Connettiti con Renovato 21

Controllo delle nascite

La brutta verità su John Maynard Keynes e la battaglia di Bretton Woods

Pubblicato

il

 

 

 

Settantacinque anni di storici revisionisti in gran parte finanziati dalla British Roundtable/Chatham House e dalla sua filiale americana (il Council on Foreign Relations) hanno ostacolato la vera natura antimperiale dell’intenzione fondatrice di Bretton Woods e l’ordine del dopoguerra incentrato sulla Nazioni unite.

 

Allora, proprio come oggi, due fazioni opposte facevano a gara per plasmare l’essenza dell’ordine mondiale mentre la macchina nazista (finanziata da Wall Street e dalla Bank of International Settlements di Londra) volgeva al termine.

 

Allora, proprio come oggi, due fazioni opposte facevano a gara per plasmare l’essenza dell’ordine mondiale mentre la macchina nazista (finanziata da Wall Street e dalla Bank of International Settlements di Londra) volgeva al termine

Nel caso qualcuno fosse confuso su queste fazioni, non sto parlando di capitalismo contro comunismo.

 

Questa lotta di fazione in questione era tra i nazionalisti del New Deal guidati da Franklin Roosevelt contro quegli imperialisti razzisti rappresentati da Sir Winston Churchill che desideravano usare la crisi della guerra per stabilire un rianimato impero britannico rafforzato dai muscoli americani.

 

I New Dealer di Franklin Delano Roosevelt erano caratterizzati dalla loro totale adesione alla convinzione che la piaga del colonialismo dovesse essere debellata e che una nuova era di sviluppo a lungo termine di grandi progetti infrastrutturali dovesse caratterizzare la comunità delle nazioni sovrane per il prossimo secolo.

 

Questi patrioti credevano nell’internazionalizzazione del New Deal, erano impegnati a lavorare con la Russia e la Cina come alleati naturali dell’America e diffidavano profondamente degli inglesi.

 

Nel caso di Bretton Woods, dove rappresentanti di 44 nazioni si sono riuniti per due settimane per creare un nuovo sistema postbellico nel luglio 1944, questa battaglia è stata una battaglia tra il fidato consigliere economico di Franklin Delano Roosevelt Harry Dexter White (primo direttore del FMI e alleato di vicepresidente di FDR Henry Wallace) e Lord John Maynard Keynes (eugenista, pedofilo (1) e difensore dell’Impero britannico).

 

 

Churchill e Keynes: razzista duro/razzista soft imperiali

Laddove Churchill rappresentava il sostenitore conservatore impenitente del «fardello dell’uomo bianco» per esercitare il dominio sui popoli di colore «inferiori» della terra, Keynes rappresentava il poliziotto buono dell’Impero come un «socialista della società fabiana» (alias: ingegnere sociale) dalla London School of Economics.

Laddove la stirpe di Churchill preferiva falciare i propri nemici con cannoni, conteggio dei cadaveri e tortura, come si è visto nella guerra boera o nelle guerre dell’oppio o nella prima guerra mondiale, i metodi fabiani di Keynes preferivano l’attrito e la lenta sovversione

 

Laddove la stirpe di Churchill preferiva falciare i propri nemici con cannoni, conteggio dei cadaveri e tortura, come si è visto nella guerra boera o nelle guerre dell’oppio o nella prima guerra mondiale, i metodi fabiani di Keynes preferivano l’attrito e la lenta sovversione. Ad ogni modo, il risultato di entrambi i percorsi è stato lo stesso.

 

Mentre molti conoscono le opinioni razziste e filofasciste di Sir Churchill che parlava con ammirazione di Mussolini e persino di Hitler (2) nei primi giorni in cui si credeva ancora che questi fascisti e corporativi avrebbero agito come signori in marcia per l’oligarchia finanziaria, ma la maggior parte delle persone non sa che Keynes ha anche sostenuto Hitler e disprezzato Franklin Delano Roosevelt.

 

Contraddicendo il mito che Franklin Delano Roosevelt fosse un keynesiano, il suo l’assistente Francis Perkins registrò l’interazione del 1934 tra i due uomini quando Roosevelt le disse (3):

 

«Ho visto il tuo amico Keynes. Ha lasciato tutta una filastrocca di cifre. Deve essere un matematico piuttosto che un economista politico. In risposta, Keynes, che allora stava cercando di cooptare la narrativa intellettuale del New Deal, dichiarò di aver “supposto che il presidente fosse più istruito, economicamente parlando”».

 

 

Keynes l’eugenista Fabiano

Sebbene Keynes sia annunciato come la luce guida del New Deal (e, come tale, difeso dai moderni Green New Dealer e dai tecnocrati del Great Reset che desiderano imporre al mondo un sistema di governo dall’alto verso il basso), il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale.

Il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale

 

Ciò si vedrà chiaramente in 1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza di purificazione razziale e controllo della popolazione, e 3) la sua devozione generale al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society.

 

Fin dai suoi primi giorni a Cambridge, dove salì rapidamente fino a diventare uno degli apostoli selezionati di Cambridge (4), Keynes si dedicò al servizio dell’impero, diventando Cavaliere dell’Ordine di Bath e Ordine di Leopold nel 1919.

 

Il suo libro dell’inizio del 1911 sulla  Valuta e la finanza indiana (5)(condotto durante la sua incursione quinquennale nell’Ufficio indiano dell’Impero) ignorò tutte le reali ragioni politiche per le carestie che affliggevano l’India e sostenne freddamente una maggiore integrazione del sistema bancario indiano nel Controlli della City di Londra che risolverebbero in qualche modo i problemi dell’India.

 

1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza di purificazione razziale e controllo della popolazione, e 3) la sua devozione generale al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society

La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione (6) dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava «guerra, carestia e malattia» come i doni che la natura dava ai forti per gestire i deboli.

 

Mentre le sue ultime Conseguenze della pace del 1919   sembravano essere un avvertimento ragionevolmente comprensivo che le riparazioni draconiane di Versailles avrebbero fatto danni incredibili e avrebbero portato a una nuova guerra mondiale, in realtà Keynes stava mostrando un freddo gioco di prestigio.

 

Servendo come rappresentante del Tesoro britannico alla Conferenza di Versailles, Keynes non si oppose mai al fascismo: sostenne semplicemente che un percorso più liberale verso il fascismo globale poteva essere stabilito sotto la direzione della Banca d’Inghilterra. La sua opposizione, tuttavia, all’approccio più violento preferito dagli imperialisti conservatori tra gli intellettuali britannici, era di forma più che di sostanza.

 

Keynes e i suoi compagni Fabiani HG Wells, Bertrand Russell e GB Shaw preferivano il «gioco lungo», «lento e costante», che ricorda il generale romano Quinto Fabio Massimo che notoriamente combatteva i suoi nemici con un lento logoramento piuttosto che in uno scontro su vasta scala (6).

 

A causa della generale ignoranza del pubblico su questa strategia, celebriamo questi luminari della Fabian Society per il loro pacifismo, sebbene in realtà fossero altrettanto razzisti, fascisti e amanti dell’eugenetica come le loro controparti più miopi e ostinate sir Oswald Mosley, Lord Alfred Milner e persino Winston Churchill.

La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione (6) dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava «guerra, carestia e malattia» come i doni che la natura dava ai forti per gestire i deboli.

 

Laddove la vera soluzione alla stampa iperinflazionistica di denaro e alla chiusura dell’economia industriale della Germania negli anni del primo dopoguerra si trovava nell’accordo russo-tedesco di Rapallo (distrutto con l’assassinio del ministro degli Esteri del sistema americano Walter Rathenau) (8), Keynes e i suoi simili chiedevano semplicemente l’integrazione economica del sistema bancario e militare tedesco sotto il controllo della Banca d’Inghilterra/Lega delle Nazioni.

 

 

Keynes: discepolo di Thomas Malthus

Definendo la sua fede misantropica nella sovrappopolazione, l’economista della British East India Company Thomas Malthus (1766-1834) affermava una nuova «legge fondamentale» nel suo famoso Saggio sulla popolazione del 1799 :

 

«Il potere della popolazione è così superiore al potere della terra di produrre sussistenza per l’uomo, che la morte prematura deve in un modo o nell’altro visitare la razza umana».

Come si potrebbe evitare questa crisi? Malthus risponde come solo un devoto imperialista potrebbe:

 

«Dovremmo facilitare, invece di tentare stupidamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, affollare più gente nelle case e corteggiare il ritorno della peste».

 

«Dovremmo facilitare, invece di tentare stupidamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, affollare più gente nelle case e corteggiare il ritorno della peste» Thomas Malthus

Sebbene alcuni apologeti considerassero Keynes un anti-malthusiano, a causa della sua teoria che la sovrappopolazione potesse essere superata incoraggiando la spesa piuttosto che il risparmio, il che, a sua volta, avrebbe in qualche modo creato mercati e quindi nuove fabbriche e maggiore crescita, la realtà era l’opposto.

 

Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha anche plagiato molte delle teorie di Malthus (9), ad esempio quella della «deficit della domanda che causa disoccupazione e recessione» delineata nel suo Trattato sul danaro del 1930. Nel suo Saggio su Malthus del 1933 (10), Keynes scrive:

 

«Pensiamo a Malthus oggi come il primo degli economisti di Cambridge, soprattutto come un grande pioniere dell’applicazione di una cornice di pensiero formale alla complessa confusione del mondo degli eventi quotidiani. Malthus ha affrontato i problemi centrali della teoria economica nel migliore dei modi».

 

Nella sua conferenza del 2 maggio 1914 Popolazione (11), Keynes sosteneva che il governo dovrebbe «modellare la legge e la consuetudine deliberatamente per determinare quella densità di popolazione che dovrebbe esserci» e che  «ci sarebbe più felicità nel mondo se la popolazione di esso dovesse essere diminuito».

 

Dicendo che  «India, Egitto e Cina sono gravemente sovrappopolati»,  Keynes ha sostenuto l’uso della violenza per difendere le  «razze bianche superiori»  in questa lotta per la sopravvivenza con il pacifista dicendo:

 

«Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere la nostra standard di vita da lesioni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una certa spartizione del mondo; e suppongo che questo non possa inverosimilmente provocare guerre razziali. In ogni caso tali guerre riguarderanno una questione sostanziale».

Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha anche plagiato molte delle teorie di Malthus

 

Come presidente ad interim della Lega Neo-Malthusiana, Keynes dichiarò nel 1927:

 

«Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel problema molto più grande dell’Eredità e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione».

 

Nel 1946, Keynes, ancora un membro della Società Britannica di Eugenetica (dopo aver prestato servizio come l’agenzia di vicepresidente 1936-1944) ha scritto in  The Eugenics Review:  «il tipo di mente eccentrica, scettica, osservatrice, abbagliante, cavalleresca di Galton lo ha portato alla fine a diventare il fondatore della più importante, significativa e, aggiungerei, genuina branca della sociologia che esiste, vale a dire l’eugenetica».

 

Questa non era una teoria della torre d’avorio, ma concetti con un significato molto reale.

 

Nel 1937, la Teoria generale dell’occupazione di  Keynes fu pubblicata nella Germania nazista. Se qualcuno desidera difendere l’idea che l’economista fosse in qualche modo un difensore antifascista dei «valori liberali”, legga le sue stesse parole nella prefazione e poi ridefinisca i “valori liberali» o la loro ingenua idea di Keynes:

«Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere la nostra standard di vita da lesioni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una certa spartizione del mondo; e suppongo che questo non possa inverosimilmente provocare guerre razziali. In ogni caso tali guerre riguarderanno una questione sostanziale» E.M, Keynes

 

«Posso forse aspettarmi di trovare meno resistenza tra i lettori tedeschi che tra quelli inglesi, quando presento loro una teoria dell’occupazione e della produzione nel suo insieme… La teoria della produzione nel suo insieme, oggetto di questo libro, può essere molto più adatta alle condizioni di uno stato totalitario, che la teoria della produzione e della distribuzione della ricchezza in circostanze di libera concorrenza».

 

Lo stesso Hitler non era solo un devoto eugenista (le cui politiche di purificazione razziale sono emerse grazie al finanziamento della Rockefeller, della Carnegie Foundations e dell’establishment britannico), ma era anche un devoto detto malthusiano (12):

 

«Verrà certamente il giorno in cui l’intera umanità sarà costretta a frenare l’incremento della specie umana, perché non vi sarà più alcuna possibilità di adeguare la produttività del suolo al perpetuo aumento della popolazione».

 

 

Keynes contamina Bretton Woods

Durante la conferenza di Bretton Woods tenuta nel New Hampshire dal 1 al 20 luglio 1944, i due paradigmi opposti si scontrarono di nuovo, proprio come avevano fatto nel 1776 o nel 1867 sui termini dell’ordine mondiale del dopoguerra. Da un lato il sistema americano di anticolonialismo ha gareggiato per un sistema di collaborazione vantaggiosa per tutti e multipolarismo, mentre dall’altro, il sistema britannico di malthusianesimo a somma zero ha spinto per un dominio anglosassone unilaterale sul mondo.

 

Questo scontro prese la forma delle battaglie condotte dal fidato collaboratore di FDR Henry Dexter White contro John Maynard Keynes a Bretton Woods, dove 730 delegati in rappresentanza di 44 nazioni si riunirono per definire i termini dell’ordine del dopoguerra.

 

«Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel problema molto più grande dell’Eredità e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione» E.M. Keynes

Sebbene questa conferenza sia notoriamente associata alla creazione della Banca mondiale, del Fondo Monetario Internazionale e dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT), si presume erroneamente che sia una creazione keynesiana.

 

Il ruolo di Keynes come rappresentante dell’Impero britannico, proprio come il suo precedente ruolo a Versailles nel 1919, fu definito dall’intenzione a tutti i costi di plasmare le condizioni di un ordine mondiale post-nazione per conto della City di Londra.

 

Come Bertrand Russell e altri apostoli di Cambridge prima e dopo, Keynes è stato addestrato nel dispiegamento sofisticato di statistiche e logica matematica per coprire lo stupro imperiale delle nazioni bersaglio.

 

Lord Keynes fu schierato per guidare la delegazione britannica a Bretton Woods e portare avanti un piano che prevedeva la creazione di un’Unione di Compensazione Internazionale controllata dalla City di Londra che denominasse tutti i pagamenti in un’unità contabile comune: il Bancor.

 

Il Bancor verrebbe utilizzato per misurare i disavanzi commerciali o eccedentari di tutte le nazioni, espropriando i surplus entro la fine dell’anno e tassando i paesi con deficit.

L’imposizione di una «architettura matematica» sui sistemi fisici (non matematici) delle Nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di «equilibrio matematico»

 

L’imposizione di una «architettura matematica» sui sistemi fisici (non matematici) delle Nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di «equilibrio matematico».

 

La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo oggi.

 

 

Bretton Woods come un New Deal globale

In opposizione a Keynes, il programma anticoloniale di Franklin Delano Roosevelt era rappresentato dal suo stretto alleato Harry Dexter White e dal segretario al Tesoro Henry Morganthau.

 

White (oggi calunniato come agente sovietico dagli storici affiliati al CFR) ha combattuto con le unghie e con i denti per assicurarsi che la Gran Bretagna non sarebbe stata al posto di guida del nuovo sistema economico emergente o degli importanti meccanismi del FMI a cui sarebbe andato a capo.

 

La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo oggi.

White si assicurò che il sistema di «preferenza» economica coloniale utilizzato dalla Gran Bretagna per mantenere il saccheggio del libero scambio in tutto il suo impero fosse distrutto e la sterlina non svolgesse un ruolo primario nel commercio globale.

 

Invece, fu istituito un sistema di tassi di cambio fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica ) era una spina dorsale per il commercio mondiale.

 

A Bretton Woods, Dexter White e Henry Morganthau hanno raggiunto accordi per fornire vasti trasferimenti di tecnologia per aiutare l’industrializzazione del Sud America. (13)

 

Allo stesso tempo, le delegazioni dell’India, dell’Europa orientale e della Cina hanno presentato programmi su larga scala modellati sul New Deal. (14)

 

È degno di nota il fatto che la delegazione cinese introdusse i piani infrastrutturali elaborati per la prima volta da Sun Yat-sen nel suo 1920  International Development of China (15)approvati insieme sia da Mao che da Zhou Enlai che da Chiang Kai-Shek del Kuomintang!

 

Fu istituito un sistema di tassi di cambio fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica ) era una spina dorsale per il commercio mondiale

Se questi piani non fossero stati sabotati, è sorprendente considerare quale tipo di progresso si sarebbe potuto aprire per i cinesi 70 anni prima che qualcuno sentisse il termine «Belt and Road Initiative».

 

In questa fase iniziale, la Russia era ancora felice di essere un membro fondatore del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale, progettati per agire come meccanismi di prestito a basso costo per lo sviluppo globale a lungo termine, a basso interesse e ad alta tecnologia.

 

Commentando il sostegno al sistema di reciproco interesse postbellico di Franklin Delano Roosevelt, Stalin aveva dichiarato:

 

«Possiamo contare che le attività di questa organizzazione internazionale siano sufficientemente efficaci? Saranno efficaci se le Grandi Potenze che hanno sopportato il peso della guerra contro la Germania di Hitler continueranno ad agire in uno spirito di unanimità e armonia. Non saranno efficaci se questa condizione essenziale viene violata».

 

Proprio come la Reconstruction Finance Corporation (RFC) è stata utilizzata come banca nazionale per finanziare migliaia di grandi progetti di infrastrutture, trasporti, energia e acqua durante il New Deal e proprio come Glass-Steagall ha rotto il monopolio della finanza speculativa privata sull’economia produttiva , questi New Dealer desideravano utilizzare la Banca Mondiale e il FMI per emettere credito produttivo a lungo termine ea basso interesse per progetti di mega infrastrutture a lungo termine in tutto il mondo. Non solo nella ricostruzione dell’Europa.

 

Tra le figure di spicco di questo gruppo di patrioti c’erano il sottosegretario di Stato Sumner Welles, il confidente di FDR Harry Hopkins e il leader del partito repubblicano Wendell Willkie che lavorò a stretto contatto con il suo rivale democratico diventando un «ambasciatore del New Deal» internazionale.

 

«Ho cercato di chiarire… che mentre siamo alleati [della Gran Bretagna] e in esso per la vittoria al loro fianco, non devono mai avere l’idea che ci siamo solo per aiutarli a mantenere il loro arcaico, idee sull’impero medievale… spero che si rendano conto di non essere un socio anziano; che non staremo a guardare il loro sistema vanificare la crescita di ogni Paese in Asia e metà dei Paesi in Europa che dobbiamo riavviare»

Nel 1942, dopo essere stato inviato da FDR in un tour mondiale per organizzare un progetto internazionale del New Deal in una corsa per porre fine al colonialismo, Willkie scrisse:

 

«In Africa, in Medio Oriente, in tutto il mondo arabo, così come in Cina e in tutto l’Estremo Oriente, libertà significa abolizione ordinata ma programmata del sistema coloniale… Quando dico questo per avere la pace questo mondo deve essere libero, sto solo segnalando che è iniziato un grande processo che nessun uomo – certamente non Hitler – può fermare… Hanno aperto i libri. Le vecchie paure non li spaventano più… Sono decisi, come devono essere, che non c’è più posto per l’imperialismo all’interno della loro società che nella Società delle Nazioni».

 

La battaglia di Franklin Delano Roosevelt con Churchill su questo argomento è stata ben documentata nel libro di suo figlio/assistente Elliot Roosevelt  As He Saw It  (1946):

 

«Ho cercato di chiarire… che mentre siamo alleati [della Gran Bretagna] e in esso per la vittoria al loro fianco, non devono mai avere l’idea che ci siamo solo per aiutarli a mantenere il loro arcaico, idee sull’impero medievale… spero che si rendano conto di non essere un socio anziano; che non staremo a guardare il loro sistema vanificare la crescita di ogni Paese in Asia e metà dei Paesi in Europa che dobbiamo riavviare».

 

Questa visione è stata espressa continuamente da Franklin Delano Roosevelt nei suoi centinaia di discorsi, così come dal suo vicepresidente Henry Wallace, nella creazione della Carta atlantica e delle Quattro libertà. E ‘stato incorporato nella difesa della sovranità nazionale nella Costituzione delle Nazioni Unite (apparentemente inesistente nella Società  delle Nazioni diretta dai britannici in  precedenza). Doveva essere lo spirito di governo che animava il mondo mentre l’umanità entrava in un’età matura della ragione creativa.

 

 

Allora, cos’è successo?

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

 

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

Alla morte del presidente, Harry Dexter White è stato estromesso dalla sua posizione di direttore del FMI ed etichettato come agente comunista.

 

Henry Wallace fu estromesso per ragioni simili e lavorò con White in un’offerta presidenziale del 1948 come candidato presidenziale di terze parti.

 

William Willkie (che aveva discusso della creazione di un nuovo partito con FDR) morì nell’ottobre 1944 e il braccio destro di FDR Harry Hopkins che fece di più per instaurare uno stretto legame di amicizia con Stalin, morì nel 1946.

 

Elliot Roosevelt intervistò Stalin alcuni anni in seguito, e registrato che Stalin ha sempre creduto che il padre di Elliot fosse stato avvelenato (16) «dalla banda di Churchill». Nel 1946, Churchill inaugurò la Guerra Fredda mettendo ex alleati l’uno contro l’altro per i restanti 70 anni mentre sganciava bombe nucleari su un Giappone sconfitto. Stalin si è lamentato della morte di Roosevelt dicendo che «il grande sogno è morto».

 

Sulla scia della morte di FDR, il modello di governo di Keynes che permeava il sistema operativo dell’era postbellica, assicurò che i progetti su larga scala guidati dall’intenzione che avrebbero potuto finalmente porre fine al colonialismo non avrebbero visto la luce del giorno.

 

All’oligarchia ci sono voluti altri 25 anni per smantellare il sistema di cambio fisso di Bretton Woods che ha portato alla fluttuazione del dollaro USA da parte di Nixon nel 1971 sui mercati speculativi, convertendo il mondo sempre più in un sistema di casinò militarizzato.

 

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

Invece di essere usati come strumenti per la crescita a lungo termine, come previsto, il FMI e la Banca Mondiale sono stati usati come strumenti di schiavitù del debito e ricolonializzazione, come delineato nelle Confessioni di un sicario dell’economiadi John Perkins. (17)

 

(…)

 

Matthew Ehret

 

 

Articolo pubblicato su gentile concessione dell’autore. 

 

 

 

NOTE

1) Da  Keynes: A Critical Life  di David Felix: «[Keynes] consigliò Lytton, che stava andando in vacanza a Tunisi e in Sicilia, sulle modalità “se vuoi andare dove ballano i ragazzi nudi”. Rispondendo al gusto scatologico dell’amico, ha concluso con i versi di una poesia: “Abbiamo pagato la nostra causa a Giano/ Ho scambiato una bocca per l’altro ano”. Lui stesso stava per raggiungere un vecchio compagno di classe, ora ufficiale coloniale lì: “Parto per l’Egitto… ho appena saputo che “il ragazzo da letto” è pronto».

 

2)  Nel 1927, Churchill disse a Mussolini: «Se fossi stato italiano, sono sicuro che sarei stato con te con tutto il cuore dall’inizio alla fine nella tua lotta trionfante contro gli appetiti e le passioni bestiali del leninismo» e nel 1935 disse di Hitler: «il coraggio, la perseveranza e la forza vitale che gli hanno permesso di… superare tutte le… resistenze che gli hanno sbarrato il cammino». Un quadro completo delle opinioni filofasciste di Churchill è messo a nudo in «The Real Winston Churchill»di Richard Seymour, Jacobin Magazine.

3) Frances Perkins, The Roosevelt I Knew, Viking Press, 1946

4) Murray Rothbard, Keynes, the Man, Von Mises Institute, 2010, p.13

5) John Maynard Keynes, Indian Currency and Finance, MaCMillan &Co., 1913

6) Shashi Tharoor, Inglorious Empire: what the British did to India,, Hurst, 2017

7) Per un’esposizione più completa delle origini, degli scopi e dei risultati della Fabian Society, vedere: What is the Fabian Society and to What End was it Created?  dell’autore, Canadian Patriot Review, 2013

8) Si veda il capitolo 4 per il sabotaggio dell’Accordo di Rapallo del 1923

9) Steve Kates, Keynes’s plagiarism of Malthus and McCracken , History of Economic Ideas, 2010

10) John M. Keynes,  Thomas Robert Malthus, Essays in Biography, 1933

11) La trascrizione completa del discorso di Keynes del 1914 è ri- pubblicato come appendice in Jay Taylor, Keynes on Eugenics, Race, and Population Control, Von Mises Institute, novembre 2019

12) Renee Nal, «The Enduring Influence of Thomas Malthus», Fondazione RAIR, 14 novembre 2019

13) Gerry Rose, «New Understanding of the Bretton Woods Agreements Opens the Door to the Four Powers Dialogue», EIR, 21 agosto 2020

14)  Mr. Atish R. Ghosh e Miss Mahvash S Qureshi,  From Great Depression to Great Recession: The Elusive Quest for International Policy Cooperation, FMI, 30 marzo 2017

15) The International Development of China by Sun Yat-sen, Shanghai Commercial Press, 1920

17)Rick Hampson, «Stalin Admitted Knowledge Of English, Roosevelt’s Son Says », Associated Press, 6 febbraio 1986

17)  John Perkins, Confessioni di un sicario dell’economia, Berrett-Koehler Publishers Inc., 2004

 

Continua a leggere

Contraccezione

Ecco il Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria

Pubblicato

il

Da

Il massimo quotidiano del pianeta, il New York Times, ha dedicato un lungo articolo alla figura di Les Knight, 75 anni, il fondatore del movimento Voluntary Human Extinction («Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria»), che è meno un movimento che un libero consorzio di persone che credono che la cosa migliore che gli esseri umani possano fare per aiutare la Terra sia smettere di avere figli.

 

Il Knight ha aggiunto la parola «volontaria» decenni fa per chiarire che gli aderenti non supportano l’omicidio di massa o il controllo delle nascite forzato, né incoraggiano il suicidio. Il loro ethos è ripreso nel loro motto, «Possiamo vivere a lungo e morire», e in un altro dei loro slogan, che Knight appende a vari convegni e fiere di strada: «Grazie per non aver fatto figli».

 

L’articolo è scattato quando lo scorso 15 novembre il pianeta avrebbe raggiunto, otto miliardi di esseri umani. Tuttavia, come riportato da Renovatio 21, il trend è comunque di implosione demografica, visto il rapporto numerico tra vecchiaia e gioventù.

 

Il tizio è ovviamente tra coloro che credono che la sovrappopolazione sia un fattore principale nella crisi climatica.

 

«L’idea che la popolazione debba essere controllata ha portato anche a sterilizzazioni forzate e misure che si sono dimostrate disumane o sono state collegate a teorie razziste come l’eugenetica» si ricorda improvvisamente il New York Times.

 

Il Knight a sterilizzarsi ci ha pensato da sé nel 1973, all’età di 25 anni. Non ha quindi avuto figli. Oltre a sostenere l’accesso universale al controllo delle nascite – che significa, nel gergo angloide, contraccezione e aborto – e opporsi a quello che chiama fascismo riproduttivo, «la mancanza di libertà di non procreare», il personaggi  afferma che, nonostante i nostri numerosi successi, gli esseri umani costituiscono nettamente un danno per la Terra.

 

«Guarda cosa abbiamo fatto a questo pianeta», ha detto il Knight durante una chiacchierata con l’inviato del NYT nel suo cortile. «Non siamo una buona specie».

 

Non è chiaro quanti aderenti ci siano nel gruppo del signor Knight, o quale sia l’estensione della sua portata. Dopo essere stato in gran parte clandestino, il gruppo è diventato popolare quando Mr. Knight ha creato un sito web nel 1996. Ricco di testi ma disinvolto, il sito include citazioni del filosofo pessimista Schopenhauer e vignette varie, nonché argomenti contro la procreazione e per adozione. È stato tradotto in circa 30 lingue, tra cui spicca la presenza, che sa di utopismo stantio ed impenitente quasi commovente, di lingue artificiali come l’Esperanto, l’Interlingua, l’Ido e perfino la «lingua franca».

 

Insegnante in pensione, arruolato durante la Guerra del Vietnam ma non andato al fronte, al College il Knight ha trovato un gruppo chiamato Zero Population Growth, il quale «ha cementato la sua determinazione a non avere figli». «È sempre stato a causa dell’ecologia, a causa del danno che gli umani fanno all’ambiente», racconta ora il vecchio.

 

È l’idea, oramai mainstream, dell’uomo come cancro del pianeta. «Le sue convinzioni sarebbero radicate nell’ecologia profonda, che sfida i presupposti del dominio umano e sostiene che altre specie sono altrettanto significative. Il signor Knight è arrivato a vedere gli umani come la più distruttiva delle specie invasive e come super predatori».

 

L’articolo scrive che «gli Stati Uniti hanno registrato un aumento delle nascite durante la pandemia di coronavirus , invertendo il calo del tasso di natalità del Paese, un sondaggio del 2020 ha rilevato che un americano su quattro che non aveva avuto figli ha citato il cambiamento climatico come motivo», una questione di cui tempo fa ha dato conto Renovatio 21.

 

Il New York Times tuttavia ci tiene a sottolineare  che «la ricerca ha dimostrato che avere un figlio in meno è forse il modo più significativo per ridurre la propria impronta di carbonio». Questa puntualizzazione, in linea con gli ESG ONU e lo stakeholder capitalism promosso dal Grande Reset del World Economic Forum (che, come riportato da Renovatio 21, ha origine negli ambienti che proponevano e propongono il controllo della popolazione), mica poteva mancare.

 

I pensieri mostruosi non si fermano qui. «Al signor Knight non piace spingere le sue convinzioni sulle persone, tuttavia gli piace pensare che ci siano alcuni esseri umani che non esistono perché dei suoi sforzi».

 

Se ci si fa un giro sul sito del Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria (VHEMT), si resta basiti. Innanzitutto, per la forma: se diciamo che pare un sito internet del 1995 non scherziamo, anzi, può fungere tranquillamente come macchina del tempo per chi per ragioni anagrafiche non può ricordare come era fatto il web una volta.

 

Il sito è una grande serie di FAQ, di domande con risposte. Alcuni esempi interessanti.

 

Domanda: «È possibile l’estinzione umana volontaria?» Risposta: «La nostra estinzione non è solo possibile, è inevitabile: miliardi di specie sono già andate e venute».

 

Domanda: «Cosa c’è che non va nei bambini? Non vi piacciono i bambini?» Risposta: «La scelta di astenersi dal produrre un’altra persona dimostra un profondo amore per tutta la vita»

 

Domanda: «Staremmo meglio se non fossimo mai nati?» Risposta: «La filosofia dell’antinatalismo è una delle vie principali verso l’estinzione umana volontaria. L’idea è che non abbiamo il diritto di far esistere qualcuno dove sicuramente soffrirà. Non stanno soffrendo nella non esistenza».

Domanda: «Essere genitori fa male all’ecologia della Terra?» Risposta: «La scelta di astenersi dall’aggiungere un altro di noi riduce notevolmente le nostre potenziali emissioni di gas serra»

 

E via così. Menzione speciale ai discorsi su nuovi virus, guerre, fame e rifiuti tossici che potrebbero aiutare l’estinzione umana: in realtà nemmeno questi sono sufficienti, anzi potrebbero in alcuni casi addirittura fortificare la specie.

 

Da notare come la morte, chiamata Grim Reaper («il tristo mietitore») e  rappresentata nelle vignette  del sito come il classico scheletro con mantello, cappuccio e falce, è qui considerata come un «supereroe».

 

Quella del Knight non è l’unica spaventosa iniziativa di terminazione della specie: anzi, è la più borghese, presentabile – e per questo finisce sui giornali. Maggiormente preoccupante è la Chiesa dell’Eutanasia fondata negli anni Novanta a Boston, una sedicente «fondazione educativa senza scopo di lucro dedicata al ripristino dell’equilibrio tra gli esseri umani e le restanti specie sulla Terra». Ciò sarebbe possibile, dicono i membri del culto, solo tramite una riduzione massiva volontaria della popolazione terrestre

 

Si tratterebbe, secondo il suo fondatore Chris Korda (musicista e sviluppatore di software nato in una famiglia di importanti scrittori e registi), forse dell’unica religione completamente e programmaticamente antiumana del mondo.

 

Uno degli slogan per cui il gruppo è noto è «Save the Planet, Kill Yourself», cioè «Salva il pianeta, ucciditi». Ma c’è anche «Eat a Queer Fetus for Jesus», «Mangia un feto strano per Gesù».

 

Il gruppo si è inevitabilmente scontrato con i gruppi antiabortisti cristiani d’America, per poi generare scandalo quando, dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, la Chiesa dell’Eutanasia ha pubblicato sul suo sito web un video musicale di quattro minuti intitolato Mi piace guardare, che combinava pornografia hardcore con filmati del crollo del World Trade Center, inclusa musica elettronica in sottofondo mentre erano scandite le parole «La gente si tuffa in strada / mentre io gioco con la mia carne». Il riferimento era con probabilità alle povere persone imprigionate nell’incendio delle Torri Gemelle che tragicamente si buttarono dai piani alti del palazzo. La clip mostrava anche un uomo che si masturbava e poi si puliva con una bandiera americana.

 

Secondo Wikipedia, le istruzioni della Chiesa dell’Eutanasia su «come uccidersi» per asfissia con l’elio sono state rimosse dal suo sito web nel 2003 dopo che una donna di 52 anni le aveva usate per suicidarsi in Missouri, con conseguenti minacce legali contro l’organizzazione.

 

C’è da considerare che, sia i moderati del VHEMT che gli estremisti della Chiesa dell’Eutanasia, sono sinceri nel portare avanti (solo in modo «teatrale», certo: perché quelli seri là fuori fanno ben altro) il programma della Cultura della Morte, che è il sistema operativo del mondo moderno. Un mondo dove l’essere umano è visto come nemico, e quindi la sua riproduzione va impedite, e i numeri della popolazione vanno ridotti.

 

Tuttavia, costoro non capiscono che il programma è un altro. È leggermente diverso, più complesso, più sottile.

 

Il vero manovratore della Necrocultura non vuole solo l’assassinio della massa umana. No. Vuole che sia l’uomo stesso a implementarla: vuole cioè, la perversione. Non vuole eliminare del tutto gli uomini: deve conservarne una parte, per offenderli ed umiliarli, perché essi sono a immagine del vero avversario del manovratore della morte.

 

Una parte degli uomini, secondo questo disegno, sarà poi necessaria affinché si adori il manovratore nei tempi ultimi. Come sa il lettore di Renovatio 21, non è improbabile che quantomeno una parte di tali adoratori possano essere creature prodotte in laboratorio, figli della provetta, cioè coloro, dice l’Apocalisse di San Giovanni, « il cui nome non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo» (Ap 13, 8)

 

Quindi: la riduzione della popolazione terrestre è realtà. Tuttavia, la sua completa estinzione, non è nei piani del Male.

 

Nei piani del Male c’è molto di peggio.

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

La Silicon Valley convertita al natalismo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Questo mese è venuto al mondo l’8 miliardesimo bambino. I demografi ritengono che la popolazione mondiale si stia muovendo verso i 10 miliardi. Ma a un certo punto, la curva inizierà a muoversi verso il basso. Le persone ovunque (eccetto l’Africa sub-sahariana) diventeranno sempre più anziane, comportando enormi oneri per i servizi sociali del governo.

 

Il problema è che la maggior parte dei paesi ha tassi di natalità inferiori al livello di sostituzione. E nessuno sa come convincere le donne ad avere più figli, come ha scoperto la Cina, con suo sgomento.

 

Che cosa si deve fare? Una soluzione arriva da una fonte improbabile: attivisti pro-natalismo facoltosi, fanatici della tecnologia e venture capitalists.

 

 

Capitolo 1: Elon Musk twitta ossessivamente sul crollo della popolazione

L’eccentrico miliardario è stato sposato due volte ma ora si definisce single. Ha avuto almeno nove figli con una combinazione di mogli, fidanzate e surrogate. Ecco alcuni dei suoi ultimi tweet.

 

 

  • «Contrariamente a quanto molti pensano, più qualcuno è ricco, meno figli ha. Sono una rara eccezione. La maggior parte delle persone che conosco ha zero o un figlio». Elon Musk su Twitter, 25 maggio 2022.

 

 

 

Capitolo 2: Malcolm e Simone Collins fanno qualcosa.

Malcolm e Simone irradiano una potente fiducia in se stessi. Come coppia hanno gestito società in cinque continenti che complessivamente hanno raccolto 70 milioni di dollari ogni anno; lui ha raccolto un fondo di private equity; strategia diretta alle migliori società di capitale di rischio in fase iniziale; ha scritto tre libri bestseller; è stato amministratore delegato di Dialog, un ritiro per leader globali fondato da Peter Thiel; e ha conseguito lauree in neuroscienze, economia e politica tecnologica a St Andrews, Stanford e Cambridge.

 

In un servizio su Business Insider, spiegano che vogliono salvare il mondo dal diventare un’idiocrazia nella vita reale. A cominciare da se stessi. Prima di sposarsi, si sono impegnati ad avere tra i 7 ei 13 figli. Dato che Simone era più grande, ha congelato i suoi ovuli per assicurarsi che l’età non fosse un ostacolo. Hanno già 3 figli. Nel 2018, che chiamano l’anno del raccolto, hanno prodotto e congelato quanti più embrioni possibile. Selezionano gli embrioni per l’alto QI e altri tratti preziosi. Si definiscono «hipster eugenetici».

 

«Finché ciascuno dei loro discendenti può impegnarsi ad avere almeno otto figli per sole 11 generazioni, la linea di sangue dei Collins alla fine supererà l’attuale popolazione umana», dicono a Business Insider.

 

 

Capitolo 3: Scopri tutto sull’imminente implosione della popolazione su pronatalist.org .

Dalla loro casa nella Pennsylvania rurale, la coppia Collins, altamente collegata, predica il vangelo del pro-natalismo, che è l’ultima moda tra i super ricchi della Silicon Valley.

 

Negli ultimi 20 anni circa, i miliardari sono stati ossessionati dalla longevità, aumentando la durata della vita a centinaia di anni. La ricerca su questo continua, ma alcuni hanno rivolto le loro menti alla demografia. «La persona di questa sottocultura vede davvero il percorso verso l’immortalità attraverso l’avere figli», afferma Simone.

 

Pronatalist.org, creato da Malcolm e Simone, avvisa i lettori della crisi e propone una soluzione:

 

«I tassi di natalità stanno diminuendo precipitosamente in tutto il mondo, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Se non verranno intraprese azioni drammatiche, assisteremo all’estinzione di intere società, all’espansione di governi totalitari e all’ascesa incontrollata del tribalismo».

 

Il tasso di natalità della Corea del Sud è di circa 0,81 , molto al di sotto del livello di sostituzione. I Collins lo chiamano «genocidio per inerzia». «Questo equivale a una malattia che spazza via il 94% della popolazione. Abbiamo bisogno di soluzioni radicali per salvare i gruppi etnici in via di estinzione».

 

Vedono la politica contemporanea attraverso una lente demografica:

 

«Se ti sei mai chiesto perché diverse fazioni ideologiche in politica sembrano essere sempre meno d’accordo con il passare del tempo, perché stanno diventando più autoritarie e perché il tribalismo sembra aumentare: stai assistendo alla mano invisibile del collasso demografico al lavoro».

 

«I numeri della popolazione alla fine rimbalzeranno entro poche centinaia di anni, ma i progressi che il mondo ha fatto in termini di diritti delle donne, libertà di parola, ambientalismo, uguaglianza razziale, diritti degli omosessuali, ecc. corre il rischio di una cancellazione sistematica se non interveniamo».

 

Qual è la risposta? Solo un cambiamento culturale ci salverà, sostengono. I crediti d’imposta e i bonus bebè non funzioneranno:

 

«Solo le culture con una forte motivazione esterna ad avere figli sono al momento ben al di sopra del tasso di ripopolamento; tutti gli altri entreranno nella pattumiera della storia. In sostanza, ogni cultura mondiale che non ha forti convinzioni religiose o educa e tratta le donne da pari a pari viene sistematicamente cancellata».

 

Una singola famiglia con otto figli che passa con successo quella pratica ai propri figli può salvare il loro intero gruppo etnico. (Una famiglia con otto figli per dieci generazioni porta a oltre un miliardo di discendenti)

 

 

Capitolo 4: networking per il natalismo

I Collins vogliono che tu ti unisca a loro.

 

«Stiamo costruendo attivamente una rete diversificata di famiglie con la grinta per superare questo vortice. Se ti impegni per un alto tasso di natalità e per costruire una cultura sana per la tua famiglia, vogliamo parlarti!»

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

«Picco dei bambini»: siamo 8 miliardi sul pianeta, ma il problema è la contrazione della popolazione che diverrà presto costituita da vecchia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

«Ora ci sono 8 miliardi di persone nel mondo, ma la sovrappopolazione dovrebbe essere l’ultima delle tue preoccupazioni». Questo non è un titolo che Paul Ehrlich avrebbe previsto quando pubblicò The Population Bomb quasi 55 anni fa. Invece i media al giorno d’oggi stanno evidenziando i pericoli di una popolazione in calo.

 

I loro traguardi variano, ma i demografi concordano sul fatto che la popolazione raggiungerà presto gli 8 miliardi e continuerà ad aumentare fino a circa 10 miliardi, ma poi diminuirà rapidamente man mano che gli anziani muoiono senza essere sostituiti dai bambini.

 

Un recente articolo sul Guardian sul declino della popolazione cinese (che ha uno dei tassi di natalità più bassi al mondo) dichiara: «Entro il 2050, gli analisti prevedono che una persona su quattro in Cina andrà in pensione e la popolazione attiva si ridurrà del 10%, con enormi implicazioni economiche».

 

Infatti, come riporta ABC News, mai più ci saranno così tanti bambini al mondo. «Ora abbiamo raggiunto il picco dei bambini», afferma la demografa dottoressa Elin Charles-Edwards. «Non ci saranno mai più bambini vivi sulla Terra di quanti ce ne siano oggi».

 

«Questa è una trasformazione fondamentale dell’aspetto di una società», afferma.

 

Le aliquote fiscali saranno adeguate per supportare sempre più persone, o forse il governo smetterà di sostenerle. I costi del welfare aumenteranno e potrebbero non esserci abbastanza lavoratori.

 

«In qualità di demografi, siamo persone davvero ottimiste perché abbiamo assistito a enormi cambiamenti negli ultimi 100 anni», afferma il dott. Charles-Edwards. «Tutti vivono più a lungo, muoiono meno bambini, muoiono meno donne. In tutta una serie di metriche, stiamo facendo meglio di quanto abbiamo fatto. Abbiamo visto tante piccole azioni creare enormi cambiamenti per le persone».

 

Ma i cambiamenti sono distribuiti in modo disomogeneo tra le società e tra le nazioni. I poveri soffriranno di più con la contrazione della popolazione globale, in particolare per quanto riguarda il cambiamento climatico.

 

«Sappiamo che alcune delle comunità più vulnerabili saranno le più colpite», afferma il dott. Charles-Edwards. «Se sei ricco, sei in grado di adattarti in un modo che non puoi fare se non ci sono le risorse lì. Il cambiamento climatico è il grande elefante nella stanza. Sappiamo che alcuni dei luoghi che subiranno il maggiore impatto sono i meno resilienti, quindi anche questo è qualcosa di cui dobbiamo essere consapevoli».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari