Connettiti con Renovato 21

Controllo delle nascite

La brutta verità su John Maynard Keynes e la battaglia di Bretton Woods

Pubblicato

il

 

 

 

Settantacinque anni di storici revisionisti in gran parte finanziati dalla British Roundtable/Chatham House e dalla sua filiale americana (il Council on Foreign Relations) hanno ostacolato la vera natura antimperiale dell’intenzione fondatrice di Bretton Woods e l’ordine del dopoguerra incentrato sulla Nazioni unite.

 

Allora, proprio come oggi, due fazioni opposte facevano a gara per plasmare l’essenza dell’ordine mondiale mentre la macchina nazista (finanziata da Wall Street e dalla Bank of International Settlements di Londra) volgeva al termine.

 

Allora, proprio come oggi, due fazioni opposte facevano a gara per plasmare l’essenza dell’ordine mondiale mentre la macchina nazista (finanziata da Wall Street e dalla Bank of International Settlements di Londra) volgeva al termine

Nel caso qualcuno fosse confuso su queste fazioni, non sto parlando di capitalismo contro comunismo.

 

Questa lotta di fazione in questione era tra i nazionalisti del New Deal guidati da Franklin Roosevelt contro quegli imperialisti razzisti rappresentati da Sir Winston Churchill che desideravano usare la crisi della guerra per stabilire un rianimato impero britannico rafforzato dai muscoli americani.

 

I New Dealer di Franklin Delano Roosevelt erano caratterizzati dalla loro totale adesione alla convinzione che la piaga del colonialismo dovesse essere debellata e che una nuova era di sviluppo a lungo termine di grandi progetti infrastrutturali dovesse caratterizzare la comunità delle nazioni sovrane per il prossimo secolo.

 

Questi patrioti credevano nell’internazionalizzazione del New Deal, erano impegnati a lavorare con la Russia e la Cina come alleati naturali dell’America e diffidavano profondamente degli inglesi.

 

Nel caso di Bretton Woods, dove rappresentanti di 44 nazioni si sono riuniti per due settimane per creare un nuovo sistema postbellico nel luglio 1944, questa battaglia è stata una battaglia tra il fidato consigliere economico di Franklin Delano Roosevelt Harry Dexter White (primo direttore del FMI e alleato di vicepresidente di FDR Henry Wallace) e Lord John Maynard Keynes (eugenista, pedofilo (1) e difensore dell’Impero britannico).

 

 

Churchill e Keynes: razzista duro/razzista soft imperiali

Laddove Churchill rappresentava il sostenitore conservatore impenitente del «fardello dell’uomo bianco» per esercitare il dominio sui popoli di colore «inferiori» della terra, Keynes rappresentava il poliziotto buono dell’Impero come un «socialista della società fabiana» (alias: ingegnere sociale) dalla London School of Economics.

Laddove la stirpe di Churchill preferiva falciare i propri nemici con cannoni, conteggio dei cadaveri e tortura, come si è visto nella guerra boera o nelle guerre dell’oppio o nella prima guerra mondiale, i metodi fabiani di Keynes preferivano l’attrito e la lenta sovversione

 

Laddove la stirpe di Churchill preferiva falciare i propri nemici con cannoni, conteggio dei cadaveri e tortura, come si è visto nella guerra boera o nelle guerre dell’oppio o nella prima guerra mondiale, i metodi fabiani di Keynes preferivano l’attrito e la lenta sovversione. Ad ogni modo, il risultato di entrambi i percorsi è stato lo stesso.

 

Mentre molti conoscono le opinioni razziste e filofasciste di Sir Churchill che parlava con ammirazione di Mussolini e persino di Hitler (2) nei primi giorni in cui si credeva ancora che questi fascisti e corporativi avrebbero agito come signori in marcia per l’oligarchia finanziaria, ma la maggior parte delle persone non sa che Keynes ha anche sostenuto Hitler e disprezzato Franklin Delano Roosevelt.

 

Contraddicendo il mito che Franklin Delano Roosevelt fosse un keynesiano, il suo l’assistente Francis Perkins registrò l’interazione del 1934 tra i due uomini quando Roosevelt le disse (3):

 

«Ho visto il tuo amico Keynes. Ha lasciato tutta una filastrocca di cifre. Deve essere un matematico piuttosto che un economista politico. In risposta, Keynes, che allora stava cercando di cooptare la narrativa intellettuale del New Deal, dichiarò di aver “supposto che il presidente fosse più istruito, economicamente parlando”».

 

 

Keynes l’eugenista Fabiano

Sebbene Keynes sia annunciato come la luce guida del New Deal (e, come tale, difeso dai moderni Green New Dealer e dai tecnocrati del Great Reset che desiderano imporre al mondo un sistema di governo dall’alto verso il basso), il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale.

Il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale

 

Ciò si vedrà chiaramente in 1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza di purificazione razziale e controllo della popolazione, e 3) la sua devozione generale al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society.

 

Fin dai suoi primi giorni a Cambridge, dove salì rapidamente fino a diventare uno degli apostoli selezionati di Cambridge (4), Keynes si dedicò al servizio dell’impero, diventando Cavaliere dell’Ordine di Bath e Ordine di Leopold nel 1919.

 

Il suo libro dell’inizio del 1911 sulla  Valuta e la finanza indiana (5)(condotto durante la sua incursione quinquennale nell’Ufficio indiano dell’Impero) ignorò tutte le reali ragioni politiche per le carestie che affliggevano l’India e sostenne freddamente una maggiore integrazione del sistema bancario indiano nel Controlli della City di Londra che risolverebbero in qualche modo i problemi dell’India.

 

1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza di purificazione razziale e controllo della popolazione, e 3) la sua devozione generale al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society

La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione (6) dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava «guerra, carestia e malattia» come i doni che la natura dava ai forti per gestire i deboli.

 

Mentre le sue ultime Conseguenze della pace del 1919   sembravano essere un avvertimento ragionevolmente comprensivo che le riparazioni draconiane di Versailles avrebbero fatto danni incredibili e avrebbero portato a una nuova guerra mondiale, in realtà Keynes stava mostrando un freddo gioco di prestigio.

 

Servendo come rappresentante del Tesoro britannico alla Conferenza di Versailles, Keynes non si oppose mai al fascismo: sostenne semplicemente che un percorso più liberale verso il fascismo globale poteva essere stabilito sotto la direzione della Banca d’Inghilterra. La sua opposizione, tuttavia, all’approccio più violento preferito dagli imperialisti conservatori tra gli intellettuali britannici, era di forma più che di sostanza.

 

Keynes e i suoi compagni Fabiani HG Wells, Bertrand Russell e GB Shaw preferivano il «gioco lungo», «lento e costante», che ricorda il generale romano Quinto Fabio Massimo che notoriamente combatteva i suoi nemici con un lento logoramento piuttosto che in uno scontro su vasta scala (6).

 

A causa della generale ignoranza del pubblico su questa strategia, celebriamo questi luminari della Fabian Society per il loro pacifismo, sebbene in realtà fossero altrettanto razzisti, fascisti e amanti dell’eugenetica come le loro controparti più miopi e ostinate sir Oswald Mosley, Lord Alfred Milner e persino Winston Churchill.

La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione (6) dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava «guerra, carestia e malattia» come i doni che la natura dava ai forti per gestire i deboli.

 

Laddove la vera soluzione alla stampa iperinflazionistica di denaro e alla chiusura dell’economia industriale della Germania negli anni del primo dopoguerra si trovava nell’accordo russo-tedesco di Rapallo (distrutto con l’assassinio del ministro degli Esteri del sistema americano Walter Rathenau) (8), Keynes e i suoi simili chiedevano semplicemente l’integrazione economica del sistema bancario e militare tedesco sotto il controllo della Banca d’Inghilterra/Lega delle Nazioni.

 

 

Keynes: discepolo di Thomas Malthus

Definendo la sua fede misantropica nella sovrappopolazione, l’economista della British East India Company Thomas Malthus (1766-1834) affermava una nuova «legge fondamentale» nel suo famoso Saggio sulla popolazione del 1799 :

 

«Il potere della popolazione è così superiore al potere della terra di produrre sussistenza per l’uomo, che la morte prematura deve in un modo o nell’altro visitare la razza umana».

Come si potrebbe evitare questa crisi? Malthus risponde come solo un devoto imperialista potrebbe:

 

«Dovremmo facilitare, invece di tentare stupidamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, affollare più gente nelle case e corteggiare il ritorno della peste».

 

«Dovremmo facilitare, invece di tentare stupidamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, affollare più gente nelle case e corteggiare il ritorno della peste» Thomas Malthus

Sebbene alcuni apologeti considerassero Keynes un anti-malthusiano, a causa della sua teoria che la sovrappopolazione potesse essere superata incoraggiando la spesa piuttosto che il risparmio, il che, a sua volta, avrebbe in qualche modo creato mercati e quindi nuove fabbriche e maggiore crescita, la realtà era l’opposto.

 

Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha anche plagiato molte delle teorie di Malthus (9), ad esempio quella della «deficit della domanda che causa disoccupazione e recessione» delineata nel suo Trattato sul danaro del 1930. Nel suo Saggio su Malthus del 1933 (10), Keynes scrive:

 

«Pensiamo a Malthus oggi come il primo degli economisti di Cambridge, soprattutto come un grande pioniere dell’applicazione di una cornice di pensiero formale alla complessa confusione del mondo degli eventi quotidiani. Malthus ha affrontato i problemi centrali della teoria economica nel migliore dei modi».

 

Nella sua conferenza del 2 maggio 1914 Popolazione (11), Keynes sosteneva che il governo dovrebbe «modellare la legge e la consuetudine deliberatamente per determinare quella densità di popolazione che dovrebbe esserci» e che  «ci sarebbe più felicità nel mondo se la popolazione di esso dovesse essere diminuito».

 

Dicendo che  «India, Egitto e Cina sono gravemente sovrappopolati»,  Keynes ha sostenuto l’uso della violenza per difendere le  «razze bianche superiori»  in questa lotta per la sopravvivenza con il pacifista dicendo:

 

«Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere la nostra standard di vita da lesioni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una certa spartizione del mondo; e suppongo che questo non possa inverosimilmente provocare guerre razziali. In ogni caso tali guerre riguarderanno una questione sostanziale».

Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha anche plagiato molte delle teorie di Malthus

 

Come presidente ad interim della Lega Neo-Malthusiana, Keynes dichiarò nel 1927:

 

«Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel problema molto più grande dell’Eredità e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione».

 

Nel 1946, Keynes, ancora un membro della Società Britannica di Eugenetica (dopo aver prestato servizio come l’agenzia di vicepresidente 1936-1944) ha scritto in  The Eugenics Review:  «il tipo di mente eccentrica, scettica, osservatrice, abbagliante, cavalleresca di Galton lo ha portato alla fine a diventare il fondatore della più importante, significativa e, aggiungerei, genuina branca della sociologia che esiste, vale a dire l’eugenetica».

 

Questa non era una teoria della torre d’avorio, ma concetti con un significato molto reale.

 

Nel 1937, la Teoria generale dell’occupazione di  Keynes fu pubblicata nella Germania nazista. Se qualcuno desidera difendere l’idea che l’economista fosse in qualche modo un difensore antifascista dei «valori liberali”, legga le sue stesse parole nella prefazione e poi ridefinisca i “valori liberali» o la loro ingenua idea di Keynes:

«Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere la nostra standard di vita da lesioni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una certa spartizione del mondo; e suppongo che questo non possa inverosimilmente provocare guerre razziali. In ogni caso tali guerre riguarderanno una questione sostanziale» E.M, Keynes

 

«Posso forse aspettarmi di trovare meno resistenza tra i lettori tedeschi che tra quelli inglesi, quando presento loro una teoria dell’occupazione e della produzione nel suo insieme… La teoria della produzione nel suo insieme, oggetto di questo libro, può essere molto più adatta alle condizioni di uno stato totalitario, che la teoria della produzione e della distribuzione della ricchezza in circostanze di libera concorrenza».

 

Lo stesso Hitler non era solo un devoto eugenista (le cui politiche di purificazione razziale sono emerse grazie al finanziamento della Rockefeller, della Carnegie Foundations e dell’establishment britannico), ma era anche un devoto detto malthusiano (12):

 

«Verrà certamente il giorno in cui l’intera umanità sarà costretta a frenare l’incremento della specie umana, perché non vi sarà più alcuna possibilità di adeguare la produttività del suolo al perpetuo aumento della popolazione».

 

 

Keynes contamina Bretton Woods

Durante la conferenza di Bretton Woods tenuta nel New Hampshire dal 1 al 20 luglio 1944, i due paradigmi opposti si scontrarono di nuovo, proprio come avevano fatto nel 1776 o nel 1867 sui termini dell’ordine mondiale del dopoguerra. Da un lato il sistema americano di anticolonialismo ha gareggiato per un sistema di collaborazione vantaggiosa per tutti e multipolarismo, mentre dall’altro, il sistema britannico di malthusianesimo a somma zero ha spinto per un dominio anglosassone unilaterale sul mondo.

 

Questo scontro prese la forma delle battaglie condotte dal fidato collaboratore di FDR Henry Dexter White contro John Maynard Keynes a Bretton Woods, dove 730 delegati in rappresentanza di 44 nazioni si riunirono per definire i termini dell’ordine del dopoguerra.

 

«Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel problema molto più grande dell’Eredità e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione» E.M. Keynes

Sebbene questa conferenza sia notoriamente associata alla creazione della Banca mondiale, del Fondo Monetario Internazionale e dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT), si presume erroneamente che sia una creazione keynesiana.

 

Il ruolo di Keynes come rappresentante dell’Impero britannico, proprio come il suo precedente ruolo a Versailles nel 1919, fu definito dall’intenzione a tutti i costi di plasmare le condizioni di un ordine mondiale post-nazione per conto della City di Londra.

 

Come Bertrand Russell e altri apostoli di Cambridge prima e dopo, Keynes è stato addestrato nel dispiegamento sofisticato di statistiche e logica matematica per coprire lo stupro imperiale delle nazioni bersaglio.

 

Lord Keynes fu schierato per guidare la delegazione britannica a Bretton Woods e portare avanti un piano che prevedeva la creazione di un’Unione di Compensazione Internazionale controllata dalla City di Londra che denominasse tutti i pagamenti in un’unità contabile comune: il Bancor.

 

Il Bancor verrebbe utilizzato per misurare i disavanzi commerciali o eccedentari di tutte le nazioni, espropriando i surplus entro la fine dell’anno e tassando i paesi con deficit.

L’imposizione di una «architettura matematica» sui sistemi fisici (non matematici) delle Nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di «equilibrio matematico»

 

L’imposizione di una «architettura matematica» sui sistemi fisici (non matematici) delle Nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di «equilibrio matematico».

 

La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo oggi.

 

 

Bretton Woods come un New Deal globale

In opposizione a Keynes, il programma anticoloniale di Franklin Delano Roosevelt era rappresentato dal suo stretto alleato Harry Dexter White e dal segretario al Tesoro Henry Morganthau.

 

White (oggi calunniato come agente sovietico dagli storici affiliati al CFR) ha combattuto con le unghie e con i denti per assicurarsi che la Gran Bretagna non sarebbe stata al posto di guida del nuovo sistema economico emergente o degli importanti meccanismi del FMI a cui sarebbe andato a capo.

 

La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo oggi.

White si assicurò che il sistema di «preferenza» economica coloniale utilizzato dalla Gran Bretagna per mantenere il saccheggio del libero scambio in tutto il suo impero fosse distrutto e la sterlina non svolgesse un ruolo primario nel commercio globale.

 

Invece, fu istituito un sistema di tassi di cambio fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica ) era una spina dorsale per il commercio mondiale.

 

A Bretton Woods, Dexter White e Henry Morganthau hanno raggiunto accordi per fornire vasti trasferimenti di tecnologia per aiutare l’industrializzazione del Sud America. (13)

 

Allo stesso tempo, le delegazioni dell’India, dell’Europa orientale e della Cina hanno presentato programmi su larga scala modellati sul New Deal. (14)

 

È degno di nota il fatto che la delegazione cinese introdusse i piani infrastrutturali elaborati per la prima volta da Sun Yat-sen nel suo 1920  International Development of China (15)approvati insieme sia da Mao che da Zhou Enlai che da Chiang Kai-Shek del Kuomintang!

 

Fu istituito un sistema di tassi di cambio fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica ) era una spina dorsale per il commercio mondiale

Se questi piani non fossero stati sabotati, è sorprendente considerare quale tipo di progresso si sarebbe potuto aprire per i cinesi 70 anni prima che qualcuno sentisse il termine «Belt and Road Initiative».

 

In questa fase iniziale, la Russia era ancora felice di essere un membro fondatore del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale, progettati per agire come meccanismi di prestito a basso costo per lo sviluppo globale a lungo termine, a basso interesse e ad alta tecnologia.

 

Commentando il sostegno al sistema di reciproco interesse postbellico di Franklin Delano Roosevelt, Stalin aveva dichiarato:

 

«Possiamo contare che le attività di questa organizzazione internazionale siano sufficientemente efficaci? Saranno efficaci se le Grandi Potenze che hanno sopportato il peso della guerra contro la Germania di Hitler continueranno ad agire in uno spirito di unanimità e armonia. Non saranno efficaci se questa condizione essenziale viene violata».

 

Proprio come la Reconstruction Finance Corporation (RFC) è stata utilizzata come banca nazionale per finanziare migliaia di grandi progetti di infrastrutture, trasporti, energia e acqua durante il New Deal e proprio come Glass-Steagall ha rotto il monopolio della finanza speculativa privata sull’economia produttiva , questi New Dealer desideravano utilizzare la Banca Mondiale e il FMI per emettere credito produttivo a lungo termine ea basso interesse per progetti di mega infrastrutture a lungo termine in tutto il mondo. Non solo nella ricostruzione dell’Europa.

 

Tra le figure di spicco di questo gruppo di patrioti c’erano il sottosegretario di Stato Sumner Welles, il confidente di FDR Harry Hopkins e il leader del partito repubblicano Wendell Willkie che lavorò a stretto contatto con il suo rivale democratico diventando un «ambasciatore del New Deal» internazionale.

 

«Ho cercato di chiarire… che mentre siamo alleati [della Gran Bretagna] e in esso per la vittoria al loro fianco, non devono mai avere l’idea che ci siamo solo per aiutarli a mantenere il loro arcaico, idee sull’impero medievale… spero che si rendano conto di non essere un socio anziano; che non staremo a guardare il loro sistema vanificare la crescita di ogni Paese in Asia e metà dei Paesi in Europa che dobbiamo riavviare»

Nel 1942, dopo essere stato inviato da FDR in un tour mondiale per organizzare un progetto internazionale del New Deal in una corsa per porre fine al colonialismo, Willkie scrisse:

 

«In Africa, in Medio Oriente, in tutto il mondo arabo, così come in Cina e in tutto l’Estremo Oriente, libertà significa abolizione ordinata ma programmata del sistema coloniale… Quando dico questo per avere la pace questo mondo deve essere libero, sto solo segnalando che è iniziato un grande processo che nessun uomo – certamente non Hitler – può fermare… Hanno aperto i libri. Le vecchie paure non li spaventano più… Sono decisi, come devono essere, che non c’è più posto per l’imperialismo all’interno della loro società che nella Società delle Nazioni».

 

La battaglia di Franklin Delano Roosevelt con Churchill su questo argomento è stata ben documentata nel libro di suo figlio/assistente Elliot Roosevelt  As He Saw It  (1946):

 

«Ho cercato di chiarire… che mentre siamo alleati [della Gran Bretagna] e in esso per la vittoria al loro fianco, non devono mai avere l’idea che ci siamo solo per aiutarli a mantenere il loro arcaico, idee sull’impero medievale… spero che si rendano conto di non essere un socio anziano; che non staremo a guardare il loro sistema vanificare la crescita di ogni Paese in Asia e metà dei Paesi in Europa che dobbiamo riavviare».

 

Questa visione è stata espressa continuamente da Franklin Delano Roosevelt nei suoi centinaia di discorsi, così come dal suo vicepresidente Henry Wallace, nella creazione della Carta atlantica e delle Quattro libertà. E ‘stato incorporato nella difesa della sovranità nazionale nella Costituzione delle Nazioni Unite (apparentemente inesistente nella Società  delle Nazioni diretta dai britannici in  precedenza). Doveva essere lo spirito di governo che animava il mondo mentre l’umanità entrava in un’età matura della ragione creativa.

 

 

Allora, cos’è successo?

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

 

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

Alla morte del presidente, Harry Dexter White è stato estromesso dalla sua posizione di direttore del FMI ed etichettato come agente comunista.

 

Henry Wallace fu estromesso per ragioni simili e lavorò con White in un’offerta presidenziale del 1948 come candidato presidenziale di terze parti.

 

William Willkie (che aveva discusso della creazione di un nuovo partito con FDR) morì nell’ottobre 1944 e il braccio destro di FDR Harry Hopkins che fece di più per instaurare uno stretto legame di amicizia con Stalin, morì nel 1946.

 

Elliot Roosevelt intervistò Stalin alcuni anni in seguito, e registrato che Stalin ha sempre creduto che il padre di Elliot fosse stato avvelenato (16) «dalla banda di Churchill». Nel 1946, Churchill inaugurò la Guerra Fredda mettendo ex alleati l’uno contro l’altro per i restanti 70 anni mentre sganciava bombe nucleari su un Giappone sconfitto. Stalin si è lamentato della morte di Roosevelt dicendo che «il grande sogno è morto».

 

Sulla scia della morte di FDR, il modello di governo di Keynes che permeava il sistema operativo dell’era postbellica, assicurò che i progetti su larga scala guidati dall’intenzione che avrebbero potuto finalmente porre fine al colonialismo non avrebbero visto la luce del giorno.

 

All’oligarchia ci sono voluti altri 25 anni per smantellare il sistema di cambio fisso di Bretton Woods che ha portato alla fluttuazione del dollaro USA da parte di Nixon nel 1971 sui mercati speculativi, convertendo il mondo sempre più in un sistema di casinò militarizzato.

 

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

Invece di essere usati come strumenti per la crescita a lungo termine, come previsto, il FMI e la Banca Mondiale sono stati usati come strumenti di schiavitù del debito e ricolonializzazione, come delineato nelle Confessioni di un sicario dell’economiadi John Perkins. (17)

 

(…)

 

Matthew Ehret

 

 

Articolo pubblicato su gentile concessione dell’autore. 

 

 

 

NOTE

1) Da  Keynes: A Critical Life  di David Felix: «[Keynes] consigliò Lytton, che stava andando in vacanza a Tunisi e in Sicilia, sulle modalità “se vuoi andare dove ballano i ragazzi nudi”. Rispondendo al gusto scatologico dell’amico, ha concluso con i versi di una poesia: “Abbiamo pagato la nostra causa a Giano/ Ho scambiato una bocca per l’altro ano”. Lui stesso stava per raggiungere un vecchio compagno di classe, ora ufficiale coloniale lì: “Parto per l’Egitto… ho appena saputo che “il ragazzo da letto” è pronto».

 

2)  Nel 1927, Churchill disse a Mussolini: «Se fossi stato italiano, sono sicuro che sarei stato con te con tutto il cuore dall’inizio alla fine nella tua lotta trionfante contro gli appetiti e le passioni bestiali del leninismo» e nel 1935 disse di Hitler: «il coraggio, la perseveranza e la forza vitale che gli hanno permesso di… superare tutte le… resistenze che gli hanno sbarrato il cammino». Un quadro completo delle opinioni filofasciste di Churchill è messo a nudo in «The Real Winston Churchill»di Richard Seymour, Jacobin Magazine.

3) Frances Perkins, The Roosevelt I Knew, Viking Press, 1946

4) Murray Rothbard, Keynes, the Man, Von Mises Institute, 2010, p.13

5) John Maynard Keynes, Indian Currency and Finance, MaCMillan &Co., 1913

6) Shashi Tharoor, Inglorious Empire: what the British did to India,, Hurst, 2017

7) Per un’esposizione più completa delle origini, degli scopi e dei risultati della Fabian Society, vedere: What is the Fabian Society and to What End was it Created?  dell’autore, Canadian Patriot Review, 2013

8) Si veda il capitolo 4 per il sabotaggio dell’Accordo di Rapallo del 1923

9) Steve Kates, Keynes’s plagiarism of Malthus and McCracken , History of Economic Ideas, 2010

10) John M. Keynes,  Thomas Robert Malthus, Essays in Biography, 1933

11) La trascrizione completa del discorso di Keynes del 1914 è ri- pubblicato come appendice in Jay Taylor, Keynes on Eugenics, Race, and Population Control, Von Mises Institute, novembre 2019

12) Renee Nal, «The Enduring Influence of Thomas Malthus», Fondazione RAIR, 14 novembre 2019

13) Gerry Rose, «New Understanding of the Bretton Woods Agreements Opens the Door to the Four Powers Dialogue», EIR, 21 agosto 2020

14)  Mr. Atish R. Ghosh e Miss Mahvash S Qureshi,  From Great Depression to Great Recession: The Elusive Quest for International Policy Cooperation, FMI, 30 marzo 2017

15) The International Development of China by Sun Yat-sen, Shanghai Commercial Press, 1920

17)Rick Hampson, «Stalin Admitted Knowledge Of English, Roosevelt’s Son Says », Associated Press, 6 febbraio 1986

17)  John Perkins, Confessioni di un sicario dell’economia, Berrett-Koehler Publishers Inc., 2004

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Vaccini e infertilità, una storia reale

Pubblicato

il

Da

Vaccini creati per sterilizzare le donne – senza alcun consenso.

 

Miriadi di ragazze africane, divenute d’improvviso infertili, dopo un’iniezione di antitetanica promossa dal governo kenyota e dagli enti sanitari globali. Un incubo, un capitolo scioccante del libro della Necrocultura, dove, molto apertamente, i vaccini si dimostrano strumenti di morte.

 

Sapevamo di questa storia. Renovatio 21, varie volte, ne ha parlato. Però vederla raccontata per la prima volta dai protagonisti mette i brividi. Soprattutto, se pensiamo che si tratta solo della punta dell’iceberg: il programma di vaccinazione per il tetano che in verità segretamente sterilizzava le donne è probabilmente stato ripetuto da altre parti.

 

Di più: è inevitabile pensare che il Terzo Mondo sia solo un laboratorio di cavie umane per qualcosa che sarà implementato in tutti i Paesi, sviluppati o meno – se non lo è già stato…

 

Si resta sgomenti a guardare l’ultima fatica audiovisiva di Andrew Wakefield, Infertilità: un’agenda diabolica. Il film, della durata di mezz’ora, è stato realizzato dal dottore noto per lo scandalo farmaceutico del secolo (il saggio che si azzardava a domandarsi si esistesse mai una correlazione tra autismo e vaccino MPR) per la distribuzione di Children’s Health Defense di Robert F. Kennedy jr. Sul sito è disponibile la trascrizione in lingua italiana.

 

 

Il mediometraggio lascia parlare chi la storia dei vaccini sterilizzanti la ha vissuta, in dialoghi strazianti e sconvolgenti.

 

«In qualità di ginecologo, negli ultimi anni abbiamo visto un drammatico aumento del numero di donne che perdono la gravidanza, del numero di donne che vengono qui con minacce di aborto, con emorragie all’inizio della gravidanza. Vediamo anche molte di giovani coppie con problemi di infertilità» dice un medico kenyota.

 

«Ho visto le lacrime. Hanno perso la loro identità. Si muore dentro».

 

«Ho avuto un percorso difficile con molti aborti spontanei. Nel primo avevo portato avanti la gravidanza per circa tre settimane. Poi sono rimasta di nuovo incinta e ho portato avanti quella gravidanza per circa quattro settimane» dice una ragazza.

 

Questa catastrofe ruota attorno ad una molecola, la gonadotropina corionica umana, detta HCG.

 

L’HCG è il primo segnale che indica alla donna che è incinta. L’HCG dice alle ovaie di produrre un secondo ormone, chiamato progesterone, che sostiene la gravidanza.

 

Se si creano anticorpi contro l’HCG, il nuovo bambino si sta formando nell’utero della donna viene distrutto come se fosse un batterio o un virus, in modo che il segnale venga completamente perso, e quindi le ovaie non producono progesterone. Quindi, se si hanno livelli sufficientemente elevati di anticorpi anti HCG, la donna diventa di fatto sterile.

 

«Ma come fa una donna a sviluppare anticorpi contro l’HCG, una malattia autoimmune in cui il corpo attacca se stesso?» si chiede la narratrice del film.

 

«Questa è la domanda che si sono posti e a cui hanno risposto degli sviluppatori di vaccini che hanno provato a creare un vaccino anti-fertilità per conto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, a partire dall’inizio degli anni ’70. Questo programma di ricerca e sviluppo fu intrapreso in risposta alla percezione di sovrappopolazione».

 

Si tratta di storia, storia reale. Dal ’72 al ’92, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha finanziato la ricerca e lo sviluppo di un vaccino sterilizzante.

 

«Si tratta di fatti indiscutibili. L’OMS, attraverso la sua task force sui vaccini per la regolazione della fertilità, ha sostenuto la ricerca su un vaccino sintetico contro la molecola HCG. Per immunizzare una donna dal rimanere incinta o abortire una gravidanza andata a buon fine, gli scienziati hanno scoperto che bastava combinare la subunità beta dell’HCG con il tossoide tetanico utilizzato nel vaccino antitetanico di routine».

 

Quindi, durante questi programmi di vaccinazione. non solo la donna sviluppava anticorpi contro il tetano, ma anche anticorpi contro l’HCG, compreso quello prodotto dal suo stesso corpo.

 

Apprendiamo che in passato, nonostante l’entusiasmo delle élite del Terzo Mondo, i programmi di questo tipo erano saltati. In molti avevano compreso che come «una campagna di vaccini contro la fertilità potesse essere camuffata come un programma per il vaccino antitetanico».

 

«In particolare, la Lega delle donne cattoliche delle Filippine aveva ottenuto un ordine del tribunale per stoppare il programma dell’UNICEF contro la fertilità che utilizzava il vaccino antitetanico addizionato con HCG».

 

Tuttavia, a metà anni Novanta, ecco che ci riprovano in Kenya:  l’OMS pianifica una campagna di vaccino antitetanico nelle donne keniote in età fertile. Il dottor Karanja, un medico che aveva capito tutto (anche grazie ad un’imbeccata ricevuta ad un convegno a Houston sulla presenza di programmi di sterilizzazione in vari Paesi camuffati da vaccinazioni antitetaniche convince i leader della Chiesa cattolica, un grande fornitore di assistenza sanitaria, a chiedere che i vaccini vengano testati per l’HCG.

 

In risposta, senza fornire spiegazioni, l’OMS  abbandona la campagna.

 

Ma non è finita. D’un tratto, 19 anni dopo, l’OMS riesuma l’operazione. A differenza del caso del 1995, questa volta c’è la benedizione del governo keniota. Nell’ottobre di quell’anno fu avviato un programma contro il tetano neonatale.

 

Ne esce un calendario vaccinale fraudolento fino alla follia.

 

«Il vaccino anticoncezionale può produrre sterilità, ma bisogna fare più iniezioni» dice un esperto sentito da Wakefield. «Ce ne vogliono circa cinque per essere davvero efficaci, distanziate di circa sei mesi. È interessante notare che i vaccini antitetanici possono essere fatti ogni cinque anni, o forse 10 anni. Non è necessaria un’iniezione ogni sei mesi, e di certo non ne servono cinque

 

La Chiesa cattolica, a questo punto, prende in mano la situazione, e ordina dei test su vaccini impiegati nella campagna vaccinale antitetanica 2014..

 

A Nairobi, tre laboratori indipendenti analizzano campioni di fiale del vaccino antitetanico dell’OMS utilizzato nel marzo 2014. VI sono, evidenti, tracce di HCG. A ottobre i medici cattolici analizzano altre sei fiale, in sei diversi laboratori accreditati. La Beta-HCG viene trovata nella metà dei campioni.

 

I vescovi a questo punto chiedono l’immediata sospensione del programma vaccinale. «Chiediamo alla nostra gente di non partecipare, e a non lasciarsi influenzare da ciò che sta accadendo senza una chiara informazione» dice un vescovo in una conferenza pubblica. I prelati kenyoti hanno compreso il gioco satanico dei vaccini, e pure la propaganda infame che li circonda.

 

Il governo del Kenya, imbarazzato dall’eco mondiale della storia, istituisce  un comitato di esperti per testare i vaccini, con tre componenti scelti del governo e tre nominati dai vescovi cattolici. Si decide di testare i nove vaccini già testati. Si decide pure di andare a prendere alcuni campioni dal deposito di vaccini antitetanici del governo.

 

Il governo, a quanto risulta, fa pressioni sui laboratori perché dichiarino i vaccini sicuri. Le fiale che vengono dai magazzini governativi sono immacolate, anche se appartengono magari a lotti dove in precedenza è stata trovata l’HCG. Tutte le fiale già risultate positive, lo sono una seconda volta.

 

«L’OMS era estremamente arrabbiata. Non si va mai, ripeto, non si va mai contro l’OMS qui in Africa» dice un dottore intervistato. La campagna OMS di incoraggiamento delle madri a fare il vaccino per il tetano continua.

 

A questo punto, OMS e UNICEF – pazzesco – accusano la Chiesa cattolica di mentire, di «diffondere disinformazione». Di più: il ministro va in TV e accenna alla possibilità che i cattolici abbiano loro contaminato di HCG le fialette risultate positive.

 

Per i medici che avevano sostenuto la causa, parte la persecuzione. Ecco ordini del tribunale che proibiscono ai medici di parlare di vaccini, in quanto le loro parole «sono un pericolo» per il Paese. Ecco la reazione dell’Ordine dei Medici locale. Cose che oggidì conosciamo bene.

 

Uno di questi medici, il dottor Karanja, il 29 aprile 2021 viene ucciso, ufficialmente dal COVID. La sua storia ricorda non poco Il giardiniere tenace di John LeCarré.

 

Il dottor Karanja aveva un messaggio netto per tutti noi:

 

«Quando avranno finito con l’Africa, verranno a prendere voi. Tenete pronti i vostri figli. Verranno per loro e verranno per voi».

 

Il lettore di Renovatio 21 sa a cosa siamo dinanzi: un programma di spopolamento attuato con ferrea volontà e infinita disponibilità di capitale e di influenza.

 

Il lettore di Renovatio 21 sa bene chi è in grado di esprimere questo rarissimo, impossibile mix di danaro e potenza politica globale.

 

Il nome lo fa il film stesso, dopo i titoli di coda, quando si intervista un dottore americano.

 

«Da tempo sono preoccupato per Bill Gates. Il primo contatto che ho avuto con il suo programma è stato ad una sessione della Società Americana di Ginecologia Pediatrica e dell’Adolescenza. L’ospite d’onore era Malcolm Potts, dell’Università di Berkeley in California. Era il capo della International Planned Parenthood Federation. Era un consulente di Bill Gates. Era al corrente di ciò che Bill Gates stava facendo. Immaginate, eravamo seduti a una sessione di discussione, e lui si vantava del successo del loro programma in Africa».

 

«Organizzavano feste a base di Depo-Provera ogni mese, con ogni sorta di pompon, perline e regali alle ragazze di 12 anni, come occasione per iniettare loro il Depo-Provera, che assicura l’infertilità di quelle giovani donne tribali nonché la fine dei loro normali cicli riproduttivi per tutto il tempo in cui erano sotto Depo-Provera, e, nella maggior parte dei casi, ben oltre».

 

«Ho visto moltissimi casi in cui il Depo-Provera ha causato infertilità permanente».

 

«È difficile credere che queste ragazze africane sapessero cosa stesse accadendo loro, perché molte di loro non avevano neanche avuto cicli riproduttivi abbastanza a lungo da sapere cosa sia la normalità».

 

«Naturalmente, le giovani non sono state messe al corrente del fatto che questo le avrebbe private dei loro cicli riproduttivi e della loro fertilità non solo per mesi, ma per anni, e che avrebbe portato a osteoporosi precoce, obesità, depressione e altre gravi conseguenze. In pratica si sta togliendo la salute riproduttiva a una donna».

 

«Il lavoro che stavano facendo in Africa era sotto l’egida della Fondazione Gates. Col senno di poi, mi ha preoccupato allora, e mi preoccupa ancora di più ora che vediamo quello che è successo con il vaccino Gardasil, e potenzialmente con altri vaccini più recenti».

 

Fast forward ai nostri giorni, l’era della siringa mRNA.

 

Questo sito vi ha parlato dal primo momento dei dubbi su vaccino e fertilità femminile, cosa per cui siamo stati immediatamente fact-checkati ed esposti al pubblico ludibrio persino in siti dell’Università. Ora non sono solo conosciute, e ammesse, le alterazioni al ciclo. Da qualche giorno è divenuto chiaro come l’infertilità da vaccino COVID possa colpire gli uomini.

 

Come siamo arrivati fin qui?

 

Questo sito vi ha parlato del programma di Gates, tra cene con ultramiliardari (Soros, gli immancabili Rockefeller) e finanziamenti-monstre a Planned Parenthood, dipanato nei decenni.

 

L’uomo che parlava solo di sovrappopolazione (con un padre che serviva nel board della multinazionale dell’aborto) improvvisamente si mette a parlare di vaccini…

 

Ora dovrebbe esservi un po’ più chiaro il disegno infernale dietro a tutto questo.

 

È oscuro, è pazzesco, è – come dice il titolo del film – diabolico.

 

Soprattutto, è un piano che stiamo subendo tutti, in cui siamo dentro fino al collo.

 

Il dottor Karanja presumeva che sarebbero passati dall’Africa all’Europa. Ebbene, lo hanno fatto, devastando il vecchio continente più di quanto non abbiano fatto con le donne africane.

 

Non manca molto alla rivelazione. Sarà mostruoso. E si è svolto tutto sotto i nostri occhi.

 

Lo diciamo nella tristezza e nella speranza: per alcuni di noi, per chi ha capito per tempo, per chi ha saputo ascoltare, riflettere, soffrire, mantenere il sangue puro, non è troppo tardi.

 

Questo, credetici, è già tantissimo. È tutto.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine screenshot dal film

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Maternità e lavoro: le parole di un grande imprenditore

Pubblicato

il

Da

Un grande imprenditore veneto, Roberto Brazzale, dice la sua riguardo al tema della maternità e del lavoro.

 

Brazzale, attivo nel settore caseario con impianti in Italia e in Repubblica Ceca, parla di come in quest’ultimo Paese la maternità sia stata «messa al centro».

 

Per Praga, la mamma o eventualmente il papà possono rimanere a casa fino a quattro anni. Fino a tre anni hanno la certezza di mantenere il posto di lavoro.

 

Parimenti, il governo ceco offre alle madri (comprese le studentesse, comprese le madri non-lavoratrici) un contributo di 500 euro. L’ottimo sistema di asili cechi, dice Brazzale, costa 60 euro al mese inclusa la mensa.

 

«Fare figli ritorna ad essere bello. Ritorna ad essere un momento aureo della vita. E tutta la società gode di questa bellezza, perché le strade, le piazze, sono piene di mamme, di papà che hanno il tempo di stare con i bambini».

 

Brazzale, anni fa, ha quindi cominciato autonomamente un programma per aiutare le sue dipendenti che diventano madri, «perché è inaccetabile che una lavoratrice abbia il terrore di comunicare al datore di lavoro che aspetta un bambino… ma dove siamo finiti?»

 

«Con i denari del PNRR noi dovremo finanziare 25 anni di congedo parentale triennale» dice Brazzale, di cui Renovatio 21 ha pubblicato l’appello agli industriali nella giornate della vita l’anno passato.

 

Il lettore di Renovatio 21 può rendersi conto di che cosa stiamo parlando: in un momento in cui le aziende USA si affrettano a dire che gli aborti delle loro dipendenti li pagheranno loro (così da tenersele strette a lavorare evitando il periodo a casa col pancione e col bambino, notoriamente nemici del capitale globale), noi abbiamo qui un imprenditore del genere.

 

Che dire: avercene. Avercene.

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da Youtube

 

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Il Nuovo Ordine Mondiale nelle parole del cardinale Ratzinger

Pubblicato

il

Da

È morto a inizio del mese, nel silenzio assordante del Vaticano, Monsignor Michel Schooyans, instancabile nemico della Cultura della Morte e delle Istituzioni che la propolano.

 

Il filosofo e presbitero belga non aveva paura, ad esempio, di puntare il dito direttamente contro le Nazioni Unite. Potete leggere Il complotto dell’ONU contro la vita (edizioni EFFEDIEFFE) per capire il livello di dettaglio con il quale mons. Schooyans sostanziava le sue accuse al sistema internazionale piegato al volere della Necrocultura, in particolare all’idea di riduzione della popolazione umana presente sul pianeta.

 

Il mondialismo, aveva compreso lo Schooyans, era un enorme programma di aborto e contraccezione, cioè un piano che prevedeva la morte massiva di miliardi di esseri umani.

 

Nel 2000 il teologo di Bruxelles pubblicò il libro Nuovo disordine mondiale. La grande trappola per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità, che si avvaleva dell’introduzione entusiastica dell’allora cardinale Joseph Aloisius Ratzinger,  divenuto papa 5 anni dopo con il nome di Benedetto XIV.

 

Lo scritto del Ratzinger è particolarmente interessante, perché nomina specificatamente un concetto, quello di Nuovo Ordine Mondiale, oggi particolarmente vivo nella mente di coloro ai quali è stata data la possibilità di vivere questi anni e di riflettere sul significato di ciò che sta accadendo.

 

Scrive il futuro papa:

 

«Ci sono i tentativi di costruire il futuro attingendo, in maniera più o meno profonda, alle fonti delle tradizioni liberali. Questi tentativi stanno assumendo una configurazione sempre più definita, che va sotto il nome di Nuovo Ordine Mondiale; trovano espressione sempre più evidente nell’ONU e nelle sue Conferenze internazionali, in particolare quelle del Cairo e di Pechino, che nelle loro proposte di vie per arrivare a condizioni di vita diverse, lasciano trasparire una vera e propria filosofia dell’uomo nuovo e del mondo nuovo».

 

«Una filosofia di questo tipo non ha più la carica utopica che caratterizzava il sogno marxista; essa è al contrario molto realistica, in quanto fissa i limiti del benessere, ricercato a partire dai limiti dei mezzi disponibili per raggiungerlo e raccomanda, per esempio, senza per questo cercare di giustificarsi, di non preoccuparsi della cura di coloro che non sono più produttivi o che non possono più sperare in una determinata qualità della vita».

 

«Questa filosofia, inoltre, non si aspetta più che gli uomini, abituatisi oramai alla ricchezza e al benessere, siano pronti a fare i sacrifici necessari per raggiungere un benessere generale, bensì propone delle strategie per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità, affinchè non venga intaccata la pretesa felicità che taluni hanno raggiunto».

 

«La peculiarità di questa nuova antropologia, che dovrebbe costituire la base del Nuovo Ordine Mondiale, diventa palese soprattutto nell’immagine della donna, nell’ideologia del “Women’s empowerment”, nata dalla conferenza di Pechino. Scopo di questa ideologia è l’autorealizzazione della donna: principali ostacoli che si frappongono tra lei e la sua autorealizzazione sono però la famiglia e la maternità».

 

«Per questo, la donna deve essere liberata, in modo particolare, da ciò che la caratterizza, vale a dire dalla sua specificità femminile. Quest’ultima viene chiamata ad annullarsi di fronte ad una “Gender equity and equality”, di fronte ad un essere umano indistinto ed uniforme, nella vita del quale la sessualità non ha altro senso se non quello di una droga voluttuosa, di cui sì può far uso senza alcun criterio».

 

Insomma: Ratzinger riconosceva la malizia dell’ONU e delle sue conferenze, che Schooyans ci aveva insegnato a pensare come niente di più che un tiro bersaglio contro il Vaticano, con qualche Paese africano e poco più  a difendere la Santa Sede sul tema della difesa della vita.

 

Il potente cardinale (chiamato allora dalla stampa «il panzer della curia») vedeva come la Necrocultura fosse distribuita in forma di gender, che altro non è se non il software per la disintegrazione della famiglia – e della sua base, cioè la donna – e cioè della natura umana, alla legge naturale creata da Dio per gli uomini.

 

Il futuro Benedetto, inoltre, ammetteva che il progetto era in tutto e per tutto la riduzione della vita umana sulla Terra, dando perfino una descrizione di sapore evangelico (ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità).

 

Gli osservatori sanno che, anni dopo, a papa Ratzinger scappò di parlare di Nuovo Ordine Mondiale, a volte con filosofia abissale, a volte non in termini disforici, anzi.

 

Perché il Ratzingherro non portò avanti una lotta a viso scoperto contro il Nuovo Ordine Mondiale – avanzata in secoli di cattolicesimo, e chiamata da lui con nome e cognome –  non lo sappiamo dire : è il mistero Ratzinger, il papa che si dimette ma rimane papa, il papa che consegna la barca di Pietro a qualcuno che vira verso la tempesta e i mostri marini, probabilmente con il programma di naufragare miliardi di fedeli.

 

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

 

In affiliazione Amazon

 

 

Immagine di Muu-karhu via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0); immagine modificata

Continua a leggere

Più popolari