Connettiti con Renovato 21

Economia

Draghi, affare fatto: l’Italia non dipenderà più al 46% dal gas russo, ma al 43% dal gas algerino

Pubblicato

il

Il contenimento del danno autoinflitto con le sanzioni ha già mostrato capitoli grotteschi – la storia dei condizionatori da abbassare di un grado – ora giunge al ridicolo, e al pericoloso.

 

La «diversificazione» degli idrocarburi necessari all’Italia, come noto, è passata per Algeri, antica alleata dell’ENI, da cui, hanno promesso agli industriali, porteremo a casa molto del gas che ci serve.

 

Ricorderete il viaggio di Draghi, che in conferenza stampa congiunta con presidente della Repubblica algerina Abdelmadjid Tebboune, confuse l’Algeria con l’Argentina.

 

 

Il governo del Presidente del Consiglio Mario Draghi ha stretto un accordo con l’Algeria per la fornitura di ulteriori 10 milioni di metri cubi di gas naturale portando a regime il gasdotto “Enrico Mattei” (Transmed). Questo, insieme a una maggiore quantità di gas naturale proveniente da Azerbaigian, U.S.A. (GNL) ed Egitto, dovrebbe consentire all’Italia di ridurre il gas naturale fornito dalla Russia dal 43% al 14% del totale

 

Secondo il team di ricerca economica di Michele Geraci, sottosegretario del governo gialloverde in quota Lega ma filocinese assai, per raggiungere l’obiettivo della sostituzione delle risorse russe, il governo del Presidente del Consiglio Mario Draghi ha stretto un accordo con l’Algeria per la fornitura di ulteriori 10 milioni di metri cubi di gas naturale portando a regime il gasdotto «Enrico Mattei» (Transmed).

 

Ciò, insieme a una maggiore quantità di gas naturale proveniente da Azerbaigian (via TAP), USA (via navi GNL) ed Egitto, dovrebbe consentire all’Italia di ridurre il gas naturale fornito dalla Russia dal 43% al 14% del totale.

 

Tuttavia, l’Algeria fornisce già all’Italia il 32%; con le nuove forniture, questa diventerebbe del 46%.

 

«In altre parole, l’Italia intende diventare più dipendente dall’Algeria di quanto non lo sia attualmente dalla Russia!» nota EIR.

 

L’accordo Italia-Algeria ha inoltre irritato un Paese europeo con cui (a differenza di Francia e Germania) abbiamo rapporti economici piuttosto rilassati: la Spagna.

 

Madrid è fortemente dipendente dal gas algerino, e il governo spagnuolo ha appena provocato una crisi con Algeri per il Sahara occidentale.

 

Dopo decenni di neutralità, la Spagna si è schierata con il Marocco sulla questione, alla quale il governo algerino ha reagito minacciando un aumento del prezzo del gas per rappresaglia.

 

Questo non è esattamente è un buon segnale per la nuova fase di partenariato con Algeri.

 

Come noto, la Russia non ha mai fatto scherzi simili: come ammesso perfino dal giornale di Confindustria, i contratti sono sempre stati rispettati, anche nella fase più acuta che stiamo vivendo, con la fornitura che procede ai prezzi concordati.

 

«La Russia nel 2021 ha accresciuto l’invio di metano verso l’Italia, contrariamente ai luoghi comuni che parlano di tagli alle forniture. È chiaro; sono medie annuali che nascondono le oscillazioni. Ma la Gazprom ha sempre assicurato le forniture a prezzo concordato dai contratti di lunga durata» ha scritto lo scorso 6 febbraio Il Sole 24 ore.

 

Si tratta di una caratteristica che riguardava anche l’Unione Sovietica, che forniva gas rispettando gli accordi anche durante le crisi della Guerra Fredda: è, di fatto, una strategia commerciale, la ricerca e il mantenimento di una consistency, cioè di un’affidabilità concreta.

 

C’è perfino il paradosso che nel 2022 l’Italia stava importando più gas russo che negli altri anni.

 

Quindi, fateci capire il capolavoro di Draghi (e del fido Di Maio, sempre in tour alla cerca di pietanze esotiche): barattiamo il 43% di dipendenza del gas da un partner affidabile per affidarci al 46% ad un partner mercuriale, peraltro implicato in una serie di incontri con il confinante Marocco che potrebbero escalare, magari in orrori non dissimili a quelli visti durante la cosiddetta «guerra civile algerina», dove i tagliagole islamici uccisero barbaramente fino a 150 mila persone.

 

Come riportato da Renovatio 21, Il ministro di Stato del Qatar per gli affari energetici Saad Sherida Al Kaabi ha dichiarato al Forum di Doha che il Qatar non è in grado di aiutare l’Europa con le consegne di gas naturale liquefatto.

 

Sarebbe ora che gli europei,  i Draghi in primis, si facessero una sana doccia di realismo. Presto, però: perché corrono il rischio di farsela fredda.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Cina completa il collegamento del gasdotto per il gas russo

Pubblicato

il

Da

L’house organ del Partito comunista Cinese in lingua inglese, il quotidiano Global Times, ha riferito il 4 dicembre che una parte fondamentale del gasdotto che fornisce gas naturale russo alla Cina, e a Shanghai in particolare, è stata completata il 3 dicembre.

 

Si tratta di un tunnel di 10 km sotto lo Yangtze – il Fiume Azzurro – costruito in 28 mesi e che conterrà tre metanodotti, ciascuno di 1,4 metri di diametro.

 

L’agenzia stampa di Stato Xinhua ha riferito il 3 dicembre 2019 che «il gasdotto Cina-Russia sulla rotta est è entrato in funzione» il 2 dicembre 2019, diventando il primo gasdotto a fornire gas naturale russo alla Cina».

 

I presidenti Xi Jinping e Vladimir Putin hanno assistito congiuntamente alla cerimonia di lancio per telefono.

 

«Il gasdotto ha una sezione di 3.000 km in Russia, conosciuta come la Potenza della Siberia, e un tratto di 5.111 km in Cina», ha riferito Xinhua.

 

«Il gasdotto dovrebbe fornire alla Cina 5 miliardi di metri cubi di gas russo 2023. Si prevede che la quantità aumenterà fino a 38 miliardi di metri cubi all’anno dal 2024, in base a un contratto trentennale del valore di 400 miliardi di dollari firmato tra la China National Petroleum e il gigante del gas russo Gazprom nel maggio 2014».

 

L’accordo del maggio 2014 tra Russia e Cina è una pietra angolare degli attuali sviluppi in Eurasia.

 

Nel mentre i cinesi completano titaniche infrastrutture per il gas russo, le tubature che lo portano in Europa sono bombardate (come i Nord Stream) o minacciate (come il Turk Stream).

 

Come riportato da Renovatio 21, Putin durante il suo discorso alla Settimana dell’Energia di Mosca di due mesi fa ha dichiarato di essere pronto a riaprire i rubinetti per gli europei.

 

La risposta è stata il continuo supporto militare ed economico all’Ucraina, che il gas russo transitante per il suo territorio in direzione UE, come noto, lo rubava.

 

 

 

 

 

Immagine di Rogerd via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Le petroliere occidentali sono bloccate sul Bosforo a causa del limite del prezzo del petrolio. Le petroliere russe invece stanno navigando

Pubblicato

il

Da

Almeno un paio di dozzine di petroliere occidentali nello Stretto del Bosforo sarebbero ferme, perché la Turchia ha chiesto maggiori garanzie assicurative, dal momento che le navi non assicurate (sotto i nuovi provvedimenti antirussi G7) rischiava di provocare danni «catastrofici» nello Stretto di Turchia. Lo riporta il Financial Times.

 

«Nel frattempo, le uniche navi grezze che attraversano lo stretto potrebbero essere navi che trasportano petrolio russo» scrive FT.

 

«Un partecipante dell’industria petrolifera a conoscenza della situazione ha affermato che le compagnie assicurative russe hanno fornito le lettere di conferma richieste alle autorità turche (…) International Group, che rappresenta il 90% del settore e finora ha rifiutato la richiesta della Turchia».

 

Una fonte del settore irritata ha detto a FT che «la flotta principale è bloccata (…) mentre in teoria la flotta ombra può transitare».

 

Il settimanale ha spiegato il significato di questa rotta petrolifera: «lo stretto turco è una delle rotte marittime più trafficate del mondo ed è una delle quattro rotte di esportazione del greggio russo trasportato dal mare. Gli altri sono il Mar Baltico, il Mare di Barents e il Mar del Giappone».

 

«Ogni anno circa 48.000 petroliere attraversano il corso d’acqua, trasportando circa 3 milioni di barili al giorno di petrolio».

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Nigeria limita i prelievi al bancomat per spingere l’uso della moneta digitale di Stato

Pubblicato

il

Da

Il governo nigeriano sta cercando di aumentare i pagamenti digitali limitando i prelievi di contante bancomat. Attualmente i cittadini possono ritirare solo 20.000 naira al giorno, pari a circa 42 euro. Lo riporta Bloomberg.

 

Il Paese, prima di questa circolare mandata alle banche lo scorso martedì, aveva un tetto ai prelievi di 150 mila naira, cioè 331 euro. I prelievi settimanali di contanti dalle banche sono ora limitati (senza commissioni) a 100.000 naira (213 euro) per gli individui e 500.000 naira (1.065 dollari) per le società. Qualsiasi importo superiore a questo incorrerà in una commissione rispettivamente del 5% e del 10%.

 

Nuove regole che entreranno in vigore il 9 gennaio vieteranno l’incasso di assegni superiori a 50.000 naira (106 euro) allo sportello e 10 milioni di naira (21.288 euro) attraverso i sistemi bancari. I prelievi di contanti sono stati quindi limitati a 20.000 naira (442 euro).

 

«L’azione è l’ultima di una serie di ordini della Banca Centrale volti a limitare l’uso del contante e ad espandere le valute digitali per contribuire a migliorare l’accesso alle banche» scrive Bloomberg. «Nell’economia in gran parte informale della Nigeria, il contante fuori dalle banche rappresenta l’85% della valuta in circolazione e quasi 40 milioni di adulti sono senza un conto bancario».

 

«La Banca Centrale il mese scorso ha annunciato l’intenzione di emettere banconote di alto valore ridisegnate a partire da metà dicembre per assorbire il contante in eccesso e ha concesso ai residenti fino alla fine di gennaio per restituire le loro vecchie banconote» continua la testata economica americana. «La banca prevede inoltre di coniare più valuta digitale eNaira, che è stata lanciata lo scorso anno ma ha subito un’adozione lenta». Infatti, mentre il 35% della popolazione adulta nigeriana possiede Bitcoin o altre criptovalute (lo sostiene il criptobanco KuCoin) nessuno pare intenzionato ad utilizzare l’eNaira, la moneta elettronica di Stato di Lagos.

 

Nel frattempo, le banche possono caricare i loro bancomat solo con banconote da 200 naira e meno, mentre cittadini e aziende potranno incassare rispettivamente un massimo di 5 milioni e 10 milioni di naira se ci sono «circostanze convincenti che non superano una volta al mese» e che saranno soggette a una maggiore due diligence insieme a commissioni di elaborazione, dice la banca centrale. Tali prelievi richiederanno anche l’approvazione di un amministratore delegato della banca.

 

«I clienti dovrebbero essere incoraggiati a utilizzare canali alternativi: Internet banking, app di mobile banking, carte, POS, eNaira per condurre le loro transazioni bancarie», ha affermato martedì la Banca Centrale.

 

Appare quindi chiaro che la Nigeria è l’ennesimo Paese che si avvia ad una digitalizzazione coatta della propria economia, come da programma di Davos & Co., tramite l’introduzione di CBDC, cioè monete digitali emesse dalle banche centrali.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche la Federal Reserve con colossi del credito e della finanza USA stanno lanciando un programma pilota per il dollaro digitale. La Cina è da tempo sulla strada dello yuan digitale, così come con le CBDC sta sperimentando anche l’Australia.

 

Come ripetuto da Renovatio 21, l’euro digitale, ritenuto ora «inevitabile», sarà costruito sul medesimo sistema utilizzato, e sperimentato, per il green pass.

 

Tuttavia, prima della moneta digitale, passeremo giocoforza per un sistema di identificazione digitale, tale e quale quello ordinato nei discorsi del World Economic Forum, stanno portando avanti tutti i Paesi, dal Canada alla Francia all’Ucraina alla Gran Bretagna – all’Italia. Alla costruzione di un programma di identificazione digitale globale la Bill & Melinda Gates Foundation ha donato negli scorsi mesi 200 milioni di dollari.

 

È ipotizzabile che il grande dissesto che sta colpendo il mondo delle criptovalute sia pilotato da chi vuole forzare la popolazione ad usare le CBDC.

 

Con la moneta digitale – che sarebbe meglio chiamare «danaro programmabile» – gli Stati controlleranno ogni singola azione dei loro cittadini, inibendo l’acquisto di determinati prodotti, o in determinati luoghi e/o tempi, fino al prelievo forzato di multe e tasse allo «spegnimento» del cittadino con un clic: chi controllerà la piattaforma, potrà fare in modo che il soggetto non possa più né comprare né vendere, come detto nell’Apocalisse di San Giovanni.

 

È il grande processo di sottomissione della popolazione umana slatentizzatosi visibilmente con la pandemia.

 

Come i nigeriani, ci siete dentro anche voi.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari