Vaccini derivati dagli aborti, consenso informato per legge in Michigan

 

 

I parlamentari del Michigan hanno introdotto una legislazione che richiede che i vaccini derivati ​​da bambini abortiti siano chiaramente identificati in modo che i pazienti possano fare scelte più informate e potenzialmente perseguire alternative più etiche.

 

Il Senate Bill 1055, portato avanti dai senatori  Tonya Schuitmaker, Mike Kowall, Patrick Colbeck, Judy Emmons, Joe Hune e Mike Shirkey, invita il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani a mantenere un elenco accessibile da Internet di quali vaccini sono stati sviluppati usando le cellule staminali derivate dal tessuto dei bambini abortiti, così come i vaccini alternativi quando disponibili.

Mantenere un elenco accessibile da Internet di quali vaccini sono stati sviluppati usando le cellule staminali derivate dal tessuto dei bambini abortiti, così come i vaccini alternativi quando disponibili

 

I medici dovrebbero presentare queste informazioni ai pazienti prima di somministrare i vaccini. L’elenco verrebbe aggiornato ogni anno e il requisito entrerebbe in vigore 90 giorni dopo la firma della legge.

 

«L’esistenza di questi vaccini richiede ai pazienti e ai genitori di prendere importanti decisioni etiche – dice presidente di Right to Life of Michigan, Barbara Listing  – Purtroppo, molte persone non sono a conoscenza di questi fatti, compresi molti medici e infermieri. I pazienti hanno bisogno di informazioni accurate per prendere decisioni informate, e molti non lo capiscono ora».

 

La Food and Drug Administration (la nota FDA, l’ente regolatore di cibi e farmaci degli Stati Uniti) attualmente approva un numero di vaccini prodotti utilizzando due linee cellulari, MRC-5 e WI-38, ottenute da aborti procurati degli anni ’60. La legge federale fornisce ai produttori di vaccini l’immunità legale da cause legali o accuse di pazienti feriti, delegando invece tali casi ad un organo chiamato Office of Special Masters della Corte dei crediti degli Stati Uniti.

 

Le persone danneggiate dai vaccini possono avere diritto a un risarcimento finanziario dal Programma nazionale di compensazione degli infortuni sui vaccini .

«Purtroppo, molte persone non sono a conoscenza di questi fatti, compresi molti medici e infermieri. I pazienti hanno bisogno di informazioni accurate per prendere decisioni informate, e molti non lo capiscono ora»

 

Right to Life attualmente pubblica la propria lista di vaccini derivati ​​dall’aborto e alternative etiche ma spera che la legge renda la consapevolezza del conflitto morale più diffuso.

 

Alcuni pro-lifers e persino la Pontificia Accademia per la Vita del Vaticano  (2005) accettano i vaccini derivati ​​dall’aborto come moralmente ammissibili in assenza di alternative. Altri sostengono che tali vaccini non sono solo immorali, ma che le cellule fetali li contaminano con una maggiore minaccia di complicazioni mediche.

A studiare il fenomeno dal punto di vista biochimico e patologico è la dottoressa Theresa Deisher, della quale Renovatio 21 sta traducendo gli importanti lavori.

In che modo il dare alle persone informazioni controlla le loro scelte? Non è piuttosto il contrario?

 

Il dott. David Gorski, direttore del sito Science-Based Medicine, ha attaccato il disegno di legge, affermando che era «progettato per usare il linguaggio emotivo per dissuadere i genitori dal vaccinare». Right to Life  ha risposto osservando che il linguaggio della legislazione era «innegabilmente vero» e che «i funzionari della sanità pubblica, non gli attivisti politici, saranno quelli che redigono i moduli specifici che saranno forniti ai pazienti.

 

«In che modo il dare alle persone informazioni controlla le loro scelte?» si domanda il gruppo. «Non è piuttosto il contrario?».

Il Michigan è uno dei 18 stati che autorizza deroghe ai mandati vaccinali basati su obiezioni religiose o di altro tipo

 

Il Michigan è uno dei 18 stati che autorizza deroghe ai mandati vaccinali basati su obiezioni religiose o di altro tipo. Lo stato è attualmente nel bel mezzo del più grande focolaio di epatite A negli Stati Uniti, che ha ucciso 27 persone dal 2016.

 

I funzionari statali attribuiscono il problema in parte a una mancanza di scorte, e attualmente per la malattia non esiste alcun vaccino approvato che non sia derivato da cellule fetali abortive.

 

 

Fonte: Lifesitenews