Connettiti con Renovato 21

Persecuzioni

Violenze contro i cristiani indiani: la fede più forte del negazionismo del governo

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Proprio nei giorni in cui ricorrono i 14 anni dai pogrom in Orissa il ministero degli Interni ha presentato alla Corte Suprema un memorandum in cui definisce «falsità per ottenere intromissioni negli affari interni» le denunce sulle persecuzioni per mano dei fondamentalisti indù. La testimonianza di suor Meena che nel distretto di Kandhamal fu personalmente vittima: «Dio mi ha permesso di vedere la morte e vivere di nuovo. Sono accanto a chi soffre ancora oggi».

 

 

 

Il 23 agosto per i cristiani dell’Orissa è la Giornata di Kandhamal, in memoria delle drammatiche violenze subite nell’agosto del 2008, che provocarono oltre 100 morti e migliaia di sfollati.

 

La ricorrenza cade quest’anno in un contesto che – da mesi e da più parti in India – vede denunciare un nuovo preoccupante aumento degli attacchi da parte dei fondamentalisti indù. Una situazione talmente grave da aver portato l’arcivescovo di Bangalore mons. Peter Machado – insieme al National Solidarity Forum e alla Evangelical Fellowship of India – a presentare qualche settimana fa un’istanza alla Corte Suprema di New Delhi, affinché intervenga per fermare la «propaganda dell’odio» che alimenta gli attacchi ai luoghi di culto.

 

La petizione è in discussione e proprio in questi giorni ha visto il ministero degli Interni replicare con un proprio memoriale in cui nega del tutto il fenomeno, sostenendo che i ricorrenti «fanno ricorso a falsità e a documenti autocelebrativi» insieme a notizie di stampa che riportano in modo errato tali incidenti.

 

«L’appello – replica il governo Modi – denuncia attacchi ai cristiani basati su mere congetture. Sembra che ci sia un’agenda nascosta e obliqua nel presentare disordini in tutto il Paese, forse per ottenere assistenza dall’esterno e intromettersi negli affari interni della nazione».

 

La Corte Suprema ha rinviato la questione a una nuova udienza, in programma il 25 agosto. Ma il negazionismo del ministero degli Interni ha suscitato reazioni sdegnate tra i cristiani indiani.

 

«Questa risposta del governo centrale è a dir poco sconcertante – commenta ad AsiaNews il verbita padre Babu Joseph, già portavoce della Conferenza episcopale indiana (CBCI) – Uno sguardo anche solo superficiale non lascia alcun dubbio sull’ondata di attacchi ai cristiani e alle loro istituzioni in corso in tutto il Paese. E affermare che quanto riportato dai giornali e da altre fonti non è vero equivale a negare l’ovvio. Può darsi che alla base di alcuni singoli casi selezionati di atrocità ci possano essere ragioni diverse da quelle religiose, ma trattarli tutti come falsi significa chiudere gli occhi. Speriamo che la magistratura, nonostante le smentite ufficiali, vada alla radice di questi attacchi e rechi sollievo a quanti vedono i propri diritti costituzionali minacciati».

 

In questo contesto assume un significato ancora più importante la testimonianza che pubblichiamo qui sotto di suorMeena Barwa, la religiosa dell’Orissa personalmente vittima di uno stupro e delle violenze di 14 anni fa nel distretto di Kandhamal. Da allora instancabilmente racconta come sia stato possibile sopravvivere a quell’orrore, offrendo un perdono inseparabile dalla battaglia per la giustizia, affinché altri non si trovino a vivere ancora quanto lei ha patito.

 

 

Ho prestato servizio nel distretto di Kandhamal per due anni, condividendo la vita con la popolazione locale, aiutandola nella crescita, nello sviluppo e nell’autosufficienza.

 

A partire dal 23 agosto 2008, per quattro giorni, ho visto persone, tra cui bambini e donne, scappare nella foresta. Ho visto case cristiane nei villaggi date alle fiamme. C’ero anch’io tra coloro che hanno sofferto durante gli attacchi di violenza anticristiana senza precedenti del 2008 nel distretto di Kandhamal, in Orissa, che sono durati per mesi. Più di 100 persone sono state uccise, mentre migliaia hanno abbandonato le loro terre e le loro case per proteggere le loro vite.

 

Sono stata violata e fatta sfilare seminuda per strada da forze ostili ai cristiani. È stato un miracolo che io sia sopravvissuta a questa prova. Sono scampata alla morte e sono riuscita a sporgere una denuncia, il primo passo per aprire un’inchiesta alla polizia.

 

Le conseguenze della violenza sono state più terribili e difficili da affrontare.

 

Non ho parole per spiegare il trauma, il dolore fisico e i disturbi mentali che ho subito. Ho dovuto spostarmi da un posto all’altro per la mia sicurezza. Ho dovuto vivere sotto mentite spoglie, spostandomi da un luogo all’altro, nascondendo la mia identità. Ho perso il sonno, gli incubi mi perseguitavano ogni notte, la brutale violenza mi perseguitava di notte, ho cercato rifugio in 15 luoghi diversi in quell’anno. Sono stata costretta a rivivere il trauma durante il processo in tribunale, ho dovuto subire ripetutamente umiliazioni, intimidazioni, calunnie e torture mentali.

 

Negli ultimi 14 anni sono cambiate molte cose: ora sono laureata in legge e sono membro del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati dell’Orissa.

 

I miei superiori, la mia comunità, i miei genitori e la mia famiglia mi hanno aiutato a lasciarmi alle spalle il dolore e le ferite e ad accettare la vita, dono di Dio, con gratitudine. Li annovero tra le numerose benedizioni ricevute da Dio. Sono stati angeli mandati ad aiutarmi affinché non mi crogiolassi nella miseria, ma risorgessi dal mio trauma e portassi speranza a molti. Vivo con gratitudine verso Dio che mi ha permesso di vedere la morte ma di vivere di nuovo. Dio mi ha dato un senso, mi ha riempito di ottimismo e di un atteggiamento positivo. Sono diventata grata.

 

Ho sperimentato la protezione di Dio in tutti questi 14 anni. Mi ha aiutato ad abbandonare completamente la mia vita nelle sue mani. Dio è totalmente buono. Sì, è la mia forza (Isaia 12:2). Ho vissuto 14 anni di fedeltà e amore di Dio.

 

Per molti a Kandhamal questi 14 anni continuano a essere segnati da ingiustizia, dolore e rottura.

 

Tuttavia, come cristiana ancora una volta parlo di perdono a coloro che ci hanno inflitto dolore. Guardiamo a Gesù, il nostro Maestro eterno, che dalla croce ci ha mostrato la via del perdono. Perdoniamo e siamo diventati liberi da ferite, paure, vergogna, umiliazioni, rabbia, insicurezza, frustrazione. Non rimuginiamo più sul male. Lottiamo per la giustizia perché vogliamo fermare tutti gli episodi di violenza nella nostra società e promuovere la giustizia.

 

Ci rallegriamo di aver compreso meglio il significato della vita, di avere coraggio, di vivere con dignità, di vivere questa vita con amore e rispetto, di aver capito che siamo figli di Dio e uguali davanti a Lui, di vivere la vita con compassione e misericordia.

 

In occasione della Giornata di Kandhamal rendo omaggio a quanti hanno sacrificato la loro vita durante la violenza.

 

La mi vicinanza va a quanti stanno ancora lottando a causa della violenza; sì, sono con loro e per loro. Lo dico con convinzione oggi: la mia esperienza è che l’amore di Gesù è più grande dell’odio che ho sperimentato. La pace di Gesù è più grande dell’ansia e della paura.

 

L’armonia che sperimento in Gesù è più grande della mia amarezza. Gesù è la mia speranza nella disperazione. Il conforto di Gesù è più grande dei miei dolori. Gesù rispetta la mia vergogna, Gesù onora la mia umiliazione.

 

La sua guarigione è più grande delle mie ferite e dei miei traumi. La sua giustizia è più grande di ogni ingiustizia che devo affrontare.

 

 

 

 

 

(Ha collaborato Nirmala Carvalho)

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da YouTube; modificata

 

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Pakistan, rapita e convertita all’Islam una bambina cristiana di 12 anni

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

H. M. è scomparsa a fine dicembre. Era stata localizzata qualche giorno dopo in una casa di accoglienza per donne, ma si sono poi perse sue notizie, nonostante gli sforzi del capo della polizia. Il padre lavora come manovale alla giornata e deve occuparsi di quattro figli piccoli da solo.

 

 

Una bambina cristiana di 12 anni di nome H. M. è stata rapita e convertita all’Islam da parte di un negoziante musulmano del villaggio di Chak 7, vicino a Faisalabad, nella provincia del Punjab. Il padre, Ba., lavora alla giornata come manovale (nonostante soffra d’asma e abbia un braccio fratturato) per poter mantenere se stesso e i quattro figli senza la moglie, morta 6 anni fa.

 

In assenza del padre, era H. a dover andare al negozio di alimentari per comprare da mangiare ai fratelli minori, fino a che il 28 dicembre la bambina non è più tornata. I sospetti sono subito ricaduti sul proprietario, M. M., che è stato arrestato dalla polizia e ha cominciato a collaborare, e sul suo aiutante, M. U.

 

S., la figlia minore, non avendo visto tornare H., era andata a cercarla in giro per il villaggio e diversi abitanti le avevano detto di averla vista insieme a U.. Come poi confermato da M., U. aveva attratto la bambina dicendole che le avrebbe comprato un vestito nuovo al bazaar.

 

Il giorno dopo B. M. è subito andato a sporgere denuncia alla polizia di N. Il 30 dicembre M. è stato arrestato e dopo un paio d’ore H. era stata localizzata in un centro di accoglienza per donne che hanno subito violenze o maltrattamenti (chiamati dar-ul-Aman). Secondo la polizia era stata convertita all’Islam.

 

Nel frattempo, mentre M. è stato rilasciato su cauzione, da più di un mese non si hanno tracce della bambina. Secondo il padre, gli agenti di polizia potrebbero aver ricevuto denaro dai due negozianti musulmani: «Un anno fa avevo avvertito M. M. di lasciare in pace le ragazze cristiane dopo che aveva tentato di approfittare di una di loro nel suo negozio. Credo che si sia vendicato di quella vicenda con me. Il capo della stazione di polizia è collaborativo, ma l’ufficiale investigativo Rana Ahad sembra essere riluttante. Penso che abbia preso soldi sia dalla famiglia di M. M. che da quella di U. e quindi non stia facendo indagini adeguate».

 

Parlando della propria situazione, B. M. ha detto di «essere costretto a chiedere un prestito per portare avanti questo caso» in quanto «povero bracciante» che ha «la responsabilità di quattro figli piccoli». Ogni giorno il padre cristiano si reca alla stazione di polizia a chiedere notizie della figlia, senza alcun risultato: «Chiedo ai politici e alle istituzioni preposte all’applicazione della legge di ascoltarmi: mia figlia ha solo 12 anni, è innocente. Per favore, dateci giustizia».

 

Robin Daniel, noto difensore dei diritti umani che si sta occupando del caso, commentando la vicenda ha detto ad AsiaNews: «non sappiamo quando questa catena di rapimenti e conversioni all’Islam di ragazze minorenni si fermerà, ma continueremo a far sentire la nostra voce. La cosa positiva è che il capo della stazione di polizia, Mohammad Shoaib, mi ha telefonato un paio di giorni fa, informandomi del caso e chiedendomi di aiutare la famiglia».

 

«Ho incontrato il parlamentare provinciale Khalil Tahir Sandhu – ha continuato l’attivista –, che ci sta aiutando. Il governo deve prendere provvedimenti severi contro i colpevoli. È davvero patetico che sia passato più di un mese e la polizia non sia riuscita a trovare U. e H. Non sappiamo nemmeno se sia ancora viva. Sembra che la squadra investigativa della polizia non stia facendo il suo dovere con onestà. Se la polizia non ci riporterà indietro H. al più presto, ci mobiliteremo per protestare».

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Ab basit007 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Gerusalemme, profanata la chiesa della Condanna

Pubblicato

il

Da

Cresce la serie di attacchi e atti di intimidazione perpetrati nelle ultime settimane contro chiese e obiettivi cristiani nella Città Vecchia di Gerusalemme.

 

 

Giovedì mattina, 2 febbraio 2023, un uomo – definito dai media israeliani un «turista americano» – ha fatto irruzione nella Cappella della Condanna all’interno del Santuario della Flagellazione sulla Via Dolorosa, nel cuore del Quartiere Cristiano della Città Vecchia, e ha vandalizzato la statua di Gesù ivi deposta, facendola cadere a terra e poi colpendola con un martello.

 

L’uomo è stato arrestato e consegnato alla polizia israeliana. Nei video della sua cattura si può sentire il vandalo gridare a gran voce che «non ci possono essere idoli a Gerusalemme, che è la città santa». I rapporti diffusi dalla polizia israeliana e trasmessi dai media locali collegano la profanazione ai presunti problemi di salute mentale del vandalo.

 

Allo stesso tempo, va ricordato che nelle ultime settimane i quartieri cristiani e armeni della Città Vecchia di Gerusalemme sono stati teatro di una serie di atti di intimidazione nei confronti di persone e luoghi di culto.

 

La Custodia francescana di Terra Santa, dopo l’attentato alla chiesa della Condanna, ha diffuso un comunicato, a firma del Custode Francesco Patton e del Segretario Padre Alberto Joan Pari, «per esprimere preoccupazione e deplorare questa crescente sequenza di gravi atti di odio e violenza contro la comunità cristiana in Israele».

 

La Custodia parla di «crimine d’odio» e aggiunge: «Non è un caso che la legittimazione della discriminazione e della violenza nell’opinione pubblica e nell’attuale scenario politico israeliano si traduca anche in atti di odio e violenza nei confronti della comunità cristiana».

 

Gli episodi di violenza e intimidazione contro obiettivi cristiani nella Città Vecchia di Gerusalemme hanno subito un’impennata sotto il nuovo governo israeliano, guidato da Benjamin Netanyahu e sostenuto anche da formazioni religiose ultranazionaliste.

 

Gran parte della recente ondata di violenza e intimidazione ha preso di mira luoghi e residenti nel quartiere armeno. L’11 gennaio sui muri degli edifici del quartiere sono apparse iscrizioni intimidatorie, tra cui gli slogan «morte agli armeni» e «morte ai cristiani».

 

Il 26 gennaio, circa 40 coloni ebrei hanno fatto irruzione in un ristorante armeno vicino alla Porta Nuova, gridando slogan sacrileghi contro Gesù. Nei giorni successivi sacerdoti e laici cristiani sono stati aggrediti con sputi e spray al peperoncino per le strade del quartiere armeno.

 

Dopo l’attacco al ristorante armeno, i vescovi cattolici di Terra Santa hanno diffuso un comunicato deplorando “questa violenza non provocata” che “ha seminato la paura tra i commercianti e gli abitanti del quartiere cristiano, così come tra i turisti”, aggiungendo che questo incidente è stato “l’ultimo di una serie di episodi di violenza religiosa che colpisce i simboli della comunità cristiana”.

 

Venerdì 27 gennaio, l’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, patriarca latino di Gerusalemme, ha fatto visita ai proprietari del ristorante attaccato e dei negozi circostanti in segno di solidarietà.

 

La cappella oggi vandalizzata fa parte del Convento francescano della Flagellazione e rappresenta una delle stazioni della pratica della «via crucis» compiuta dai pellegrini che, durante la loro visita alla città santa, ripercorrono il cammino di Gesù al Calvario nel giorno della sua crocifissione.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Israele, i cristiani preoccupati per il nuovo governo

Pubblicato

il

Da

Benjamin Netanyahu, il nuovo primo ministro israeliano, ha prestato giuramento il 29 dicembre davanti al parlamento israeliano, la Knesset, dopo il voto di 63 deputati sui 120 parlamentari a favore del suo governo.

 

Al leader del partito Otzma Yehudit [Potere Ebraico], Itamar Ben-Gvir, è stato in particolare concesso il portafoglio della Sicurezza Nazionale. Itamar Ben-Gvir ha così difeso il leader del gruppo Lehava, Bentzi Gopstein, che ha guidato violente proteste contro le manifestazioni cristiane in Terra Santa. Bentzi Gopstein ha anche detto che Israele dovrebbe espellere tutta la sua popolazione cristiana.

 

In qualità di avvocato, Ben-Gvir ha anche difeso nel 2015 un uomo condannato per aver appiccato il fuoco alla chiesa cattolica della Moltiplicazione, a Tabgha, sulle rive del lago di Galilea.

 

In un vertice sui media evangelici dell’11 dicembre 2022, Juergen Buehler, direttore dell’Ambasciata cristiana internazionale a Gerusalemme (ICEJ), ha lanciato severi avvertimenti a Benjamin Netanyahu, riferisce il sito cattolico Crux.

 

Juergen Buehler ha invitato il Primo Ministro a «usare tutta la sua influenza affinché questa prossima legislatura non sia un’era di nuove controversie o nuovi muri, ma un momento in cui le collaborazioni e le relazioni tra ebrei e cristiani continueranno a svilupparsi».

 

Mentre cresce la preoccupazione per il nuovo governo israeliano, considerato il più di destra e nazionalista nella storia del Paese, gli Ordinari di Terra Santa lamentano l’aumento delle discriminazioni nei confronti della comunità cristiana e invitano i giovani a non andarsene.

 

Nel messaggio di Natale del 21 dicembre 2022, i Patriarchi e i Capi delle Chiese di Gerusalemme hanno affermato che Gesù, attraverso la sua incarnazione e nascita a Betlemme, «ha rivelato all’umanità l’amore profondo e duraturo di Dio per tutto il suo popolo» e che si è anche «associato alle sofferenze del mondo, sopportando con la Sacra Famiglia le tante lotte della vita sotto l’occupazione».

 

«A questo proposito, esprimiamo la nostra particolare preoccupazione per i fedeli che rimangono come residuo cristiano nella terra in cui è nato Nostro Signore», hanno aggiunto, sottolineando che i cristiani che vivono in Terra Santa negli ultimi anni «hanno subito sempre più attacchi contro il loro libero esercizio della religione: attacchi alla loro persona, diffamazione delle loro chiese e dei loro cimiteri, restrizioni ingiustificate alla loro partecipazione al culto e minacce legali contro la loro proprietà e la gestione dei beni ecclesiastici».

 

In un comunicato del 12 dicembre, gli Ordinari Cattolici di Terra Santa hanno espresso l’auspicio che sotto il nuovo governo «l’attenzione delle autorità civili del Paese sia rivolta con equità alle diverse comunità che compongono la società israeliana, senza discriminazioni o preferenze».

 

Gli Ordinari Cattolici hanno anche lamentato i recenti drastici tagli ai finanziamenti del governo alle scuole cristiane in Israele, che sono ora «sull’orlo della crisi», e hanno segnalato che la mancanza di risorse «metterà a repentaglio il futuro di molte delle nostre scuole che svolgono ancora un ruolo importante nel campo dell’educazione all’interno della nostra società».

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine di U.S. Embassy Jerusalem via Flickr pubblicata su licenza Creative  Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari