Lockdown in Australia, le leggi consentono alla polizia di entrare nelle case senza permesso e di rompere i finestrini delle auto

 

 

Melbourne, la seconda città più grande d’Australia, ha dato alla polizia il potere di entrare nelle case private senza un mandato o il permesso di effettuare «controlli a campione», mentre le chiese vengono nuovamente chiuse come parte di un nuovo regime di blocco dopo che i politici hanno dichiarato uno «stato di calamità» in risposta all’aumento dei decessi associati al coronavirus e ai risultati positivi dei test.

 

Parlando il 3 agosto, il commissario capo della polizia dello Stato di Victoria Shane Patton non si è scusato mentre ha spiegato che la polizia in alcuni casi aveva rotto i finestrini di alcune auto a causa del fatto che le persone all’interno dell’abitacolo  non collaboravano con la polizia o non seguivano le linee guida sanitarie appena imposte.

La seconda città più grande d’Australia, ha dato alla polizia il potere di entrare nelle case private senza un mandato

 

«In almeno tre o quattro occasioni nell’ultima settimana abbiamo dovuto rompere i finestrini di persone in auto e tirarle fuori da lì in modo che potessero fornire i loro dati perché non ci stavano dicendo dove stavano andando, non erano aderendo alle linee guida dell’ufficiale sanitario capo, non stavano fornendo il loro nome e il loro indirizzo», ha detto Patton.

 

«Questo è chiaramente il lavoro più grande, il più grande impegno che abbiamo al momento, è l’impegno più importante per la polizia del Victoria e questo è far rispettare le linee guida dell’ufficiale sanitario cap», Patton ha iniziato la sua conferenza stampa spiegando il ruolo della polizia nel nuovo blocco regime.

 

«In almeno tre o quattro occasioni nell’ultima settimana abbiamo dovuto rompere i finestrini di persone in auto e tirarle fuori da lì in modo che potessero fornire i loro dati perché non ci stavano dicendo dove stavano andando»

Almeno un video della polizia del Victoria che agisce contro un individuo per non aver indossato una maschera è diventato virale con milioni di visualizzazioni online e diverse versioni del video rimosse da varie piattaforme di social media

 

Le nuove misure draconiane sono state sollecitate da «671 nuovi casi di coronavirus» e «altri 7 decessi» nei giorni precedenti la loro introduzione

Le nuove misure draconiane sono state sollecitate da «671 nuovi casi di coronavirus» e «altri 7 decessi» nei giorni precedenti la loro introduzione, sostiene il giornalista Toby Young, il quale pure suggerisce che l’aumento potrebbe essere dovuto a un corrispondente aumento dei test.

 

«Sembra uno schema familiare: su consiglio dei funzionari della sanità pubblica, un leader politico intensifica i test e introduce un programma di tracciabilità, quindi, quando il numero di casi inevitabilmente aumenta, il leader va nel panico e introduce nuove misure draconiane».

 

Uno schema familiare: su consiglio dei funzionari della sanità pubblica, un leader politico intensifica i test e introduce un programma di tracciabilità, quindi, quando il numero di casi inevitabilmente aumenta, il leader va nel panico e introduce nuove misure draconiane

Lifesitenews ha intervistato un sacerdote cattolico di Melbourne, padre Glenn Tattersall, che punta il dito contro il premier dello stato di Victoria Daniel Andrews, « un radicale di sinistra con un amore per il potere dispotico»

 

«Abbiamo un coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino – continua il parroco – rigorosamente applicato anche con l’uso di elicotteri della polizia e luci di ricerca. Il virus è un vampiro che esce di notte?»

 

«O indossare maschere: devono essere indossate ovunque fuori, anche in un parco dove non sei neanche lontanamente vicino a nessun’altra persona. Perché? Il virus salta per centinaia di metri nell’aria? Si tratta di indurre la paura di massa e umiliare la popolazione chiedendo la conformità esterna».

 

«Abbiamo un coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino rigorosamente applicato anche con l’uso di elicotteri della polizia e luci di ricerca. Il virus è un vampiro che esce di notte? O indossare maschere: devono essere indossate ovunque fuori, anche in un parco. Perché?»

«Molti abitanti del Victoria sono arrabbiati e stanno mettendo in discussione la risposta del governo al virus Wuhan. Si rendono conto che è sproporzionato, sprezzante dei loro diritti civili fondamentali e inefficace».

 

«Penso che quando il momento sarà giusto si manifesterà un enorme cambiamento nell’opinione pubblica».

 

 

 

Immagine di Jim Hickcox via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)