USA, il tasso di suicidio aumenta vertiginosamente

 

 

 

Varie celebrità americane si sono suicidate nel corso  del 2018. Per esempio Kate Spade, una stilista di 55 anni, e Anthony Bourdain, uno chef e conduttore televisivo di 61 anni. Le loro morti hanno messo in evidenza le terribili notizie dei Centers for Disease Control riguardo a un forte aumento dei suicidi negli Stati Uniti negli ultimi due decenni.

 

Circa 45.000 vite sono state perse per colpo del suicidio nel 2016 – dal 1999 un aumento del 30% in metà degli stati. Le percentuali sono aumentate significativamente tra i maschi in 34 stati e donne in 43 stati. Gli uomini rappresentavano i tre quarti delle morti. Le cifre erano più alte tra i bianchi non ispanici e quelli tra i 45 ei 65 anni.

Il suicidio è ora la decima causa di morte per gli americani

 

Il suicidio è ora la decima causa di morte per gli americani. Il suicidio, il morbo di Alzheimer e le overdose sono le uniche cause di morte che stanno aumentando. Tra le persone di età compresa tra i 15 ei 34 anni, il suicidio è la seconda causa di morte.

 

«Quando si guardano i numeri, il suicidio è una crisi di salute pubblica»

I ricercatori del CDC non hanno individuato un fattore responsabile di questo aumento. Sono coinvolti diversi fattori: il suicidio è spesso attribuito a problemi di salute mentale, ma molti che muoiono in questo modo non hanno avuto diagnosticata una malattia psichiatrica.

 

Tuttavia, «la maggior parte dei deceduti suicidi non hanno un disturbo mentale noto e che non è mai stato diagnosticato, non che non ne avesserouno», ha detto il dottor David Brent, uno psichiatra all’Università di Pittsburgh,  al New York Times.

Tra le persone di età compresa tra i 15 ei 34 anni, il suicidio è la seconda causa di morte.

 

Ci sono anche altri fattori: contrattempi relazionali, uso di sostanze, scarsa salute fisica e lavoro, denaro, problemi legali o abitativi.

 

Le armi da fuoco sono il metodo principale, rappresentando circa la metà dei suicidi. Le percentuali variano ampiamente da stato a stato: 6,9 per 100.000 abitanti all’anno nel Distretto di Columbia a 29,2 per 100.000 nel Montana.

 

«Gli ultimi tre decenni hanno presentato un puzzle morboso. Le percentuali sono aumentate costantemente nella maggior parte dei gruppi etnici e di età»

Le statistiche sono sconcertanti. Secondo il Times:

«I tassi di suicidio sono aumentati e calano rispetto alla storia del paese e tendono a raggiungere picchi nei momenti difficili. Nel 1932, durante la Grande Depressione, il tasso era di 22 per 100.000, tra i più alti nella storia moderna. Il tasso nei nuovi dati CDC era di 15,4 per 100.000».

 

«Gli ultimi tre decenni hanno presentato un puzzle morboso. Le percentuali sono aumentate costantemente nella maggior parte dei gruppi etnici e di età, anche se le percentuali di trattamento e diagnosi psichiatrica sono aumentate notevolmente».

 

Che l’aumento dei suicidi possa andare di pari passo con l’aumento delle prescrizioni di psicofarmaci?

«A che punto è una crisi?», ha chiesto al Washington Post Nadine Kaslow, ex presidente dell’American Psychological Association  . «Il suicidio è una crisi di salute pubblica quando si guardano i numeri che continuano a salire. È ovunque. E sappiamo che le percentuali sono effettivamente più alte di quelle riportate. Ma gli omicidi ricevono ancora più attenzione».

 

Sull’innesco di idee suicide (e financo omicide) nei pazienti a causa dell’assunzione di psicofarmaci – realtà poco conosciuta in Italia, ma negli USA segnalata perfino nei bugiardini con il Black Box Warningsi sta occupando Renovatio 21, così come delle terribili storie di dipendenza derivate da queste droghe legali, sulle quali in Italia è uscito un libro scritto dal dottor Peter Breggin. Potete anche leggere la recente intervista al farmacologo Stefano Montanari.

Che vi sia anche qui una correlazione tenuta in sordina da Big Pharma?

 

Che l’aumento dei suicidi possa andare di pari passo con l’aumento delle prescrizioni di psicofarmaci, in particolare degli SSRI (Zoloft, Prozac, Citalopram)?

 

Che vi sia anche qui una correlazione tenuta in sordina da Big Pharma e dai suoi camerieri nei media?