Un’altra operatrice sanitaria muore in India dopo il vaccino

 

 

 

Un altro decesso a seguito della vaccinazione COVID è avvenuto in India, questa volta nello Stato del Telangana.

 

Si tratta di un’operatrice sanitaria di 55 anni, ricoverata d’urgenza per gravi difficoltà respiratorie e morta sabato 30 gennaio al Medilife Hospital di Mancherial.

All’inizio della scorsa settimana, dopo la vaccinazione, la signora ha iniziato a soffrire di mancanza di respiro e ad avvertire vertigini, successivamente inviata in ospedale a Hyderabad, dove è poi spirata

 

All’inizio della scorsa settimana, dopo la vaccinazione, la signora ha iniziato a soffrire di mancanza di respiro e ad avvertire vertigini. È stata ricoverata al Medilife Hospital di Mancherial il 29 gennaio e successivamente inviata al Nizam’s Institute of Medical Sciences (NIMS), Hyderabad, dove è poi spirata. 

 

Come potevamo immaginare, ora i funzionari del dipartimento della salute del governo di Telangana sono corsi a dichiarare che la causa della morte sarebbe «chiaramente indicativa di comorbilità sottostanti e non dovuta alla vaccinazione COVID».

 

 

 

 

Immagine di Eric Parker via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)