Connettiti con Renovato 21

Pensiero

Dottor Roberto Gava: lettera ai miei pazienti

Pubblicato

il

 

 

Con il permesso del dott. Roberto Gava Renovatio 21 pubblica in esclusiva questa lettera indirizzata ai suoi pazienti.

 

 

LETTERA AI MIEI PAZIENTI

La Medicina contemporanea protegge il malato o se stessa? È datrice di vita o di morte?

 

3 maggio 2018

Carissimi,

 

dopo la morte del piccolo Charlie Gard, il bambino inglese affetto da una malattia mitocondriale degenerativa considerata incurabile e deceduto il 28.7.2017, è stata decisa la morte anche del piccolo Alfie Evans, affetto da una patologia neurologica degenerativa non ancora conosciuta e deceduto il 28.4.2018, esattamente nove mesi dopo Charlie.

Un giudice dell’Alta Corte di «giustizia» inglese ha deciso la morte di Alfie dichiarando che la sua vita era «futile, inutile»

 

I medici hanno comunicato che entrambi «non avevano alcuna possibilità di guarire» e quindi è stato deciso di togliere loro la nutrizione e la ventilazione artificiale: Charlie è morto pochi minuti dopo, mentre Alfie è sopravvissuto alcuni giorni respirando in modo autonomo (anche se si pensava che non avrebbe potuto respirare da solo), ma lo stress biologico a cui sono stati sottoposti i suoi organi in quei giorni hanno contribuito ad indebolirlo portandolo a morte.

 

Un giudice dell’Alta Corte di «giustizia» inglese ha deciso la morte di Alfie dichiarando che la sua vita era «futile, inutile», avvalorando la decisione dei medici e rifiutando di concedere ai genitori di portarlo a casa e di farlo curare altrove.

 

Con quale autorità morale hanno fatto questo?

 

Jean Pierre Casey, nipote di Dietrich von Hildebrand (1889-1977), famoso filosofo cattolico tedesco e deciso oppositore di Hitler, ha scritto una lettera aperta ai Vescovi di Inghilterra e Galles accusandoli molto duramente per il loro silenzio e per non aver difeso la vita dei bambini negli ospedali. Egli scrive: «È sempre più evidente che oltre alle migliaia di aborti che procurano ogni anno, gli ospedali del Servizio Sanitario Nazionale britannico stanno diventando fabbriche di morte non solo per i non ancora nati, ma per i vivi. […] Che i nostri Vescovi continuino ad allearsi con il Servizio Sanitario Nazionale nel difendere l’indifendibile va al di là di ogni possibile comprensione. […] Se i dirigenti della Chiesa rimangono in silenzio di fronte a tale tirannia, ingiustizia e oppressione, diventano complici e, di fatto, prendono parte attivamente a gravi azioni malvagie».

 

Inoltre, da giorni i genitori di Alfie avevano trovato in ospedale il conforto di un Sacerdote italiano (Padre Gabriele Brusco, Legionario di Cristo), che aveva anche iniziato a parlare agli operatori sanitari ospedalieri di «obiezione di coscienza», venendo peraltro criticato per questo, ma che è stato improvvisamente allontanato dall’ospedale e richiamato a Londra dal suo parroco, al quale deve obbedienza.

 

Prosegue Casey nella sua denuncia:

Questa non è Medicina. Apprezzo e riconosco la Medicina Personalizzata fatta nel territorio da innumerevoli Medici di Base, Pediatri e anche Specialisti che si sacrificano tutti i giorni per i loro Pazienti, ma mi dissocio dagli schemi fissi spersonalizzati e imposti obbligatoriamente dall’alto, per i quali sembra che la persona conti finché è produttiva

 

«Un ospedale che funge da carcere, imprigionando un bambino contro i desideri dei suoi genitori e la possibilità di avere un giudizio migliore non agisce con integrità.

 

Un ospedale che chiede un’ingiunzione del tribunale per impedire ai genitori di esercitare il proprio dovere di agire nel migliore interesse del proprio figlio non agisce con integrità.

 

Un ospedale che rifiuta di mettere in discussione la sua possibile, se non probabile, errata diagnosi non agisce con integrità.

 

Un ospedale che cerca di estromettere un Cappellano che fornisce conforto spirituale a una famiglia bisognosa e amministra i Sacramenti, non agisce con integrità.

 

Un ospedale che rifiuta di prendere in considerazione alternative non agisce con integrità.

 

Un ospedale che richiede la presenza della polizia per impedire ai genitori di esercitare il proprio diritto legale non agisce con integrità.

 

Un ospedale che si rifiuta di facilitare un incontro tra il suo personale medico e il responsabile di un altro ospedale pronto ad accettare il bambino a suo carico [Ospedale del Bambino Gesù di Roma] non agisce con integrità.

 

Un ospedale che non collabora con altri ospedali affinché mandino personale medico, attrezzature e mezzi di trasporto per sostenere i desideri dei genitori per forme alternative di trattamento non agisce con integrità.

 

Un ospedale che si rifiuta di idratare o nutrire un bambino non agisce con integrità».

 

«Secondo alcuni – continua Casey – io posso sembrare un sempliciotto, non in grado di capire pienamente le sottigliezze etiche e mediche del caso, ma rispondo così: Conosco la tirannia quando la vedo. Conosco l’oppressione quando la vedo. Conosco l’ingiustizia quando la vedo. E così fanno molte migliaia di altre persone in tutto il mondo».

Quale agonia se Alfie non soffriva prima di essere messo in carenza di ossigeno e cibo?

 

Non si creda che questa sia solo la condizione della Medicina Pubblica inglese. Anche in Italia un Pediatra, Primario di un reparto emiliano, in questi giorni ha preso posizione a favore dei medici inglesi e ha detto: «Sono circa 150 nella nostra provincia i bambini affetti da queste patologie che in alcuni casi possono avere complicanze gravissime. […] I medici sono obbligati a comunicare alla famiglia quando le cure sono sproporzionate. Il problema nasce quando famiglia e medici sono in disaccordo. […] I miei Colleghi inglesi hanno fatto quello che dovevano, se c’è stato un errore forse c’è stato nel coinvolgimento della famiglia. Si poteva spostare? Sarebbe potuto migliorare? Non sono d’accordo: si sarebbe solo prolungata l’agonia».

 

Quale agonia se Alfie non soffriva prima di essere messo in carenza di ossigeno e cibo?

 

Comunque, se in una sola provincia italiana ci sono circa 150 bambini affetti da patologie gravi incurabili, allora significa che in tutt’Italia ci sono migliaia di questi bambini.

 

Li uccidiamo tutti come ha fatto Hitler con i disabili tedeschi per cercare di purificare la sua «Razza Ariana»?

Se in una sola provincia italiana ci sono circa 150 bambini affetti da patologie gravi incurabili, allora significa che in tutt’Italia ci sono migliaia di questi bambini. Li uccidiamo tutti come ha fatto Hitler con i disabili tedeschi per cercare di purificare la sua «razza ariana»?

 

E noi resteremo indifferenti?

 

Questa non è Medicina. Apprezzo e riconosco la Medicina Personalizzata fatta nel territorio da innumerevoli Medici di Base, Pediatri e anche Specialisti che si sacrificano tutti i giorni per i loro Pazienti, ma mi dissocio dagli schemi fissi spersonalizzati e imposti obbligatoriamente dall’alto, per i quali sembra che la persona conti finché è produttiva.

 

A voi, miei Pazienti, scrivo questa lettera affinché sappiate che ho scelto di fare il medico per aiutare l’uomo, sano o malato, appena concepito o moribondo, senza distinzione di cultura, razza, ideologia e fede religiosa. Vi scrivo apertamente affinché sappiate da che parte sto e possiate decidere coscientemente se seguirmi o meno. Anche quando le conoscenze scientifiche del momento mi dicevano che non c’era più nulla da fare, ho sempre combattuto per cercare nuove terapie e nuove vie e da 43 anni studio tutte le sere per accrescere le mie conoscenze, senza pregiudizi, restando aperto a qualsiasi approccio terapeutico convenzionale o non convenzionale che abbia un fondamento e che sia degno di essere approfondito ed eventualmente acquisito.

A voi, miei Pazienti, scrivo questa lettera affinché sappiate che ho scelto di fare il medico per aiutare l’uomo, sano o malato, appena concepito o moribondo, senza distinzione di cultura, razza, ideologia e fede religiosa. Vi scrivo apertamente affinché sappiate da che parte sto e possiate decidere coscientemente se seguirmi o meno

 

Non temo di andare controcorrente, perché più del giudizio umano temo il Giudizio di Dio e quello della mia coscienza.

 

Ai medici britannici ricordo solo che l’umiltà è la madre di tutte le virtù e che davanti alla vita e alla sofferenza di una persona deve venir meno ogni interesse e orgoglio personale o nazionale.

 

Inoltre, vorrei ricordare loro che nessun uomo ha il diritto di uccidere, di ostacolare o di negare l’assistenza respiratoria, l’acqua e il cibo con tutte le sue componenti nutrizionali essenziali, cioè le condizioni indispensabili per mantenere la vita. Solo Dio può dare e togliere la vita nei momenti e con le modalità che Lui ritiene più opportune, in considerazione del nostro massimo bene personale e sociale. Anche la sofferenza, per quanto dura e terribile essa sia, è una forte occasione di crescita, e Dio lo sa molto bene.

 

Ai medici britannici, ma a qualsiasi medico, vorrei anche dire che di fronte ad una patologia che appare inguaribile, dovremmo riprendere a studiare, a ricercare nuove soluzioni, ad aprire il nostro cuore e la nostra mente a nuovi approcci terapeutici allo scopo di trovare quella cura che allo stato attuale non conosciamo, invece di arrenderci e decretare l’inutilità dell’esistenza di chi ne è affetto.

Abbiamo tutti bisogno di riscoprire il senso della nostra vita, che non risiede né nel potere personale, né nel potere economico, né nell’apparire, né nell’appagare il piacere personale, ma solo nel compiere il Bene e quindi anche nel difendere la sacralità della Vita in ogni sua espressione e condizione

Ancora cinque secoli fa Paracelso ci ammoniva dicendo che: «Nessun Medico può dire che una malattia è incurabile. Affermarlo è come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato. Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere, per la quale Dio non abbia una cura corrispondente» … E il progresso medico di questi ultimi decenni credo lo abbia dimostrato.

 

Ciò che non conosciamo lo possiamo scoprire e se chi ci ha preceduto non avesse creduto in questo e lottato e pagato anche di persona per questo, oggi non potremmo godere dei benefici di cui disponiamo.

 

È troppo facile, ingiusto e inumano chiudere la bocca a colui che ci disturba. È troppo facile farsi forti con i deboli e uccidere l’indifeso solo perché mette in crisi la nostra coscienza e ci ricorda i nostri limiti.

 

Abbiamo tutti bisogno di riscoprire il senso della nostra vita, che non risiede né nel potere personale, né nel potere economico, né nell’apparire, né nell’appagare il piacere personale, ma solo nel compiere il Bene e quindi anche nel difendere la sacralità della Vita in ogni sua espressione e condizione.

 

È il momento di dire NO ad ogni ingiustizia, ad ogni conflitto di interesse, ad ogni minaccia contro la Vita, contro la Libertà di espressione, di scelta e di cura, specie quando riguarda genitori che esprimono amore per loro figlio.

 

C’è l’urgenza di svegliare la coscienza di ogni persona e di unirci come un’anima sola per chiedere che trionfino il Bene, la Libertà, la Giustizia, l’Amore verso tutti e il rispetto per la Vita, sacra in ogni sua condizione e manifestazione.

 

 

Roberto Gava, medico

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Pensiero

Primo Levi, «ogni tempo ha il suo fascismo»

Pubblicato

il

Da

 

 

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà.

 

A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col terrore dell’intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l’informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l’ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti.

 

 

Da  «Un passato che credevamo non dovesse tornare più», Corriere della sera, 8 maggio 1974.

 

Ora in Primo Levi, L’asimmetria e la vita, Einaudi, Torino 2002.

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

Continua a leggere

Civiltà

Fine della virtù, fine della Civiltà

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Nel 1981 Alasdair MacIntyre pubblicò un saggio di teoria morale dal titolo drammatico e, al tempo stesso, eloquente dello stato in cui versava l’etica, condensato nel titolo: Dopo la virtù (edito in italiano da Armando Editore).

 

Il grande filosofo scozzese, nato nel 1929, scriveva nell’esergo del libro una frase in gaelico che richiamava alcune iscrizioni sepolcrali e che si può tradurre in: «In attesa che sorga il sole e si diradino le ombre della notte». MacIntyre intendeva così descrivere e spiegare la parabola discendente che aveva conosciuto l’unità classica delle virtù sino all’isolamento della singola virtù e al depotenziamento finale di quest’ultima.

 

Dopo la virtù era quindi l’esito di una dissoluzione, di un processo che aveva visto nella storia la perdita di un quadro organico entro cui collocare l’unità delle virtù (dianoetiche ed etiche).

 

Nel 1908 un grande scrittore inglese, Gilbert Keith Chesterton, scriveva nel saggio Ortodossia (pubblicato originariamente in italiano dalla Morcelliana):

 

«Il mondo moderno è specializzato in divorzi»… La separazione è il motto della modernità»

«Il mondo moderno è pieno di antiche virtù cristiane impazzite: sono divenute pazze perché sono scisse l’una dall’altra e vagano senza meta. Così alcuni scienziati coltivano la verità ed è una verità senza carità; così altri coltivano la carità senza verità». Sia MacIntyre sia Chesterton condividevano lo stesso drammatico scenario nel quale si era persa l’unità delle virtù.

 

Chesterton riassumeva questo sconvolgente esito in una frase: «Il mondo moderno è specializzato in divorzi» (dal saggio del 1910 Ciò che non va nel mondoedito in italiano da Lindau), MacIntyre sottolineava lo stesso concetto in un’altra frase similare: «La separazione è il motto della modernità» e iniziava questo suo straordinario saggio appellandosi all’immaginazione (che non contrasta, anzi rafforza la ragione purché rimanga sana e non diventi capriccio o arbitrio), così come fece Tolkien nel saggio del 1937 Sulle fiabe contenuto in Albero e foglia (edito in italiano da Bompiani):

 

«Immaginate che le scienze naturali debbano subire le conseguenze di una catastrofe. L’opinione pubblica incolpa gli scienziati di una serie di disastri ambientali. Accadono sommosse su vasta scala. Laboratori vengono incendiati, fisici linciati, libri e strumenti distrutti. Infine un movimento politico a favore dell’Ignoranza prende il potere, e riesce ad abolire l’insegnamento scientifico nelle scuole e nelle università, imprigionando e giustiziando gli scienziati superstiti».

 

Questa ipotesi inquietante era ispirata a un romanzo fantascientifico del 1959, dal titolo Un cantico per Leibowitz (Edizioni La tribuna) di Walter Miller, in cui lo scrittore statunitense, già bombardiere dell’Abbazia di Montecassino nel 1944, convertitosi al cattolicesimo successivamente, immaginava un mondo di sopravvissuti a seguito di una catastrofe nucleare, in cui alcuni monaci, tra cui Leibowitz, conservavano e tramandavano alcuni frammenti della sapienza del passato, pur non comprendendoli, nella speranza che gli uomini sarebbero divenuti migliori e che li sapessero utilizzare per il bene comune.

 

MacIntyre ancora scriveva:

 

«Abbiamo, è vero, dei simulacri di morale, continuiamo ad usare molte delle espressioni fondamentali. Ma abbiamo perduto, in grandissima parte se non del tutto, la nostra comprensione, sia teoretica sia pratica, della morale»

«L’ipotesi che voglio sostenere è che nel mondo effettuale in cui viviamo il linguaggio della morale sia nello stesso stato di grave disordine in cui si trova il linguaggio della scienza naturale nel mondo immaginario che ho descritto. Ciò che possediamo, se questa tesi è vera, sono i frammenti di uno schema concettuale, parti ormai prive di quei contesti da cui derivava il loro significato. Abbiamo, è vero, dei simulacri di morale, continuiamo ad usare molte delle espressioni fondamentali. Ma abbiamo perduto, in grandissima parte se non del tutto, la nostra comprensione, sia teoretica sia pratica, della morale».

 

L’opera del grande filosofo e studioso di etica scozzese si concludeva, alla stregua del romanzo di Walter Miller, con la speranza che ancora un monaco con la sua comunità sapesse far riaffiorare dalle tenebre l’antico patrimonio perduto:

 

«È sempre rischioso tracciare paralleli troppo precisi tra un periodo storico e un altro… tuttavia certi parallelismi esistono. Un punto di svolta decisivo in quella storia più antica si ebbe quando uomini e donne di buona volontà si distolsero dal compito di puntellare l’imperium romano e smisero di identificare la continuazione della civiltà e della comunità morale con la conservazione di tale imperium. Il compito che invece si prefissero fu la costruzione di nuove forme di comunità entro cui la vita morale potesse essere sostenuta, in modo che sia la civiltà sia la morale avessero la possibilità di sopravvivere all’epoca incipiente di barbarie e di oscurità. Se la mia interpretazione della nostra situazione morale è esatta, dovremmo concludere che da qualche tempo anche noi abbiamo raggiunto questo punto di svolta. Ciò che conta, in questa fase, è la costruzione di forme locali di comunità al cui interno la civiltà e la vita morale e intellettuale possano essere conservate attraverso i nuovi secoli oscuri che già incombono su di noi. E se la tradizione delle virtù è stata in grado di sopravvivere agli orrori dell’ultima età oscura, non siamo del tutto privi di fondamenti per la speranza. Ed è la nostra inconsapevolezza di questo fatto a costituire parte delle nostre difficoltà. Stiamo aspettando: non Godot, ma un altro San Benedetto, senza dubbio molto diverso».

 

Non era, quella di Alasdair MacIntyre, una asettica fenomenologia di quanto era accaduto nel corso della storia, ma di un progetto (After Virtue Project) nel quale, recuperando la tradizione aristotelica dell’unità delle virtù, si poteva analizzare e comprendere la portata dell’evento «Dopo la virtù» e rileggere la storia alla luce di quell’evento.

 

La «tradizione di ricerca» a cui alludeva MacIntyre, rifacendosi a quella aristotelico-tomista, era un’indagine intellettuale volta alla ricerca della verità, alla riscoperta della natura autentica della stessa nozione di «tradizione». Tradizione quindi come esito di una approfondita discussione nella storia e che si estende nel tempo.

 

«Ciò che conta, in questa fase, è la costruzione di forme locali di comunità al cui interno la civiltà e la vita morale e intellettuale possano essere conservate attraverso i nuovi secoli oscuri che già incombono su di noi.»

Sulla scorta del pensiero aristotelico, MacIntyre prolungava la concezione antropologica dell’«uomo è un animale sociale» in un «un uomo capace di raccontare storie», in una delle pagine più vibranti del saggio:

 

«L’uomo nelle sue azioni e nella sua prassi tanto quanto nelle sue funzioni, è essenzialmente un animale che racconta storie, un narratore di storie che aspira alla verità. Posso rispondere alla domanda: “Che cosa devo fare?”, solo se sono in grado di rispondere alla domanda preliminare: “Di quale storia o di quali storie mi trovo a far parte?”».

 

«Voglio dire che noi facciamo il nostro ingresso nella società umana rivestendo i panni di uno o più personaggi che ci sono stati assegnati e dobbiamo imparare che cosa sono per riuscire a capire come gli altri reagiscono nei nostri confronti e come vanno costruite le nostre reazioni nei loro confronti. È ascoltando storie di perfide matrigne, di re buoni ma mal consigliati, lupe che allattano gemelli, figli cadetti che non ricevono nessuna eredità ma devono farsi strada da soli nel mondo e figli maggiori che dilapidano la loro eredità in un’esistenza dissoluta  e vanno in esilio a vivere con i maiali, che i bambini imparano, nel modo giusto o in quello sbagliato, che cos’è un figlio e cos’è un genitore».

 

E se la tradizione delle virtù è stata in grado di sopravvivere agli orrori dell’ultima età oscura, non siamo del tutto privi di fondamenti per la speranza (…) Stiamo aspettando: non Godot, ma un altro San Benedetto, senza dubbio molto diverso»

«Privando i bambini delle storie, li si trasformerebbe in balbuzienti ansiosi e senza copione, tanto nelle azioni e quanto nelle parole… La mitologia, nel suo significato originario, è il nucleo essenziale delle cose e aveva ragione anche quella tradizione morale che, dalla società eroica fino ai suoi eredi medievali, considera la narrazione di storie come una parte fondamentale della nostra educazione alle virtù».

 

 

Fabio Trevisan

 

 

Articolo previamente apparso su Ricognizioni

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Pensiero

Big Pharma e la decostruzione della Costituzione. Parla Robert Kennedy jr.

Pubblicato

il

Da

 

 

Robert F. Kennedy Jr.  è intervenuto alla trasmissione TV Tucker Carlson Today per discutere del suo nuovo libro The Real Anthony Fauci: Bill Gates, Big Pharma, and the Global War on Democracy and Public Health.

 

Kennedy ha parlato con il conduttore Tucker Carlson dell’imposizione di durante l’era del coronavirus «bizzarri controlli totalitari, una decostruzione della Costituzione».

 

«L’aumento della censura, l’aumento della soppressione della libertà religiosa, dei diritti di proprietà, la chiusura di un milione di attività senza giusto risarcimento o giusto processo, l’abolizione dei processi con giuria, che sono garantiti dal sesto e dal settimo emendamento per qualsiasi azienda di vaccini che ti fa male, tutto questo – e l’ascesa di una sorta di stato di sorveglianza e tracciamento, è una preoccupante per il popolo, sia democratico che repubblicano», ha detto Kennedy.

Kennedy ha parlato con il conduttore Tucker Carlson dell’imposizione di durante l’era del coronavirus «bizzarri controlli totalitari, una decostruzione della Costituzione»

 

Kennedy ha affermato che i suoi anni di pratica come avvocato di temi ambientali hanno mostrato come le agenzie governative si impegnano nella «corporate capture», il  un fenomeno in cui l’industria privata usa la sua influenza politica per assumere il controllo dell’apparato decisionale dello Stato.

 

A volte «le industrie  prendono il controllo sulle agenzie che dovrebbero regolarle e sostanzialmente le trasformano in burattini».

 

«Lavoro sui problemi dei vaccini dal 2005… la FDA ottiene il 45% del suo budget dalle aziende di vaccini e dalla industria del farmaco».

 

A volte «le industrie  prendono il controllo sulle agenzie che dovrebbero regolarle e sostanzialmente le trasformano in burattini».

Kennedy ha paragonato quell’idea a una situazione ipotetica in cui l’EPA – l’ente di protezione dell’ambiente del governo USA –sia  assistita fiscalmente da società di combustibili fossili.

 

RFK ha anche affermato di aver incrociato la strada con il consulente medico di Biden Anthony Fauci più volte nel corso degli anni, a causa del ruolo del defunto zio Edward «Ted» Kennedy , senatore democratico del Massachusetts di lunga data e ex presidente del Comitato per la Salute e l’Istruzione del Senato.

 

«L’agenzia di Tony Fauci possiede metà del brevetto Moderna e sta per guadagnare miliardi e miliardi di dollari dalle vendite del vaccino Moderna», ha affermato Kennedy. Sul tema della lotta per il brevetto mRNA tra governo e Moderna, e sul conflitto di interessi pubblico-privato di Fauci, Renovatio 21 ha pubblicato un articolo oggi.

 

Kennedy ha raccontato  che la sua famiglia e la burocrazia sanitaria federale hanno «intrecci» vecchi di decenni che risalgono a sua nonna, Rose Fitzgerald-Kennedy:

 

Un’eco di questi temi è rimbombato a Milano sabato scorso quando Kennedy ha parlato davanti a migliaia di persone all’Arco della Pace:, indicando un «colpo di Stato planetario» contro la democrazia liberale.

Lo zio di RFK, Ted Kennedy, «ha scritto i budget per Tony Fauci, Francis Collins e tutte queste agenzie per anni. Alcune delle istituzioni chiave all’interno dell’NIH e dell’HHS prendono il nome dai membri della mia famiglia. Quindi, avevo una prospettiva unica su ciò che stava accadendo all’inizio del 2020, ed ero in grado di prevedere come avrebbero gestito questo, come avrebbero soppresso; osservavo Tony: conoscevo Tony Fauci da anni».

 

Un’eco di questi temi è rimbombato a Milano sabato scorso quando Kennedy ha parlato davanti a migliaia di persone all’Arco della Pace:, indicando un «colpo di Stato planetario» contro la democrazia liberale.

 

«La pandemia come pretesto per imporre un controllo totalitario e decostruire la democrazia».

 

«Il green pass, è il loro colpo di Stato. Il green pass è il modo in cui consolidano il loro potere sulle vostre vite… Il green pass non è una misura sanitaria, è uno strumento per il controllo totalitario dei vostri spostamenti, del vostro conto bancario, i vostri movimenti, ogni aspetto della vostra vita»

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Più popolari