Gran Bretagna, approvata la modificazione della linea germinale degli esseri umani

 

 

Il principale istituto di bioetica del Regno Unito ha dato il via libera alla modificazione intergenerazionale del genoma umano. In un importante studio sui problemi etici e pratici (PDF) coinvolti nell’editing del genoma e nella riproduzione umana, il Nuffield Council on Bioethics ha concluso che esso è «moralmente ammissibile».

 

«Riteniamo che la modifica del genoma umano non sia moralmente inaccettabile di per sé», ha affermato la professoressa Karen Yeung , presidente del gruppo di lavoro che ha prodotto la relazione. «Non c’è motivo di escluderlo in linea di principio».

«Riteniamo che la modifica del genoma umano non sia moralmente inaccettabile di per sé»

 

La professoressa Jackie Leach Scully, della Newcastle University, una co-autrice, ha dichiarato al Guardian che l’editing ereditario del genoma potrebbe diventare un’opzione per i genitori «per cercare di garantire quello che pensano sia il miglior inizio di vita» per i loro futuri figli.

 

Ancora una volta, il Regno Unito sta aprendo nuove strade nell’universo dell’etica. Mentre il rapporto Nuffield è puramente consultivo, la maggior parte delle sue raccomandazioni su argomenti simili sono diventate legge nel Regno Unito. Per questo motivo, il suo consiglio al governo britannico è di importanza globale.

Un’opzione per i genitori «per cercare di garantire quello che pensano sia il miglior inizio di vita» per i loro futuri figli

 

Ma le conclusioni del rapporto sono state immediatamente criticate – e in effetti nessun governo ha ancora autorizzato la modifica ereditabile del genoma. Il Dr David King, direttore di Human Genetics Alert, ha dichiarato alla BBC : «Questa è una vergogna assoluta: abbiamo avuto divieti internazionali sull’ingegneria genetica eugenetica da 30 anni, ma questo gruppo di scienziati pensa di saperla lunga. Il  Nuffield Council non si preoccupa nemmeno di dire di no ai designer baby: la gente della Gran Bretagna ha deciso 15 anni fa di non volere cibi geneticamente modificati. Supponete che vogliano dei bambini OGM?».

 

E Marcy Darnovsky, del Center for  Genetics  and Society, in California, ha commentato che il rapporto ha riconosciuto che, se fosse permesso l’editing genetico riproduttivo, sarebbe usato per scopi di miglioramento e per scopi cosmetici.

 

«Escludono la solita finzione che questo potrebbe – o, a loro avviso, dovrebbe – essere impedito. Riconoscono che ciò potrebbe peggiorare la disuguaglianza e la divisione sociale, ma non credono che questo dovrebbe ostacolarlo. In termini pratici, hanno buttato giù un tappeto rosso per un uso illimitato dell’ingegneria genetica ereditabile, e quindi aperto la via ad un’età dorata in cui alcuni sono trattati come “abbienti” genetici e il resto di noi come “non abbienti”».

La gente della Gran Bretagna ha deciso 15 anni fa di non volere cibi geneticamente modificati. Supponete che vogliano dei bambini OGM?

 

Il rapporto Nuffield si domanda se «modificare il genoma dei propri discendenti potrebbe equivalere a una violazione della dignità umana». La risposta è contraddittoria, perché tenta di diminuire l’importanza della genetica stessa, consentendo così di bypassare il problema bioetico della dignità umana: «non troviamo utile il concetto di dignità umana in questo contesto. A nostro avviso, ciò che è moralmente importante per gli esseri umani non dipende dal possesso di un particolare insieme di variazioni genomiche: in ogni caso, il concetto di “genoma umano” manca di coerenza».

 

In pratica, ciò che è moralmente importante per gli esseri umani non è un argomento che il rapporto discute in dettaglio.

In termini pratici, hanno buttato giù un tappeto rosso per un uso illimitato dell’ingegneria genetica ereditabile, e quindi aperto la via ad un’età dorata in cui alcuni sono trattati come “abbienti” genetici e il resto di noi come “non abbienti”

 

 

La fretta di arrivare all’umanità geneticamente modificata è tanta. Le barriere oramai sono pochissime. La morale, l’etica, la dignità dell’uomo sono sbiaditi ricordi di un’era di umani naturali destinata, se qualcuno non fa nulla, ad essere dimenticata per sempre.