Connettiti con Renovato 21

Economia

Il mercato mondiale del Rame minacciato dai disordini in Perù

Pubblicato

il

Quasi 4 miliardi di dollari di rame potrebbero non trovare la strada per i mercati mentre i disordini continuano a spazzare il Perù, provocando restrizioni di sicurezza e sconvolgendo le catene di approvvigionamento. Lo scrive Sputnik.

La perdita di quasi il 2% della produzione mondiale di rame prodotta da due delle più grandi miniere del Perù – la miniera di rame Antapaccay della società Glencore e Las Bambas, gestita da MMG Ltd. – avverrebbe quando i livelli di inventario di questo metallo critico sono scesi ai minimi storici il mondo.

 

Il rame è un metallo di input cruciale in una serie di industrie, utilizzato in tutto, dalle turbine eoliche e cavi elettrici ai veicoli elettrici.

 

Nel sud del Perù, la miniera di Glencore, che impiega 2.400 lavoratori, ha sospeso le operazioni il 20 gennaio dopo che i manifestanti hanno attaccato i locali per la terza volta a gennaio.

 

Gli infiltrati hanno incendiato l’area dei lavoratori del campo e hanno iniziato a saccheggiare, chiedendo alla miniera di cessare le sue operazioni e di unirsi all’appello dei manifestanti per le dimissioni del presidente Dina Boluarte, ha detto Glencore in un comunicato.

 

Secondo il ministero dell’Energia e delle miniere del Paese, l’Antapaccay rappresenta circa il 6% della produzione di rame peruviana, ovvero 135.987 tonnellate tra gennaio e novembre 2022. Rappresenta l’8% delle esportazioni totali di metallo rosso.

 

Tuttavia, i disordini attualmente in corso hanno costretto la miniera a operare con il 38% della sua forza lavoro, ha aggiunto la società.

 

La miniera di Antapaccay, così come Las Bambas – la terza più grande miniera di rame del Perù – opera sul corridoio minerario meridionale e condivide l’accesso autostradale ai porti. Le restrizioni hanno afflitto entrambe le miniere, con Las Bambas che non ha spedito alcun concentrato di rame dal 3 gennaio per proteggere i lavoratori dalla violenza.

 

La MMG Ltd. è controllata dalla China Minmetals Corp. di proprietà statale e la sua struttura di Las Bambas, lanciata nel 2016, è stata continuamente presa di mira da manifestazioni. I gruppi indigeni hanno chiesto maggiori risarcimenti per la terra e le strade utilizzate dalle compagnie minerarie.

 

Le catene di approvvigionamento sconvolte in Perù, il secondo produttore mondiale di rame, arrivano in un momento in cui la domanda di questo metallo è aumentata.

 

Prima di tutto, il rame è fondamentale per tutti i piani di transizione energetica attualmente abbracciati da molti governi in mezzo alla crisi energetica e alle bollette del petrolio e del gas in aumento. Tuttavia, dalla metà degli anni 2020, gli analisti hanno avvertito del potenziale divario tra domanda e offerta che alimenta un enorme deficit di rame, guidato dall’aumento della domanda di metallo nei parchi eolici e solari, nella produzione di veicoli elettrici (EV), etc.

 

L’offerta limitata sul mercato ha provocato un’impennata dei prezzi del rame. Inoltre, esperti come il gruppo di ricerca e consulenza globale Wood Mackenzie hanno avvertito che nel prossimo decennio saranno necessari circa 9,7 milioni di tonnellate di nuovo rame.

 

Tuttavia, vi sono crescenti preoccupazioni sul fatto che molti progetti che dovrebbero tenere conto di questa nuova fornitura di rame spesso non siano riusciti a ottenere gli investimenti necessari o i permessi ambientali.

 

Di conseguenza, gli investitori prevedono che il mercato del rame potrebbe registrare un deficit entro la fine del decennio.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Sudamerica sta sperimentando in questi anni turbolenze a causa dell’aumento della richiesta di risorse minerari di cui è il territorio è ricco – ad esempio il litio, necessario oramai ad una moltitudine di prodotti elettronici, per il quale, si dice, in pratica già si stanno combattendo perfino «guerre», come indica la defenestrazione del presidente boliviano Evo Morales nel 2019.

 

 

 

 

Immagine di Eric Guinther via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Oltre il 90% delle imprese è rimasto in Russia

Pubblicato

il

Da

Solo l’8,5% di tutte le aziende dell’UE e del G7 ha effettivamente lasciato la Russia, secondo una ricerca dell’Università di San Gallo e della business school IMD di Losanna, in Svizzera. Lo riporta Remix News.

 

Prima dello scoppio della guerra, operavano in Russia più di 2.400 filiali aziendali e 1.400 aziende dell’UE e del G7. Entro la fine di novembre dello scorso anno, solo 120 aziende avevano lasciato la Russia o vi avevano venduto la propria azienda.

 

La ricerca indica che la notizia di un esodo di massa delle aziende occidentali dalla Russia è stata ampiamente esagerata.

 

In effetti, le imprese hanno resistito alle chiamate dei governi, dei media e della società civile, secondo il quotidiano belga Het Laatste Nieuws.

 

Le aziende rimangono scettiche e riluttanti a lasciare la Russia per paura di perdere affari e personale. Chi se n’è andato ha finito per trasferire asset in mani russe, anche per un solo rublo o euro simbolico, come è avvenuto con Renault e Nissan.

 

Secondo Forbes, il più grande beneficiario è stato l’oligarca Wladimir Potanin, la cui società Interros ha acquistato Rosbank da Société Genérale, guadagnando quasi 50 miliardi di rubli (667 milioni di euro).

 

Il secondo più grande guadagno è stato Vladyslav Sviblov, la cui Highland Gold Mining ha acquistato le attività della società canadese Kinross, che gli ha fruttato quasi 40 miliardi di rubli.

 

Non molto indietro c’era Ivan Tirishkin di SPB, che ha acquistato il 49,5% delle azioni di HKF-Bank LLC, guadagnando oltre 35 miliardi di rubli.

 

Quarto in classifica il centro di ricerca statale Fsue Nami, che ha rilevato gli stabilimenti di proprietà di Renault e Nissan, guadagnando un patrimonio di poco inferiore ai 35 miliardi di rubli.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’economia russa, invece che crollare sotto il peso delle sanzioni, continua a crescere, anche per l’aumento di parteneriati con Paesi BRICS o Paesi non occidentali, che peraltro sembrano sempre più interessati ad entrare nei BRICS.

 

A Mosca si inizia a parlare anche di un «rublo d’oro 3.0», mentre sembra sempre più netto il percorso verso la de-dollarizzazione dell’economia mondiale, confermata a Davos 2023 dal ministro delle finanze saudita che ha dichiarato come il Regno abbia piani per uscire dal petrodollaro.

 

Nel frattempo, la banda dei vertici UE, capitanati dalla Von der Leyen e con l’aiuto di un certo ex premier italiano, si muovono per la rapina del secolo, ossia i 300 miliardi di dollari della Banca Centrale Russa depositati presso banche estere.

 

Il sequestro di beni russi all’estero procede, oltre che in Italia dove si sequestrano superyacht di oligarchi moscoviti che lo Stato poi deve mantenere al prezzo (secondo Bloomberg) di 50 milioni di euro all’anno, anche in Svizzera e in USA con tanto di voto parlamentare.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Russia propone il «rublo d’oro 3.0»

Pubblicato

il

Da

La Russia parla di un ritorno all’economia basata sul valore dell’oro.

 

In un editoriale del 27 dicembre 2022 su Vedomosti scritto dagli economisti russi Sergey Glazev e Dmitry Mitjaev, gli autori sostengono l’uso dell’oro per proteggere il sistema finanziario russo mentre «salta giù» dal sistema basato sul dollaro in bancarotta e aiuta a stabilire una nuova architettura finanziaria internazionale.

 

«La Russia, insieme ai suoi partner orientali e meridionali, ha un’opportunità unica di “saltare giù” dalla nave che affonda dell’economia del debito incentrata sul dollaro, garantendo il proprio sviluppo e il commercio reciproco delle risorse strategiche accumulate ed estratte» scrivono Glazev e Mitjaev in un articolo ristampato in inglese da Russia Posts English lo stesso giorno.

 

Per fare ciò, l’attuale passaggio al commercio basato su valute «deboli» diverse dal dollaro è un passo necessario, ma la Russia rischia di accumulare riserve in valute che sono esse stesse soggette a svalutazioni indotte dal mercato.

 

Pertanto, la Russia dovrebbe «sterilizzare» queste crescenti riserve acquistando e producendo grandi quantità di oro.

 

«Il duro blocco delle sanzioni ha creato i presupposti necessari per una svolta a 180 gradi nel commercio estero russo. I principali partner economici esteri sono i paesi membri della EAEU [Unione Economica Eurasiatica, ndr], Cina, India, Iran, Turchia, Emirati Arabi Uniti, etc. E con ognuno di questi paesi, la Federazione Russa ha un surplus commerciale… Questo surplus è stato prelevato fuori dal Paese (allo stesso tempo, la metà è andata a estinguere i debiti esteri delle società russe con la loro sostituzione con prestiti in rubli interni) e si riflette nella voce “deflusso netto di capitali” della bilancia dei pagamenti».

 

La Russia deve ora fare i conti con «l’accumulo di saldi di cassa multimiliardari sui conti degli esportatori russi in valute “leggere” nelle banche dei suddetti paesi partner… Questo denaro è anche soggetto a tassi di cambio e possibili rischi di sanzioni, diventa necessario sterilizzare la loro massa in eccesso. Il modo migliore è comprare oro non sanzionato».

 

Glazev e Mitjaev spiegano: «la transizione della Russia nelle relazioni con i paesi amici al commercio di valute nazionali è la giusta decisione tattica, ma non strategica. Se i prezzi continuano in dollari sulle borse occidentali, i flussi commerciali sono assicurati dalle società britanniche, allora non c’è un vero disaccoppiamento dallo “specchio deformante” occidentale: i sistemi di prezzi derivati».

 

Come riportato da Renovatio 21, la Russia sta lavorando su meccanismi commerciali internazionali, come quello rupia-rublo intentato con l’India. Di Nuova Delhi ora Mosca è il principale  fornitori di fertilizzanti, che scarseggiano invece nell’Ovest. Russia e Bielorussia rappresentano un’enorme quota della produzione mondiale dei fertilizzanti.

 

L’economia russa, ad ogni modo, è in continua crescita – a dispetto della follia delle sanzioni occidentali, che difetto hanno azzoppato solo l’economia dei Paesi NATO – pensiamo, oltre al disastro energetico continentale (e la deindustrializzazione e finanche allo shock finanziario conseguenti), anche al solo dato delle esportazioni tedesche in Russia dimezzate.

 

 

Continua a leggere

Economia

Il Giappone registra un deficit commerciale record

Pubblicato

il

Da

L’economia giapponese sta risentendo del disastro energetico globale aggravatosi con la guerra ucraina.

 

Il 19 gennaio, la testata finanziaria nipponica Nikkei Asia ha riferito che il Ministero delle finanze del Giappone ha rilasciato dati, mostrando che il deficit commerciale del Giappone aveva superato il massimo precedente nel 2014 (12,8 trilioni di yen/100 miliardi di dollari), e ora dovrebbe essere compreso tra 19,97 trilioni di yen (155 miliardi di dollari) per il 2022.

 

Gli analisti finanziari hanno attribuito il deficit ai prezzi del carburante alle stelle: «nel 2022, il valore del greggio importato dalla nazione povera di risorse ha visto un’enorme crescita del 91,5%, mentre le importazioni di gas naturale liquefatto sono salite alle stelle del 97,5%» e «lo yen è sceso al minimo di 32 anni contro il dollaro in ottobre, quando la Banca del Giappone ha mantenuto la sua politica monetaria ultra mite in mezzo agli aumenti dei tassi globali, aggiunti ai costi di importazione per prodotti vitali come cibo e materie prime».

 

In una notizia correlata, piuttosto scioccante, all’inizio di gennaio 2023, l’India ha superato il Giappone nella produzione di automobili. L’industria automobilistica indiana ha costruito 4,25 milioni di veicoli l’anno scorso, più della produzione automobilistica del Giappone di 4,20 milioni. L’India dunque è ora il terzo produttore di automobili al mondo, dietro alla Cina (26 milioni costruiti) e gli Stati Uniti (11 milioni).

 

Come riportato da Renovatio 21, Giappone e India stanno andando avanti con il progetto russo di estrazione di petrolio e gas presso Sakhalin, nell’estremo oriente siberiano, proprio sopra l’isola dell’Hokkaido.

 

I problemi energetici del Paese si riflettono nella volontà di riaccendere le centrali atomiche (tema tabuizzato dai tempi della tragedia di Fukushima) e negli avvertimenti di possibili blackout.

 

Continua a leggere

Più popolari