Don Mauro Tranquillo: l’oppressione dei poveri grida vendetta al cospetto di Dio

 

 

Renovatio 21 pubblica questo scritto di Don Mauro tranquillo, FSSPX,  apparso nel recente numero de Il Cedro, bollettino del Priorato San Carlo Borromeo di Montalenghe.

 

 

 

 

Quando studiamo il catechismo, ci viene detto che esistono quattro peccati di particolare gravità, che “gridano vendetta al cospetto di Dio”, cioè che richiamano l’ira di Dio e la sua giustizia non solo nell’altra vita (come ogni peccato) ma già in questa.

 

«Quanti politicanti e quanti ricchi possidenti si rendono colpevoli di questo peccato, dicendo e facendo credere che procurano il bene del popolo, che tutelano gl’interessi delle classi umili e dei lavoratori, speculando sulla loro miseria e sul loro sangue!»

Due di questi peccati li abbiamo spesso ricordati, e hanno fatto l’oggetto di tante iniziative di riparazione, proprio per stornare i castighi che essi meriterebbero già quaggiù: si tratta dell’omicidio volontario e del peccato impuro contro natura.

 

L’omicidio degli innocenti è oggi diventato prassi comune nella forma dell’aborto, della sperimentazione sugli embrioni, nella moltiplicazione e sacrificio dei medesimi per la fecondazione artificiale e gli esperimenti «medici», il peccato contro natura è poi protetto e promosso dalle stesse “leggi” degli Stati.

 

Contro queste cose, molti fedeli sono insorti, pregano e combattono.

 

Il catechismo però contiene altri due peccati che paragona a questi per gravità, e che non dobbiamo dimenticare: si tratta dell’oppressione dei poveri e del defraudare la mercede agli operai.

«…Pecca in modo grave chi non paga sufficientemente il lavoratore, chi lo costringe a un lavoro superiore alle sue forze, o gli fa ingiustamente attendere il pagamento»

 

La particolare gravità si ritrova proprio quando si opprime o si tratta ingiustamente chi non ha altra difesa che di appellarsi al Cielo, che appunto farà vendetta dei torti subiti dai poveri e dagli oppressi anche in questa vita, come tante volte ricorda la Santa Scrittura.

 

Nella sua ben nota Spiegazione del Catechismo di San Pio X, il Padre Dragone così commenta, a proposito dell’oppressione dei poveri: «Quanti politicanti e quanti ricchi possidenti si rendono colpevoli di questo peccato, dicendo e facendo credere che procurano il bene del popolo, che tutelano gl’interessi delle classi umili e dei lavoratori, speculando sulla loro miseria e sul loro sangue!» (n. 154, III).

 

Oggi pochi privati si arricchiscono senza limiti, non degnandosi nemmeno di condividere la ricchezza con i loro stessi dipendenti, per poi passare per filantropi perché finanziano politiche mediche di sterminio, sotto pretesto di beneficenza e promozione umana

E sul defraudare la giusta mercede agli operai, scrive: «…pecca in modo grave chi non paga sufficientemente il lavoratore, chi lo costringe a un lavoro superiore alle sue forze, o gli fa ingiustamente attendere il pagamento» (n. 154, IV), e prosegue attribuendo i castighi delle due guerre mondiali (egli scrive nel 1956) proprio a questo peccato.

 

Lamenta ugualmente, nel seguito del commento, la condizione dei lavoratori dei Paesi che si dicono «liberi», dove i datori di lavoro privati si arricchiscono in modo smisurato trattando ingiustamente i loro dipendenti, e dei Paesi allora comunisti, «dove unico datore di lavoro è lo Stato, incontrollato e incontrollabile; […] dove il bene pubblico equivale al bene di pochi che sono al potere; dove non v’è più neppure la libertà di dirsi e pensarsi infelici, dove la vittima deve inneggiare al carnefice…».

 

Cosa direbbe il buon padre Dragone, oggi che la società occidentale riunisce in sé i lati peggiori del capitalismo e del comunismo?

 

Oggi che pochi privati si arricchiscono senza limiti, non degnandosi nemmeno di condividere la ricchezza con i loro stessi dipendenti, per poi passare per filantropi perché finanziano politiche mediche di sterminio, sotto pretesto di beneficenza e promozione umana?

 

Oggi lo Stato, che da anni paga i suoi debiti verso i privati con il contagocce, li porta al fallimento, per poi permettere alle banche di esercitare l’usura a danno delle stesse persone che ha rovinato

Oggi che lo Stato, che da anni paga i suoi debiti verso i privati con il contagocce, li porta al fallimento, per poi permettere alle banche di esercitare l’usura a danno delle stesse persone che ha rovinato?

 

E che poi, con pretesti pseudo-sanitari, obbliga imprenditori e commercianti a chiudere le proprie attività, privando tutti del frutto del proprio lavoro? Anzi, promette aperture e fa investire risorse, per poi continuare a chiudere, richiedendo comunque tasse esorbitanti a tutte le categorie? Non è questa oppressione dei poveri, non è questo defraudare le persone del frutto del proprio lavoro e dei propri investimenti, per farli vivere di elemosine statali, come nel peggior sistema comunista?

 

Oppressione che conduce l’indifeso, solo davanti alla macchina dello Stato (o peggio delle organizzazioni mondialiste che lo pilotano), alla disperazione e al suicidio? Non grida forse tutto questo vendetta davanti a Dio, che ha a cuore la causa dell’oppresso?

 

Non è questa oppressione dei poveri, non è questo defraudare le persone del frutto del proprio lavoro e dei propri investimenti, per farli vivere di elemosine statali, come nel peggior sistema comunista?

Anche per questa perversione della funzione pubblica, la società attuale si apparenta a quella che verrà ai tempi dell’anticristo, non solo per la promozione dell’omicidio e del peccato contro natura.

 

Anche per questi peccati siamo chiamati a riparare e pregare, perché Dio allontani i castighi che l’oppressione dei poveri e l’ingiustizia chiamano a gran
voce.

 

 

Don Mauro Tranquillo