L’assassino del professore decapitato aveva legami con jihadisti in Siria

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Si tratta probabilmente di un ceceno combattente ad Idlib. Finora la polizia ha fermato sette persone, fra cui due studenti, il padre di una studentessa e un imam radicale, tre amici dell’assassino. Oggi, nelle moschee si leggerà un messaggio del Consiglio francese per la fede musulmana.

Il giovane ceceno di 18 anni che ha decapitato il prof. Samuel Paty per aver mostrato una vignetta satirica su Maometto durante una lezione, era in contatto con un jihadista di lingua russa che sta in Siria

Abdullakh Anzorov, il giovane ceceno di 18 anni che ha decapitato il prof. Samuel Paty per aver mostrato una vignetta satirica su Maometto durante una lezione, era in contatto con un jihadista di lingua russa che sta in Siria.

 

L’identità del jihadista non è nota. Il giornale Le Parisien afferma che egli è stato localizzato attraverso l’indirizzo IP legato a Idlib, la città nel nordovest della Siria in mano agli oppositori di Assad e divenuta un rifugio per molti gruppi jihadisti.

 

L’Osservatorio siriano per i diritti umani conferma che migliaia di stranieri, da Francia, Gran Bretagna e dalla Cecenia sono in Siria per combattere la guerra santa contro Bashar Assad, e che un gruppo di ceceni risiede a Idlib.

 

Subito dopo l’assassinio, Anzorov aveva lanciato sui social un messaggio audio in russo in cui diceva di aver «vendicato il profeta» che l’insegnante aveva mostrato «in un modo insultante».

Subito dopo l’assassinio, Anzorov aveva lanciato sui social un messaggio audio in russo in cui diceva di aver «vendicato il profeta» che l’insegnante aveva mostrato «in un modo insultante».

 

Il messaggio riportava anche un video, insieme a due tweet: in uno si mostrava la testa tagliata di Samuel Paty; nell’altro Anzorov rivendicava l’assassinio.

 

Per complicità nell’uccisione di Paty, fino ad ora la polizia ha accusato sette persone. Vi sono anzitutto due studenti che hanno aiutato Anzorov a riconoscere la vittima; poi vi è il padre di una studentessa di Paty, Brahim Chnina, che ha lanciato su internet una campagna contro di lui; un imam radicale, Abdelhakim Sefrioui, che ha fomentato odio contro il professore; tre amici dell’assassino che lo hanno aiutato a comprare un’arma e lo hanno accompagnato in auto fino al luogo dell’uccisione.

 

Il messaggio riportava anche un video, insieme a due tweet: in uno si mostrava la testa tagliata di Samuel Paty; nell’altro Anzorov rivendicava l’assassinio.

Due giorni fa, nel cortile della Sorbona, si è tenuto un omaggio nazionale a Paty, a cui ha partecipato il presidente Emmanuel Macron.

 

Quest’oggi nelle moschee francesi si dovrebbe leggere un messaggio diffuso dal Consiglio francese per la fede musulmana, da inserire nelle prediche di oggi. In esso si afferma che i musulmani in Francia «non siamo perseguitati», anche se «talvolta siamo oggetto di atti islamofobi». Davanti a queste provocazioni, l’organizzazione invita i fedeli islamici a «rimanere dignitosi, calmi e lucidi».

 

Il mondo islamico in Francia è diviso fra musulmani che vogliono integrarsi nella cultura francese e altri che in nome di un islam radicale, vogliono distruggere la convivenza e i valori repubblicani.

 

Nelle moschee francesi si dovrebbe leggere un messaggio diffuso dal Consiglio francese per la fede musulmana, da inserire nelle prediche

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Immagine screenshot da YouTube