Pandemia, morte misteriosa del britannico che ha rivelato l’insabbiamento cinese

 

 

Come il primo britannico noto per aver contratto il coronavirus, Connor Reed ha fatto molto per illuminare il pubblico anglofono sull’allora misteriosa malattia.

 

Rinchiuso con la forza nel suo appartamento di Wuhan per 16 settimane, malato per 24 giorni con ponte di atroci sofferenze e disperazioni, il giovane insegnante di inglese è diventato un volto familiare in televisione, inviando rapporti video dall’epicentro della nascente pandemia.

 

«Tra i milioni che hanno ascoltato i suoi inquietanti dispacci – con un misto di orgoglio e preoccupazione – c’erano i suoi genitori gallesi, Rod e Hayley Reed, che ora vivono in Australia» scrive il giornale britannico Daily Mail. «Giovedì, rannicchiati insieme ai figli più piccoli Morgan, 17 anni, e Oliver, otto anni, i coniugi Reed si sono riuniti ancora una volta intorno a uno schermo, a 10.000 miglia di distanza a Brisbane. Questa volta per vedere il funerale di Connor».

Una quindicina di giorni fa, apparentemente guarito dal virus, questo ventiseienne è stato misteriosamente trovato morto nel suo dormitorio alla Bangor University, Galles

 

Una quindicina di giorni fa, apparentemente guarito dal virus, questo ventiseienne è stato misteriosamente trovato morto nel suo dormitorio alla Bangor University, dove aveva da poco iniziato un corso di laurea in cinese e linguistica.

 

Impedito dall’embargo sugli spostamenti calato dal governo di Londra, la famiglia non ha potuto effettuare il viaggio di 24 ore verso Galles. Genitori e fratelli hanno potuto vedere solo tramite un video live dal Colwyn Bay Crematorium.

 

«Ora, l’imperativo più urgente della famiglia è scoprire come Connor ha incontrato la sua morte» scrive il Mail.

 

«Ora, l’imperativo più urgente della famiglia è scoprire come Connor ha incontrato la sua morte»

Poco dopo le 22 di domenica 25 ottobre, i coinquilini di Connor lo hanno trovato svenuto sul pavimento della sua camera da letto. Il motivo della sua morte prematura finora rimane sconosciuto.

 

Era passato quasi un anno da quando si era gravemente ammalato di virus mentre insegnava inglese a Wuhan, e sembrava che stesse combattendo in forma. Sebbene fosse costretto a studiare online piuttosto che a frequentare le lezioni, il padre afferma che Connor era in uno stato d’animo «ottimista» e si stava godendo il suo corso, iniziato a settembre.

 

Il padre pare rifiutare l’idea che Connor possa essersi tolto la vita.

 

Nel suo diario, ha descritto le tre fasi distinte della sua malattia

Connor aveva trascorso tre anni in Estremo Oriente, passando per la Malesia e altre città cinesi prima di stabilirsi a Wuhan, dove era rimasto colpito dall’atmosfera colorata della strada e dal calore della gente del posto.

 

«Forse – scrive il quotidiano – gli piaceva fare shopping nel vivace mercato del pesce della città, con i suoi pipistrelli in gabbia e altri animali selvatici».

 

Il 25 novembre 2019, tutto è cambiato. Nel suo diario, ha descritto le tre fasi distinte della sua malattia. Ha avuto inizio con sintomi simili al raffreddore che sono scomparsi dopo cinque giorni con l’aiuto di alcune bevande calde a base di miele e whisky; in seguito ha avvertito dolori alle ossa e febbre;  il giorno 12, i suoi polmoni così gravemente malmessi da fargli temere che potesse soffocare.

 

Nel frattempo, Dusk, il suo gattino domestico, si è improvvisamente ammalato ed è morto. All’ospedale locale i medici hanno diagnosticato una polmonite e prescritto antibiotici, ma Connor temeva che potessero indebolire il suo sistema immunitario, e così non li ha presi.

Durante la sua malattia, la vita a Wuhan era andata avanti normalmente. Nessuno sa se le autorità cinesi fossero già al corrente dell’esistenza del COVID-19

 

Dopo 24 giorni il ragazzo gallese si sentiva di nuovo bene. Durante la sua malattia, la vita a Wuhan era andata avanti normalmente. Nessuno sa se le autorità cinesi fossero già al corrente dell’esistenza del COVID-19.

 

Connor è andato in ospedale dopo aver sviluppato un’infezione al torace, ma ha continuato a riprendersi dalla malattia In modo preoccupante, tuttavia, i funzionari del Partito Comunista ordinarono a tutti di rimanere a casa solo 37 giorni dopo che Connor si ammalò per la prima volta, un fatto che annotò nel suo diario.

 

Passarono altri 15 giorni prima che fosse formalmente informato che era stato infettato dal «Virus di Wuhan». Quando ha dato la spaventosa notizia agli amici su Facebook, si è rapidamente diffusa.

 

All’inizio di marzo, tre settimane prima che Boris Johnson annunciasse il primo lockdown, Connor stava avvertendo milioni di britannici – tramite questo giornale e interviste televisive – della sofferenza che attendeva chiunque fosse stato infettato.

 

Diffidente nel criticare il suo paese ospitante, tuttavia, Connor ha sempre descritto la gestione della pandemia da parte della Cina in termini positivi.

La sua morte rimane un mistero, al punto che stanno scomodando una nuova teoria per casi simili, chiamata «COVID lungo».

 

La sua morte rimane un mistero, al punto che stanno scomodando una nuova teoria per casi simili, chiamata «COVID lungo».

 

Tim Spector, professore di epidemiologia genetica al King’s College di Londra, ha dichiarato al Mail che le vittime del «COVID lungo» potrebbero presumibilmente morire di trombosi, o coaguli di sangue, mesi dopo un’apparente guarigione.
Immagini di Edward Charles Kendall via Wikimedia riprodotta su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)