«La Rivoluzione igienico-globalista distrugge l’ordine stabilito da Dio». Un altro sacerdote della FSSPX contro la follia pandemica

 

 

Renovatio 21 pubblica il discorso proferito da padre Raphaël d’Abbadie d’Arrast domenica 14 marzo 2021 in occasione del rosario pubblico davanti al Parlamento del Quebec, Canada. 

 

 

 

Cari amici,

 

Eccoci riuniti per un quarto rosario pubblico davanti al Parlamento, per chiedere la liberazione della Messa di tutti i tempi. Questa volta siamo in ringraziamento e la nostra gioia è grande poiché ora un centinaio di persone possono partecipare alla Messa. Allora perché, mi direte, tornare di nuovo visto che il governo si mostra così generoso? Se non ti dispiace, esamineremo brevemente i fatti.

 

La Rivoluzione, sia essa francese, marxista, conciliare o oggi igienico-globalista, tende sempre a distruggere l’ordine stabilito da Dio.

Il 6 gennaio il presidente del Consiglio ha decretato la chiusura dei luoghi di culto, almeno fino all’8 febbraio. Dieci giorni dopo, abbiamo recitato qui, davanti al Parlamento, un rosario per rimediare pubblicamente a questa grave ingiustizia. E contro ogni previsione, il 21 gennaio il ministro della Salute ha discretamente firmato un’autorizzazione all’apertura di luoghi di culto per 10 persone. Prima vittoria, umile certo, ma molto reale!

 

Tuttavia, il Presidente del Consiglio, Sig. Legault, ha precisato che tale autorizzazione era valida per un intero edificio, e non ha consentito di moltiplicare i fedeli per il numero di stanze disponibili. Siamo quindi tornati il ​​31 gennaio, il nostro rosario in mano, davanti al Parlamento.

 

La seconda vittoria non si è fatta attendere: una decisione giudiziaria ha autorizzato ciò che Mr. Legault aveva appena rifiutato! Questo potrebbe solo incoraggiarci a continuare i nostri rosari pubblici, cosa che abbiamo fatto il 20 febbraio. Questa volta non c’è stata una vittoria immediata… Il buon Dio voleva che fossimo pazienti per ascoltarci meglio. Non erano più dieci o anche venticinque persone ad essere ammesse, ma cento! Ci fermeremo qui? Certamente no ! In questo tipo di lotta, la tregua è una sconfitta. Perché ?

 

Non solo antireligiosa, questa rivoluzione è anche e forse soprattutto antisociale, antiumana, ispirata da chi si ribella contro Dio e contro ogni opera di Dio.

Vorrei provare ad analizzare con voi questa crisi che ci colpisce da un anno. Non vogliamo negare l’esistenza del virus, né la sua nocività per alcune persone. Ma le misure estreme che sconvolgono il mondo intero ci sembrano presentare gli aspetti di una vera rivoluzione, anche se questa nasce dalla capacità in atto.

 

La Rivoluzione, sia essa francese, marxista, conciliare o oggi igienico-globalista, tende sempre a distruggere l’ordine stabilito da Dio.

 

In precedenza, le rivoluzioni attaccavano la gerarchia, rappresentante di Dio. La crisi attuale sembra invece voler distruggere tutti i legami umani e naturali che ancora uniscono in una certa misura gli individui.

Terrore, seduzione e divisione: queste tre fasi sono armi reali in questa guerra psicologica che la Rivoluzione sta conducendo contro di noi

 

Non solo antireligiosa, questa rivoluzione è anche e forse soprattutto antisociale, antiumana, ispirata da chi si ribella contro Dio e contro ogni opera di Dio.

 

Come le sue sorelle maggiori, questa rivoluzione presenta facilmente tre fasi: il terrore senza il quale non potrebbe imporsi, la seduzione con cui attira il nemico sul suo terreno scivoloso, e infine la divisione che è il suo frutto necessario.

 

Terrore, seduzione e divisione: queste tre fasi sono armi reali in questa guerra psicologica che la Rivoluzione sta conducendo contro di noi. Proviamo ad analizzarli.

La Rivoluzione ha tutto l’interesse ad affermarsi attraverso la paura, per destabilizzare il suo avversario

 

Terrore

Voltaire ha detto che è meglio colpire forte che in modo giusto. La Rivoluzione ha tutto l’interesse ad affermarsi attraverso la paura, per destabilizzare il suo avversario.

 

Abbiamo avuto in Francia la «grande paura» (infondata) del 1789 e il terrore (purtroppo molto reale) del 1793. Oggi i media terrorizzano tutti. Chi crede nel virus teme per la propria salute (e forse quella degli altri), e questa «grande paura» è mantenuta ogni giorno dal rituale annuncio del numero di casi e morti, dalla comparsa mediatica di innumerevoli varianti, dal previsioni che prevedono che «lo avremo per anni», e che «niente sarà più come prima».

 

Chi non crede al virus ha paura del futuro «post-COVID»: vaccino, 5G, crisi economica… Ovviamente tutto questo non è né banale né incoraggiante. Ma tutto, i «pro» e i «contro» hanno in comune il fatto di essere terrorizzati dalle misure drastiche e dalla persecuzione messe in atto.

 

Chi pensa di resistere mantenendo la propria paura su Internet, in realtà molto spesso entra negli ingranaggi della Rivoluzione. Perché è sempre utile demoralizzare il tuo avversario, chiunque esso sia. La rivoluzione quindi cerca di terrorizzare per meglio imporsi

Chi pensa di resistere mantenendo la propria paura su Internet, in realtà molto spesso entra negli ingranaggi della Rivoluzione. Perché è sempre utile demoralizzare il tuo avversario, chiunque esso sia. La rivoluzione quindi cerca di terrorizzare per meglio imporsi.

 

 

Seduzione

Dopo aver cercato di destabilizzare il suo avversario con il terrore, la Rivoluzione cambierà allora la sua maschera. D’ora in poi, cercherà di sedurlo e condurlo nel suo campo di compromesso per fargli accettare i suoi falsi principi.

 

Prendi la crisi che ci riguarda. Cerchiamo di rassicurare le persone con un tono mieloso: «Abbi cura di te… starai bene!». Dietro queste parole rassicuranti si nasconde un materialismo spaventoso: è la lotta per il corpo, il cibo o il denaro (e forse la libertà), ma quasi sempre a scapito dell’anima che è stata totalmente dimenticata…

 

Dopo aver cercato di destabilizzare il suo avversario con il terrore, la Rivoluzione cambierà allora la sua maschera. D’ora in poi, cercherà di sedurlo e condurlo nel suo campo di compromesso per fargli accettare i suoi falsi principi

Veniamo ai luoghi di culto arbitrariamente chiusi dallo Stato. La prima seduzione è farci credere che dovremmo militare per la libertà di tutte le religioni. Ricordiamoci che solo il culto cattolico è legittimo e ha il diritto di esistere. Lo Stato non ha l’autorità per limitarlo. Gli altri culti, invece, non hanno diritti: al massimo possono essere tollerati solo per un po’.

 

Un’altra tentazione, più subdola, ci attende: perché non ringraziare lo Stato per aver permesso a un centinaio di persone di assistere alla messa, e perché non accontentarsi di questi provvedimenti? È sempre meglio di niente! Certo, ma fermarsi qui nella nostra lotta per la messa significa accettare in pratica il falso principio secondo cui lo Stato ha potere sul culto cattolic

 

Da quando ringraziamo un ladro per averci restituito quello che ci ha rubato? E restituircelo solo in parte?

 

Immagina che qualcuno venga a cacciarti di casa. Lo ringrazieresti per averti permesso di tornare, ma solo come ospite? No, accettare questo significa lasciare che vinca la Rivoluzione, che ha sempre bisogno di riconoscimento e che cerca di essere accettata da tutti. Ecco perché siamo qui oggi. È l’onore e la gloria di Nostro Signore.

 

Da quando ringraziamo un ladro per averci restituito quello che ci ha rubato? E restituircelo solo in parte?

La Rivoluzione trascinerà anche le sue vittime nella sua marcia arruolandole, volenti o nolenti, in una prassi (o pratica) comune (così cara al marxismo).

 

Tutti i cittadini diventano così agenti di polizia incaricati di denunciare il loro vicino che non rispetta le regole, come nella Russia comunista.

 

Coloro che non si abbassano a questo vile ufficio possono ancora diventare agenti di paura, diffondendo su internet o intorno a loro voci più o meno fondate, ma sempre ansiogene, che tendono a farci ossessionare solo da questo. vita.

 

In breve, la Rivoluzione cerca di sedurre meglio per distruggere le sue vittime che hanno resistito al terrore

In breve, la Rivoluzione cerca di sedurre meglio per distruggere le sue vittime che hanno resistito al terrore.

 

 

La divisione

È il frutto necessario di ogni rivoluzione, ispirata da Satana, che distrugge l’unità perché nemica dell’ordine.

 

La rivoluzione farà di tutto per dividere i suoi nemici. Per questo userà la dialettica, che consiste nell’usare o addirittura fabbricare parole sensazionali, emotive… e soprattutto mal definite per etichettare il suo nemico e rinchiuderlo in scatole. In questo modo opporremo il normale cittadino (cioè soggetto) al covidiota o al complottista, che cercheremo di bandire dalla società.

 

Questa rivoluzione sanitaria utilizza anche «gesti di barriera» per distruggere qualsiasi legame sociale tra le sue vittime. Avremo così distanza sociale e mascherina, isolamento forzato: pensiamo agli anziani morti di solitudine e di dolore, senza prete, lontani dai figli

Questa rivoluzione sanitaria utilizza anche «gesti di barriera» per distruggere qualsiasi legame sociale tra le sue vittime. Avremo così distanza sociale e mascherina, isolamento forzato: pensiamo agli anziani morti di solitudine e di dolore, senza prete, lontani dai figli.

 

Ci sarà anche un uso eccessivo del digitale disumano. Riempirti di serie tutto il giorno, sdraiato sul tuo divano, da solo davanti allo schermo, è diventato un gesto generoso per salvare vite umane! Shopping online, lavoro a distanza: tutto è fatto per far sì che la società cada irrimediabilmente in questa schiavitù digitale da cui nessuno potrà liberarsi.

 

Perché tutto questo? San Tommaso d’Aquino – che non può essere sospettato di cospirazione! – lo spiega molto bene:

 

«Sono le brave persone più che i malvagi che sono sospettate dai tiranni, e questi hanno sempre paura della virtù degli altri… Per questo motivo, loro (i tiranni) seminano discordia tra i loro sudditi essi stessi, alimentano le discordie che nascono e vietano tutto ciò che tende all’unione degli uomini, come i matrimoni e le feste in comune e tutte le altre manifestazioni di questo genere che sono abituate a generare amicizia e fiducia tra gli uomini» (De Regno, Libro I, cap. 3)

Shopping online, lavoro a distanza: tutto è fatto per far sì che la società cada irrimediabilmente in questa schiavitù digitale da cui nessuno potrà liberarsi

 

Terrore, seduzione e divisione: è importante sapere che queste tre fasi della Rivoluzione possono coesistere abbastanza, e il nostro nemico può variare queste armi a suo piacimento, purché progredisca verso il suo obiettivo.

 

È come un filo che vorremmo spezzare. Possiamo tagliarlo pulito: è veloce, ma è troppo chiaro. Un modo più subdolo sarà quello di girarlo in un modo e poi in un altro… fino a ottenere lo stesso risultato.

 

 

Quale sarà la nostra risposta? 

Cattolici, non abbiamo armi da prendere in prestito dalla Rivoluzione: «la Contro-Rivoluzione non è una Rivoluzione contraria», ha detto Joseph de Maistre. San Paolo lo insegnò ai Romani: «Non lasciarti vincere dal male, ma trionfa sul male con il bene» (Rm, XII, 21).

 

«Sono le brave persone più che i malvagi che sono sospettate dai tiranni, e questi hanno sempre paura della virtù degli altri… Per questo motivo, i tiranni seminano discordia tra i loro sudditi essi stessi, alimentano le discordie che nascono e vietano tutto ciò che tende all’unione degli uomini, come i matrimoni e le feste in comune e tutte le altre manifestazioni di questo genere che sono abituate a generare amicizia e fiducia tra gli uomini» (San Tommaso, De Regno)

Inoltre, piuttosto che la divisione, vogliamo stabilire l’unità di ordine, in noi e intorno a noi.

 

Questo ordine ci collega a Dio, nostro Creatore e Maestro, dall’unione prodotta in noi dalla grazia santificante, dalla pratica delle virtù e dei comandamenti, e in particolare dall’unico vero e legittimo culto che è la Messa di tutti i tempi. Questa lotta per la messa è fondamentale. Allora questa unità di ordine verrà logicamente stabilita tra noi e il nostro prossimo, nella nostra famiglia, nella nostra parrocchia: l’uomo è un animale sociale, è quindi necessario che mantenga rapporti umani con i suoi simili, eliminando le distanze che, sociali o digitali , sono sempre reali.

 

Alla seduzione opporremo una solida convinzione, ancorata nello studio dei principi, che ci obbliga ad una faticosa ma fruttuosa lettura di buoni libri, e quindi alla lontananza dagli schermi, così facile… e così dannosa per l’intelligenza per quanto riguarda la vita nella società.

 

Non siamo schiavi, ma liberi! Ed è la verità che ci renderà liberi, come dice il nostro Signore in San Giovanni.

 

Così, di fronte al terrore rivoluzionario, manterremo la pace, che è «la tranquillità dell’ordine» (Sant’Agostino), quella pace profonda «che il mondo non può dare», e che sarà per noi fonte di grande importanza, una gioia «che nessuno potrà toglierci», come dice anche Nostro Signore in San Giovanni.

 

Né divisi, né sedotti, né terrorizzati, ma uniti in Nostro Signore, convinti e pacifici , combattiamo per l’ordine sociale cattolico, questo ordine che è inseparabile dalla Messa di tutti i tempi, questo ordine che è quello di Cristo Re.

 

Così, di fronte al terrore rivoluzionario, manterremo la pace, che è «la tranquillità dell’ordine» (Sant’Agostino), quella pace profonda «che il mondo non può dare», e che sarà per noi fonte di grande importanza, una gioia «che nessuno potrà toglierci», come dice anche Nostro Signore in San Giovanni

Non c’è altra soluzione alla crisi che stiamo vivendo.

 

Possa l’Immacolata, «forte come un esercito schierato in ordine di battaglia», instaurare sempre più in noi e intorno a noi il regno del suo divin Figlio. Il Rosario ci ha già aiutato potentemente, non ci resta che perseverare!

 

In alto i cuori! Onore all’Immacolata! E lunga vita a CristoRe!

 

 

Padre Raphaël d’Abbadie d’Arrast