Connettiti con Renovato 21

Cina

Cina, il crollo dei servizi minaccia la «comune prosperità» invocata da Xi Jinping

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Registrati i peggiori dati dai primi mesi della pandemia. Pesano nuovi lockdown, recenti alluvioni e il difficile quadro economico globale. Disoccupazione giovanile al 16,2%. Giro di vite contro giganti hi-tech ha bruciato 845 miliardi di euro in Borsa. L’impatto della lotta ai cambiamenti climatici.

 

 

 

Non si ferma la decelerazione dell’economia cinese.

 

Secondo dati pubblicati oggi dall’Ufficio nazionale di statistica, l’indice combinato delle attività manifatturiere e dei servizi è crollato da 52.4 punti in luglio a 48,9 in agosto. Esclusi i primi mesi della pandemia lo scorso anno, si tratta del dato peggiore dalla crisi finanziaria del 2008.

 

La caduta dell’indice dei servizi da 52,5 a 45,2 ha trascinato in basso l’indice. Una lettura sopra 50 indica crescita economica; al di sotto una contrazione.

 

L’imposizione di lockdown per controllare l’esplosione di nuovi focolai di COVID-19 e gli effetti delle massicce alluvioni nella Cina centrale hanno influito in modo negativo sull’economica del Paese

L’imposizione di lockdown per controllare l’esplosione di nuovi focolai di COVID-19 e gli effetti delle massicce alluvioni nella Cina centrale hanno influito in modo negativo sull’economica del Paese.

 

A ciò si aggiungono i problemi creati dalla variante Delta del coronavirus alla filiera globale del commercio. Il quadro economico internazionale rimane fragile, come dimostrano i risultati in calo di China Investment Corporation. Lo scorso anno il Fondo sovrano di Pechino ha ottenuto un rendimento del 14,1% sui propri investimenti esteri: nel 2019 il dato era stato del 17,4%, il migliore dalla fondazione della compagnia nel 2007.

 

A lungo andare le difficoltà del settore terziario potrebbero far scoppiare una bomba sociale in Cina. Il comparto è lo sbocco naturale per i giovani cinesi, soprattutto laureati.

 

I dati ufficiali registrano però un incremento della disoccupazione nella fascia di età tra 16 e 24 anni: in luglio essa è salita al 16,2%, dal 15,4 di giugno e il 13,8 di maggio.

 

Gli analisti dell’Ufficio di statistica sostengono che le imprese cinesi si mostrano fiduciose per una nuova accelerazione dell’economia nei prossimi mesi.

 

A lungo andare le difficoltà del settore terziario potrebbero far scoppiare una bomba sociale in Cina

Si deve però ancora valutare l’impatto della campagna antitrust lanciata da Xi Jinping contro i giganti nazionali dell’hi-tech: il giro di vite di Pechino ha fatto perdere alle compagnie tecnologiche cinesi 845 miliardi di euro in titoli di Borsa.

 

L’obiettivo dichiarato del presidente cinese è di arrivare a una «comune prosperità» nazionale, favorendo la lotta alle disuguaglianze di ricchezza, in modo da spingere in alto i consumi interni.

 

Secondo diversi osservatori, la sua battaglia contro i monopoli è in contraddizione con la protezione delle grandi imprese di Stato, che spesso controllano interi settori dell’economia.

 

Sul futuro della Cina pesano poi gli impegni assunti per combattere il cambiamento climatico. Come riporta il South China Morning Post, Lou Jiwei avverte che gli sforzi per raggiungere «emissioni zero» di anidride carbonica entro il 2060 sono una minaccia per la catena nazionale di approvvigionamento. Secondo l’ex ministro delle Finanze, essi rischiano anche di generare nel Paese un’inflazione strutturale.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Immagine di Hikosaemon via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Armi biologiche

C’è stato un Golpe. Ma a chi importa ormai?

Pubblicato

il

Da

 

Negli ultimi tempi si è parlato molto di un alto papavero dell’esercito americano, il generale Mark A. Mulley. Egli ricopre tutt’ora il ruolo di Capo dello stato maggiore congiunto, l’ufficiale di rango più elevato delle forze armate statunitense.

 

Milley è conosciuto per aver espresso di recente commenti sulla «white rage»: ritiene che un problema fondamentale del Paese sia la rabbia dei bianchi. Dice che sta studiando la materia. L’esercito intanto adotta come letture per i soldati manuali di Critical Race Theory, l’idea per cui ogni singola cosa accada in America sia frutto di un «razzismo sistemico» che dura da almeno 400 anni.

 

Poche settimane fa, all’indomani dell’uccisione di 13 militari americani all’Aeroporto di Kabul, fece una conferenza stampa per dire che gli USA avevano reagito: grazie a una «solida intelligence», un drone aveva disintegrato un furgoncino carico di terroristi dell’ISIS-K che stavano per entrare in azione. L’azione sembrò subito sospetta. Il New York Times ora conferma che a morire è stata un’intera famiglia, tra cui vari bambini.

 

Ora di Milley si parla con ancora più insistenza. Bob Woodward, il decano dei giornalisti (l’uomo che con la sua fonte Gola profonda innescò lo scandalo Watergate e la conseguente caduta di Nixon) ha mandato in stampa un paio di racconti incredibili.

 

Secondo il libro Peril, sul finire della presidenza Trump, Milley disse ai suoi sottoposti di essere consultato personalmente su qualsiasi ordine di azione militare da parte del presidente, compreso l’uso di armi nucleari – un fatto che costituisce la rottura della catena di comando in violazione del principio del controllo civile sui militari.

 

Per qualche giorno, gli USA sono stati tecnicamente oggetto di un Colpo di Stato. Un Golpe militare di cui erano a conoscenza i vertici del Partito Democratico e delle varie agenzie di sicurezza: tutti tranne che il popolo. Un golpe segreto, nondimeno, realizzato

L’8 gennaio, Milley ha assicurato la presidente della Camera, la democratica californiana Nancy Pelosi,  che «gli inneschi nucleari sono sicuri e non lo faremo – non permetteremo nulla di pazzo, illegale, immorale o non etico che accada».

 

Secondo quanto riferito, la Pelosi avrebbe poi detto a Milley: «È pazzo. Sai che è pazzo. È pazzo da molto tempo. Quindi non dire che non sai quale sia il suo stato d’animo… È pazzo e quello che ha fatto ieri è un’ulteriore prova della sua follia», ha aggiunto la Pelosi, riferendosi a Trump e all’assedio del Campidoglio.

 

«Signora Presidente, sono d’accordo con lei su tutto» avrebbe risposto Milley.

 

Il libro riporta inoltre che il 30 ottobre 2020, quattro giorni prima del giorno delle elezioni presidenziali statunitensi, Milley chiamò il suo omologo in Cina, il generale Li Zuocheng:

 

«Voglio assicurarvi che il governo americano è stabile e che tutto è andrà tutto bene… Non attaccheremo o condurremo nessuna operazione cinetica contro di voi». «Operazione cinetica» significa attacco militare con armi fisiche.

 

«Se vogliamo attaccare, vi chiamerò prima, non sarà una sorpresa». Gli autori scrivono che il generale Milley ha chiamato di nuovo il generale cinese nel gennaio 2021, due giorni dopo l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti del 2021.

 

Si tratta di rivelazioni a dir poco sbalorditive.

 

Il generale Milley, sostiene qualche membro dell’ opposizione repubblicana (non tutti…) si è quindi reso responsabile di alto tradimento.

Quello di Milley, nel passato nel presente e nel futuro, è un tradimento con implicazioni immani

 

Il generaly Milley, quindi, andrebbe mandato dinanzi ad una Corte Marziale dell’esercito USA. La quale, all’articolo 94 dell’Uniform Code of Military Justice, prevede che l’ammutinamento e la sedizione siano puniti con la morte.

 

Avete letto bene: pena di morte per i militari traditori. Nientemeno. Il caso di Milley ci sembra esattamente questo. Per qualche giorno, gli USA sono stati tecnicamente oggetto di un Colpo di Stato. Un Golpe militare di cui erano a conoscenza i vertici del Partito Democratico e delle varie agenzie di sicurezza: tutti tranne che il popolo. Un golpe segreto, nondimeno, realizzato.

 

Non si tratta di un tradimento qualsiasi – ma di un tradimento «nucleare».  Cioè, di un piano preciso di privare il presidente ancora in carica (anche se per poco) dell’arma di deterrenza assoluta di cui dispone il suo Paese – e il tutto, tramando con una potenza avversaria che parimenti dispone del fuoco termonucleare e che, come riportato da Renovatio 21, potrebbe di recente aver costruito nuovi siti di lancio di missili intercontinentali – la Cina.

 

La Cina, lo strano compagno di viaggio, o meglio, il padrone di tanta della sinistra progressista occidentale. La Cina a cui, con un tradimento non ancora raccontato o spiegato, le nostre élite hanno passato tutta la nostra capacità manifatturiera. La Cina a cui abbiamo svenduto aziende, la Cina per cui abbiamo svuotato interi comparti industriali, con la conseguente distruzione della classe media.

 

Tutto è l’opposto di ciò che credono i vostri occhi, e la vostra logica

Quella Cina che potrebbe in questi giorni innescare una guerra per Taiwan: lo temono in molti, le manovre dell’anglosfera sembrano puntare lì (a meno che sotto, non ci sia un accordo ancora più profondo di ritirata occidentale), dai sottomarini atomici che ora si vuole fornire all’Australia in giù. Gli stessi media australiani, in questi giorni, si stanno chiedendo seriamente quanto Canberra sia vicina alla guerra con Pechino – che, su un organo ufficiale del Partito Comunista Cinese, ha definito l’Australia una gomma da masticare attaccata alla suola dello stivale cinese.

 

Quello di Milley, nel passato nel presente e nel futuro, è un tradimento con implicazioni immani.

 

Il problema qui, tuttavia, è un altro. Di tutto questo, a nessuno importa. Milley è salutato dai media americani tutti (con l’eccezione di Fox News e dei canali trumpiani OAN e Newsmax) come un salvatore della patria. Si sprecano i commentatori che dicono quanto abbia fatto bene, perché, come la Pelosi, definiscono Trump «pazzo» (nonostante vi sia un emendamento, il 25°, per rimuovere un presidente pazzo, ma i democratici non sono riusciti ad attivarlo).

 

A lui dobbiamo la salvezza planetaria. Milley non è un traditore: è un eroe.

 

Vi renderete conto che siamo dinanzi ad un mondo capovolto. Deve essere la «Umwertung aller Werte», quella «trasmutazione di tutti i valori» di cui parlava il sifilitico Nietzsche quando sognava il suo mondo dionisiaco ed invertito.

 

Tutto è l’opposto di ciò che credono i vostri occhi, e la vostra logica.

 

Giocare con la fine del mondo, e senza alcuna supervisione politica. Anzi: farlo partendo proprio dalla sottrazione del potere da funzionari eletti dal popolo

Il rivale geopolitico non va considerato come avversario, anzi va protetto. Gli immigrati hanno più diritti dei cittadini, possono infrangere la legge sull’immigrazione e pure la regolamentazione anti-COVID: possono entrare nel Paese senza test e senza vaccini, a differenza di voi che se ne siete sprovvisti non potete nemmeno entrare al bar per fare la pipì.

 

E poi, l’inversione suprema, quella della «libertà». La vera libertà, ripetono anche i leader di partiti italiani, la ottiene se ti inserisci in un sistema di sorveglianza bio-informatica. «Libertà» è essere obbligati ad una terapia genica, pena la perdita non solo dei propri diritti ma anche del proprio lavoro, cioè del cibo per la propria famiglia. Il «bispensiero» teorizzato nel romanzo di Orwell è roba da educande.

 

Quindi, sì, vero: il generale Milley è un eroe del nostro tempo. E non è l’unico.

 

Il suo caso ricorda da vicino quello di un altro generale coinvolto in affari cinesi e, potenzialmente, in armi pericolosissime: quello del dottor Anthony Fauci.

 

L’eterno, onnipotente zar dell’ente pubblico per le malattie infettive, già detestato dagli scienziati odiato dai gay ai tempi dell’AIDS (dove fece un paio di manovre interessanti), ora è considerato da alcuni – come il senatore Rand Paul che glielo ha detto in faccia in commissione – il possibile «responsabile dell’intera pandemia».

 

Egli infatti, come sembra sempre più certo, ha passato milioni di euro del contribuente americano a ONG che lavoravano sull’ingegneria genetica dei coronavirus all’Istituto di virologia di Wuhan – un progetto che la stessa DARPA, l’ente scientifico di ricerca del Pentagono, aveva scartato come troppo rischioso.

 

Avevate bisogno di altre prove della fine pragmatica della democrazia?

Eppure, anche di Fauci – oramai considerato perfino colpevole di aver mentito davanti al Congresso, pena che dovrebbe costargli 5 anni di gabbio – nessuno si cura. Anzi. Fauci è un eroe.

 

Abbiamo avuto testimonianze, nei mesi della pandemia, di cose grottesche: il giardino delle case private degli elettori democrat esponevano cartelli con su scritto «Grazie Fauci per difenderci dalla pandemia». Era quando Fauci, smentendo se stesso e pure quello che diceva in email private ora emerse, raccomandava mascherine e lockdown draconiani. C’era ancora Trump, quindi, come gli ubriachi con i lampioni, l’onesto cittadino progressista si aggrappava all’unico uomo che gli teneva testa, il virologo che tutti gli anni dava notizie sull’andamento stagionale dell’influenza (lo chiamavano, allora, «doctor flu»).

 

Si trattava, invero, di un altro effetto collaterale della TDS, ovvero la «Trump Derangement Syndrome», sindrome da disturbo-Trump. Non possiamo dire di non conoscerla, qui in Italia – l’abbiamo avuta per due decenni, solo che invece che il costruttore TV della Trump Tower abbiamo avuto il costruttore TV di Milano 2. La dinamica di odio cieco, e controproducente fino al masochismo, la conosciamo bene: alimentata dai media degli avversari finanziari e personali di Berlusconi, possiamo dire  che essa ha creato l’assetto parlamentare dell’ora presente. Il fenomeno dei 5S, senza le decadi di delegittimazione mediatico-popolare di Berlusconi (certo, unito all’incapacità totale del PD di costruire un’alternativa credibile), non sarebbe esistito.

 

Quindi: Fauci e Milley sono eroi.

 

Non è un caso che, arrivato un premier «tecnico» (cioè, ancora meno eletto di quello precedente) la responsabilità della campagna vaccinale italiana sia subito passata ai soldati

Entrambi hanno trafficato con sicumera con le cose più delicate e devastanti al mondo, le armi atomiche e quelle biologiche. Queste ultime, come abbiamo visto, ancora più pericolose delle prime. E se diciamo proprio «armi biologiche» è perché siamo convinti che a quei livelli di biosicurezza le innocenti ricerche non esistono: ogni ricerca su un patogeno distruttivo è dual use, puoi farci un vaccino ma anche un’arma (guardate il film Virus Letale: è spiegato bene, è il centro di tutta la storia). E sappiamo per certo che l’esercito cinese lavorasse anche lì…

 

Giocare con la fine del mondo, e senza alcuna supervisione politica. Anzi: farlo partendo proprio dalla sottrazione del potere da funzionari eletti dal popolo.

 

Avevate bisogno di altre prove della fine pragmatica della democrazia?

 

Avete notato come improvvisamente quando si parla di militari al potere ora non venga più in mente Pinochet, ma anzi, i giornali dell’Oligarcato arrivano ad invocare un mezzo golpe dei colonnelli?

 

Non è un caso che, arrivato un premier «tecnico» (cioè, ancora meno eletto di quello precedente) la responsabilità della campagna vaccinale italiana sia subito passata ai soldati.

Tenete bene a mente: nel mondo invertito, voi non valete niente.

 

Il generale a capo della siringa nazionale si lascia scappare una gaffe, parla di inoculo di «decine di milioni di dosi senza saperne esattamente l’esito»: dice cioè, la verità – certo, forse senza rendersi bene conto. Invece che ricordare il Codice di Norimberga, giornali e popolo progressista applaudono. Anche qui, un generale eroe. Celo anche noi.

 

Ma anche questo: che importanza ha?

 

Tenete bene a mente: nel mondo invertito, voi non valete niente.

 

La vostra Costituzione, non vale niente.

 

La nuova forma di cittadinanza politica nel mondo degli eroi invertiti è una sola: la sottomissione

I vostri diritti umani, non esistono.

 

La vostra opinione, è nulla.

 

Il vostro voto, non ha valore.

 

Le vostre parole, vengono cancellate.

 

La vostra religione, non conta nulla.

 

I vostri figli, non sono vostri.

 

Il vostro corpo, non è vostro.

 

C’è stato un Golpe. L’obbiettivo non erano i palazzi dei governi. Erano i vostri corpi e le vostre menti.

La nuova forma di cittadinanza politica nel mondo degli eroi invertiti è una sola: la sottomissione.

 

Lo ripetiamo, nel caso qualcuno di voi non abbia capito a cosa serve il COVID. Allineatevi. Sottomettetevi.

 

Tra menzogne, bombe atomiche e armi biologiche, si sta aprendo una nuova era di schiavitù. E non pensate di poter scappare.

 

C’è stato un Golpe. L’obbiettivo non erano i palazzi dei governi, ma i vostri corpi e le vostre menti.

 

Ma a chi importa, oramai?

 

 

Roberto Dal Bosco

Continua a leggere

Cina

La Lituania invita a disfarsi dei telefonini cinesi: spiano e censurano

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Nel mirino soprattutto i cellulari Xiaomi: bloccherebbero termini come «Tibet libero» e «movimento democratico». Analisti cyber lituani: al momento sono 449 le espressioni censurate. Tensione alta tra la Repubblica baltica e Pechino. La diplomazia lituana tenta però di smorzare i toni.

 

 

 

Il ministero lituano della Difesa consiglia ai consumatori dentro e fuori il Paese di non comprare telefonini cinesi o di disfarsene in caso di possesso.

 

Il ministero lituano della Difesa consiglia ai consumatori dentro e fuori il Paese di non comprare telefonini cinesi o di disfarsene in caso di possesso

Secondo un rapporto pubblicato ieri dall’Autorità per la sicurezza cibernetica di Vilnius, cellulari made in China venduti in Europa hanno incorporato un sistema che permette di individuare e censurare termini sensibili per il regime di Xi Jinping, come «Tibet libero», «movimento democratico» e «lunga vita a Taiwan indipendente».

 

Al momento le espressioni censurate sono 449, ma il software continua ad aggiornarle.

 

I fari delle autorità lituane sono puntati soprattutto sul modello Mi 10T 5G della compagnia Xiaomi, secondo esportatore mondiale. La compagnia produttrice ha «spento» in Europa le sue capacità di raccolta dati, ma secondo gli analisti cyber di Vilnius esse possono essere riattivate da remoto in qualsiasi momento.

 

I ricercatori lituani fanno notare anche che il telefonino Xiaomi invia dati telefonici criptati a un server di Singapore: lo stesso accade con il P40 5G di Huawei, ma non con i modelli di OnePlus, un altro produttore cinese.

 

Al momento le espressioni censurate sono 449, ma il software continua ad aggiornarle

Secondo diversi media, Huawei ha negato le accuse rivolte dalle autorità lituane; lo stesso ha fatto Xiaomi con una nota ufficiale.

 

Accusato di spiare per lo Stato cinese da Donald Trump prima, e ora da Joe Biden, Huawei ha subito un duro colpo dal boicottaggio Usa dei propri prodotti.

 

Come già sottolineato ad AsiaNews dal Cooperative Cyber ​​Defense Center of Excellence, un hub di difesa informatica accreditato dalla NATO con sede in Estonia, i Paesi che acquistano reti 5G di Huawei non possono eliminare del tutto il rischio di finire sotto il controllo delle agenzie di intelligence cinesi. L’unica soluzione è evitare del tutto l’acquisizione di apparati tecnologici prodotti in Cina.

 

Negli ultimi mesi i rapporti tra Lituania e Cina sono diventati molto tesi. Lo scorso 10 agosto Pechino ha richiamato in patria il proprio ambasciatore a Vilnius: una protesta contro la decisione del governo lituano di permettere a quello taiwanese di aprire un ufficio di rappresentanza con il nome «Taiwan». Per il Partito comunista cinese l’isola è una provincia «ribelle» da riunificare con la forza se necessario.

 

Anche l’ambasciatore lituano a Pechino ha fatto rientro nel proprio Paese. Contattato da AsiaNews sullo stato delle relazioni con la Cina, il ministero lituano degli Esteri si è mostrato cauto. «In linea con la “politica dell’unica Cina” – ha spiegato un portavoce di Vilnius – la Lituania è determinata a perseguire rapporti economici e culturali con Taiwan che siano vantaggiosi per entrambi i Paesi, come fanno altri Stati in Europa e nel resto del mondo». Il dicastero lituano ha poi espresso la speranza che i recenti contrasti con la Cina siano risolti per via diplomatica e in base al diritto internazionale.

 

La diplomazia lituana non ha voluto però confermare o meno notizie di stampa secondo cui i cinesi hanno imposto anche sanzioni commerciali, come la sospensione del servizio treni merci per la Lituania e lo stop a nuove licenze di esportazione per i produttori lituani.

 

«In questa fase – afferma il ministero degli Esteri – non possiamo fornire ulteriori commenti sulla vicenda».

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Cina

La strana faida cinese di Soros e BlackRock

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Una bizzarra guerra di parole è scoppiata negli ultimi giorni sulle pagine dei media finanziari tra il miliardario hedge fund e specialista delle rivoluzioni colorate, George Soros, e il gigantesco gruppo di investimento BlackRock. Il problema è una decisione del CEO di BlackRock, Larry Fink, di aprire il primo fondo comune di investimento di proprietà straniera in Cina presumibilmente per attirare i risparmi della nuova (e in rapida scomparsa) popolazione cinese  a reddito medio. In una recente intervista a un quotidiano, Soros ha definito la decisione BlackRock una minaccia per gli investitori di BlackRock e per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

 

 

 

Questo apparentemente assurdo scontro di opinioni tra due giganti predatori finanziari di Wall Street nasconde una storia molto più ampia: l’incombente collasso sistemico all’interno della Cina di una piramide del debito finanziario che è forse la più grande al mondo.

 

Questo apparentemente assurdo scontro di opinioni tra due giganti predatori finanziari di Wall Street nasconde una storia molto più ampia: l’incombente collasso sistemico all’interno della Cina di una piramide del debito finanziario che è forse la più grande al mondo

Potrebbe avere un effetto domino sull’intera economia mondiale di gran lunga maggiore rispetto alla crisi di Lehman del settembre 2008.

 

 

«Terrorista economico globale…»

Il 6 settembre Soros ha scritto un editoriale ospite sul Wall Street Journal criticando aspramente BlackRock per aver investito in Cina:

 

«È un triste errore versare miliardi di dollari in Cina ora. È probabile che questo faccia perdere denaro ai clienti BlackRock e, cosa più importante, danneggi gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie».

 

Soros che cita la sicurezza nazionale degli Stati Uniti… Ha continuato dicendo:

Potrebbe avere un effetto domino sull’intera economia mondiale di gran lunga maggiore rispetto alla crisi di Lehman del settembre 2008

 

«L’Iniziativa BlackRock minaccia gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie perché il denaro investito in Cina aiuterà a far avanzare il regime del presidente Xi, che è repressivo in patria e aggressivo all’estero».

 

BlackRock ha emesso una risposta affermando:

 

«Gli Stati Uniti e la Cina hanno una relazione economica ampia e complessa… Attraverso la nostra attività di investimento, i gestori patrimoniali con sede negli Stati Uniti e altre istituzioni finanziarie contribuiscono all’interconnessione economica delle due maggiori economie del mondo».

 

In un momento in cui l’enorme edificio del debito delle banche cinesi e dei conglomerati immobiliari sta crollando quasi quotidianamente, la difesa di BlackRock e del CEO Fink difficilmente suona vera. Suggerisce che c’è molto di più dietro la relazione BlackRock-Cina e dietro l’attacco di Soros.

 

L’aspetto curioso delle accuse di Soros contro la trasparenza finanziaria di Pechino è che sono effettivamente corrette

Due giorni prima dell’editoriale di Soros sulla rivista, il Global Times ha scritto un articolo feroce definendo Soros un «terrorista economico globale». Una delle loro accuse era che i soldi di Soros avessero finanziato una «rivoluzione colorata» a Hong Kong nel 2019 contro le nuove leggi di Pechino che mettevano di fatto fine allo status di indipendenza dell’isola.

 

Tuttavia, il forte attacco a Soros è stato molto più probabilmente causato da un editoriale di Soros scritto sul Financial Times di Londra cinque giorni prima in cui ha attaccato duramente Xi Jinping e l’attuale giro di vite sulle società private cinesi come Alibaba e Ant Financial di Jack Ma.

 

In un editoriale del 30 agosto, Soros ha definito il giro di vite del presidente Xi Jinping sulle imprese private «un freno significativo per l’economia cinese» che «potrebbe portare a un crollo».

 

Ha inoltre sottolineato che i principali indici azionari occidentali come l’MSCI di MorganStanley e l’ESG Aware di BlackRock, hanno «efficacemente costretto centinaia di miliardi di dollari appartenenti a investitori statunitensi a società cinesi la cui governance aziendale non soddisfa gli standard richiesti – potere e responsabilità sono ora esercitati da un uomo (Xi) che non risponde ad alcuna autorità internazionale.allineato con le parti interessate».

 

Il gruppo immobiliare «più di valore» del mondo è anche il gruppo immobiliare più indebitato al mondo.

L’aspetto curioso delle accuse di Soros contro la trasparenza finanziaria di Pechino è che sono effettivamente corrette, sulla base delle dichiarazioni pubbliche dei regolatori cinesi, nonché dei manager e dei regolatori di Wall Street.

 

I mercati finanziari cinesi sono opachi e le regole cambiano in modo imprevedibile su chi viene salvato e chi no. Il crollo in corso dell’enorme gruppo immobiliare e finanziario cinese di Evergrande è solo un esempio recente dell’alto rischio di investire oggi in Cina.

 

Non così Evergrande

Il gruppo immobiliare «più di valore» del mondo è anche il gruppo immobiliare più indebitato al mondo.

 

Evergrande, con sede a Shenzhen, è in bilico da mesi sull’orlo della bancarotta poiché è inadempiente su un prestito dopo l’altro e le principali agenzie di rating del credito abbassano il suo rating allo status di spazzatura.

 

Il gruppo deve un totale di 305 miliardi di dollari e quel debito è sia offshore in prestiti in dollari sia in prestiti nazionali non regolamentati da quelli che vengono definiti WMP o prodotti di gestione patrimoniale.

 

Mentre le sue finanze implodono e le vendite di appartamenti unitari precipitano, decine di migliaia di potenziali proprietari di appartamenti sono minacciati di aver pagato per appartamenti non finiti. Ad oggi la banca centrale cinese non è intervenuta ma cresce la speculazione che manchi a giorni un salvataggio statale del gruppo per prevenire un contagio finanziario sistemico.

 

Ad agosto, lo stato ha costretto il proprio gruppo CITIC a salvare Huarong. Eppure è chiaro che questo è solo l’inizio di una crisi finanziaria a valanga in Cina

Ad agosto China Huarong Asset Management Co., una cosiddetta «bad bank» creata dal ministero delle Finanze per assumere beni di società cinesi in difficoltà, ha dovuto essere essa stessa salvata dallo Stato per impedire quella che molti temevano sarebbe stata la «Lehman della crisi cinese».

 

Huarong è una delle quattro società statali create sulla scia della crisi finanziaria asiatica del 1998 per gestire le attività di società statali in bancarotta. Sebbene posseduta a maggioranza dal ministero delle finanze cinese, dal 2014 ha venduto azioni ad altri, tra cui Goldman Sachs e Warburg Pincus.

 

Dopo il 2014 Huarong è diventato un gigante finanziario non bancario e ha finanziato una crescita spettacolare attraverso il debito, che ha iniziato a dipanarsi nel 2020 durante la crisi del COVID.

 

Nel gennaio 2021 un tribunale cinese ha processato il presidente, Lai Xiaomin, che è stato condannato a morte senza grazia per corruzione, appropriazione indebita e bigamia, in una strano mazzo di accuse. La corte ha dichiarato: «Ha messo in pericolo la stabilità finanziaria [della Cina».

 

Quando il gruppo Huarong non è riuscito a pubblicare la sua relazione finanziaria annuale entro la scadenza di fine marzo, sono aumentati i timori di una reazione a catena di bancarotta poiché miliardi delle sue obbligazioni in dollari offshore erano a rischio.

 

Xi ha adottato sempre più misure per controllare la bolla immobiliare fuori controllo della Cina e la sua minaccia di una crisi sistemica come quella negli Stati Uniti nel 2008, istituendo misure per limitare i prestiti immobiliari

I debiti totali sono stati stimati a circa 209 miliardi di dollari. Secondo quanto riferito, invece di gestire in modo conservativo i beni in difficoltà, Lai ha utilizzato lo status di banca non bancaria del Ministero delle finanze statale per trattare di tutto, dal Private Equity alla speculazione immobiliare al commercio di obbligazioni spazzatura, prendendo in prestito miliardi selvaggiamente.

 

Ad agosto, lo stato ha costretto il proprio gruppo CITIC a salvare Huarong. Eppure è chiaro che questo è solo l’inizio di una crisi finanziaria a valanga in Cina.

 

 

Atterraggio di emergenza?

Per mesi il Politburo di Xi ha cercato, con crescente disperazione, di fermare la crescita di una colossale bolla finanziaria nel suo settore immobiliare.

 

All’inizio di quest’anno Xi ha emesso lo slogan «l’alloggio è per vivere, non per speculazione». Le sue mosse per congelare e sgonfiare lentamente l’enorme bolla immobiliare sono probabilmente troppo tardi. La costruzione e la vendita di immobili rappresentano la parte più grande del PIL cinese, oltre il 28% secondo le stime ufficiali. Pretendere che gli investimenti vadano ora in progetti «produttivi» e non speculazioni sui prezzi sempre in aumento degli immobili non è così facile.

 

Xi ha adottato sempre più misure per controllare la bolla immobiliare fuori controllo della Cina e la sua minaccia di una crisi sistemica come quella negli Stati Uniti nel 2008, istituendo misure per limitare i prestiti immobiliari.

 

Il problema è che Evergrande, Huarong, PingAn e altri grandi investitori immobiliari cinesi sono chiaramente solo i sintomi di un’economia che ha contratto debiti ben oltre ciò che era prudente

Secondo i dati cinesi, l’importo del finanziamento totale degli immobili è diminuito del 13% per la prima metà del 2021 rispetto al 2020. Allo stesso tempo, il debito dovuto dalle società immobiliari cinesi su obbligazioni e altri debiti è superiore a 1,3 trilioni di RMB o 200 miliardi di dollari. nel 2021 e quasi 1 trilione di RMB nel 2022.

 

Il settore immobiliare in appalto renderà sempre più impossibile un rimborso così grande e porterà senza dubbio a nuove insolvenze in tutta la Cina. Di recente Ping An, il più grande gruppo assicurativo cinese, anch’esso fortemente investito nel settore immobiliare, è stato costretto a accantonare 5,5 miliardi di dollari di accantonamenti per perdite sui prestiti relativi al suo investimento nel default, China Fortune Land Development Co.

 

Se fosse solo Evergrande a essere insolvente a causa di debiti non pagabili in un’economia in contrazione, le autorità cinesi potrebbero senza dubbio gestirlo in un modo o nell’altro chiedendo alle sue banche statali o a grandi gruppi come CITIC semplicemente di ingoiare i crediti inesigibili per contenere la diffusione della crisi .

 

Il problema è che Evergrande, Huarong, PingAn e altri grandi investitori immobiliari cinesi sono chiaramente solo i sintomi di un’economia che ha contratto debiti ben oltre ciò che era prudente.

 

Ad aprile il Consiglio di Stato del PCC di Pechino ha detto ai governi locali che i loro cosiddetti veicoli di finanziamento del governo locale con una stima (nessuno lo sa) di trilioni di dollari che avevano in prestiti bancari ombra non regolamentati utilizzati per finanziare progetti locali, dovevano sbarazzarsi di crediti inesigibili in eccesso o andare sotto.

 

La Cina è in una grave crisi di collasso del debito

Il 1° luglio Pechino ha annunciato che le entrate del governo locale derivanti dalla vendita di terreni agli sviluppatori, circa la metà di tutte le entrate locali, devono essere inviate al ministero delle finanze centrale di Pechino e non più utilizzate a livello locale.

 

Ciò assicura un crollo catastrofico nelle multimiliardarie banche-ombra locali e nei progetti di costruzione. Niente più salvataggi di Pechino.

 

Allo stesso tempo, la solvibilità del fragile settore bancario cinese multimiliardario è in dubbio, poiché le chiusure bancarie aumentano.

 

Ora, con i colossi statali nazionali prossimi alla bancarotta, la guerra verbale tra BlackRock e George Soros assume una nuova luce significativa. La Cina è in una grave crisi di collasso del debito.

 

La Cina ha già la più grande estensione al mondo di binari ad alta velocità e questi stanno perdendo soldi.

 

La Belt Road Initiative è impantanata in debiti che i paesi non sono in grado di rimborsare e le banche cinesi hanno drasticamente ridotto i prestiti ai progetti BRI Silk Road da $ 75 miliardi nel 2016 a $ 4 miliardi nel 2020.

 

La condanna di Soros a BlackRock, il più grande fondo di investimento privato al mondo, è chiaramente strategica. Potrebbe essere che Soros intenda ripetere il suo rovesciamento del 1998 della bolla del mercato obbligazionario russo dopo aver raccolto i suoi profitti?

La sua crisi demografica significa il flusso infinito di manodopera rurale a basso costo verso costruire quell’infrastruttura è in netto declino.

 

La classe media è profondamente indebitata per l’acquisto di nuove auto e case quando i tempi erano buoni. Il debito totale delle famiglie, compresi mutui e prestiti al consumo per auto ed elettrodomestici, nel 2020 è stato di ben il 62% del PIL.

 

L’Institute of International Finance (IIF) ha stimato che il debito interno totale della Cina è salito al 335 per cento del prodotto interno lordo (PIL) nel 2020.

 

 

Salvataggio di Wall Street da parte di Pechino?

Sembra che Pechino stia cercando di fatto un grande salvataggio da parte degli investitori stranieri nelle sue azioni e obbligazioni in difficoltà guidate da Wall Street.

 

Le principali banche e investitori di Wall Street hanno avuto uno stretto coinvolgimento in Cina per diversi anni. Con i mercati azionari statunitensi ai massimi storici pericolosi e l’UE in gravi difficoltà, forse sperano che la Cina possa salvarli, nonostante la chiara evidenza che le regole contabili aziendali cinesi sono opache, come mostra Evergrande.

 

Dal 2019 l’indice MSCI All Country World, ampiamente utilizzato da Morgan Stanley, è stato autorizzato a elencare le principali società cinesi, il che, come ha accuratamente notato Soros, costringe i fondi azionari occidentali ad acquistare miliardi di dollari di azioni cinesi. BlackRock può ora investire i risparmi personali cinesi nei suoi fondi. Non è chiaro se ci siano altre parti dell’accordo.

 

Qualunque sia l’innesco, un simile crollo della bolla del debito cinese farebbe impallidire la crisi Lehman del 2008

Questa è la pentola d’oro potenziale che mette in fila fuori da Pechino Wall Street e BlackRock.

 

La condanna di Soros a BlackRock, il più grande fondo di investimento privato al mondo, è chiaramente strategica. Potrebbe essere che Soros intenda ripetere il suo rovesciamento del 1998 della bolla del mercato obbligazionario russo dopo aver raccolto i suoi profitti?

 

Se è così, non c’è da stupirsi che i media ufficiali cinesi definiscano Soros un «terrorista economico».

 

Qualunque sia l’innesco, un simile crollo della bolla del debito cinese farebbe impallidire la crisi Lehman del 2008.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Immagine di Niccolò Caranti via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Più popolari