Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Chi guadagna dalla guerra del Tigrè in Etiopia?

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Se volete sapere chi è probabile che sia in guerra, guardate a chi è stato assegnato il Premio Nobel per la pace dal Parlamento norvegese (NATO). Obama è entrato in carica solo pochi giorni prima di intensificare la guerra in Afghanistan. Henry Kissinger l’ha ottenuto negli anni ’70. E due anni fa il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ricevuto il premio per aver fatto «pace» con l’Eritrea. Nel giro di un anno, il tanto lodato accordo di pace tra Abiy Ahmed e il dittatore dell’Eritrea, il presidente Isaias Afwerki, i due si erano uniti per dichiarare guerra al popolo etiope del Tigrè nella provincia al confine con l’Eritrea. L’alleanza dei due mirava chiaramente all’eliminazione della potente minoranza del Tigrè, precedentemente al potere. Chi ora ha da guadagnare nella crescente debacle?

 

 

 

Oggi la realtà è che Abiy Ahmed ei suoi soldati demoralizzati sono in gravi difficoltà mentre le forze di guerriglia del Tigrè meglio addestrate del Fronte di liberazione del popolo del Tigrè (TPLF), si avvicinano ad Addis Abeba. Ci sono buone ragioni per credere che l’inviato speciale di Biden nel Corno d’Africa, Jeffrey Feltman, stia manipolando gli eventi dietro le quinte e non per una risoluzione pacifica.

 

Ci sono buone ragioni per credere che l’inviato speciale di Biden nel Corno d’Africa, Jeffrey Feltman, stia manipolando gli eventi dietro le quinte e non per una risoluzione pacifica

Nominalmente, la guerra è stata lanciata da Abiy perché lo Stato del Tigrè ha disobbedito al divieto COVID del nuovo governo sulle elezioni programmate.

 

Chiaramente i Tigrè, che hanno governato l’Etiopia come gruppo etnico minoritario per quasi tre decenni fino al 2018 – quando è stato costretto dalle proteste popolari a cedere il governo ad Abiy – erano in grave svantaggio, poiché Abiy ha dato il via libera al brutale dittatore dell’Eritrea Isaias di invadere lo Stato etiope del Tigrè da Nord mentre i militari di Abiy attaccavano da Sud.

 

I soldati di Isaias hanno ucciso migliaia di civili del Tigrè e hanno commesso crimini di guerra tra cui stupri e saccheggi in quella che è stata chiamata pulizia etnica. Le forze eritree, stimate in circa 80.000, hanno occupato un terzo della regione del Tigrè. Tutte le comunicazioni sono state interrotte dagli invasori.

 

Villaggi, città e fattorie sono stati distrutti poiché le forze eritree avrebbero utilizzato droni forniti dagli Emirati Arabi Uniti per bombardare il territorio

Isaias e il premio Nobel per la pace Abiy Ahmed hanno lanciato quella che può essere definita solo una guerra di annientamento contro il TPLF. Hanno imposto un assedio alle scorte di cibo nella regione e, secondo quanto riferito, circa 900.000 sono sull’orlo della fame. Villaggi, città e fattorie sono stati distrutti poiché le forze eritree avrebbero utilizzato droni forniti dagli Emirati Arabi Uniti per bombardare il territorio.

 

La leadership del Tigrè e il loro esercito addestrato, il Fronte di liberazione del popolo del Tigrè, TPLF, sono fuggiti sulle colline per condurre una guerriglia; Abiy chiamava apertamente il TPLF un «cancro» della società etiope.

 

 

Inversione del Tigrè

A un anno dall’inizio della guerra per distruggere il Tigrè, il TPLF è riuscito a riconquistare drammaticamente gran parte dello Stato del Tigrè occupato dalle truppe eritree e ad unirsi all’Esercito di Liberazione Oromo (OLA) anti-Abiy per trasferirsi nella capitale, Addis Abeba.

 

Secondo quanto riferito, l’esercito di Abiy è stato devastato da perdite militari e diserzioni di massa.

 

Secondo quanto riferito, l’esercito di Abiy è stato devastato da perdite militari e diserzioni di massa

Il 28 giugno 2021, sette mesi dopo che le presunte potenti forze di difesa nazionali etiopi hanno attraversato il Tigrè, la Tigrayan Defence Force (TDF), la forza militare rinominata del TPLF, ha riconquistato la capitale della provincia del Tigrè Mekelle, marciando con migliaia di etiopi ed eritrei prigionieri.

 

A quel punto, secondo Alex de Waal, direttore esecutivo della World Peace Foundation di Boston, di 20 divisioni dell’esercito federale delle forze di difesa nazionali etiopi, «sette sono state completamente distrutte, tre sono nel caos».

 

La situazione è ora così grave che alla fine di novembre Abiy ha annunciato che sarebbe andato al fronte per guidare le sue truppe contro il TPLF. E all’inizio di novembre ha invitato i civili a radunarsi per la difesa della capitale. Non era un segno di forza, ma di disperazione, poiché secondo quanto riferito il suo esercito è in totale disordine.

 

A metà novembre erano a circa 270 km da Addis Abeba

Abiy appartiene al gruppo etnico Amhara. Gli Amhara sono il gruppo etnico più numeroso con quasi il 35% dei 118 milioni di abitanti. Gli Oromo hanno circa il 27% e il Tigray il 6%. L’alleanza militare delle forze del Tigray TDF con Oromo ha ribaltato le probabilità nella sfortunata guerra.

 

A metà novembre erano a circa 270 km da Addis Abeba.

 

 

Caos che si diffonde

A questo punto l’esito più probabile dei due anni di guerra del Tigrè di Abiy è la disgregazione dell’Etiopia in una guerra civile etnica e la discesa dell’Eritrea nel caos economico e politico.

 

Come l’analista Gary Brecher ha descritto il probabile risultato, «e se le forze TDF/OLA andassero fino ad Addis e prendessero il controllo di “cosa è ora l’Etiopia”? È una scommessa abbastanza sicura che la loro alleanza si dissolva nel giro di pochi mesi e il Paese sarebbe precipitato in una guerra multietnica tra province, poi tra città…»

 

Washington e diversi stati dell’UE stanno svolgendo un ruolo segreto nel fomentare la guerra, mentre si atteggiano a «neutrali»

Washington e diversi stati dell’UE stanno svolgendo un ruolo segreto nel fomentare la guerra, mentre si atteggiano a «neutrali».

 

L’amministrazione Biden, guidata nelle sue politiche per il Corno d’Africa dall’ambasciatore Jeffrey Feltman, ha sanzionato Isaias e il suo esercito eritreo per il suo ruolo nella guerra il 12 novembre, ribaltando le probabilità a vantaggio potenzialmente del TPLF.

 

Il 21 novembre si è svolto un incontro segreto via zoom moderato da Ephraim Isaac.

 

Ephriam Isaac, ora all’Institute of Semitic Studies di Princeton, è presidente di un oscuro gruppo noto come The Peace and Development Center con sede a Washington, che si definisce «un’organizzazione nazionale indipendente senza scopo di lucro e non governativa che lavora per il conflitto prevenzione, risoluzione dei conflitti, costruzione della pace e sviluppo in Etiopia e nel Corno d’Africa». Il suo sito web elenca come sponsor il National Endowment for Democracy degli Stati Uniti, un autodichiarato front della CIA specializzato in rivoluzioni colorate per il cambio di regime; USAID, che è stata spesso coinvolta in operazioni segrete della CIA , e dell’ONU.

 

Ephriam Isaac era vicino al defunto primo ministro del TPLF Meles Zenawi, ed è stato determinante nell’aiutare a portare il TPLF al potere nel 1991.

 

Presenti al recente incontro zoom erano anche l’ambasciatore Vicki Huddleston, ex vice segretario alla Difesa per gli affari africani degli Stati Uniti durante l’era Zenawi, insieme a Donald Yamamoto, uno degli esperti africani più anziani del governo degli Stati Uniti che è appena andato in pensione. E ex e attuali alti diplomatici del Regno Unito, della Francia e dell’UE.

 

Erano tutti d’accordo che, come ha detto Huddleston, «Abiy dovrebbe dimettersi, dovrebbe esserci un governo di transizione onnicomprensivo». La videoconferenza segreta suggerisce che i paesi della NATO, guidati dagli Stati Uniti, stanno facendo di tutto per favorire il TPLF.

 

 

La grande diga del rinascimento etiope

Questa guerra del Tigrè ad un certo punto metterà in discussione il destino della controversa diga del Nilo Azzurro, la Grande Diga del Rinascimentp Etiope (GERD), un enorme progetto a circa 45 km a est del confine con il Sudan e vicino alla provincia del Tigrè.

 

Questa guerra del Tigrè ad un certo punto metterà in discussione il destino della controversa diga del Nilo Azzurro

Nonostante i ripetuti sforzi dell’Egitto, e in parte del Sudan, per convincere diplomaticamente l’Etiopia a fermare la diga, il regime di Abiy Ahmed si è rifiutato di cooperare in alcun modo. A luglio, Abiy ha proceduto alla seconda fase di un riempimento pluriennale della diga ignorando le proteste del Sudan e dell’Egitto, entrambi dipendenti dall’acqua del Nilo Azzurro per la loro sopravvivenza.

 

La GERD, con una capacità di 6,5 gigawatt, sarà la più grande centrale idroelettrica dell’Africa e la settima diga più grande del mondo. Può contenere 74 miliardi di metri cubi d’acqua, più del volume dell’intero Nilo Azzurro, originario degli altopiani dell’Etiopia settentrionale, origine dell’85% del flusso d’acqua del Nilo.

 

La tentazione per l’Egitto di intervenire, anche di nascosto, dalla sponda del Tigrè è enorme e potrebbe infatti, secondo alcuni rapporti, essere in corso. Se quell’intervento dovesse sabotare la diga, la miccia sarebbe accesa per una guerra che va dal Corno d’Africa al Cairo. Tra l’altro che avrebbe chiaramente un impatto sul traffico marittimo attraverso il Corno d’Africa, unico collegamento con l’Oceano Indiano attraverso il Mediterraneo. È l’ingresso al Mar Rosso, la seconda più grande rotta di navigazione del mondo.

 

La Turchia ha anche fornito aerei droni militari all’esercito di Abiy Ahmed. Il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed «Farmaajo» si è unito alla guerra nel Tigrè insieme all’Eritrea e ad Ahmed

La Turchia di Erdogan è coinvolta anche nel Corno d’Africa. Il 21 novembre, il capo dell’esercito somalo, generale Odawaa Yusuf Rageh, ha incontrato il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ad Anakara, dove secondo quanto riferito hanno discusso di cooperazione politica e militare.

 

La Turchia ha anche fornito aerei droni militari all’esercito di Abiy Ahmed. Il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed «Farmaajo» si è unito alla guerra nel Tigrè insieme all’Eritrea e ad Ahmed.

 

La Somalia invase l’Etiopia nell’invasione somala del 1977 della regione dell’Ogaden in Etiopia prima di essere sconfitta da un esercito etiope sostenuto dai sovietici. Con il sostegno turco, a un certo punto la Somalia potrebbe decidere che è opportuno invadere nuovamente l’Etiopia, soprattutto se i tigrini prendono Addis Abeba.

 

Con l’Etiopia in una guerra civile interna, l’esercito del Sudan potrebbe decidere che potrebbe trarre vantaggio anche da una guerra con l’Etiopia

Con l’Etiopia in una guerra civile interna, l’esercito del Sudan potrebbe decidere che potrebbe trarre vantaggio anche da una guerra con l’Etiopia.

 

Già l’etiope Abiy ha accusato il Sudan di aver approfittato della guerra per impossessarsi del territorio in Etiopia. L’inviato degli Stati Uniti e lo specialista della rivoluzione colorata Jeffrey Feltman era a Khartoum in ottobre per incontrare l’esercito del Sudan appena un giorno prima che l’esercito espellesse il primo ministro civile. Non è chiaro quale ruolo abbia giocato il machiavellico Feltman nella mossa militare.

 

Nonostante un successivo reintegro del primo ministro civile Abdallah Hamdok, l’esercito sudanese ha chiaramente ora il controllo. Decine di migliaia di rifugiati della guerra del Tigrè sono fuggiti oltre il confine in Sudan. Situazione altamente instabile.

 

Il 23 novembre l’inviato degli Stati Uniti Jeffrey Feltman ha fatto una visita in Etiopia e dopo, ha commentato che Abiy gli aveva detto che era sicuro di poter respingere le forze del Tigrè nella loro regione d’origine nel Nord del Paese.

 

Feltman ha detto: «Io metto in dubbio questa fiducia». Questo è uno strano commento di un inviato degli Stati Uniti che afferma di chiedere alle forze del Tigrè di ritirarsi dai territori che hanno conquistato. Se l’amministrazione Biden fosse seria nel sostenere il governo eletto di Abiy Ahmed e prevenire la disintegrazione dell’Etiopia, farebbe chiaramente di più per farlo accadere.

 

Il sostegno segreto degli Stati Uniti al Tigrè TPLF e il ruolo di Feltman nella regione suggeriscono che Washington è ancora una volta determinata a provocare il massimo caos come ha fatto con l’aiuto di Feltman in Siria e le rivoluzioni colorate della Primavera Araba

In tutto questo piatto di spaghetti geopolitici c’è anche il caso della crescente presenza della Cina nel Corno d’Africa, dove ha accolto l’Eritrea nella sua Belt and Road Initiative e stabilito una base navale militare a Gibuti accanto a una fondamentale base statunitense Camp Lemonnier, e ha acquisito una quota importante del porto container di Gibuti, Port of Doraleh, tramite il China Merchants Group di proprietà statale.

 

Gibuti partecipa anche alla BRI cinese. Gibuti controlla l’accesso sia al Mar Rosso che all’Oceano Indiano e collega l’Europa, l’Asia-Pacifico, il Corno d’Africa e il Golfo Persico. Si trova direttamente attraverso lo stretto di Bab el-Mandeb dallo Yemen ed è l’unico collegamento commerciale marittimo dell’Etiopia.

 

La Cina ha mantenuto un basso profilo durante la guerra del Tigrè, ma suggerisce il potenziale di un Nuovo Grande Gioco per il dominio della regione dal Corno d’Africa all’Egitto lungo il Mar Rosso.

 

Il sostegno segreto degli Stati Uniti al Tigrè TPLF e il ruolo di Feltman nella regione suggeriscono che Washington è ancora una volta determinata a provocare il massimo caos come ha fatto con l’aiuto di Feltman in Siria e le rivoluzioni colorate della Primavera Araba.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

Continua a leggere

Geopolitica

Nove milioni di abitanti per Neom, la città del futuro dei sauditi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Mohammed bin Salman ha presentato la fisionomia della metropoli che i sauditi stanno costruendo dal nulla sul Mar Rosso. Una linea di edifici a specchio lunga 170 chilometri e larga 200 metri, per eliminare auto ed emissioni. Intanto il principe torna per la prima volta in Europa dopo l’omicidio Khashoggi.

 

 

Nove milioni di abitanti su una superficie di appena 34 chilometri quadrati. Tutti in una città senza auto, strade ed emissioni, costruita come un’immensa linea di edifici alti 500 metri lunga 170 chilometri e larga appena 200 metri che si estenderà dalle montagne dell’Arabia Saudita fino alle rive del Mar Rosso. Un luogo costruito ex novo nel deserto dove tutto dovrà essere ecosostenibile e raggiungibile a piedi in 5 minuti, ma anche con la possibilità di spostarsi da un estremo all’altro in 20 minuti su un treno ad alta velocità.

 

Nel quadro economico incerto di oggi il principe saudita Mohammed bin Salman è tornato in queste ore a rilanciare in grande stile il progetto di Neom, l’avveniristica città in costruzione nel nord dell’Arabia Saudita su cui si gioca molto della «Vision 2030», il suo programma di ammodernamento del Paese in aperta concorrenza con le metropoli del Golfo nell’attrarre investimenti.

 

Non a caso – accanto al consueto corredo di immagini futuristiche e promesse di svolte sostenibili – il dato più interessante nella nuova presentazione di Mohammed bin Salman è l’annuncio che questo progetto da 500 milioni di dollari, che nella sua fase iniziale finora era stato finanziato solo dal Fondo sovrano saudita, si prepara ad andare in borsa. La quotazione sul listino è prevista nel 2024 e l’ambizione dichiarata è quella di utilizzarlo come volano per far entrare quella saudita tra le prime tre piazze finanziarie mondiali.

 

La prima fase della costruzione di Neom dovrebbe essere terminata nel 2026. Secondo il principe saudita dovrebbe avere tra 1,5 e i 2 milioni di abitanti nel 2030, per arrivare nel 2045 a 9 milioni («più di Abu Dhabi» ha tenuto a precisare).

 

Intanto – dopo la recente visita in Arabia Saudita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden – in queste ore Mohammed bin Salman sta compiendo il suo primo viaggio in Europa dopo le accuse sul suo coinvolgimento nell’uccisione nel 2018 a Istanbul del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi.

 

Oggi ha incontrato ad Atene il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis con cui ha firmato accordi sui temi della difesa, degli investimenti sauditi nel Paese e sulla cooperazione scientifica.

 

Dopo la prima tappa in Grecia e poi atteso a Parigi dove incontrerà il presidente francese Emmanuel Macron. Sul tavolo c’è sempre la richiesta dell’aumento della produzione di petrolio per compensare il blocco all’export russo legato alla guerra in Ucraina.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

L’Ucraina torna a colpire i suoi ponti

Pubblicato

il

Da

L’Ucraina ha apparentemente rinnovato i suoi tentativi di distruggere il ponte Antonovsky strategicamente importante sul fiume Dnepr, secondo fonti di entrambe le parti del conflitto.

 

L’ultimo attacco notturno ha colpito l’attrezzatura portata sul sito per riparare i danni causati dai precedenti attacchi di artiglieria, tra cui una baracca temporanea e una betoniera, ha detto lunedì il governo locale a TASS.

 

Kirill Stremousov, vice capo dell’amministrazione Kherson, ha affermato che l’incidente «non è niente di terribile», ma probabilmente ritarderà la prevista riapertura del ponte al traffico, prevista per mercoledì.

 

I media ucraini hanno riferito di attacchi di artiglieria durante la notte al ponte da parte delle truppe di Kiev, con alcuni che suggeriscono che siano stati utilizzati sistemi di missili a lancio multiplo HIMARS forniti dagli Stati Uniti.

 

Le immagini che si presume siano state scattate durante il bombardamento mostrano un grande incendio contro la massiccia struttura con il fumo che si alza nel cielo.

 

Il ponte Antonovsky è un collegamento strategicamente importante tra la città di Kherson controllata dalla Russia e il resto dell’Ucraina meridionale. Le forze di Kiev lo hanno danneggiato due settimane fa in un simile attacco notturno, costringendo le autorità cittadine a chiudere il ponte a tutto il traffico.

 

Un traghetto attraverso il Dnepr è stato organizzato vicino al ponte per compensare la sospensione.

 

Kherson, dove si attestano le truppe russe e filorusse e dove alla popolazione è già offerto il passaporto della Federazione Russa, è praticamente l’ultima grande città dell’Ucraina meridionale prima di Odessa, città di storia e di lingua russa che al momento è stata per lo più risparmiata dai combattimenti.

 

A Kherson, come in altri luoghi presi da Mosca, si terrà un referendum per la riannessione con la Russia, nel solco di quel che si vide nel 2014 in Crimea.

 

L’entrata dei russi a Odessa prefigurerebbe forse anche un attacco da Ovest: combattenti russi della Transnistria entrerebbero in Ucraina anche da quel versante.

 

L’entrata in guerra della Transnistria, zona russa incistata nel territorio moldavo, riaprirebbe altri equilibri – per esempio l’annessione della Moldavia con la Romania, che la farebbe entrare immediatamente in Europa e nella NATO.

 

Oltre ai punti, l’Ucraina sembra aver favorito l’attacco sui suoi civili utilizzandoli come scudi umani, dice un recente rapporto Amnesty International che ha scatenato le ire del regime Zelens’kyj.

 

 

 

 

 

Immagine da Telegram, modificata

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

I cinesi ammettono: le esercitazioni servono per simulare l’invasione di Taiwan

Pubblicato

il

Da

L’Esercito Popolare di Liberazione cinese (EPL), con le sue esercitazioni intorno a Taiwan, sta esercitandosi per capire come fare qualora fosse presa la decisione di eseguire piani di battaglia per un’occupazione militare di Taiwan.

 

Ieri il comando del teatro orientale del EPL  ha riferito che gli aerei da combattimento della Repubblica Popolare si stavano avvicinando abbastanza a Taiwan da dove i piloti potevano vedere la catena montuosa centrale dell’isola anche in caso di maltempo, ha riferito la testata in lingua inglese del Partito Comunista Cinese, Global Times.

 

«Oggi, a me e ai miei compagni d’armi è stato ordinato di condurre una missione di deterrenza ravvicinata, in cui abbiamo osservato la costa e la catena montuosa centrale dell’isola di Taiwan nel raggio visivo» ha detto Hou Hong, un pilota in una brigata collegata al Comando Aereo del Teatro Orientale EPL  che ha partecipato alle esercitazioni.

 

«Continueremo a migliorare la nostra preparazione al combattimento in modo da poter affrontare tutti i tipi di crisi», ha aggiunto il pilota.

 

Il video trasmesso dalla CCTV mostrava i caccia Su-30 e J-16, nonché un bombardiere H-6K che partecipavano alle esercitazioni.

 

In mare, il 5 agosto più di 10 cacciatorpediniere e fregate della marina del comando del teatro orientale dell’EPL hanno condotto operazioni di blocco da diverse direzioni che circondano l’isola il 5 agosto, durante le quali le navi hanno anche praticato corsi di addestramento realistici e orientati al combattimento, tra cui attacco terrestre, offesa completa e difesa, nonché missioni congiunte anti-sottomarino durante il giorno e la notte, ha riferito la CCTV.

 

Il ministero della Difesa di Taiwan ha contato ieri un record di 68 aerei EPL nella zona di identificazione della difesa aerea autodichiarata (ADIZ) dell’isola, insieme a 13 navi della Marina EPL, ha riferito la piattaforma Taiwan News.

 

Inoltre, molti di questi aerei e navi hanno attraversato la linea mediana e «hanno gravemente deteriorato l’attuale situazione nello Stretto di Taiwan», si legge nella dichiarazione del ministero della Difesa di Taipei, secondo Taiwan News.

 

Funzionari di Taiwan hanno affermato oggi che aerei e navi da guerra cinesi hanno provato un attacco a Taiwan.

 

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che diverse navi e aerei cinesi hanno condotto missioni nello Stretto di Taiwan, ha riferito Reuters.

 

Le navi da guerra e gli aerei cinesi hanno continuato a «premere» sulla linea mediana dello Stretto di Taiwan nel pomeriggio del 6 agosto, ha detto «una persona che ha familiarità con la pianificazione della sicurezza». Fonti di Reuters hanno aggiunto che le navi da guerra e i droni cinesi hanno simulato attacchi alle navi da guerra statunitensi e giapponesi al largo della costa orientale di Taiwan e vicino alle isole giapponesi.

 

Da parte sua, l’esercito di Taiwan ha trasmesso allarmi e ha schierato forze di pattugliamento e navi di ricognizione aerea per monitorare le manovre dell’EPL, e ha messo in stand-by missili a terra e ha sparato razzi alla fine del 5 agosto per mettere in guardia sette droni che sorvolavano il suo Isole Kinmen e aerei non identificati che sorvolano le sue isole Matsu.

 

Entrambi i gruppi di isole sono vicini alla costa della Cina continentale.

 

Missili cinesi erano caduti in settimana vicino all’isola di Formosa, allertando anche il Giappone. Il cacciatorpediniere americanO USS Benfold è stato inviato attraverso lo stretto di Taiwan il mese scorso.

 

Le attività militari della Repubblica Popolare Cinese intorno a Taiwan possono divenire un blocco navale di fatto che potrebbe danneggiare tremendamente il commercio mondiale.  Taiwan, come noto, è Paese leader al mondo per la produzione di semiconduttori – cioè i microchip necessari ora ad ogni comparto dell’economia.

 

Finora, Formosa è stata protetta dal cosiddetto «scudo dei microchip», ossia la deterrenza di questa produzione industriale rispetto agli appetiti cinesi, che ancora non hanno capito come replicare le capacità tecnologiche di Taipei. Tuttavia, la guerra in Europa Orientale, facendo mancare materie prime necessarie alla produzione di chip come palladio e neon (che provengono da Russia e Ucraina), potrebbe mettere in discussione tale scudo. La Cina, tuttavia, sta accelerando per arrivare all’autonomia tecnologica sui semiconduttori, così da dissolvere una volta per tutte lo scudo dei microchip taiwanese.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’invasione di Taiwan è stata praticamente annunciata da Xi in un discorso per il centenario del Partito Comunista Cinese. In un incidente assai bizzarro, una TV di Taiwan quattro mesi fa ha annunciato per isbaglio un attacco cinese. Poi si è scusata.

 

Secondo alcuni, la Cina invaderà prima del 2025. Altri parlano del 2027.

 

La questione degli sconfinamenti di caccia cinesi non è nuova, tuttavia mai si era arrivati a questa distanza ravvicinata.

 

Ricordiamo  il discorso di un editorialista della Cina comunista davanti al ministero della Difesa taiwanese offeso per l’episodio di fine febbraio in cui 9 jet del EPL erano entrati brevemente nello spazio aereo di Taiwan.

 

«Abituatevi», disse.

 

 

 

 

Immagine di Mil.ru. via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari