Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Sistema alimentare, la sinistra agenda Rockefeller

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

Nessun gruppo ha fatto di più per danneggiare la nostra agricoltura globale e la qualità del cibo quanto la Fondazione Rockefeller. Hanno iniziato nei primi anni ’50 dopo la guerra per finanziare due professori della Harvard Business School per sviluppare l’integrazione verticale che hanno chiamato «Agribusiness». L’agricoltore è diventato la figura meno importante. Hanno quindi creato la fraudolenta Rivoluzione Verde in Messico e in India negli anni ’60 e successivamente l’Alleanza pro-OGM per una Rivoluzione Verde in Africa dal 2006. I soldi della Fondazione Rockefeller hanno letteralmente creato le disastrose piante geneticamente modificate OGM con i loro pesticidi tossici a base di glifosato. Ancora una volta, la Fondazione è impegnata in un importante cambiamento politico nell’alimentazione e nell’agricoltura globali e questo non va bene.

 

 

Nel suo ultimo rapporto, True Cost of Food: Measuring What Matters to Transform the US Food System, la Fondazione Rockefeller è profondamente impegnata in uno sforzo coordinato per cambiare radicalmente il modo in cui produciamo cibo e come calcoliamo il suo vero costo.

 

Nessun gruppo ha fatto di più per danneggiare la nostra agricoltura globale e la qualità del cibo quanto la Fondazione Rockefeller

Affermano che fa parte di un consenso globale, attraverso le Nazioni Unite, creare un’agricoltura «sostenibile» nel mezzo della crisi COVID in corso. Lungi dall’essere un cambiamento positivo, ha lo scopo di cambiare radicalmente il nostro accesso al cibo sano e la nostra scelta di ciò che mangiamo.

 

La Fondazione, che ha appena pubblicato il secondo rapporto alimentare in due anni, sta collaborando con il World Economic Forum di Davos e il grande agrobusiness per guidare l’iniziativa.

 

Il loro nuovo slogan è «True Cost of Food», «Il costo vero del cibo».

 

 

Costo vero?

Rajiv Shah, presidente della Fondazione, scrive:

 

«Abbiamo trascorso l’ultimo anno a lavorare con esperti e sostenitori in tutto il campo per misurare l’impatto del sistema alimentare statunitense. Il risultato è il primo insieme di metriche a livello statunitense che può aiutarci a misurare il costo del nostro cibo in modo più accurato. Con questa nuova analisi, i governi, i sostenitori, i produttori di cibo e gli individui sono meglio attrezzati per trasformare il nostro sistema alimentare in modo che sia più nutriente, rigenerativo ed equo…»

 

Qui è dove le parole devono essere guardate più da vicino. Questi ragazzi sono esperti di PNL. In effetti, si legge come se la stessa Fondazione Rockefeller – responsabile della nostra catena alimentare industrializzata e globalizzata e della distruzione che il processo ha provocato non solo sulla fattoria di famiglia, ma anche sulla qualità della nostra agricoltura e dieta globali – ora incolpasse la loro creazione degli enormi costi esterni del nostro cibo.

 

I soldi della Fondazione Rockefeller hanno letteralmente creato le disastrose piante geneticamente modificate OGM con i loro pesticidi tossici a base di glifosato

Ad ogni modo, scrivono come se la colpa fosse dell’avido agricoltore familiare, non dell’agrobusiness aziendale.

 

Shah afferma: «questo rapporto è un campanello d’allarme. Il sistema alimentare degli Stati Uniti così com’è sta influenzando negativamente il nostro ambiente, la nostra salute e la nostra società».

 

Lo studio Rockefeller di Shah afferma: «L’attuale assetto del sistema alimentare statunitense ha portato a costosi impatti sulla salute delle persone, della società e del pianeta. Il riscaldamento globale, la riduzione della biodiversità, l’inquinamento dell’acqua e dell’aria, lo spreco alimentare e l’elevata incidenza di malattie legate all’alimentazione sono le principali conseguenze indesiderate dell’attuale sistema di produzione». Ciò è inquietante.

 

Lo studio aggiunge: «L’onere dell’impatto di questi costi è sostenuto in modo sproporzionato da comunità emarginate e sottoservite, spesso comunità di colore, molte delle quali sono la spina dorsale come agricoltori, pescatori, allevatori e lavoratori del settore alimentare».

 

La politica della Fondazione Rockefeller consiste nell’introdurre colture geneticamente modificate, OGM .2, e distruggere l’attuale agricoltura americana a favore di costose alternative brevettate, sostenendo che è troppo costosa e non «sostenibile» o «inclusiva»

Utilizzando un gruppo olandese, la True Price Foundation, il rapporto calcola che il «vero costo» del sistema alimentare statunitense non è di 1,1 trilioni di dollari che gli americani spendono ogni anno per il cibo, ma piuttosto di almeno 3,2 trilioni di dollari all’anno se si tiene conto del suo impatto sul la salute delle persone, i mezzi di sussistenza e l’ambiente.

 

Questo enorme costo aggiuntivo è calcolato principalmente dagli effetti sulla salute tra cui cancro e diabete e dagli effetti ambientali come le emissioni di CO2 di quella che chiamano agricoltura «insostenibile».

 

True Cost Foundation ha un consiglio di amministrazione di tre membri tra cui Herman Mulder, un ex banchiere di ABN Amro, una delle principali banche agroalimentari del mondo; Charles Evers, ex controllore aziendale e CFO di Unilever NV (1981-2002), uno dei giganti mondiali dell’agrobusiness; e Jasper de Jong, partner di Allen & Overy, uno dei più grandi studi legali del mondo con sede a Londra. Questa è la squadra dietro la valutazione di certe astrazioni come la tonnellata di CO2 e altri costi per il rapporto Rockefeller. L’unico punto rilevante è che la CO2 è una componente essenziale innocua di tutta la vita e non causa un aumento della temperatura globale.

 

Notevole anche il rapporto Rockefeller, True Cost of Food, è che i contributori includevano professori di facoltà di legge, economisti universitari, World Wildlife Fund (WWF) e True Cost Foundation. Non è stata inclusa alcuna organizzazione di agricoltori

Notevole anche il rapporto Rockefeller, True Cost of Food, è che i contributori includevano professori di facoltà di legge, economisti universitari, World Wildlife Fund (WWF) e True Cost Foundation. Non è stata inclusa alcuna organizzazione di agricoltori.

 

Il rapporto calcola che i maggiori costi «nascosti» della produzione alimentare americana derivano dall’impatto negativo dell’agricoltura sulla salute e sull’ambiente: «I maggiori costi non contabilizzati derivano da impatti negativi sulla salute umana, dal peggioramento del degrado ambientale e dalla perdita di biodiversità».

 

Hanno messo un numero su tutte queste cose. Ad esempio, gli impatti ambientali diretti, tra cui le emissioni di gas serra (GHG), l’uso dell’acqua e l’erosione del suolo, a loro avviso costano 350 miliardi di dollari all’anno; e l’impatto sulla biodiversità a causa dell’uso del suolo e dell’inquinamento del suolo, dell’acqua e dell’aria, dicono, costa all’economia statunitense 455 miliardi di dollari.

 

Quindi calcolano i costi sanitari del sistema alimentare statunitense.Qui il rapporto include i costi per l’economia dell’obesità, delle malattie cardiovascolari che sono la principale causa di morte a livello globale, del cancro, del diabete e di altre malattie non trasmissibili. Questo presumibilmente aggiunge altri $ 1 trilione ai nostri «veri» costi del cibo.

 

Il totale di entrambi gli effetti come affermato aggiunge circa 1,8 trilioni di dollaridegli stimati 2,2 trilioni di dollari in costi esterni del cibo.

 

Rivendicare i costi in dollari di queste malattie nel sistema sanitario truccato degli Stati Uniti è l’unica colpa dell’agricoltura che ignora i costi sanitari gonfiati da quando l’assicurazione Obamacare è entrata in vigore.

 

Rockefeller ha anche creato il moderno sistema medico con il suo Flexner Report insieme alla Carnegie Foundation nel 1910

A proposito, Rockefeller ha anche creato il moderno sistema medico con il suo Flexner Report insieme alla Carnegie Foundation nel 1910. Ma questa è un’altra storia.

 

Non c’è dubbio che la produzione alimentare industrializzata negli Stati Uniti a partire dagli anni ’50 dell’agrobusiness abbia trasformato l’azienda agricola familiare, un tempo produttiva, in un’appendice aziendale di un sistema di allevamenti intensivi, sementi OGM e monopoli di prodotti agrochimici come Monsanto-Bayer e DuPontDow (Corteva), enormi operazioni di macellazione come Tyson e Smithfield Foods e rivenditori come Walmart o Whole Foods.

 

Ma il rapporto suggerisce che la colpa è degli agricoltori familiari tradizionali. Questo per preparare il terreno per un Grande Reset dell’agricoltura che sarà ancora più dannoso in quanto la restante carne bovina allevata in allevamento viene sostituita con carne bovina vegetale OGM coltivata in laboratorio e prodotti simili.

 

Il rapporto suggerisce che la colpa è degli agricoltori familiari tradizionali. Questo per preparare il terreno per un Grande Reset dell’agricoltura che sarà ancora più dannoso in quanto la restante carne bovina allevata in allevamento viene sostituita con carne bovina vegetale OGM coltivata in laboratorio e prodotti simili

L’USDA ha recentemente scritto che «le fonti primarie di gas serra in agricoltura sono la produzione di fertilizzanti a base di azoto; la combustione di combustibili fossili come carbone, benzina, gasolio e gas naturale; e gestione dei rifiuti. La fermentazione enterica del bestiame, ovvero la fermentazione che avviene nell’apparato digerente dei ruminanti, provoca emissioni di metan».

 

Il messaggio è che la colpa è dell’attuale produzione alimentare americana e che sono urgenti cambiamenti radicali e costosi.

 

La difficoltà nella lettura del rapporto è che il linguaggio è volutamente vago e ingannevole. Ad esempio, una delle componenti più dannose dell’agricoltura americana dagli anni ’90 è stata l’introduzione all’ingrosso di colture OGM, in particolare soia, mais e cotone e la Monsanto-Bayer Roundup altamente cancerogena con glifosato.

 

Il rapporto Rockefeller omette il loro ruolo diretto nel favorire quella devastazione creando e promuovendo Monsanto e OGM per decenni, sapendo che era distruttivo.

Il rapporto Rockefeller omette il loro ruolo diretto nel favorire quella devastazione creando e promuovendo Monsanto e OGM per decenni, sapendo che era distruttivo.

 

La politica della Fondazione Rockefeller consiste nell’introdurre colture geneticamente modificate, OGM .2, e distruggere l’attuale agricoltura americana a favore di costose alternative brevettate, sostenendo che è troppo costosa e non «sostenibile» o «inclusiva».

 

 

AGRA, Gates e Davos

Questa agenda non è sorprendente quando guardiamo al background degli attori chiave della Rockefeller Foundation.

 

Il presidente, Rajiv Shah, proveniva da un passato presso la Fondazione Bill & Melinda Gates, dove era direttore dello sviluppo agricolo. Alla Fondazione Gates Shah ha lavorato con la Fondazione Rockefeller per creare l’Alleanza per una rivoluzione verde in Africa. È intimamente legato al Davos World Economic Forum (WEF) del guru di Great Reset, Klaus Schwab, dove Shah ha recentemente co-presieduto il WEF Global Future Council sulla nuova agenda per la crescita e la ripresa economica. Lì ha scritto che «i governi devono modellare attivamente i mercati verso una crescita verde e inclusiva».

 

Il messaggio è che la colpa è dell’attuale produzione alimentare americana e che sono urgenti cambiamenti radicali e costosi.

L’Alleanza per una Rivoluzione Verde in Africa (AGRA) è un progetto che ha cercato di forzare i semi OGM e i relativi pesticidi a costi enormi sui piccoli agricoltori africani più poveri. È stato un disastro agricolo per gli agricoltori africani.

 

Il modello AGRA svolge un ruolo chiave nella comprensione dell’agenda non detta della Fondazione Rockefeller e di alleati come il WEF e la Fondazione Gates. La persona responsabile sotto Shah di Rockefeller per il programma agricolo è Roy Steiner, Senior Vice President for Food Initiative della fondazione. Steiner era con Shah alla Gates Foundation e ha lavorato con Shah per creare l’AGRA pro-OGM in Africa.

 

Il profondo ruolo di Shah e Steiner nell’AGRA e nel suo programma sugli OGM dà un’idea molto buona di come Rockefeller & Co. pianifichino la trasformazione radicale dell’agricoltura degli Stati Uniti, e non è una cosa buona.

 

L’agenda agricola dell’influente Fondazione Rockefeller, l’agenda del WEF di Davos e dell’ONU convergono tutte sul Great Reset e sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l’«agricoltura sostenibile».

Il rapporto afferma che ridurrà le emissioni di CO2 e metano e introdurrà alternative a base vegetale. Bill Gates ha co-finanziato l’avvio della società di imitazioni della carne, Impossible Foods, utilizzando carne finta coltivata in laboratorio e l’editing genetico. Insiste sul fatto che la carne sintetica sia una strategia necessaria per affrontare il cambiamento climatico e dichiara che gli americani e le altre nazioni occidentali devono passare a una dieta a base di carne sintetica al 100%.

 

Niente più mucche niente più emissioni di gas…

 

 

Davos, Rockefeller e Vertice mondiale sull’alimentazione delle Nazioni Unite

L’agenda agricola dell’influente Fondazione Rockefeller, l’agenda del WEF di Davos e dell’ONU convergono tutte sul Great Reset e sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l’«agricoltura sostenibile».

 

Olivier De Schutter, ex relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, ha affermato che il Food Summit è stato il risultato di «accordi a porte chiuse» al World Economic Forum di Davos

Il 23 settembre 2021 a New York l’ONU ha ospitato il vertice sui sistemi alimentari 2021. Il presidente del vertice era Agnes Kalibata, inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite al vertice sui sistemi alimentari del 2021. La sua selezione è stata veementemente osteggiata da dozzine di ONG in base al fatto che lei è presidente dell’AGRA Gates-Rockefeller in Africa.

 

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha annunciato il vertice come parte del decennio di azione per il raggiungimento degli obiettivi sostenibili dell’Agenda 2030.

 

Olivier De Schutter, ex relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, ha affermato che il Food Summit è stato il risultato di «accordi a porte chiuse» al World Economic Forum di Davos.

 

Nel giugno 2019 alle Nazioni Unite, il capo del WEF Klaus Schwab e Guterres delle Nazioni Unite hanno firmato una partnership formale «per accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile».

 

Davos, l’ONU e la Fondazione Rockefeller sono tutti su un’unica agenda e non è un bene per la salute e il cibo futuri dell’umanità. Questa non è una teoria del complotto; è il vero complotto

Un anno dopo, in mezzo alla pandemia di COVID, Klaus Schwab ha annunciato il lancio del Grande Reset tecnocratico insieme ad Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite; e Kristalina Georgieva del Fondo Monetario Internazionale.

 

Davos, l’ONU e la Fondazione Rockefeller sono tutti su un’unica agenda e non è un bene per la salute e il cibo futuri dell’umanità.

 

Questa non è una teoria del complotto; è il vero complotto.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

Immagine di VasiDragos via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

Continua a leggere

Alimentazione

Il principale fornitore indiano di fertilizzanti è ora la Russia

Pubblicato

il

Da

In un’altra indicazione dei cambiamenti tettonici in corso nell’economia fisica mondiale, la politica delle sanzioni della NATO globale ha portato la Russia a diventare il più grande fornitore di fertilizzanti dell’India, secondo un resoconto di Reuters del 21 novembre.

 

L’articolo cita un funzionario governativo che ha affermato che gli esportatori russi hanno offerto «prezzi ragionevoli».

 

L’India è fortemente dipendente dalle importazioni di fertilizzanti per produrre cibo sufficiente per i suoi 1,393 miliardi di abitanti.  Lo scorso anno fiscale, la Russia deteneva circa il 6% di tutte le importazioni indiane di fertilizzanti.

 

«L’India stava lottando per assicurarsi fertilizzanti a prezzi ragionevoli dopo l’escalation del conflitto tra Russia e Ucraina. Le forniture russe erano puntuali e a prezzi ragionevoli. Ci ha aiutato a evitare una possibile scarsità», ha detto la fonte di Reuters.

 

Le esportazioni russe sono cresciute di oltre il 370% raggiungendo un record di 2,15 milioni di tonnellate da aprile a ottobre, con l’India che secondo quanto riferito ha ricevuto sconti di oltre 70 dollari a tonnellata.

 

La Cina era stata in precedenza il principale esportatore di fertilizzanti in India.

 

Dal punto di vista russo, ha spiegato il funzionario del governo, l’India è ora un grande acquirente per sostituire le nazioni europee che si sono tagliate fuori dalle forniture russe.

 

Si tratta dell’ennesima conseguenza delle sanzioni antirusse, che costituiscono un vero e proprio suicidio europeo.

 

Nove mesi fa, la Russia aveva sospeso le esportazioni di fertilizzanti. Russia e Bielorussia  rappresentano un’enorme quota della produzione globale di fertilizzanti. Perfino la più grande cooperativa agricola USA ha ammesso che le sanzioni causeranno gravi carenze di fertilizzanti per l’agricoltura.

 

Impianti di produzione di fertilizzanti hanno chiuso in questi mesi in Gran Bretagna, nei Paesi Baltici e in Polonia.

 

Come riportato da Renovatio 21, la crisi del fertilizzante è una delle sfide più paurose che ci si parano dinanzi: niente fertilizzanti, niente agricoltura, niente cibo. Per cui, non è sbagliato pensare che le sanzioni potrebbero portare la fame, o un’estrema scarsità di alimenti, anche in Europa, oltre al miliardo di affamati in tutto il pianeta previsti dall’economista cinese Liu Zhiqun, che parla del «più grande abuso di diritti umani della storia».

 

I prezzi del fertilizzante, saliti a dismisura, possono in parte spiegare il fenomeno dei campi incolti che abbiamo discusso su Renovatio 21, ma non del tutto.

 

Qualcuno è arrivato a parlare di «attacco organizzato alle forniture globali» di fertilizzante. È possibile. Nel frattempo, però, l’Asia si prende ciò che l’Europa, ebete e masochista, ha lasciato sul piatto.

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

50 gruppi prendono di mira Bill Gates su agricoltura e tecnologia: «Fai parte della creazione del problema che denunci»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Cinquanta organizzazioni dedicate alla sovranità alimentare e alle questioni di giustizia alimentare hanno firmato una lettera aperta richiamando Bill Gates per la sua ultima affermazione secondo cui la tecnologia è la soluzione alla fame nel mondo e alla sovranità alimentare e chiedendo ai media di fare un lavoro migliore per coprire la questione.

 

 

Cinquanta organizzazioni dedicate alla sovranità alimentare e alle questioni di giustizia alimentare stanno richiamando Bill Gates per la sua ultima affermazione secondo cui la tecnologia è la soluzione alla fame nel mondo e alla sovranità alimentare.

 

In una «lettera aperta» pubblicata all’inizio di questo mese, i gruppi hanno affrontato i commenti fatti da Gates, durante le interviste con il New York Times e l’Associated Press, sul rapporto 2022 della Bill & Melinda Gates Foundation .

 

Gli autori principali della lettera, Community Alliance for Global Justice/AGRA Watch e Alliance for Food Sovereignty in Africa, hanno scritto:

 

«In entrambi gli articoli, fai una serie di affermazioni che sono imprecise e devono essere contestate. Entrambi i pezzi ammettono che il mondo attualmente produce abbastanza cibo per nutrire adeguatamente tutti gli abitanti della terra, ma tu continui a diagnosticare fondamentalmente erroneamente il problema come relativo alla bassa produttività; non abbiamo bisogno di aumentare la produzione quanto di garantire un accesso più equo al cibo».

 

Gli autori hanno anche criticato le affermazioni di Gates secondo cui abbiamo «sottoinvestito nell’innovazione agricola» e che la Rivoluzione verde è stata «una delle cose più grandi mai accadute».

 

Gates ha dichiarato al New York Times:

 

«Aiutare gli agricoltori deve essere la priorità assoluta dell’agenda per l’adattamento climatico. E all’interno di questo, hai un sacco di cose come il credito per fertilizzanti, fertilizzanti economici, semi migliori a cui dovremmo essere molto concentrati – finanziando queste cose e fissando obiettivi ambiziosi».

 

Ma gli autori della lettera aperta non sarebbero d’accordo:

 

«Ci sono già molte proposte e progetti concreti e in corso che lavorano per aumentare la produttività e la sicurezza alimentare –– dagli impianti di produzione di biofertilizzanti e biopesticidi, ai programmi di formazione agroecologica degli agricoltori, alla sperimentazione di nuove tecniche di gestione dell’acqua e del suolosistemi agricoli a basso input, e specie vegetali che dissuadono i parassiti».

 

Non sarebbero nemmeno d’accordo con l’affermazione di Gates secondo cui la Rivoluzione Verde è stata un «clamoroso successo»:

 

«Sebbene [la Rivoluzione Verde] abbia svolto un certo ruolo nell’aumentare i raccolti di cereali in Messico, India e altrove dagli anni ’40 agli anni ’60, ha fatto ben poco per ridurre il numero di persone affamate nel mondo o per garantire un’equa e sufficiente accesso al cibo».

 

Gli autori hanno ricordato a Gates che con la Rivoluzione Verde è arrivata «una miriade di altri problemi, da questioni ecologiche come il degrado del suolo a lungo termine a quelle socio-economiche come l’aumento della disuguaglianza e l’indebitamento (che ha contribuito in modo determinante all’epidemia di suicidi di agricoltori in India)».

 

Hanno anche criticato la spinta di Gates per i semi geneticamente modificati, affermando che «i semi resistenti al clima esistono già e vengono sviluppati dagli agricoltori e scambiati attraverso mercati di semi informali».

 

«Fai parte della creazione dello stesso problema che denunci», hanno scritto i gruppi. «L’iniziativa AGRA (Alliance for a Green Revolution in Africa), che la vostra fondazione continua a finanziare, ha anche promosso una legislazione restrittiva sui semi che limita e limita l’innovazione delle colture a laboratori e aziende dotati di risorse adeguate».

 

Queste iniziative non aumentano l’innovazione diffusa, ma piuttosto contribuiscono alla privatizzazione e al consolidamento dei monopoli aziendali sullo sviluppo delle sementi e sui mercati delle sementi, hanno affermato.

I gruppi hanno sfidato Gates a «fare un passo indietro e imparare da quelli sul campo» e hanno invitato i media a considerare come coprono Gates e la sua visione per il futuro del cibo.

 

Hanno scritto: «invitiamo le testate giornalistiche di alto profilo a essere più caute nel prestare credibilità alle supposizioni imperfette, all’arroganza e all’ignoranza di un uomo bianco ricco, a spese delle persone e delle comunità che vivono e si adattano a queste realtà mentre parliamo».

 

(…)

 

 

Ron Friedmann

 

 

© 21 novembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Fame, «la peggiore crisi umanitaria dalla Seconda Guerra Mondiale»

Pubblicato

il

Da

Il direttore del Programma alimentare mondiale (PAM) David Beasley ha messo in guardia contro la peggiore crisi umanitaria dalla Seconda guerra mondiale in un’intervista al quotidiano francese Le Monde il 14 novembre.

 

Beasley, invitato a parlare al Forum per la pace di Parigi l’11 novembre, ha affermato che «la Somalia è in cima alla lista dei Paesi che bussano alla porta della carestia. Non hanno avuto stagioni delle piogge, il che ha decimato le loro piantagioni e i loro raccolti, e soffre di prezzi alimentari inflazionistici, conflitti e shock climatici».

 

«Stiamo intervenendo ora con aiuti senza precedenti. Se saremo in grado di evitare la carestia è probabilmente improbabile. Ma faremo di tutto per invertirlo il più rapidamente possibile».

 

«La situazione della sicurezza in Somalia è molto, molto fragile. Chiediamo ad al-Shabab e a tutti i gruppi là fuori che bloccano il nostro accesso di rispettare i diritti umanitari. Ci sono luoghi in cui abbiamo difficoltà a raggiungere le persone bisognose e stiamo negoziando mentre parliamo».

 

Per quanto riguarda la situazione generale della fame nel mondo, Beasley ha affermato: «Non abbiamo ancora visto il peggio della tempesta». Nel 2021 aveva ulteriormente annunziato una «fame di proporzioni bibliche».

 

Il Beasley quattro mesi fa aveva parlato dell’arrivo imminente di una «carestia di massa» causata dalla situazione internazionale. Un rapporto del Fondo Monetario Internazionale di un mese fa parlava apertis verbis di ritorno della fame in Africa. Il rapporto annuale ONU sulla fame parlava invece di «2,3 miliardi di persone insicure da un punto vista alimentare», con almeno 20 «hotspot», cioè zone della fame dove urgerebbero aiuti alimentari immediati.

 

Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha predetto che la crisi alimentare porterà una nuova crisi migratoria con immense massa terzomondiali che tenteranno di entrare nei territori dei Paesi sviluppati. Secondo l’economista cinese Liu Zhiqun, le sanzioni alla Russia porteranno alla fame 1 miliardo di persone, in quella che sarà ricordata come «la più grande violazione dei diritti umani della storia».

 

Quanto alla situazione somala, come riportato da Renovatio 21, il gruppo islamista al-Shabaab («la gioventù») è quello pagato dal governo Conte bis per la liberazione della cooperante italiana rapita e tornata convertita all’Islam e vestita, secondo alcuni osservatori, come una donna Shabaab. Dopo il riscatto milionario, il nome del gruppo affiliato ad Al-Qaeda  si è fatto notare per la continuazione della sequela di attentati sanguinari per cui è conosciuto.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Oxfam East Africa via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari