Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

La microplastica nell’intestino è correlata alle malattie infiammatorie croniche intestinali

Pubblicato

il

 

 

Le microplastiche, minuscole particelle che ora si trovano nei corpi delle donne incinte, nelle profondità  degli oceani della Terra e, sfortunatamente, sono state trovate anche nell’intestino delle persone.

 

Per anni non è stato chiaro come le microplastiche influiscano sulla salute umana, ma la ricerca ha cominciato a concentrarsi sulle conseguenze.

 

Un nuovo studio condotto da scienziati in Cina ha trovato un legame tra microplastica la malattia infiammatoria intestinale, detta con l’acronimo inglese IBD.

 

Lo studio ha esaminato campioni fecali di pazienti con IBD per la presenza di microplastiche.

 

«Abbiamo scoperto che la concentrazione fecale [microplastica] nei pazienti con IBD era significativamente più alta di quella nelle persone sane», hanno scritto gli autori nello studio. «In totale, sono stati rilevati 15 tipi di [microplastiche] nelle feci».

 

Secondo Science Alert , non è chiaro se le persone con IBD abbiano più problemi a filtrare la plastica dal loro corpo, causandone l’aumento dei livelli, o se la plastica stessa causi la malattia. «Ciò che è chiaro, tuttavia, è che esiste una sorta di legame tra problemi intestinali cronici e microplastiche, ed è forte» riassume Futurism.

 

Ci sono molti modi in cui le microplastiche entrano nei nostri corpi. La plastica che gettiamo si rompe al sole, all’acqua dell’oceano e al vento.

 

Poi respiriamo la polvere, beviamo l’acqua dalle bottiglie di plastica o dal rubinetto e mangiamo carne, crostacei in particolare.

 

Tutti questi possono contenere microplastiche e sostanze chimiche.

 

Gli scienziati affermano che stiamo raggiungendo un punto di svolta irreversibile nella lotta contro l’inquinamento da plastica.

 

Una volta che le sostanze chimiche e le particelle entrano nei nostri corpi, potrebbero essere con noi per generazioni e non è esattamente facile setacciare la Terra alla ricerca di particelle microscopiche.

 

Non è chiaro nemmeno il rapporto con di questo inquinamento con il microbiota intestinale, che la scienza degli ultimi anni ha indicato come un continente ancora sconosciuto della salute.

 

Il microbiota, cioè l’insieme di batteri simbionti che in miliardi vivono nel nostro intestino (si parla di 2 o 3 kg di esseri viventi per ogni essere umano) sono responsabili, a quanto sembra, dell’umore delle persone (producono neutrotrasmettitori), della loro composizione corporea (potrebbero essere un fattore fondamentale di aumento o diminuzione della massa grassa) e di tante altre questioni sanitarie.

 

Esistono inoltre studi sulla possibile correlazione tra autismo e microbiota.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Pfizer sospende la nuova pillola dimagrante dopo che i pazienti hanno riscontrato gravi effetti collaterali

Pubblicato

il

Da

La nuova pillola sperimentale per la perdita di peso della Pfizer ha funzionato nel raggiungere il suo obiettivo dichiarato, ma con alla perdita di peso si sono aggiunti effetti collaterali così gravi che la ricerca è stata interrotta.

 

In un comunicato stampa, il colosso farmaceutico ha affermato che avrebbe interrotto gli studi clinici sul danuglipron, la sua pillola dimagrante da prendere due volte al giorno. Questo farmaco utilizza un meccanismo simile a semaglutide, perché un’ampia percentuale delle persone che l’hanno assunto nelle prime due fasi sperimentali ha avuto disturbi gastrointestinali ed effetti indesiderati come nausea e diarrea.

Sostieni Renovatio 21

«Mentre gli eventi avversi più comuni erano lievi e di natura gastrointestinale coerenti con il meccanismo, sono stati osservati tassi elevati (fino al 73% di nausea; fino al 47% di vomito; fino al 25% di diarrea)», si legge nel comunicato stampa. «Tassi di interruzione elevati, superiori al 50%, sono stati osservati con tutte le dosi rispetto a circa il 40% con il placebo».

 

«Al momento, la formulazione di danuglipron due volte al giorno non avanzerà negli studi di Fase 3» scrive il comunicato.

 

Come il semaglutide, il principio attivo dei famosissimi iniettabili Ozempic e Wegovy, il danuglipron è un agonista del recettore del peptide-1 (GLP-1) simile al glucagone, il meccanismo esatto è oggetto di dibattito ma che a livello generale si ritiene imiti la sensazione di pienezza nell’intestino. Sebbene le iniezioni di semaglutide – che solo negli ultimi anni sono state approvate in USA per la perdita di peso – siano sempre più in voga, anch’esse possono avere alcuni importanti effetti collaterali gastrointestinali.

 

Con la popolarità degli iniettabili di semaglutide è arrivata una crescente spinta a trovare un modo per ottenere gli effetti del farmaco sotto forma di pillola. Fino a quando Pfizer non ha deciso di interrompere i suoi studi, il danuglipron sembrava destinato a diventare il prossimo grande passo nel trattamento della perdita di peso, soprattutto considerando che i risultati di studi precedenti suggerivano che fosse efficace quanto Ozempic.

 

L’azienda a fronte degli investimenti fatti e dei possibili grandi guadagni, ha sostenuto nella sua dichiarazione che, sebbene stia interrompendo i test sul danuglipron, sta ancora cercando di immettere sul mercato una pillola dimagrante.

 

«I risultati degli studi in corso e futuri sulla formulazione a rilascio modificato di danuglipron una volta al giorno forniranno informazioni su un potenziale percorso da seguire con l’obiettivo di migliorare il profilo di tollerabilità e ottimizzare sia la progettazione che l’esecuzione dello studio», ha affermato il dottor Mikael Dolsten, direttore scientifico e presidente di Pfizer.

Aiuta Renovatio 21

«Lo sviluppo futuro di danuglipron si concentrerà su una formulazione una volta al giorno, con dati farmacocinetici attesi nella prima metà del 2024» annuncia il comunicato Pfizer.

 

Come riportato da Renovatio 21, il semaglutide – commercializzato come Ozempic – sta rivoluzionando il settore farmaceutico e si annuncia, secondo alcuni analisti, come quello che potrebbe divenire il farmaco più venduto della storia. Il fenomeno potrebbe avere consegue trasformative per la società e l’economia: la banca d’affari Morgan Stanley ha pubblicato un rapporto sull’impatto dei farmaci contro l’obesità sui produttori di cibo spazzatura.

 

Il problema degli effetti collaterali tuttavia è già stato posto.

 

Come riportato da Renovatio 21, oltre al pericolo per le donne incinte, vi sarebbe un’inchiesta in corso per stabilire se esiste una possibile correlazione tra l’assunzione del semaglutide e l’ideazione di pensieri suicidi.

 

Una recente intervista di Tucker Carlson ad un ex dirigente di enti di regolazione del farmaco ha aperto numerosi dubbi riguardo gli effetti avversi del farmaco e riguardo alla bontà dell’intera filiera industrial-sanitario-statale che si prepara a sostenerne la massima diffusione.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Alimentazione

Ricercatori collegano le bevande energetiche ai pensieri suicidi nei bambini

Pubblicato

il

Da

Una nuova ricerca ha rivelato che le bevande energetiche potrebbero rappresentare un rischio maggiore per il cervello dei bambini e dei più giovani di quanto si pensasse in precedenza. Lo riporta Epoch Times.   Secondo uno studio di Fuse, un Centro per la ricerca nella sanità pubblica presso la Teesside University e l’Università di Newcastle nel Regno Unito, coloro che consumavano bevande energetiche avevano un rischio maggiore di problemi di salute mentale come depressione, pensieri suicidi, disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e ansia.   Il paper stato pubblicato sulla rivista Public Health il mese scorso.

Sostieni Renovatio 21

I ricercatori hanno affermato di aver esaminato i dati di 57 studi su oltre 1,2 milioni di bambini e giovani provenienti da più di 21 paesi per giungere alle loro conclusioni.   È emerso che i ragazzi consumavano più bevande energetiche rispetto alle ragazze, mentre «molti studi» riportavano un’associazione tra il consumo di bevande energetiche e l’assunzione eccessiva di alcol, e il fumo, nonché l’uso di altre sostanze.   «Ulteriori effetti sulla salute rilevati nella revisione aggiornata includevano un aumento del rischio di suicidio, disagio psicologico, sintomi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività, comportamenti depressivi e di panico, malattie allergiche, resistenza all’insulina, carie dentale e usura erosiva dei denti», scrive l’abstract del documento.   Per quanto riguarda gli impatti sulla salute mentale, è emerso che il consumo «frequente» di bevande energetiche «era associato a tentativi di suicidio e a grave stress», mentre «c’erano anche tassi più elevati di ideazione e tentativi di suicidio con l’assunzione di [bevande energetiche] più di una volta al giorno».   “L’analisi longitudinale ha riferito che il consumo di [bevande energetiche] era correlato a un aumento della disattenzione dell’ADHD, disturbi della condotta, sintomi depressivi e di panico», continua lo studio.   Una coautrice, Shelina Visram, dell’Università di Newcastle, ha dichiarato in un comunicato stampa di essere «profondamente preoccupata per i risultati secondo cui le bevande energetiche possono portare a disagio psicologico e problemi di salute mentale».   «Questi sono importanti problemi di salute pubblica che devono essere affrontati», ha aggiunto. «C’è stata inazione politica in questo settore nonostante le preoccupazioni del governo e le consultazioni pubbliche. È giunto il momento di intervenire sul settore in più rapida crescita del mercato delle bevande analcoliche».

Aiuta Renovatio 21

I ricercatori, che risiedono in Gran Bretagna, hanno anche chiesto al governo di vietare o limitare le bevande energetiche per i giovani e i bambini.   «Queste prove suggeriscono che le bevande energetiche non hanno posto nella dieta dei bambini e dei giovani», ha detto a Fox News l’autrice Amelia Lake, professoressa di nutrizione per la salute pubblica presso la Teesside University. «I politici dovrebbero seguire l’esempio dei paesi che hanno posto limiti di età sulle vendite ai bambini» perché, come dimostra il loro studio, i ricercatori hanno «trovato un elenco ancora più ampio di risultati sulla salute mentale e fisica associati al consumo di bevande energetiche da parte di bambini e giovani», ha affermato.   «Abbiamo ripetuto [la revisione] solo per trovare uno spazio evidente in continua crescita che suggerisce che il consumo di queste bevande è associato a esiti negativi sulla salute», ha continuato la dottoressa Lake.   Diversi paesi hanno già provato a regolamentare le bevande energetiche, compreso il divieto di vendita ai minori in Lettonia e Lituania. Secondo quanto riferito, anche altri paesi come la Finlandia e la Polonia stanno cercando di vietare la vendita dei prodotti ai minori di 18 anni.   Lo studio, nel frattempo, ha ottenuto una risposta da parte dei funzionari britannici. Un portavoce del Dipartimento britannico della sanità e dell’assistenza sociale ha detto alla BBC che «ci siamo consultati su una proposta per porre fine alla vendita di bevande energetiche ai bambini sotto i 16 anni in Inghilterra, e presenteremo la nostra risposta completa a tempo debito» e che «nel frattempo, molti rivenditori e supermercati più grandi hanno introdotto volontariamente il divieto di vendita di bevande energetiche ai bambini sotto i 16 anni».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Alimentazione

Birra cinese risponde al video dell’operaio che fa pipì nella vasca di produzione

Pubblicato

il

Da

«La mia birra sa di piscio» potrebbe non essere più un’espressione cameratesca che utilizza una figura retorica, ma una realtà letterale.

 

Le persone di fatto spesso scherzano dicendo che le birre che non sono di loro gradimento sanno di urina. Tuttavia la metafora potrebbe essere divenuta realtà nel caso dell’importante brand di birra cinese Tsingtao: il video di un lavoratore che urina in uno dei suoi serbatoi è diventato virale in tutta la Cina ed oltre.

 

L’emittente statunitense CNBC ha riferito che i rappresentanti della Tsingtao sono corsi ai ripari sostenendo di aver isolato il contenuto del serbatoio. In rete le reazioni sono state divisive, con i commentatori che hanno postato messaggi di sostegno per l’azienda o hanno rinnegato la birra. Da notare che suddetto marchio è il secondo birrificio più grande della Cina, con una quota di mercato del 16%.

 

I problemi sono iniziati diversi giorni fa, quando il video ha iniziato a fare il giro del web.

 

Sostieni Renovatio 21

La CNBC riferisce che il drammatico filmato si è diffuso la piattaforma di social media cinese Weibo, dove è diventato rapidamente virale raccogliendo milioni di visualizzazioni.

 

Il filmato sembra mostrare un operaio che si infila in una vasca in uno degli stabilimenti del birrificio nello Shandong, una provincia sul Mar Giallo, per poi fare pipì su mucchi di malto grezzo.

 

Nonostante la cattiva campagna pubblicitaria del tutto inaspettata, però bere birra contaminata con l’urina probabilmente non danneggerà il corpo umano, soprattutto se si tratta di una quantità relativamente piccola, secondo molti esperti medici. L’urina, che contiene principalmente acqua e vari composti di scarto, è stata addirittura pubblicizzata come bevanda terapeutica in varie culture. Si ritiene che l’urina sia per lo più sterile, ma può ospitare batteri e altri agenti patogeni, motivo per cui i medici sconsigliano di berla.

 

C’è da considerare che la maggior parte delle bevande prodotte nei grandi birrifici come Tsingtao sono testate per i microbi e pastorizzate per eliminare eventuali batteri, se non diversamente indicato sulla bottiglia.

 

Tornando allo scandalo della Tsingtao – glorioso marchio di birra originario di Qingdao, città costiera data in concessione nel 1897 alla Germania, che vi ha lasciato tracce elettroniche ed alcoliche –, secondo quanto riferito, la polizia locale ha arrestato il lavoratore orinatore e la persona che ha girato il video della terribile minzione, anche se c’è ancora una certa confusione nei media cinesi sul fatto se le persone coinvolte nell’incidente fossero dipendenti del birrificio o fossero lavoratori esterni.

 

Una fonte ha anche affermato che l’incidente non è avvenuto in un magazzino di materie prime di Tsingtao, ma in una struttura logistica, anche se dal punto di vista del brand il danno è stato chiaramente fatto.

 

La polizia cinese ha detto che rilascerà maggiori informazioni non appena verrà a conoscenza della vicenda.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Più popolari