Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Quando l’OMS diceva «I bambini non dovrebbero essere vaccinati per il momento»

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

In una guida aggiornata, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che i bambini contraggono la malattia in forma più lieve rispetto agli adulti e non ci sono prove sufficienti per raccomandare la vaccinazione dei bambini contro il COVID.

 

 

NOTA DELL’EDITORE: Dopo la pubblicazione di questo articolo su The Defender il 22 giugno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha modificato le ultime linee guida su chi dovrebbe ricevere il vaccino COVID rimuovendo la frase: «I bambini non dovrebbero essere vaccinati per il momento» e affermando, invece, che un gruppo di esperti aveva dichiarato il vaccino «adatto all’uso» per i bambini di età superiore ai 12 anni. Ecco un confronto della pagina del sito Web dell’OMS com’era prima che fosse aggiornata e come appare ora. La casella rossa è stata aggiunta per evidenziare la frase rimossa.

 

L’ultima guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che chiarisce chi dovrebbe ricevere il vaccino COVID afferma: «I bambini non dovrebbero essere vaccinati per il momento».

 

Secondo il sito web dell’OMS: «Non ci sono ancora prove sufficienti sull’uso dei vaccini contro il COVID-19 nei bambini per formulare raccomandazioni affinché i bambini vengano vaccinati contro il COVID-19. I bambini e gli adolescenti tendono a contrarre la malattia in forma più lieve rispetto agli adulti».

 

Secondo il sito web dell’OMS: «Non ci sono ancora prove sufficienti sull’uso dei vaccini contro il COVID-19 nei bambini per formulare raccomandazioni affinché i bambini vengano vaccinati contro il COVID-19. I bambini e gli adolescenti tendono a contrarre la malattia in forma più lieve rispetto agli adulti»

L’OMS aveva precedentemente affermato che la vaccinazione dei bambini contro il COVID non era una priorità data la fornitura limitata delle dosi, secondo quanto riportato da Fox News.

 

Durante una sessione sui social media il 3 giugno, la dottoressa Kate O’Brien, pediatra e direttrice del dipartimento vaccini dell’OMS, ha affermato che i bambini non dovrebbero essere al centro dei programmi di immunizzazione COVID, anche se un numero crescente di paesi ricchi autorizza i vaccini per adolescenti e bambini.

 

«I bambini corrono un rischio molto, molto basso di contrarre effettivamente il COVID», ha affermato la O’Brien. Ha affermato che la logica alla base dell’immunizzazione dei bambini era arrestare la trasmissione anziché proteggerli dalla malattia o dalla morte.

 

La O’Brien ha aggiunto che non era necessario vaccinare i bambini prima di rimandarli a scuola in sicurezza.

 

«L’immunizzazione dei bambini per il rientro a scuola non è il requisito predominante per farli tornare in sicurezza», ha detto la O’Brien. «Possono tornare a scuola in sicurezza se quello che stiamo facendo è immunizzare i soggetti a rischio intorno a loro».

 

Gli Stati Uniti, il Canada e l’Unione Europea hanno tutti dato il via libera ad alcuni vaccini COVID per bambini dai 12 ai 15 anni. Nel Regno Unito, è improbabile che la decisione di vaccinare tutti i giovani dai 12 ai 17 anni venga raccomandata dagli esperti in tempi brevi, secondo quanto riportato da BBC NEWS.

«L’immunizzazione dei bambini per il rientro a scuola non è il requisito predominante per farli tornare in sicurezza»

 

Una ragione per non vaccinare i bambini contro il COVID è che ne traggono relativamente pochi benefici.

 

«Fortunatamente, una delle poche cose positive di questa pandemia è che i bambini sono molto raramente vengono colpiti in modo grave da questa infezione», ha affermato Adam Finn, che siede nel Comitato Congiunto per la Vaccinazione e l’Immunizzazione del Regno Unito.

 

Le infezioni nei bambini sono quasi sempre lievi o asintomatiche, il che è in netto contrasto con i gruppi di età più avanzata a cui è stata data la priorità dalle campagne di vaccinazione.

 

«Fortunatamente, una delle poche cose positive di questa pandemia è che i bambini sono molto raramente vengono colpiti in modo grave da questa infezione»

Uno studio in sette paesi, compresi gli Stati Uniti, pubblicato su Lancet, ha rilevato che meno di due bambini su 1 milione sono morti di COVID durante la pandemia.

 

Anche i bambini con condizioni mediche che aumenterebbero i rischi di infezione da COVID negli adulti non vengono vaccinati nel Regno Unito. Si raccomanda di vaccinare solo quelli a «rischio molto elevato di esposizione e conseguenze gravi».

 

 

Per i bambini, i benefici dei vaccini COVID non superano i rischi

Come riportato da The Defender, il 10 giugno la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha tenuto una riunione per discutere la concessione dell’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per i vaccini COVID per i bambini sotto i 12 anni. Numerosi esperti si sono espressi contro il piano, affermando che i benefici non sono superiori ai rischi per i bambini piccoli.

 

«Tre bambini su 4 riferivano affaticamento e mal di testa, circa la metà aveva brividi e dolori muscolari, circa 1 su 4-5 aveva febbre e dolori articolari. L’elenco prosegue. In sintesi, tutti i giovani di età compresa tra 12 e 15 anni completamente vaccinati hanno evitato il COVID sintomatico, ma la maggior parte non avrebbe contratto il COVID anche senza il vaccino. Quindi, il beneficio è minimo, ma è stato ottenuto al prezzo di effetti collaterali di gravità da lieve a moderata e durati alcuni giorni»

Peter Doshi, Ph.D., professore associato presso la University of Maryland School of Pharmacy e senior editor di BMJ, ha affermato durante l’audizione pubblica aperta che non vi è alcuna emergenza che giustifichi l’utilizzo dell’EUA per autorizzare i vaccini COVID per i bambini.

 

Indicando la sperimentazione di Pfizer sui giovani di età compresa tra 12 e 15 anni che ha sostenuto la recente EUA, Doshi ha affermato che i danni superavano i benefici e che coloro che avevano ricevuto il placebo stavano «meglio» di quelli che avevano ricevuto il vaccino.

 

In termini di benefici, Doshi ha affermato che «l’efficacia del 100% riportata nello studio di Pfizer si è basata su 16 casi di COVID nel gruppo placebo rispetto a nessuno nel gruppo completamente vaccinato. Ma c’erano circa 1.000 destinatari di placebo, quindi solo il 2% ha contratto il COVID. In altre parole, il 2% dei vaccinati ha evitato il COVID, mentre il 98% dei vaccinati non avrebbe comunque contratto il COVID».

 

Dall’altra parte, ha detto Doshi, gli effetti collaterali erano comuni:

 

«Tre bambini su 4 riferivano affaticamento e mal di testa, circa la metà aveva brividi e dolori muscolari, circa 1 su 4-5 aveva febbre e dolori articolari. L’elenco prosegue. In sintesi, tutti i giovani di età compresa tra 12 e 15 anni completamente vaccinati hanno evitato il COVID sintomatico, ma la maggior parte non avrebbe contratto il COVID anche senza il vaccino. Quindi, il beneficio è minimo, ma è stato ottenuto al prezzo di effetti collaterali di gravità da lieve a moderata e durati alcuni giorni».

 

Doshi ha citato i dati dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) che mostrano che il 23% dei bambini da 0 a 4 anni e il 42% di quelli da 5 a 17 anni hanno già avuto il COVID e hanno una robusta immunità naturale.

 

I dati mostrano che i bambini non sono né in a rischio né pericolosi e che la crescente evidenza di danni causati dai vaccini COVID non dovrebbe essere ignorata.

Kim Witczak, rappresentante dei consumatori della FDA, ha espresso grande preoccupazione per l’approvazione prematura dei vaccini COVID per i bambini. Witczak ha affermato che i dati mostrano che i bambini non sono né in a rischio né pericolosi e che la crescente evidenza di danni causati dai vaccini COVID non dovrebbe essere ignorata.

 

Witczak e Doshi erano due dei 27 ricercatori e medici di tutto il mondo che hanno lanciato una petizione dei cittadini chiedendo alla FDA di trattenere la piena approvazione dei vaccini COVID fino a quando non saranno soddisfatti i requisiti di efficacia e sicurezza.

 

Il Dr. Sidney Wolf, fondatore e consulente senior di Health Research Group, ha anche sottolineato durante la riunione della FDA che i dati del CDC dal 1 gennaio al 31 marzo hanno mostrato solo 204 ricoveri e 0 decessi nella fascia di età compresa tra 12 e 17 anni a causa al COVID.

 

Al 31 maggio, sono stati segnalati 79 casi di miocardite e pericardite tra i 16-17enni

Come riportato da The Defender il 26 maggio, due articoli recentemente pubblicati sulla rivista Hospital Pediatrics hanno rilevato che i ricoveri pediatrici per COVID sono stati sovrastimati di almeno il 40%, con potenziali implicazioni per le cifre a livello nazionale utilizzate per giustificare la vaccinazione dei bambini.

 

 

Il vaccino COVID causa infiammazioni cardiache negli adolescenti

Il dott. Tom Shimabukuro, vicedirettore dell’Ufficio per la sicurezza delle vaccinazioni del CDC, ha dichiarato durante la riunione della FDA del 10 giugno: «Ci sono “pochissime” segnalazioni di miocardite o pericardite in giovani dai 12 ai 15 anni a cui sono stati somministrati vaccini contro il coronavirus».

 

Tuttavia, i dati del CDC presentati da Shimabukuro hanno mostrato un numero superiore al previsto di casi di infiammazione cardiaca tra i giovani recentemente vaccinati con le seconde dosi di vaccino mRNA. L’agenzia ha identificato 226 rapporti che potrebbero soddisfare la «definizione del caso di lavoro» dell’agenzia di miocardite e pericardite a seguito delle iniezioni.

 

Al 31 maggio, sono stati segnalati 79 casi di miocardite e pericardite tra i 16-17enni. Il tasso previsto tra le persone in questa fascia di età è compreso tra due e 19 casi, ha affermato Shimabukuro durante la sua presentazione.

Ci sono stati 1.117 casi di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) in tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021. Di questi,109 casi si sono verificati in bambini di età compresa tra 12 e 17 anni con 108 attribuiti a Pfizer

 

I dati del CDC hanno anche mostrato che ci sono state 196 segnalazioni di miocardite e pericardite tra i soggetti di età compresa tra i 18 e i 24 anni. Il tasso previsto è compreso tra gli otto e gli 83 casi.

 

Il comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) ha programmato una  riunione di emergenza per il 18 giugno per aggiornare i dati e valutare ulteriormente la miocardite dopo la vaccinazione con i vaccini Pfizer e Moderna. Tuttavia, il CDC ha ritardato la riunione fino all’incontro ACIP del 23-25 giugno in osservanza della festa nazionale del Giorno dell’Indipendenza di giugno.Registrati qui per guardare l’incontro di mercoledì.

 

Secondo gli ultimi dati del VAERS, ci sono stati 1.117 casi di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) in tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021. Di questi,109 casi si sono verificati in bambini di età compresa tra 12 e 17 anni con 108 attribuiti a Pfizer.

 

Attualmente, il vaccino COVID di Pfizer è autorizzato per l’uso di emergenza a partire dai 12 anni. Moderna è autorizzato dai 18 anni in su, sebbene l’azienda abbia chiesto alla FDA di autorizzarne l’uso nei bambini di 12 anni. Il vaccino di Johnson & Johnson è autorizzato dai 18 anni in su

Attualmente, il vaccino COVID di Pfizer è autorizzato per l’uso di emergenza a partire dai 12 anni. Moderna è autorizzato dai 18 anni in su, sebbene l’azienda abbia chiesto alla FDA di autorizzarne l’uso nei bambini di 12 anni. Il vaccino di Johnson & Johnson è autorizzato dai 18 anni in su.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 22 giugno 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Continua a leggere

Essere genitori

I social media favoriscono i tic nei bambini

Pubblicato

il

Da

 

 

Da Tiktok ai tic.

 

La testata americana di tecnologia Motherboard riporta che un numero crescente di utenti di TikTok – principalmente ragazze e giovani donne – sembra aver sviluppato durante la pandemia tic simili a quelli caratterizzati dalla sindrome di Tourette.

 

La sindrome di Tourette è un disturbo neurologico caratterizzato da tic multipli ripetuti associato spesso al disturbo ossessivo compulsivo.

 

«È un’epidemia all’interno della pandemia»

In assenza di altre spiegazioni, gli esperti stanno sostenendo che l’origine di questa epidemia di malattia neurologica può essere lo stress dell’isolamento durante la pandemia di COVID-19.

 

Gli esperti tuttavia hanno ipotizzato un altro fattore scatenante: la sovraesposizione a video nei social media che dimostrano eventi avversi nei giovanissimi

 

«Può sembrare inverosimile che gli adolescenti sviluppino tic solo guardando video online, ma gli scienziati lo stanno prendendo molto sul serio» scrive Futurism: una ricerca pubblicata sulla rivista Movement Disorders il mese scorso mostra un’esplosione internazionale di casi di tic nervosi tra le ragazze di età compresa tra 12 e 25 durante la pandemia.

 

Ciò evidenzia un’importante distinzione tra la sindrome di Tourette e ciò che stanno vivendo gli utenti di TikTok.

 

Molti dei bambini che hanno segnalato questi nuovi tic hanno anche riferito di aver avuto disturbi d’ansia o dell’umore

La sindrome di Tourette tende a colpire le persone in età più giovane, si inclina maggiormente verso i ragazzi e causa tic meno estremi. Inoltre, molti dei bambini che hanno segnalato questi nuovi tic hanno anche riferito di aver avuto disturbi d’ansia o dell’umore.

 

A causa di queste differenze, gli scienziati hanno coniato il termine «functional tic-like behaviors» («comportamenti funzionali simili a tic») per descrivere la rapida insorgenza di nuovi sintomi. Questa differenza, hanno detto gli esperti a Motherboard, non rende i sintomi meno reali.

 

«Non possono fermarsi, e ne siamo assolutamente testimoni», ha detto a Motherboard il neurologo dell’Università di Calgary Davide Martino. «Alcuni dei pazienti e delle famiglie con cui parliamo sono disperati; abbiamo bisogno di compassione e impegno per cercare di aiutarli».

 

«È un’epidemia all’interno della pandemia», sostiene  Martino.

 

Come scrive il sito dell’ISS, la sindrome di Tourette i «tic motori, come scatti improvvisi della testa, possono spesso risultare dolorosi. Inoltre, nei bambini così come negli adulti, potrebbero nascere problemi conseguenti alla malattia come, ad esempio, l’isolamento sociale, stati di imbarazzo e una ridotta autostima».

 

Secondo alcuni studi, nel 10% delle persone afflitte dalla sindrome di Tourette si produce il sintomo della coprolalia, che è l’espressione involontaria da parte del soggetto di parolacce, volgarità, frasi inopportune, discorsi-tabù.

 

Continua a leggere

Essere genitori

I bambini sono effettivamente immuni al COVID-19: ecco le prove

Pubblicato

il

Da

 

 

Esistono prove biologiche e molecolari che i bambini sono effettivamente immuni al COVID e possono essere considerati già vaccinati. Lo sostiene il dottor Paul Elias Alexander in un articolo pubblicato su Lifesitenews.

 

«Le iniezioni di [vaccino] COVID non offrono ai bambini alcuna opportunità di beneficio e solo potenziali opportunità di danno.» 

 

«I bambini non devono essere vaccinati con questi vaccini COVID; la questione chiave è che i vaccini non sono necessari. Nessun funzionario della sanità pubblica ha ancora argomentato spiegando perché i bambini devono ricevere questi vaccini. Inoltre, gli sviluppatori non hanno seguito i vaccini per un periodo di tempo adeguato, e questo è molto preoccupante perché quindi non sappiamo cosa riserverà il futuro ai destinatari».

 

«I bambini non hanno bisogno del vaccino COVID; può potenzialmente ucciderli»

«Non abbiamo idea di come questi vaccini si comporteranno a lungo termine nei bambini e potrebbero danneggiare gravemente i nostri bambini o addirittura ucciderli. I bambini hanno una protezione naturale in quanto non hanno le basi molecolari e biologiche che hanno gli adulti per essere infettati da questo virus e ammalarsi gravemente».

 

Il medico canadese sostiene di dover avvertire l’ente regolatore americano FDA «che se approvano questo vaccino per i bambini, corriamo il rischio di uccidere migliaia di bambini americani (e bambini del mondo), danneggiandoli con miocardite e altre gravi condizioni di cui sono stati risparmiati finora dal loro naturale protezione».

 

«Il vaccino e la proteina spike entrano in circolo e possono avere conseguenze devastanti sul sistema vascolare dei nostri bambini. Possono causare coaguli, sanguinamento/emorragia, etc».

 

«Non c’è alcun motivo medico, e supplico la FDA di fermarsi».

 

In particolare, il dottore formula a chiare lettere l’orrore utilitarista per cui la minoranza dei bambini andrebbe sacrificata per proteggere gli adulti, per i quali, peraltro, esistono effocaco cure precoci (che, ricordiamo, se riconosciute, toglierebbero ogni alibi all’emergenza e all’obbligo vaccinale).

 

«Le iniezioni di [vaccino] COVID non offrono ai bambini alcuna opportunità di beneficio e solo potenziali opportunità di danno.» 

«I bambini non sono fatti per proteggere gli adulti e non abbiamo bisogno dell’immunità dei bambini per porre fine alla pandemia. Abbiamo un trattamento precoce» dice il medico.

 

Sì, dobbiamo raddoppiare e triplicare adeguatamente la protezione dei nostri anziani e ad alto rischio e offrire un trattamento precoce, ma non dobbiamo ignorare l’immunità naturale già costruita nella società e l’immunità che i bambini già possiedono.

 

Tornano alla mente alcune catastrofi vaccinali, di cui Renovatio 21 ha dato puntualemente conto. Ad esempio, la strage nelle Filippine scatenata dal vaccino contro la dengue ..

 

«Il disastro più recente ai bambini del vaccino dengvaxia  per la febbre dengue fornisce cautela. I bambini ne sono stati gravemente danneggiati» .

 

Il dottor Alexander ricorda che tasso di mortalità per infezione stimato (IFR) è vicino allo  zero per bambini e ragazzi.

 

«I dati più aggiornati  dall’American Academy of Pediatrics ha mostrato che “I bambini sono stati lo 0,00% -0,19% di tutti i decessi per COVID-19 e 10 stati [USA] hanno riportato zero decessi infantili. Nelle segnalazioni degli stati, lo 0,00%-0,03% di tutti i casi di COVID-19 infantili ha provocato la morte».

«I bambini non sono fatti per proteggere gli adulti e non abbiamo bisogno dell’immunità dei bambini per porre fine alla pandemia. Abbiamo un trattamento precoce»

 

I bambini, ripete il dottore, vanno considerati come già immunizzati.

 

«In effetti, la loro immunità è migliore di quella degli adulti vaccinati con queste iniezioni sub-ottimali (…) Abbiamo una forte ricerca di Patel  e Bunyavanich (ricerca sul recettore ACE 2), Loske (che mostra che l’immunità innata antivirale preattivata [compartimento mucoso] nelle vie aeree superiori dei bambini), Yang (i bambini  hanno cellule memoria B che possono legarsi alla SARS- CoV-2, che indica il potente ruolo dell’esposizione nella prima [precedente] infanzia ai comuni coronavirus del raffreddore),  Weisberg e Farber et al. le cellule T dei bambini … hanno una migliore capacità di rispondere ai nuovi virus) e  Galow  (che mostra che i bambini non diffondono il COVID-19 ad altri bambini, mentre sono gli adulti che diffondono il COVID-19 ai bambini).» 

 

Per quanto riguarda la dinamica epidemiologica, il medico cita uno studio sulle Alpi francesi.

 

«Hanno seguito un bambino infetto che ha visitato tre diverse scuole e ha interagito con altri bambini, insegnanti e vari altri adulti. Gli autori non hanno riportato alcun caso di trasmissione secondaria nonostante le strette interazioni. Questi dati sono disponibili per il CDC e altri esperti di salute da oltre un anno».

 

Su «quasi 2 milioni di scolari che sono stati seguiti in Svezia, senza obbligo di mascherina, è stato riferito che ci sono stati zero decessi per COVID e solo pochi casi di trasmissione e ospedalizzazione minima» 

 

«Anche in questo caso, i bambini hanno una protezione ACE 2 naturale e non dobbiamo aggirarla entrando nei loro deltoidi e quindi nei loro flussi sanguigni. Finora sono stati risparmiati dalle morti che si sono verificate negli adulti a causa dei vaccini, ed è a causa di questa protezione naturale e delle ragioni molecolari che ho delineato sopra. Lasciali in pace».

 

In conclusione: «i bambini non hanno bisogno del vaccino COVID; può potenzialmente ucciderli».

 

«Il CDC e il NIH e gli sviluppatori di vaccini stanno ingannando la Nazione e non hanno svolto la ricerca adeguata. Questo è altamente avventato e pericoloso. Il dottor Anthony Fauci deve fermare questa follia, questa follia, questa spinta implacabile che deve iniettare a tutti i bambini. Fino ad oggi non può spiegare perché. È sempre stato illogico, irrazionale, insensato e senza alcun merito scientifico (…) I genitori devono alzarsi in piedi e respingere questa follia di Fauci, Collins, Walensky e degli esperti medici televisivi spericolati e capziosi».

 

Vengono rammentati altri disastri vaccinali di cui è puntellata la storia, ma che sono convenientemente dimenticati:

 

« È doveroso ricordare l’aumento  dell’incidenza della narcolessia  nei bambini nei paesi scandinavi a seguito del  vaccino influenzale H1N1 adiuvato ASO3  utilizzato per la pandemia del 2009 (programma di vaccinazione influenzale Pandemrix ) (….) vengono in mente anche i danni causati dal vaccino contro la  dengue nei bambini nelle Filippine. Sanofi Pasteur ha  sospeso i vaccini nel 2017 a causa del rischio molto pericoloso di sindrome da perdita di plasma simile all’Ebola».

«I bambini sono effettivamente immuni da COVID e possono essere considerati già completamente vaccinati secondo la spiegazione biologica e molecolare di cui sopra»

 

Eventi come «il  vaccino antipolio contaminato con bambini malati e paralizzati a morte nel 1955 negli Stati Uniti sono degni di essere esaminati in questo contesto».

 

«Il danno che può derivare da un rapido dispiegamento della vaccinazione di massa per i bambini non si è dimostrato sicuro in tutti i casi. Forse vale la pena notare questo commento del Dr. Efrat Schurr: “Nel 1977, ad esempio, una tripla vaccinazione (contro la difterite, la  pertosse  e il tetano) da un lotto difettoso ha lasciato diversi bambini ciechi, sordi e disabili per sempre».

 

Quindi, per riassumere:

 

«I bambini sono effettivamente immuni da COVID e possono essere considerati già completamente vaccinati secondo la spiegazione biologica e molecolare di cui sopra».

 

Qualcuno che lo può spiegare al governo italiano, e a tutto il seguito di boiardi virologici, poliziotti pandemici, volonterosi carnefici del COVID, c’è?

Continua a leggere

Essere genitori

Video: il pianto del bambino costretto alla mascherina

Pubblicato

il

Da

 

 

Un video da un asilo di Nuova York sta avendo una certa diffusione in rete.

 

Un bambino piccolo, Mason, piange e rifiuta la mascherina, e se la leva varie volte mentre le maestre di asilo insistono.

 

Si tratta di un concentrato di pura crudeltà verso gli innocenti. Cioè, della cifra dell’ora presente.

 

Come siamo arrivati a tutto questo?

 

Alcuni utenti hanno sottolineato il fatto che le maestre dell’asilo hanno continuato a toccare il viso e la maschera del bambino durante la lotta, annullando completamente il motivo per cui gli si mette la mascherina.

 

In seguito su Facebook la madre del bambino Mason, Walker, ha chiarito di non essere arrabbiata con l’asilo nido di suo figlio, ma piuttosto con il governatore di New York Kathy Hochul, che la scorsa settimana ha emesso un ordine che impone ai bambini di due anni di indossare maschereine per poter frequentare strutture per l’infanzia regolamentate dallo Stato.

 

«Non sono arrabbiata con il suo asilo nido che stanno cercando di rispettare il mandato. Amo dov’è. Sono incazzata con il nostro governatore e l’OCFS che pensano che sia assolutamente necessario obbligare un bambino di due anni a indossare una maschera 7-10 ore al giorno. #unmaskourbabies», ha scritto la Walker.

 

La domanda di fondo rimane.

 

Come siamo arrivati a tutto questo?

 

 

Continua a leggere

Più popolari