Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Il morbillo terrorista e altre storie. Intervista a Stefano Montanari.

Pubblicato

il

 

 

 

 

A seguito del non ancora completato terrorismo mediatico mondiale sulla presunta «epidemia di morbillo» che avrebbe colpito in particolare l’America, Cristiano Lugli intervista il Dott. Stefano Montanari su questo ed altri recenti fatti di cronaca.

 

Dottor Montanari, il problema del morbillo sembra essere diventato il primo problema mondiale per eccellenza. Partiamo anzitutto da una domanda di carattere storico e personale: quando lei era piccolo il problema del morbillo era così sentito?

 

Siamo alla vera e propria presa in giro. Quando all’età di 9 anni io mi ammalai di morbillo, almeno un’altra quindicina di miei compagni di classe era a letto per lo stesso motivo. Consideri che io abitavo in una frazione della oggi mitica Maranello: qualche centinaio di abitanti al massimo. Naturalmente guarimmo tutti benissimo. Aggiungo che le nostre madri ci mandavano a giocare con i bambini ammalati di morbillo proprio perché ce lo prendessimo anche noi. Chi parla di epidemia deve scegliere: o è un ignorante o è un mascalzone.

 

Qualcuno dice invece che oggi ci troviamo davanti ad un’epidemia addirittura mondiale…

 

Possiamo aspettarci davvero di tutto. Ormai io non m’indigno nemmeno più. A parte i numeri che sono lontani parecchie ordini di grandezza dall’epidemia, tra i tanti aspetti ridicoli della vicenda c’è quello della scelta della malattia. È difficile trovarne una più benigna del morbillo e, addirittura, benefica perché rende immuni a vita e, nelle femmine, consente che un’immunità temporanea sia trasmessa alla prole. Eppure…

Le nostre madri ci mandavano a giocare con i bambini ammalati di morbillo proprio perché ce lo prendessimo anche noi. Chi parla di epidemia deve scegliere: o è un ignorante o è un mascalzone

 

 

Il Governatore di New York, Bill de Blasio, ha dichiarato lo stato di emergenza, ordinando l’obbligo di vaccinazione anti-morbillosa per tutti coloro i quali non vi si sono ancora sottoposti. Come vede questa scelta?

 

Io non mi occupo di psichiatria. Posso solo dire che il personaggio è del tutto incompetente in campo sanitario (basta leggerne il curriculum) e che Big Pharma dispone di argomenti molto convincenti.

 

Gli americani accusano alcune comunità ebraiche, in particolare una comunità ortodossa di Brooklyn, di aver causato l’epidemia di morbillo per aver rifiutato i vaccini. Non le pare strano che si arrivi addirittura ad attaccare le comunità ebraiche senza aver nemmeno un briciolo di paura di essere tacciati di anti-semitismo (perché di anti-semitismo vaccinale in effetti si tratta)?

 

Mi è difficile farmi un’idea precisa del livello di demenza di certi personaggi, e mi fermo alla sola demenza. Certo che gli ebrei ci avranno fatto il callo ad essere incolpati di qualunque misfatto, per inesistente che il misfatto sia.

 

Gli ebrei di New York hanno dichiarato di aver rifiutato la vaccinazione anti-morbillo perché contraria alla legge di Dio per via di alcuni componenti (fra cui, principalmente, le linee cellulari di feti abortiti e le cellule di maiale, animale proibito dall’Antico Testamento). Questo pare quanto meno essere un sintomo di coerenza, non trova?

 

Una coerenza che, fatti alla mano, non mi pare condivisa da altri gruppi religiosi.

 

Non crede che le comunità religiose abbiano tutto il diritto di far valere la propria obiezione di coscienza laddove è violata da alcune componenti presenti nei farmaci come, in questo caso e nel periodo attuale, i vaccini?

 

Mi pare del tutto ovvio. Io, però, non parlerei solo di obiezione religiosa o filosofica giù fino al livello degli animalisti, dei vegani e dei vegetariani verso cui, beninteso, porto il massimo rispetto. Il mio mestiere mi porta inevitabilmente a conoscere tanti degli aspetti negativi dei vaccini e pure la loro inefficacia provata addirittura dai dati ufficiali raccolti da enti di stati almeno dall’inizio del Novecento. Mi chiedo per quale ragione io debba essere costretto ad iniettarmi quella roba quando la conosco fin troppo bene.

 

Eppure in Italia di questa possibilità non si parla – o comunque se ne parla poco…

 

La cosiddetta informazione è nelle mani saldissime dell’industria farmaceutica. Se questa interrompesse l’erogazione di più o meno grasse prebende, ci sarebbe chi sarebbe costretto a chiudere bottega

La cosiddetta informazione è nelle mani saldissime dell’industria farmaceutica. Se questa interrompesse l’erogazione di più o meno grasse prebende, ci sarebbe chi sarebbe costretto a chiudere bottega e chi, comunque, dovrebbe rinunciare a qualcosa: magari anche solo a quella visibilità che tanto lo attizza. E, allora, il popolo deve per necessità essere amorevolmente allevato e conservato nella più impermeabile ignoranza. E lo è tanto da essere trasformato nel più agguerrito degli alleati dei suoi carnefici.

 

Anche in Russia, come avrà letto, è successo un fatto davvero interessante: la Chiesa Ortodossa ha pubblicato un comunicato emesso dalla Commissione Patriarcale sulla Famiglia e Protezione della Maternità e dell’Infanzia che si oppone pubblicamente ed energicamente alla volontà del governo per rendere obbligatorie le vaccinazioni per i bambini: «Innanzitutto, la preoccupazione per il benessere dei bambini, inclusa la loro salute, è affidata da Dio ai loro genitori: lo stato e la società dovrebbero rispettare la priorità dei diritti dei genitori».

Cosa pensa questa posizione assunta dal Patriarcato di Mosca?

 

La Chiesa Ortodossa russa è stata capace di sopravvivere per decenni a persecuzioni pesanti. Evidentemente loro sono allenati, sanno avere coerenza e dignità. Non altrettanto si può dire di altri schieramenti religiosi.

 

Parliamo di vaccini etici. Di recente si è detto che Renovatio 21 sarebbe favorevole a «vaccini etici». Ciò, ovviamente, non corrisponde al vero, e lo abbiamo già ampliamento spiegato in un precedente articolo. Chiediamo a lei, in qualità di scienziato, di farci capire su quali criteri si dovrebbe invece basare l’etica scientifica e se quest’ultima è seguita dall’attuale mondo scientifico.

La Chiesa Ortodossa russa è stata capace di sopravvivere per decenni a persecuzioni pesanti. Evidentemente loro sono allenati, sanno avere coerenza e dignità. Non altrettanto si può dire di altri schieramenti religiosi.

 

L’aggettivo di etico non ha nulla a che fare con i vaccini. Capisco che per un cristiano l’uso più che barbaro di feti abortiti a pagamento, in aggiunta per mere questioni industriali, possa risultare difficile da digerire, anche se le massime autorità religiose non sembrano farci caso. Ciò che fatico a capire, invece, è come si possa estrarre dal vocabolario un aggettivo come “etico”. I vaccini contengono inquinanti come le particelle di cui noi ci occupiamo da oltre vent’anni, contengono antibiotici che non si possono somministrare ai neonati, sostanze espressamente vietate in medicina, addirittura pesticidi… Come potrebbe un prodotto del genere avere un’etica?

 

A mio parere l’errore di comunicazione, un errore che forse ha portato ad un malinteso, è stato quello di apporre quell’aggettivo al vaccino, inducendo, magari senza volerlo, l’idea che qualcosa di simile possa esistere. Per essere “etico” un vaccino dovrebbe essere non solo esente da infrazioni religiose, dall’aborto all’uso dei maiali o di altri animali come da insegnamento di varie religioni orientali, ma privo di qualunque contaminante, privo di effetti collaterali e, soprattutto, forte di un’efficacia dimostrata non a chiacchiere ma a fatti. Nulla di tutto questo rappresenta il vaccino. Anzi, siamo agli antipodi rispetto a queste che sono vere e proprie esigenze.

 

Spesso sento dire “sì, però i vaccini ci hanno salvato da malattie terribili”, il che è clamorosamente falso e tutti i dati statistici dimostrano con chiarezza lampante l’esatto contrario. Ma l’ignoranza accuratamente costruita e trasformata in superstizione ha preso il sopravvento. Così, di certo ci sarà chi si aggrappa a quell’aggettivo, magari accontentandosi di un vaccino ricavato da un pollo, da un coniglio, da una scimmia o da qualche altro animale. Tutto con buona pace, naturalmente, degli animalisti, dei vegani, dei vegetariani e dei buddisti. Un po’ di coscienze a posto e tutto gattopardescamente come prima.

 

Dal momento che i vaccini, come da lei e sua moglie ampiamente mostrato attraverso preziose analisi portate avanti da anni, contengono non pochi veleni inoculati nel corpo di milioni di bambini, le pare corretto che si parli sempre e comunque di «libertà di scelta»?

 

La libertà esiste solo se c’è consapevolezza. Non si può scegliere se non si hanno gli elementi culturali per farlo, ed è proprio l’ignoranza costruita tra astuzia e violenza la grande forza di chi lucra, e tanto, sui vaccini, infischiandosi bellamente degli effetti e delle conseguenze.

La libertà esiste solo se c’è consapevolezza. Non si può scegliere se non si hanno gli elementi culturali per farlo, ed è proprio l’ignoranza costruita tra astuzia e violenza la grande forza di chi lucra, e tanto, sui vaccini, infischiandosi bellamente degli effetti e delle conseguenze.

 

Se è vero che ognuno ha il diritto di avvelenarsi con ciò che gli pare e piace, è vero però anche, secondo noi, che questo ragionamento non può valere per i bambini che di potere decisionale ancora non ne hanno. Non crede?

 

Certo. Il primo dovere dei genitori è quello di prendersi cura della prole, cosa impossibile se si è ipnotizzati. Sottolineo, poi, un’ovvietà: i bambini non hanno nessuna colpa se si ritrovano dei genitori inadatti.

 

Platone parlava di democrazia e tirannia. Oggi questi argomenti sembrano più attuali che mai. Crede che sia il sistema democratico ad essere fallace, o l’uomo ad approfittarsi di esso fino a renderlo, in conclusione, tirannico?

 

Come diceva Churchill con il classico humour britannico, la democrazia è la peggior forma di governo ad eccezione di tutte le altre forme di governo sperimentate ad oggi. La debolezza principale della democrazia sta nella sua stessa forza filosofica: i numeri. In democrazia a vincere è la maggioranza e, allora, basta distorcere le menti per fabbricarsi una maggioranza e diventare padroni del mondo. Big Pharma lo ha capito, ha agito, naturalmente potendolo fare a suon di quattrini, e tanti, e sta vincendo a mani basse.

I bambini non hanno nessuna colpa se si ritrovano dei genitori inadatti

 

 

Lei ora ci risponde da Ginevra, dove spesso va con la dottoressa Gatti per l’importante collaborazione che da tempo mantenete con il Centro Stelior. Il futuro suo e di sua moglie possiamo sperare che sia ancora in Italia, o dobbiamo preoccuparci?

 

Io sono un vecchio sportivo: la mia partita si gioca in Italia. E, da sportivo, io sono pronto a battermi contro chiunque con lealtà e questo chiedo da anni. Malauguratamente non trovo avversari che abbiano il coraggio di misurarsi. Sia chiaro: ognuno faccia ciò che più gli aggrada, ma nessuno può permettersi di costringere il prossimo.

 

 

Cristiani Lugli

Continua a leggere

Epidemie

La Omicron «potrebbe essere il segnale della fine del COVID»

Pubblicato

il

Da

 

 

L’amministratore delegato della più grande rete sanitaria privata del Sudafrica afferma che la variante di Omicron è «così mite» che «potrebbe segnalare la fine del COVID-19». Lo riportano diverse testate sudafricane e australiane.

 

Secondo Richard Friedland, amministratore delegato di Netcare, questi primi giorni della variante suggeriscono che non c’è assolutamente bisogno di farsi prendere dal panico e che,anzi, potrebbe trattarsi dell’uscita dal tunnel.

 

«Se nella seconda e terza ondata avessimo visto questi livelli di positività ai test condotti, avremmo visto aumenti molto significativi dei ricoveri ospedalieri e non lo stiamo vedendo. Nelle nostre cliniche di cure primarie si tratta principalmente di persone di età inferiore ai 30 anni», ha affermato il CEO del gruppo sanitario.

 

«Penso che in realtà ci sia un lato positivo qui e questo potrebbe segnalare la fine di COVID-19, attenuandosi a tal punto da essere altamente contagioso, ma non causare malattie gravi. È quello che è successo con l’influenza spagnola»

«Quindi penso che in realtà ci sia un lato positivo qui e questo potrebbe segnalare la fine di COVID-19, attenuandosi a tal punto da essere altamente contagioso, ma non causare malattie gravi. È quello che è successo con l’influenza spagnola».

 

«Stiamo assistendo a infezioni di persone che sono state vaccinate, ma le infezioni che stiamo vedendo sono da lievi a moderate». ha continuato.

 

«Penso che tutta questa faccenda sia stata comunicata così male e che si sia generato così tanto panico».

 

Le parole del manager si sovrappongono a quella di diversi ufficiali medici sudafricani che hanno definito la variante Omicron «estremamente mite».

 

La dottoressa Coetzee, che per prima ha individuato quella che si è rivelata la nuova variante.

 

 

«Non abbiamo ricoverato nessuno in ospedale con la nuova variante», ha detto Coetzee. «Ho parlato con altri miei colleghi, la stessa cosa».

 

Alla domanda della BBC se le autorità di tutto il mondo fossero in preda al panico inutilmente, Coetzee ha detto «sì, in questa fase direi sicuramente. Tra due settimane forse diremo qualcosa di diverso»

 

Continua a leggere

Epidemie

Cosplayer accusato di essere untore della variante Omicron

Pubblicato

il

Da

 

Secondo alcune testate americane, un uomo del Minnesota completamente vaccinato che si è recato a New York City  per partecipare ad una convention di fan degli anime – gli inevitabili cartoni giapponesi –  è ora la seconda persona ad aver ottenuto questo nuovo ceppo di COVID.

 

 

Tuttavia il Dipartimento della Salute del Minnesota ha affermato che i sintomi dell’uomo non identificato erano «lievi» e si sono «risolti». L’uomo era risultato positivo il 24 novembre, e ora pare essere guarito completamente.

 

Anime NYC, questo il nome dell’evento, ammetteva partecipanti che avessero ricevuto almeno una dose di siero anti-COVID. Si è svolto tra il 19 e il 21 novembre; il paziente omicron ha cominciato ad avvertire sintomi (lievi, come si racconta dei casi della nuova variante) il 22.

 

L’opinione pubblica e l’amministrazione ha fatto presto ad accusare l’evento di patiti di animazione giapponese, ma potrebbe non essere andata così

Il governatore dello Stato di Nuova York, Kathy Hochul, ha fatto un video su TikTok chiedendo a tutti partecipanti dell’evento anime di sottoporsi al test COVID.

 


 

L’opinione pubblica e l’amministrazione ha fatto presto ad accusare l’evento di patiti di animazione giapponese, ma potrebbe non essere andata così.

 

«Non abbiamo trovato prove di una trasmissione diffusa alla convention», ha dichiarato al New York Times portavoce del programma di tracciamento dei contatti di New York City, Test and Trace Corps.

 

Gli organizzatori della convention hanno sottolineato che non è chiaro dove l’uomo abbia contratto il virus.

 

«Era solo una persona che era al nostro evento», ha il presidente dell’azienda organizzatricedell’evento. «Non sono stati segnalati altri casi di massa dal nostro evento, e siamo ormai passate le due settimane» dalla fine della convention.

 

Il pubblico alla convention pare abbia raggiunto la cifra di 53 mila partecipanti.

 

Anime NYC è uno di quegli eventi in cui spesso i partecipanti sono cosplayer: persone che si travestono per divenire simili ai loro personaggi preferiti.

 

Essendo molto vistosi, e in teoria fanciullescamente spensierati, non stupisce che con il presente clima da caccia all’untore possano essere finiti nel mirino di chi vuole a tutti i costi capri espiatori da massacrare

Essendo molto vistosi, e in teoria fanciullescamente spensierati, non stupisce che con il presente clima da caccia all’untore possano essere finiti nel mirino di chi vuole a tutti i costi capri espiatori da massacrare.

 

Oramai molto diffuso anche in Italia, dove spunta in una quantità di eventi su tutto il territorio nazionale, il cosplay rimane una pratica controversa, che per alcuni andrebbe proibita a norma di legge, per lo meno sopra una certa età.*

 

 

*Scherziamo, ma fino ad un certo punto. Se riguardiamo la foto però la tentazione potrebbe salire.

 

 

 

 

 

Immagine di Richie.S via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons 

Continua a leggere

Epidemie

La Svizzera non pubblica nemmeno i dati completi sui contagi

Pubblicato

il

Da

 

 

C’era una volta il mito della precisione Svizzera. Nella grande lotta ai contagi, domenica 28 novembre la Confederazione Elvetica ha votato per mantenere e ampliare le restrizioni anti-COVID.

 

Piacerebbe sapere su quale base statistica i cittadini elvetici abbiano scelto che cosa votare, visto che i dati sui contagi per stato vaccinale non sono consultabili.

 

Più volte su Renovatio 21 abbiamo commentato i dati dei singoli governi per verificare l’efficacia dei vaccini.

 

Piacerebbe sapere su quale base statistica i cittadini elvetici abbiano scelto che cosa votare, visto che i dati sui contagi per stato vaccinale non sono consultabili

Abbiamo visto che in Italia i dati raccolti contengono vizi logici (bias) poiché non dichiarano quanti tamponi vengono fatti rispettivamente dai diversi gruppi (vaccinati e non vaccinati).

 

In tal modo è possibile raccontare che i vaccinati si contagiano  genericamente «molto meno». Quante volte in TV sentiamo ripetere a vanvera la frase “«i vaccinati si contagiano molto meno»?

 

Abbiamo poi visto i dati inglesi, che non riportano direttamente le percentuali dei diversi gruppi nelle tabelle. Ma, quando andiamo ad inserire le percentuali, vediamo che i vaccinati si contagiano il doppio dei non vaccinati – il 200%!

 

Ce ne sarebbe quanto basta per dimostrare che il green pass (in versione super, normale o 2G) non solo non serve a nulla, ma è addirittura peggiorativo in vista del contenimento dei contagi: dato che la popolazione vaccinata viene considerata «immune», quando invece non lo è nemmeno lontanamente.

 

Il green pass (in versione super, normale o 2G) non solo non serve a nulla, ma è addirittura peggiorativo in vista del contenimento dei contagi: dato che la popolazione vaccinata viene considerata «immune», quando invece non lo è nemmeno lontanamente

Se aggiungiamo che, comunque, anche un anziano vaccinato rimane protetto dai sintomi gravi soltanto del 50%, si spiega come mai questa pandemia sembri infinita.

 

Stanno svuotando il mare con un colapasta.

 

Ebbene, per adesso, il campione nella raccolta dati sul contagio pare essere la Svizzera: non pubblica nemmeno i dati sui contagi divisi per stato vaccinale tra «vaccinati» e «non-vaccinati».

 

Nel report ufficiale si trova un’inutile classificazione tra vaccinati con 2 dosi e vaccinati con 1 dose. Mica male per il mito della precisione svizzera. Dopo il segreto bancario, abbiamo il segreto del contagio.

 

Dopo il segreto bancario, abbiamo il segreto del contagio

Infatti nei report periodici elvetici di questo dato non c’è traccia. Evidentemente i dati sui contagi divisi tra vaccinati e non vaccinati in Svizzera sono considerati poco importanti per capire l’andamento della situazione pandemica e l’efficacia dei «vaccini».

 

Molto più interessante dividere i contagi tra “maschi” e “femmine”. L’emergenza in Svizzera, insomma, sembra essere  più una lotta tra scapoli e ammogliati.

 

Si spiega così l’idea demenziale contenuta nelle nuove misure annunciate il 3 dicembre dalla Confederazione Elvetica: l’introduzione di un sistema 2G (solo vaccinati e guariti) facoltativo. Una specie di ultra-green pass creativo. Scrive 20 minuti.

 

«Per tutte le strutture pubbliche soggette all’obbligo del certificato e tutte le manifestazioni al chiuso e all’aperto è inoltre prevista la possibilità di limitare l’accesso alle persone vaccinate e guarite (il cosiddetto dispositivo 2G, dal tedesco geimpft e genesen) e di rinunciare all’obbligo della mascherina. Questa misura è stata pensata anche per le discoteche, dove è difficile immaginabile di consumare restando seduti a un tavolo». 

 

In Svizzera una struttura pubblica potrà a sua discrezione ammettere solo persone vaccinate o guarite (sistema 2G), e permettere loro di non portare la mascherina

Avete letto bene. In Svizzera una struttura pubblica potrà a sua discrezione ammettere solo persone vaccinate o guarite (sistema 2G), e permettere loro di non portare la mascherina. La misura – dicono – è stata pensata tra l’altro proprio per dare una mano alle discoteche.

 

Ora, immaginate un trentenne svizzero vaccinato che vada in discoteca senza mascherina e poi si rechi a trovare la nonna.

 

Noi sappiamo, ad esempio, dai dati inglesi che un ottantenne vaccinato rimane al 15 % vulnerabile alla morte se contrae il COVID: 1 su 6 muore comunque. Dai dati italiani – forse più attendibili su questo punto – risulta essere realisticamente 1 su 30.

 

In ogni caso, i nonni svizzeri (seppur vaccinati) avranno un lungo inverno davanti a loro. I nipoti devono ballare in discoteca.
E per fare ballare gli svizzeri è chiaro che devono continuare a ballare anche le statistiche.

 

«Gli svizzeri sono un popolo che si alza presto, ma si sveglia tardi»

Si sa che gli svizzeri sono un popolo abituato ad informarsi costantemente per i numerosi referendum; se solo avessero davanti delle tabelle ben fatte, sarebbero probabilmente uno dei pochi popoli che si accorgerebbe di essere gabbato con misure sanitarie inutili.

 

Quindi – ecco spiegato – le tabelle sui contagi è meglio non fargliele leggere proprio. Così non se ne accorgono.


Viene in mente la battuta del politico svizzero Willi Ritschard:  «gli svizzeri sono un popolo che si alza presto, ma si sveglia tardi».

 

 

Gian Battista Airaghi

Continua a leggere

Più popolari