Connettiti con Renovato 21

Spazio

La cometa più grande mai scoperta viaggia verso la Terra

Pubblicato

il

 

Gli astronomi hanno confermato la scoperta di una gigantesca cometa diretta verso la Terra.

 

La cometa è stata notata dagli astronomi dell’Università della Pennsylvania, Pedro Bernadinelli e Gary Bernstein, secondo quanto riportato dalla testata The Daily Beast.

 

La coppia di studiosi, sette anni fa, ha trovato prove di una cometa larga da 60 a 100 miglia e recentemente ha pubblicato una documentazione a tal proposito sulla rivista specializzata chiamata The Astrophysical Journal Letters

 

Soprannominata la cometa Bernardinelli-Bernstein (BB), gli astronomi l’hanno descritta anche come la «mucca quasi sferica delle comete». 

 

Forse la cosa più sconcertante è il fatto che la cometa sia diretta verso la Terra per un viaggio di ritorno iniziato durante gli eventi astronomici che hanno dato origine al nostro pianeta miliardi di anni fa. 

 

Il suo prossimo avvicinamento ravvicinato sarà nel 2031. Dovrebbe muoversilontana dal nostro pianeta, esattamente tra le orbite di Urano e Saturno.

 

Gli scienziati affermano inoltre che questo «passaggio ravvicinato» fornirà loro un’incredibile opportunità per studiare l’oggetto, che sperano rivelerà scoperte rivoluzionarie su come era il sistema solare prima della creazione dei pianeti. 

 

«È incontaminato», ha detto Bernardinelli al The Daily Beast. «Non è successo molto a questo oggetto dalla sua formazione nei primi giorni del sistema solare, quindi possiamo pensarlo come una finestra sul passato».

 

Nel 2014, la sonda spaziale Rosetta riuscì ad atterrare su una cometa. Rosetta era il nome di una missione sviluppata dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) che fu iniziata nel 2004 e terminata nel 2016. Il veicolo di atterraggio Philae il 12 novembre 2014 atterrò sulla superficie della cometa 67P/Churyumov Gerasimenko; il 30 settembre 2016 si ebbe lo schianto programmato del satellite orbitale sulla cometa e la fine dei segnali.

 

OSIRIS, il sistema di visione di Rosetta, fu costruito anche da ricercatori dell’Università di Padova.

 

 

Continua a leggere

Civiltà

Wormhole creati da civiltà aliene: un astrofisico dice che li abbiamo già visti

Pubblicato

il

Da

È possibile che una civiltà aliena estremamente avanzata abbia creato in tutto l’universo un sistema di trasporto basato su wormhole – ossia cunicoli spazio-temporale –  e potremmo persino individuarli. Lo riporta Futurism.

 

Sebbene sia una teoria piuttosto bizzarra, secondo un nuovo articolo di BBC Science Focus, essa ha incuriosito alcuni scienziati.

 

L’astrofisico dell’Università di Nagoya, Fumio Abe, ha detto che potremmo aver già catturato le prove di una tale rete nelle osservazioni esistenti, ma le abbiamo perse nel mare di dati, portando alla prospettiva intrigante che la rianalisi delle vecchie osservazioni potrebbe portare a una svolta nel SETI.

 

«Se i wormhole hanno un raggio della gola compreso tra cento e dieci milioni di chilometri, sono legati alla nostra Galassia e sono comuni come le stelle ordinarie, il rilevamento potrebbe essere ottenuto rianalizzando i dati passati», ha detto Abe a Science Focus.

 

È una teoria allettante che suggerisce un percorso alternativo per capire una volta per tutte se gli esseri umani sono soli nell’universo.

 

Questi wormhole sono appunto tunnel teorici con due estremità in punti separati nel tempo e nello spazio. Sebbene non vìolino la teoria della relatività generale di Einstein, non abbiamo ancora certezza della loro effettiva esistenza, per non parlare poi di qualche civiltà decisamente avanzata che sarebbe in grado di produrli.

 

Perché un wormhole esista, però, ci vorrebbe una quantità enorme di energia. L’idea sarebbe che «se gli ET hanno creato una rete di wormhole, potrebbe essere rilevabile dal microlensing gravitazionale».

 

Questa tecnica è stata utilizzata in passato per rilevare migliaia di esopianeti e stelle distanti rilevando il modo in cui piegano la luce. Se possa essere utilizzato per rilevare i wormhole, per essere chiari, è una questione aperta.

 

Fortunatamente, individuare i wormhole non è la nostra unica possibilità di rilevare la vita in altre parti dell’universo.

 

Science Focus ha anche indicato la ricerca di megastrutture, ancora solo teoriche, che sfruttano l’energia di una stella racchiudendola completamente, o sostanze chimiche atmosferiche legate all’inquinamento umano, o veicoli spaziali riflettenti estremamente sottili chiamati vele di luce, ognuno dei quali potrebbe teoricamente portarci alla scoperta di una civiltà extraterrestre.

 

Le antenne radio per individuare segnali alieni sono sempre in allerta, come con questo misterioso segnale radio proveniente dal centro della Via Lattea che è stato captato dagli scienziati con il nome tecnico di ASKAP J173608.2-321635.

 

Il concetto di wormhole è una prospettiva allettante, soprattutto considerando il fatto che potrebbero dare a una civiltà aliena – o anche a noi – la capacità di viaggiare su vasti distese di spazio e tempo, un po’ come la porta che conduceva a un altro mondo nel kolossal hollywoodiano anni Novanta, Stargate.

 

 

 

Immagine di ErikShoemaker via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

Continua a leggere

Scienza

Possibilità di vita su Plutone

Pubblicato

il

Da

Plutone, considerato fino al 2005 il nono pianeta del sistema solare, è stato di recente degradato a pianeta nano.

 

 

 

Osservando alcune immagini scattate dalla navicella spaziale New Horizons della NASA della superficie di Plutone, un team di astronomi ha fatto una scoperta a dir poco sorprendente. Lo riporta Futurism.

 

«Abbiamo trovato un campo di vulcani ghiacciati molto grandi che non assomigliano a nessun altro che abbiamo visto nel sistema solare», racconta alla CNN Kelsi Singer, ricercatore senior presso il Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado, e autore di un nuovo studio pubblicato sul rivista Nature Communications

 

La scoperta mostra che sul piccolo pianeta ci sono ancora molte cose da capire e da scoprire riguardo una possibile ipotesi di poterlo abitare. 

 

L’area copre 621 miglia attraverso un antico bacino di impatto. Due delle sue più grandi cupole vulcaniche hanno all’incirca le dimensioni dei vulcani terrestri. 

 

Poiché l’area stessa non ha nuovi crateri, i ricercatori suggeriscono che i massicci vulcani di ghiaccio non sono in realtà così vecchi e si sono formati a causa del calore residuo emanato dall’interno del minuscolo pianeta.

 

«Ciò significa che Plutone ha più calore interno di quanto pensassimo, il che significa che non comprendiamo appieno come funzionano i corpi planetari», ha detto Singer alla CNN.

 

Piuttosto che eruttare in modo spettacolare in un’esplosione di magma, questi vulcani di ghiaccio emettono un impasto di ghiaccio e acqua «simile al dentifricio», ha spiegato lo scienziato.

 

È una scoperta intrigante che si aggiunge alle teorie esistenti su ciò che gli scienziati ritengono essere il grande oceano sotterraneo di Plutone. I vulcani potrebbero essere la prova che l’acqua liquida è più vicina alla superficie di quanto si pensasse fino ad ora.

 

Ciò potrebbe anche influenzare la capacità del pianeta di ospitare la vita, ma questo è solo una suggestiva ipotesi di un futuro lontano.

 

Singer ha inoltre aggiunto che «ci sono ancora molte sfide per tutti gli organismi che cercano di sopravvivere lì. Avrebbero ancora bisogno di una fonte di nutrienti continui, e se il vulcanismo è episodico e quindi la disponibilità di calore e acqua è variabile, a volte è difficile anche per gli organismi».

 

Il team è entusiasta di inviare un veicolo spaziale dotato di un radar per esaminare «come appare l’impianto idraulico vulcanico», come dichiarato dal Singer.

 

Plutone è ora è considerato ora un pianeta nano perché dotato di massa e dimensioni inferiori a quelle dei maggiori satelliti di pianeti del sistema solare – i satelliti di Giove, Titano, Tritone e la nostra Luna.

 

Tuttavia anche Plutone ha le sue lune, e sono ben cinque: Caronte (la luna più grande, con un diametro che è poco più della metà di quello di Plutone), Stige, Notte, Cerbero e Idra.

 

Di fatto, Plutone e Caronte sono considerabile come un sistema binario, cioè un pianeta doppio, poiché il baricentro del sistema giace al di fuori di entrambi.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche il vicino di casa di Plutone, Nettuno, sta riservando alcune sorprese. Invece che surriscaldarsi, come vorrebbero i climatologi, si sta raffreddando.

 

Bel grattacapo spaziale per gli zeloti del Climate Change.

Continua a leggere

Ambiente

Il clima di Nettuno è in disaccordo con gli ecologisti umani

Pubblicato

il

Da

I recenti cambiamenti nei modelli meteorologici estivi di Nettuno hanno sconcertato gli scienziati: si sta raffreddando, quando normalmente dovrebbe riscaldarsi.

 

Nettuno è circa 30 volte più lontano dal Sole di quanto lo sia la Terra, circa 2,8 miliardi di miglia, e dalla triste retrocessione astronomica di Plutone a  «pianeta nano», Nettuno è il pianeta più distante del nostro Sistema Solare.

 

L’atmosfera di Nettuno contiene circa l’80% di idrogeno, il 18,5% di elio e l’1,5% di metano; mentre l’atmosfera terrestre è 78% azoto, 21% ossigeno, 0,9% argon e il resto è una miscela di altri gas.

 

Proprio come ogni altro pianeta che ha un’inclinazione nel suo asse rispetto al piano della sua orbita, Nettuno ha le stagioni. Poiché impiega circa 165 anni per orbitare attorno al Sole, ogni stagione dura circa 40 anni: l’estate di Nettuno è iniziata intorno al 2005.

 

In uno studio pubblicato l’11 aprile 2022 sul Planetary Science Journal, i ricercatori hanno riferito che durante la sua estate, l’emisfero meridionale di Nettuno si è notevolmente raffreddato

 

Live Science ha riferito che in questo studio «i ricercatori hanno compilato immagini a infrarossi di Nettuno scattate da una varietà di telescopi terrestri e spaziali tra il 2003 e il 2020.

 

Il team inizialmente prevedeva che le temperature nell’emisfero meridionale di Nettuno sarebbero aumentate con l’arrivo dell’estate. Tuttavia, le immagini hanno rivelato che le temperature atmosferiche nell’emisfero australe erano scese di 8°C  tra il 2003 e il 2018.

 

«Inoltre, negli ultimi due anni dello studio, le temperature intorno al polo sud di Nettuno sono aumentate di 11° C tra il 2018 e il 2020. I ricercatori sono rimasti perplessi dal cambiamento di temperatura rapido e intenso e non riescono a spiegare perché questo calore sia in controtendenza l’andamento generale nell’emisfero Sud».

 

«Questa non è la prima volta che le temperature atmosferiche di Nettuno lasciano perplessi gli scienziati. Nel 1989, la sonda Voyager 2 della NASA è passata da Urano e Nettuno mentre usciva dal Sistema Solare e ha scoperto che Nettuno era più caldo del suo vicino più prossimo nonostante fosse più lontano dal Sole. Da allora gli scienziati hanno scoperto che ciò è probabilmente dovuto alle differenze gravitazionali tra i due pianeti».

 

Lo studio ipotizza cosa potrebbe spiegare i cambiamenti attuali, incluso il ciclo solare di 11 anni, in cui i poli magnetici del Sole si capovolgono, provocando un ciclo del numero di macchie solari e i successivi cambiamenti nella radiazione solare e nel vento solare.

 

L’attuale ciclo solare 25 è iniziato all’incirca alla fine del 2020 e il numero di macchie solari sta gradualmente aumentando, influenzando il clima spaziale e i satelliti a bassa orbita, la cui vita lavorativa è influenzata dall’aumento della radiazione.

 

L’autore principale Michael Roman, astronomo dell’Università britannica di Leicester, ha affermato:

 

«Penso che Nettuno sia di per sé molto intrigante per molti di noi perché ne sappiamo ancora così poco. Tutto ciò punta verso un’immagine più complicata dell’atmosfera di Nettuno e di come cambia nel tempo».

 

E lo stesso si potrebbe dire per l’atmosfera dinamica, il tempo e il clima della Terra. Per qualche motivo, tuttavia, riguardo al nostro pianeta la climatologia è fatta oggi di soli dogmi catastrofisti e (ovviamente) anti-umani.

 

Ci siamo chiesti su questo sito, varie volte, chi finanzia questi dogmi intrisi di morte e di odio per l’umanità. E a quali scopi essi possono servire.

 

Leggendo Renovatio 21, spesso troverete delle risposte. Mentre Nettuno continuerà tranquillo a aumentare e diminuire la temperatura, incurante di ecologisti, ambientalisti, climatologi, miliardari.

 

Joe Biden poco giorni fa ha detto di voler difendere gli «Uraniani» (sic), cioè gli abitanti di Urano. Ebbene, poco più in là, anche Nettuno merita la protezione della sua democratica libertà di avere il clima che vuole.

 

 

O no?

 

Nel frattempo, sentiamo cosa sull’argomento aveva da dire qualche anno fa uno che di spazio se ne intende, il dottor Spock, preparato abitanti del pianeta Vulcano.

 

Che non è esattamente attaccato a Nettuno, ma va bene così.

 

 

Continua a leggere

Più popolari