Senatrice australiana contro il «Grande Reset»

 

 

 

Una mozione del leader del partito nazionalista australiano One Nation Pauline Hanson che chiedeva al governo australiano di boicottare l’agenda del Great Reset del World Economic Forum (WEF) è stata bloccata al Senato australiano l’11 novembre.

 

La Hanson ha affermato che le politiche del Grande Reset distruggeranno l’economia australiana, «imporranno o le politiche socialiste e neo-marxiste» agli australiani e «apriranno la strada a un grande governo di controllo, alla soppressione della libertà di parola e alla riduzione dei diritti di proprietà».

 

«È una farsa assoluta che il governo australiano si sia schierato con i globalisti del World Economic Forum e il loro programma del Grande Reset contro gli interessi degli australiani comuni»

La proposta è stata sconfitta 2 – 37 dopo che i partiti Liberals e National si sono alleati con laburisti e verdi.

 

«È una farsa assoluta che il governo australiano si sia schierato con i globalisti del World Economic Forum e il loro programma del Grande Reset contro gli interessi degli australiani comuni», ha detto Hanson al giornale americano Epoch Times in una dichiarazione.

 

«Questo è un gruppo di élite di goscisti globali – miliardari, dirigenti d’azienda e celebrità – che pensano di sapere meglio di noi come gestire il nostro paese».

 

La senatrice dei Verdi vittoriani Janet Rice si è alzata per esprimere opposizione alla mozione in cui ha accusato Hanson di  «aver paura di  Agenda 21, degli Illuminati e delle oscure cabale che presumibilmente controllano il mondo»

Tuttavia, la senatrice liberale dell’Australia meridionale Anne Ruston ha respinto «l’idea di boicottare le discussioni» sul Grande Reset.

 

Anche la senatrice dei Verdi vittoriani Janet Rice si è alzata per esprimere opposizione alla mozione in cui ha accusato Hanson di  «aver paura di  Agenda 21, degli Illuminati e delle oscure cabale che presumibilmente controllano il mondo».

La Rice ha descritto l’agenda del Grande Reset come una modesta iniziativa del WEF che mira alla cooperazione globale per gestire le conseguenze dirette della pandemia COVID-19.

 

Ciò che la senatrice Rice ha descritto come un’iniziativa modesta, il principe Carlo, un forte sostenitore del Grande Reset, ha descritto come «un’opportunità per ricostruire le nazioni in tutto il pianeta».

 

Il principe Carlo, un forte sostenitore del Grande Reset, lo ha descritto come «un’opportunità per ricostruire le nazioni in tutto il pianeta»

Per Hanson e altri, l’agenda del Grande Reset sta cercando di capitalizzare la pandemia per «ribaltare vite, spingere le agende di controllo e immischiarsi nei sistemi sociali nei paesi di tutto il mondo».

 

«Questo cosiddetto reset è una spazzatura assoluta e dovremmo prendere posizione per non avere alcun ruolo in esso, per proteggere gli australiani e il nostro modo di vivere», ha detto Hanson.