al suicidio assistito, né alcun medico dovrebbe essere obbligato a prendere decisioni di riferimento a tal fine».

 

È stato raggiunto un accordo di compromesso e una bozza rivista sarà presa in considerazione all’Assemblea Generale della WMA a Berlino in ottobre.

 

Il compromesso richiederà che i pazienti siano immediatamente informati se il loro medico ha un’obiezione di coscienza e che gli venga detto del loro diritto di consultare un altro medico qualificato. Fornirà inoltre ai pazienti informazioni sufficienti per avviare tale consultazione. I pazienti non devono essere danneggiati o discriminati, né la loro salute deve essere messa in pericolo.

 

È importante sottolineare che il compromesso non imponeva il rinvio obbligatorio.

 

I sostenitori dell’obiezione di coscienza sono stati sollevati. «Se queste proposte fossero state approvate, l’impatto sulla pratica etica della medicina sarebbe stato profondo», ha affermato il dottor Tim Millea, dell’Associazione medica cattolica . «I medici avrebbero dovuto fornire o indirizzare direttamente i pazienti per suicidio assistito, aborto, chirurgia transgender e altre misure non etiche».

 

Il Centro di bioetica Anscombe fornisce alcuni retroscena sulla posizione dell’opposizione sul deferimento obbligatorio:

 

«Ci sono implicazioni più ampie nel rendere obbligatorio un rinvio effettivo nel contesto dell’obiezione di coscienza. Ad esempio, se un medico che si oppone in coscienza a una procedura medica legalmente autorizzata è obbligato a identificare e rinviare efficacemente a un altro medico che non si oppone, allora in alcune giurisdizioni un medico che si è opposto alla partecipazione a un “interrogatorio rafforzato” o alla pena capitale, o all’alimentazione forzata di un detenuto in sciopero della fame, o alla “terapia di conversione”, potrebbero essere costretti a facilitare queste procedure mediante un effettivo rinvio. Tuttavia, richiedere a un obiettore di coscienza di facilitare l’attuazione di una procedura a cui hanno una seria obiezione etica è un attacco diretto alla loro coscienza e integrità morale».

Un’obiezione di coscienza di principio è sempre verso una procedura e non verso una persona. I medici non devono rifiutarsi di curare un particolare paziente o gruppo di pazienti a causa di convinzioni su di loro estranee alla correttezza medica della procedura.

 

In particolare, i medici non devono rifiutarsi di curare criminali o combattenti nemici o rifiutarsi di trattare le conseguenze sulla salute dello stile di vita, delle scelte o delle convinzioni del paziente.

 

Il dibattito sull’obiezione è in corso all’interno della WMA dal 2018.

 

Il processo di revisione dell’ICoME è stato guidato da membri del gruppo di lavoro e osservatori di oltre 20 paesi.

 

È stato discusso in quattro conferenze regionali, una conferenza dedicata all’obiezione di coscienza dei medici e una consultazione dei membri della WMA.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Continuano gli esami pelvici non autorizzati negli ospedali americani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Negli Stati Uniti vengono ancora effettuati esami pelvici non autorizzati su donne nell’ambito dell’educazione medica.

 

Nel 2020 il New York Times ha pubblicato un articolo che descriveva l’esperienza di diverse donne che si sono sentite violate quando hanno appreso che gli studenti avevano eseguito su di loro esami intimi mentre erano anestetizzate.

 

Sulla scia della denuncia, un certo numero di stati ha approvato leggi che richiedono esplicito consenso informato. Ma la pratica continua, anche se è difficile sapere quanto sia diffusa oggi.

 

Il bioeticista Art Caplan ha scritto un editoriale a sostegno di tale legge nel Connecticut l’anno scorso:

 

«Un esame intimo senza consenso significa che un medico o uno studente di medicina effettua un esame sulle parti intime del corpo di un paziente di solito a scopo didattico quando i pazienti sono svegli o sotto anestesia senza chiedere al paziente il permesso esplicito. L’American College of Obstetricians and Gynecologists, l’American Medical Association e l’Association of American Medical Colleges, insieme a studiosi di diritto ed etica, hanno condannato la pratica, ma continuano a emergere casi di esami senza consenso eseguiti su pazienti con altri presenti».

 

Alcuni medici sostengono che gli organi sessuali sono come qualsiasi altra parte del corpo e chiedono perché i pazienti dovrebbero opporsi. Caplan spiega che questi esami sono straordinariamente delicati:

 

«Se vogliamo che i pazienti si fidino di noi e se vogliamo assicurarci che rispettino ciò che medici e scienziati hanno da dire e ciò che fanno, dobbiamo assolutamente assicurarci che non facciamo loro qualcosa che non facciano completamente capire, toccando il loro corpo o esaminando il loro corpo, o peggio, approfittando del fatto che sono sotto anestesia e facendo qualcosa lì a scopo di addestramento senza dirglielo. È una regola morale di base per garantire la fiducia, che se hai intenzione di toccare il corpo di qualcuno, hai il suo permesso».

 

In un recente numero di The New Bioethics, due filosofi della Purdue University, nell’Indiana, prendono una linea decisa sugli esami pelvici non autorizzati (UPE). La chiamano violenza.

 

«In qualsiasi altra situazione, la penetrazione digitale senza autorizzazione è violenza sessuale. Che le UPE siano educative o benefiche e che il paziente abbia acconsentito al coinvolgimento generale di uno studente di medicina non le rende ammissibili, né impedisce loro di subire aggressioni sessuali. Pertanto, nella misura in cui si è contrari alle aggressioni sessuali, si dovrebbe essere contrari alle UPE».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari