Connettiti con Renovato 21

Misteri

Papa Luciani morto nel giorno in cui gli fu consegnata la lista dei cardinali massoni: rivelazione della sorella di Pecorelli

Pubblicato

il

Papa Luciani, salito al Soglio nel 1978 con il nome di Giovanni Paolo, sarebbe morto la sera stessa del giorno in cui il giornalista Mino Pecorelli gli avrebbe consegnato la lista dei cardinali appartenenti alla massoneria.

 

La rivelazione è fatta dalla sorella di Pecorelli, Rosita, durante una lunga trasmissione TV di Andrea Purgatori su La7 dedicata alla figura del controverso giornalista assassinato nel 1979.

 

Pecorelli era un personaggio piuttosto unico nel panorama italiano: dapprima assistente del senatore democristiano meneghino Egidio Carenini, poi risultato iscritto alla loggia massonica P2, aveva aperto una sua agenzia di stampa e quindi una rivista, OP («Osservatorio Politico»), piena di scoop clamorosi e di strani, ma funzionali, messaggi cifrati. Nella rivista si parlava di trame di servizi segreti, massoneria, mafia, e, soprattutto, del potere Giulio Andreotti.

 

Pecorelli aveva fonti importanti e a tutti i livelli, e gli era riconosciuta una capacità analitica quasi soprannaturale, per esempio quella di captare gli equilibri tra le fazioni nella DC dai grigi comunicati del partito. Durante il sequestro Moro dichiarò falso uno dei comunicati delle Brigate Rosse, e pubblicò materiale riservato come alcune lettere del presidente DC rapito alla famiglia.

 

Nel programma viene raccontata l’appartenenza di Pecorelli alla P2 (gli furono poi trovati in casa guanti e cappuccio massonici), il cui vertice, Licio Gelli, era pure attaccato nelle rivelazioni che abitualmente pubblicava OP. Dall’ambiente della P2, come dai servizi segreti e dalla politica profonda, Pecorelli traeva le notizie per la sua rivista.

 

Nel 1978, poco dopo che OP era divenuta una rivista acquistabile in edicola, aveva pubblicato una lista di 121 prelati facenti parti di una fantomatica «Gran Loggia Vaticana»: un elenco di porporati affiliati alla massoneria, ciascuno con nome, numero di matricola e data di iniziazione. È quella che poi ha finito per chiamarsi «Lista Pecorelli», e che contiene nomi di importanza storica, come quello del cardinale Annibale Bugnini, autore del Novo Ordo Missae, ossia della «Messa nuova» che nel 1969 ha soppiantato la Messa tradizionale durata nei secoli.

 

Il conduttore Andrea Purgatori ricorda che nella lista ci sarebbero quattro nomi di prelati legati al caso di Manuela Orlandi. Il segretario di Stato cardinale Agostino Casaroli, il cardinale Ugo Poletti «quello che poi darà la dispensa per consentire alla famiglia del boss Renatino De Pedis della Banda della Magliana di essere sepolto nella Basilica di Sant’Apollinare», il priore di Sant’Apollinare, e Paul Marcinkus, famigerato gestore dello IOR, la Banca vaticana.

 

Nella trasmissione de La7 la sorella Rosita Pecorelli rivela che «Mino il giorno prima aveva mandato a papa Luciani l’elenco dei prelati infedeli. La notte papa Luciani è morto».

 

 

«Lui so che doveva prendere una posizione seria nei confronti di questi prelati… quindi qualche sospetto è venuto fuori» continua Rosita Pecorelli.

 

Papa Albino Luciani, eletto il 26 agosto 1978 come Giovanni Paolo I, fu trovato morto nei suoi uffici la sera del 28 settembre. Il suo pontificato fu il decimo più breve della Storia del Papato: appena 33 giorni – un numero, peraltro, che potrebbe avere una sua valenza simbolica. Quantità di ipotesi si sono fatte, nei decenni, riguardo l’improvviso decesso del papa veneto; in molte si sospetta che il pontefice sia stato avvelenato.

 

Pecorelli fu ucciso il 20 marzo 1979 nella sua Citroen con quattro colpi di pistola sparati con il silenziatore. Uno dei proiettili era mirato alla bocca, possibile segno del trattamento che si riserva a chi parla troppo.

 

I proiettili risultarono di due marche: vi erano due Fiocchi e due Gevelot, questi ultimi molto rari, ma rinvenuti tre anni dopo nell’arsenale della Banda della Magliana trovato nei sotterranei del ministero della Sanità. L’inchiesta subì ogni sorta di depistaggio, manomissione delle prove – e finì nel nulla.  La Corte d’assise d’appello nel 2002 condannò Giulio Andreotti, assieme al mafioso Gaetano Badalamenti, a 24 anni di carcere per l’omicidio del giornalista; un anno dopo la sentenza fu annullata senza rinvio dalla Cassazione, rendendo definitiva la sentenza di assoluzione che il politico democristiano aveva avuto in primo grado.

 

Quello che rimane è un’altra pagina dei grandi misteri italiani, cui, abbiamo imparato, nei decenni si possono sempre aggiungere piccoli particolari, talvolta sconvolgenti, senza riuscire mai a scalfire la corazza e vedere cosa ci sia sotto questi immani intrecci di sangue.

 

Facciamo un’ultima osservazione: colpisce la pudicizia con cui i giornali, comprese grandi firme, stanno riportando lo scoop della possibile sincronia tra la consegna della lista dei cardinali massoni e la morte di Giovanni Paolo I: tutti sembrano ripetere l’espressione usata dalla sorella di Pecorelli, «cardinali infedeli».

 

Non crediamo sia un’espressione esatta. Pensiamo al caso di un papa, venuto dopo Luciani, nel futuro, che sia di fatto massone. Ebbene, le porpore della ipotetica «Gran Loggia Vaticana», in quel caso non sarebbero definibili come «cardinali fedeli»?

 

 

 

 

Misteri

Agente di polizia keniota trovato morto a Washington

Pubblicato

il

Da

Un agente di polizia keniota che faceva parte di una squadra a Washington per i colloqui su una missione di sicurezza pianificata ad Haiti è stato trovato morto in una stanza d’albergo, hanno detto le autorità della capitale degli Stati Uniti.

 

Walter Nyamato, 39 anni, è stato trovato privo di sensi nel suo alloggio nel centro di Washington martedì mattina ed è stato dichiarato morto sul posto, ha detto la polizia metropolitana in un comunicato giovedì, citato da Reuters. È in corso un’indagine sulla causa della morte.

 

Secondo i media locali, Nyamato faceva parte di un gruppo di alti funzionari di Nairobi e Haiti riuniti negli Stati Uniti per redigere un memorandum d’intesa e fissare una data per lo spiegamento della missione di sicurezza approvata dalle Nazioni Unite nella nazione caraibica.

 

Haiti, una nazione di 11,4 milioni di abitanti, ha assistito a un’allarmante ondata di criminalità e disordini, inclusi rapimenti, rapine e omicidi, con bande armate che hanno preso il controllo di alcuni dei suoi porti principali e hanno provocato carenza di beni chiave. L’isola è stata pesantemente colpita da un terremoto nel 2010.

 

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, solo nel mese di gennaio più di 800 persone sono state uccise a causa di violenze legate alle bande, più di tre volte il numero registrato nello stesso periodo dell’anno scorso.

Sostieni Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, tra gli episodi drammatici vi sono anche il rapimento di religiosi e le mitragliate alla stessa ambasciata USA a Port-au-Prince, mentre nelle città si consumano linciaggi, roghi, decapitazioni. Michelle Bachelet, Alto Commissario ONU per i Diritti Umani ha definito due anni fa la situazione della violenza armata come di livello «inimmaginabile ed intollerabile».

 

L’impegno del Kenya di contribuire con 1.000 agenti di polizia alla missione di Haiti è stato bloccato da un tribunale del Paese dell’Africa orientale, che lo ha dichiarato incostituzionale il mese scorso. Il presidente keniano William Ruto ha insistito sul fatto che il piano andrà avanti indipendentemente dalla decisione della corte.

 

Il governo non eletto di Port-au-Prince ha inizialmente richiesto il dispiegamento «immediato» di una forza armata internazionale specializzata per sedare il peggioramento dei disordini un anno dopo l’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise nel 2021.

 

Anche se non è stata fissata alcuna data per la missione guidata dal Kenya, il governo di Haiti ha annunciato mercoledì che sta negoziando un accordo ufficiale con Nairobi per garantire lo spiegamento.

 

Si prevede che anche altri Paesi contribuiranno con personale e risorse. Washington ha promesso 200 milioni di dollari per il progetto, nonostante alcuni haitiani si oppongano a qualsiasi coinvolgimento delle truppe occidentali.

 

Come riportato da Renovatio 21, Haiti è considerabile un vero feudo dei Clinton. Dall’Ucraina al Kosovo ai Caraibi, tutto il mondo disegnato negli anni Novanta da Bill e Hillary sta andando in pezzi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Nuno Cardoso via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic

Continua a leggere

Misteri

Uomo cade in una voragine e scompare

Pubblicato

il

Da

Le squadre di ricerca e soccorso sono alla frenetica ricerca di un uomo che, secondo quanto riferito, è caduto in una fessura della Terra che si è aperta in seguito all’eruzione di un vulcano a Sud-Ovest della capitale islandese Reykjavík.   Alla fine dello scorso anno, decine di migliaia di terremoti hanno scosso la penisola di Reykjanes, culminando nell’eruzione di un enorme vulcano che ha eruttato giganteschi pennacchi di lava nel cielo.   Ora, secondo il quotidiano islandese Morgunbladid, un uomo che stava lavorando su un crepaccio nella città di pescatori costiera di Grindavik, è caduto nell’apertura, innescando un’operazione di ricerca e salvataggio che ha coinvolto 200 persone.  

Sostieni Renovatio 21

«Siamo venuti a cercarlo finché non lo troviamo», ha detto al giornale il capo della polizia locale Úlfar Lúðvíksson. Peggio ancora, non è ancora chiaro quanto sia profonda o lunga la fessura stessa, «ma la crepa è profonda», ha aggiunto Lúðvíksson. Alcuni hanno stimato che potrebbe essere profondo fino a trenta metri.   I soccorritori si sono calati lentamente nella fessura all’interno di uno speciale cestello.   «Dove è caduto, c’è solo un piccolo buco, ma quando arrivi laggiù, c’è molto più spazio», ha detto a Morgunbladid il membro della squadra di soccorso Jón Þór.   L’intera città di Grindavik ha dovuto essere evacuata all’inizio di novembre dopo che si erano formate enormi crepe nel terreno, rilasciando inquietanti quantità di vapore. Le autorità hanno anche isolato la città e la vicina centrale elettrica.   Come noto, l’Islanda, ora preda di continui fremiti vulcanici, in questi anni ha raggiunto il triste primato di prima Nazione terrestre senza bambini down, perché sono stati tutti eliminati con l’aborto selettivo via diagnosi prenatale.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Twitter
Continua a leggere

Misteri

Nuova foto dell’autopsia di Jeffrey Epstein dimostra che non si è ucciso

Pubblicato

il

Da

Il fratello di Jeffrey Epstein, il pedofilo e trafficante sessuale condannato che si sarebbe ucciso in prigione in attesa del processo, ha pubblicato una foto dell’autopsia precedentemente non dichiarata, che, a suo avviso, sfata la versione ufficiale secondo cui il suicidio era la causa della morte.

 

Mark Epstein ha discusso della foto e di altre prove in un’intervista venerdì con la conduttrice del podcast statunitense Megyn Kelly. L’ immagine grafica mostra una grande cicatrice rossa al centro del collo del pedofilo deceduto, che secondo suo fratello non era coerente con i rapporti delle autorità secondo cui si sarebbe impiccato nella sua cella di prigione di New York City.

 

Se Jeffrey Epstein fosse stato trovato appeso alla cuccetta superiore, come riportato, i segni delle legature avrebbero dovuto andare sotto il mento e dietro le orecchie, ha detto suo fratello. «Da quella foto, il segno della legatura sul collo è più al centro del collo e va dritto indietro», ha detto. «In un’impiccagione, arriva molto in alto nella parte anteriore del collo perché sprofondi in quel cappio».

Sostieni Renovatio 21

Jeffrey Epstein è stato trovato morto nella sua cella al Metropolitan Correctional Center di New York nel 2019, mentre era in attesa del processo con l’accusa di traffico sessuale. La sua morte è stata giudicata un suicidio dal capo medico legale della città. Un medico assunto dalla famiglia di Epstein che era presente per l’autopsia ha affermato che alcune prove, comprese fratture multiple al collo, suggerivano che fosse stato assassinato.

 

I dubbi espressi sui risultati ufficiali hanno alimentato la speculazione secondo cui Epstein sarebbe stato ucciso per impedire la possibile esposizione delle persone ricche e politicamente potenti nella sua lista di clienti. I documenti giudiziari precedentemente sigillati di un caso che coinvolgeva una delle presunte vittime del pedofilo sono stati rilasciati il ​​mese scorso ma non contenevano nessuna delle informazioni bomba che alcuni osservatori si aspettavano.

 

Mark Epstein ha ipotizzato che un altro detenuto nella sezione della prigione dove era detenuto suo fratello lo avesse ucciso. La telecamera in quella sezione non funzionava la notte della morte di Epstein, secondo le autorità governative, che si sono rifiutate di rilasciare le riprese di una telecamera fuori dall’ala o di rivelare l’identità degli altri detenuti.

 

«Tutto quello che ho ottenuto da loro, per ogni domanda che ho posto, è stato: “Dopo un’indagine approfondita, abbiamo stabilito che si trattava di un suicidio”», ha detto Mark Epstein. «Questa è stata la risposta che ho ricevuto a ogni domanda». Ha affermato che non sono state seguite le normali pratiche investigative, come lasciare il corpo sul posto fino all’arrivo del medico legale.

 

Mark Epstein ha anche sollevato dubbi sulla foto dell’autopsia delle gambe di suo fratello, che non presentava segni di livido, contrariamente alle affermazioni ufficiali sulla posizione del suo corpo.

 

«Se fosse appeso come hanno detto, ci sarebbero prove di livido nelle gambe e nelle natiche», ha detto.

 

L’uomo aveva mosso le stesse accuse anche in un’intervista a Tucker Carlson un mese fa, mostrando anche un video di come le sue richieste di visura della documentazione pubblica venissero respinte senza motivazioni.

Aiuta Renovatio 21

I misteri attorno alla morte e alla vita di Epstein invece che diradarsi sembrano addensarsi sempre più.

 

Come riportato da Renovatio 21, è emerso che la top model russa Ruslana Korshunova si sarebbe suicidata lanciandosi dal suo appartamento di Nuova York nel 2008, dopo aver visitato la famigerata «pedo-isola» epsteiniana quando aveva solo 18 anni.

 

Due anni fa Jean-Luc Brunel, socio parigino di Epstein esperto in modelle, fu trovato pure lui impiccato in cella.

 

Un anno fa Steven Hoffenberg, finanziere considerato mentore di Epstein, è stato trovato morto nel suo appartamento.

 

Come riportato da Renovatio 21, il caso più inquietante è tuttavia quello di Mark Middleton, ex consigliere di Bill Clinton considerato filo conduttore tra l’ex presidente e il miliardario pedofilo, trovato appeso a un albero con un colpo di fucile al petto all’inizio di maggio 2022 fuori da un ranch in Arkansas.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari