Connettiti con Renovato 21

Cina

Partito Comunista Cinese, la «Risoluzione sulla storia» che esalta Xi pubblicata solo dopo il summit con Biden

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Il 6° Plenum del Partito comunista cinese l’aveva approvata l’11 novembre. Il documento rivela l’ambizioso progetto a lungo termine del PCC. Linea dura su Hong Kong e Taiwan. La narrazione della Rivoluzione culturale e di Tiananmen non cambia. Coperti gli errori del Partito.

 

 

Le autorità hanno pubblicato la terza «Risoluzione sulla storia» solo il 16 novembre, a poche ore dalla conclusione del primo faccia a faccia (virtuale) tra Xi Jinping e Joe Biden.

Oltre a esaltare il potere di Xi, la risoluzione  ribadisce l’importanza della sicurezza nazionale, così come la posizione del regime su Hong Kong e Taiwan: nei fatti una risposta alle preoccupazioni sollevate da Biden durante il vertice

 

Il documento era il piatto forte del 6° Plenum del Partito Comunista Cinese (PCC), che si è chiuso l’11 novembre; la riunione ha dato il via ai preparativi per il 20° Congresso del Partito, programmato nell’autunno 2022.

 

Oltre a esaltare il potere di Xi, la risoluzione  ribadisce l’importanza della sicurezza nazionale, così come la posizione del regime su Hong Kong e Taiwan: nei fatti una risposta alle preoccupazioni sollevate da Biden durante il vertice.

 

Il lungo documento ripercorre la storia del Pcc dalla sua fondazione un secolo fa. Metà del testo si concentra sulla «nuova era», il periodo dopo il 18° Congresso del 2012, quando Xi ha preso il potere come segretario generale del Partito e presidente del Paese.

 

Si sostiene che la diplomazia cinese ha creato una nuova situazione nell’ordine mondiale, in cui è cresciuta l’influenza globale del Paese

La risoluzione enfatizza Xi come «nucleo» del PCC e il suo «pensiero» come linea guida, senza menzionare il meccanismo di transizione del potere.

 

Il Partito sottolinea i suoi risultati economici, compresa la crescita del PIL e «l’eliminazione» della povertà. Conferma che il modello di crescita si basa prima di tutto sulla «circolazione interna» (mercato interno), ed è integrato da quella «esterna» (commercio e investimenti dall’estero).

 

Anche se la risoluzione ammette i rischi e le sfide internazionali, sostiene che la diplomazia cinese ha creato una nuova situazione nell’ordine mondiale, in cui è cresciuta l’influenza globale del Paese.

 

Quanto alla sicurezza dello Stato, il testo afferma che il Partito «preverrà in modo rigoroso e reprimerà severamente l’infiltrazione, il sabotaggio, la sovversione e le attività separatiste di forze ostili».

 

Il Partito «preverrà in modo rigoroso e reprimerà severamente l’infiltrazione, il sabotaggio, la sovversione e le attività separatiste di forze ostili»

Il PCC resisterà e contrasterà anche la pressione e il contenimento da parte di forze esterne su nodi come Hong Kong, Taiwan, Xinjiang, Tibet e acque contese nel Mar Cinese meridionale e orientale.

 

Il Partito mantiene la linea dura su Hong Kong, che deve essere governata da «patrioti», e sulla riunificazione con Taiwan – senza dare un preciso arco temporale per il secondo obiettivo.

 

Secondo la risoluzione, le Forze armate devono modernizzarsi entro il 2035, per avere un esercito di valore mondiale entro il 2050.  L’addestramento orientato alla guerra reale e la leadership assoluta del Partito sono le linee guida per i militari.

 

Secondo la risoluzione, le Forze armate devono modernizzarsi entro il 2035, per avere un esercito di valore mondiale entro il 2050.  L’addestramento orientato alla guerra reale e la leadership assoluta del Partito sono le linee guida per i militari.

La stretta sull’ideologia e la propaganda è vista come una grande conquista dalla «nuova era» di Xi. Riguarda una gamma completa di settori: arte, media, internet e istruzione superiore.

 

La leadership e il controllo esercitati sul web  sono oggetto di particolare attenzione; la rete è definita come «campo e frontiera di guerra» nei conflitti ideologici: «se [il Partito] non può vincere la sfida di internet, il governo a lungo termine è impossibile».

 

Sulla storia la risoluzione segue il vecchio schema. Minimizza la Rivoluzione culturale, sfiorando con poche frasi le colpe e l’esito disastroso del movimento politico lanciato da Mao. Il massacro di Tiananmen nel 1989 è ancora descritto come «grave agitazione politica». Dopo che il regime ha represso con la forza militare il movimento democratico, sotto la guida di Deng Xiaoping la leadership ha messo agli arresti domiciliari fino alla morte l’ex leader riformista Zhao Ziyang; Il nome di Zhao non è citato nella risoluzione.

 

«Se [il Partito] non può vincere la sfida di internet, il governo a lungo termine è impossibile»

Seguendo la logica del documento, solo unendosi attorno al Comitato centrale del Partito con Xi come fulcro si può realizzare il sogno cinese del “ringiovanimento” nazionale.

 

La risoluzione ricorda i principali eventi sotto il governo di Xi; essa omette però l’emendamento del 2018 che ha inserito il pensiero del segretario generale nella prefazione della Costituzione e che ha abolito i limiti di mandato per il presidente: punti inclusi nei testi di storia delle superiori.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Cina

Xi Jinping vuole silenziare i vecchi leader che lo attaccano

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il Partito comunista vieta alla vecchia guardia di fare «discorsi politici negativi» prima del 20° Congresso del prossimo autunno. L’ex premier Zhu Rongji avrebbe criticato il terzo mandato al potere di Xi. Lockdown per il COVID: protestano gli studenti dell’Università di Pechino.

 

 

Il presidente Xi Jinping vuole mettere il bavaglio alla vecchia guardia del Partito comunista cinese che lo critica. Con una serie di regolamenti appena annunciati, l’Ufficio generale del Comitato centrale del Partito ha vietato ai dirigenti in pensione di fare «discorsi politici negativi» prima del 20° Congresso del Pcc, che si terrà in autunno.

 

La decisione sembra essere arrivata dopo che l’ex premier Zhu Rongji, il vero artefice delle riforme economiche degli anni Novanta, ha criticato la candidatura di Xi a un terzo mandato al potere.

 

Secondo il Wall Street Journal, a marzo il 94enne Zhu avrebbe espresso insoddisfazione per il rinnovo in carica dell’attuale segretario generale del Partito, quando da Mao Zedong in poi tutti i leader si sono limitati a due  mandati ciascuno.

 

La nuova incoronazione di Xi sembra scontata. Il riemergere della pandemia da COVID-19 negli ultimi mesi, insieme al conseguente peggioramento del quadro economico nazionale, potrebbero però indebolire la sua posizione, obbligandolo a fare concessioni ai suoi avversari – con ogni probabilità sulla scelta del nuovo premier.

 

Zhu non sarebbe solo nell’opporsi alla linea di Xi. Altri vecchi leader, come ad esempio l’ex presidente Jiang Zemin, sarebbero sul piede di guerra. Da qui la stretta dei vertici del Partito ai commenti dei critici interni.

 

Nel mirino degli oppositori c’è poi la politica «zero-COVID» voluta da Xi, considerata da diversi osservatori – e dall’Organizzazione mondiale della sanità – come «insostenibile».

 

Dopo aver lanciato l’allarme sull’imminente rallentamento dell’economia in Cina, vedendosi poi bloccare i suoi profili social, il noto economista Hong Hao si è dimesso da ricercatore capo di BoCOM International, il ramo investimenti della statale Bank of Communications, una delle più grandi del Paese.

 

Il malcontento per la rigide politiche della leadership si diffonde anche tra la popolazione, come testimoniano ad esempio i tanti video di protesta degli abitanti segregati a Shanghai per il COVID.

 

Un altro caso eclatante si è avuto nel weekend, quando centinaia di studenti dell’Università di Pechino si sono rivoltati dopo che le autorità li avevano messi in quarantena nel loro dormitorio per esigenze sanitarie, lasciando però il resto del campus aperto.

 

In segno di protesta, essi hanno abbattuto le barriere metalliche usate per segregarli, facendo poi circolare sul web le immagini.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Mons. Viganò sull’arresto del Cardinale Zen

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questa dichiarazione  di Mons. Carlo Maria Viganò.

 

DICHIARAZIONE

sull’arresto di Sua Eminenza il Card. Joseph Zen

È stata diffusa ieri la notizia dell’arresto del Card. Joseph Zen da parte delle autorità di Hong Kong. Responsabile delle indagini è la sezione di Polizia speciale costituita dal Governo di Pechino per vegliare sulla sicurezza nazionale cinese, ossia per reprimere qualsiasi forma di dissenso o di protesta per le violazioni dei diritti umani della dittatura comunista. 

 

L’anziano Porporato – che in passato espresse forti critiche all’Accordo segreto stipulato tra il Regime cinese e la Santa Sede – è stato interrogato e poi rilasciato su cauzione, mentre gli è stato sequestrato il passaporto.

 

Quanto accaduto costituisce una gravissima violazione delle libertà e dei diritti di cui gode ogni persona umana, tanto più deprecabile trattandosi di un Cardinale di Santa Romana Chiesa.

 

La Sala Stampa vaticana, con evidente imbarazzo, si è limitata ad esprimere «preoccupazione», senza presentare formali proteste al Governo di Pechino.

 

Solo pochi giorni prima altri dieci sacerdoti della comunità di Baoding, appartenenti alla Chiesa clandestina, sono stati prelevati e destinati alla «rieducazione» forzata dal Partito Comunista Cinese perché non disposti ad aderire alla setta patriottica, allungando la serie di soprusi e sopraffazioni contro i Cattolici fedeli della Chiesa sotterranea.

 

I frutti avvelenati dell’Accordo sino-vaticano sono ormai evidenti. La chiesa bergogliana preferisce tacere sulla persecuzione dei Cattolici della Chiesa clandestina, dopo averli consegnati alle ritorsioni della setta patriottica e del Partito Comunista Cinese. In cambio, Pechino ricompensa i suoi servigi con cospicui finanziamenti annui: i mercenari si lasciano comprare per trenta denari, che grondano del sangue dei martiri della Chiesa del silenzio. 

 

Quando il Card. Zen, nel settembre del 2020 alla vigilia del rinnovo di quel famigerato Accordo, venne a Roma per incontrare Bergoglio, questi lo umiliò con uno sdegnato rifiuto, a causa della ben nota posizione del Porporato cinese sull’Accordo e sulle sue ripetute violazioni.

 

Questa offesa a un Principe della Chiesa ha dato un chiaro segnale alla dittatura cinese, che si è sentita libera di agire senza temere conseguenze o prese di posizione da parte del Vaticano; il cui inquilino trova però il tempo per ricevere alti esponenti del Nuovo Ordine Mondiale, rappresentanti del globalismo e della finanza usuraia, dittatori e criminali di guerra, fino alle mogli dei combattenti del battaglione neonazista Azov, che negli scorsi giorni avevano usato i civili come scudi umani durante l’assedio russo dell’acciaieria di Azovstal.

 

Qualcuno ha fatto notare che l’attivista russo-canadese Pyotr Verzilov ha accompagnato le due mogli ucraine all’Udienza papale: si tratta del fondatore e portavoce del gruppo femminista Pussy Riot, noto per le profanazioni e i sacrilegi compiuti in Russia contro le chiese ortodosse, sul modello di Femen in Occidente. Lascia sconcertati che sia ammesso in Vaticano il rappresentante di un movimento anticristiano che ha fatto della blasfemia il cuore della propria azione eversiva.

 

Questo atteggiamento di rara doppiezza, ma tutt’altro che ambiguo, mostra come la deep church di Bergoglio sia totalmente allineata non solo alla narrazione psicopandemica, ma anche alla folle gestione della crisi russo-ucraina da parte del deep state.

 

Il Card. Zen si aggiunge alla lista dei Porporati dei Dubia, ai quali Bergoglio non ha mai risposto né ricevuto, mentre verga di propria mano la lettera a James Martin sj. Con quell’ennesimo endorsement egli conferma la volontà di normalizzare nella Chiesa Cattolica il pansessualismo dell’infame ideologia LGBTQ, con la conseguente perdizione eterna di tante anime.

 

La saggezza e la prudenza della diplomazia vaticana, preziosa eredità di secoli, ammirata da tutte le Cancellerie del mondo, oggi sotto la guida di Pietro Parolin è un lontano ricordo: interessi cortigiani, profitti economici e criminali connivenze prevalgono senza vergogna di fronte a Dio e di fronte agli uomini. I fedeli guardano con scandalo alla trasformazione della Santa Sede in una spelonca di ladri (Lc 19, 46).

 

Esorto i miei Confratelli e i laici a sostenere con la preghiera Sua Eminenza in questo difficile momento, esprimendoGli al contempo vicinanza e solidarietà.

 

Le prove alle quali il Card. Zen è sottoposto possano meritare dal Cielo quella ricompensa che il Signore ha promesso a coloro che servono la Santa Chiesa con fedeltà e che rimangono saldi nella Fede, senza lasciarsi contaminare dallo spirito del mondo.

 

 

+ Carlo Maria Viganò

Arcivescovo

 

13 Maggio 2022

Anniversario dell’apparizione 

della Beata Vergine Maria a Fatima

 

 

 

 

 

Immagine di Jindřich Nosek (NoJin) via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine croppata

 

Continua a leggere

Cina

Lockdown Shanghai, calano i contagi da ma aumentano le restrizioni

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Le autorità inaspriscono le misure di chiusura in diverse parti del Paese, come richiesto dal leader supremo Xi Jinping. Censurati i commenti online che mettono in discussione i lockdown. Anche le imprese Usa presenti in Cina criticano la politica «zero-COVID» di Pechino.

 

 

 

Nelle ultime 24 ore Shanghai ha registrato un netto calo dei contagi da COVID-19: circa 1.500 casi rispetto ai 25mila giornalieri di metà aprile. Malgrado i miglioramenti, le autorità hanno inasprito ancora le restrizioni, riportando persino in lockdown in aree della città che stavano lentamente uscendo dalla quarantena. In diversi casi la popolazione ha violato i divieti di uscire dalle proprie abitazioni.

 

Dopo che la scorsa settimana il presidente Xi Jinping ha ribadito la politica «zero-COVID», molte città in Cina hanno intensificato le chiusure per il contenimento del coronavirus.

 

Pechino è in parziale lockdown, sebbene non ufficialmente, con la popolazione che deve effettuare ripetuti test diagnostici. Le linee degli autobus in diversi quartieri della capitale sono sospese, alcune stazioni della metropolitana sono chiuse e ai cittadini è stato ordinato di lavorare da casa. Anche le scuole locali sono chiuse e gli studenti sono costretti a seguire lezioni online.

 

Shanghai rimane il centro più colpito dalla nuova ondata. Ad esempio, le autorità cittadine hanno annunciato che l’esame di ammissione all’università, l’evento più cruciale per gli studenti e le famiglie, è rimandato a luglio.

 

La legittimità delle rigide misure di isolamento è messa in discussione dagli esperti di diritto.

 

In una lettera aperta Tong Zhiwei (童之伟), docente dell’Università di scienze politiche e giurisprudenza della Cina orientale, ha chiesto al governo di smettere di obbligare i cittadini alla quarantena negli ospedali temporanei. Tong ha scritto che le misure sanitarie estreme hanno avuto gravi conseguenze e possono avere un impatto sullo Stato di diritto. Egli ha sottolineato di aver consultato oltre 20 professori di diverse università in merito alla sua denuncia.

 

I social network cinesi hanno rimosso le esternazioni del prof. Tong, come quelle dell’l’avvocato Liu Dali (刘大力): anch’egli ha messo in dubbio la base legale delle misure di quarantena ordinate dalle autorità.

 

La censura ha colpito in altri modi. Video online – poi rimossi dal web – mostrano agenti di polizia a Shanghai che sfondano la porta per portare via le persone che si rifiutano di andare nelle strutture di quarantena designate. Prima dello sgombero, gli agenti hanno costretto alcuni residenti a consegnare le chiavi di casa per permettere al personale sanitario di disinfettare  le abitazioni.

 

In una situazione sempre più politicizzata dai vertici, Xi lo ha detto in modo chiaro: «La nostra linea guida di prevenzione è determinata dalla natura e dallo scopo del Partito».

 

Xi ha chiesto ai quadri del Partito comunista cinese di allinearsi al Comitato centrale e di «combattere risolutamente contro tutti i commenti e le azioni che distorcono, mettono in dubbio e negano le linee guida e le politiche nazionali di prevenzione delle epidemie».

 

I leader di Shanghai hanno risposto alle istruzioni di Xi promettendo di eliminare le infezioni il prima possibile. Altre piccole città in lockdown sono raramente segnalate.

 

Realtà di frontiera che dipendono dal commercio estero sono colpite dalle chiusure prolungate, soprattutto Ruili al confine con il Myanmar, Dongxing vicino al Vietnam e Suifenhe alla frontiera con la Russia.

 

Per la maggior parte degli esperti, la politica dello zero-COVID di Xi danneggia le catene globali di approvvigionamento e la stessa economia cinese.

 

In aprile l’export nazionale è cresciuto solo del 3,9% rispetto allo stesso mese del 2021, il minimo degli ultimi due anni. Minata anche la fiducia delle aziende straniere: dopo la rivelazione che il 23% delle imprese europee presenti in Cina pensa di spostare il proprio business in altri Paesi, a lanciare l’allarme sono quelle USA.

 

Secondo un sondaggio della Camera di commercio statunitense in Cina, il 51% delle sue aziende statunitensi diminuirà o rimanderà i propri investimenti nel mercato cinese; il 58% prevede poi un calo delle entrate annuali.

 

Il presidente della Camera USA, Colm Rafferty, ha dichiarato a Reuters:  «Ci stiamo preparando a un esodo di massa di talenti stranieri quest’estate, con un numero minore di persone dall’estero disposto ad accettare un impiego qui in Cina».

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari